Leggendo il ggg

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

progetto lettura a.s 2009/2010 classe terza d

[close]

p. 2

scheda di lettura testo collettivo il soffia sogni testi individuali denise eleonora alessia andrea gaia t nicolò simone giacomo manuela lisa sofia b marco p nicola federico sara davide g sophia t emanuela davide r nicholas odette erica miriam ivan alessandro tautogrammi diverse avventure per sophia flash dal libro commenti

[close]

p. 3

titolo autore illustratore editore il g.g.g roald dahl quentin blake salani testo collettivo È notte l ora delle ombre e sophia una piccola bambina di otto anni non riesce a prendere sonno e si affaccia alla finestra dell orfanotrofio dove vive vede un alta ombra scura che si aggira minacciosa tra le case È l ombra del g.g.g un gigante alto sette metri con un ampio e lungo mantello nero che la cattura e la porta con sé nel paese dei giganti superando il timore e la diffidenza reciproca i due diventano ben presto amici sophia scopre che il gigante è molto diverso dagli altri giganti che talvolta lo beffeggiano è gentile non mangia popolli ma disgustosi cetrionzoli beve lo sciroppio una frizzante e dolcissima bevanda verde che fa fare rumorosi petocchi vive in una caverna ricoperta da grandi scaffali su cui ci sono i barattoli con i sogni che di giorno cattura con un retino lui parla in un modo molto strano perché non è mai andato a scuola ma aveva imparto da solo a leggere e scrivere grazie ad un piccolo libro che aveva con sé ha grandi orecchie che può muovere e con cui sente ogni minimo rumore.

[close]

p. 4

di giorno cattura con il suo retino sogni in-cubi e trogogobli che poi conserva in barattoli di vetro di notte con la sua lunga tromba soffia sogni nelle camere dei bambini sa anche mescolare i sogni così ne prepara uno per ottenere l aiuto della regina d inghilterra contro i terribili giganti mangiapopoli con l aiuto dell esercito dell aeronautica inglese sophia e il g.g.g riescono a catturare i nove giganti che vengono portati in inghilterra e gettati in una profonda fossa destinati a mangiare per sempre nauseabondi cetrionzoli sophia e il g.g.g rimangono per sempre insieme e il g.g.g grande gigante gentile impara finalmente a parlare e scrivere correttamente al punto di scrivere la storia delle sue avventure il g.g.g sophia i giganti il san guinario l inghiotticicciaviva lo strizza ­teste lo spella fanciulle il ciucciabudella il vomitoso il crocchia ossa lo scotta-dito il trita bimbo la regina d inghilterra mary la cameriera mister tibbs il maggiordomo il capo dell esercito il capo dell aviazione dei culicotteri

[close]

p. 5



[close]

p. 6

stanotte ho sognato di essere in america sul marciapiede di fronte a un altissimo grattacielo ci entrai e vidi due banconi dove tantissime persone chiedevano informazioni naturalmente in americano andai avanti e vidi due ascensori per lato e poi vidi anche due scale per lato su cui scendevano e salivano tantissime persone e fra queste indovinate un po chi c era c era il presidente obama con un mucchio di persone attaccate a lui con enormi microfoni e telecamere ma io pur di non infilarmi in quel gruppo di persone scappai fuori senza neanche vedere il resto del grattacielo quindi pensai di ritornarci l indomani ma era già troppo tardi perché il giorno dopo mi ritrovai sveglio in un accampamento australiano e poco dopo ero alla ricerca di un posto dove poter fare colazione incontrai un canguro che saltellava di qua e di là lui andò avanti e io ebbi solo il tempo di fotografarlo poi finalmente feci colazione a un piccolo bar e quando uscii mi ritrovai a mosca la capitale della russia e iniziai a girare per tutta la città scattando foto di qua e di là incontrando anche nuove persone con cui feci amicizia.

[close]

p. 7

quando girai nell ultima via mi ritrovai in cina vicino a un tavolo cinese indossavo anche un simpatico chimono azzurro mi sedetti a tavola e iniziai a mangiare il riso posto in un piatto con dei bastoncini di legno e non mi fermai finché il piatto non fu vuoto ma purtroppo a quel punto sentii mio fratello e mi svegliai di colpo con l impressione di essere davvero in cina ma purtroppo era solo un bellissimo sogno giacomo

[close]

p. 8

viaggiando per il mondo giacomo

[close]

p. 9

questa notte davanti alla finestra della mia camera è venuto il ggg che mi ha soffiato un sogno smaccheramelloso ho sognato di essere diventata già grande e mi trovavo in un aula spaziosa seduta dietro una grande cattedra piena di libri c era una lavagna nera su cui avevo scritto oggi grammatica bambini e di fronte a me avevo tanti bei visi sorridenti e tanti occhietti vispi insegnavo italiano proprio come la maestra chiara ed è proprio come lei che vorrei diventare una maestra brava buona e amichevole con tutti i bambini spero che questo non sia solo un sogno ma che diventi prima o poi realtà odette

[close]

p. 10

progetti per il futuro odette

[close]

p. 11

ho sognato che ero su un astronave di colore rosso e verde per andare sulla luna dove c era un monte ripido e alto 10.000 metri io ero vestito con una tuta spaziale di colore rosso e giallo anche se per la verità la tuta non era della mia taglia e mi stava un po grande durante il viaggio tra tempeste di meteoriti ed esplosioni di stelle finalmente arrivai sulla luna che sembrava risplendere nella notte spaziale sbarcai dall astronave e mi diressi verso la meta la cima della montagna ovviamente raggiunsi la vetta della montagna scalando i versanti ripidi e una volta raggiunta ci piantai la bandiera italiana che sventolava in aria con i suoi tre colori rosso verde e bianco ero molto felice e soddisfatto della grande impresa perché non ero molto allenato ed era la prima volta che scalavo una montagna così alta ivan baldin

[close]

p. 12

ciao sono davide e stanotte ho fatto proprio un bel sogno o almeno lo era all inizio ora ve lo racconto ero dentro una vasca davvero strana con un motore turbo dei razzi e perfino delle ali ai lati questo era il mezzo che usavo per viaggiare era davvero strano credevo di essere arrivato in un paese roccioso ma quando scesi mi accorsi che era un paese abitato da strane creature trol orchi streghe maghi gnomi terrificanti e perfino qualche dinosauro dell era giurassica ho proseguito allora il mio viaggio sulla mia vasca e ad un certo punto ho incontrato due uomini con una pelosa e orribile coda che si picchiavano duramente il mio sogno si stava lentamente trasformando in un per fortuna è suonata la sveglia che mi ha riportato alla realtà era domenica e non dovevo andare a scuola davide r incubo

[close]

p. 13

ora vi racconto il mio sogno sono una cantante molto famosa e mi trovo sul palco a cantare per un concerto di beneficenza io insieme alla mia band vogliamo infatti raccogliere soldi da mandare poi ai bambini poveri del togo il paese dell africa da cui provengono i miei genitori sul palco non sono da sola ma naturalmente ci sono le mie amiche lisa suona la chitarra denise la più brava del gruppo suona magnificamente il pianoforte mentre io e alessia ovviamente cantiamo davanti alle persone che sono venute ad ascoltarci alla fine del concerto ci scattano una foto a cui partecipa anche miriam che è venuta a farci i complimenti e si è truccata per l occasione purtroppo però proprio sul più bello la sveglia suona e mi ricordo che devo andare a scuola peccato speriamo che fra un paio d anni questo sogno si avveri ne sarei proprio felice emanuela a.

[close]

p. 14

un progetto per aiutare gli altri emanuela

[close]

p. 15

questa notte il ggg è venuto nella finestra della mia camera e con la sua grande tromba e mi ha soffiato un sogno all improvviso mi trovai in un altro mondo c erano tantissimi pokemon come pikaciu raiciu staremia pipla reyquazza infernei monferno e cimkhar ero all interno di una palestra dove si stava svolgendo un incontro tra pokemon e stavano annunciando che il combattimento successivo lo dovevo fare io contro il vincitore dell incontro che stavano facendo in quel momento dopo qualche minuto mi ritrovai a dover affrontare il mio avversario nel bel mezzo dell incontro la mamma mi svegliò perché dovevo andare a scuola e così non seppi più com era finito il combattimento federico

[close]

Comments

no comments yet