Il fenomeno Nibiru vol.2 - le critiche: Ian Lawton

 

Embed or link this publication

Description

Il secondo volume del' opera "Il fenomeno Nibiru", la più completa antologia di analisi della teoria di Zecharia Sitchin. In questo volume l' autore ci conduce attraverso l' analisi delle critiche di Ian lawton, ricercatore alternativo ed esperto di civil

Popular Pages


p. 1

il fenomeno nibiru analisi delle conferme e delle critiche alla teoria di zecharia sitchin vol 2 le critiche ­ ian lawton 1

[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

3

[close]

p. 4

4

[close]

p. 5

indice introduzione 7 ian lawton 15 le motivazioni di ian lawton 17 i punti da discutere 20 introduction to sitchin s theories 20 sitchin s scholastic approach 24 what s in a shem 36 i 12 shem 40 sitchin s pantheon 76 sitchin s cosmology and planet x 95 nove obiezioni astronomiche 101 la creazione della terra 132 il mistero del rakia 133 visitors from elsewhere 139 nephilim anunnaki ed igigi 148 il reperto wak-8535 157 planet nibiru 168 ian lawton sulle piramidi 177 il cartiglio falso di cheope 178 bibliografia 191 l autore 193 5

[close]

p. 6

6

[close]

p. 7

tra sitchin tutti é gli introduzione autori definiti alternativi stato le sue il più teorie hanno zecharia e la sicuramente quando sconosciuto trovato successivamente diffusione dovuta il più criticato mai in nessun altro caso si é vista una caccia alle streghe simile a quella condotta subdole contro che via per sitchin si é nemmeno e il criticatissimo nelle ha ha erich più subito dovuto ad vondaeniken inquisizioni affrontare attaccare visto a denigrato quelle stati che i maniere cartacea da multimediale sitchin si gli lati paragonabili non attaccato sitchin entrambi perchè sono soltanto scettici alle cui reazioni siamo stati abituati nel corso del tempo ma anche coloro che dalla critica a questo personaggio e alle sue teorie hanno fatto fortuna nel campo della new age basti pensare che numerosi autori hanno attinto al materiale presentato da sitchin ma successivamente si sono lanciati in una aspra critica generalmente dovuta al fatto che sitchin mostra una visione della storia dell uomo che smonta tutta la parte spirituale e mistica che gli autori new age cercano disperatamete di propagandare personaggi come jonathan e jelalia starr fondatori del famigerato nibiruan council che afferma di essere in collegamento canalizzato con gli anunnaki steffan e amitakh stanford autori di vari saggi relativi al presunto dominio degli anunnaki su questo 7

[close]

p. 8

mondo che ci terrebbero in una sorta di stato di schiavitù mediatica e spirituale tra i quali la versione anunnaka dei protocolli dei savi di zion e vari altri autori devono la loro fortuna e il loro seguito a ciò che hanno rubato dalla teoria di sitchin distorcendola e criticando l autore per la sua visione del fenomeno e della storia sumera non ultimo anche alan alford il primo autore a diffondere la teoria di sitchin con sostanzali rielaborazioni comunque attinenti antiche cambiando nel suo si libro é il rotta mistero e della il genesi suo delle le civiltà rivoltato contro mentore che completamente dichiarando spiegazioni di sitchin non sono verosimili scordandosi però che nel suo stesso libro portava una montagna di indizi e prove a sostegno della teoria dell autore azero in effetti a parte questi miei volumi alan alford é stato l unico autore al mondo che ha sostenuto e cercato di documentare le teorie dunque riguardanti é gli anunnaki il e suo cambio di rotta non mi immotivato incompleto autolesionista meraviglia dunque che alford abbia perso tutto il suo seguito di lettori una volta abbracciata la sua nuova visuale in questo volume e nei prossimi però non prenderò in considerazione le critiche mosse dall ambiente new age non reputandolo meritevole di attenzione mi dedicherò soltanto alle critiche però che dire giungono che mi da personaggi alle estranei critiche a quel dell mondo e al mondo della archeologia alternativa non sarebbe corretto dedicherò establishment inquanto l establishment accademico non si é mai esposto fino a prendere posizione contro sitchin salvo rarissimi casi come quello di john halloran autore di un monumentale sumerian lexicon che nel suo sito personale alla sezione sumerian questions and answers dedica alcune 8

[close]

p. 9

domande e risposte all argomento sitchin ovviamente come ci si può aspettare halloran si dichiara in disaccordo con le interpretazioni di sitchin evitando però di spiegare il perchè e di fornire dimostrazioni dei presunti errori dello studioso o come il docente italiano lorenzo verderame col quale ho dibattuto pubblicamente in un forum di misteri dibattito finito miseramente in aperta lite a causa delle falsità scritte dal professore ad halloran dunque in come un anche sarà a verderame occasione dedicherò le per anche abbastanza critiche spazio miste prossimo che volume riguardante volume ripassare molte delle critiche classiche mosse un po qua e un po la a sitchin il resto dell establishment in tutti i campi coinvolti dalla linguistica alla mitologia alle scienze non si é mai pronunciato in merito a queste teorie e ci sarebbe da chiedersi il perchè nonostante ciò con sfacciataggine i critici di sitchin supporta continuano le ad affermare e che nessun di assiriologo traduzioni interpretazioni sitchin senza rendersi conto che una affermazione simile non può essere tradotta come vorrebbero in le traduzioni e interpretazioni di sitchin sono sbagliate non fanno ovviamente nessun nome di personaggio pubblico accademico che abbia pronunciato giudizi su sitchin e gli unici nomi che forniscono son solo quelli di altri critici loro pari un caso a parte in viene rappresentato e letteratura volume di da michael s il heiser quale opera ha che laureato lui lingua il semitica questa addirittura creato una serie di siti web contro sitchin e a dedicherò terzo mia includerà anche alcuni stralci di miei interventi sul suo blog paleobubble e le sue fantasiose risposte 9

[close]

p. 10

questo critiche volume mosse da invece ian sarà dedicato uno iteramente molto alle molto lawton studioso particolare che personalmente ho sempre ammirato ma che non posso esimermi dal bacchettare per l atteggiamento mostrato verso sitchin dal quale lui ha abbondatemente attinto pur non menzionandolo prima di avventurarci in questo volume però reputo sia corretto fare alcune premesse e precisazioni nell introduzione del primo volume di questa opera dedicato alle conferme giunte alla teoria ho raccontato quale é stato il mio percorso quando ho conosciuto per la prima volta i libri della serie le cronache terrestri di sitchin la lettura del primo libro un di sitchin e fu un per colpo me tali uno da shock farmi indescrivibile emozione letteralmente abbandonare la visione religiosa razionalista che all epoca avevo ma dopo ripreso da questo shock mi posi con un un occhio critico verso i contenuti dei suoi libri a darmi questo impulso fu proprio il sito di michael heiser che dimostrava commessi da tanti sitchin errori ero un linguistici po deluso e in interpretativi effetti e la bolla si stava sgonfiando quando invece mi capitò di poter verificare che heiser per dimostrare gli errori e la malafede avessi di sitchin commetteva che egli heiser stesso stava determinati errori e giocava sporco nonostante dunque capito ingannando il lettore e spiegherò il perchè e il come nel volume a lui dedicato e avessi ripreso fiducia nel lavoro di sitchin rimasi comunque critico verso i libri che mi avevano così tanto entusiasmato e colpito iniziai nel tempo alcune ricerche riguardanti determinati dettagli quelli che mi 10

[close]

p. 11

sembravano accorsi che più si facili trovava da in verificare rete e e con poca sorpresa fatica mi una con montagna di materiale inerente determinate asserzioni fatte da sitchin ma nessuno degli studi spesso scientifici che trovavo nominava sitchin erano tutte nozioni che venivano da studi e scoperte indipendenti fatti da e personaggi dell nel establishment linguistico archeologico scientifico giro di pochi mesi raccolsi più di 100 link di questo genere alcune copie di altri già trovati ma che magari spiegavano qualcosa in più o meglio iniziai quindi a catalogarli e potei spesso accorgermi ignorati che i punti chiave e in cosa studi ancora condotti più da importante alcuni piccoli dettagli della teoria coinvolta trovavano riscontro scienziati ma dei quali normalmente il popolino non viene a conoscenza iniziai a scrivere articoli e non completamente contento condurre di i dovermi miei basare ciò quello che su studi scoprii altrui in iniziai vari a e campi particolarmente linguistico iconografico archeologico era assolutamente unico mi posso pregiare di aver fornito in questi anni tante anteprime analisi mai condotte da nessuno interpretazioni e raccolta di evidenze iconografiche specializzati identificato teotihuacan e nei uno archeologiche campi di e che giza questi casi nell che fu neanche affrontando il egitto autori avevano tra che stavo paragone paragone nel mexico abbracciava la struttura dei siti i personaggi a cui erano dedicati e le attribuzioni che li legavano a doppio filo tutto confermava ciò che sitchin scrisse anni prima in gli dei dalle lacrime d oro ma nemmeno sitchin nei suoi libri aveva trattato alcuni dei dettagli che io fornivo 11

[close]

p. 12

in tutti questi anni ho cercato di mantenere una condotta critica ma obiettiva che mi ha permesso di evidenziare quali effettivi errori sitchin commetta quali estensioni si sia permesso di fare dimostrando comunque che in nessun caso sono ingiustificate ma anche di dimostrare che un buon 95 delle critiche troppo mossegli impegno sono in fallaci e e nei smontabili prossimi senza nemmeno questo volumi dunque affronto il tema delle critiche a 360° si tenga presente e di questo son costretto a scusarmi che la mia opera é nata come volume unico e solo successivamente si é trasformata comportare in per un il lavoro lettore in una vari certa volumi ciò a potrebbe seguire difficoltà alcuni discorsi anche se nella rielaborazione dell opera ho cercato di ripetere quando strettamente necessario concetti che erano originariamente espressi nella sezione riguardante le conferme e che in quella riguardante le critiche non erano ripetute perchè date per assunte va da sé dunque che per poter apprezzare al meglio la globalità del discorso relativo alla teoria di sitchin sarebbe necessario leggere tutti i volumi lettore trattato i maggiori critici della opera di sitchin sono essenzialmente quattro ·michael s heiser ·ian lawton da solo o con il supporto di chris ogilvie herald ·jason colavito ·carlo bolla 12 nonostante che si possa ciò e fare ogni una volume idea é esaustivo da solo per che l il argomento tratta permette anche approfondita sul tema

[close]

p. 13

ci sono poi vari autori italiani e stranieri che si sono lanciati in critiche meno approfondite di quelle messe in atto da queste tre figure ognuna o rob nello rivolta quel a esaminare e presumibilmente bernard carroll ortiz e smontare de questo particolare della t teoria di sitchin possiamo ricordare tra questi chris siren montellano panizza hafernik scrivere robert questi stefano volumi relativi alle critiche avevo scelto inizialmente di produrre un unico volume che riassumesse tutte le critiche divise in sezioni una per ognuno dei maggiori critici più una finale con le critiche miste raccogliendo volume avrebbe il materiale però mi son accorto le 600 che il superato abbondatemente pagine risultando talmente ostico da essere perfino fastidioso ho deciso allora di produrre più volumi allo stato attuale il progetto complessivo di questa opera prevede i seguenti volumi volume 1 le conferme volume 2 le critiche di ian lawton volume 3 le critiche di michael heiser volume 4 le critiche miste approfittando molti lettori di questa nuova struttura mi é stato ho deciso di porre rimedio a un inconveniente che mi é stato segnalato da del primo volume fatto notare infatti che spesso l aver riportato citazioni originali in inglese senza traduzione ha messo in difficoltà il lettore che faticava a seguire e verificare i contenuti nella loro totalità 13

[close]

p. 14

in questo e nei prossimi volumi tutte le parti originali verranno seguite da una traduzione iniziamo allora questo viaggio ed andiamo a conoscere il primo critico 14

[close]

p. 15

ian lawton 15

[close]

Comments

no comments yet