Esercitazioni con Audacity per gli alunni della cl@sse 2.0 di M.R.Mazzola (2012)

 

Embed or link this publication

Description

Esercitazioni con Audacity per gli alunni della cl@sse 2.0 di M.R.Mazzola (2012)

Popular Pages


p. 1

esercitazioni con audacity di maria rosa mazzola strumenti didattici per la cl@sse 2.0 g.b.piranesi roma a.s 2011-12

[close]

p. 2

indice esercitazione n 1 ascolto visuale esercitazione n 2 eco e rimbombo esercitazione n 3 intensità esercitazione n 4 modifichiamo l intensità del suono esercitazione n 5 altezza esercitazione n 6 timbro esercitazione n 7 osserviamo i suoni esercitazione n 8 timbro vocale esercitazione n 9 creiamo suoni ed effetti sonori esercitazione n 10 grammelot per voce sola esercitazione n 11 spot pubblicitario maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 3

esercitazione n 1 ascolto visuale installa il software audacity presente in questa cartella e comincia a sperimentarne le caratteristiche e le potenzialità ti sarà utile in diverse altre occasioni di lavoro multimediale ascolto «visuale» i pini di roma di o respighi che cosa farai utilizzando il software audacity ascolterai e analizzerai alcuni aspetti di un brano visualizzandone la forma d onda con questa attività imparerai a servirti di audacity per riconoscere alcune caratteristiche del suono ascoltato nella rappresentazione grafica del suono stesso realizzerai l attività proposta ascoltando il brano pini della via appia tratto da pini di roma di ottorino respighi maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 4

procedi come segue · apri il file pini della via appia allegato al cd o scaricabile da musica@scuola all url http blog.eun.org/musica · osserva la forma d onda se è necessario adatta alla finestra la visualizzazione come puoi vedere il brano è composto da due forme d onda sovrapposte quasi uguali tra loro questo perché come ogni brano contenuto su un qualsiasi cd audio è un brano stereo pensato per l ascolto con due altoparlanti destro e sinistro maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 5

inoltre puoi facilmente distinguere la struttura in tre parti del brano la parte iniziale con un intensità piuttosto bassa quella finale con un intensità molto elevata e la parte intermedia di collegamento in crescendo fra le due parti estreme osserva in alto sono indicati minuti e secondi ora rispondi alle domande con approssimazione quanto dura la prima parte a circa 1 minuto b circa 2 minuti c circa 4 minuti maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 6

dove inizia la parte in fortissimo a intorno a 2:30 di riproduzione b intorno a 1:15 di riproduzione c intorno a 3:15 di riproduzione qual è la durata del crescendo a 10 secondi b 30 secondi c 1 minuto maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 7

adesso ascolta il brano e osserva lo scorrere della barra verticale durante l ascolto la forma d onda varia in continuazione e ti può fornire degli «appigli visivi» per individuare alcuni eventi sonori piuttosto evidenti cerca di memorizzare visivamente dove si trova la barra di scorrimento quando ascolti questi eventi sonori · inizio della melodia suonata dal corno inglese · attacco degli ottoni poco dopo la fine della melodia del corno inglese è il punto in cui inizia il crescendo · colpi di piatti ce ne sono diversi nel fortissimo una volta ascoltato il primo sarai in grado di riconoscere prima di ascoltarli tutti gli altri sono infatti chiaramente riconoscibili nella forma d onda grazie a delle «punte» che fuoriescono dalla forma d onda complessiva della terza parte maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 8

dopo aver ascoltato il brano riposiziona la barra di esecuzione nei punti che prima hai memorizzato visivamente cerca di ritrovare i punti precisi in cui hai ascoltato gli eventi indicati in precedenza per ognuno devi · cliccare col mouse sul punto che hai individuato osserverai che la barra verticale si sposta nel punto in cui avrai cliccato · ascoltare per essere certo che il punto cercato sia esatto · in caso non sia esattamente il punto giusto sposta pian piano la barra verticale verso destra o verso sinistra con le freccette presenti sulla tastiera · riascolta · quando hai individuato il punto preciso guarda in basso nella casella inizio selezione il valore che è scritto lì in minuti e secondi è il punto in cui si trova la barra di scorrimento e quindi il punto preciso in cui avviene l evento sonoro che hai individuato maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 9

scrivi dunque accanto ad ogni evento sonoro il punto preciso in cui inizia eventi sonori memorizzati minuti secondi inizio della melodia suonata dal corno inglese attacco degli ottoni dopo la parte del corno inglese colpi di piatti ricorda che puoi riascoltare anche solo una porzione del brano semplicemente selezionando la parte che ti interessa e cliccando sul pulsante play il riascolto può anche essere continuativo mandando in loop la riproduzione del file maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 10

esercitazione n 2 eco e rimbombo utilizzando il software audacity sperimenterai il fenomeno del rimbombo e dell eco che cosa farai il fenomeno della riflessione sonora dipende dagli spazi in cui il suono viene prodotto quanto più sono ampi tanto maggiore sarà il ritardo tra il suono iniziale e i suoni riflessi il computer ci consente di realizzare «artificialmente» il fenomeno dell eco e del rimbombo esso ci permette di aggiungere a un suono originario dei suoni riflessi con diversi tempi di ritardo simulando diverse situazioni ambientali dai piccoli spazi in cui il ritardo tra il suono iniziale e quelli riflessi è minimo agli spazi più estesi in cui il ritardo è maggiore maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 11

eco e rimbombo al chiuso eco e narciso procedi come segue · seleziona tutto il suono e applica l effetto echo con tempo di ritardo 0,01 nella casella tempo del ritardo secondi cancella il numero e scrivi 0,01 · ascolta il suono hai ricostruito «artificialmente» la situazione che si verifica in un ambiente piccolo dove il ritardo tra il suono originario e i suoni riflessi è piccolissima non si percepiscono altri suoni oltre a quello iniziale · esporta come wav con nome suono con lieve ritardo · annulla l effetto il suono ritorna al suo stato iniziale · applica l effetto echo con tempo di ritardo 0,1 · ascolta il suono adesso si può sentire un leggero «allungamento» del suono originario È il rimbombo che si verifica in un ambiente più grande · esporta come wav con nome suono con rimbombo · annulla l effetto il suono ritorna al suo stato iniziale · applica l effetto echo con tempo di ritardo 0,2 · ascolta il suono ora sono chiaramente percepibili suoni diversi È l eco vera e propria · esporta come wav con nome suono con eco se vuoi puoi provare ad applicare tempi di ritardo sempre più lunghi 1 secondo 2 secondi per sentire come la separazione dei suoni risulti sempre più evidente maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 12

eco e rimbombo all aperto procedi come segue · registra la tua voce pronunciando il tuo nome abbi cura di registrare anche diversi secondi di silenzio dopo aver pronunciato il tuo nome ciò servirà a «far posto» all eco che applicherai successivamente · ascolta ciò che hai registrato se non ti piace puoi sempre selezionare il suono cancellare e ripetere la registrazione quando hai ottenuto una registrazione soddisfacente esporta come wav con il nome mia voce · seleziona tutto il suono e applica l effetto echo dovrai scegliere tu un tempo di ritardo che dia un risultato per te accettabile · ascolta il risultato se non ti piace annulla l effetto e applica l effetto echo con un tempo di ritardo differente quando il risultato ottenuto ti piace esporta come wav con il nome voce tra i monti maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 13

esercitazione n 3 intensità che cosa farai utilizzando il software audacity visualizzerai e ascolterai suoni di diversa intensità questo ti permetterà di visualizzare il rapporto tra intensità del suono e ampiezza dell onda sonora maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 14

rappresentazione grafica dell intensità sonora suono 3 procedi come segue suono 4 · importa il file audio suono 3 si crea una traccia con lo stesso nome del file suono3 · importa il file audio suono4 si crea una ulteriore traccia suono4 risulta subito evidente una differenza visiva tra i due suoni determinata dalla diversa ampiezza dell onda l onda sonora di suono 3 appare più ampia di quella di suono4 vediamo quali sono le differenze percettive nei due suoni ascolta solo il suono 3 · clicca sul pulsante solo della traccia suono 3 · clicca sul pulsante play adesso ascolta solo il suono4 · clicca sul pulsante solo della traccia · clicca sul pulsante solo della traccia suono 4 · clicca sul pulsante play maria rosa mazzola@2012

[close]

p. 15

i due suoni hanno intensità diversa qual è il suono più forte a suono3 b suono4 l intensità del suono dipende dunque dall ampiezza della sua onda sonora quanto più ampia è l onda sonora tanto più è il suono prodotto come risulta il timbro dei due suoni a uguale sono stati creati con le stesse caratteristiche timbriche b diverso sono stati creati con catratteristiche timbriche differenti com è l altezza dei due suoni a il suono3 è più acuto del suono4 b il suono3 è più grave del suono4 c i due suoni hanno la stessa altezza maria rosa mazzola@2012

[close]

Comments

no comments yet