Spiagge d'Italia

 

Embed or link this publication

Description

Aprile-Giugno 2012

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3



[close]

p. 4

aprile 2012 6:54 pagina 4 8 progetto spiaggia mai come adesso il business balneare mostra le sue migliori performance nei casi in cui dimostra di essere stato programmato scientificamente con progettualità visione strategica e tanta voglia di fare e soprattutto una coraggiosa imprenditorialità sommario 60 reportage balnearia 2012 l edizione 2012 della fiera di carrara come già quella di rimini chiude i battenti con un po di amaro in bocca per le tensioni generate dalla fatidica scadenza del 2015 la voglia di investire c è ma ci sono anche moltissime incertezze per il futuro come testimoniano le aziende espositrici sempre in prima linea per contrastare la crisi con la forza delle idee 94 impronta ecologica all insegna del business ecosostenibile l iniziativa di un gruppo di stabilimenti romagnoli per promuovere la sostenibilità ambientale diventa un format nazionale di promozione e visibilità del settore ad alto valore aggiunto elaborazione grafica su foto del progetto del lido stella marina a cattolica bagno da oscar in copertina elaborazione grafica su un immagine dello stabilimento poseidonia beach club di marina di ascea sa edizione 2012 partecipa anche tu termine ultimo per l invio delle foto 10.11.2012 per info tel 051 385700 le rubriche 4 elenco delle aziende citate 6 obiettivamente 78 novità prodotto scelte vincenti per l estate 2012

[close]

p. 5

3

[close]

p. 6

elenco delle aziende citate in questo numero azienda pagina azienda pagina a periodico professionale indipendente per gli operatori del turismo balneare direzione redazione pubblicità amministrazione via emilia ponente 26 40133 bologna telefono 051 385 700 r.a telefax 051 384 793 info@spiaggeditalia.net http www.spiaggeditalia.net altoadriatiko arredo beach di cinquemani g azzurra 38 81 77 84 53 82 l lamiplast lasersoft lietomare lungomare 58-59 78 78 83 iii cop 15 81 84 71 b bardani giovanni bic sport bronze italia 71 23 80 85 ii cop 78 86 m maino mauro 63 marcelli alessandro 75 marcelli di marcelli a 47 75 83 martini costruzioni nautiche 73 78 87 meucci giampiero 86 91 iv cop c direttore responsabile giovanna glionna condirettore michele glionna direttore editoriale mario addario segreteria di redazione arianna pelagalli redazione matteo barboni orelia campolo lucia casadei giorgio colomba salvatore ferraiuolo giovanni fini francesco giovannini leonardo glionna lidia malacarne nicola marra damiano montanari maria grazia palmieri andrea sganzerla corrispondenti manuela bisconcin rosaria di prata anna esposito alessia fracchia patrizia piolatto gabriella sorrenti elena voltolini promozione e sviluppo giovanni de risio michele francescutti grafica silvia carbonaro amministrazione alba cassanelli ottimizzazione servizi beatrice pecchioli carpenteria fossano 25 81 85 cfc 28 93 chiarelli group 43 93 co.m.e.s.i group 21 83 c.n.a cantiere nautico 7 82 92 no nuovo ombrellificio romano 45 80 d dell utri simona depa doccia la scozzese 66 51 78 86 56 81 90 pq paradiso gonfiabile paron stefano p.f.g 70 66 82 90 96 4 e easy fun 46 83 r resinvetro 52 82 88 retificio ribola giovanni 65 90 ri.da.p 5 78 82 87 f f.a.r di ribola fabarpool forum piscine frosini andrea 41 81 88 49 80 85 92 64 s sabbis scam scardigno michele selegiochi settin flavio smartis 39 33 79 88 70 1 87 88 63 73 g gambino ruggero gamma gavioli graziella gio stemar glam contract grafikamente grosfillex 70 13 63 84 90 74 3 63 92 93 67 17 88 29 80 pubblicazione edita dalle edizioni miglio srl divisione periodici registrazione tribunale di bologna nr 7556 del 30/06/2005 spedizione posta target magazine editori aut naz/453/2008 pubblicità inferiore al 45 proprietà e diritti riservati manoscritti foto e disegni anche se non pubblicati non saranno restituiti delle opinioni manifestate negli scritti sono responsabili gli autori dei quali la direzione intende rispettare la piena libertà di giudizio stampa grafiche garattoni viserba di rimini opera depositata a norma di legge presso l ufficio proprietà letteraria artistica scientifica roma rivista a carattere culturale ed economico riconosciuta dalla presidenza del consiglio dei ministri rns n° 2003 del 23.10.1986 ­ roc 6121 abbonamenti la spedizione di spiagge d italia in italia avviene in abbonamento postale gratuito per gli operatori del settore stabilimenti balneari produttori agenti per le altre categorie è necessario sottoscrivere un abbonamento annuale versando euro 20,00 su c/c postale n 22897409 intestato a edizioni miglio È necessario inoltre inviare via fax copia del bollettino comprovante l avvenuto pagamento con i dati per il recapito della rivista l abbonamento decorrerà dal primo numero raggiungibile a far data dal ricevimento del fax arretrati i numeri arretrati possono essere richiesti direttamente presso gli uffici delle edizioni miglio a bologna e vengono inviati in contrassegno al costo di euro 8,00 legge 675/1996 sulla privacy le edizioni miglio garantiscono la riservatezza dei dati l invio dei dati alle edizioni miglio è indispensabile per quanto riguarda la gestione di abbonamenti gratuiti la partecipazione a manifestazioni fieristiche o informazioni commerciali il mancato invio renderà impossibile lo svolgimento dei suddetti servizi in base all articolo 13 legge n 675/96 si potrà in qualsiasi momento esercitare i relativi diritti tra cui consultare integrare correggere e cancellare i dati personali ed anche opporsi all utilizzo per finalità di marketing diretto basterà scrivere a edizioni miglio srl ­ via emilia ponente 26 ­ 40133 bologna t tartuga tgs 35 91 93 54 90 h hotelmarket forniture alberghiere 55 91 u uniplast 91 i ikalia inforyou 69 87 31 78 vw vacchi corrado vlup 67 84 j jteck 64 x xero wheels 57 79 92 k kässbohrer geländefahrzeug 71 86 z zanotti luca 73

[close]

p. 7



[close]

p. 8

obiettivamente di giorgio colomba chi ti vuol bene ti può far piangere e dici qualcosa che non offende nessuno non hai detto niente oscar wilde e che sia l inarrivabile arguzia del dandy irlandese a ratificare come questo periodico qualcosa da dire ce l abbia conforta assai il riferimento è ad alcuni rilievi pervenuti in redazione dopo il numero dello scorso gennaio intendiamoci rispetto alla nostra `ragione sociale non v è nulla di più agli antipodi del polemizzare sterilmente con la categoria d altronde che il nostro monito fosse rivolto ad una minoritaria quota della grande platea di addetti è una solare evidenza ignorabile solo da chi ritiene 6 la spiaggia utile più che altro ad infilare la testa sotto la sabbia fatale dunque che qualcuno se ne sia adontato trascurando che il primo basilare presupposto per una convivenza civile e costruttiva è tentare di eludere la il rispetto delle verità rinunciando opinioni altrui a mettersi in gioco atteggiamenmagari reagendo in to comune alla modo scomposto maggior parte per chi pensa che la degli addetti ma spesso migliore difesa sia soverchiato l attacco serve solo ad invecchiare ancor dagli strepiti di una minopiù rapidamente e ranza chiasdrammaticamente sosa per definizione sul mercato e colpevolmente ignara delle opinioni espresse sul suo conto dalla gente non solo sul web del resto è dai tempi di confucio che quando qualcuno indica la luna c è chi sceglie di guardare il dito un po come se all accendersi di una spia rossa sul cruscotto di un auto il guidatore scollegasse la lampadina anziché recarsi dal meccanico per riparare il guasto maestrini dalla penna rossa tuttavia non ve ne sono da s e adesso per l unione europea siamo in linea con l europa finalmente ora sorge però pressante una nuova domanda quando lo saremo tra di noi una parte né dall altra come le numerose occasioni di civile dibattito anche nel corso della recente fiera balnearia hanno confermato ridefinire rapporti e ruoli invece potrebbe essere un eccellente punto di ri partenza tutto sta a catechizzare quegli addetti un po troppo inclini al culto come dire della `proprietà e che in forza di ciò reputano irreversibile l acquisizione di diritti viceversa suscettibili di essere posti in discussione segnatamente nel sovraordinato interesse di categoria qui sta il vero nodo certo la verità ripeteva karl kraus è un servo maldestro che rompe i piatti quando fa le pulizie ma tentare di eluderla rinunciando a mettersi in gioco magari reagendo in modo scomposto ­ la miglior difesa è l attacco ­ verso chi è reo esclusivamente di adombrarne i rischi serve solo ad invecchiare più rapidamente sul mercato d altro canto se è vero che redigere un pezzo su un periodico settoriale è più ostico che camminare su una fune tesa discettar di sdraio ed ombrelloni è come aver tirato quella fune tra i due alberi di una goletta che in balia dei marosi fa slalom tra gli scogli ma proprio queste difficoltà e il nostro impegno nel superarle ci gratificano da lustri di quello straordinario successo editoriale e professionale che rafforza la nostra credibilità di rivista davvero indipendente scodellata da una redazione in cui ­ purtroppo per qualcuno per fortuna di molti ­ non albergano estensori con la schiena a geometria variabile ma articolisti che sanno di dover rendere merito prima di tutto alla stragrande maggioranza di operatori balneari che esercita il proprio ruolo nel miglior modo possibile conscia di dover interpretare ogni rilievo come uno stimolo a coniugare sempre di più impegno e abnegazione ricerca ed innovazione al contrario respingere anche la semplice ipotesi di doversi tratteggiare un avvenire appena diverso caldeggiando la sordina ­ o peggio il bavaglio ­ per ogni voce `scomoda o poco funzionale al soltanto illusorio agio di uno status quo fuori dal tempo rischia di essere solo un tafazziano esercizio di eutanasia balneare steve jobs ­ non proprio uno dei tanti ­ ripeteva che il modo migliore di prevedere il futuro è inventarselo imbeccata mirabile che dovrebbe stimolare il giusto approccio ad un mercato che va amato e rispettato anche nelle peculiari contraddizioni e differenze da accettare muniti sempre e comunque di propositivo ottimismo magari partendo dalla buone nuove di fine febbraio made in ue che per bocca del commissario al mercato interno michel barnier ha archiviato la procedura d infrazione contro l italia in materia di concessioni demaniali in quanto le recenti disposizioni assunte dal governo italiano mettono in linea l italia con le norme europee a riguardo l apprezzamento di cna balneatori sib confcommercio fiba confesercenti e assobalneari confindustria è anche il nostro ma serve che alla fermezza nel perseguire il necessario riordino normativo del comparto a mezzo confronto tra i vari soggetti interessati si associ una maggiore consapevolezza da parte dei singoli operatori di quanto ­ tanto ­ resta ancora da fare per riproporre l incomparabile magia dei nostri litorali evitando così di finire spiaggiati sulla spiaggia.

[close]

p. 9

7 spiagge 4o anni di puro divertimento via cagnona nuova 913 47030 s mauro pascoli a mare fc tel +39 0541 938040 fax +39 0541 938084 info@centronauticoadriatico.com www.centronauticoadriatico.com c.n.a cantiere nautico srl

[close]

p. 10

dalla copertina innovazione doc progetto spiaggia i 8 l tempo passa la gente cambia È curioso come queste perle di saggezza tramandate di generazione in generazione non passino mai di moda e restino sempre attuali se pure è normale guardarsi indietro contemplare quanto si è realizzato e magari essere critici nei confronti del presente per affrontare la realtà attuale bisogna soprattutto guardare al futuro agli anni e agli scenari che andranno a delinearsi piuttosto che ancorarsi al passato il sistema turistico italiano tiene lo si è visto con le rilevazioni dell ultima estate e proprio quello balneare ha ancora ottime chance di sviluppo ci sarà la crisi e anche l avanzata di agguerriti competitor dalla spagna alla grecia dalla francia alla turchia eppure il fascino del belpaese compensa della perdita degli italiani esterofili che corrono a crogiolarsi su altri lidi fiumi di stranieri sono irrimediabilmente attratti dalle bellezze dalla buona tavola e da un lifestyle che il mondo intero ci invidia un po meno dai servizi però È un dato di fatto che il pubblico estero abituato a viaggiare è in grado di fare dei confronti e ha l esperienza sufficiente per fare delle valutazioni si sa le critiche non piacciono mai troppo e quando si scorrono le pagelle ci si rimane un po male regge il mito dell italia mentre cede il passo quello dell italica affabilità della squisitezza dell ospitalità e della qualità delle proposte oggi il paese paga lo scotto di non essere riuscito in molti casi a far fronte alle richieste di un pub

[close]

p. 11

mai come adesso il business balneare mostra le sue migliori performance nei casi in cui dimostra di essere stato programmato scientificamente con progettualità visione strategica e tanta voglia di fare e soprattutto una coraggiosa imprenditorialità 9

[close]

p. 12

speciale progetto spiaggia blico che è cambiato e non solo il consumatore straniero certo la leadership non è persa ma non bisogna sottovalutare gli emergenti che a minor costo e con più furbizia sanno proporsi meglio accontentandosi magari consci del fatto che le quote di mercato si guadagnano pian piano in silenzio specie quando non si ha il prodotto migliore intanto però avanzano monica lepri la progettazione è la risorsa innovazione ed estetica non sono i soli elementi positivi degli interventi in spiaggia miglior fruizione degli spazi e aumento del valore della concessione rappresentano potenzialmente la migliore tutela nei confronti della tanto temuta bolkestein 10 le note dolenti si fanno sentire in un sistema che fatica a cambiare troppa l abitudine a primeggiare senza particolari meriti ma le cose sono cambiate e continuano ancora ad evolversi velocemente cosicché chi grida all ingiustizia e si ancora pretestuosamente ad un concetto di tradizione che null altro è che puro immobilismo in nessun caso comunque sintomo di imprenditorialità rischia di pagarne le conseguenze più amare soprattutto in rapporto a chi invece si dà da fare e sfrutta la crisi del sistema come migliore opportunità per emergere e distinguersi sia chiaro è sempre possibile rimediare ma impoverirsi stagione dopo stagione non è in alcuna maniera una soluzione prendere tempo talvolta può essere funzionale ma non certo `ad oltranza le regole di qualsiasi business chiedono movimento azione innovazione forse è giunto il momento di mettersi in discussione di ripartire con slancio e non permettere che qualcuno vada ad intaccare quel patrimonio e quella fama faticosamente guadagnati nei lunghi decenni dal dopoguerra ad oggi per innovarsi però occorre investire e qui iniziano i problemi già perché con il decreto bolkestein e la fatidica data del 2015 il mondo balneare si è come fermato impietrito o meglio trasformato in una statua di sale certo anche solo definire una doccia fredda le richieste dell europa risulta limitativo e chi segue la vicenda sa come gli scenari ipotizzati gettino nel dubbio gli operatori così come le aziende che a questo mondo sono indissolubilmente legate in questo l italia mostra forse alcune delle sue più grandi debolezze la poca chia n ell analisi di un progetto di carattere balneare vi sono aspetti fondamentali non eludibili in primo luogo l aspetto legato alle normative riconducibile a soprintendenze capitanerie e comuni trattandosi di terreno demaniale che deve sottostare sia ai piani di spiaggia che agli orientamenti della soprintendenza stessa pertanto non è possibile progettare senza il parere favorevole degli organismi preposti al controllo e al rilascio delle autorizzazioni superata la parte normativa intesa come verifica dei progetti c è l aspetto di carattere estetico e funzionale ovvero lo studio e la progettazione di nuove opere dove emergono la creatività e la libera ispirazione che possono spaziare da sapori e colori mediterranei a motivi in stile miami andando a scegliere il soggetto su cui poi apporre vari riferimenti bisogna però sottolineare che prima di sviluppare un progetto di qualsiasi natura anche nel caso di una piccola ristrutturazione è bene tener presente che occorrono delle persone competenti in grado di dialogare con le istituzioni e gli organismi di verifica non basta quindi la progettazione architettonica stilistica e artistica ma bisogna curare con altrettanta attenzione anche tutta la parte normativa onde evitare illeciti che rischierebbero di bloccare i lavori ad apertura già avvenuta una volta superato il primo scoglio ci si può concentrare sull analisi delle richieste prediligendo l impiego di materiali di nuova generazione e cercando di alleggerire le strutture in modo da non impedire la vista del mare elementi questi privilegiati dagli stessi uffici comunali e in linea con le ultime direttive in ambito costruzioni e piani urbanistici non meno importante è l aspetto della comunicazione e del marketing perché chiaramente occorre trovare formule che accentuino la visibilità non solo dello stabilimento ma dei singoli aspetti di questo inutile investire in un pavimento particolare e suggestivo se poi non lo si mette in risalto in questo senso l originalità si dimostra un arma vincente pur tenendo presente che vi sono comunque dei canoni imposti specie nei servizi come nel caso della ristorazione o dei punti bar e ristoro schemi legati all utilizzo di queste strutture che devono rispondere a precisi parametri normativi fondamentale è però an-

[close]

p. 13

È fondamentale che gli operatori balneari siano anche illuminati imprenditori cosa che vale anche per gli albergatori in entrambi i casi c è chi investe per migliorarsi e chi si accontenta di gestire ciò che ha senza apporre alcuna miglioria che creare qualcosa che sia funzionale pratico non basta realizzare qualcosa di esteticamente interessante se poi la fruibilità degli spazi è estremamente complessa occorre ascoltare le necessità della committenza perché il successo dell architetto è riuscire a rendere bello qualcosa di cui il cliente ha bisogno inutile costruire cattedrali nel deserto dove gli operatori si sentono estranei in casa propria bisogna dialogare molto con la committenza cercando di orientarla quando ha idee e ispirazioni che possono rivelarsi controproducenti in una successiva gestione degli spazi basta il posizionamento sbagliato di un elemento per fare il gioco del vicino che non si è riqualificato solo perché l intervento non ha portato una miglioria funzionale ma soltanto di carattere estetico nel caso della stella marina venivamo da un progetto dove i manufatti erano già presenti occorreva un restyling piuttosto forte per riuscire ad ottenere un impatto estetico migliore e di maggiore personalità vista anche la posizione piuttosto centrale rispetto alla città con questi presupposti e intenzioni si è proceduto posizionando le inse 11 in queste immagini alcuni rendering del progetto di ristruttirazione dello stabilimento stella marina a cattolica

[close]

p. 14

speciale progetto spiaggia 12 rezza la libera interpretazione e la polemica sono probabilmente tra i mali principali non che ve ne siano pochi altri ma certamente questi fattori pesano in maniera determinante su tutta la questione degli affidi delle concessioni per procedere con ordine ed evitare critiche non meritate è bene allora fare chiarezza la spiaggia è un bene dello stato ed esso sia per risparmiarsi un po di fatica un po per metterlo a frutto un po anche per creare un interessante opportunità ha deciso di affidarlo mediante le concessioni a volenterosi e laboriosi operatori balneari non lo ha regalato in gran parte neanche venduto ma semplicemente concesso con un tacito accordo per cui gli operatori balneari hanno creato un sistema di offerta turistica assolutamente unico al mondo che lo stato ha lasciato prosperare soddisfatto così le concessioni si sono allungate sono state tramandate di padre in figlio di famiglia in famiglia nulla di strano e nulla di illegale poi però lo stato andando male le cose per altri versi si è ricordato della spiaggia `concessa ed ha cominciato a chiedere di più di mezzo ovviamente l europa che vuoi perché più liberista dell italia alleva vuoi perché incapace di allevare una classe di bagnini come quelli italici ha lasciato le coste allo stato brado libere e fruibili da chiunque senza una gestione e ovviamente senza i risultati turistici portati da questa nuova tipologia di impresa gne in maniera più visibile inserendo pergolati e giochi di luce e ombre attraverso vele che richiamano le barche a vela È prevalsa la politica del bianco in termini di colore inteso come elemento di pulizia e come richiamo allo stile marinaro e mediterraneo mantenendo un rigore moderno dato dallo spigolo e l introduzione di materiali che non si deteriorano ­ che sono esteticamente simili al legno pur non essendolo trattandosi in realtà di poliuretano il centro della struttura è stato arricchito da una piscina molto scenografica mentre la reception ha riaffermato l impressione di grande villaggio turistico dove ogni reception in realtà è dedicata a una delle diverse attività che si svolgono nella struttura dalla ginnastica all animazione allo sport gli ospiti vengono così accolti e accompagnati in tutte queste attività della giornata fino alla sera tardi chiaramente oltre alle esigenze primarie si cerca anche di suggerire qualcosa di nuovo o particolare come nel caso della piscina che si presta anche ad ospitare cene sul suo bordo coinvolgendo gli hotel vicini dipende sempre se ci sono idee ben definite o se ci sono gli spazi per poter interagire ad esempio il benessere è una novità nata a riccione tramite un percorso che consente un utilizzo anche destagionalizzato pur con vista mare il progettista diventa un po un medico a cui affidarsi per ricevere le giuste cure ed evidentemente può diventare una specializzazione che può dare un importante contributo alla riqualificazione del sistema turistico balneare italiano anche considerando che uno studio di architettura può curare davvero ogni aspetto fino alla comunicazione e all immagine con un importante contributo di marketing e comunicazione solo l architetto infatti può avere l idea di come andrà a concludersi un progetto e quindi è la persona più indicata anche per aiutare la committenza nel gestire le diverse situazioni contingenti dalla comunicazione esterna al merchandising tutto in maniera coordinata organica senza un accozzaglia di elementi disordinati e per assurdo anche potenzialmente più costosi chiaramente bisogna anche cercare alcuni compromessi come nel caso dei lettini che nello stabilimento stella marina sarebbero dovuti essere bianchi ma che per motivi di migliore gestione e mantenimento sono stati poi scelti con una tinta che non andasse comunque in contrasto con la visione d insieme offerta dallo stabilimento balneare investire negli stabilimenti garantire strutture di qualità proporre servizi innovativi è sicuramente una garanzia di successo e forse anche una carta da giocare nell assegnazione delle concessioni

[close]

p. 15

13

[close]

Comments

no comments yet