Mr. Magazine Giugno 2012

 

Embed or link this publication

Description

Mister Mgazine Free Press, mensile di informazione del cilento e italia giugno 012

Popular Pages


p. 1

anno ii n 6 giugno 2012 inps ed equitalia istituzioni pubbliche o associazioni a delinquere i soldi della bce allarme disoccupazione proteine quali e quante cilento 10 bandiere blu valorizzazione castelli cilentani miss mamma katia zumpano di agropoli vince il titolo casalingo mar rosso arte un ritorno dal futuro cucinare a km zero conosci tu la terra dove i limoni fioriscono gli aranci dorati luccicano tra le fronde scure sorrento

[close]

p. 2

2 mister magazi ne g i ug no 2012

[close]

p. 3

editoriale paduano editore la rivalutazione del popolo e la nuova rivoluzione politica lla fine i partiti hanno perso e ha vinto l uomo a testimonianza di ciò il movimento 5 stelle di beppe grillo che rappresenta il ripudio della gente comune verso i partiti e il forte sentimento di riscatto nei confronti degli stessi il movimento creato dalla straordinaria partecipazione civica sulla rete internet ha sbaragliato gli avversari rei di aver fatto sempre demagogia e si è guadagnato di diritto un posto nel dibattito politico italiano portandosi in testa alla classifica di gradimento dei cittadini anche i nuovi sindaci eletti in tutta italia hanno ricevuto il consenso grazie alla loro personalità molti di loro si sono presentati appunto senza simbolo di partito e hanno comunque vinto le elezioni un pò ovunque e la riscossa dei deboli verso i forti la vera rivoluzione democratica italiana parte dal basso con pochi strumenti senza capitali e riesce ad imporsi per cominciare a costruire la nuova rivoluzione politica in un futuro già presente si fronteggeranno i vecchi politici della casta che a loro volta saranno costretti a riorganizzarsi per non perdere la poltrona ma questa volta saranno sbattuti fuori definitivamente i loro falsi meccanismi ormai sono svelati saranno sconfitti e seminati di misura perchè hanno un doppio svantaggio non godono del favore della gente e non hanno idee signori noi siamo cambiati il sistema è crollato e contemporaneamente sono terremotati i valori gli ideali la moralità il mondo viaggia in un altra direzione seguito soltanto dai nostri figli che allo stesso tempo non comunicano più con noi per mancanza di intesa tutto questo è già accaduto in passato e ogni generazione ha avuto sempre i suoi contrasti e le costanti incandescenze sociali ma stavolta è diverso siamo in crisi economica all interno di un mondo troppo evoluto incapace di resistere a tale disagio e non abituato a soffrire il nostro è un mondo dove l economia non esiste più e dove la speranza di uscirne fuori va sempre più affievolendosi peggiorando maggiormente quando la grecia uscirà dall europa tra non molto vedremo il nostro paese assediato da una inesorabile aggressività dei mercati economici che da tempo scommettono sul suo fallimento e chiaro il paese si è totalmente deresponsabilizzato e deve fare i conti con la sua storia il capitalismo italiano negli ultimi 50 anni è stato gestito da pochi personaggi italiani che hanno rappresentato una realtà non vera e adesso a causa loro paghiamo la crisi mentre la germania ci guadagna gli investitori stranieri scompaiono e l italia si impoverisce un sistema che permette alle banche di scommettere sulle nazioni è un sistema mafioso uno stato che porta al suicidio i suoi figli è un anti-stato e finirà per strozzarli tutti noi però non vogliamo che tutto questo accada e allora cominciamo nell analizzare i lati positivi della repressione che almeno tende a farci riflettere oggi su tutte le scelte che facciamo ci soffermiamo più volte prima di agire la repressione migliora la nostra attenzione essere attenti agli sprechi alla natura al nostro prossimo migliora l etica repressione significa anche riorganizzazione esplorare da capo a piedi il sistema considerare diverse strategie governative e un cambiamento radicale delle regole pone necessariamente una condizione alternativa che può essere vincente infine in repressione si tende a fare pulizia eliminare il marcio il vecchio lo stantio cancellare il passato ridona vigore e aria nuova azioni concrete pensieri ideologie strategie diverse volti nuovi il paese deve rigenerarsi e noi possiamo farlo l italia ha bisogno di tutti noi per essere salvata nessun altro può farlo al di fuori di noi non possiamo più aspettare con decisione e convinzione dobbiamo partecipare attivamente al dibattito politico ogni giorno il senso di responsabilità deve prevalere su tutto e tutti bisogna insistere nel praticare la questione morale avere passione e senso di appartenenza del territorio ritornare alle radici riscoprire il piacere della solidarietà e della condivisione fonderci in un unica identità gli uni e gli altri cominciamo dalla base ripristiniamo i valori dell essere umano e man mano le cose si aggiusteranno altrimenti saranno guai ma guai seri gianni petrizzo direttore responsabile mr magazine 84043 agropoli sa

[close]

p. 4

www.bccaquara.it messaggio pubblicitario con finalità promozionale per spese tassi e condizioni economiche e contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso tutte le filiali della banca di credito cooperativo di aquara la banca si riserva la valutazione dei requisiti necessari per la concessione degli affidamenti conto pensione ho aperto conto pensione e accredito la mia pensione direttamente su conto corrente nessuna spesa spese imposta di bollo zero spese operazioni zero spedizione estratto c/c zero servizi accessori gratuiti · bancomat prelievo gratuito su tutti gli atm · ricarica cellulare con sms · pagamento utenze ione con conto pens i una dere l anticipo d puoi richie sione ità della tua pen mensil filiale 1 aquara sa tel 0828.962755 pbx filiale 2 castel san lorenzo tel 0828.944271 filiale 3 roccadaspide tel 0828.941146 filiale 4 capaccio v.le della repubblica tel 0828.723786 4 mister magazi ne g i ug no 2012 filiale 5 filiale 6 filiale 7 filiale 8 eboli località santa cecilia tel 0828.600033 oliveto citra tel 0828.798286 capaccio loc capo di fiume tel 0828.723744 salerno via wenner 62 fuorni tel 089.302000

[close]

p. 5

distribuzione gratuita editore sorrento na foto in copertina di susan dewing paduano s.r.l via g b vico 2 84043 agropoli sa tel 0974.827010 pbx fax 0974.846065 pbx p.iva/cod.fiscale 04658650652 info@mistermagazine.it www.mistermagazine.it mister magazine anno ii n.6 giugno 2012 sommario 06 inps ed equitalia istituzioni pubbliche o associazioni a delinquere finanza banche fiducia nelle aziende i soldi della bce scommesse sportive a maggio 300mln 7,4 allarme disoccupazione 2mln senza lavoro la teoria economica della w l email ed i suoi primi 40 anni slunch e chef a domicilio l olio fritto un patrimonio di virtù e benefici chi l avrebbe detto donne e montagne sono un binomio sempre più proteine quali e quante che bello passeggiare nel verde ma attenti 30 34 sorrento sul cilento sventolano 10 bandiere blu miss mamma nel concorso nazionale di bellezza dedicato alle mamme katia zumpano di agropoli i° edizione ciak si gita direttore editoriale dott francesco paduano 08 direttore responsabile gianni petrizzo 11 12 35 capo redattore carmen lotoro 36 36 redazione gabriele paduano carmen lotoro ester consolmagno cristian de marco 12 valorizzazione castelli cilentani una scuola sul documentario naturalistico nel parco nazionale del cilento estate cilentana 2012 don catello arte un ritorno dal futuro la gioia oltre il dolore ricordo di un vicolo cieco b.y tfa si fa sempre più mar rosso l isola di margarita cucinare a km zero 14 37 hanno collaborato g.di vita c.noschese g.imparato m.moramarco m senatore,g.palma v.caparelli a.cassese v.rizzi v vitale f.di lorenzo c.nastro f.di vita 17 18 21 40 40 45 46 pubblicita marketing carmen lotoro grafica web cristian de marco stampa tipografia cgm srl www.tipografiacgm.com 0974 844039 23 46 49 53 57 testata mr magazine free press iscritta registro della stampa periodica n 21/2011-885/011 r c/o tribunale di salerno iscrizione ordine giornalisti n 133760 07/2009 24 26 attualita economia finanza spazio aziende opportunita tecnologia curiosita cultura benessere turismo territorio costume societa cucina dintorni e vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti questo periodico è aperto a quanti desiderano collaborarvi ai sense dell art.21 della costituzione della repubblica italiana che così dispone tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola lo scritto e ogni mezzo di diffusione la pubblicazione degli scritti articoli e note sono subordinata all insidacabile giudizio della redazione in ogni caso non costituisce alcun rapporto di collaborazione commerciale/professionale con la testata e quindi deve intendersi prestata a titolo esclusivamente gratuito ai sensi della legge 196/2003 e successive modifiche l ediotore garantisce la massima riservatezza nell utilizzo della propria banca dati con finalità redazionali e/o di invio del presente periodico e/o di comunicazioni promozionali anche via web ai sensi degli artt 7 e10 ai suddetti destinatari è data facoltà di esercitare il diritto di cancellazione o rettifica dei dati mediante comunicazione all ediore info@mistermagazine.it per eventuali rapporti di collaborazione convenuti si conviene il foro competente esclusivo è quello di vallo della lucania sa

[close]

p. 6

attualita di claudio noschese inps ed equitalia istituzioni pubbliche o associazioni a delinquere inps è un ente previdenziale pubblico tra i più grandi e complessi d europa a cui sono assicurati la stragrande maggioranza dei lavoratori in italia attraverso l attuazione di norme e leggi l attività principale consiste nella liquidazione e nel pagamento delle pensioni e delle indennità di natura previdenziale ed assistenziale le prestazioni previdenziali sono determinate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate con il prelievo contributivo tutto ciò farebbe presupporre un attività ad esclusivo vantaggio dei cittadini dando e prendendo quanto legittimamente previsto ebbene non è così vediamo quali sono alcune attività illegittime sia dal punto di vista contributivo che assistenziale che l inps svolge a danno dei cittadini con la connivenza ed il supporto di equitalia l inps acquisisce risorse economiche mediante i contributi previdenziali che derivano dall iscrizione degli assicurati nella gestione di competenza in caso di errata iscrizione da parte del soggetto assicurato l inps deve comunque iscriverlo d ufficio nella giusta categoria assicurativa le previsioni contributive sono sostanzialmente diverse per la gestione commercianti l inps richiede il pagamento di un minimo contributivo annuale pari ad euro 3.200 anche in assenza di reddito imponibile mentre invece per la gestione separata quella in cui devono essere iscritti i lavoratori autonomi che svolgono un attività professionale la contribuzione è proporzionata al solo reddito imponibile prodotto nell anno in misura del 26,72 in assenza di reddito imponibile nulla è dovuto all inps come è evidente la forma contributiva più vantaggiosa per l inps e meno vantaggiosa per gli assicurati è la gestione commercianti specie in fase di start up nella quale i costi sostenuti e le spese di avviamento possono ridurre fortemente il reddito imponibile ma l inps in violazione di ogni legge cerca di applicare la contribuzione più svantaggiosa per i cittadini a ciò aggiungasi che le camere di commercio per l iscrizione nella gestione commercianti richiedono anche il pagamento di un diritto camerale annuale non dovuto per riferire sui fatti l inps ha illegittimamente richiesto ad un soggetto che svolgeva l attività professionale autonoma di mediatore creditizio quindi 6 mister magazi ne g i ug no 2012

[close]

p. 7

di claudio noschese attualita nale in forma autonoma con la possibilità non solo di opporsi ad eventuali richieste dell inps e della sua longa manus equitalia ma anche di recuperare quanto ingiustamente versato nei 5 anni precedenti la costituzione in giudizio unitamente al recupero anche del diritto camerale annuale non dovuto si ritiene altresì illegittimo il pagamento di un minimo contributivo in assenza di reddito imponibile anche per la gestione commercianti ma su questa questione il giudice del lavoro non si è espresso non essendo il caso in esame sarebbe necessario proporre altro giudizio sullo specifico caso che sarebbe assolutamente fondato atteso che l art 53 della costituzione italiana prevede che tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva il sistema tributario è informato a criteri di progressività inoltre in assenza di reddito imponibile non è dato sapere come si possono pagare annualmente euro 3.200 all inps si va a rubare si chiede un finanziamento in banca si lavora a nero si ricorre agli strozzini si spaccia si chiedono i soldi in famiglia o a mamma e papà sulla loro pensione oltretutto tale contribuzione va intesa come impeditiva di fatto per i cittadini senza alcun reddito dell avvio di ogni attività di lavoro garantito dall art 1 della costituzione italiana e conseguentemente preclusiva della partecipazione dei lavoratori all organizzazione economica del paese prevista all art 3 comma 2 della costituzione italiana altra grave illegittimità viene effettuata nel settore dell assistenza agli invalidi ed ai portatori di handicap in materia di handicap e di invalidità l inps ha recentemente acquisito nuove competenze e nuovo potere con il trasferimento dagli enti locali aa ss.ll del potere concessorio della gestione delle domande e l inserimento di un proprio sanitario nella commissione medica di valutazione delle aa.ss.ll dal 01.01.2010 la valutazione dell invalidità e/o dell handicap avviene mediante una commissione medica dell asl di competenza integrata con un medico inps se la valutazione non è all unanimità il soggetto può essere sottoposto ad ulteriore visita da una commissione medica locale propria dell inps competente per territorio tale commissione si chiama cml che riduce quasi sempre la valutazione e quindi i relativi benefici per gli aventi diritto erogati della commisssione medica dell asl ma l inps cosa sta facendo per ridurre ulteriormente i benefici agli aventi diritto tutti coloro che ricevono valutazioni positive dalle citate commissioni mediche li sottopone ad un ulteriore commissione medica denominata cms commissione medica superiore situata presso la sede inps di roma che senza sottoporre il soggetto a visita senza chiedergli ulteriori accertamenti senza rinviarlo ad altra commissione medica locale diversa da quella che l ha già valutato così come previsto consultando telematicamente il fascicolo taglia drasticamente quasi tutti i benefici concessi modificando le valutazioni precedentemente espresse dalla altre commisssioni mediche la cms svolge tale attività in assenza totale di competenza infatti suo compito sarebbe quello di monitorare i verbali delle altre commissioni sanitarie ed estrarre posizioni indipendentemente dal loro esito da ulteriormente sottoporre a verifica al solo fine di realizzare obiettivi di omogeneizzazione valutativa tanto si evince dal sito dell inps quindi un controllo sull operato delle commissioni non di diretta valutazione dell assicurato e del tutto evidente che simili comportamenti illegittimi sono dettati dalla necessità di fare cassa per pagare i faraonici stipendi del presidente del direttore generale del civ consiglio di indirizzo e vigilanza della cms commissione medica supariore e delle migliaia di dirigenti di consulenti di presidenti di commissioni e di tutta la gigantesca platea di cortiggiani amici parenti e conoscenti che ruota attorno all universo inps pagata profumatamente a vario titolo con i soldi non dovuti dagli assicurati a danno degli assistiti chi vuole far valere i propri diritti su tutto il territorio nazionale può contattare lo scrivente che ha ottenuto con il suo studio professionale ed i suoi collaboratori la sentenza favorevole dal giudice del lavoro del tribunale di napoli ed ha presentato dettagliato esposto/denuncia/querela contro soggetti afferenti all inps alla procura della repubblica presso il tribunale di napoli e quello di roma dott claudio noschese 80134 napoli via toledo 156 claudio@noschese.net mister magazine giugno 2012 7 da inserire nella gestione separata il pagamento del minimo contributtivo annuale anche in assenza di reddito imponibile per un importo annuale pari ad euro 3.200 non avendo ricevuto la contribuzione richiesta l inps ha subito attivato equitalia che senza prima accertarsi della legittimità della richiesta dell inps in questa modalità operativa si potrebbe ben ipotizzare l associazione a delinquere ha subito emesso ben tre cartelle esattoriali di pagamento ma come potrebbe agire correttamente ed a tutela dei cittadini equitalia se il presidente dell inps mastrapasqua è anche vice presidente di equitalia e presidente di equitalia sud oltre ad avere molte altre poltrone su cui poggia il posteriore pagato profumatissimamente ed ingiustamente con i soldi dei cittadini che lui tartassa e sbeffeggia e assurdo ed inaccettabile che il presidente dell ente impositore sia anche il presidente dell ente riscossore che tutela c è per i cittadini siamo in regime di mafia istituzionale e non è l unico befera direttore dell agenzia delle entrate è anche presidente di equitalia veri e propri clan trasversali si sono impadroniti delle istituzioni loro si ingrassano ed i cittadini si uccidono comunque impugnate dette cartelle davanti alla sezione lavoro del tribunale di napoli il giudice del lavoro dr.ssa giovanna picciotti con sentenza n 14384 del 15.05.2012 ha dato torto all inps negando il pagamento del minimo contributivo annuale e condannandola anche al pagamento delle spese di giudizio si specifica che l attività di mediatore creditizio è assimilabile a tutte le altre attività professionali quelle che prevedono l iscrizione in un albo od in un elenco mediante particolari requisiti del soggetto richiedente svolte come persona fisica in forma autonoma tra cui a titolo indicativo e non limitativo l agente in attività finanziaria l agente immobiliare l agente marittimo l agente di commercio tutti costoro non devono pagare all inps il minimo contributivo annuale di euro 3.200 in assenza di reddito ma solo sul reddito imponibile la percentuale del 26,72 dovendo essere iscritti nella gestione separata e non in quella commercianti va da sé che non devono pagare neanche il diritto camerale annuale per cui detta sentenza è applicabile a tutti coloro che svolgono attività professio-

[close]

p. 8

attualita di giorgio imparato finanza banche fiducia nelle aziende nelle imprese negli stabilimenti capire effettivamente la produzione aziendale la componente di r s e capire se l azienda ha potenzialità per essere sul mercato con i propri prodotti bisogna che le banche comprendano i vari mercati di riferimento per l industria manifatturiera che resta pur sempre una delle più competitive a livello mondiale nonostante costi e inefficienze del sistema italia il termine fiducia deve diventare il denominatore comune di ogni rapporto che le banche hanno con le imprese dando loro la visione che si è davvero il soggetto che cura i loro interessi anche e soprattutto in questi momenti così critici fornendo il sostegno per mantenere la stabilità nel presente e conquistare la leadership nel futuro dr giorgio imparato 80048 s.anastasia na giorgio.imparato1@virgilio.it a recenti statistiche effettuate sia a livello provinciale che su scala nazionale si evince che solo un azienda su cento afferma di aver migliorato il suo rapporto con la propria banca negli ultimi tre mesi questo dato è a dir poco inquietante se si pensa che alle spalle di un azienda vincente vi è quasi sempre la presenza forte e costante di un istituto di credito la banca è un soggetto indispensabile per qualsiasi impresa e quindi risulta necessario instaurare con essa un legame tale da consentire la crescita e non la regressione l evoluzione del sistema bancario ha fatto sì che il rapporto banca ­ impresa passasse da un intesa basata sulla fiducia e sul reale valore delle imprese ad un legame basato sul calcolo di indici vari detti rating che ha portato al punto più basso di fiducia l interscambio banca-imprese purtroppo il rating bancario si basa su 8 mister magazi ne g i ug no 2012 dati e valori passati non tenendo in considerazione i piani di sviluppo delle aziende e gli eventuali investimenti fatti dalle stesse questo altera la valutazione del merito creditizio la richiesta di un set informativo così assurdamente esaustivo costituisce spesso un alibi a non voler concedere credito nascondendosi dietro l incapacità dell azienda a non riuscire a fornire i dati richiesti che comunque difficilmente verrebbero analizzati in un momento dove la crisi economica-produttiva ha raggiunto valori molto negativi occorre che oltre al calcolo del rating le banche investissero nel processo al credito assumendosi delle responsabilità per capire meglio e più in profondità quali imprese hanno valore vero dare loro fiducia per consentire di superare questa pesantissima crisi salvando tra l altro posti di lavoro quindi attenersi a meri dati cartacei non basta ma bisogna essere presenti la tua pubblicita su mr.magazine info@mistermagazine.it tel 0974.82.70.10

[close]

p. 9

mister magazine giugno 2012 9

[close]

p. 10

10 mister magaz i ne g i ug no 2012

[close]

p. 11

di matteo moramarco economia finanza i soldi della bce a domanda che tutto il mercato fa ai banchieri è sempre la stessa dove sono i soldi della bce e idea comune che il denaro messo a disposizione dalla bce per l italia 137 miliardi di euro siano serviti alle banche per sostituire le proprie risorse mancanti a causa della recessione sto del prestito bce e una operazione a costo-zero e ricco di liquidità le banche euro indiziate in questa strategia sono quelle tedesche ed olandesi rappresentano il 75 della liquidità in deposito alla bce ciò perché il loro sistema ha sovrabbondanza di · mps usa tali soldi per sostituire quelli mancanti dei propri risparmiatori ma dati alla mano le banche hanno dato un sostegno al debito italiano guadagnandoci anche se la loro redditività è aumentata del 10 in virtù dell operazionebce l uso della liquidità a basso prezzo darà supporto agli interessi attivi ma comunque il piatto dell economia piange se le banche fanno sempre più fatica a svolgere il proprio mestiere cioè intermediare il denaro che ne sarà dei loro bilanci con tante scuse alle imprese matteo moramarco 20900 monza gmoram@hotmail.it ma diamo uno sguardo più obiettivo cercando di dissipare il sospetto che le banche abbiano preso la liquidità offerta all 1 per · fare consistenti investimenti su titoli a tassi più alti lucrando sulla differenza ricomprare le proprie obbligazioni scese di prezzo lasciarla inutilizzata a francoforte depositi rispetto ai prestiti e quindi non vogliono alimentare l inflazione per esempio in gennaio-febbraio 2012 la raccolta e l impiego di denaro è stato il seguente · per l italia i depositi sono stati di 1536 miliardi di euro e i prestiti di 1971miliardi di euro saldo -435 miliardi di euro per la germania i depositi sono stati di 3036 miliardi di euro e i prestiti di 2801miliardi di euro saldo +236 miliardi di euro le banche italiane hanno prelevato a fine febbraio con il secondo giro un totale di 137 miliardi di euro circa 8 punti di pil che potrebbe dare carica alla nostra economia ma ogni banca ha la sua tattica per intesa la liquidità servirà alla riduzione dei costi al buy-back al sostegno del debito pubblico unicredit vorrà fare buoni prestiti · · · lavora con noi notiamo intanto che la bce ha in deposito una cifra record di 770 miliardi di euro prendere all 1 e ridepositare allo 0,25 tasso riconosciuto dalla bce non sembrerebbe un affare ma è sempre meglio che prestare al buio tenersi liquidi è una strategia soprattutto se consideriamo questo calcolo su 100 presi basta investire 20 in btp al 4 e lasciare fermi a francoforte 80 allo 0,25 per ottenere un rendimento totale dell 1 con cui pareggiare il co oggi c è un opportunità seria per giovani diplomati e laureati ricerchiamo agenti di vendita info@mistermagazine.it · · · · mister magazine giugno 2012 11

[close]

p. 12

economia finanza di francesco paudano scommesse sportive a maggio incassati 300 mln 7,4 a superato di poco i 300 milioni di euro il mercato delle scommesse sportive a maggio con un calo del 7,4 rispetto ad aprile quando il gioco raggiunse i 365 milioni rispetto a maggio dello scorso anno il calo e stato invece di circa il 10 nei primi 5 mesi del 2012 le scommesse sportive hanno registrato un movimento di oltre 1.736 milioni di euro nel dettaglio del mese di maggio il calo generale si rispecchia anche nella raccolta dei singoli operatori con la sola eccezione di betclic i cui incassi sono rimasti invariati rispetto ad aprile leader di mercato invece rimane snai con incassi per 89,3 milioni di euro seguono lottomatica con 61 milioni di euro raccolti e sisal con 38,4 dott francesco paduano direttore editoriale mr.magazine 84047 capaccio paestum allarme disoccupazione giovani 2 mln senza lavoro ne studio n italia i giovani disoccupati sono 808 mila e i `neet coloro che non studiano e non lavorano sono oltre 2,1 milioni vicino ai livelli della spagna e la fotografia allarmante scattata dall istat nel suo rapporto annuale in cui si evidenza il divario record tra tra il tasso di disoccupazione giovanile e quello totale il tasso di disoccupazione dei 18-29enni dopo una costante discesa tra il 2000 e il 2007 ha subito un impennata nel corso degli ultimi quattro anni raggiungendo nel 2011 il 20,2 un punto percentuale al di sotto del picco che si registrò nel 1997 il divario tra il tasso di occupazione dei 18-29enni e quello della popolazione tra i 15 e i 64 anni dopo essere rimasto stabile tra il 1993 e il 2002 si e andato progressivamente allargando fino a raggiungere nel 2011 i 15,9 punti percentuali con tassi di occupazione rispettivamente al 41 e al 56,9 la distanza tra il tasso di disoccupazione giovanile e quello complessivo si e allargata a sfavore dei giovani tra il 1993 e il 1997 ed e tornata ad aumentare sensibilmente dopo un periodo di riduzione e di successiva stabilita a partire dal 2008 per superare le due cifre nel 2009 17,9 per i giovani e 7,8 per la popolazione complessiva 12 mister magaz i ne g i ug no 2012 lo scorso anno il divario ha raggiunto il livello piu elevato con un tasso di disoccupazione dei 18-29enni pari al 20,2 a fronte dell 8,4 totale quanto ai `neet i giovani che non studiano e non lavorano in italia superano sensibilmente la media europea 22,1 nel 2010 contro il 15,3 in particolare l incidenza e piu alta rispetto agli altri grandi paesi europei come la germania 10,7 il regno unito e la francia 14,6 entrambi ed e simile invece a quella della spagna che con il 20,4 si colloca al quint ultimo posto dell unione europea la quota di giovani `neet e aumentata a seguito della crisi del 2008-2009 raggiungendo il livello piu alto nel mezzogiorno 31,9 quasi il doppio rispetto al centro-nord campania e sicilia sono le regioni con le quote piu elevate oltre il 35 seguite da calabria e puglia rispettivamente 31,8 e 29,2 dott francesco paduano direttore editoriale mr.magazine 84047 capaccio paestum franco.paduano@pacofin.it

[close]

p. 13

materiale edile trasporti camion e cingolati la speed trans edil s.r.l è una società con esperienza ventennale nei trasporti nazionali ed internazionali movimento terra noleggio di automezzi e nella rivendita di materiali inerti la società è formata da personale altamente quali cato e garantisce elevati standard di qualità nella gestione dei processi dei singoli servizi o erti inoltre l azienda investe continuamente risorse nanziarie ed umane per la formazione del personale al ne di essere in linea con le richieste del mercato grazie e questi suoi punti di forza la speed trans edil s.r.l è da considerarsi una delle migliori imprese del settore noleggio automezzi rivendita materiali inerti movimento terra via parmenide 274 84100 salerno tel 089 335769 www.speed-trans.it info@speed-trans.it mister magazine giugno 2012 13

[close]

p. 14

economia finanza di matteo moramarco la teoria economica della w asia il nord-africa ricca di energia non cresca anche per le antiche tensioni politiche e religiose · l america latina nonostante la felice dinamica del brasile diminuisca l export · gli usa per le elezioni presidenziali saranno indotti a prendere misure di rilancio ma molto limitate a causa del pesante debito il 2012 rischia quindi di essere deludente per l economia mondiale una caduta della produzione che riuscirà a sanare i nostri conti pubblici ma che indebolirà tutta la nostra società produttiva · a predizione della teoria della w ossia la seconda recessione mondiale dopo quella del 2009 il ciclo mondiale si comporta come una w pare si stia avverando si sta entrando in una fase recessiva che probabilmente segnerà il tutto il 2012 tutto ciò grazie all enorme debito accumulato negli ultimi anni e che deprime la crescita dei paesi produttivi · gli usa hanno favorito l indebitamento delle famiglie americane · il giappone ha usato le risorse pubbliche per sollecitare la crescita privata · l europa si è indebitata per sostenere il sistema delle banche quasi tutti i paesi dell euro si sono ormai fermamente impegnati in politiche di riequilibrio di bilancio al fine di permettere alla bce di intervenire sui mercati a sostegno del debito per evitare sicuri fallimenti e quindi la fine dell euro ma sarà efficace una simile strategia di riequilibrio simultaneo di tutti i paesi euro se ogni paese dovesse solo garantire un equilibrio dei conti sarebbe sicuramente stabile finanziariamente ma non crescerebbe con il rischio reale di una regressione ciò ha dato il via al mercato che ha scatenato la speculazione contro i debiti sovrani non risparmiando persino francia e germania tutti concordano che questo processo causerà una recessione nel 2012 che purtroppo trascinerà molti altri paesi infatti senza il supporto della domanda europea è prevedibile che · la cina che ha avuto una crescita eccezionale possa rallentare · questa trasformazione colpisca analogamente india vietnam ed 14 tempesta sulla energia pulita roduciamo più elettricità di quanta ne serve con gli incentivi abbiamo finanziato cinesi e tedeschi ora serve un cambio di rotta consumare meno e puntare sulle smart grid i governi più green stanno ripensando ai sussidi 2012 per le rinnovabili sia a causa della crisi oltre che per la scarsità di risultati ottenuti ad oggi tali sussidi sono sempre più indirizzati ad imprese low cost e non verso quelle high tech la contrazione dei mercati e la crisi di liquidità spingono quindi i governi e le banche a togliere crediti e sussidi a molte aziende già in difficoltà come evitare l erogazione di sussidi irragionevoli senza però stroncare tali nuove iniziative vediamo insieme come poter operare con equilibrio occorre in primis stabilire una scala di priorità basata essenzialmente sui costi-benefici degli interventi possibili ciò orienterebbe gli investimenti verso operazioni di maggiore efficienza energetica p.es sostituzione di impianti di illuminazione pubblica con impianti a led sostituzione di caldaie elettriche con gas o solare acquisto di auto a basse emissioni gli incentivi potrebbero essere anche accompagnati da disincentivi p.es tasse per auto inquinanti limitatamente al settore di efficienza energetica si può intervenire con più decisione creando un fondo nazionale per l abbattimento dei costi finanziari rafforzare quindi le incentivazioni sottraendole da settori già troppo aiutati istituire una sorta di carbon-tax più efficace spingere l industria a percorrere soluzioni più tecnologiche nel campo delle rinnovabili va concentrata la spinta finanziaria verso il solare vista la compatibilità con il nostro territorio il sussidio va erogato tenendo presente la produzione totale di elettricità su un arco di oltre 10 anni che ogni anno viene verificata perché sia in linea con quanto dichiarato in caso di rallentamento di produttività/anno si dovrà compensare l acquirente per tale calo al limite c è il ritiro della licenza indispensabile per ricevere sussidi per quanto riguarda la concorrenza dei pannelli cinesi che non sono tecnologicamente più avanzati è noto che essi godono di massicci investimenti nel loro paese per questi operatori va rivisto il meccanismo dell incentivazione tali pannelli possono attingere ai nostri sussidi solo se abbiano almeno un solo componente prodotto in europa e questo il meccanismo corretto per favorire la buona industria e non quella dei soliti furbi matteo moramarco 20900 monza gmoram@hotmail.it mister magaz i ne g i ug no 2012

[close]

p. 15

via uruguay 30/2 20151 milano tel 02.38010901 direttore resp dott.ssa barbara cologni redazione@6thcontinentmag.com mister magazine giugno 2012 15

[close]

Comments

no comments yet