mondorealenumero64

 

Embed or link this publication

Description

Mondorealenumero64

Popular Pages


p. 1

anno iii numero 23 2 agosto 2010 n.64 politica il pd provinciale sceglie claudio lecce fino al congresso a sezze fioriscono movimenti fuori dai partiti tradizionali a roccagorga la amici trema segreteria contro il sindaco attualitÀ sezze bar dello scalo di nuovo vittima dei ladri bassiano cede la pavimentazione in piazza matteotti editoriale di luca morazzano vacanze con questo numero da 20 pagine la redazione di mondo re@le si congeda dai lettori fino a settembre a dire il vero si tratta di una pausa parziale che riguarda il formato cartaceo del giornale visto che sul nostro sito www.onirikaedizioni.it continueremo ad inserire aggiornamenti periodici con le news provenienti dal territorio ma un periodo di sosta ci occorreva per tirare il fiato e per operare una riflessione su un avventura che da quasi tre anni ci vede presenti tra i lettori e ancora di più negli ultimi quattro mesi con la cadenza settimanale eccovi quindi tra le mani venti pagine dense di notizie e approfondimenti partendo come sempre dagli argomenti più scottanti ma anche con un bel po di spazio dedicato agli eventi con l arrivo del mese di agosto gli appuntamenti estivi nei vari paesi entrano nel vivo e una panoramica era d obbligo come accennato nelle prime righe il giornale tornerà tra le vostre mani a settembre il 24 per la precisione e per quella data già da ora abbiamo delle speranze una affidata a voi che non avrete perso l abitudine di leggerci ma restandovi vicini con la versione online confidiamo di mantenere aperto un rapporto reciproco che ci ripaga di tanti sforzi e sacrifici il nostro indirizzo di posta elettronica mondorealemagazine@gmail.com rimane a vostra completa disposizione per inviarci segnalazioni news i profili su myspace e facebook invece per commenti e impressioni l altra speranza riguarda i nodi che lasciamo aperti da quelli sulla crisi industriale a quelli della sanità che magari trovino soluzione chissà intanto buona estate a tutti attualitÀ maenza scempio ambientale in località la vaccara incendi in fiamme i lepini e la zona industriale di mazzocchio cultura a bassiano utina day il 7 agosto cantagirando tappa a cisterna prima di un mese intenso una tesi di laurea per celebrare il lavoro della ludoteca orso rosso norma musica festival in scena il grande jazz il cartellone degli eventi estivi a sabaudia e terracina eventi di crisi la nexans chiude definitivamente i battenti corden pharma presenta il piano aziendale ma il territorio paga un prezzo altissimo mondore@le torna venerdì 24 settembre seguiteci su www.onirikaedizioni.it auguriamo ai lettori una buona estate

[close]

p. 2

inchiesta di domiziana tosatti mondore@le numero 64 2 agosto 2010 palesata la necessità di procedere a un taglio dei costi individuazione di esuberi e tagli di servizi esterni oltre alla creazione di un organizzazione più snella raggiungere entro il 2013 alti standard di qualità e riportare gli impianti ad un regime produttivo che sia soddisfacente sia per gli azionisti che per i lavoratori lo scorso mercoledì mattina corden pharma latina spa ha illustrato i titoli e la missione del proprio piano industriale per il sito chimico-farmaceutico di monticchio rilevato lo scorso aprile dalla multinazionale bristol myers squibb per i numeri e gli strumenti di gestione del piano l azienda si è aggiornata con le organizzazioni sindacali al prossimo 1 settembre l incontro è servito alla corden per proporre alle parti interessati uno spaccato della realtà attuale del sito e della sua gestione una gestione che ad oggi porta la società a perdere 2 milioni di euro ogni mese e che per il 2011 è prevedibile porti ad una perdita di 20milioni annui e intenzione di corden sfruttare gli ottimi impianti bristol aprendosi al mercato dei generici e rendendo il sito completamente autonomo dai servizi alla produzione la nuova società che è una terzista ha già comunque palesato la necessità di procedere ad un taglio dei costi che passerà per l individuazione di esuberi e di tagli di servizi esterni ed alla creazione di un organizzazione più snella dell attuale nella missione dichiarata c è anche la volontà di potenziare il settore della dello studio e della ricerca che consentirebbe a corden la creazione di nuove molecole per le grandi farmaceutiche di numeri non si è parlato ma le previsioni degli ultimi mesi non sembrano essere molto distanti da quella che sarà la realtà nel dettaglio del piano si entrerà tuttavia ad inizio settembre quando le parti si incontreranno di nuovo e l azienda illustrerà i numeri veri e gli strumenti di gestione di un piano industriale che al momento resta solo sulla carta un piano che non è riuscito a rassicurare i dipendenti che continuano ad essere preoccupati e che si aspettavano dalla riunione la presentazione dei numeri relativi a mobilità e cassa integrazione che invece corden ha deciso di dare solo al rientro dalla ferie estive il piano industriale di corden la posizione dei sindacati apprezzamento è stato espresso dai tre segretari provinciali dario d arcangelis roberto cecere e luigi cavallo per il rispetto dei tempi stabiliti per presentare il piano di domiziana tosatti e una posizione unitaria quella espressa dalle tre sigle sindacali confederali di filctem cgil femca cisl e uilcem uil in merito alla prima riunione per la presentazione del piano industriale di corden pharma apprezzamento è stato espresso dai tre segretari provinciali dario d arcangelis roberto cecere e luigi cavallo per il rispetto degli accordi da parte dell azienda che si era impegnata all atto del rogito lo scorso 30 maggio a presentare il piano entro sessanta giorni tuttavia degli strumenti non si è parlato ed i tre sindacalisti ne sono consapevoli ci saranno tagli e sacrifici hanno osservato ma nulla di questo è nuovo per i dipendenti che vivono l azienda tutti i giorni abbiamo detto da subito che dietro la cessione aziendale c era in realtà una crisi di bristol e adesso se ne sta avendo il conto sappiamo già da ora che sarà una battaglia sindacale non facile e che richiederà notevoli sacrifici dichiarazioni che non molto hanno di diverso da quelle rilasciate purtroppo di frequente per le numerose crisi industriali che si stanno abbattendo sulla schiena di una provincia ormai abbandonata da tutte le grandi multinazionali proprio al fine di esaminare la pesantissima crisi in atto nei giorni scorsi c è stata una riunione tra le tre sigle generali provinciali dove si è deciso di intraprendere iniziative già a partire da settembre che rilancino l attività unitaria sul territorio attraverso azioni di contrasto alla crisi e che rinsaldino i rapporti tra le confederazioni sindacali 2

[close]

p. 3

inchiesta nexans chiusura definitiva di simone di giulio mondore@le numero 64 2 agosto 2010 in regione trovato l accordo tra le parti sociali e i rappresentanti della società per i 117 dipendenti nexans chiude ma civilmente almeno a sentire i commenti dei protagonisti della vicenda che porta allo smantellamento della ex fulgorcavi in regione si è trovato l accordo tra le parti sociali e i rappresentanti della società per i 117 dipendenti dello stabilimento di borgo piave si tratta di un intesa che segna una svolta nelle relazioni industriali perché per la prima volta viene garantita ai lavoratori l integrazione del 100 al reddito per tutti gli otto mesi concordati di cassa integrazione in deroga questo il commento dell assessore regionale al lavoro e formazione mariella zezza intervenuta nella trattativa i lavoratori dunque hanno deciso di interrompere le iniziative di protesta in corso e consentire la circolazione e il trasferimento delle merci presenti nei magazzini oltre all integrazione del reddito l azienda ha accettato di mettere in campo iniziative di carattere sociale come la concessione di un bonus bebè per 3 anni ai bambini nati e concepiti nel 2010 e un buono scuola per gli studenti più meritevoli nell anno scolastico 2009/2010 figli di dipendenti nexans questa intesa pone inoltre le migliori basi per il confronto che entro la prima metà di settembre si aprirà al ministero dello sviluppo economico per la valutazione della qualità dei progetti per il futuro produttivo del sito abbiamo condiviso con tutti i soggetti coinvolti ha concluso l assessore un nuovo modo di affrontare le vertenze quello tra l azienda e i suoi dipendenti è a tutti gli effetti un matrimonio che nel caso della nexans è stato anche per tanti anni felice quando un rapporto finisce la parte più forte deve farsi carico dell altra consentendole un futuro di pari dignità e serenità da parte nostra come sottoscritto nell accordo monitoreremo e saremo garanzia per gli impegni presi per il momento restano cinque le società interessate ad investire nell area di 40 ettari alle porte del capoluogo che sarà trasformata in una sorta di condominio industriale si tratta della mixer che produce mescole per la produzione dei cavi imq collaudo cavi cosmari di cisterna consorzio di smaltimento rifiuti vetreco società ecologica operante nella trasformazione del rottame di vetro al servizio del centro e del sud italia per iniziativa di ardagh glass srl saint-gobain vetri spa e zignago vetro spa più un altra azienda il cui progetto attualmente è in fase di verifica alla vigilia del cinquantennale cala il sipario sulla ex fulgorcavi attiva dal lontano 1961 nexans subentrò alla fulgorcavi e alla multinazionale francese alcatel 1200 circa gli operai attivi in fulgorcavi nata grazie alla cassa per il mezzogiorno e passata sotto cinque diverse gestioni fulgorcavi gepi nuova fulgorcavi alcatel e nexans negli anni d oro lo stabilimento raggiunse 20 reparti su 50.000 metri quadrati coperti e circa 1200 dipendenti dagli anni 90 l inizio della crisi ora la chiusura l intervento di silvio d arco l assessore provinciale dobbiamo prendere atto della situazione abbandonare le nostalgie rimboccarci le maniche e guardare avanti in maniera razionale e decisa comprendo il rammarico dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali per la cessazione della produzione della nexans che ha sempre rappresentato un luogo sociale ideale di lavoro per il nostro territorio provinciale ora però dobbiamo prendere atto della situazione abbandonare le nostalgie rimboccarci le maniche e guardare avanti in maniera razionale e decisa questo il pensiero di silvio d arco assessore provinciale alle crisi industriali che analizza la situazione della nexans e promette come provincia staremo al fianco dei lavoratori per costruire una nuova fase di sviluppo e di reindustrializzazione del sito perché credo si possa ripartire da una situazione di maggiore serenità per assicurare il pieno rispetto degli accordi stipulati e per valutare con attenzione e senza pregiudizi le nuove proposte imprenditoriali avanzate l intesa e la forte sinergia realizzata tra i sindacati e le istituzioni provinciali e regionali rappresenta un patrimonio valoriale e di esperienza fondamentale da cui ripartire per impostare il nuovo percorso che inizierà dopo le ferie estive d arco ha infine sottolineato che l esperienza maturata nella vicenda potrà consentire di affrontare e vincere nuove sfide non solo per la reindustrializzazione del sito ex nexans ma anche per rilanciare su basi nuove e più durature lo sviluppo economico e l occupazione qualificata in provincia di latina 3

[close]

p. 4

latina onirika edizioni presenta mondore@le numero 64 2 agosto 2010 kiwi allarme batterio il ministro dell agricoltura giancarlo galan ha reso noto che l agente nocivo che può portare alla distruzione delle piante si è diffuso anche in emilia romagna piemonte e veneto di luisa belardinelli direttore responsabile simone di giulio luca morazzano vicedirettore caporedattore redattori alessandro mattei domiziana tosatti luisa belardinelli paola bernasconi marco fanella maria cristina tora roberto tartaglia referente social network alessandra carconi sketch[idea contatti progetto grafico e sito web stampato presso arti graficheciverchia via del pantanaccio latina www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 È codice rosso per la batteriosi che sta colpendo il kiwi di cui l italia è il primo produttore mondiale rispondendo ad una interrogazione del partito democratico circa il sostegno ai produttori nella provincia di latina il ministro dell agricoltura giancarlo galan ha reso noto che l agente nocivo che può portare alla distruzione delle piante si è diffuso anche in emilia romagna piemonte e veneto regioni che sono i maggiori produttori insieme al lazio nell interrogazione di nicodemo oliverio è stato ricordato che questa forma di batteriosi pseudomonas syiringae actinidia avrebbe già aggredito seicento ettari di terreno coltivato a kiwi giallo nella provincia di latina cioè l 80 circa che sono stati nel giro di due anni completamente distrutti a finire danneggiate dal batterio anche le coltivazioni di kiwi verde perno dell economia pontina già 400 ettari infatti sembrano essere stati contaminati da qui è partita la richiesta di sostegno alle centinaia di aziende agricole che già sono state colpite dalla batteriosi e hanno dovuto tagliare le proprie piante per almeno due anni non potranno raccogliere frutti sostenendo solo le spese per il riallevamento sulla prevenzione in mancanza di una normativa europea il ministro ha annunciato che è stato avviato un progetto di ricerca biennale con il supporto del servizio fitosanitario centrale e dei servizi fitosanitari regionali i risultati delle indagini ha spiegato galan consentiranno l elaborazione di linee guida di monitoraggio e prevenzione della batteriosi che allo stato attuale sono anche allo studio a livello regionale grazie al finanziamento stanziato dalla regione lazio e dalla regione emilia romagna ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 30 luglio 2010 pubblicità primo piano 4 6

[close]

p. 5

il pd riparte da claudio lecce l attuale presidente dell ater è stato nominato nuovo coordinatore provinciale al posto del dimissionario loreto bevilacqua di simone di giulio latina mondore@le numero 64 2 agosto 2010 il partito democratico ha scelto sarà claudio lecce a guidare il centrosinistra pontino verso il periodo congressuale l attuale presidente dell ater è stato eletto come nuovo coordinatore provinciale al posto del dimissionario loreto bevilacqua lecce guiderà il partito almeno fino ad ottobre quando si terrà il congresso provinciale le diverse correnti alla fine hanno trovato la convergenza sul cattolico moderato membro della componente di area democratica un incarico quello di lecce che durerà solo lo spazio di un estate ma l intesa raggiunta potrebbe dare strada spianata alla candidatura di claudio moscardelli verso la carica di sindaco di latina dopo il momento di imbarazzo insomma culminato con l autoconvocazione degli eletti e con le conseguenti dimissioni di loreto bevilacqua il partito democratico sembra aver trovato la quadratura del cerchio adesso partirà presumibilmente il piano del consigliere regionale ex la margherita quello cioè di allargare la coalizione di centrosinistra in vista delle prossime elezioni comunali di questa nuova realtà potrebbe far parte anche il movimento formato dagli imprenditori gianrio falivene francesco damiani pasquale gagliardi e leonardo viviani che si sono presentati nei giorni scorsi il comitato che formerà una lista civica punta a strappare i consensi del ceto medio imprenditori innanzitutto delusi dalla gestione della città nelle mani del centrodestra una sorta di antizzaccheismo che potrebbe dare vigore alle velleità del partito democratico di ottenere ampi consensi da questa nuova realtà politica che si è affacciata nel capoluogo il quadro sembra definirsi con giorgio de marchis destinato a mantenere la guida del partito sulla città e domenico di resta che potrebbe ritornare alla pisana in sostituzione di moscardelli candidato a sindaco nella prossima primavera nel caso non si riuscisse a trovare l accordo si potrebbe ricorrere alle primarie che in questo caso vedrebbero favorito proprio de marchis incendi bilancio nero per il territorio pontino lo studio condotto dal corpo forestale dello stato sul triennio 2007-2009 di luisa belardinelli roma frosinone e latina si aggiudicano il titolo di province più calde del lazio per quanto riguarda gli incendi boschivi lo studio condotto dal corpo forestale dello stato sul triennio 2007-2009 ha evidenziato come le tre province si collochino nella classifica delle ventisei con maggior numero di incendi boschivi in italia roma è al diciottesimo posto con 97 incendi frosinone al tredicesimo con 118 mentre l area pontina si posiziona al settimo posto con 187 incendi il fenomeno va riducendosi nel corso degli anni ha spiegato il responsabile del nucleo investigativo antincendio boschivo angelo marciano anche se rimane un fenomeno ciclico che esplode circa ogni lustro in provincia di latina la causa maggiore che provoca gli incendi è legata alla pastorizia i pastori infatti per rinnovare il pascolo appiccano degli incendi che poi si estendono ai boschi dal 2000 il corpo forestale dello stato ha arrestato 18 persone nove nella provincia di latina cinque in quella di roma tre in quella di viterbo e una a frosinone nel lazio gli ettari di superficie boscata andati in fumo lo scorso anno sono 1.802 il 71,2 sul totale di 2.528 726 gli ettari incendiati di superficie non boscata latina con 1.389 ettari bruciati in 136 incendi conquista il triste podio con un dato in aumento rispetto al 2008 quando erano 1.228 gli ettari bruciati continuano a ridursi i numeri degli incendi nel lazio ma rimangono ancora oltre duemilacinquecento gli ettari bruciati bisogna far avanzare il buon lavoro avviato dalla protezione civile della regione lazio con i comuni perché gli incendi boschivi restano uno dei pericoli maggiori rispetto alla salvaguardia del patrimonio ambientale laziale dichiarazioni di cristiana avenali direttrice di legambiente lazio che aggiunge queste settimane sono quelle decisive per vincere la partita contro i roghi visto che le ondate di calore estive rendono pi alti i rischi per questo chiediamo ai cittadini di farsi sentinelle contro gli incendi avvertendo immediatamente in caso di avvistamenti il 1515 il numero gratuito del corpo forestale dello stato contro i piromani il coinvolgimento dei cittadini diventa decisivo e va incentivata la cultura di rispetto del bosco con più prevenzione presidio del territorio e informazione 5

[close]

p. 6

l altra faccia della politica forse anche se mancano meno di due anni alle elezioni amministrative in città già si respira un clima effervescente per la nascita di nuovi movimenti di alessandro mattei sezze mondore@le numero 64 2 agosto 2010 non è prematuro parlare di fase pre-elettorale anche se mancano meno di due anni alle elezioni amministrative a sezze già si respira un clima effervescente per la nascita di nuovi movimenti alleanze e coalizioni in vista del rinnovo del consiglio comunale del 2012 e non si sa se portino realmente novità nella maggior parte dei casi si tratta di partiti o vecchie liste civiche deluse dall attuale maggioranza di governo e pertanto tutti si candidano come soggetti alternativi sia all attuale centrosinistra che al centrodestra il fronte da sinistra si sta organizzando con sinistra e libertà e con l italia dei valori proprio nei giorni scorsi infatti vi è stato un primo importante confronto per fondare le basi di una futura coalizione di governo alternativa ecco la motivazione data in questi anni a sezze all interno del centrosinistra è mancato un vero e proprio progetto politico capace di portare innovazione e sviluppo per rilanciare il nostro territorio e rispondere ai bisogni dei cittadini patrizio lisi e patrizio salvati hanno fatto il punto su quello che chiamano un processo di rinnovamento che sappia confrontarsi con i cittadini attraverso la partecipazione da considerare il fatto che sia il prc che l idv sono stati tagliati fuori dell attuale giunta comunale in barba al patto di coalizione che era stato sottoscritto da tutti i partiti aderenti al progetto che nel 2007 aveva vinto le elezioni amministrative passando al centro qui si scaldano i motori per far partire il nuovo partito della nazione i fondatori giurano che non sarà il restyling dell udc dicono che sarà qualcosa di profondamente diverso nel pieno rispetto delle direttive nazionali anche a sezze sono state azzerate infatti tutte le cariche politiche i rappresentanti del nuovo soggetto politico hanno costituito un comitato reggente in attesa del congresso che si terrà alla fine dell anno hanno aderito al nuovo gruppo che andrà a fondare il partito della nazione diversi rappresentanti comunali ed ex funzionari di partito ecco i nomi il consigliere comunale e provinciale enzo polidoro il consigliere comunale lino de angelis il consigliere comunale claudio casalini l assessore e vicesindaco umberto marchionne l assessore ai lavori pubblici pietro bernabei pasquale casalini ex segretario udc angelo rosella ex segretario italia di mezzo enrico porcelli consigliere della spl spa arrivando al centrodestra l attuale popolo della libertà non convince alcuni ex funzionari di partito che hanno gettato anche qui le basi per un nuovo polo che partendo dal centrodestra arrivi al centrosinistra se i contenitori sono nuovi la stessa cosa non possiamo e non dobbiamo dire per i contenuti non ci sono novità per il momento dal punto di vista anagrafico non ci sono novità nei metodi che si stanno utilizzando non ci sono novità nelle intenzioni e nelle promesse elettorali che si stanno elaborando vedremo 6

[close]

p. 7

sezze di alessandro mattei mondore@le numero 64 2 agosto 2010 il bar dello scalo ancora nel mirino dei ladri l irruzione è avvenuta nella notte tra sabato e domenica scorsa intorno alle 4 del mattino oltre 110 mila euro di merce trafugata e un bar ripulito e con moltissimi danni e questo il pesantissimo bilancio dell ultimo furto avvenuto a sezze scalo ai danni del noto snack bar della stazione l irruzione è avvenuta nella notte tra sabato e domenica 25 luglio scorsa intorno alle ore 4 del mattino la banda costituita da più persone con il volto travisato sembra aver agito indisturbata dopo essere riuscita a mettere fuori uso il sistema di allarme della ricevitoria della stazione il titolare dell attività il signor amerigo alonzi questa volta vorrebbe veramente gettare la spugna per quanto accaduto nell ultimo anno infatti la ricevitoria è stata presa di mira diverse volte e per ben quattro volte i furti sono andati a segno il metodo e la tecnica utilizzata è sempre la stessa si eludono gli allarmi e si scassano le vetrine e le serrande per entrare il bottino stavolta conta di oltre un quintale e mezzo di sigarette di molte scatole di profumi di pellame vario di soldi liquidi sottratti della macchinette d gioco e da molte mazzette di gratta e vinci tutta la scena del furto è stata ripresa dal circuito chiuso delle telecamere installate nel bar il signor alonzi già colpito per la morte della mamma pochi giorni fa ha dovuto fare i conti ancora una volta con la delinquenza alla stato puro nonostante le numerose segnalazioni i tanti casi di furti in appartamento e nei locali della stazione il banditismo è riuscito di nuovo a farla franca questa volta così il titolare del bar il colpo per la mia attività è stato troppo pesante la situazione è drammatica a parte la denuncia presso la caserma dei carabinieri di sezze nessun si è fatto vivo nessun interessamento non ci sono controlli è una città veramente allo sbando i ladri dopo il furto sono riusciti a trasportare nei pressi dei binari della ferrovia un contenitore di gettoni con tutta tranquillità e indisturbati hanno poi scassato il raccoglitore e hanno preso le monete delle macchinette da giuoco portati via anche le tantissime sigarette circa un quintale e mezzo così come profumi pellame bibite e altra merce evidentemente quando scende la notte a sezze scalo e dintorni cala il coprifuoco senza che l amministrazione comunale e le forze dell ordine prendano sul serio il dilagante fenomeno della criminalità ma a rimetterci intanto sono sempre e solo i cittadini e i commercianti ai quali poi si chiede anche di contribuire al rilancio dell economia del paese casadei chiudere la compagnia dei lepini l esponente di nuovo polo attacca la struttura costa 500mila euro l anno tenerla in piedi in questo momento di crisi che ha creato ansia e tensione tra i cittadini tempi in cui le necessità aumentano ed inversamente le risorse diminuiscono il pensiero corre verso i carrozzoni inutili che la politica senza un nostro mandato arbitrariamente ha deciso di creare alcuni di questi da moltissimi anni presenti altri nati da poco tempo ma sempre e comunque nell intento di accontentare la periferia dei servi del potere con enorme sperpero di denaro pubblico e durissima la critica di paolo casadei esponente del nuovo polo che pone l accento sul ruolo della compagnia dei lepini si era detto si legge in una nota che tale ente potesse migliorare e qualificare il turismo nei territori a noi vicini quasi una presenza più radicata e quindi migliorativa del settore turistico facendo esplodere a vantaggio delle popolazioni interessate e particolarmente del settore imprenditoriale una nuova produzione di ricchezza attiva nel constatare che c e comunque una carenza importante di strutture ricettive per la mancanza di progetti all uopo finalizzati a distanza di quasi dieci anni tale compagnia dei lepini anonima nel suo significato ed ancora di più dal sapore di casta per una interpretazione più nuova non si e riusciti a capire a cosa effettivamente possa servire l impressione conclude casadei è che sia un pessimo e costosissimo duplicato del glorioso ente provinciale per il turismo che molto più egregiamente e con minori spese pubblicizzava le stupende bellezze dei nostri territori viene da chiedere dell utilità dell ente pare che tenere in piedi la struttura costi non meno di 500.000 euro l anno come è pur vero che la comunicazione del bilancio dell ente ai cittadini non arriva facilmente forse non ci sono gli obblighi di legge sono soldi pubblici ed è giusto sapere chi usa le ricchezze di tutti per creare magari posti di lavoro ad uso e consumo del già citato potere politico 7

[close]

p. 8

in piazza matteotti pavimentazione ko transennata una parte sotto le mura cacciotti già all epoca dei lavori sollevai problematiche di domiziana tosatti bassiano mondore@le numero 64 2 agosto 2010 e di qualche giorno fa il transennamento di una parte di piazza matteotti al fine di ripristinare alcuni metri quadrati di mattoni portati via con effetto domino dal passaggio dei mezzi pesanti uno scenario ipotizzato già al tempo di realizzazione di rifacimento della centrale piazza poco più di due ani fa dall allora capogruppo di uniti per bassiano ed oggi capogruppo consiliare del pdl ruggero cacciotti che aveva avanzato dubbi che nulla avevano di politico e di polemico ma che nascevano dall esperienza professionale di oltre trent anni nell ambito dei lavori edilizi le problematiche che sollevai già all epoca ha ricordato cacciotti oltre a quelle di natura strettamente estetica riguardavano proprio la modalità di esecuzione della nuova pavimentazione che fu realizzata con la messa in posa di cubetti di pietra lavica fatta arrivare dal vietnam al di là dell impatto estetico e dell evidente falso storico l attenzione principale fu portata sul fatto che si stavano ponendo in essere cubetti non idonei a supportare il traffico veicolare cui la piazza sarebbe stata sottosposta di queste perplessità feci partecipi si al amministrazione che l ufficio tecnico comunale senza avere alcun tipo di riscontro purtroppoha osservato cacciotti quello che anticipai due anni fa oggi si sta puntualmente verificando si tratta solo dell inizio e tra qualche anno avremo una piazza a macchia di leopardo a causa dei continui lavori di ripristino della pavimentazione tutto questo perché in nessuna occasioni si è aperti al confronto magari con persone che garantiscono esperienza professionale trentennale affidandosi a direttori di lavori che non si vedono mai sui cantieri e sperperando pubbliche risorse economiche nuovo prg le osservazioni di guidi di domiziana tosatti entro pochi giorni l amministrazione comunale guidata da costantino cacciotti depositerà la proposta progettuale del nuovo piano regolatore generale che mira a garantire al territorio una nuova prospettiva evolutiva a distanza di trent anni dal precedente in considerazione soprattutto delle vocazioni economiche e produttive del paese domenico guidi consigliere di maggioranza con delega al centro storico ha elaborato delle osservazioni che mirano tra l altro ad affermare l esigenza che il nuovo prg sia una sorta di vero e proprio patto sociale e non solo uno strumento urbanistico calato sulla testa dei cittadini che abbia la capacità di essere uno strumento che tenga in considerazione le vocazioni del territorio e che sappia guardare questo nella prospettiva dei prossimi decenni l obiettivo 8 di un piano regolatore comunale ha osservato è quello di valorizzare da un lato gli elementi positivi del territorio e dall altro di agire sugli elementi negativi riqualificandoli cioè indirizzandone la trasformazione verso situazioni di maggior valore immaginando un ambiente migliore e più ricco di opportunità a partire però da una valutazione concreta delle risorse disponibili d altronde la nuova legge urbanistica offre ampie possibilità di immaginare operazioni innovative nel campo del recupero come d altro canto ha detto guidi non si può fare a meno di riconsiderare interventi sulla viabilità e sulle stradine comunali e private e di pensare ad una razionalizzazione di questa rete che permetta un maggior controllo nelle situazioni di emergenza in passato secondo guidi con il compito della pianificazione lasciata all amministrazione comunale ha sempre fatto sì che il rapporto tra questa ed il privato laddove si doveva procedere ad espropri per opere di pubblico interesse è stato sempre vicendevolmente ricattatorio ora però l esperienza della nuova pianificazione ci deve far ritrovare il significato di una cultura che sembrava perduta quella delle solidarietà del villaggio della capacità di far fronte comune davanti alle scelte del futuro dei nostri giovani che debbono pianificare con una visione lontana detto questo l aspetto di maggior significato che dev essere alla base del prg è la capacità di intuire cosa questo è in grado di produrre e di che lavoro vivranno i propri residenti aspetto questo ha osservato ancora il consigliere che non può prescindere da un attenta valutazione delle risorse umane ed imprenditoriali e da un processo di coinvolgimento e partecipazione della popolazione un piano ha detto in conclusione non è solo uno strumento tecnico ma un vero e proprio patto sociale

[close]

p. 9

chiesti nuovi finanziamenti regionali tre milioni di euro il comune parteciperà per il 20 per interventi sulle strade rurali di domiziana tosatti sermoneta mondore@le numero 64 2 agosto 2010 numerosi sono i progetti e le priorità per i quali l amministrazione ha richiesto finanziamento alla regione lazio pur nella consapevolezza che non tutti potranno essere accolti tra i progetti di maggior rilievo spicca quello della scuola media comunale per la quale è stato inviato alla regione il progetto preliminare contenente il quadro economico e la relazione dei lavori da effettuare per un totale di oltre 3milioni di euro altro progetto con annessa richiesta di finanziamento è stato presentato per la manutenzione e messa in sicurezza delle strade rurali comunali cui il comune parteciperà con una quota del 20 dell importo totale ulteriori progetti riguardano il risparmio energetico degli impianti di pubblica illuminazione e l abbattimento delle barriere architettoniche nella scuola del centro storico ampio risalto anche al recupero di siti ed edifici storici specifici finanziamenti sono stati avanzati all assessorato ai lavori pubblici della regione lazio per il recupero ed il risanamento igienico sanitario dell ex convento e chiesa di san nicola per il restauro della chiesa santa maria delle grazie e per la manutenzione straordinaria della chiesa e dei locali annessi presso l ex convento di san francesco una delle eccellenze artistiche di questo territorio progetti con cui l amministrazione comunale guidata da giuseppina giovannoli conferma ha osservato il delegato ai lavori pubblici gilberto montechiarello l attenzione riserva al reperimento di fondi per strade illuminazione edilizia scolastica e conservazione dei beni storici ed architettonici del territorio oltre alla creazione di infrastrutture funzionali alla vivibilità di sermoneta una serie di richieste di contributo che si spera vengano accettate per dare un apporto sostanzioso e fondamentale in termini di qualità della vita e sicurezza generale del cittadino sappiamo che in un momento di congiuntura economica particolarmente difficile qual è quella nazionale e locale non tutti questi progetti potranno essere ammessi a finanziamento ha ammesso il delegato ma in questo modo l amministrazione ha individuato una serie di priorità da affrontare anche i prossimi anni accordo con l areoclub per servizi di pubblica utilitÀ una collaborazione per i servizi di pubblica utilità è alla base dell accordo sottoscritto nei giorni scorsi dall associazione nazionale carabinieri in congedo di sermoneta presieduta da maurizio negrini dall areoclub di latina presieduta da bruno bulgarelli e dal direttore della scuola di volo santilli questo accordo ha spiegato negrini si coniuga con quello che lo statuto organico della nostra associazione ci invita a seguire e rispettare riguardo la promozione di attività di volontariato per il conseguimento di finalità assistenziali sociali e culturali con altre associazioni questa iniziativa potrà portare una equa ottimizzazione e sinergia solidale non solo fra associazioni ma anche fra paesi limitrofi di fatto l anc si è resa disponibile nella gestione logistica all interno degli eventi che aeroclub vorrà organizzare all interno dell aeroporto non volendosi tuttavia in alcun modo sostituire ai carabinieri ed alla polizia in carica inoltre è in verifica di approvazione la nascita di un nucleo di soci della sezione anc che collaborerà attivamente con il comune di sermoneta a supporto e a disposizione di attività o eventi di cui lo stesso comune durante l anno sarà promotore d.t cori un percorso per l eccellenza vinicola pontina l eccellenza vinicola pontina avrà un percorso sarà il più lungo e articolato d italia con una serie di tratti tematici che contribuiranno alla rivalutazione del settore enogastronomico dell intera provincia il primo passo è stato già fatto il comitato promotore è stato trasformato in comitato di gestione costituitosi in associazione noprofit dotata di statuto e regolamento la presidenza della strada del vino della provincia di latina è stata affidata a nazzareno milita della cooperativa cincinnato la vicepresidenza ad antonio santarelli dell azienda agricola casale del giglio all associazione hanno aderito riccardo marini segretario e tesoriere e paola sangiorgi curatrice degli eventi e delle pubbliche relazioni oltre a essere stata la promotrice della strada l associazione seguendo precise direttive vuole organizzare innanzitutto la segnaletica dei vari percorsi che si intrecciano nella provincia coinvolgere altri produttori anche di prodotti diversi dal vino individuare percorsi turistici da sottoporre ai tour operator e partecipare al buy lazio a breve a sabaudia beneficeranno del provvedimento le cantine i produttori e il mercato turistico la strada è partita da cori patria vinicola per eccellenza attualmente si sta realizzando il secondo tratto che interessa l area circeo-terracina doc successivamente si realizzerà il tratto aprilia-cisterna-latina doc undici su quindici i produttori che hanno aderito all associazione che al più presto conta di ottenere l adesione degli altri produttori che per motivi tecnici non si sono presentati all assemblea di costituzione al sodalizio hanno aderito l azienda agricola biologica di marco carpineti la cantina sociale di borgo santa maria sant andrea templari del circeo villa gianna l azienda agricola casale del giglio la cooperativa agricola cincinnato la cooperativa agricola colle san lorenzo l azienda agricola pietra pinta l azienda agricola ganci e milone l azienda agricola i pampini l azienda vitivinicola vendrame rosalba i fratelli izzi all associazione inoltre ha aderito il comune di cori in qualità di ente pubblico di riferimento È attesa anche l adesione della camera di commercio industria e artigianato di latina e della provincia 9

[close]

p. 10

un consiglio privo di punti pregnanti l opposizione critica l atteggiamento della maggioranza intenta solo a ratificare i pua di luca morazzano priverno mondore@le numero 64 2 agosto 2010 l ultimo consiglio comunale prima della sosta estiva non ha entusiasmato le opposizioni la minoranza consigliare infatti non è stata tenera con la maggioranza avversa riguardo l assemblea del 29 luglio in particolare sinistra ecologia e libertà in un comunicato ha sottolineato diversi aspetti di incongruenza nemmeno il caldo di questi giorni può giustificare la sciatteria nel metodo e nel merito di questa convocazione del consiglio comunale nel metodo perché contrariamente alla norma nessuno ha sentito il dovere di consultare i capigruppo consiliari nel merito perché con l odg proposto la semplice ratifica di tre schemi di convenzioni per pua il consiglio comunale si è di fatto ridotto a semplice notaio di decisioni già prese altrove federico d arcangeli in particolare rincara la dose affermando non ci aspettavamo certo che da parte del presidente del consiglio o del sindaco in sua vece ci fosse la sensibilità di proporre una prima discussione sulle conseguenze drammatiche che la manovra economica che il governo sta varando avrà sulle finanze dei comuni italiani e quindi sulla vita di tutti i cittadini ma ci spettavamo però che ci fosse una qualche attenzione a temi più immediatamente attuali come lo stato dell arte della nostra sanità la vicenda ps è solo un primo campanello d allarme o alle polemiche di queste settimane sul centro diurno di s martino o sui lavori infiniti nell area archeologica di mezzagosto solo per citarne qualcuno sulle vicende di s martino si sa ormai la palla è in altre mani si è deciso invece di mettere la sordina ad ogni questione e di tirare dritti su una strada che non porta da nessuna parte l estate sospende la protesta dei disabili il monito di d arcangeli non abbassare la guardia e diffidare di soluzioni fuori dalle norme di luca morazzano complice anche il caldo e l inevitabile pausa estiva le iniziative degli utenti del centro diurno delle loro famiglie e di quanti hanno appoggiato la loro mobilitazione si sono fermate forse nella speranza recondita che la pausa porti riflessione alle istituzioni e quindi anche delle soluzioni ad analizzare quanto accaduto durante le fasi della protesta è fedrico d arcangeli nel breve arco di tempo in cui hanno avuto luogo le due manifestazioni sotto al comune quella ai servizi sociali il picchetto di fossanova ecc hanno rappresentato pur con limiti e forse qualche errore un momento di grande partecipazione e di grande democrazia nonché di presa di coscienza di diritti fondamentali che non riguardano solo le persone diversamente abili ma l insieme della società vale a dire la dignità delle persone il loro diritto alla salute alla socialità alla formazione al lavoro un percorso difficile e pieno di contraddizioni ma che ha rappresentato indubbiamente un momento di arricchimento e di crescita per chi ha avuto la sensibilità di affrontarlo ora però abbiamo l impressione che tutto rischi di rifluire nel solito schema del favore in luogo del diritto del dono grazioso invece che il riconoscimento di un sacrosanto bisogno da soddisfare da queste considerazioni scaturisce il monito dell esponente di sel vogliamo essere molto chiari il progetto per un non meglio precisato bando della provincia che dovrebbe consentire il ripristino dei laboratori è stato inviato o la situazione non è ancora sufficientemente normalizzata e l offerta mecenatesca da parte di un consigliere regionale di costruire un capannone a ridosso del centro che pure affronta un problema più che reale vale a dire la mancanza di spazio vitale in quella struttura e possibile urbanisticamente o è solo una trovata propagandistica e se questo intervento in qualche modo si potesse fare perché non diventa una priorità dell amministrazione comunale insomma perché tutto non avviene in assoluta trasparenza dentro un dibattito alla luce del sole riconoscendo la legittimità di tutte le posizioni anche di quelle più critiche e invece si da spazio a manovre clientelari e si utilizzano metodi da sotto governo 10

[close]

p. 11

maenza di luca morazzano mondore@le numero 64 2 agosto 2010 allarme ecologico salvate la vaccara il gruppo ambientalista maentino pone cinque domande al sindaco mastracci mentre al castello si parla di turismo facendo leva sul progetto di un museo del paesaggio di cui si conosce ancora poco se non che è stato affidato all architetto francesco tetro per una spesa al comune di 20.000 euro circa in una delle località più suggestive del paese dal punto naturalistico uno squarcio bello e buono apre mille interrogativi nelle scorse settimane sono infatti iniziati i lavori per l allargamento della pista forestale che attraversa il bosco della vaccara all epoca dell impianto del bosco per l espletamento di tutte le attività inerenti la gestione dello stesso fu realizzata una pista forestale di due metri circa a gennaio 2010 alcuni privati per arrivare ai terreni di loro proprietà provarono ad effettuare un allargamento senza alcuna autorizzazione tanto che la forestale in data 20 gennaio intervenne per fermare i lavori adesso però lo scempio è ripreso e in maniera ben più marcata da quanto si apprende dal gruppo ambientalista maentino che denuncia ora il comune di maenza a seguito del taglio boschivo in atto in una zona più a monte della vaccara ha pensato che tale pista doveva essere ampliata per permettere ai mezzi di trasportare il legname a valle il risultato è che ora detta pista si è trasformata in una vera e propria strada di larghezza di cinque metri che permette agli autotreni di raggiungere direttamente il luogo del taglio boschivo nel bel mezzo della montagna con tutte le conseguenze di degrado ambientale possibili ed immaginabili che ne potranno derivare per il futuro del bosco della vaccara e di tutta la montagna la nota più dolente è che i lavori di realizzazione stranamente non hanno seguito il tracciato già esistente ma sono state realizzate alcune centinaia di metri di strada che non erano nel progetto e quindi abusivamente il che ha comportato il taglio di centinaia di alberi in un bosco già gravemente colpito negli anni scorsi da incendi che ne hanno distrutto una gran quantità ciò premesso quindi a completamento del comunicato il gruppo ambientalista pone 5 precise domande al sindaco mastracci e alla sua giunta 1 era veramente necessario l ampliamento della pista esistente visto che le dimensioni già permettevano il passaggio di trattori agricoli per sua informazione quando i nostri nonni nel dopoguerra tagliarono la stessa zona usarono una funivia per portare il legname a valle ed i mezzi tecnici di allora non erano certo quelli di oggi 2 durante i lavori di ampliamento i tecnici comunali si sono mai recati sul posto 3 quanti soldi entreranno nelle casse comunali dal taglio dei boschi e quanto costeranno i lavori della strada effettuata compresa la parte abusiva 4 con quale criterio la giunta comunale ha autorizzato la concessione per l insediamento di un allevamento in quel posto nonostante le leggi in materia vietino tale attività nelle zone percorse da incendi 5 È vero che sabato 17 luglio lei ed altri esponenti della sua maggioranza insieme ad alcuni funzionari della forestale siete stati invitati ad una cena svoltasi in località la vaccara per l inaugurazione della strada e per l occasione sono state arrostite sulla brace una pecora ed una capra la ringraziamo anticipatamente caro sindaco per la risposta a queste cinque domande che sicuramente ci darà perché è giusto che i cittadini di maenza che in stragrande maggioranza le hanno dato fiducia alle ultime elezioni sappiano da lei la verità la loggia dei mercanti È scambiata per altro c è chi la adopera come urinatoio chi vi getta di tutto e chi la imbratta con graffiti di luca morazzano tra depositi eterni di cantieri che si prolungano all infinito lasciando materiali poggiati anche nei giorni festivi e l incuria dei cittadini che riescono a scambiare una piazza mozzafiato per un urinatoio che il fiato lo appesta l entrata al centro storico di maenza è ridotto ad un quadro di molto dubbia attrattività la piazza coperta così chiamata nel gergo comune mentre la nomenclatura storica la tramanda come loggia dei mercanti è uno dei luoghi più incantevoli di maenza sia dal punto di vista storico architettonico e sia per il paesaggio che offre si trova all ingresso del vecchio centro storico pavimentata con i sampietrini e con una balconata che si affaccia sulla pianura con vista sul mare la storia dice che risale al1400 quando fungeva da presidio e baluardo verso il castello recentemente l amministrazione l ha fatta anche ripulire alessandro pucci in tal senso fa notare purtroppo dobbiamo segnalare con dispiacere che alcuni concittadini usano questo bellissimo posto per urinare e ridurla cosi a una vera e propria latrina oltre ai soliti graffitari non di pregio che le deturpano questa volta che non vogliamo attribuire alcuna responsabilità all amministrazione comunale che sappiamo anch essa sconcer tata e quasi impotente innanzi a questi deplorevoli episodi di inciviltà ma non sarà il caso ad esempio di ripristinare la cancellata che feci installare quando con la mia amministrazione negli anni 80 procedemmo al restauro della piazza coperta di certo qualche rimedio va trovato così come è da intavolare un discorso che porti almeno durante le festività alla rimozione dei depositi dei vari cantieri e anche alla raccolta tempestiva dei rifiuti nei cassonetti che altrimenti tracimano 11

[close]

p. 12

roccagorga il partito sceglie nardacci e bevilacqua mondore@le numero 64 2 agosto 2010 una nota dell esecutivo del pd critica pesantemente l operato di carla amici di luca morazzano non c è pace per il pd di roccagorga l adesione del sindaco carla amici all autoconvocazione degli eletti ha infatti aperta una frattura che fatica a sanarsi e offre anzi delle evoluzioni sempre più coinvolgenti dopo i primi botta e risposta il ritiro delle deleghe operato dal primo cittadino ai danni del segretario e capogruppo pd giampiero nardacci e al consigliere comunale e provinciale pd loreto bevilacqua il pd di roccagorga attraverso il suo esecutivo ha approva infatti un documento in cui sostanzialmente prende le distanze dal sindaco amici rinnova la sua fiducia all operato del segretario nardacci e il pieno sostegno all azione politica amministrativa del consigliere bevilacqua la questione su cui la maggioranza del gruppo dirigente del pd si dissocia dalle scelte messe in atto dal primo cittadino è prevalentemente di natura metodologica prima ancora che politica amici si legge nella nota non può prendere provvedimenti cosi forti sia amministrativamente che politicamente parlando senza confrontarsi con il suo partito il nostro auspicio continuano nella nota i democratici è che si ritrovi un adeguata condivisione sulle cose da fare nel documento del 26 luglio si legge la segreteria del partito democratico di roccagorga si è riunita in riferimento alle ultime vicende politico amministrative considerato che determinate scelte soprattutto se di chiaro contenuto politico devono essere concertate con il partito ritenuto che le decisioni prese dal sindaco in riferimento al ritiro delle deleghe al segretario e capogruppo del pd giampiero nardacci e al consigliere provinciale e comunale dott loreto bevilacqua sono da considerarsi atti politici e visto che il segretario esprime e rappresenta la linea politica del partito e il consigliere provinciale ci rappresenta a livello comprensoriale stabilisce che l atto del sindaco è da ritenersi gravissimo e sconcertante politicamente irrispettoso dei ruoli e delle responsabilità politiche funzionale ad una delegittimazione degli organi dirigenti del pd l atto prosegue con una ferma presa di posizione la segreteria esprime piena fiducia verso l operato del segretario e capogruppo pd giampiero nardacci il pieno sostegno al consigliere provinciale e comunale dott loreto bevilacqua e la totale distanza dalle azioni messe in atto dal sindaco annuncia quindi che ha investito di questo sconcertante episodio i più alti livelli provinciali al fine di ricondurre questa vicenda all interno di un tavolo di confronto politico che a partire da questo momento tutte le decisioni a riguardo saranno concordate con gli organi provinciali che la volontà di rendere note le posizioni del partito ai tesserati simpatizzanti ed elettori osservatorio democratico proloco illeggittima di luca morazzano dopo una riunione svoltasi tra i membri dell associazione politico culturale osservatorio democratico di roccagorga sono emersi alcuni dati allarmanti inerenti la vita e le politiche dell associazionismo nel comune lepino che per la loro gravità meritano di essere evidenziati pubblicamente a roccagorga sembra che la più importante associazione di promozione culturale turistica e sociale ovvero la pro-loco è illegittima a sancirlo pare che sia proprio il mancato rispetto dello statuto nazionale unpli a cui l associazione di roccagorga fa riferimento da oltre due anni non si procede al rinnovo delle tessere e ancor più preoccupante da oltre due anni non viene convocata nessuna assemblea ordinaria per discutere il bilancio preventivo e consuntivo dell associazione il tesseramento come l assemblea ordinaria sono adempimenti secondo lo statuto da svolgere annualmente lo stesso tempo vale anche per il consiglio direttivo che dovrebbe da regolamento essere convocato almeno una volta ogni sessanta giorni tutto questo a nostro parere crea un forte imbarazzo nella vita associazionistica della comunità poiché molte associazioni si sono viste depennare il loro contributo annuale dall amministrazione a fronte di un politica che la stessa ha messo in essere per innalzare la qualità della vita culturale e sociale del paese infatti è stata istituita una consulta delle associazioni e sono state stabilite alcune norme per determinare le modalità con cui ogni associazione 12 può richiedere collaborazione e contributi all amministrazione norme che a quanto pare sono state invece rispettate pienamente dalla pro-loco almeno così si dovrebbe supporre visto che per conto dell amministrazione si occupa di organizzare manifestazioni e curare importanti iniziative strategiche e di sviluppo culturale ed economico ma come è possibile che la pro-loco seppur fuori dalle sue fondamentali norme sia invece in regola per il comune come è possibile che il delegato alle associazioni pur stando di diritto secondo lo statuto proloco negli organismi della stessa non abbia avuto niente da dire in merito come è potuta sfuggire questa incresciosa situazione dall attenzione delle istituzioni come mai un amministrazione cosi attenta a regolarizzare tutte le associazioni fa un errore cosi grossolano in attesa di questi chiarimenti quello che sappiamo è che la pro-loco era fino a poco tempo fa un grande contenitore di opportunità culturali e relazioni sociali ed oggi di tutto questo non se ne vede nemmeno l ombra la sede è sempre chiusa ed il sito che promuoveva le iniziative dell associazione è scomparso dal web quello che ci dispiace veramente è che tanti giovani pieni di voglia e passione avevano dato la loro disponibilità a mettersi in gioco ma vista la situazione possiamo dire che sono stati delusi nella maniera peggiore quello che vogliamo è che si prenda coscienza e consapevolezza che urge la collaborazione di tutti per riparare questa imbarazzante anomalia.

[close]

p. 13

la restituzione degli stipendi diventa un caso la questione che vede coinvolti diversi ex amministratori potrebbe rivelarsi un precedente scomodo di roberto tartaglia pontinia mondore@le numero 64 2 agosto 2010 la vicenda della restituzione di metà degli stipendi di sindaco vicesindaco assessori e consiglieri gettone presenza o ex tali tiene banco nel comune di pontinia ciò che incuriosisce però è il numero effettivo di coloro che dovranno restituire quanto indebitamente percepito si è parlato infatti di 6 persone tra attuali amministratori ed ex tali che al momento si trovano nella scomoda situazione di dover restituire metà di quanto percepito per la loro carica pubblica poiché risultanti lavoratori attivi nel corso del loro mandato il numero però leggi alla mano potrebbe crescere ancora senza trascendere dal cuore della questione trasformando un articolo giornalistico in un trattato legale basti evidenziare che l art 82 del d lgs n 267 del 18 agosto 2000 t u delle leggi sull ordinamento degli enti locali al comma 1 cita testualmente il decreto determina una indennità di funzione nei limiti fissati dal presente articolo per il sindaco il presidente della provincia i presidenti dei consigli comunali e provinciali nonché i componenti degli organi esecutivi dei comuni tale indennità è dimezzata per i lavoratori dipendenti che non abbiano richiesto l aspettativa il comma 3 invece esclude da tali decurtazioni i pensionati dimezzata per i lavoratori dipendenti cita il testo unico senza far alcuna distinzione tra pubblici e privati e lo stesso atto all art 77 comma 1 definisce cosa si intende per amministratore locale includendo sindaci consiglieri e giunta comunale a conti fatti dunque le lettere che dovranno partire per la richiesta della metà di quanto percepito potrebbero essere molte di più delle 6 attualmente in dirittura di partenza un importante questione dunque quella in corso a pontinia che potrebbe allargarsi a macchia d olio su tutto il territorio circostante e creare un precedente scomodo per le giunte attualmente in carico e per quelle che le hanno precedute mazzocchio di nuovo preda di fiamme sospette di roberto tartaglia nei giorni scorsi ha avuto luogo un incendio di interessanti dimensioni nell area industriale di mazzocchio a pontinia sì l evento fa subito tornare in mente l analogo problema che prese vita nel luglio del 2007 e che interessò l azienda di compostaggio sep gli ettari di terreno andati a fuoco fanno subito pensare ad una possibile origine dolosa o alle alte temperature di questi giorni il problema però non risiede nella natura di tale fenomeno ma nella zona di interesse su quei terreni infatti dovranno essere edificate le tanto discusse centrali a turbogas e biomasse le due industrie interessate a tali progetti stanno già costruendo le loro condutture che una volta entrate in funzione convoglieranno quantità preoccupanti di gas naturale lungo terreni sui quali sorgono scuole ferrovia e le strade statali pontina e nettunense la questione si fa ancora più preoccupante se si pensa che la maggior parte delle persone non è al corrente di tutto ciò così come non è al corrente delle osservazioni presentate nel settembre 2008 in merito alle opere necessarie per la costruzione della centrale a turbogas i documenti tecnici infatti mancano in molte parti di informazioni ed eventuali precauzioni in merito alle problematiche che interessano le tubature che attraversano la zona dei gricilli zona questa assolutamente instabile dal punto di vista geologico e quindi pericolosissima in tal senso giorgio libralato nel suo blog riporta in proposito che è stato scritto nelle osservazioni e ribadito nelle riunioni conferenze commissioni appositamente convocate per discutere proprio i motivi contrari alla realizzazione di tale opere incompatibile che non vi è traccia nei documenti di progetti resi pubblici e trasmes si al comune di pontinia degli accorgimenti tecnici se esistono per scongiurare le prevedibili rotture del gasdotto anche lo scorso anno libralato aveva evidenziato numerose dimenticanze e trascuratezze nei documenti inviati al comune di pontinia da acea electrabel tra cui la pericolosità di ergere una simile struttura a soli 200 metri di distanza dall eventuale centrale a biomasse tale vicinanza infatti permetterebbe alle emissioni dell impianto adiacente di danneggiare il sistema di raffreddamento della centrale elettrica siamo di fronte alla solita storia dunque prima l incidente mortale e poi il semaforo per incrocio pericoloso e ancora di chi sarebbe la responsabilità in caso di sinistro i rischi sono stati segnalati ma gli enti competenti non rispondo si creerebbe il solito muro di gomma sul quale far rimbalzare le rimostranze e le accuse di chi non avrebbe mai voluto camminare o dormire su una bomba ad orologeria 13

[close]

p. 14

i danni degli incendi e della pioggia prima e dopo le fiamme in mezzo i temporali estivi mettono alla frusta il territorio serve prevenzione di luca morazzano lepini mondore@le numero 64 2 agosto 2010 quelli trascorsi a cavallo del week end della scorsa settimana sono stati giorni climaticamente difficili per i paesi dei monti lepini sabato 24 luglio infatti dopo giorni e giorni di caldo record lo sprigionarsi di un sostenuto vento ha alimentato le malsane idee dei soliti piromani che hanno appiccato incendi sparsi qua e la da norma quest anno bersagliata dalle fiamme come non mai a bassiano passando per sermoneta roccagorga e maenza fino ad arrivare a carpineto focolai si sono alzati in una sequenza che ha costretto agli extra vigili del fuoco protezione civile e forze dell ordine in genere un via vai di elicotteri e canadair che solcavano i cieli lepini hanno caratterizzato un pomeriggio incandescente con le fiamme favorite appunto dai forti venti che permettevano ai focolai di indirizzarsi su più fronti propagandosi a velocità che non hanno reso di certo agevole il lavoro dei soccorritori lunedì 26 invece è stata la pioggia a farla da padrone con temporali violenti che dopo le avvisaglie della domenica hanno messo severamente alla frusta il sistema viario di collegamento tra i vari paesi in particolare la zona tra sezze e roccagorga quella che dai zoccolanti porta ai prati è stata in poco più di un ora sommersa dalle acque piovane che hanno fatto saltare i coperchi dei tombini facendo straripare i canali ai lati della sede stradale mai puliti e riempiendo la strada di un mix di sassi e fanghiglia da rendere quantomeno difficoltoso il transito viario prima dell intervento umano a ripristinare le vie passata l emergenza e tornato un clima più consono alla stagione resta adesso l analisi dei danni e delle concause per gli incendi al centro c è sempre la questione prevenzione mentre per quanto riguarda le vie forse sarebbe arrivata l ora di mettersi a tavolino per studiare un piano per normalizzare situazioni al limite che tracimano al venire di ogni pioggia un po più abbondante riceviamo e pubblichiamo lucia fusco ci ha scritto per sensibilizzare contro l abbandono degli animali piccola ferita sporca paura degli uomini occhi abbrutiti dallo spavento sbarrati orecchie tese verso l orco cattivo che l ha tenuta a pane e catena poi l ha abbandonata e più di un mese che noi volontari di un associazione cinofila tentiamo di avvicinarla blandendola con voce gentile con pezzetti di pane ricambia lo sguardo solo per un attimo senza speranza poi torna ad annusare l aria intorno a sé cercando rifugio in un cespuglio lercio di cartacce e bottiglie vuote non lontano dal bivacco delle prostitute e dei loro poveri clienti sulla strada si sottrae al nostro aiuto falsissimo infatti se le andrà bene ciò che attende rosa così l abbiamo chiamata una setterina bianca di circa un anno è la gabbia di una prigione un canile un carcere per innocenti dove è già finita la sua compagna di abbandono per prevenire gravidanza e nascite indesiderate in strada ciò che più ferisce la nostra quotidiana fatica nel portare un po d acqua una carezza una scatoletta un giorno di vita in più a rosa e a tanti animali sfortunati è il disinteresse della maggior parte delle persone ci dicono e allora in africa non ci risulta che tali persone facciano qualcosa per l africa per i bambini per gli anziani soli per i poveri rosa e gli altri sono stati abbandonati una prima volta da persone brutte senza sentimenti dopo aver strappato loro la dignità la salute la fiducia nelle strade nelle campagne una seconda volta dalle istituzioni che non riescono a risolvere o alleviare il problema sono abbandonati altre innumerevoli volte quando non li si degna di un gesto di umana compassione senza accorgersi della loro dolorosa presenza gli animali sono nostri fratelli nella creazione di dio abbandonarli vuol dire sbattere un pericolo sulle strade quanti incidenti e aggressioni a persone a piedi e con le bici solitudine e fame spingono questi animali essere un pericolo cosa fare e ora di dire forte e chiaro che chi si macchia di un 14 abbandono fa il male all intera comunità il carcere canino costa tanto sarebbe meglio utilizzare questi fondi per prevenire l abbandono dando incarico a persone disponibili per un serio censimento a tappeto con iscrizione all anagrafe foto microchippatura e sterilizzazione anche coinvolgendo gli ottimi veterinari che operano nel territorio con passione e fatica tutto questo vorrebbe dire un risparmio di denaro per i comuni che non sarebbero più costretti a pagare catture assistenza sanitaria e carcere duro a vita così sarebbero responsabilizzati i padroni nei confronti degli animali tra i cani abbandonati ce ne sono moltissimi da caccia perché non iniziare un controllo proprio da qui altra proposta è di dare una chance a chi non vuole o non può occuparsi del proprio animale permettendogli di consegnarlo al canile senza passare per la via dell abbandono e senza gravose spese per la cattura inoltre i comuni potrebbero premiare economicamente chi denuncia gli abbandonatori siamo sicuri che le bestie siano rosa e gli altri come rosa migliaia di animali ogni anno sono abbandonati e maltrattati sul nostro territorio vi invitiamo ad unirvi a noi con l animo disposto a sentire e compatire il dolore e la disperazione a portare un pezzo di pane a spendere una parola per fare luce a chi sta al buio gli animali non parlano ma soffrono come noi più di noi il significato di animale è piccola anima piccolo respiro vivono la sperimentazione dei farmaci lavorano con polizia protezione civile sono la luce dei ciechi e la compagnia di chi è malato e solo perché non ci pensiamo un comportamento più buono e civile può curare l aridità dei nostri cuori placare la sete di materialismo eccessivo che ci spinge a non dare valore a niente tranne che al nostro piccolo miserabile io e ai nostri porci comodi a dare un senso e una spinta verticale alla nostra vita pace agli uomini di buona volontà e alle bestiole.

[close]

p. 15

polisportiva calcio sezze È giÀ 2010/2011 tre titoli regionali tecnici tesserati figc tanta passione e competenza aperte le iscrizioni e già entrata nel vivo la stagione 2010/2011 della polisportiva calcio sezze la dirigenza del sodalizio rossoblu infatti dopo l alacre lavoro seguito alla chiusura agonistica dei campionati dello scorso anno si è gettata a capo fitto nella programmazione di questa nuova stagione allestendo un offerta sportiva ancora più completa e stimolante rispetto a quella passata del resto la presenza in organico di ben tre campionati regionali ha richiesto una perizia tecnica non indifferenti per farsi trovare pronti all appuntamento e quindi ecco che nel parco tecnico approntato dai presidenti rossi e italiani dal ds romeo terella dal team manager rieti e dal segretario sambucci spiccano nomi davvero eccellenti innanzitutto il settore giovanile del caclio sezze si avvarrà della supervisione del professor gianfranco de rocchis insegnate di scienze motorie laureato isef oltre che tecnico figc il quale lasciata lo scorso anno la panchina dei giovanissimi regionali dopo la conquista della salvezza passa adesso nel ruolo di responsabile tecnico per quanto riguarda gli allenatori i più grandi ovvero i ragazzi della juniores potranno avvalersi della guida di mario lauretti altra new entry per gli allievi affidati alle cure di massimo chillemi e per giovanissimi regionali affidati a gherghi fabio giuseppe consoli invece allenerà i giovanissimi regionali fascia b mentre le due squadre di giovanissimi provinciali seguiranno le direttive di mister giuseppe moriconi e di mister luciano rieti per i pulcini invece la squadra a sarà quella di mister ciotti antonio la b di vittorio peloso ei 2000 di massimo terella ai piccoli amici c è marcello panico mentre onorato de simone è il nuovo mister dei primi calci le iscrizioni sono già aperte e i ragazzi under 14 che si tessereranno entro il 20 agosto 2010 riceveranno un abbonamento gratis allo stadio olimpico per assistere alle partite in casa della s.s lazio per iscrizioni rivolgersi ai numeri cell 3287197612 tel 0773804407 altrimenti il martedì ed il giovedì dalle 16.30 alle 19,30 presso la segreteria del campo fontanelle sport mondore@le numero 64 2 agosto 2010 la stagione 2010-2011 presidenti italiani alessandro rossi roberto direttore sportivo prof terella romeo team manager rieti luciano segretario dott sambucci ferdinando staff tecnico responsabile tecnico prof de rocchis gianfranco all juniores provinciali 92-93 lauretti mario tecnico figc all allievi regionali 94-95 chillemi massimo tecnico figc all giovanissimi regionali 96 gherghi fabio tecnico figc all giovanissimi regionali fascia b 97 consoli giuseppe all giov prov fascia b 98 squadra a moriconi giuseppe all giov prov fascia b 98 squadra b rieti luciano all pulcini anno 99 squadra a ciotti antonio all pulcini anno 99 squadra b peloso vittorio all pulcini anno 2000 terella massimo all piccoli amici anno 2001 panico marcello all primi calci2002-3-4-5 de simone onorato tecnico figc dirigenza

[close]

Comments

no comments yet