giovanna de sanctis comunicato stampa mostra barock terni 2007

 

Embed or link this publication

Description

Comunicato Stampa Mostra Barock di Giovanna de Sanctis. EX SIRI • Centro per le Arti Contemporanee Terni • Lungonera Savoia 15 Settembre • 18 Novembre 2007

Popular Pages


p. 1

il comune di terni e l assessorato alla cultura presentano barock una personale di giovanna de sanctis inaugurazione sabato 15 settembre alle ore 17.30 15 settembre ­ 28 ottobre 2007 ex siri ­ centro per le arti contemporanee lungonera savoia ­ terni info mostra 0774 434210 285946 ­ www.comune.terni.it ­ dim@comune.terni.it info e documentazione g de sanctis www.giovannadesanctis.com orari dal 16 al 30 settembre 12.00-24.00 tutti i giorni dal 1 al 28 ottobre 10.00-13.00 16.00-19.00 lun chiuso mostra a cura di daniela fonti e francesco santaniello catalogo con testi di daniela fonti e francesco santaniello organizzazione sistema museale di terni nell ambito della manifestazione perugia-terni ­ forme del contemporaneo ufficio stampa scarlett matassi 347-0418110 scarlett.matassi@virgilio.it tra le scultrici attive in italia giovanna de sanctis è anche per la originaria formazione di architetto una delle poche ad essersi specializzata e affermata con autorevolezza nella progettazione ed esecuzione di interventi artistici per luoghi pubblici un campo nel quale in italia le donne sono poco presenti sabato 15 settembre il comune di terni inaugurerà presso l ex siri centro per le arti contemporanee di lungonera savoia una personale dedicata all artista presentata nell ambito della manifestazione perugia-terni ­ forme del contemporaneo la mostra porta il titolo di barock scherzoso ma significativo neologismo coniato da de sanctis per alludere a quella che può essere considerata la chiave di volta della sua lunga ricerca artistica l idea di una moderna interpretazione del vorticoso evolversi nello spazio delle forme barocche quello che faccio è figlio del barocco ­ dice di sé la scultrice ­ l uso compiaciuto della messa in scena il calco il gesso la piega il drappo che ferma il vento e lo raffigura l uso della trappola dei sensi e certamente figlia della predilezione barocca per la macchina teatrale è soffio l installazione che apre il percorso della mostra nove sculture modellate in gesso poggianti su sapienti predelle metalliche da lei stessa disegnate superfici bianche sottili accartocciate che prendono il vento sopra un intreccio di aste di ferro un balletto di forme astratte ­ scrive daniela fonti in catalogo ­ nel quale tutti i protagonisti appaiono insieme a sipario aperto fermi sul palcoscenico sotto i riflettori all inizio delle prime battute musicali il momento successivo allo sciogliersi della musica segnerà la rottura di questa stasi e il prorompere glorioso in tutte le direzioni del dinamismo plastico implicito in quelle superfici si presentano come frammenti parti di panneggio solidificate nel gesso o nel bronzo anche le altre opere in esposizione i due bronzi vague nera e vague bronzo i due gessi cerati coppia 2006 l installazione fracta 2006-2007 ritagli di volumi corrugati disposti su tre piani in acciaio satinato che alludono a frammenti di un onda solidificata la scelta di collocare il suo lavoro in un orizzonte che lo ricollega ai grandi maestri plastici del passato coltivata nella certezza della necessità di riannodare sia pure in modo critico il filo che lega il presente a quella grande lezione è bene illustrata nell intervista pubblicata in catalogo resa dalla de sanctis al critico francesco santaniello e nei video visibili nella mostra che passano in rassegna la sua produzione un percorso nel quale assumono particolare risalto le opere più recenti ed impegnative le grandi sculture pubbliche nike 2001 collocata nella piazza della memoria dedicata ai giudici uccisi dalla mafia presso il nuovo tribunale di palermo progettato da sebastiano monaco e stele 2003 il grande bronzo inserito lungo il percorso della galleria giovanni xxiii la più importante arteria stradale realizzata nella capitale da quarant anni a questa parte a roma portano la sua firma anche la sistemazione di piazza cardinal consalvi presso ponte milvio ideata nel 1984 con gli architetti bedoni e severati e le quattro sculture realizzate nella piazza del quartiere romano di decima ristrutturata su progetto di a aymonino a terni de sanctis è presente con fonte 2000 gruppo di bronzi per la fontana sovrastante il parcheggio san francesco l artista vive e lavora a calvi dell umbria tr

[close]

p. 2

nota biografica giovanna de sanctis ricciardone nasce a pescara nel 1939 si laurea nel 1964 presso la facoltà di architettura dell università la sapienza di roma nei suoi quarant anni di attività si è trovata a roma al centro di alcuni momenti della vita politica artistica e culturale cruciali della città non ancora sufficientemente approfonditi architetto presso lo studio arch.o sino alla metà degli anni settanta ha esercitato un ruolo trainante in quel fervido periodo della ricerca architettonica romana caratterizzato dalla critica al modernismo e per il quale in seguito si conierà l abusata qualifica di post-moderno nel segno del rifiuto dell iconoclastia novecentesca si svolge anche la sua attività di pittrice dieci anni di intensa sperimentazione sul patrimonio iconico della nostra storia dell arte che ne hanno fatto uno degli esponenti più interessanti di quell esigenza di originale ricognizione della memoria dell antico che ha attraversato tutto il decennio degli anni ottanta determinante il suo apporto anche in alcune delle più vivaci iniziative culturali e didattiche romane degli anni settanta-ottanta ad esempio presso l associazione polivalente il politecnico dove per molti anni ha avuto studio ed ha curato sperimentali rassegne espositive o presso il liceo sperimentale della bufalotta dove ha insegnato materie artistiche negli anni 70 dalla metà degli anni ottanta inizia ad occuparsi di scultura e dal 1992 dedicandosi in prevalenza alla problematica dell arte per gli spazi pubblici lavora nel suo studio progettoarte di calvi dell umbria info www.giovannadesanctis.com

[close]

Comments

no comments yet