Marzo 2008

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

distribuzione gratuita giornale di quartiere anno 1 numero 4 marzo 2008 separare i rifiuti è ora di sbrigarci malagrotta a breve non potrà più contenerne e per non ritrovarci con le strade invase dalla spazzatura sarebbe opportuno iniziare veramente a fare la raccolta differenziata anche solo per imparare dove devono andare i nostri usatissimi piatti di plastica di anna rita taurino e d eccoci a trattare un argomento così trito e ritrito dai vari mezzi d informazione che insisterci potrebbe sembrare superfluo purtroppo il ritardo e la lentezza delle iniziative volte a migliorare il problema dei rifiuti ci fa permanere in una situazione definita già da anni allarmante alla quale è urgente porre rimedio e che richiede la partecipazione attiva di tutti i cittadini la raccolta differenziata è un obbligo da tempo e da tutti individuata come una necessità per raggiungere l obiettivo della riduzione dei rifiuti da smaltire la raccolta differenziata stenta a marciare in molte zone il comune di roma non brilla tra quelli che hanno conseguito i migliori risultati ma ha deciso di rimboccarsi le maniche e ha stilato con l ama un piano che dovrebbe ­ nel corso del 2008 ­ far fare un balzo in avanti alla nostra città mancano ancora molti denti all ingranaggio funzionale previsto per il ciclo completo dei rifiuti ma tutto parte e fondamentalmente si basa sulla separazione dei vari materiali di scarto che andranno riutilizzati ed è proprio su quest aspetto che mi voglio soffermare perché riguarda indistintamente noi tutti che abbiamo l obbligo di separare in casa i materiali prima di disfarcene in modo corretto un impegno quotidiano che richiede attenzione e costanza perché sembra semplice distinguere tra carta plastica metallo e vetro ma chi già da anni ci sta provando incontra spesso difficoltà ad individuare la giusta collocazione di svariati oggetti che si maneggiano in casa che dire per esempio delle numerose confecontinua a pagina 7

[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

sommario febbraio 2008 separare i rifiuti è ora un quartiere in festa le memorie di minnie roberto melilli ingiustiza è fatta 11 1 9 10 collabora con il picchio di torresina scrivendo articoli recensioni interviste o curando una rubrica di una delle sezioni e/o argomenti del giornale un calendario delle mostre ed eventi della tua città di un museo o di altre attività espositive in italia o all estero o presentando e recensendo artisti scrittori libri studiosi e compositori gallerie e studi associazioni circoli letterari o musicali una dolce passione chiamata paracadutismo diversamente giovani 13 16 rubriche voce ai giovani di torresina angolo delle curiosità storia e storie del nostro quartiere le lettere dei nostri lettori pillole di tecnologia e intervista a l angolo della poesia il professionista risponde numeri utili 6 5 5 12 14 15 15 4 6 l invito è rivolto a scrittori e poeti a giornalisti e non ai compositori e musicisti ai viaggiatori insomma a tutti coloro che vogliono far sentire la propria voce e la loro opinione o semplicemente a tutti coloro che vogliono far sapere qualcosa sono gradite segnalazioni di libri di musica di film di attualità di storia di curiosità tutto ciò per tenere e tenerci informati su quello che ruota intorno a noi vicino e meno vicino manda il tuo contributo o le tue foto a ilpicchioditorresina@yahoo.it e se non hai internet lascialo tranquillamente presso la nostra sede la libreria inkiostro in viale indro montanelli n 131 ricordando di inserire nome e cognome e recapito telefonico per essere ricontattato il materiale inviato sarà visionato dalla redazione del giornale prima di venire pubblicato e non verrà restituito anche se non pubblicato non saranno presi in considerazione contributi anonimi e la collaborazione si intende a titolo gratuito saranno tenuti integri e riportati tutti i riferimenti di copyright errata corrige l articolo il boomerang del parco che nello scorso numero risultava erroneamente firmato dal comitato di quartiere in realtà era stato scritto da un consigliere ed era stato portato ai voti del consiglio direttivo che dopo estenuante ed animata discussione aveva deciso la sua pubblicazione firmandolo consiglio direttivo a maggioranza doveroso chiarimento visto che tra i consiglieri qualcuno pur appoggiando le motivazioni dell articolo non ne condivideva i toni la compagnia del drago organizza il i° concorso fotografico la vacanza del drago costituiscono oggetto del concorso fotografie che rappresentino il tema della vacanza in maniera originale per contenuti e qualità il concorso è suddiviso nelle seguenti categorie natura e paesaggi città arte ed architettura civiltà e persone saluti e baci in questa categoria sono ricomprese tutte le immagini tipiche da cartolina senza alcuna tematica specifica purché divertenti o curiose uno sguardo particolare spazio riservato ai diversamente abili per maggiori informazioni visita il sito www.compagniadeldrago.it 3

[close]

p. 4

voce ai giovani di torresina lavoro alle nuove generazioni di kiara il mondo del lavoro è sempre più un enigma per i ragazzi di oggi un universo affascinante ed ampio un mondo che prima attrae e seduce con facili guadagni e poi ripudia proprio così nella società di oggi se non hai molti soldi e/o una buona dose di conoscenza non sei nessuno e forse non lo sarai mai da piccoli spesso ci veniva chiesto cosa avremmo voluto fare da grandi e con ingenua determinazione c era chi sognava di diventare avvocato chi medico chi sportivo eravamo ottimisti nella società attuale verso la quale tutt ora è riposta la nostra totale fiducia ma non sempre i sogni diventano realtà quanti infatti arriveranno alla meta professionale prefissata c è chi magari per mancanza di opportunità anche economiche ha cambiato idea rinunciando agli studi dovendo così guardarsi intorno per poter vivere e c è chi ha provato ad andare avanti tra mille peripezie rimanendo alla fine uno dei tanti che non ha fatto e forse non farà mai carriera accontentandosi di un contratto a progetto o a tempo determinato che se sei fortunato arriva a sei mesi costretto ad impegnarsi faticosamente per arrivare alla fine del mese per poter pagare tutte le bollette con il proprio modesto stipendio e forse se riuscirà a dimostrare la propria competenza avrà la fortuna di rinnovo del contratto naturalmente per altri sei mesi ma il problema più grande è che queste persone siamo noi ragazzi molti dei quali anche plurilaureati un esercito per il quale non c è nessuna opportunità anche a causa di molte raccomandazioni incompetenti in tutto questo la nostra ambizione dove sta cerca di resistere e di sopravvivere in questo difficile universo nel quale bisogna accodarsi e tenersi ben stretti a tutti i costi per non restare indietro e rischiare di perdersi o peggio essere dimenticati dal resto della società la cura del girasole ­ onlus è una associazione costituita nel gennaio 2006 su sollecitazione della dirigenza dell ospedale bambino gesù obg irccs di roma per la gestione e la conduzione di alcune delle attività del progetto girasole la onlus da agosto 2006 su incarico dell ospedale svolge un servizio di consulenza specialistica dedicata a genitori minori professionisti dell infanzia servizi psico socio sanitari e giudiziari per fornire indicazioni utili ad affrontare una situazione certa o sospetta di abuso attraverso consulenza telefonica 24/24 h e consulenza clinica diretta in ospedale gestisce all interno dell obg una parte delle attività del progetto girasole ed in particolare · · · l attività di consulenza telefonica diurna notturna le consulenze psicologiche in sede a breve termine per i casi di abuso e disagio correlato il lavoro di rete intra ed extra ospedaliero l attività didattico-formativa accoglienza telefonica psicologica tel 06-39911284 segreteria tel 06-638199 onlus@lacuradelgirasole.it 4

[close]

p. 5

pillole di tecnologia e futuro a cura di luigi spagnoletti la memoria ecologica e di plastica sony reinventa la tv entro il 2015 molti componenti elettronici un televisore a colori sottile come un a cominciare dalle memorie saranno fatti foglio di carta beh quasi la proposta viene da sony di plastica xel-1 è uno lo assicura schermo oled la organic cioè a diodi electronics organici di 3 association mm di spessore oea sono e 11 pollici flessibili in vendita in biodegradagiappone per la bili e conon certo modistano poco ca cifra di 20visto che 0mila yen che per produrli fanno più o meno 1.220 euro il bello basta una della tecnologia oled è che consuma postampante chissimo quindi si potrebbe anche pensaspeciale re di alimentare la televisione con l energia solare fonte week.it ­ l informazione hi-tech per l impresa fonte week.it ­ l informazione hi-tech per l impresa le lettere dei nostri lettori indirizzo mail ilpicchioditorresina@yahoo.it caro picchio approfitto della tua rubrica per esporti una mia preoccupazione abito e lavoro a torresina che sembra essere un quartiere senza grandi problemi di sicurezza tuttavia vedere un motorino semidistrutto abbandonato a via p.rosi vedere le cassette del gas dell acea ecc prive di coperchi o sportelli rubati vedere che nell aiuola vicino all edicola tre piante sono state rubate nottetempo vedere che dagli armadi portagiornali all esterno dell edicola sono spariti i lucchetti mi fa pensare che forse una sorta di microcriminalità o teppismo se vogliamo non manca neanche qui cosa possiamo fare ne vogliamo parlare informare è il primo passo per prevenire ti saluto augurandoti grande successo e ringraziandoti fin da ora per quello che farai per il nostro quartiere vincenza pasquali gentile lettore la ringraziamo per il suo intervento perché ci da l opportunità di affrontare un problema comunemente sentito infatti ci sono arrivate anche altre segnalazioni purtroppo ignoti si sono introdotti nel futuro asilo nido arrecando danni all interno e portando via della mobilia credo che sia importante la collaborazione di tutti noi per la sicurezza della cosa pubbliche e private.telefonando alle forze dell ordine per denunciare illeciti o movimenti sospetti è sicuramente una mossa per prevenire i malintenzionati 5

[close]

p. 6

Ä exzÇÉ wxÄÄt ytÇàtá|t abbigliamento ed intimo bambini e neonati viale indro montanelli 133 00168 roma zona torresina tel 066276667 storia e storie del nostro quartiere paolo rosi di antonio picciau efinire un pugile l ape che ronza commentare do un bagaglio lessicale ampio e immaginifico sentila frase e il momento in cui ogni cosa che menti ed emozioni offuscavano al suo microfono dati e spunta dall erba va falciata alzare il tono di una voce cifre non gradiva essere inquadrato era leale a dispetto di inconfondibile per accompagnare l impresa di un atun carattere spigoloso scorbutico per leta che in pochi secondi polverizza i sacrifici di una vita ha raccontato gli atleti e chi non lo conosceva a fondo orgopaolo rosi telecronista eclettico non le loro fatiche che ha glioso quasi anarchico nel non accettare ordini discutibili o soprusi inguaamava i numeri e le statistiche che sempre rispettato ribilmente romantico si oppose ai ritsubiva come un male necessario da mi convulsi di una televisione moderex rugbista capitano della nazionale na rifiutandosi di cedere la linea al cospetto di un reed unico italiano inserito nella rappresentativa del cord lo spot pubblicitario poteva aspettare ma queresto del mondo che affrontò l inghilterra nel tempio sto ricordo è già troppo lungo paolo avrebbe bofondi twickenham amava raccontare il profilo umano chiato parla di sport i protagonisti non siamo noi dello sport comodi in tribuna ma gli atleti e le loro fatiche sapeva divertire far riflettere commuovere sfruttan d l angolo delle pasqua festa del cioccolato di marcella speranza ma che cos è questo alimento gradito da tutti il cibo degli dei lo chiamarono gli antichi maya che ne apprezzavano sia il sapore che le virtù tonificanti lo tenevano talmente in considerazione che i frutti del cacao venivano usati come monete i maya furono i primi che coltivarono il cacao e lo fecero conoscere ai conquistadores spagnoli che apprezzarono le virtù della pianta il cacao giunse in europa nel 1600 si usava come bevanda con zucchero e cannella ed era riservato alle corti reali di spagna e francia venne usato anche come medicina per le sue proprietà stimolanti divenne tavoletta in forma solida solo nel settecento l albero del cacao è alto da quattro a otto metri ogni anno sul tronco spuntano dei fiori i quali generano un frutto simile a un cedro allungato verdognolo che maturando diventa di colore bruno rossiccio e custodisce all interno immersi un una sorta di polpa gelatinosa i semi simili a mandorle che sono detti fave di cacao da questi semi essiccati fatti fermentare torrefatti e macinati si ottiene la polvere di cacao il cioccolato è un cibo tra i più apprezzati al mondo per il suo gusto e il suo potere energetico è ricco di caffeina perciò è anche stimolante per il sistema nervoso il cacao in quanto prodotto vegetale non contiene colesterolo da provare cioccolato fondente con alta percentuale di cacao assieme a un goccio di barolo chinato e direte anche voi di aver provato il cibo degli dei baccello di cacao 6

[close]

p. 7

continua da pagina 1 zioni per alimenti fatte di cartoncino plastificato non so se la definizione è esatta ma rende l idea dove è meglio buttarle oppure che dire di quegli oggetti che per logica si collocano facilmente in un determinato cassonetto e invece no è sbagliato due giorni fa tre mamme hanno sgranato gli occhi quando ho detto loro che piatti bicchieri e posate di plastica non vanno gettati nel cassonetto blu io l ho scoperto solo da un anno e convinte hanno affermato ma è plastica certo ma è un tipo di plastica che almeno per il momento non è riciclabile insomma è necessaria una maggiore e più chiara informazione perché le persone possano assolvere al meglio a quest impegno la cui reale portata ha dimensioni ancora sfocate l importante obiettivo da raggiungere è un vero e proprio cambiamento culturale perché di questo si tratta dobbiamo acquisire una nuova concezione del rifiuto ma non scoraggiamoci piano piano ci arriveremo soprattutto motivati dall idea di non voler vedere i nostri figli sommersi dalla spazzatura abbiamo più o meno tutti la consapevolezza dell utilità del grosso cambiamento che stiamo vivendo per cui sbrighiamoci a rimboccarci le maniche e facciamo del nostro meglio vorremmo solo augurarci che quanto prima il ciclo dei rifiuti viaggi a regime e come cittadini avremmo piacere di vederci tornare in qualche modo i benefici che i nuovi sistemi di riciclo dovrebbero fruttare vista la partecipazione attiva a cui siamo chiamati questo potrebbe rappresentare un aspetto incentivante ed incoraggiante per la gente ma ancor più incoraggianti potrebbero risultare interventi ed iniziative mirati a diminuire gli sprechi non mi voglio inoltrare adesso in un discorso che avrebbe bisogno di molto spazio mi accontento di portare un piccolo esempio da pochi giorni sono state distribuite nel nostro quartiere le `pagine gialle tonnellate e tonnellate di carta sprecate inutili perché internet ormai ne sostituisce la funzione e allora perché continuare a produrle basta è un assurdo che a noi si chieda di fare le formichine per rimettere insieme qualche chilo di carta e poi c è chi è autorizzato a sprecarne tonnellate queste sono le contraddizioni che fanno davvero arrabbiare i cittadini meglio non proseguire preferisco tornare a rivolgermi agli abitanti del mio quartiere per incoraggiarli sul percorso da fare insieme e per incoraggiarli abbiamo pensato con la redazione del giornale di stampare una pagina da ritagliare e che troverete sul retro su cui sono riportate delle liste di ciò che va gettato negli attuali cassonetti e abbiamo qui di seguito riassunto alcune regole e consigli per molti già conosciute che speriamo possano essere utili non gettare olii di frittura negli scarichi domestici attualmente si inquina meno buttandoli nel cassonetto verde magari dopo averli chiusi in un qualche contenitore fare attenzione che nel cassonetto della carta non ci finiscano residui di cibo né materiali organici per esempio fazzoletti usati e importante che i materiali differenziati siano puliti perciò risciacquare qualsiasi contenitore di detersivi bevande e alimenti cercare di ridurre il volume dei rifiuti per esempio fare a pezzi scatole di cartone o schiacciare bottiglie in plastica alcuni numeri utili comunicare con ama e a disposizione il numero verde 800867035 per informazioni segnalazione di disservizi preventivi per i servizi a pagamento denuncia di discariche abusive o di siringhe abbandonate conferimento di rifiuti ingombranti nelle isole ecologiche altri eventi negli orari di chiusura del numero verde per situazioni di emergenza ed eccezionali i cittadini possono contattare la sala operativa ama attiva 24 ore su 24 ai numeri 06.51693339 06.51693340 centro di raccolta ama via battistini 545 orario martedì al sabato 15:00-18:00 escl i festivi 7

[close]

p. 8

cosa inserire imballaggi di carta cartone e cartoncino giornali riviste quaderni depliant volantini manifesti cartoni per bevande in tetra pak come inserirli piegare e ridurre il volume dei cartoni togliere eventuali involucri di plastica sciacquare e schiacciare i cartoni attenzione non devono essere inseriti carta o cartone sporche di cibo o di altre sostanze carta oleata o plastificata piatti e bicchieri di plastica buste bastano piccole quantità di questi rifiuti per rendere tutto il resto non riciclabile cosa inserire bottiglie vasetti e barattoli di vetro bottiglie vasetti e barattoli di plastica buste e sacchi di plastica lattine per bevande vaschette e fogli di alluminio scatolame di metallo per alimenti tappi a vite e corona di metallo bombolette spray gusci e barre di polistirolo come inserirli vuotare completamente e sciacquare bottiglie e contenitori schiacciare bottiglie e contenitori in plastica attenzione non inserire ceramica e porcellana lampadine e lampade al neon piatti bicchieri e posate di plastica contenitori per solventi e vernici etichettati tossici e/o infiammabili oggetti in vebastano piccole tro plastica metallo diversi quantità di questi dai contenitori rifiuti per rendere giocattoli aptutto il resto non rici parecchiature clabile elettrice lastre di vetro etc cosa inserire tutti i materiali non riciclabili avanzi di cibo di frutta e verdura foglie e fiori carta e cartone sporchi di cibo carta oleata o plastificata plastiche non riciclabili giocattoli piatti e posate pannolini ed assorbenti igienici come inserirli ridurre il più possibile il volume dei rifiuti raccogliere i rifiuti in un sacchetto ben chiuso attenzione non inserire materiali riciclabili vetro plastica metallo carta sostanze liquide materiali impropri o pericolosi pile scariche e batterie d auto sostanze tossiche cal c in ac ci pneumatici rifiuti ingombranti anche se smontati dove buttare gli altri rifiuti alcuni rifiuti particolari per le loro caratteristiche di pericolosità tossicità o possibilità di riutilizzo vanno conferiti separatamente pile scariche negli appositi contenitori presso le sedi dei municipi le scuole le sedi ama e alcuni negozi ad esempio qui a torresina la ferramenta il chiodo fisso sita in viale i montanelli provvede a raccogliere le nostre pile scariche e a smaltirle secondo le norme farmaci scaduti nei contenitori bianchi presso le farmacie le asl e le sedi di zona ama consumabili da stampa cartucce di toner nastri stampanti unità tamburo per fotocopiatrici ecc presso le isole ecologiche i centri di raccolta o le sedi di zona ama batterie auto al piombo vanno smaltite dall officina che effettua la sostituzione in caso di riparazioni fai-da-te vanno portate alla isole ecologiche ai centri di raccolta o alle sedi di zona ama indumenti usati e accessori di abbigliamento negli appositi contenitori gialli che troviamo lungo le nostre vie 8

[close]

p. 9

un quartiere in festa mentre si svolgeva la festa di carnevale sabato 2 febbraio 2008 il giornale era già in stampa ma visto il grande successo della manifestazione corre l obbligo ed il piacere di farne testimonianza in questo numero di marzo di cinzia pezzola presidente o.n.l.u.s noi di torresina con vero piacere che ringrazio tutti quelli che hanno collaborato e che hanno dato vita ad un pomeriggio veramente unico e speciale per il nostro quartiere primi fra tutti i commercianti di torresina che hanno sponsorizzato la festa con un delizioso rinfresco un grazie enorme a mediazione sociale per aver avviato ad un futuro di pittori tutti i bambini con un simpatico e particolare laboratorio ed a padre angelo parroco del nostro quartiere che ha gentilmente fatto intervenire tiziana susanna clara e barbara della comunità di santa maria della salute che hanno coinvolto in balli e giochi i piccoli protagonisti simpaticamente mascherati un contributo enorme è stato dato da una tra le più attive famiglie di torresina la famiglia cassarino e dal comitato di quartiere insieme infatti hanno assicurato un piacevole pomeriggio di musica un ringraziamento speciale va anche a due consiglieri del c.d.q alessandro amadei e giacomo trillini ed a due persone non residenti che si sono magistralmente adoperate gabriele sanzi e rachele crovato ricordando che l idea della festa nasce dalla signora anna della libreria inkiostro e che ad organizzare i commercianti è stata la sempre propositiva federica del regno della fantasia voglio ringraziare tutti voi per il riscontro e per il calore dimostratoci considerando che l associazione noi di torresina nasce per il nostro quartiere quindi per questo giornale e per organizzare e promuovere tutte le iniziative e le manifestazioni che contribuiscano a renderlo sempre più speciale e in alto a destra maurizio del primo bar in basso:momenti della festa in alto foto di gruppo di una parte degli organizzatori 9

[close]

p. 10

le memorie di minnie ravamo tutti con il fiato sospeso e quando dico tutti intendo tutti coloro che si sono occupati di organizzare la festa di carnevale a torresina lo scorso 2 febbraio ricordo la frenesia nell organizzazione scambi di telefonate e di mail ricordo l agitazione degli ultimi momenti e il nervosismo andrea il vincitore che si era formato perché dell iniziativa la manon si trovava il modo di schera più originale far sentire la musica o perfotografato per noi da ché i tavoli non erano cofabrizio cappabianca me avevamo pensato di allestirli ricordo le corse per portare le bevande ai tavoli imbanditi con le frappe e la pizza ricordo le maschere dei bambini e il loro iniziale timore di avvicinarsi a quei tavoli per chiedere anche un solo bicchiere di acqua ricordo con un sorriso l imbarazzo iniziale di tutti noi adulti maschea sin:la signora anna della libreria inkiostro a des la nostra irriconoscibile:marcella in basso una scatenata tarantella di antonio e aurelia di stefania giannetto e rati è vero un po ci vergognavamo di farci vedere in quelle condizioni ricordo momenti di tenerezza quando un arlecchino un po rotondo si è avvicinato ad una signora in carrozzella per darle una carezza e rivivo quell attimo ogni volta che vedo la fotografia ringrazierò sempre chi l ha scattata per aver saputo cogliere su carta la nostra intenzione condividere un momento di festa con tutti grandi e piccini e soprattutto regalare un sorriso ricordo il sollievo quando alzati gli occhi ci siamo accorti che non minacciava neanche più di piovere e stata una giornata di festa e di divertimento per tutti anche se la sfilata delle maschere lungo il quartiere non è stata esattamente come avevamo pensato ma non importa perchè fondamentale è stato organizzare una festa dove tutti si sono sentiti chiamati a partecipare una festa alla quale tutti hanno risposto con la loro partecipazione mascherata e con la chiara voglia di divertirsi ricordo tutto di quella memorabile giornata e soprattutto ricordo la promessa che ci siamo fatti tutti noi sul finire della giornata arrivederci al prossimo anno un sorriso per tutti 10

[close]

p. 11

roberto melilli:ingiustizia è fatta dal 2001 ne parlano i maggiori quotidiani nazionali e la stampa elettronica senza remore nel fare nomi e cognomi dei responsabili di questa assurda vicenda ritardano di due anni nel diagnosticargli un tumore causando l aggravamento delle condizioni generali di quest uomo che lotta da otto danni contro la nostra di stefania giannetto malasanità e malagiustizia i accoglie nella conclude ancora prima di iniziare con un pronunciasua casa e ci illu mento del giudice più fatale del suo male non luogo a stra le pareti con tutti i procedere per sopraggiunta prescrizione del reato diplomi compresa la una norma che beffando l aspirazione alla giustizia ha laurea in scienze infer permesso l emanazione di una sentenza che consente ai mieristiche dicendoci dottori russo michele platania andrea casalli nadia che lì c è tutta la sua schiano maddalena e verardi antonella del san filippo vita uno sguardo alle neri di roma di esercitare la professione senza aver fotografie disposte or pagato per un errore tanto grave e con il rischio che dinatamente sul mobi possano ripeterlo a spese di altri pazienti per questo le mi fa capire che un caso lasciato impunito dalla giustizia italiana non satempo in quella casa ranno mai considerati colpevoli del reato per il quale risuonava allegra la sono stati rinviati a giudizio ovvero concorso in coopefelicità di una famiglia normale lui mi vede e le guarda razione in lesioni personali gravissime per imperizia con nostalgia e rimpianto iniziamo a parlare e quello imprudenza e negligenza per la giustizia no ma la stoche mi più colpisce oltre chiaramente la sua incredibile ria di roberto dimostra chiaramente le loro responsabistoria di malasanità e di malagiusitizia è la sicurezza lità nel più grave dei reati che un dottore possa comdella sua voce afona a causa del male e lo sguardo dritto mettere e fiero di chi ha voglia e di chi sa come combattere ma roberto è un lottatore e non si arrende a breve roberto è un lottatore nonostante tutto ha 37 anni una infatti adirà la corte europea di strasburgo per richiemoglie e due figlie dallo sguardo dolcissimo dere i danni allo stato italiano che avalla nonostante le purtroppo lotta da otto anni contro un male che si acca pompose parole dei politici il sistema della malasanità nisce senza tregua sul suo sistema linfatico e una lotta come criterio guida della sua politica sociale a breve senza quartiere che nasce sbagliata come tutte le lotte verrà anche incardinata una causa presso il tribunale ma questa volta nasce veramente sbagliata perché il civile perché questi signori devono pagare il loro conto male terribile non viene riconosciuto al momento della per tutti gli errori commessi di roberto melilli ce n è sua manifestazione venendo scambiato per un semplice uno solo ma di casi come il suo purtroppo tantissimi mal di gola inizia il calvario che lo vede impegnato an aiutiamo roberto affinché la sua lotta non sia vana deche a lottare in tribunale perché lui vuole che i colpevo nunciamo gli episodi di malasanità abbiamo tutti gli li paghino per la loro incapacità anzi devono pagare il strumenti per poterlo fare perché non ci sarà sempre prezzo alto della loro impreparazione uno stupido cavillo che salverà chi ha sbagliato ma qui l ennesimo colpo amaro del destino perchè do per ora c è solo roberto a pagare con la sua vita i loro po sette anni di indagini e un procedimento penale la sbagli per contatti diretti roberto.melilli@yahoo.it causa incardinata presso il tribunale penale di roma si c 11

[close]

p. 12

il calvario di roberto lo abbiamo incontrato per voi e ci ha raccontato il suo negato diritto al futuro roberto è un nostro vicino abita in viale montanelli a torresina di lui e della sua vicenda si interessano da tempo i principali media messaggero corriere della sera ecc e televisioni tra cui rai e mediaset otto anni fa non gli fu riconosciuto un linfoma `non hodgkin fu scambiato per una faringite adesso il processo contro i medici responsabili è caduto in prescrizione per decorrenza dei termini nel gennaio 2000 inizia la mia odissea in quel mese mi sono presentato più volte al pronto soccorso del s filippo neri accusando disturbi e malesseri ma sono sempre stato rimandato a casa poiché non c era nulla da preoccuparsi era solo una tracheite un banalissimo mal di gola accentuandosi i problemi riesco a farmi ricoverare a febbraio e vengo dimesso con la diagnosi di gastrite cronica erosiva durante l anno vengo ricoverato altre volte poiché la mia situazione non migliora vengo considerato un soggetto ansioso uno perciò che esagera i problemi nel 2001 sto sempre peggio e nonostante mi faccia ricoverare ad aprile e ad agosto venga sottoposto ad esami e controlli nessuno evidenzia qualche cosa di grave peggioro ancora tosse afonia disfonia e disfagia dimagrimento gola gonfia e conati di vomito con sangue a settembre mentre vado a prendere all asilo mia figlia perdo i sensi e vengo soccorso da una dottoressa dell ospedale cristo re che mi fa ricoverare in quella struttura in pochi giorni mi viene diagnosticato un linfoma non hodgkin a grandi cellule b a localizzazione mediastinica paralisi alle corde vocali ernia iatale epiditimite la diagnosi è tragica,avevo una massa tumorale di 16 cm al mediastinico la mia di marcella speranza speranza di vita era di pochi mesi e soprattutto era legata al trattamento chemioterapico il 18/10/2001 mi ricovero al policlinico gemelli per operarmi ed iniziare idonea terapia a dicembre 2001 presento la denuncia contro i medici del san filippo neri vengono avviate le indagini e i medici vengono citati in giudizio con l accusa di cooperazione colposa in lesioni personali gravissime con reale esposizione del paziente al pericolo di vita per negligenza imperizia imprudenza finalmente un caso di malasanità approda alla procura di roma purtroppo dopo sei anni di speranza il 18/2/2008 l ottava sezione del tribunale ha deciso di non dover procedere per sopraggiunta prescrizione sono amareggiato non solo perché per una questione burocratica non ho avuto la giustizia che meritavo ma perché so che persone impunite possono ancora comportarsi con superficialità giocando con la vita degli altri roberto oggi a 37 anni è invalido al 100 in questi anni ha perso il lavoro e la casa per fortuna gli è rimasta una bella famiglia una moglie e due bambine che hanno sofferto e soffrono assieme con lui e tanti amici che lo supportano moralmente e materialmente adesso roberto è un uomo amareggiato e sfiduciato ma che non si dà per vinto proseguirà a chiedere giustizia finché non sarà soddisfatto si batterà per il rispetto della dignità umana per fare in modo che chi non ha voce possa essere aiutato perché di casi come il suo ce ne sono tanti ma molti non hanno il coraggio o la possibilità di chiedere quello che gli spetta di diritto 12

[close]

p. 13

una dolce passione chiamata paracadutismo molti dei nostri lettori hanno accettato l invito a rivelare le proprie passioni di silvio papa silvio ce ne racconta una veramente straordinaria cosa ancora più bella è stata la scarica di adrenalina mi chiamo silvio classe 39 titolare di una pasticceria che mi ha investito nel momento in cui davanti a quel di roma sono appassionato e tuttora praticante di portellone aperto c ero io e 3 2 1 mi sono ritroparacadutismo vato a spiccare il primo volo libero di volteggiare nel fin da quando ero bambino nutrivo il sogno di poter cielo sotto di me nulla una sensazione straordinaria e volare di potermi sentire libero nell aria come gli ucbellissima anche se è durata pochi istanti celli che osservavo con ammirazione sono passati molti anni da quel primo lancio e ne sono un sogno che allo stesso tempo sentivo irrealizzabile seguiti molti altri perché ero consapevole di quanto fosse innaturale finito il militare ho continuato con fermezza ha coltivapensare che l uomo potesse volare da solo vincendo la re questa mia dolce passione e nonostante il lavoro forza di gravità che mi porta via parecchio tempo per anni ho fantasticato circa la ho sempre trovato degli spazi da possibilità di potermi sentire libero il mio primo volo nell aria fino a quando il desiderio una sensazione straordina dedicare a questa magnifica attività sportiva si è trasformato in realtà ria e bellissima durata poquesto sport mi ha aiutato notevolero poco più che un ragazzino chi istanti mente a tenermi in forma infatti quando mi è arrivata la chiamata per poterlo praticare è necessario alle armi quello che mi ha fatto avere cura della persona sia sotto l aspetto fisico che andare al settimo cielo è stato il fatto che dovevo fare mentale come dire mens sana in corpore sano il militare nella brigata paracadutisti folgore nonostante l età tutt oggi quando il tempo me lo condopo due giorni di preparazione ed addestramento sente effettuo qualche lancio ciò mi fa sentire ancora finalmente era arrivato anche il giorno del mio primo giovane mi porta un po indietro con gli anni e sopratlancio l emozione provata mentre l aereo decollava tutto mi aiuta a rilassarmi e a scaricare la tensione doper portarsi ad alta quota nella zona lancio è indescrivuta allo stress cittadino vibile certi momenti bisogna viverli di persona ma la i motivi che spingono le persone a praticare paracadutismo sono molteplici e di diversa natura come anche gli stati d animo nel momento in cui ci si trova per la prima volta a fronteggiare simile esperienza ma sicuramente dopo il primo lancio non si ha più voglia di smettere il consiglio che posso dare a tutti è quello di provare per credere ma come per ogni altro sport che viene praticato anche in questo caso con una dovuta preparazione atletica raccontate le vostre passioni alla redazione de il picchio di torresina scrivendo a ilpicchioditorresina@yahoo.it 13

[close]

p. 14

l angolodellapoesiadi p i o fa vial onestà edita da lampi editore n asino che mesto faceva er suo lavoro con gran puntualità e massimo decoro se volle n giorno chiede perché sempre più spesso vedeva sorpassasse da quelli de successo so asini de razza je disse `n vecchio ciuco nun statte a domannà così fai er sangue amaro ma er primo che voleva cavà e ragno dar buco cercò la spiegazzione anche s era `n somaro così passaron l anni e passò tutta la vita senza capì quer fatto e se ce fosse er nesso poi quanno stramazzò tiranno su `n salita gridò io sto a morì da libbero e senza n compremesso ma quanno er protettore dell asini all ingresso je chiese de la tessera de vede er distintivo sentì na vecchia rabbia `n che de primitivo e allora je strillò so stato proprio n fesso si nasco n antra vorta me scrivo a tutt i gruppi an gruppo de preghiera a na loggia segreta farò scoppià de rabbia er capo delli yuppy farò na vita commoda felice e assai concreta me metto anche n cappuccio che so du distintivi na sciarpa na bandiera addosso na divisa vojo pur esse er primo de li consociativi e nun pagà `na lira poi quanno faccio spesa me faccio da na spinta na raccomandazione vojo passà davanti puro a chi ha studiato e nu me frega niente de fa `na brutta azione me vojo vendicà de quello c ho passato e no je disse er ciuco da tempo lì in attesa da retta a n antro fesso è mejo esse seconno li primi so politici ce mettono er soriso li boni semo noi famo girare er monno e no io nun ce sto rispose l altro lesto so n asino vabbé e anche s è pe questo che so famoso solo pe nun capì de gnente ngannà ancora nun vojo tutta sta brava gente se vorse al protettore ch ormai ross era n viso je dette no spintone je disse so cambiati a l insurrezione de tutti i sorpassati cor ciuco spaventato entrò ner paradiso il comitato promotore c/o anla in via monte delle gioie n 13 ha iniziato una raccolta di firme per una proposta di legge di iniziativa popolare che vuole essere un segnale forte e deciso di sensibilizzazione al governo ai partiti e all opinione pubblica sui problemi previdenziali la pensione non è un regalo ma il frutto di contributi versati durante tutta una vita di lavoro per la perequazione delle pensioni per la rivalutazione delle pensioni d annata per la reversibilità delle pensioni firma e fai firmare i punti autorizzati di raccolta firme si trovano in via tommaso de vio n.8 oppure c/o il municipio 19 padiglione 29 anno 1 numero 4 reg tribunale di roma n 559 del 17 dicembre 2007 marzo 2008 sede viale indro montanelli 131 00168 roma ilpicchioditorresina@yahoo.it editore associazione o.n.l.u.s noi di torresina viale indro montanelli 131 00168 roma cell 3312940619 e 3383171087 presidente onlus cinzia pezzola direttore responsabile jean-luc giorda capo redattore stefania giannetto in redazione marcella speranza antonio picciau colarossi aurelia biagio francesco peragine antonella salerno cinzia pezzola chiara peragine anna rita taurino antonio di siero progetto grafico editoriale luigi spagnoletti fabrizio cappabianca maurizio moretti hanno collaborato a questo numero pio favia silvio papa annarita di caterina stampato presso tipografia mura s.r.l via palestro 34 tel fax 064441142 064452394 questo numero è stato chiuso in redazione il 28/02/2008 14

[close]

p. 15

il professionista risponde voce al notaio a cura dell avv alberto vladimiro capasso notaio blica amministrazione non avrebbero i funzionari cui fossero devolute le competenze del notaio il notaio quale professionista organizza il suo studio e si accolla i costi dell organizzazione e dell aggiornamento professionale esercita le funzioni a richiesta del cliente percepisce i compensi a fronte dell attività svolta ed è responsabile verso il cliente e lo stato per il versamento delle tasse e imposte per gli atti i funzionari pubblici sono inquadrati dallo stato che deve anche provvedere all organizzazione dei collaboratori di supporto con costi a carico di tutta la collettività quindi a carico anche di chi non fruirà mai dei relativi servizi il servizio reso dai notai è molto efficiente sia in termini di efficacia data la certezza del risultato sia in termini di tempi di risposta rispetto alle richieste della clientela inoltre il servizio professionale reso dal notaio nell interesse del cliente e dello stato inteso sia come certezza del traffico giuridico che di certezza della percezione delle relative imposte è a carico di chi fruisce dello stesso e non della collettività in un periodo di privatizzazioni di funzioni e servizi pubblici il notariato così come strutturato dallo stato adempie già oggi alle esigenze di efficienza e contenimento dei costi delle funzioni pubbliche perchè debbo andare dal notaio seconda parte la prima parte è stata pubblicata nel numero di febbraio domanda il notaio è pubblico ufficiale rappresenta lo stato anche ammettendo che il sistema di diritto civile tuteli il cliente meglio del sistema di common law cosa fa il notaio oltre a mettere una firma ed un timbro risposta il notaio fa un esame accurato del caso sottoposto in modo da predisporre un atto tale da prevenire l insorgere di liti evitando spese di causa e non intasando i tribunali il contenzioso conseguente agli atti notarili in italia è pari allo 0,0029 percentuale di gran lunga inferiore a quella dei paesi dove non esiste il notariato latino es usa ca 2,5 domanda va bene ma non potrebbero fare le stesse cose anche dei funzionari pubblici risposta certo ma non con gli stessi risultati e costi il notaio risponde obbligatoriamente e personalmente dei propri errori sollevando le parti da eventuali conseguenze dannose responsabilità che nel sistema attuale delle pub numeri utili del municipio 19 servizio sociale anziani il servizio è presente anche in alcuni centri anziani del municipio in alcuni giorni specifici segretariato sociale telefono 06.69619646 teleassistenza e telesoccorso interventi di aiuto su richiesta per spesa ricette accompagno etc per attivarlo telefonare direttamente telefono 800117500 servizio gratuito con reddito inferiore a euro 6714.0 altrimenti un contributo economico adeguato al reddito orario 8.00-20.00 centri diurni anziani fragili centri del comune di roma per anziani in difficoltà parzialmente autosufficienti aperti dalle 8.30 alle 15.00 gratuito con reddito inferiore a euro 6714.0 domanda al serv soc municipio di appartenenza via a avoli 21 06.30602428 via limbiate 26 06.3095580 il villaggio del sociale servizio informativo territoriale itinerante e accompagno su richiesta per visite specialistiche per persone disagiate e sprovviste di altre risorse fino a giugno 2008 telefono 840000097 15

[close]

Comments

no comments yet