Giugno 2010

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

distribuzione gratuita giornale di quartiere anno 3 numero 29 giugno 2010 di gian tonino ianitusi il bis della tor revecchia bis napoli tre volte l anno durante una solenne cerimonia religiosa guidata dall arcivescovo i fedeli accorrono per assistere al miracolo della liquefazione del sangue di san gennaro la liquefazione del tessuto durante la cerimonia è ritenuta foriera di buoni auspici per la città al contrario si ritiene che la mancata liquefazione sia presagio di eventi fortemente negativi e drammatici per la città nel xix municipio al posto del sangue di s.gennaro ci sono le buone notizie sulla torrevecchia bis si tratta di un collegamento viario che dal s maria della pietà dovrebbe arrivare attraversando via della valle dei fontanili fino a via boccea zona bastogi scopo del progetto che rientra nel piano di recupero urbano torrevecchia-primavalle è infatti riordinare la viabilità della zona divenuta nel tempo sempre più congestionata e insostenibile a causa dell apertura nel 2004 della galleria giovanni xxiii e della nascita di nuovi quartieri limitrofi nuovo quartaccio e torresina ma quando arriva la grazia di s.gennaro scusate la domanda giusta è a che punto siamo con la realizzazione della torrevecchia bis proviamo a rispondere l opera è stata divisa in due parti la prima inserita nei programmi di riqualificazione urbana art.11 la seconda nel progetto città dello sport sui terreni della famiglia sensi a torrevecchia del primo tratto di torrevecchia bis abbiamo notizie recenti l opera ha un costo di oltre 9 milioni di euro è stata finanziata in gran parte grazie ai fondi regionali degli art.11 ma senza i 2 milioni e 758 mila euro stanziati dalla giunta alemanno e fortemente richiesti dal presidente milioni non sarebbe mai andata avanti il tracciato partirà con la realizzazione di una rotonda da via sebastiano vinci s.maria della pietà passerà dietro gli istituti scolastici di via cesare lombroso per poi scendere su via della valle dei fontanili dal costone che si affaccia sugli attuali campi di pallone e infine concludersi con un altra rotonda mentre scriviamo è in corso di approvazione il progetto preliminare integrato mentre sono partite da circa un mese le procedure per gli espropri dei terreni coinvolti nel tracciato dovrebcontinua a pag 8 a

[close]

p. 2

sommario maggio 2010 il bis della torrevecchia bis gita all oasi di ninfa e sermoneta e il castello caetani frutta e verdura sul nostro balcone centri estivi fra lavoro e vacanza sud africa aspettando i mondiali il valore di una fusala lupino cosa sono i gruppi d acquisto solidale 1 6 7 10 11 12 14 15 rubriche le lettere dai lettori le vignetta del mese ricordo di le dediche dei nostri lettori news dalcomitato diquartiere centro famiglie il giardino blu la curiosità del picchio programma gite giugno 2010 intervista alla dott.ssa carla mauro cucinati per voi le perle di zia pina 3 3 4 5 5 8 9 9 13 14 16 dopo la lettura il picchio ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta perché il picchio è a favore della raccolta differenziata dove posso trovare ogni mese la mia copia de ll picchio di torresina tutti i negozi e gli studi professionali di torresina tutti gli inserzionisti esterni le edicole via torrevecchia 87 e 442 i negozi di via pietro maffi le edicole di via pietro maffi alcuni negozi di via andersen municipio 19° di via mattia battistini xix gruppo vvuu via f borromeo la biblioteca basaglia via federico borromeo 67 biblioteca casa del parco e going informagiovani di via della pineta sacchetti 78 centro anziani torrevecchia -monte mario-primavalle ama di torrevecchia santa maria della pietà ·uffici circoscrizionali pad 29-30-31 ·padiglioni 13 26 e 32 ·centro antea atletica monte mario scuola di via andersen gruppo volontari protezione civile 19 via gianbattista soria anno 3 numero 29 giugno 2010 reg tribunale di roma n 559 del 17 dicembre 2007 sede viale indro montanelli 20 00168 roma ilpicchioditorresina@yahoo.it editore associazione o.n.l.u.s noi di torresina viale indro montanelli 20 00168 roma cellulari 3338029862 3383171087 e 3396531743 direttore responsabile jean-luc giorda capo redattore stefania giannetto in redazione marcella speranza emanuela monego daniela moretti aurelia colarossi cinzia pezzola antonio picciau antonella salerno pierfederico poli progetto grafico redazionale luigi spagnoletti roberto delle case hanno collaborato a questo numero pina ladogana gian tonino ianitusi tiziana trillini iacopo tumino comitato torresina stampato presso tipografia river press group s.r.l via menalca 30 tel fax 062294420 062295925 e-mail rpg@mclink.it l associazione noi di torresina ringrazia tutti coloro che con le loro donazioni ci permettono di pubblicare il picchio questo numero è stato chiuso in redazione il 31/05/2010 2

[close]

p. 3

c le lettere dai lettori aro picchio,ci risiamo e come già previsto in un mio precedente intervento il nostro cane di quartiere si è dato da fare per la terza volta in un mese si esibito in aggressioni verso persone e altri cani fortunatamente senza danni gravi per ora l ultimo in ordine di tempo proprio qualche giorno fa davanti l edicola di torresina dove il nostro mite maremmano ha stabilito la sua dimora ma ciò che mi meraviglia di più è il fatto che le vittime di tali aggressioni ancora non segnalino alle autorità l accaduto espressione di un omertà che rischia di degenerare in avvenimenti più gravi visto che le strade del quartiere cominciano sempre più a riempirsi di bambini e di cani il paradosso più divertente è quello che pseudo amanti degli animali si schierano in difesa dei cani a tutti costi ritenendo che basti un pò di cibo e un pò di acqua per sentirsi più buoni ma quando si tratta di responsabilità nessuno oggi come sicuramente in futuro si riterrà responsabile degli eventualima non troppo danni collaterali entile redazione siamo una famiglia residente nel quartiereviale montanelli volevamo portare all attenzione degli abitanti e del comitato di quartiere la questione di alcuni cani maremmani randagi in zona via paolo rosi tali cani sembrano mansueti e ben nutriti parlando con un amico guardiaparco mi suggeriva di informarmi se tali cani siano stati come prescrive la legge sterilizzati dotati di microchip e se qualcuno nel quartiere si occupi della loro alimentazione condizione necessaria per evitare che essi diventino aggressivi e mettano in pericolo le numerose mamme con bimbi piccoli al seguito e per il benessere stesso dei cani grazie per le informazioni che spero possiate darmi g d.f fam.carminucci la vignetta del mese da urban blog torresina invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli poesie dediche o che vogliono raccontare momenti di vita lagnandosi o ringraziando ad inviarci i loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it oppure lasciando i loro scritti dal giocattolaio nuvoloni via pietro maffi 28/32 da roberto il tabaccaio di viale i montanelli o all edicola vidi di viale montanelli gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell autore che potrà scegliere di non essere citato sul giornale ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo e un recapito telefonico 3

[close]

p. 4

ricordo di un nuovo inizio dedicata a mia nonna di iacopo tumino dove sono questo deve essere il paradiso sono morta quindi quanta luce qua non vedo niente ecco ora è meglio c è un fiume di gente che mi saluta ma io non so chi sia che bello ma un momento se sono morta vorrà dire che carmelo è qui intorno carmè carmeloo dove sei niente non lo vedo lui non risponde carmelo mah signore non mi dire che ho fatto tutta questa strada e non posso neanche vedere mio marito dai dovrà stare da queste parti ersì ersì ero qui vicino ma ero andato a compare il giornale che bel sorriso che c hai è sempre lo stesso da quando eravamo ragazzi mi è dispiaciuto che se ne sia andato questi ultimi due mesi ma ricordati che la voglia di toccarti non se n è mai andata e se sentivi una folata di vento sulla faccia come facevi a pensare che era vento non facevi caso che le finestre erano chiuse e che quando stai là sotto non ti fai tante domande mentre qua c è risposta a tutto carmè che bello rivederti ancora non hai perso il vizio di vestirti elegante e quel fiore all occhiello ersì appena ho visto quello che era successo mi sono fatto la barba mi sono vestito così e sono andato in un giardino qui è pieno di giardini e nessuno si arrabbia se stacchi un fiore l ho preso e me lo sono messo sul vestito poi sono venuto qui guarda che vista sul mondo è magnifico vero ho prenotato una cena da soli adesso non devi più lavorare,hai fatto fin troppo lascia stare qui non c è il negozio non ci sono i conti da pagare ci sta solo tanta pace e nessuno te le potrà togliere ersì ma che ci fai ancora su quella carrozzina guarda che qui non ti serve a niente lo vedi che io cammino da solo dai alzati da lì che ti porto in un posto e vero carmè mi posso alzare e le gambe non fanno più male eh si ersì seguimi neanche tu mi devi aiutare hai visto che cielo si vede da qui e non si sente un clacson e via cornelia con le moto da corsa di notte è tanto lontana adesso ersì con una mano sposta quella nuvola e guarda sotto lo vedi sergio e andrea e pina li vedi si li vedo carmè è così che c hai guardato tutto questo tempo negli ultimi tempi non vedevo l ora di incontrarti un altra volta sai eh lo so ersì io ti ho aspettato e adesso che t ho ritrovata voglio solo pensare a starti vicino da così in alto si vedono meglio le cose ma adesso senti a me che è un po di tempo che sto qua mettiamoci qualche ora su queste quattro nuvole a riposare quando senti un po di vento tra i capelli guarda in giù quello vuol dire che qualcuno là sotto ci sta ricordando e se sentirai un caldo turbine di vento tutto intorno a te e lo sentirai lo so allora adagiati e fatti trascinare via da quel vento quella è la mano leggera ed invisibile di dio che ti viene a salutare 4

[close]

p. 5

le dediche dei nostri lettori un grandissimo grazie alle catechiste pina e sr.maria angela per il loro splendido modo di fare catechesi un grazie a padre walter che ci permette ascoltando le varie proposte di vivere la parrocchia in un modo più ampio e moderno un grazie a tutti coloro che collaborano all interno della nostra chiesa per renderla anche se piccola un immensa famiglia ancora grazie riccardo camilla francesca e andrea 29 6 1969 -2010 e sono quarantuno mi faccio i complimenti per essere riuscita a non farti scappare nonostante il carattere un po dispotico che ogni tanto dimostro forse sarà che sei molto tollerante troppo buono troppo disponibile sarà sei una importante parte della mia vita ma riesco anche a vederti bello che più bello non si può devo andare dall oculista ti voglio bene m auguri 3 giugno giorno assolutamente da ricordare e festeggiare perchè è il compleanno di una persona davvero speciale un grande amico un amico che tutti dovrebbero avere buon compleanno stelio aurelia e demetrio 9 giugno giorno memorabile perché È il compleanno di daniele ed è a lui che vogliamo fare arrivare tramite il picchio viaggiatore gli auguri più belli e più affettuosi mamma e papà ad antonio che il 12 giugno 2010 compirà 42 anni auguriamo a.s.s.l amore salute ­ serenità lavoro zio antonio e zia marcella enrico tiziana e simone mara angelo e lorenzo news dal comitato di quartiere torresina il giorno 30 maggio si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle cariche del consiglio direttivo del comitato di quartiere torresina sono stati eletti i candidati antonio giustiniani antonio picciau cinzia pezzola giacomo trillini vincenza pasquali sergio coresi aurelia colarossi m teresa borzi antonio di noia il comitato ringrazia sentitamente tutti i soci che hanno partecipato al rinnovo delle cariche 5

[close]

p. 6

di roberto delle case la gita organizzata dell associazione diretta questa volta all oasi di ninfa sermoneta ed il castello caetani ha riscosso un enorme successo il giardino che ogni persona vorrebbe avere nelle sue disponibilità personali per poterlo esibire come suo biglietto da visita per la sua bellezza in tutti i suoi mutevoli aspetti e noi di torresina insieme con altri siamo partiti per andarlo a vedere proprio con questo spirito e curiosità trovare il luogo dove la nostra idea di bellezza interiore si sposasse con la bellezza fisica del posto arrivati al volo al punto di raccolta l edicola vidi ed altrettanto al volo partiti abbiamo attraversato di filato il raccordo e la pontina deviando poi per le strette strade interne all agro romano con il nostro grosso bus magistralmente guidato da mani sapienti ed accorte per arrivare alla fine al giardino monumentale dell oasi di ninfa già all ingresso durante l attesa per entrare in gruppo il posto ci faceva premonire ciò che avremmo trovato dall altra parte un paradiso floreale immerso nelle acque sorgive densamente popolato di vita animale dai pesci del lago agli uccelli che ci svolazzavano intorno.una giovane ma sapiente guida di bell aspetto e con la passione per il posto ci ha accompagnato per il giro che è stata una immersione totale che non ci aspettavamo oltre che nella bellezza nella nostra italica storia quella con la s maiuscola mentre assorbivamo questo racconto ci identificavamo con chi risiedeva allora in quei luoghi e più camminavamo più capivamo perché è esistito quel posto già dai tempi antichi ninfa era al centro della bellezza del potere economico del potere religioso dell agro pontino era punto centrale di passaggio della via che andava dall altra parte dell appennino tanto che c era la dogana era al centro del potere temporale con le sue chiese che potevano dare dispensa tanto quanto le chiese di roma in entrambi i casi questo significava soldi soldi che la rendevano ricca e forte e gita all oasi di ninfa e ma era anche al centro di un rialzo naturale del suolo rispetto all immensa pianura circostante quella che si distende tra anzio e terracina situata alla base delle montagne che le davano riparo alle spalle sia dagli attacchi dei nemici che arrivavano dal mare sia dai venti freddi era un sito salubre e ben difendibile durante gli assedi dalla montagna proveniva l acqua delle risorgive artesiane che spuntavano dentro le mura di ninfa e dato che queste non erano intercettabili non poteva mai mancare l acqua pura e cristallina le sue mura fortificate possenti e inviolate oggi ruderi insieme alle abitazioni all interno dell oasi costituivano un baluardo difficile da sorprendere e da prendere la città però in seguito venne abbandonata e nel corso dei secoli deperì fino a morire ma rinacque nell 800 con i conti caetani che ristabilendosi a sermoneta ne fecero il loro giardino l espressione della loro anima quella umanamente più nobile si succedettero i loro discendenti che modellarono quel fazzoletto di terra uomini e donne di quella famiglia che nonostante la loro diversità individuale ebbero uno scopo univoco nel corso del tempo concentrare lì la bellezza la grandezza l armonia della natura esprimendola con le piante,con le loro forme colori profumi per comporre uno spazio vuoto che mutasse aspetto colore odore ad ogni stagione per f arlo d ive n t a re il giardino della propria anima bella e ci sono riusciti tanto che noi oggi possiamo perderci nell incanto creato in quel posto immerso nelle acque cristalline e plasmato dalla volontà umana 6

[close]

p. 7

di roberto delle case ecco le impressioni dei posti le atmosfere colte da alcuni partecipanti poi pranzo a sermoneta chi al sacco chi al ristorante nessuno dei due gruppi si è pentito della scelta panini vino e risate all ombra di piccoli arbusti per chi ha preferito il pic nic mentre chi è andato in paese a ridosso del castello con soddisfazione da 10 ha gustato la cucina locale sermonetana nel ristorante al castello poi tutti si sono ritrovati per la visita al paese di sermoneta una piccola gemma arroccata in alto sul sasso roccioso della montagna con i suoi vicoli medievali le sue case strette l una all altra il cui profilo è stato coordinato dal medioevo ad oggi creando quella magica atmosfera tipica dei piccoli borghi medievali con i tetti pieni di rondini e passeri ed ecco il castello caetani un monolito cubico di pietra piantato sopra il paese di sermoneta tanto alto che chiunque guardi dal giardino della rocca fino a dove il suo sguardo riesce ad arrivare coglie al volo un territorio immenso con un cielo che si perde nel mare nella foschia dell orizzonte terrestre e la pietra racconta a modo suo di fasti guerre di potere sudore e sangue d altri tempi con la sua potenza che contrasta il tempo che passa parla delle alterne vicende umane che hanno visto il castello dapprima fortezza ad un passo da roma sede del papato poi passata di mano dai caetani ai borgia ripassata ai caetani travolta dall arrivo di napoleone bonaparte e dei francesi ed infine abban e sermoneta e il castello caetani donata tanto che divenne stalla e rifugio per animali e cristiani nella seconda guerra mondiale si trasformò in ricovero per sfollati ma oggi grazie alla fondazione caetani è un luogo dove le nostre generazioni possono riflettere capire e apprendere tutto questo durante il giro con la guida anche qui giovane e sapiente si percorre la storia un passo dopo l altro si visitano la piazza d armi il salone principale le cucine la sala delle cene le stanze degli ospiti le scale sospese gli alloggi padronali della torre maschia del castello i camminamenti sulla cinta muraria con le caditoie e le merlature i camminamenti interni con le feritoie dove le guardie nel loro giro di ispezione incessante notte e giorno stavano a protezione del castello ci si ritrova all ingresso superando le porte con i ponti levatoi abbassati i fossati ormai vuoti le grate puntute delle ferrate a scomparsa bloccate sulla roccia del castello a ricordo di un periodo storico denso di pericoli e di guerre ormai scomparso e resta della giornata un bel ricordo anche godereccio ripassando per l uscita e ripercorrendo i nostri passi per ritornare al pullman con gli odori della cucina del ristorante e dei biscotti sermonetani al vino che ci invitano a ritornare per godere un altra volta delle bellezze di questo luogo 7

[close]

p. 8

continua da pag 1 bero partire entro l estate i sondaggi archeologici sovrintendenza e geognostici regione che qualora non annunciassero sorprese particolari chiuderebbero la fase della progettazione seguirebbero circa sei mesi per preparare e svolgere la gara d appalto europea se questo calendario ottimistico dei lavori venisse rispettato i primi cantieri dell opera potrebbero partire prima dell estate 2011 con una previsione di 14 mesi di lavori il piano di recupero urbano conosciuto come articoli 11 prevede a metà tracciato la nascita di nuovi insediamenti abitativi aree commerciali parcheggi e verde pubblico insieme ad un centro polisportivo con campo di calcio e zone ricreative opera privata numero 9 oltre alla cessione di un area verde del fosso di campanelle opera pubblica numero 31 al momento invasa da orti abusivi baracche e scarichi edilizi che sarà bonificata e attrezzata per essere messa a disposizione dei residenti dei quartieri di torresina e quartaccio del secondo tratto che rientra nel progetto cittadella al momento non si sa più niente le poche informazioni che ci sono risalgono ad un paio di anni fa chi realizzerà la cittadella della roma dovrà finanziare e realizzare anche le opere viarie primo fra tutte questo tratto di torrevecchia bis il tracciato dovrebbe partire con una rotonda su via della valle dei fontanili all altezza dei campi di gioco passare per via dumas ed arrampicarsi verso la collina che por ta alle case popolari pdz torrevecchia da via dei casali di torrevecchia la strada dovrebbe fiancheggiare via paolo emilio sfondrati per collegarsi infine a via don carlo gnocchi boccea di tale progetto annunciato in pompa magna da veltroni prima delle elezioni comunali del 2006 si è persa traccia prima ancora che alemanno diventasse sindaco sembra che a rallentare il progetto siano stati soprattutto i problemi finanziari della famiglia sensi ma c è chi parla di una sua rimodulazione in funzione dell arrivo della linea a della metropolitana che dovrebbe essere finanziato quasi per intero dai privati speriamo di avere al più presto delle novità per gli abitanti della zona rimane un unica preoccupante certezza serve il bis della torrevecchia bis per non morire di traffico è necessaria una viabilità alternativa all attuale che partendo da monte mario arrivi fino a via boccea la tanto desiderata torrevecchia bis qualora venisse realizzata solo nella parte destinata a collegare monte mario a quartaccio sposterebbe il problema del traffico sulla già congestionata via della valle dei fontanili dove arriveranno fogne permettendo gli oltre tremila nuovi residenti degli insediamenti abitativi di via del podere fiume 2011 e torresina due 2013 a quel punto non ci si dovrebbe stupire se si verificasse qualche piccolo miracolo della liquefazione dove a sciogliersi non sarebbe il sangue di san gennaro ma gli automobilisti in coda un servizio pensato per la famiglia il giardino blu nasce per sostenere le famiglie di qualsiasi cultura e provenienza nei percorsi di vita quotidiana e in tutte le fasi del loro ciclo vitale cos è un gruppo di auto mutuo aiuto il gruppo di auto mutuo aiuto è formato da persone che hanno in comune lo stesso problema e che nel confronto paritario con gli altri sperimentano momenti di condivisione di solidarietà e di crescita l assenza di un conduttore professionista permette a ciascun membro di attingere alle proprie risorse piuttosto che delegare all esperto la responsabilità del proprio percorso e prevista tuttavia la figura di una figura facilitante che ha il compito di promuovere la comunicazione tra i partecipanti i nostri gruppi di auto mutuo aiuto genitori non affidatari il mio/la mia ex mi mette i bastoni tra le ruote aiuto mio figlio è adolescente affido familiare istruzioni per l uso rapporti tra scuola e famiglia giochi e giocattoli la tv e i videogiochi il bullismo educazione dei figli alla sessualità gestire la separazione genitori con figli con disabilità per informazioni e iscrizioni ai gruppi potete contattarci lunedì mercoledì e venerdì dalle 9,00 alle 14,00 martedì giovedì dalle 14,00 alle 18,30 centro famiglie il giardino blu via giulio salvadori 35 roma tel 06.30683559 e-mail ilgiardinoblu@libero.it il giardino blu è aperto alle proposte dei cittadini per l attivazione di nuovi gruppi di auto mutuo aiuto 8 :

[close]

p. 9

di emanuela monego la tipologia dei premi-fedeltà per chi accumula punti acquistando sempre dal medesimo esercizio commerciale ultimamente è cambiata parecchio oltre ad un generale calo del valore dei regali offerti alcuni rivenditori offrono come premio anche generi di prima necessità il picchio curiosone ha dato un occhiata al catalogo punti di una nota marca di benzina ha notato che accanto a qualche premio importante televisore lettore dvd orologio per chi forse guidando un tir abbia accumulato parecchie migliaia di punti ed oltre ai canonici piatti e padelle sempre più esosi da conquistare compaiono numerosi buoni-acquisto presso supermercati e negozi ticket pasto punti convertibili e validi per altre raccolte e addirittura stock di generi alimentari come pasta riso cereali ovvero pacchetti di detersivi per la pulizia della casa e il bucato il picchio ha fatto due conti al volo e ha scoperto che il valore del premio spesso è minimo davvero irrisorio se si confronta con il quantitativo ed il costo del carburante consumato a fronte di 1750 euro di benzina o gasolio puoi ricevere detersivi per il valore di 30-35 euro e va anche bene visto che per la stessa cifra potresti ottenere a tua scelta anche prodotti dietetici a base di cereali o riso risotti e derivati per un totale di 18/19 euro ma 1750 euro di benzina non meriterebbero un po di più impariamo a fare i nostri conti magari quando rischiamo di restare a piedi sul g.r.a pur di arrivare pelo pelo proprio a quella determinata pompa per accumulare bollini il premio conveniente e generoso è invece un cospicuo buono per l acquisto di gpl ma ne potrà fruire solo chi abbia già un contratto per tale fornitura con il medesimo rivenditore ed entro precisi limiti per il quantitativo da acquistare come dire che nessuno ti regala niente e che anche nell omaggio ci deve essere il tornaconto di chi vende il titolo di peggior premio il picchio lo assegna allo stock di pasta compenso per 1200 litri cioè quasi 1700 euro al prezzo attuale di benzina comperata 8 pacchetti da 500 grammi per carità di ottima marca ma per un valore complessivo che non arriva ai 10 euro vabbè che una buona pastasciutta vale oro ma diamine via a.fava 56-00135 roma ­ tel.06.3081.0889 fax 0683514927 ecoideamm56@yahoo.it www.ecoideamm.beepworld.it programma gite giugno 2010 domenica 6 giugno domenica 27 giugno l anello della banditaccia a calcata le gole di celano piacevolissimo itinerario facile per tutti un po lunchiudiamo questo ciclo di gite con la più spettacolare go h 3,30 di cammino 8 km in ambienti selvaggi escursione che conosciamo un luogo magico dove la forza degli elementi ci fa capire la pochezza dell uomo domenica 20 giugno con paesaggi da favola 5 km leggermente in salita 150 mt di da monte livata a campaegli una piacevolissima escursione su una carrareccia con paesaggi dislivello facile per tutti montani e fioriture primaverili con sorpresa finale 6 km per info:paolo e franca pianeggiante facile ore serali 06.3550.4090 339.7132.645 9

[close]

p. 10

di emanuela monego frutta e verdura sul nostro balcone balcone ideale nella nostra mente è di solito abbellito da fiori e piante ornamentali per un bel balcone fiorito le migliori piante da balcone sono i titoli ricorrenti su riviste e cataloghi primaverili molte delle piante che compriamo sono stagionali muoiono alla fine dell estate o come i bulbi di fresie tulipani gladioli ed altre specie vanno estratte dalla terra e ripiantate per la successiva bella stagione ma il balcone può essere anche fruttifero possiamo cioè sfruttarlo per coltivare piante di varie dimensioni che non si limitano a fiorire producono anche cibo e non sono necessariamente solo stagionali occorre sgombrare però il campo da progetti troppo fantasiosi quel che si può coltivare sul balcone non può sostituire la frutta e la verdura della spesa perché viene prodotto in piccole quantità sarà comunque una soddisfazione specialmente per i bambini raccogliere il segno tangibile di ciò che la natura ci può offrire cresciuto grazie alla nostre cure e dentro la nostra casa per i nostri esperimenti sono indispensabili un balcone soleggiato perché tutti i frutti per maturare hanno bisogno di sole e cure non difficili ma costanti un bravo ortolano non può concedersi lunghe vacanze dato che deve esserci per innaffiare strappare le erbacce combattere i parassiti concimare quando occorre gli strumenti sono i più naturali grossi vasi 30-50 cm di lato o di diametro di terracotta o cemento la plastica si surriscalda sotto il sole e spesso i vasi di questo materiale hanno un sistema di drenaggio insufficiente canne di bambù per sostenere le piante rampicanti terriccio soffice va bene anche se mischiato a quello vecchio in parti uguali e stallatico facilmente reperibile in sacchetti nei supermercati e poi servono le piante quelle erbacee si comprano appena nate a prezzi ridottissimi per esempio dai rivenditori ambulanti che si fermano a bordo strada nel week end chi le vende saprà consigliarci sull esposizione le annaffiature e soprattutto le distanze da osservare nel metterle a dimora è fondamentale infatti che le il piante siano ben distanziate fra loro con intorno lo spazio necessario per la loro crescita possiamo far crescere con facilità le piante aromatiche basilico rosmarino prezzemolo menta salvia erba cipollina timo maggiorana sedano e peperoncino si accontentano anche di poco spazio e di vasi relativamente piccoli le piantine di insalata invece vanno piantate ad almeno 15-20 cm di distanza l una dall altra e possiamo sbizzarrirci fra lattuga canasta cappuccina rughetta barba di frate e tanti altri tipi anche il pomodoro ciliegino o pachino meglio se rampicante può essere coltivato sul balcone ogni pianta avrà bisogno di una robusta canna di bambù e di un bello spazio intorno almeno 40 cm il che significa una pianta per ogni grosso vaso sul nostro balcone possono trovare posto pure le fragole anche in questo caso sarà meglio mettere una pianta per vaso spioventi o rampicanti che siano sono comunque belle da vedere e buone da mangiare e passiamo agli alberelli per questi è consigliabile rivolgersi ai vivai o almeno a rivenditori fissi e rintracciabili visto che i costi lievitano la novità più adatta alle nostre esigenze sono gli alberelli da frutta nani ideali per gli spazi ridotti fioriscono e fruttificano davanti ai nostri occhi senza bisogno di un giardino nel vaso da 50 cm di lato o di diametro potremo coltivare albicocco ciliegio pesco pero limone arancio e mandarino se vogliamo farli vivere a lungo li concimeremo nel periodo vegetativo e li proteggeremo dal gelo invernale perché il vaso non è in grado di isolare le radici come fa il terreno nespolo e limone possono anche nascere da un seme piantato per gioco dai nostri bimbi nella terra fioriranno più tardi di quelli innestati cresceranno veloci e ci faranno sentire un po in colpa pensando a come starebbero meglio piantati in un prato e i pesticidi cerchiamo i più naturali acqua e sapone di marsiglia o verderame spruzzato quando la pianta è ancora piccola per non contaminare le parti commestibili striscioline di alluminio fluttuanti invece per allontanare i passerotti golosi qualora il timore della nostra vicinanza non vinca la voglia delle fragole o delle ciliegie che stanno diventando rosse buon divertimento a tutti 10

[close]

p. 11

di emanuela monego centri estivi fra lavoro e vacanza uando i nonni erano una risorsa familiare la fine della scuola affidava loro la gestione dei nipotini due passi al parco grandi partite di pallone sotto casa se si restava in città lunghe passeggiate in bici e gruppo di amici stagionali se la casa dei nonni era in campagna ora bambini e ragazzi hanno differenti esigenze si annoiano facilmente hanno perso interesse e capacità di adattamento agli ambienti e alle abitudini diverse dal loro quotidiano spesso insofferenti dei programmi imposti dagli adulti quando manca la sollecitazione di un gruppo intorno a loro passano le ore davanti alla tv o al pc se poi consideriamo che stili di vita e distanze da coprire allontanano piuttosto che avvicinare i parenti fra loro ecco nascere la necessità inderogabile di un posto dove lasciare i figli quando la scuola è finita ma il lavoro di mamma e papà continua il centro estivo a maggio sono già pronte pubblicità ed offerte e ce ne è veramente per tutti i gusti per tutti gli orari e per tutte le tasche sono gratuiti carta canta i centri estivi organizzati dal comune di roma presso le scuole pubbliche nella maggioranza dei casi però per le iscrizioni viene stilata una graduatoria dove il 20 dei posti è riservato ai bambini svantaggiati per vari motivi mentre per il resto operano criteri guida come il reddito familiare il numero di fratelli l età e la tempestività della domanda per la refezione se prevista occorre il pagamento di una quota l orario è intero fino al pomeriggio e ogni turno dura tre settimane fra i centri estivi a pagamento i più economici sono sicuramente quelli parrocchiali che danno la precedenza alle iscrizioni di chi vive in zona ma molte volte hanno limiti di spazio e di tempo il grest spesso non arriva a metà luglio per mancanza di animatori in genere studenti universitari i assorbiti dagli esami o dalle meritate vacanze poi ci sono le cosiddette ludoteche di solito ospitate dai locali di asili o scuole che offrono un servizio continuativo abbastanza flessibile negli orari e nei costi si paga a ore o a giorni o a settimana o al mese per la mezza giornata o per l orario intero con pasto da casa o comprato sul posto il tempo passa fra attività varie giochi lavoretti un po di movimento purtroppo gli spazi all aperto sono minimi e dispiace davvero tanto lasciare il bambino nuovamente al chiuso proprio quando dovrebbero iniziare le vacanze ecco allora l opzione del centro estivo presso impianti sportivi dotato di piscina campi da tennis e/o da calcio spazi verdi naturalmente i prezzi salgono e gli obblighi sono maggiori certificato medico per praticare attività sportiva prenotazione anticipata con tanto di acconto obbligo di fruire del servizio pasti e raccomandabile leggere bene tutto ma proprio tutto quello che c è scritto sul foglio illustrativo spesso infatti i prezzi vengono indicati al netto dell iva sconti e promozioni evidenziate sono applicabili solo in contesti precisi informiamoci quindi attentamente e con precisione prima di decidere infine ci sono i centri estivi organizzati come una vera e propria vacanza ubicati in parchi naturali fuori città possono anche proporre a chi ne voglia fruire la possibilità di pernottare come in un piccolo villaggio i luoghi sono piacevoli molte le attrazioni e le possibilità offerte compresa quella di praticare sport particolari come l equitazione o la canoa q ai costi peraltro notevoli bisogna però aggiungere mentalmente il consumo di benzina e di tempo se la frequenza è quotidiana nonché la difficoltà di far prendere i bambini qualora necessario da parte di altre persone al di fuori degli orari stabiliti per chi cerca una soluzione veloce e pratica con costi limitati e perdite di tempo minime è preferibile ovviamente rivolgersi alle strutture di quartiere che permettono anche di ritrovare gli stessi compagni ed amici della scuola dando così ai genitori l opportunità di organizzarsi insieme per limitare al minimo gli spostamenti un giro veloce nel nostro territorio ha evidenziato alcuni centri estivi o centri vacanza -centro vacanze nel verde piazza pallotta 1 tel 0661270227 dall 11 giugno al 10 settembre per bambini da 3 a 13 anni sono previste attività di laboratorio teatro favole danza giochi d acqua tornei ecc -centro estivo jasmine centro commerciale torresina via a barbato tel 066144345 dal 14 giugno al 31 luglio per bambini da 3 a 14 anni offre l opportunità di frequenza anche per singoli giorni senza prenotazione previa propone giochi all aria aperta minipiscina attività espressive ecc -l isola che non c e fatine e follettivia s bonacossa 27/a tel 063058407 offre piscina e acqua gym con insegnante di psicomotricità laboratorio musicale con insegnante di musica laboratori vari rappresentazioni gite organizzate -centro nuoto roma ssd-via dei dumas tel 0661660660 dal 14 giugno al 1 agosto e dal 30 agosto al 10 settembre con piscina campi polivalenti e mensa -centro estivo presso la ludoteca della scuola andersen tel 066279830 organizzato dal comune di roma a partire dal 14 giugno sono previste attività sportive all aperto laboratori manuali ecc la frequenza del centro è gratuita ma i bambini dovranno portare pranzo e merenda/e al sacco un ultimo consiglio tanto ovvio da sembrare banale riscontrare di persona e con i propri occhi la realtà delle strutture elencate sui volantini pubblicitari ed illustrativi per poter scegliere con cognizione di causa e soprattutto per non rischiare di rimanere delusi 11

[close]

p. 12

di tiziana trillini sud africa aspettando i mondiali orrei spendere due parole e avere il piacere di raccontare e per quanto possibile far conoscere il paese che quest anno ospiterà i mondiali di calcio il sud africa quando nel 2004 mi trasferii a johannesburg sinceramente non avevo idea di dove effettivamente stessi andando di quali fossero le tradizioni e la cultura di questo paese di quale sarebbe stato l impatto che avrei avuto nel momento in cui sarei sbarcata in questo luogo così lontano e diverso dall italia ebbene ammetto che a parte lo stordimento dato dal viaggio sono circa 11 ore di volo con uno scalo obbligatorio di quasi due ore sin da subito è scoccato il cosiddetto colpo di fulmine un amore per questi luoghi che mi ha accompagnato per tutti e cinque gli anni che ho trascorso là il sud africa è un paese tanto antico geologicamente quanto giovane infatti si è sviluppato in poco più di duecento anni questo grande territorio 3 volte l italia all estremità più a sud dell intero continente africano così distante dalla nostra realtà con stagioni contrarie e con soltanto un ora di fuso orario rispetto al nostro paese da ottobre a marzo ha avuto origine grazie ad alcune famiglie di contadini olandesi i boeri che tutt oggi parlano l afrikaans una sorta di vecchio olandese e dalle varie tribù locali sparse nel territorio gli zulu i xhosa i venda i sotho ecc l arrivo degli inglesi verso la fine dell 800 attirati dalla scoperta delle enormi ricchezze del sottosuolo particolarmente oro e pietre preziose diamanti diede origine alle due sanguinose guerre anglo-boere dove gli inglesi ebbero sempre la meglio ma non riuscirono a sconfiggere definitivamente le truppe boere composte principalmente da contadini e cacciatori durante la prima guerra i boeri ebbero l appoggio della tribù locale degli zulu una delle famose tribù guerriere dell attuale zona del kwa zulu natal capeggiati dal re shaka zulu comunque il passaggio degli inglesi che non furono dei veri e propri colonizzatori lasciò il suo segno attraverso lo sviluppo di città come cape town e johannesburg nonché lasciando abitudini e stili di vita la lingua inglese lingua ufficiale insieme ad altri 11 dialetti locali il sistema scolastico il sistema della guida delle auto ecc non meno importante fu anche il contributo che venne dato dai nostri connazionali che emigrarono in sud africa intorno ai primi del novecento attratti maggiormente dal lavoro nelle miniere d oro dove tra l altro persero la vita molte persone e che si distinsero anche per le opere di costruzione di strade di ponti ecc attualmente si stimano in tutto il paese circa 30 mila italiani v il paese visse uno dei suoi periodi più bui e negativi durante l apartheid che finì con le prime elezioni democratiche nel 1994 quando il leader del movimento anti-apartheid nelson mandela oggi premio nobel per la pace venne eletto presidente in questo paese ricco di contraddizioni ancora oggi anche se in modo meno esasperato esistono le differenze tra la popolazione bianca e la popolazione nera dal momento che la ricchezza e la povertà confinano e coabitano nelle grandi città alle zone residenziali ricche di verde con bellissime ville grandi centri commerciali ed efficientissime strutture sanitarie rigorosamente a pagamento si susseguono sterminate township dove sono confinate le razze di colore più povere che vivono in misere baracche di alluminio con luce e servizi igienici limitati ovviamente una delle priorità del governo è di poter abbattere questo divario queste barriere nonché di poter sconfiggere la criminalità dilagante insieme alla disoccupazione e alla piaga dell aids da cui è affetto quasi il 30 dei sudafricani il sud africa è però un luogo incantevole in cui si alternano diversi paesaggi dalla savana dove si possono fare i safari e si possono avvistare i famosi big five cioè elefante rinoceronte leone leopardo e bufalo il kruger park è uno delle riserve più grandi del paese al deserto della namibia alla lunga zona costiera che si affaccia nell oceano indiano amatissima dai surfisti con paesaggi mozzafiato dove la vegetazione diventa tropicale alle distese dei vigneti nel sud dove si producono degli ottimi vini tra i più famosi constantia e stellenbosch fino alla punta più estrema del capo di buona speranza che divide i due oceani indiano e atlantico ed è meta di numerosissimi turisti la gente indistintamente dal colore della pelle è ovunque molto ospitale gentile ed educata amano ed ammirano tutto ciò che è italiano e che provenga dal paese campione del mondo di calcio il calcio è uno sport seguito e praticato più dalla popolazione nera tifosissima della sua squadra dei bafana-bafana che dalla popolazione bianca più legata a sport di derivazione anglosassone come il cricket ed il rugby sono però tutti molto emozionati per il grande evento calcistico di giugno che ha mobilitato le grandi città con la costruzione di nuovi stadi certo è che chi avrà la fortuna e la possibilità di seguire personalmente la nostra nazionale in sud africa avrà modo di vivere senz altro un esperienza unica ed indimenticabile intanto nella speranza che un giorno io possa nuovamente tornare a visitare questi luoghi non posso far altro che dire forza azzurri fateci sognare ancora 12

[close]

p. 13

di marcella speranza inter vista alla dott.ssa carla mauro incontrato una giovane donna che qualche anno fa aveva un sogno insieme al marito e ad alcuni amici ha fondato l associazione magic amor di cui è presidente mi è piaciuta la semplicità con la quale ha parlato di progetti enormi come se fossero piccole cose è la dott.ssa carla mauro l associazione onlus magic amor m.a.r è un associazione senza fini di lucro nata nel dicembre 2002 a roma e composta da persone che condividono l ideale di promuovere lo sviluppo nella zona nord-occidentale della repubblica democratica del congo nella regione equateur nel cuore della foresta equatoriale la popolazione negli ultimi quarant anni a causa di un evento catastrofico quale la guerra civile ha subito un progressivo degrado socio-sanitario e culturale unito ad un progressivo isolamento economico sollecitati dalla popolazione stessa abbiamo considerato prioritaria l educazione creando scuole capaci di formare coloro che saranno gli adulti di domani e potranno trovare le risposte ai problemi del loro territorio d come nasce l associazione e con quale finalità r e nata nel 2002 quando ancora nella zona nord ovest della repubblica democratica del congo c era la guerra mio marito nzumbu lo ambetima già nel 2001 affrontando situazioni pericolose era tornato nella sua terra natale perché è un medico congolese attualmente esercita la sua professione a torresina e quartaccio n.d.r e anch io che c ero stata nel 1992 avevo voglia di ritornarvi per fare qualcosa di utile le finalità dell associazione sono quelle di creare nuove opportunità di sviluppo attraverso l educazione dei bambini che saranno gli uomini di domani a una nuova mentalità proiettata nell avvenire d qual è il bacino di intervento di magic amor r abbiamo iniziato a lavorare in due villaggi mbeti e taliba adesso lavoriamo in 25 villaggi e il bacino di intervento si estende per più di 500 km nella foresta equatoriale a partire da zongo dove abbiamo una scuola per i pigmei e fino ai villaggi nella diocesi di lisala ci sono più di 9.000 bambini nelle scuole primarie 300 ragazzi nelle scuole medie oltre 30.000 persone che usufruiscono dei servizi sanitari più di cento albini della regione beneficiano della nostra assistenza con vestiario adeguato creme protettive per la pelle e promozione dell inserimento sociale d perché avete ritenuto utile una nuova associazione pro-africa r prima di fondare la magic amor mio marito ed io ho abbiamo cercato collaborazioni con molte associazioni proponendo progetti di sviluppo ma tutte le associazioni contattate hanno risposto che avevano altri programmi e non erano interessate alla regione equatoriale del congo non potevamo abbandonare chi realmente aveva bisogno e aveva soltanto noi come punto di riferimento così abbiamo deciso di costituire questa associazione aiutati dai nostri amici e dalle persone che ci volevano bene d quali risultati avete conseguito e quali sono i progetti futuri r scolarizzare 9.000 bambini è un fatto molto positivo in una zona dove l analfabetismo era superiore al 90 tutte le nostre scuole sono dotate di libri quaderni e materiale didattico acquistato da noi ed è una situazione unica in tutto il congo stiamo educando i maestri a non punire corporalmente i bambini cosa normale in tutto il paese abbiamo proibito il lavoro dei bambini sui campi dei maestri anche questo fenomeno ubiquitario abbiamo aperto la scuola media e quest anno alcuni ragazzi conseguiranno la licenza i bambini scalzi che abbiamo seguito dalla prima classe sono diventati ragazzi che parlano francese e sanno scrivere bene una bella soddisfazione i progetti futuri sono anzitutto una scuola per ipovedenti e ciechi stiamo preparando una ragazza congolese albina e ipovedente per insegnare agli altri la scrittura braille e quello che sarà necessario prossimamente una ragazza non vedente verrà con noi in congo per perfezionare l insegnamento un altro progetto è il centro chirurgico di zongo in collaborazione con soleterre che ospiterà equipe sanitarie e chirurgiche italiane che formeranno i chirurghi sul posto e opereranno direttamente molti casi considerati non guaribili ringrazio la dottoressa carla mauro e le auguro buon lavoro associazione onlus m.a.r magic amor www.magicamor.it info@magicamor.it 13

[close]

p. 14

di marcella speranza il valore di una fusaia lupino anno 2010 ­ rivalutazione del lupino hi non li conosce i lupini a roma chiamati fusaje che troviamo sulle bancarelle vicino a noccioline bruscolini olive lacci di liquirizia e tutte quelle piccole cose che ci riportano un po all infanzia alle feste e alle sagre paesane e chi non li ha mai mangiati un sapore antico che mi riporta al passato quando dalla strada si sentilupino bianco da va il richiamo olivarooo fusaiaqui si ricavano i rooo lupini con poche lire in mano noi bambini ci accalcavamo attorno a quell uomo che posava i due secchi colmi di olive e di lupini preparava un cartoccetto di cartapaglia e con un mestolo bucato lo riempiva di quei semi lucidi e dorati che per noi erano una squisitezza ci spargeva sopra un po di sale e tutti noi facevamo a gara per prendere la fusaja più salata ogni tanto potevamo permetterci quei lupini perché costavano poco ed erano un diversivo alla scarsa merenda e poi sputando le bucce il più lontano possibile ci divertivamo valere quanto una fusaja voleva dire essere senza valore e addirittura orazio nel 65 a.c nelle sue epistole scrive l uomo saggio non ignora quanto siano distanti le monete dai lupini disprezzando quel legume che nella forma può somigliare alle monete d oro il lupino ha origini antichissime ne sono stati ritrovati semi nelle piramidi egizie e maya le prime coltivazioni risalgono a circa 4.000 anni fa sia nell area mediterranea che nelle zone andine del sud america prima del regno degli inca anche i greci e i romani esaltavano le proprietà nutritive e di digeribilità del lupino che coltivavano per ottenerne pascoli per migliorare il terreno usandoli come concime per l alimentazione umana e per scopi terapeutici la coltivazione di questa leguminose si adatta agli ambienti più ingrati ed acidi dove ogni altra coltura fallisce producendo dei semi ricchissimi di proteine ma c con un inconveniente i semi del lupino contengono alcaloidi amari e velenosi che debbono essere eliminati prima del consumo mettendo i semi in un lunghissimo ammollo in acqua corrente e quindi facendoli bollire oltre ad essere impiegati come snack spuntini o passatempo i lupini che contengono proteine paragonabili a quelle della carne e superiori a quelle delle lupino blu uova sono una valida alternativa alla soia della quale hanno meno grassi possono essere impiegati nella dieta dei celiaci e per integrare l alimentazione dei neonati con allergie la farina di lupino viene impiegata in vari prodotti da forno come miglioratore per pasta pane biscotti e cracker perché parliamo del lupino già si sapeva che il lupino era utile per prevenire l ipertensione e per regolare il colesterolo l unione europea ha finanziato il progetto healthypro-food poiché sembra che le sue proteine possano prevenire le malattie cardiovascolari come se non bastasse alla fine di gennaio 2010 alcuni ricercatori italiani hanno fatto una scoperta molto interessante una proteina del lupino ha proprietà simili a quelle dell insulina e potrebbe essere utilizzata per curare meglio chi ha il diabete lo hanno scoperto i ricercatori dell istituto san raffaele di milano che hanno analizzato in particolare la proteina conglutina-gamma abbondante nel seme di lupino con proprietà simili all insulina per il controllo dei livelli di glucosio nel sangue il lupino ha anche principi attivi potenzialmente in grado di normalizzare il livello di colesterolo ansa 27 gennaio 2010 la ricerca è in corso e l applicazione per uso farmaceutico è ancora da approfondire un umile seme con un sapore antico che piace a bambini ed adulti che è sinonimo di poco valore ha tutti i motivi per essere rivalutato lupino giallo crocchette di lupini di marcella speranza ingredienti x 2 persone ricetta veganiana 1 tazza di lupini pane raffermo sale alle erbe farina olio per friggere sciacqua i lupini sbucciali passali nel mixer insieme ad un paio di fette di pane bagnato ed un pizzico di sale alle erbe fino ad ottenere un impasto soffice ed omogeneo forma delle palline della grandezza di una noce e passale nella farina scalda l olio in una padella e friggi le crocchette per qualche minuto finchè non si formerà una dorata crosticina buon appetito 14

[close]

p. 15

cosa sono i gruppi d acquisto solidale di pierfederico poli risparmiano fino al 30 sulla spesa senza rinunciare alla qualità anzi riescono a controllare in prima persona la genuinità dei prodotti questi sono sin dalla loro origine i g.a.s gruppi d acquisto solidale formati da famiglie singoli individui e associazioni che organizzano la spesa all ingrosso saltando la distribuzione organizzata la scelta si basa su prodotti biologici e certificati rispettosi dell ambiente e dei diritti dei lavoratori da acquistare direttamente dal produttore a come nasce un gas la prima cosa ovviamente è trovare persone disposte a mangiare meglio che però siano sufficientemente aperte di mente la seconda è trovare i produttori vicino a casa nostra o un gas già esistente e qui sopraggiungono i problemi infatti ci sono molti tipi di produttori che forniscono direttamente i consumatori e molti tipi di gas ma ne parlerò meglio in seguito infine occorrono una ditta di trasporti e un luogo fisico per la consegna già il luogo di consegna è stato il punto debole del gas di torresina che ha chiuso proprio a causa della mancanza di un luogo d appoggio come accennavo prima vi sono molti tipi di gas i gas-associazione i gas-biologici i gas-distributore produttore e caccia all offerta prima d iniziare bisogna precisare che ciò che rende il gas interessante sono i fattori quantità e prenotabilità infatti un conto è fissare per tempo delle partite fisse per tutti al di sotto delle quali non è possibile ordinare un altro conto è invece andare e comprare quello che ci va il giorno stesso stile supermercato a questo proposito ricordo che proprio mentre scrivevo l articolo un amica del giornale mi ha detto questi gas non possono funzionare per le famiglie sono troppo cari lei aveva contattato due falsi gas cioè delle persone che portavano dei prodotti che non erano stati ordinati preventivamente senza dare certificazione degli stessi e peraltro a costi superiori dei supermercati infatti non si può considerare il gas come un supermercato perché il suo punto di forza è che prenotando le quantità volute si eliminano gli sprechi e si risparmia sempre però che si sia raggiunta nelle quantità una sufficiente economia di scala come potrebbe il produttore essere portato a fare lo sconto se si comprano solo 50 kg di frutta dal momento che per lui non è determinante l acquisto di 50 kg m bensì di 300 kg ora diamo una definizione di gas-associazione sono quei gas che sono composti da soci che si occupano dei vari passaggi senza altri agenti esterni come la ditta di trasporti il luogo di deposito gli addetti alla contabilità e altro i soci s interessano della ricerca dei produttori e dei metodi di produzione insieme ai gas biologici sono questi i primi ad essere nati qui però il rapporto costi-benefici è determinato dalla volontà dei soci di essere più attenti al fattore biologico piuttosto che al fattore portafogli e c è in più il fattore impegno personale la ricerca richiede del tempo in più da ricavare fra i già numerosi impegni giornalieri che ha ciascuno di noi i gas-biologici sono quelli che puntano principalmente sulla certificabilità dei prodotti sui diritti dei lavoratori ecc qui il costo è ovviamente alto e c è il rischio d incorrere anche in qualche produttore che approfitti della situazione terminiamo con quelli che a mio avviso sono i gas che possono veramente essere alternativi ai supermercati e cioè i gasdistributore,produttore e caccia all offerta ultimamente sono nati questi gas che abbinano alla qualità del produttore il risparmio dell acquisto al distributore e in più forniscono tutta la gamma dei generi alimentari dando la possibilità di scovare anche le migliori offerte questi gas inoltre permettono di scegliere i prodotti evitando così di ritrovarsi nelle cassette preconfezionate le arance mezze fradice o i kiwi acerbi e duri come bombe quindi si hanno qualità e risparmio e l unico requisito per ottenere tutto questo è saper programmare i propri acquisti il gas può essere un alternativa alla distribuzione come la conosciamo ma tutto dipende dalle sue caratteristiche che dobbiamo saper riconoscere 15

[close]

Comments

no comments yet