mondorealenumero137

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero137

Popular Pages


p. 1

n seve s y da editoriale di simone di giulio n.137 anno v numero 20 18 maggio 2012 di solito dopo una battaglia la fazione che è uscita sconfitta conta le perdite traccia un bilancio si lecca le ferite e cerca di capire quali errori non gli hanno permesso di imporsi a sezze invece ipotizzando che la tornata elettorale appena conclusa sia paragonabile ad una battaglia con le dovute proporzioni il post è sempre caratterizzato da veleni io dovevo prendere di più sono stato tradito se invece di piovere avesse nevicato e tanti altri ancora non ho ancora sentito nessuno ammettere pubblicamente di aver toppato di aver corso in una competizione senza avere le carte in regola per farlo nessuno e sempre colpa degli altri e di conseguenza come al solito hanno vinto tutti invece no ci sono stati dei trombati eccellenti non prendetevela con me si dice così qualcuno è uscito dall anonimato per due mesi e ci tornerà per almeno 10 anni 5 nelle mie speranze minime non ha perso nemmeno la democrazia come qualcuno vuole far credere certo sapere che se campoli avesse preso il 50,001 dei voti avrebbe ottenuto il premio di maggioranza e avendo preso il 75 la minoranza non ha diritto a premi è un paradosso ma queste sono le regole e bisogna farsene una ragione come bisogna farsi una ragione della sconfitta attualita latina caos parcheggi il comune contro la multiservizi urania attualita pontinia torelli sulla trasco ci sono regole che vanno rispettate cultura sermoneta un pieno di eventi nell ambito dei festeggiamenti del maggio priverno il partito democratico pone tredici quesiti al sindaco macci maenza raccolta rifiuti emergono nuovi scenari di irregolarità bassiano tradizioni medievali rivivono con la festa del faune

[close]

p. 2

mondore@le numero 137 18 maggio2012 sezze scelte sbagliate decisioni affrettate i motivi della sconfitta di illustri esponenti politici di simone di giulio in attesa di sapere quala sarà la squadra che accompagnerà campoli durante il suo secondo mandato da sindaco proviamo a fare un passo indietro analizzando alcuni risultati soprattutto quelli che riguardano illustri esponenti politici rimasti per un motivo o per un altro fuori dal prossimo consiglio comunale come abbiamo sottolineato alcuni exploit da parte della maggioranza così analizziamo le debacle di altri e i motivi che hanno portato al fallimento ragionare su dei dati che parlano da soli 75 campoli-25 tutti gli altri insieme oppure 14-2 nello scacchiere del prossimo consiglio comunale potrebbe essere come rivoltare il coltello nella piaga ma non è così perché tra gli sconfitti delle elezioni appena trascorse molti fanno parte dell attuale maggioranza ma non sono riusciti a salire sul carro del vincitore per una serie di motivi intanto l errata valutazione degli avversari almeno da parte di chi si è candidato all interno del centrosinistra tutti a guardare a destra mentre conti alla mano gli avversari piuttosto sono stati interni basti pensare a ex consiglieri che sono rimasti fuori dagli scranni di via diaz qualcuno ci ha provato a mettere sale sulla coda di colleghi dello stesso schieramento a qualcuno ha detto bene ad altri no che 4 dei 20 consiglieri rischiassero di restare al palo è cosa risaputa ma forse era più complicato pensare che due assessori della precedente giunta restassero completamente fuori dai giochi qualcuno rientrerà forzatamente quando scatteranno le deleghe che darà campoli ma la sconfitta resta e anche bruciante perché se il tuo elettorato non ti conferma la fiducia dopo un incarico del genere significa che evidentemente qualche cosa di sbagliato è stato fatto o almeno che il mesaggio delle azioni messe in campo non è arrivato diverso il discorso nel centrodestra in cui fortunatamente qualcuno si è auto-eliminato e bastato aprire le schede e leggere le crocette per far cessare di colpo ogni velleità sopita per cinque anni e tirata fuori a qualche mese dalle elezioni insomma alla fine pur se trombati si può dire che non tutto il male è venuto per nuocere a sinistra chi subentra avrà come punto di riferimento negativo chi non è stato confermato a destra invece chi non ha raggiunto nemmeno quote minime per avere voce in capitolo finalmente potrà dopo numeri da superenalotto sparati a vanvera nel corso di cinque anni mettersi da parte e lasciare la politica senza ulteriori indugi l elettorato lo dicono i numeri sicuramente non ne sentirà la mancanza direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori mario giorgi marco fanella roberto tartaglia responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita 2 chiuso in redazione il 16 maggio 2012

[close]

p. 3

mondore@le numero 137 18 maggio2012 sezze centrodestra debacle voluta l intervento del movimento libero iniziativa sociale di simone di giulio ad elezioni terminate arriva un severo giudizio da parte del movimento politico di iniziativa sociale i cui dirigenti danno una lettura dell esito con un occhio particolare rivolto alla situazione all interno del centrodestra nella nota del movimento politico si legge abbiamo avuto modo di leggere sulla stampa locale come giustificazione di una debacle elettorale unica in italia affermazioni di qualche candidato sindaco di una falsa destra riferite ad una non meglio definita `frammentarietà movimento libero iniziativa sociale che in maniera molto ponderata e politicamente giustificata si è schierato per il non voto deve allora chiarire che da quei pochi ed inutili contatti tenuti in fase pre-elettorale ha avuto la chiara sensazione che non vi fosse alcuna volontà di costruire un progetto veramente alternativo e serio per una sezze diversa che prescindesse dal giro dei soliti noti tale convinzione si evinceva chiaramente dai nomi proposti inamovibili dei candidati sindaci e dalla totale assenza di una proposta e visione politico-amministrativa un analisi che parte proprio dal candidato del maggiore partito di centrodestra il popolo della libertà si andava da lidano zarra noto esponente socialista che ha contribuito in maniera determinante con il suo progetto civico di ispirazione `martelliana a frantumare il centrodestra setino e a riconsegnare la città ai suoi ex sodali comunisti a gian battista rosella suo ex fido scudiero da lui nominato presidente della municipalizzata spl personaggi che certamente non potevano e non possono rappresentare un cambio di rotta anzi bocciati quindi zarra e rosella i dirigenti del movimento libero di iniziativa sociale pongono la propria attenzione sulla candidatura a sindaco di alessandro ferrazzoli come spiegare poi il tentativo miseramente fallito da parte del vicesindaco di latina fabrizio cirilli di approdare anche a sezze con la sua lista a parte il `delirio d onnipotenza si legge nella nota riteniamo di non sbagliare nell affermare che la sua sia stata solo una maldestra operazione finalizzata a non lasciare spazi a chi aveva tutte le carte in regola per rappresentare una alternativa seria confermando in tal modo che l altra faccia della politica è solo l altra faccia della stessa medaglia come hanno ben capito i sezzesi e non ancora i latinensi l unica cosa che emergeva chiaramente da questi inutili contatti era il desiderio di alcuni di concorrere a sindaco per avere la sicurezza di essere eletti consiglieri comunali una situazione paradossale insomma quella che ha investito i gruppi che fanno riferimento al centrodestra setino e che il mlis sottolinea andando anche oltre e parlando anche di incapacità politico-amministrative possiamo affermare senza ombra di smentita che nessuno di costoro conoscesse la nuova legge elettorale perché diversamente dando per scontato che la nostra scesa in campo avrebbe determinato un aumento del numero dei votanti e quindi un abbassamento del quorum necessario per rientrare nella ripartizione dei seggi avrebbero dovuto assumere atteggiamenti diversi ma d altra parte se quella che interessava era solo la poltrona da consigliere perché andare a studiare le leggi gli esponenti ancora in buona fede della destra di sezze conclude la nota polemica firmata dai rappresentanti del movimento libero di iniziativa sociale dovrebbero fare profonde e serie riflessioni su questi `pifferai magici estranei all area che li hanno condotti nel burrone facendo il gioco della sinistra che vince con oltre il 70 dei consensi avendo davanti solo praterie vuote da conquistare dopo essersi scelta anche una pseudo opposizione 3

[close]

p. 4

mondore@le numero 137 18 maggio2012 sezze trombati ecco perché 1 di simone di giulio roberto reginaldi stavolta nemmeno la sua fama di `tribuno del popolo ha funzionato o meglio non ha funzionato come il consigliere avrebbe sperato tanto da non riuscire a raggiungere voti sufficiente per tornare in assise ci è mancato poco ma dell api è entrato solo bernabei anche se il toto-assessori fa pensare diversamente i motivi della debacle sono tanti essere stato l unico eletto in forza italia nel 2007 essere stato cacciato dai vertici del partito aver dirottato i suoi voti e le sue battaglie sulla causa di nuova area e aver poi preso parte al gruppo dei responsabili sono segnali che forse parte dell elettorato si è sentito in qualche modo tradito anche se poi quello `tradito dai suoi elettori è risultato essere lui stesso dopo le mille battaglia portate in consiglio comunale da un punto di vista numerico è salito rispetto al 2007 ma questo non basta a giustificare un risultato che resta deludente e che finora lo tiene fuori dall aula le prossime scelte politiche saranno fondamentali se vuole rimanere protagonista assoluto di una scena che lo ha escluso proprio quando doveva raccogliere i frutti di un duro lavoro salvatore leggeri un altro eccellente escluso dall ultima tornata elettorale è sicuramente salvatore leggeri uomo di fiducia di campoli in tutta le precedente legislatura salvatore leggeri ha sicuramente pagato la mancanza di un partito forte alle sue spalle dopo la clamorosa uscita dal gruppo dei socialisti di concerto con il suo assessore di riferimento antonio maurizi probabilmente rientrerà in gioco con l assegnazione delle cariche assessorili ma intanto resta fuori dal gruppo nonostante il buon risultato in termini numeri 344 preferenze conquistate a suo carico anche alcuni atteggiamenti durante la scorsa consiliatura in cui a molti è sembrato troppo `dentro al sistema mai un alzata di voce mai una richiesta fuori dalle righe e mai un intervento realmente incisivo rispetto a molti dei suoi colleghi in maggioranza è sembrato troppo accondiscendente e questo in termini elettorali forse l ha pagato in una legislatura in cui spesso si è arrivati ad urlare lui è rimasto su posizioni morbide e forse i suoi elettori si aspettavano qualcosa di diverso che però non è mai arrivato lino cerrone dopo due legislature resta fuori dalla massima assise cittadina anche lino cerrone il consigliere che fa della difesa di ceriara e zone limitrofe il suo cavallo di battaglia ha raccolto soltanto 166 preferenze a fronte delle quasi 300 delle passate elezioni tanti i motivi della sua debacle prima di tutto il tira e molla che ha condizionato la sua presenza nel primo governo campoli prima all opposizione poi in maggioranza poi di nuovo all opposizione e alla fine schierato ancora con il centrosinistra un ulteriore impedimento alla riconferma a consigliere è stato dell indecisione sulla lista in cui inserirsi prima un timido corteggiamento al partito democratico poi la proposta di essere inserito all interno della lista del sindaco campoli infine l approdo all interno dell unione di centro nel partito di casini e cesa ha trovato avversari durissimi polidoro e roscioli tra tutti tanto da finire dietro oltre che agli eletti anche a porcelli e di prospero una brutta sconfitta politica che ridimensiona anche un certo modo di fare in ambito amministrativo che questa volta non ha premiato 4 marcello ciocca un compito difficile quello di essere riconfermato per l ex assessore che esce sconfitto da questa tornata elettorale la mancata riconferma è dovuta ad una serie di fattori primo tra tutti la decisione di essere inserito nella lista del partito democratico piuttosto che in quella del candidato sindaco lì per ciocca la battaglia è stata davvero complicata mentre dall altra parte forse si sarebbe potuto giocare carte migliori a pesare però sulla mancata riconferma ci sono anche alcuni tentennamenti durante i primi cinque anni di governo campoli più volte attaccato soprattutto da reginaldi sulla questione strade ciocca troppo spesso ha risposto con toni di sufficienza che forse non l hanno fatto amare dal suoi elettorato anche la decisione a tre quarti di consiliatura di rinunciare alla sua carica assessorile per tornare a fare il consigliere comunale facendo entrare in giunta gianni orlandi alla fine è stata una sorta di boomerang da quel momento è di fatto uscito di scena e questa scelta probabilmente l ha pagata in termini di preferenze quando si è arrivati alle elezioni.

[close]

p. 5

mondore@le numero 137 18 maggio2012 sezze trombati ecco perché 2 di simone di giulio patrizio lisi trova spazio nell elenco dei trombati anche il segretario di sinistra ecologia e libertà che con i suoi 18 voti arriva addirittura terzo nelle preferenze della sua lista le spiegazioni di certo non ha portato frutti l atteggiamento spesso aggressivo tenuto nei confronti dell amministrazione campoli negli ultimi cinque anni di governo o meglio ha portato frutti perché ha permesso agli esponenti della sinistra radicale di alienarsi rispetto al sistema amministrativo vigente ma è stato come un boomerang alla vigilia delle elezioni quando l accordo con la federazione della sinistra non si è realizzato e sel è stata quasi costretta a tornare nei ranghi e sostenere una coalizione formata da personaggi più a centro che a sinistra questo modo di fare ha decisamente penalizzato un partito che non è arrivato nemmeno all 1 cozza con i buoni propositi anche l atteggiamento post elettorale che ha evidenziato un certo malcontento verso la coalizione che si è deciso di sostenere chiaro segnale di imbarazzo per le scelte compiute dal partito alla vigilia di questo importante test per il futuro davide sagnelli considerata la foga e la grinta con la quale ha affrontato la campagna elettorale del 2012 per sagnelli il risultato delle urne può considerarsi decisamente insoddisfacente il segretario del nuovo polo ha spinto tanto per la candidatura di gian battista rosella anche quando ancora non si parlava di elezioni tanto e forse troppo considerato anche il risultato del suo candidato e dell intera coalizione il nuovo polo ha ottenuto poco rispetto alle previsioni lui personalmente ha chiuso con 115 preferenze personali finendo dietro al consigliere uscente paolo casadei che ne ha ottenute 118 meglio del risultato del 2007 quando militava all interno di alleanza nazionale a sostegno di serafino di palma ma sicuramente non ne esce politicamente rafforzato anzi all interno della ricostruzione del nuovo centrodestra setino avrà sicuramente voce in capitolo ma non tanta rispetto a un anno fa quando i conti previsionali erano sicuramente a tre zeri e nessuno si sarebbe aspettato di ritrovarsi con soli 413 voti di lista pari ad un misero 2,97 dell elettorato setino gian battista rosella assolutamente deludente il risultato del candidato sindaco di un area del centrodestra setino per una serie di motivi l ardore che aveva accompagnato il lancio in politica del 56enne avvocato setino circa un anno e mezzo fa si è andato pian piano spegnendo fino ad arrivare alla vigilia delle elezioni quando la coalizione è stata quasi `costretta ad ufficializzare la sua candidatura non solo la campagna elettorale è stata giocata malissimo con nessun intervento di rilievo sulla stampa e con un programma di governo troppo generico e sicuramente lacunoso sotto molti punti di vista la decisione sua e dei suoi sostenitori di giocare d anticipo rispetto alle altre anime del centrodestra setino è stata una medaglia che solo in seguito ha mostrato il suo rovescio non entra in consiglio per uno scarto di pochissimi voti e gli fa sicuramente onore non aver fatto ricorso ma questo non giustifica la sua scelta di gettarsi nella mischia una scelta non attentamente ponderata e che alla fine in qualche modo ha addirittura danneggiato il centrodestra setino alessandro ferrazzoli troppo giovane politicamente inesperto gettato all arrembaggio da qualcuno che poi lo ha abbandonato e forse bruciato si può sintetizzare in questo modo l avventura alle amministrative 2012 di alessandro ferrazzoli candidato de l altra faccia della politica i motivi della cocente debacle vanno ricercati in tanti aspetti prima di tutto la decisione che spiazza tutto il centrodestra intento a trovare unità di intenti e un personaggi da candidare in un unica coalizione quella di uscire allo scoperto con la candidatura di pier paolo casillo poi tante altre cose a corredo di una campagna gestita male fino alla decisione di rinunciare al medico setino e di scendere in campo direttamente un programma vago e poca cura nella compilazione delle liste a suo supporto hanno fatto il resto un fallimento che si è concretizzato all apertura delle urne elettorali con poco più di 600 voti meno del 5 dei consensi una serie di azioni che forse pagherà nella ricostruzione del centrodestra di sezze del quale sicuramente non sarà protagonista come invece sperava alla viglia delle elezioni 5

[close]

p. 6

mondore@le numero 137 18 maggio2012 sezze trombati ecco perché 3 di simone di giulio rita berardi qualcuno potrà dire ci abbiamo provato abbiamo corso il rischio per mantenere la dignità della sinistra storica di sezze tutto condivisibile ma altrettanto condivisibile dovrebbe essere la fredda analisi dei numeri che hanno contraddistinto l avventura alle elezioni 2012 della coalizione a sostegno di rita berardi numeri che parlano da soli e che testimoniano la sconfitta di un intero movimento nato con gli scopi migliori ma fallito i 221 voti raccolti dalla lista parlano da sé e non basta pensare che rita berardi ne è riuscita a prendere cento in più per non inserire la 44enne candidata tra i trombati di queste elezioni se poi i commenti post voto sono inerenti al mancato accordo elettorale stipulato con l italia dei valori che in consiglio ci è finita allora vuol dire che il progetto era fallimentare prima dell apertura dei seggi elettorali adesso già si parla di ricostruzione con un nuovo segretario comunale e con nuovi accordi all orizzonte ma magari ci si poteva scontrare prima con la dura realtà ed evitare la figuraccia a chi si sente rappresentato da quei valori carlo enrico magagnoli tra i delusi dalla tornata elettorale appena terminata trova uno spazio anche carlo enrico magagnoli a parziale giustificazione dell esponente del popolo della libertà c è sicuramente la grave situazione in cui si è trovato qualche mese prima delle elezioni le vicende extra-politiche che lo hanno portato ad essere nominato segretario di un partito allo sbando non hanno certo aiutato la sua candidatura ma i risultati parlano chiarissimo il suo predecessore aveva cercato l unità di intenti lui invece una volta preso il mano il partito ha giocato la carta zarra senza indugiare dai vertici provinciali non sono arrivate né rassicurazioni né ammonimenti e lui ha proseguito sbagliando sulla sua strada anche a livello personale non ha ottenuto quei consensi che sperava finendo con solo 87 voti qualche decina più del solito e terminando alle spalle di suoi colleghi che non hanno avuto la sua stessa visibilità nel nuovo partito che sorgerà non dovrebbe trovare spazi di primo livello anche perché sembra aver bruciato l occasione dopo anni di militanza nel centrodestra setino caso rifugiati arriva un altro arresto l indagine era partita lo scorso luglio arriva un altro arresto nell indagine legata alla cooperativa onlus fantasie sulla vicenda dei rifugiati libici nella mattina di martedì 15 maggio ­ si legge nel gazzettino dei carabinieri ­ i militari del comando stazione carabinieri di roccagorga coadiuvati dalla guardia di finanza-polizia tributaria di latina per gli aspetti connessi alle verifiche patrimoniali nel prosieguo di articolate indagini che hanno portato alla denuncia ed all arresto negli scorsi mesi di diverse persone implicate in una truffa ai danni della regione lazio davano esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari ordinata dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di latina nei con6 fronti di e.d.a 39enne di sezze commercialista ritenuto responsabile in concorso con altro indagato nel suddetto contesto investigativo avendo favorito l illecita attività della società cooperativa onlus fantasie rilasciando false fatturazioni per giustificare le spese dichiaratamente sostenute dalla medesima a fronte dei rimborsi erogati dalla protezione civile della regione lazio per la gestione dei profughi nordafricani provenienti da centri di accoglienza e richiedenti asilo politico l arrestato espletate le formalità di rito è stato condotto presso la propria abitazione per rimanervi ristretto in regime degli arresti domiciliari nei mesi scorsi erano stati 5 gli arresti legati alla stessa vicenda tra i quali quelli di rinaldo ceccano ancora in carcere consigliere comunale e direttore generale della cooperativa fantasie onlus finita sotto inchiesta la scorso luglio e franca spirito agli arresti domiciliari legale rappresentante della società.

[close]

p. 7

mondore@le numero 137 18 maggio2012 latina i disabili chiedono maggiore attenzione di luca morazzano il gruppo dei disabili muove la sua protesta e lo fa per mezzo di una nota a firma di alberto cardosi referente gruppo utenti area disabilità i recenti interventi in merito al dormitorio di latina hanno avuto una cassa di risonanza ampia che ha finito per coinvolgere nella opinione di alcuni per intero i servizi sociali della nostra città senza entrare in merito alla questione dormitorio che esula dal nostro campo sentiamo tuttavia la necessità di dare un contributo nel limite delle nostre esperienze sul tema servizi sociali l impegno di un ente in un settore così complesso non permette metodologicamente di identificare e ridurre la valutazione dell intero servizio in relazione ad un solo ambito di intervento chi lo fa è in errore con riguardo alle attività dei servizi sociali della nostra città attenzione è stata mostrata nei confronti della disabilità un area che coinvolge centinaia di famiglie a partire dall età scolare con forme di assistenza specialistica erogata nelle scuole sino all età adulta con l assistenza domiciliare e con l inserimento in strutture semiresidenziali e/o sostegni economici l ente ha avviato da tempo con l utenza un percorso costruttivo su alcuni processi decisionali come la partecipazione alle stesura del regolamento sull assistenza domiciliare approvato lo scorso anno insieme allo staff tecnico dirigenziale l esperienza partecipativa che ha coinvolto anche gli anziani attraverso le organizzazione sindacali non si è limitata al regolamento ma è continuata ed è a tutt oggi viva ne è un esempio la recente delibera di giunta n°90 del 29 febbraio 2012 che impegna il comune a favore degli utenti disabili e delle loro famiglie in un progetto per il dopo di noi ­ durante noi e a tal fine dispone l elaborazione di un regolamento per la gestione di residenzialità in modo partecipato con le famiglie e i diretti interessati il progetto di condivisione non è solo sulla carta i confronti tra tutte le parti coinvolte ente locale terzo settore e utenza sono già iniziati nell ottica di una vera inclusione sociale rispondendo in pieno alla evoluzione del bisogno dell utente e della sua famiglia alla luce di questi percorsi riteniamo quindi che valutazioni approssimative e centrate solo su una risposta immediata senza cogliere la complessità della richiesta rischia di portare a scelte politiche che possono avere un impatto negativo sull intera utenza qualsiasi valutazione va fatta a partire dall utenza sull utenza e per l utenza secondo linee di indirizzo i cui obiettivi non siano solo a breve termine ma sviluppino una progettualità più ampia anche gli avvocati sono sul piede di guerra di luca morazzano gli avvocati di latina si sono riuniti in assemblea per discutere di numerose questioni prima tra tutte l esigenza di una precisa programmazione dell attività giudiziaria l obiettivo ovviamente è quello di migliorare le condizioni di lavoro al tribunale di latina e in quelli distaccati di gaeta e terracina chiedono di costituire osservatori tavoli di concertazione dell attività giudiziaria per garantire il dialogo ad oggi assente indispensabile per la risoluzione delle svariate problematiche del locale sistema giustizia allo stato attuale il loro lavoro è sempre più compromesso dalla riduzione degli organici e dalle carenze del sistema il presidente dell ordine giovanni malinconic0 ha spiegato chiediamo la costituzione di tavoli di concertazione che prevedano la partecipazione di tutte le figure coinvolte giudici avvocati personale di cancelleria nell ottica di un continuo monitoraggio del lavoro svolto quotidianamente sulla base della comune esperienza che lega i diversi ruoli di un medesimo sistema nello specifico si chiede soprattutto il rispetto dei protocolli d udienza stipulati tra avvocatura e tribunale che stabiliscono la programmazione dei processi parametri che purtroppo restano quasi sempre lettera morta il consiglio dell ordine chiede maggiore apertura al dialogo un confronto con il presidente del tribunale di latina guido cerasoli sia per la risoluzione delle problematiche dell organizzazione delle udienze che per le questioni legate alla liquidazione dei gratuiti patrocini tra tutte le mozioni discusse e approvate all unanimità anche quella in cui si chiede formalmente un incontro al presidente per sottoporgli una serie di proposte nella speranza che tale colloquio si tenga in tempi celeri ­ continua malinconico ­ abbiamo convocato un assemblea per il 3 luglio per discuterne l esito infine lo sciopero bianco forma di protesta indetta dall organismo unitario dell avvocatura contro il grave aumento della pressione fiscale e la questione dell arrivo di nuovi magistrati nella speranza che vengano indirizzati soprattutto alle sedi distaccate nello specifico dell organizzazione della sezione penale si è discusso anche del disagio provocato dall abbandono dell udienza dei giudici monocratici che sospendono la trattazione dei procedimenti per andare a comporre il collegio penale una dinamica quella dei continui rinvii che si ripercuote non solo sul lavoro dei legali ma anche sui testimoni citati arrivati da ogni parte del paese e rispediti a casa il tutto determinato del sempre più insufficiente numero di giudici 7

[close]

p. 8

mondore@le numero 137 18 maggio2012 latina parcheggi attriti tra comune e urania porcari del pd evidenzia le incongruenze della situazione di luca morazzano torna a far parlare di se la questione parcheggi a latina e infatti in atto un faccia a faccia eclatante tra il comune e urbania multiservizi la società che gestisce i parcheggi la società ha infatti fatto sapere che pagherà l aggio sui parcometri dovuto al comune di latina quando sarà siglato il cambio di denominazione del consorzio vivere la città la decisione è stata comunicato nei giorni scorsi in commissione viabilità dalla dirigente del settore mentre urbania multiservizi sta pagando il piano di rientro ereditato dal consorzio il versamento dell aggio dovuto all amministrazione sugli introiti dei parcometri è fermo a novembre 2011 da dicembre ad oggi sarebbero stati accumulati oltre 400mila euro che il comune non può neanche riprendere dalla fidejussione pari ad appena 173mila euro la stessa dirigente ha riferito che urbania multiservizi sarebbe pronta a riprendere i pagamenti dopo il riconoscimento del cambio di denominazione una vicenda che va avanti da mesi dopo che l amministrazione comunale aveva richiesto documentazioni integrative la vicenda è diventata argomento sia della maggioranza che dell opposizione fabrizio porcari pd chiede che il comune non sottoscriva alcun contratto con urbania multiservizi prima di aver sentito il parere dell avvocatura nel contempo aggiunge porceri si rescinda subito il contratto con il consorzio urbania vivere la città per il mancato rispetto degli accordi secondo porcari in base al contratto firmato nel febbraio 2010 pari a 5 milioni di euro l aggiudicatario avrebbe dovuto versare una cauzione pari al 10 ovvero 500mila euro e non 173mila euro procedura che riteniamo non a norma di legge inoltre aggiunge il consigliere collega di gruppo alessandro cozzolino urbania multiservizi senza ancora avere un contratto sta già riscuotendo svuota i parcometri e versa al comune l amministrazione ­ conclude porcari ­ lascia inoltre che il settore viabilità sia sottodimensionato come asserito dalla stessa dirigente un settore che non ha neanche un assessore dato che la delega è rimasta nelle mani del sindaco dalla maggioranza ha parlato sandro catani pdl bisogna verificare quanto sta accadendo e valutare la rescissione del contratto sui parcheggi a pagamento infine il gruppo città nuove ha chiesto ufficialmente la discussione immediata delle linee di indirizzo per il nuovo bando in occasione della scadenza del contratto ­ affermano gianni chiarato e cesare bruni ­ è necessario effettuare un puntuale e preciso bilancio delle problematiche al fine di eliminare le criticità emerse tra i punti critici i consiglieri ritengono urgente rivisitare l estensione delle strisce blu valutando la possibilità di aumentare e distribuire in modo uniforme gli stalli liberi esaminare le zone ad alta rotazione e i possibili effetti negativi valutandone una sensibile riduzione eliminare i parcheggi eventualmente non in sintonia con il codice della strada anomalia numeri civici i conti non tornano di luca morazzano anche i numeri civici delle abitazioni diventano un problema in giro per latina ce ne sono di doppi o anche tripli e addirittura su strade ancora in attesa di nome o ancora su vie molto lunghe suddivise in più codici a spiegare il nodo della questione è l assessore gianluca di cocco c è un problema di codifica su cui stiamo lavorando abbiamo strade senza nome o con nomi messi a piacere numeri civici abusivi oppure accorpati tra i casi più gravi al centro di un dossier degli uffici con tanto di esposizione fotografica strade sul lungomare in cui alcuni ingressi hanno tre tabelline con civici differenti l una dall altra in un altro esempio una strada è stata interamente rinumerata dopo che un palazzo al civico 6 aveva aperto un passo carrabile non rinominato in 6 bis i quotidiani hanno avanzato anche ipotesi di problematiche legate ai fini elettorali 8 dato che le sezioni di voto in alcuni casi sono stabilite in base ai civici inoltre diversi settori del comune utilizzano differenti codifiche per le strade eppure l affissione dei numeri civici ha già avuto in passato per il comune i suoi bei costi l affissione dei numeri è costato sei anni fa 680mila euro adesso prima di rimetterci mano si attenderanno i dati del censimento dagli uffici comunali è giunto anche un grido d allarme per le nuove norme che consentono di avere la residenza in 48 ore soprattutto per i controlli di polizia municipale e la concessione di documenti validi per l espatrio sarà necessaria infine una richiesta al governo per chiarire se l iter delle vecchie richieste di residenza alcune delle quali pendenti da luglio 2011 debbano proseguire secondo la precedente normativa o se invece possano beneficiare della nuova.

[close]

p. 9

mondore@le numero 137 18 maggio2012 pontinia torelli chiarisce sulla trasco non è cattiveria ci sono le sentenze di roberto tartaglia in merito al caso tra.sco e agli episodi legati alla proposta di dimissioni avanzata alla giunta tombolillo da parte dei consiglieri d opposizione torelli e mochi paolo torelli intende chiarire la sua posizione rispondendo alle dichiarazioni che secondo le sue affermazioni fanno girare l idea che chi chiede il rispetto delle regole e a maggior ragione delle sentenze sia il `cattivo in ogni società civile esistono delle leggi e dei regolamenti da rispettare ­ dice torelli ­ e in caso di trasgressione vi sono degli organi adibiti a controllare se tale violazione sia avvenuta e in caso positivo applicare una sanzione riprendendo quanto dichiarato dalla corte di conti torelli ricorda non sono mie parole ma le parole della corte dei conti centrale di roma e vorrei aggiungere che se fosse per me abbatterei la piaga della disoccupazione cercando un lavoro a tutti i cittadini di pontinia ma purtroppo non sono miliardario e non possiedo una fabbrica o un azienda privata mia mentre tale obiettivo non si può perseguire con i soldi pubblici perché sono il frutto delle tasse di tutti i cittadini e quindi si devono utilizzare rispettando da un lato le leggi statali di finanza pubblica e dall altro andrebbero spesi a 360° per tutte le esigenze della città non solo quelle occupazionali io non ho mai voluto fare politica attraverso i tribunali e l ho dimostrato anche in questa circostanza sollevando la questione in consiglio comunale e non altrove e continua arrivare all assurdo di criticare con aggettivi pesanti che non voglio ripetere dei giudici che condannano in nome del popolo italiano e della legge degli amministratori comunali e dall altro lato ritenere `martiri i condannati proprio non ci sto soprattutto a livello educativo è scorrettissimo attaccare ed offendere la magistratura cosa insegniamo alle nuove generazioni che forse è giusto trasgredire la legge e infischiarsene delle sentenze gli amministratori hanno pagato le somme ascritte in sentenza benissimo hanno rispettato il dispositivo di una corte suprema della repubblica italiana va bene così ne prendo atto anche se sinceramente avrei preferito una soluzione politica cioè le loro dimissioni volontarie ora si ricominci da subito a parlare di politica e dei problemi della città e delle famiglie che purtroppo sono moltissimi a causa di questa crisi economica questione mense interviene il pd di roberto tartaglia se da una parte sentiamo di condividere le preoccupazioni dei genitori su una cosa siamo tutti d accordo che il nostro servizio mensa è tra i migliori che si sperimentano in giro per la provincia queste le affermazioni del circolo pd di pontinia in merito alle polemiche avanzate nei giorni scorsi da alcune mamme in merito alla quantità di cibo offerta ai loro bimbi nelle mense scolastiche e ribadendo quanto già affermato dall assessore sperlonga riguardo la validità nutrizionale garantita dalla preparazione dei professionisti coinvolti e dal rispetto delle norme dettate dal ministero per la salute e dalla commissione europea il circolo riconosce che certamente il percorso educativo che include un educazione attenta alla corretta alimentazione non è certo semplice per i nostri piccoli e può rappresentare una corsa ad ostacoli per i genitori per questo è necessaria una significativa capacità di creare sinergie e aggiustamenti che siano sempre mirati al raggiungimento dell obbiettivo comune gli esponenti riconoscono che la soppressione del primo piatto rappresenta una difficoltà e che di tale argomento se n è già discusso nella commissione mensa con lo scopo di trovare una soluzione attuabile in grado di garantire un alimentazione corretta e la partecipazione di piccoli al percorso di educazione alimentare anche l assessore battisti ha ribadito i medesimi concetti puntando l attenzione sulla presenza tra l altro di prodotti genuini a kilometri zero all interno del menu scolastico nel frattempo sono iniziati una serie di incontri tra i genitori e la dirigente scolastica anna maria bilancia per la risoluzione della diatriba campetto paga la parrocchia in merito alla discussione sul pagamento per l utilizzo del campo da calcetto situato all interno del verde pubblico in gestione alla parrocchia di sant anna giovanni bottoni fa sapere che a seguito di un colloquio con il parroco padre paolo e della consultazione della nuova convenzione stipulata tra parrocchia e amministrazione comunale è emerso che le opere ordinarie e straordinarie sono completamente a carico della parrocchia al contrario di quanto dichiarato nella precedente convenzione tra tali oneri dunque anche spese come la copertura assicurativa per incidenti a terzi e lavori straordinari come il rifacimento della tribuna poiché quella precedentemente esistente non era a norma di legge in materia di sicurezza la discussione sembra conclusa dunque almeno per ora r.t 9

[close]

p. 10

mondore@le numero 137 18 maggio2012 priverno il consultorio menomato senza ginecologo l attività si è molto ridotta di mario giorgi e quasi un anno ormai che il consultorio di via torretta rocchigiana a priverno struttura di eccellenza al servizio dell intero comprensorio è rimasto senza ginecologo e per questo motivo nonostante gli sforzi del poco personale rimasto è stato inevitabile ridurne drasticamente l attività centinaia e centinaia di donne di tutte le condizioni economiche e sociali ­ molte anche le immigrate residenti nel territorio lepino che nella struttura di borgo sant antonio avevano trovato per anni un punto di riferimento importante pubblico e di qualità per la difesa della loro salute sono ora in pratica costrette a peregrinare alla ricerca di lontane e inaccessibili strutture pubbliche o a rivolgersi ai privati o a rinunciare al loro sacrosanto diritto di curarsi la denuncia è del consigliere comunale di sinistra ecologia e libertà federico d arcangeli e cosa questo potrà significare tra qualche anno in termini di sofferenze private e spese pubbliche è facilmente immaginabile in un campo in cui la prevenzione e/o la diagnosi precoce sono armi insostituibili a nulla è valsa fino ad oggi la mobilitazione delle donne dei cittadini e insieme a loro delle forze politiche più sensibili a questi temi e dei sindacati infatti gli incontri avuti con la dirigenza della asl latina e le relative promesse di trovare una soluzione non hanno finora portato a nessun risultato concreto e naturalmente a nulla ­ secondo l esponente di sel porta il silenzio assordante degli amministratori locali a suo dire completamente disinteressati ai bisogni veri delle persone e incapaci anche di comprenderli né ­ insiste federico d arcangeli portano a qualcosa le promesse vuote di qualche consigliere regionale della zona sempre pronto ad offrire a tutti soluzioni miracolose vedi lsu e le donne continuano ancora ad aspettare qualche notizia positiva sulla vicenda del consultorio familiare privernate si è espresso anche pierfranco peter grassio amministratore del dominio per chi vuole che riapra l ospedale di priverno non tutte le donne ­ ha affermato ­ possono permettersi una visita privata il cui costo oscilla tra gli 80 e i 150 euro di qui il suo appello a tutte le donne del territorio a sostenere la sua iniziativa di dar vita ad una massiccia petizione popolare con firme che saranno raccolte già da questi giorni ancora una mobilitazione dunque per rivendicare un servizio fondamentale di cui priverno e il suo comprensorio sono stati privati croci e delizie del servizio di raccolta differenziata di mario giorgi raccolta differenziata a priverno croce e delizia di una città senza rincorrere particolari approfondimenti basta uno sguardo fugace alla vicenda per accorgersi come molte cose non siano andate come probabilmente si voleva che andassero a cominciare dalla realizzazione delle cosiddette isole ecologiche a scomparsa che in diversi punti del centro urbano hanno stravolto alcuni degli angoli più caratteristici della città ma finalmente il 2 aprile scorso il servizio è partito dapprima nel centro storico estendendosi successivamente alle periferie e alle frazioni fino a diventare completamente operativo da mercoledì 2 maggio non sembra esserci tra i cittadini un grande entusiasmo anche perché in verità non c è stata una capillare informazione a parte dei manifesti affissi in alcuni punti della città e dei pieghevoli di cui pochi sarebbero venuti in possesso malgrado tutto però la buona volontà da parte della gente c è anche se le difficoltà di conferimento sono oggettive a cominciare dagli orari stabiliti per cui non è difficile trovare ancora sacchetti di plastica appoggiati ai cassonetti o alle isole ecologiche interrate il giudizio dell amministrazione comunale sul decollo della raccolta differenziata è però positivo anche se ­ afferma l assessore all ambiente bruno silvagni ­ ci rendiamo conto e sapevamo che questa rivoluzione nella gestione della raccolta avrebbe creato almeno nella fase iniziale qualche disservizio in ogni caso ci stiamo adoperando per ridurre al minimo i disagi e intervenire per non creare ulteriori problemi ai cittadini 10 silvagni ha anche precisato che un attenzione ancora maggiore sarà riservata al ritiro della plastica per la quale si è verificato un conferimento inaspettato inoltre sarà ripetuta la campagna di sensibilizzazione già introdotta nelle scuole ai cittadini che comunque stanno dimostrando un forte senso civico e una grande collaborazione l assessore richiede un ulteriore sforzo laddove i cassonetti sono stati eliminati per motivi di distanza o per la vicinanza con le isole ecologiche l immondizia va conferita in ogni caso nei bidoni più vicini e non abbandonata per strada dello stesso parere di silvagni non sono invece la destra e gioventù italiana che affermano a chiare note come volevasi dimostrare siamo stati facili profeti nel prevedere il fallimento del piano per la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani l intento dell amministrazione comunale è infatti rimasto tale pur avendo tentato di organizzare la differenziazione di alcuni materiali come vetro plastica e carta nei fatti è ad opera di pochi automezzi che si procede alla raccolta dei rifiuti inoltre è visibile a tutti il traboccante carico dell immondizia non differenziata che nei vari quartieri fuoriesce dai contenitori e dalle isole ecologiche installate da anni con l incertezza che abbiano una regolare idoneità al funzionamento e con l arrivo dell estate ci sarà poco da stare allegri la conclusione dell intervento de la destra e di gioventù italiana è affidato ad una domanda e questo il successo tanto sbandierato e annunciato con enfasi dal sindaco e dalla sua giunta

[close]

p. 11

mondore@le numero 137 18 maggio2012 priverno il pd interroga macci tredici domande al primo cittadino di mario giorgi dopo nove anni l amministrazione comunale di priverno guidata da umberto macci rivela ptutte le sue inefficienze che ben si vedono nel degrado nell isolamento e nell arretratezza che soffocano la nostra città due tratti in particolare contraddistinguono il mandato del sindaco la mancanza assoluta di trasparenza e lo sperpero di denaro pubblico per scelte quasi mai condivisibili e spesso viziate sotto il profilo della legittimità ad affermarlo è il segretario del circolo cittadino del pd anna maria bilancia nel presentare il volantino delle tredici domande al primo cittadino privernate e poi spiega per tentare una volta di più di fare chiarezza abbiamo pensato di rivolgere pubblicamente al sindaco macci e alla sua maggioranza alcune domande sono le stesse che quotidianamente ci rivolgono i cittadini noi gliele giriamo attraverso volantini manifesti e social network con la speranza di ottenere qualche risposta che però siamo certi non arriverà l atteggiamento dell amministrazione comunale e del sindaco in particolare infatti rivela un disinteresse assoluto per il destino della città e dei suoi abitanti con la grave conseguenza che il rischio del dissesto finanziario è sempre più alto ma a macci forse perché vicino alla fine del suo secondo mandato non sembra interessare minimamente ed ecco le tredici domande che a detta di bilancia e degli altri esponenti del pd sono soltanto le prime 1 perché il sindaco macci nell amministrare il nostro comune continua ad abusare di consulenze esterne sperperando montagne di denaro pubblico 2 perché pur disponendo di personale del comune ha assunto negli ultimi anni ben 7 professionisti esterni all ufficio tecnico 3 quando pensa il sindaco macci di pagare i fornitori di beni e servizi che ogni giorno fanno la fila inutilmente davanti l ufficio di ragioneria 4 quando pensa di trasferire i fondi dovuti alla multiservizi così che la stessa possa pa gare i suoi lavoratori 5 quando pensa di trasferire alla satline parte dei fondi già assegnati da stato e regione per il trasporto pubblico locale e per il trasporto scolastico così da assicurare il pagamento degli stipendi dei lavoratori 6 come mai non sono stati ancora resi noti gli esiti delle gare per il trasporto urbano e per quello scolastico nonostante i superconsulenti esterni impiegati da oltre 7 mesi 7 non avendo dopo anni ancora realizzato il parcheggio di palazzo zaccaleoni può spiegarci il sindaco chi pagherà i costi sostenuti dal comune per l esproprio del terreno ad esso destinato se il tar obbligherà il comune a restituirlo al proprietario 8 l amministrazione macci può dirci a quanto ammontano le perdite subite dalle casse comunali a causa della gestione fallimentare del bar del castello di san martino 9 può dirci inoltre se ha provveduto a recuperare almeno le somme dovute per l affitto e perché non sono state previste le polizze fideiussorie a garanzia 10 il sindaco macci può spiegarci che fine hanno fatto i proventi del taglio dei 250 pini del parco di san martino 11 può spiegarci che fine hanno fatto il milione e 200 mila euro incassati per le sanzioni dovute all autovelox 12 i nostri amministratori possono spiegarci cosa ne è stato del materiale informativo migliaia di opuscoli manifesti e volantini per la raccolta differenziata costato e pagato 35 mila euro nel 2009 di cui oggi con l inizio finalmente della differenziata avremmo tanto bisogno 13 infine il sindaco macci può dirci a quanto ammontano i debiti relativi al contenzioso che la sua giunta ha prodotto in questi anni una sola nota a margine è appena il caso di ricordare che questo giornale sarà ben lieto di fornire ai lettori ed ai cittadini la risposta o le considerazioni che sindaco e giunta riterranno opportuno fornire 11

[close]

p. 12

mondore@le numero 137 18 maggio2012 maenza quante novità per gli anziani nuova sede centro vacanze e progetto scitad di luca morazzano tante ed importanti novità in vista per gli anziani maentini in questa estate 2012 alle porte in un colpo solo arrivano infatti la nuova sede e il programma delle vacanze organizzate dal comune andiamo con ordine e cominciamo dall inaugurazione della nuova sede in piazza santa reparata i lavori alle sale di quelle che erano le aule della scuola elementare sono ultimati e sabato pomeriggio alle ore 16 verrà tagliato il nastro della nuova sede che renderà il posto della precedente in via circonvallazione presso i locali del primo piano dell ex asilo che resta quindi vuoto ed inutilizzato una nuova sede perfettamente attrezzata e curata nei particolari frutto della sinergia tra amministrazione e della direzione stessa del centro anziani presieduto da salvatore baccari presso locali quelli appunto dell ex scuola elementare che presto ospiteranno pure la biblioteca comunale dando la possibilità di interazione tra due generazioni anagraficamente distanti ma per gli anziani l assessorato ai servizi sociali ha messo pronta anche la programmazione delle vacanze con addirittura tre mete distinte in periodi diversi della stagione estiva la prima soluzione prevista è quella delle `vacanze termali a suio terme con dodici giorni a pensione completa periodo a scelta per una cifra di 360 euro la seconda opportunità `più mondana è a viserba di rimini sulla riviera romagnola dal 26 luglio all 8 agosto servizio spiaggia escluso ad una cifra di 481 euro ed infine la villeggiatura relax a terracina dal 20 giugno al 4 luglio con servizio spiaggia incluso per un prezzo di 560 euro a persona il comune mette inoltre a disposizione la possibilità di erogare un contributo economico ai partecipanti da scalare alla quota che sarà calcolato in base alla dichiarazione isee del 2011 di ognuno dei partecipanti per ulteriori informazioni e iscrizioni l assessore di riferimento roberto corsi fa sapere che è a disposizione l ufficio dei servizi sociali dottoressa anna d alessio negli orai previsti di apertura dello stesso lo stesso corsi annuncia poi la partenza del progetto scitad spiegano in cosa consiste sta prendendo il via il progetto denominato scitad ­ servizio telematico a domicilio degli anziani consistente nella distribuzione gratuita sul territorio di una serie di servizi di assistenza domiciliare molto utili per gli utenti che usufruiscono del servizio il progetto è passato attraverso la formazione di soggetti che con l ausilio di vari apparecchi di controllo misuratori di pressione elettrocardiografi misuratori di glicemia colesterolo e trigliceridi si stanno recando presso le abitazioni di categorie di soggetti in difficoltà registrando tali valori e mettendoli a disposizione dei medici di base tale attività svolta è in grado di tenere sotto controllo le persone osservate e offrirà un data base utile per supportare il professionista nel momento in cui si trova di fronte al paziente potendo avere come riferimento il monitoraggio offerto dal servizio raccolta rifiuti problemi di ogni sorta di luca morazzano e di nuovo in servizio di raccolta rifiuti a destare la discussione della popolazione maentina da una parte c è chi lamenta la mancanza di un isola ecologica in cui gettare i rifiuti ingombranti nell arco dell anno l assenza di un area attrezzata a tale scopo infatti non è tamponata dalle giornate di raccolta organizzate durante l arco dell anno anche ciò assolutamente lungi da fungere come giustificazione concorre ad incrementare il fenomeno delle discariche abusive lungo le vie di accesso al paese ma anche in zone più nascoste con correlati effetti indesiderati per l impatto ambientale che comportano a proposito per tentare la bonifica di situazioni di questo genere il 26 maggio è indetta una nuova giornata ecologica destinata alla raccolta quello dei rifiuti ingombranti è però solo una faccia del problema che risiede anche nel servizio di raccolta quotidiana spesso deficitario a causa di una carenza di personale pressoché cronica lo stesso sindaco mastracci a margine 12 di un consiglio comunale in cui ha comunicato la proroga dell accordo con la nuova gea ha evidenziato la situazione legata alle eccessive assenze imputando proprio a queste licenze il problema fondamentale a sollevare però la questione ci pensa adesso l esponente dell opposizione esterna al consiglio comunale alessandro pucci preso atto dei problemi legati al servizio della raccolta dei rifiuti è capitato a me personalmente di essere testimone di un tentativo di soluzione alquanto bizzarro e non so quanto regolare il segretario di rifondazione comunista avvocato spiega infatti ho visto un dipendente comunale n.p provvedere al servizio di raccolta differenziata per conto della nuova gea su ordine della segretaria comunale il tutto nella più totale assenza di regole di controllo dei diritti del buon senso e chi più ne ha più ne metta sono sconcertato da questi comportamenti palesemente illegali e privi di ogni regola

[close]

p. 13

mondore@le numero 137 18 maggio2012 cultura a bassiano è festa grande con il faune un fuoco riaccende gli odori i sapori e le atmosfere medievali anche quest anno si rinnova a bassiano la tradizionale festa dei faùne il fuoco sacro che segna il passaggio dall inverno alla primavera l origine della festa risale alla notte dei tempi e mescola riti cristiani e riti pagani nell antichità gli abitanti del centro lepino erano soliti con i rami tagliati dalla potatura accendere grandi fuochi in onore delle divinità a cui chiedevano messi abbondanti i riti erano dedicati al dio fauno con il passare dei secoli l accensione dei fuochi entrò a far parte della tradizione degli abitanti di bassiano e il rito fu assimilato dalla religione cristiana coincidendo con la festa dell ascensione oggi la festa rivive grazie al contributo del comune di bassiano della pro loco del gruppo dei giovani libero pensiero del consiglio dei giovani e alla collaborazione dell associazione commercianti dei turisti curiosi ovviamente è determinante la spinta e la passione degli abitanti di bassiano che accenderanno i fuochi nei vari rioni decarcie sfidandosi a fare il faùne più grande e luminoso l appuntamento quindi è sabato 19 maggio nel centro storico di bassiano in particolare nei seguenti punti piazza xxv luglio orticeglio o viglianza s.nicola s.erasmo-la torre-vicolo maiura portanova e peddereto si inizia dalle 18:30 con il premio accendiamo i faùne più luminosi con la partecipazione inedita del dio fauno si ringrazia della collaborazione i giovani gli anziani e le donne nonché tutta la scuola dalla materna alle elementari e medie di bassiano durante la manifestazione ci saranno musiche del gruppo jo denaturo e a seguire nelle varie zone leggende sui faùne interventi teatrali e riti a cura dell assessorato alla cultura dalle 21:00 la festa sarà allietata da suoni canti e balli con musica popolare dei monti lepini e ospiti che eseguiranno brani tratti dalla tradizione e soprattutto il caratteristico saltarello danza tipica dei monti lepini non possono mancare nella tradizionale manifestazioni i prodotti dell enogastronomia vino e pasta con fagioli e pane raffermo con la famosa zuppa cibo dei briganti sarà una notte illuminata ovviamente dai faùne la donna normale di alessandro leonoro e uscito in questi giorni il libro dello scrittore setino-privernate di mario giorgi un racconto pieno di emozioni d impulsi di ansie e colpi di scena in esso sono presenti tutti gli elementi della contraddizione dell essenza giovanile ma anche dell età più matura insomma dell umana natura in questo racconto si intrecciano esperienze diverse che si scontrano e si influenzano dando vita a sconvolgimenti esistenziali così scrive patrizia ciocchi nella prefazione di una donna normale un volumetto di una sessantina di pagine di alessandro leonoro uscito in questi giorni per i tipi della nuova grafica 87 e sulla quarta di copertina ornella fiacco precisa un racconto incentrato sul disagio giovanile e sulle illusioni che hanno caratterizzato gli anni ottanta i protagonisti provenienti da una cultura contadina che avevano riposto grandi speranze sul ruolo emancipatorio della scuola si scontrano con una realtà che li porterà a battersi quotidianamente per i loro ideali ai quali non sono disposti a rinunciare la narrazione a più voci delinea personaggi luoghi e contesti di vita rendendoli reali ed attuali in ogni dove e poi aggiungiamo noi il racconto si legge tutto d un fiato e prende il lettore e non solo colui che ha vissuto quegli anni fino a coinvolgerlo se non addirittura a riconoscersi nella storia l abilità dello scrittore sta poi nel lasciare nel dubbio chi legge su dove finisca l autobiografia e cominci la fantasia ma chi è alessandro leonoro nato a sezze nel 1956 lavora come infermiere presso l ospedale santa maria goretti di latina sposato con due figlie vive a priverno alcune sue poesie sono state pubblicate su diverse antologie dopo oltre venti anni dalla prima stesura s è deciso a dare alle stampe la sua prima opera ufficiale una donna normale appunto 13

[close]

p. 14

mondore@le numero 137 18 maggio2012 cultura nel vivo del maggio sermonetano di paola bernasconi si esprimeranno artisti di vario genere per fondere e intrecciare le varie forme espressive dell arte pittura scultura fotografia musica e artigianato artistico fotografia artisti di fama internazionale si succederanno in questo palcoscenico d eccezione le strade della città fortificata regalando allo spettatore suggestioni di rara avvenenza con queste parole il direttore artistico massimo gentile spiega la nuova edizione del maggio sermonetano appuntamento ormai storico del caratteristico centro lepino l evento è la perfetta rappresentazione della sinergia tra arte e turismo che è definitivamente espressione di sermoneta e del suo fascino come ogni anno gli appuntamenti saranno dislocati lungo le strade e le piazze più suggestive il castello caetani la loggia dei mercanti il belvedere piazza santa maria la chiesa di san giuseppe palcoscenico naturale per eventi culturali sermoneta ha presentato il suo maggio 2012 sabato scorso con la mostra di liuteria e scultura nella chiesa di san giuseppe che resterà visibile fino al 27 l esposizione di libri in corso garibaldi la ceramica in piazza s lorenzo l artigianato artistico presso la loggia dei mercanti ed il musical finalmente libero una passione lepina della memoria che si è svolto al castello caetani le manifestazioni sono proseguite domenica con una scenografica sermonta infiore questa iniziativa di marketing turistico-ambientale è adottata con il coinvolgimento di ben undici ditte florovivaistiche con importanti ricadute sulla qualità della vita e sull immagine turistica afferma il presidente del consiglio comunale e delegato al turismo luigi torelli il programma continua questo venerdì alle 18.30 presso il castello caetani dove si terrà la presentazione del libro roffredo caetani la personalità la cultura la musica a cura della fondazione caetani per sabato sermoneta vi aspetta invece alle 17.30 presso il giardino della polveriera con un appuntamento all insegna della pittura e dell artigianato artistico con bruno bortolotto antonino casarin riccardo chirici e giovanni monti alle 19.00 nella chiesa di san giuseppe si terrà inoltre una performance musicale con prova degli strumenti acustici a corda del laboratorio di liuteria di sermoneta del m.to pietro melia e con la collaborazione dei musicisti anna maria gentile roberto de santis reginaldo falconi e di luogo arte accademia musicale di latina scalo per domenica continuano gli eventi da seguire tra le strade della cittadina nel centro storico a partire dalla mattina potrete seguire prendi l arte l artigianato artistico con lavorazione dal vivo mentre dalle 17.30 in poi si terranno una serie di spettacoli in strada in piazza del popolo i bambini sono invitati allo spettacolo di burattini guarattelle napoletane con il burattinaio cìro arancìnì e tommaso randazzo alle percussioni presso la piazza del comune invece ci sarà rareca antica il canzoniere vesuviano con dario mogavero alla voce tammorre e tamburelli raffaele de luca picione agli organetti giuseppe copia e francesco gammone alla chitarra battente chitarra classica e cori e stella manfredi al violino la musica continua in piazza san lorenzo con terraincanto marina macchia domizia emilia sannibale manuela masilio laura tiberi silvia muci e alessandra massari ci faranno ascoltare i suoni della terra si passa alla letteratura alle 18.30 nella loggia dei mercanti si terrà un incontro con gli autori nuovi territori inesplorati al maggio sermonetano daniela rindi autrice di almeno mi racconto ed il foglio andrea rezzonico autore di uno sceriffo qualunque ed watson e bruno di marco autore di non so se sopravvivrò a questa vita ed ensemble la poesia sarà invece protagonista in piazza santa maria con la quinta edizione di silenzi in forma di poesia con la direzione artistica di bianca madeccia la sera si torna infine alla musica presso il belvedere alle 20.30 ci sarà il concerto con davide grottelli echoes trio per la presentazione del disco il mastromaestro insieme a davide grottelli marco siniscalco e armando croce subito dopo sarà la volta si alma vulgaris con debora longini e alessandro girotto notte dei musei anche a roccagorga si svolge questo sabato la notte europea dei musei l evento con il patrocinio dell unesco e del consiglio d europa prevede l apertura in orario serale e notturno dei musei di tutta europa arricchendo l offerta con musica mostre visite guidate degustazioni la manifestazione coinvolge più di 40 nazioni per il quarto anno l italia aderisce all evento ed è il terzo anno per l etnomuseo monti lepini come nelle precedenti edizioni a roccagorga la notte dei musei comincerà dal pomeriggio sono previsti laboratori mostre visite guidate concerti il tutto all interno dell etnomuseo monti lepini e 14 nel cortile del palazzo baronale dove ha sede il museo le iniziative previste si svilupperanno intorno alle tematiche proprie del museo cioè messa in valore del patrimonio culturale lepino in modo critico e originale con attenzione al rapporto tra il mondo locale e la comunità più ampia italiana europea mondiale dopo un pomeriggio dedicato al laboratorio per bambini le visite guidate all etnomuseo avranno inizio alle 18 con la particolarità di guide che spiegheranno in arabo rumeno inglese e italiano alle 19 spazio alle degustazioni etniche mentre la serata è dedicata alla musica l.m

[close]

p. 15

mondore@le numero 137 18 maggio2012 cultura tutti pazzi per la maratona setina di paola bernasconi enorme successo per l undicesima edizione del trofeo città di sezze svoltosi domenica scorsa a cura dell atletica setina in collaborazione con l uisp-unione italiana sport per tutti della provincia di latina e con il patrocinio del comune di sezze della provincia di latina del coni e con la collaborazione di giorgetta-sport-latina e saucony circa settecento gli atleti che hanno gareggiato sulla distanza dei dieci chilometri ai quali vanno aggiunti i bambini che hanno preso parte alla non competitiva di due chilometri dedicata a loro la riuscita va sicuramente ricercata nell impegno dei soci dell associazione atletica setina che hanno saputo radicare la manifestazione nel calendario podistico regionale portando a correre a sezze atleti provenienti da tutta italia a dare il via il sindaco andrea campoli mentre al nastro di partenza con il pettorale numero uno c è stato salvatore molinari atleta di casa e responsabile organizzativo della manifestazione al quale i top-runners presenti hanno concesso i primi cinquecento metri di passerella in solitaria la vittoria è andata a diego papoccia portacolori della podistica amatori morolo che ha coperto il tracciato ricco di saliscendi in 32 minuti e 57 secondi lasciandosi alle spalle marco di loreto della nuova podistica latina 33 minuti e 11 secondi e riccardo baraldi della asi intesatletica 33 21 in campo femminile il successo è andato a romina d auria della podistica terracina che ha terminato la sua fatica in 38 09 seguita da fabiola desiderio dell atletica monticellana che ha chiuso in 39 35 al terzo posto si è insediata invece francesca lauri della tivoli marathon in 41 12 trentadue gli atleti dell atletica setina che hanno partecipato alla competizione primo dei lepini è stato andrea archilletti seguito da salvatore molinari e americo palombi per le donne ha infine partecipato concetta bruschi siamo molto soddisfatti della magnifica riuscita di questo evento ­ spiega giancarlo tufo presidente dell associazione ­ È più che triplicato il numero di partecipanti alla gara passati nel giro di due anni da poco più di 200 a 700 anche maurizio marsella vice presidente del sodalizio setino commenta entusiasta non era scontato né tantomeno facile ottenere oggi questo splendido risultato se la manifestazione di oggi è ottimamente riuscita è grazie anche all impegno profuso dalle forze dell ordine quali polizia locale carabinieri polizia provinciale dai volontari dell associazione nazionale carabinieri e della protezione civile che voglio pubblicamente ringraziare ringrazio anche i cittadini che nel percorso di gara si sono prodigati a rifocillare gli atleti spruzzando loro acqua per ristorarli dalla fatica e dal caldo umido che ha caratterizzato la giornata l orchestra rossini seconda al `bacchetta d oro si svolge questo sabato la notte europea dei musei l evento con il patrocinio dell unesco e del consiglio d europa prevede l apertura in orario serale e notturno dei musei di tutta europa arricchendo l offerta con musica mostre visite guidate degustazioni la manifestazione coinvolge più di 40 nazioni per il quarto anno l italia aderisce all evento ed è il terzo anno per l etnomuseo monti lepini come nelle precedenti edizioni a roccagorga la notte dei musei comincerà dal pomeriggio sono previsti laboratori mostre visite guidate concerti il tutto all interno dell etnomuseo monti lepini e nel cortile del palazzo baronale dove ha sede il museo le iniziative previste si svilupperanno intorno alle tematiche proprie del museo cioè messa in valore del patrimonio culturale lepino in modo critico e originale con attenzione al rapporto tra il mondo locale e la comunità più ampia italiana europea mondiale dopo un pomeriggio dedicato al laboratorio per bambini le visite guidate all etnomuseo avranno inizio alle 18 con la particolarità di guide che spiegheranno in arabo rumeno inglese e italiano alle 19 spazio alle degustazioni etniche mentre la serata è dedicata alla musica 15

[close]

Comments

no comments yet