Progetto Val’S

Embed or link this publication

Description

Progetto Val’S. Laboratorio per lo studio del paesaggio sonoro e delle tradizioni musicali della Valle del Sacco

Popular Pages


p. 1

progetto val s laboratorio per lo studio del paesaggio sonoro e delle tradizioni musicali della valle del sacco

[close]

p. 2

indice l associazione culturale eolo finalità e principali scopi statuari collaboratori contatti il progetto val s il laboratorio per lo studio del paesaggio sonoro e delle tradizioni musicali della valle del sacco il cd canti e musiche della valle del sacco info 3 3 4 6 7 7 7 8

[close]

p. 3

l associazione culturale eolo finalità e principali scopi statuari l associazione culturale eolo etnolaboratorio per il patrimonio culturale immateriale opera al fine di ricercare e diffondere i patrimoni culturali demoetnoantropologici immateriali e materiali promuovendo la conoscenza la ricerca sul campo la documentazione e la divulgazione della cultura demoetnoantropologica in ogni sua forma e modalità espressiva tradizionale e contemporanea ha lo scopo quindi di promuovere coordinare e sviluppare attività di studio ricerca sul terreno progettazione catalogazione pubblicazione riguardanti direttamente o indirettamente le culture demoetnoantropologiche e incentivare i rapporti e gli scambi con altre associazioni che operano nel campo della demoetnoantropologia con enti pubblici e privati conservatori università scuole musei archivi l associazione non ha scopo di lucro si propone di ricercare e diffondere i patrimoni culturali demoetnoantropologici immateriali e materiali promuovendo la conoscenza la ricerca sul campo la documentazione la catalogazione quindi la inventariazione e la divulgazione della cultura demoetnoantropologica in ogni sua forma e modalità espressiva tradizionale e contemporanea inoltre promuovere coordinare e sviluppare autonomamente o per incarico di persone od enti pubblici e privati attività di studio ricerca sul terreno progettazione e catalogazione riguardanti direttamente o indirettamente le culture demoetnoantropologiche istituire organizzare gestire archivi centri di documentazione e/o di ricerca musei organizzare corsi di formazione per insegnanti studenti terza età operatori culturali e sociali amministratori e in generale per chiunque sia interessato per ragioni di studio o di lavoro ai temi di cui si occupa l associazione organizzare promuovere e coordinare attività musicali spettacoli incontri culturali mostre rassegne seminari e convegni produrre registrazioni incisioni documenti sonori visivi cartacei e multimediali archiviare ed elaborare documenti audiovisivi e iconografici elaborare prodotti grafici e informatici della documentazione demoetnoantropologica a scopi scientifici per la comunicazione e la pubblicizzazione realizzare e promuovere la pubblicazione su qualsiasi supporto di materiali demoetnoantropologici etnomusicologici o dialettologici promuovere e coordinare ogni opportuno scambio di informazioni fra i propri associati e tra questi e altri studiosi e ricercatori in italia e all estero promuovere i rapporti e gli scambi con altre associazioni che operano nel 3

[close]

p. 4

campo della demoetnoantropologia con enti pubblici e privati conservatori università scuole musei archivi collaboratori emilio di fazio [etnomusicologo nato nel 1959 a walsall inghilterra ma residente a priverno lt svolge da molti anni ricerca in ambito antropologico e etnomusicologico sulla musica popolare del lazio in particolare sul territorio dei monti lepini e direttore del museo della civiltà contadina valle dell aniene di roviano rm e del museo delle culture villa garibaldi di riofreddo rm collabora con l etnomuseo monti lepini di roccagorga lt e con l istituto centrale catalogo e documentazione è iscritto all albo dei catalogatori dei beni demoetnoantropologici della regione lazio dal 1997 e curatore di mostre e rassegne di musica etnica ha all attivo un ampio numero di pubblicazioni a di carattere etnomusicologico e etnoantropologico tra le quali gli strumenti musicali nei monti lepini ut orpheus 1997 i canti della perdissione a piperno 1999 e i cd musica strumentale monti lepini materiali sonori 1994 e vecchi balli dei monti lepini nota 2000 info fiauto@virgilio.it jean-françois genotte [antropologo laureato in storia dell arte e archeologia all université libre de bruxelles ha ottenuto un master e un dottorato di ricerca in antropologia presso l université paris i panthéon sorbonne ha ottenuto il titolo di archivista presso la scuola vaticana di paleografia diplomatica e archivistica collabora attualmente con il museo missionario etnologico del vaticano e con il portale culturaitalia del mibac traduce testi dal francese all italiano e viceversa ha collaborato a delle ricerche antropologiche e archivistiche e alla catalogazione scientifica di beni materiali e immateriali per conto dell istituto centrale per il catalogo e la documentazione ha lavorato come archivista presso l archivio di stato di roma e come redattore scientifico enciclopedia archeologica enciclopedia della scienza per la treccani istituto della enciclopedia italiana ha collaborato con l ufficio stampa di rai educational È autore di una quindicina di articoli in lingue francese italiana inglese e spagnola riguardanti tematiche storico-archeologiche e demoetnoantropologiche info rossi.genotte@libero.it monica menaguali [etnoantropologa vive e lavora a roma si laurea in lettere e filosofia con indirizzo demoetnoantropologico con una tesi in antropologia medica dal titolo cibo rosso cibo verde passione ed equilibrio nelle immagini del cibo e del corpo in studenti di scuola media svolge da diversi anni ricerche in ambito storico-antropologico continuando ad approfondire tematiche legate alle tradizioni popolari al mondo femminile al linguaggio del corpo e al linguaggio metaforico della malattia 4

[close]

p. 5

lavora presso la sovraintendenza ai beni culturali del comune di roma occupandosi di salvaguardia conservazione e valorizzazione del patrimonio monumentale e della città storicizzata moderna e contemporanea inoltre svolge ricerche e si occupa di didattica presso il cimitero monumentale del verano e il centro di documentazione dei cimiteri storici collabora alle iniziative dell asce associazione dei cimiteri storico-monumentali in europa e partecipa al progetto i luoghi di s paolo 2008/09 celebrazione del bimillenario della nascita dell apostolo per l impiego di volontari in servizio civile in italia effettuando ricerche storico-antropologiche e occupandosi della formazione dei volontari in servizio civile collabora con l istituto centrale per il catalogo e la documentazione ministero per i beni e le attività culturali all interno del progetto santuari cristiani svolgendo campagne di ricerca antropologica sul campo e con l archivio-laboratorio demoetnoantropologico dell iccd aldea per la catalogazione dei materiali info monicamenaguali@yahoo.it emiliano migliorini [etnomusicologo nato a isola del liri fr nel 1973 laureato al dams di bologna ha svolto numerose campagne di ricerca etnomusicologica concentrandosi principalmente sul rapporto tra musica tradizionale e rito e sulla dimensione sonora collegata alla devozione popolare ha collaborato alla sistemazione e alla catalogazione del fondo roberto leydi presso il centro di dialettologia e etnografia di bellinzona e la fonoteca nazionale svizzera di lugano collabora con l archivio-laboratorio demoetnoantropologico aldea dell istituto centrale per il catalogo e la documentazione di roma ministero per i beni e le attività culturali ha pubblicato il cd canti popolari di ciociaria le registrazioni di luigi colacicchi raccolta 111m dagli archivi della discoteca di stato finisterre 2004 e il volume la ràdeca voci suoni gesti del carnevale di frosinone nota 2008 e vari articoli di etnomusicologia tra cui la montagna risuona di canto il paesaggio sonoro del pellegrinaggio alla santissima trinità di vallepietra artemide 2007 info lamoreska@yahoo.it angelo palma [fotografo nato a riofreddo rm nel 1948 residente a roma inizia a fotografare alla fine degli anni sessanta collaborando con l agenzia keystone dal 1973 lavora a tempo pieno seguendo soprattutto avvenimenti politici sociali culturali nel 2000 il suo archivio stimato in circa un milione di immagini negativi b/n e diapositive ha ricevuto dalla soprintendenza archivistica del lazio la notifica di notevole interesse storico per la testimonianza unica e particolare della vita politica e sociale del nostro paese e dei paesi europei ed extraeuropei negli ultimi anni si è dedicato alla documentazione degli aspetti antropologici delle tradizioni popolari e religiose partecipando a ricerche multidisciplinari sul campo curando anche la ricerca iconografica per la realizzazione di mostre e cataloghi angelo palma elisabetta simeoni fede e tradizione alla santissima trinità di vallepietra 1881-2006 guida alla mostra artemide 2006 info angelo.palma@fastwebnet.it 5

[close]

p. 6

gerardina rullo [antropologa nata a nusco av nel 1975 laureatasi a napoli in conservazione dei beni culturali con una tesi in storia e tecnica della fotografia ha preso parte a diverse attività di ricerca e documentazione del patrimonio demoetnoantropologico campano e laziale dal 2002 collabora con l istituto centrale per il catalogo e la documentazione di roma ministero per i beni e le attività culturali con diversi incarichi di catalogazione per lo stesso istituto ha partecipato all organizzazione della mostra fede e tradizione alla santissima trinità di vallepietra 1881-2006 contribuendo al catalogo con l estensione di un saggio e di una bibliografia tematica collaborando alla soggettazione delle immagini esposte ha contribuito ai lavori del laboratorio sociologico dell università suor orsola benincasa di napoli per lo studio del culto delle anime del purgatorio a napoli i risultati della ricerca sono stati pubblicati in marino niola il purgatorio a napoli meltemi 2003 e in eduardo cicelyn a cura di spiriti di madreperla meltemi 2003 nel 2006 ha collaborato con acea spa realizzando la catalogazione con scheda f di duemila immagini del fondo fotografico dell archivio storico aziendale e iscritta negli elenchi provinciali di professionisti per la catalogazione dei beni storico-artistici dei comuni delle province campane info dinarullo@libero.it boris tacchia [storico delle religioni nato a tivoli nel 1979 e residente a roviano rm storico delle religioni si laurea con lode nel 2007 alla facoltà di lettere e filosofia dell università la sapienza di roma con una tesi in religioni dei popoli primitivi dal titolo un papa-messia e una vecchia signora studio storico-religioso sulla chiesa della maria legio tra i luo del nyanza ha svolto presso la cattedra di storia delle religioni attività di collaborazione nelle ricerche culminate nella realizzazione dei testi universitari nera ma bella per un analisi storico religiosa del culto mariano in africa danila visca bulzoni 2002 e la strega e il terrorista religione e politica in uganda danila visca bulzoni 2004 ha svolto sempre in ambito accademico alcuni lavori poi pubblicati all interno della rivista di indagini storico-culturali «aequa» la costruzione del genere la bambolina e il cavalluccio pasquale a roviano e nella valle dell aniene n 12 2003 la condizione della donna nella prima metà del novecento n 16 2004 fra modesto da roviano un esempio di santità barocca n 21 2005 giornalista pubblicista collabora dal 2003 con agenzie di stampa quotidiana e testate locali e nazionali info boris.tacchia@hotmail.it contatti per contatti via alcamo 4 00182 roma etnolaboratorio@gmail.com www.etnolaboratorio.org 6

[close]

p. 7

il progetto val s il laboratorio per lo studio del paesaggio sonoro e delle tradizioni musicali della valle del sacco la valle del sacco coincide con quell area del lazio che si estende da valmontone a nord fino a ceprano a sud dove il fiume sacco dopo aver percorso circa 80 chilometri si immette nel liri delimitata a nord-est dai monti prenestini e ernici e a sud-ovest dai monti lepini e comprendente la parte meridionale della provincia di roma e quella settentrionale della provincia di frosinone il gruppo di ricerca val s impegnato nella costituzione e gestione del laboratorio per lo studio del paesaggio sonoro e delle tradizioni musicali della valle del sacco è formato da etnomusicologi che si occupano della documentazione delle culture tradizionali e dei patrimoni culturali etnofonici È attualmente costituito da emiliano migliorini coordinatore del progetto emilio di fazio salvatore rossano e igino pucello il laboratorio si propone di documentare tutelare e promuovere i patrimoni sonori della valle incentivando la conoscenza la ricerca sul campo la documentazione la catalogazione e la divulgazione della cultura musicale nelle sue forme tradizionali e contemporanee attraverso la rilevazione del patrimonio etnofonico dell area e la definizione del paesaggio sonoro allestisce inoltre occasioni di incontro di sperimentazione e di scambio tra chi pratica discipline attinenti al progetto e si propone come interlocutore nei confronti di enti pubblici e privati interessati a progetti di ricerca documentazione catalogazione pianificazione territoriale formazione che comportino conoscenze specifiche o attinenti a quelle musicologiche etnomusicologiche ed etnoantropologiche l attività di ricerca condotta talora individualmente e sempre più spesso in rilevazioni effettuate in equipe ha portato alla costituzione di un archivio in progressiva implementazione il cd canti e musiche della valle del sacco il cd canti e musiche della valle del sacco una selezione del materiale d archivio che dovrebbe costituire il primo tassello di una collana di pubblicazioni sulle tradizioni musicali della valle offre la possibilità di dare uno sguardo d insieme seppur rappresentativo e quindi necessariamente sintetico sulla cultura musicale del territorio e di mostrarne l articolazione il laboratorio ha di recente attivato una ampia campagna di ricerca sull area che dovrebbe permettere la prossima pubblicazione di monografie su aree specifiche su 7

[close]

p. 8

generi su tecniche esecutive attraverso cui approfondire diversi temi d interesse etnomusicologico nel disco troviamo un ampia serie di musiche e canti tradizionali in cui spicca l ambito più conservativo dei repertori religiosi canti di pellegrinaggio inno a san cataldo inno per santa maria a fiume canzonetta in lode alla santissima trinità santa anatolia canti della settimana santa gesù mio con dure funi trisagion inni sacri eseguiti dalle bande locali inno a san rocco inno a san quirico e poi brani strumentali per il ballo e l intrattenimento saltarello valzer di schizzetto canti narrativi la storia di gina fonti e tito pia de tolomei il canto sociale la c.a.p.i.t.o il genere lirico-monostrofico tira ponente stornelli al doppio flauto macchiarola stornelli a saltarello canti e musiche rituali canzone de carnuàle pitoccata di pasqua santa barbara ardarino una ninna-nanna registrata ad anagni patrocini il progetto ha già raccolto il patrocinio dei comuni di anagni artena gavignano montelanico segni info informazioni su www.etnolaboratorio.org sezione progetto val s vals@etnolaboratorio.org 39 3206932279 8

[close]

Comments

no comments yet