I Chirotteri del Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

i chirotteri del parco naturale delle capanne di marcarolo testi e foto di roberto toffoli

[close]

p. 4



[close]

p. 5

con questo libro viene inaugurata una nuova collana di manuali sulla biodiversità del sito di importanza comunitaria e parco naturale regionale delle capanne di marcarolo tuttavia questa iniziativa editoriale non segna un punto d arrivo bensì si fa strumento e corollario di un ampio progetto di conservazione avviato dall ente parco più di dieci anni fa il progetto di studio e gestione della biodiversità in ambiente appenninico al lettore farà piacere sapere come alle spalle di ognuno di questi volumi ci sia l enorme lavoro di naturalisti e ricercatori ma anche di volontari e studenti che insieme al personale dell area protetta hanno dedicato e tuttora dedicano il loro tempo a sviluppare le conoscenze scientifiche e le risorse tecniche e umane necessarie ad operare una corretta gestione delle specie e degli habitat di questa porzione di appennino piemontese nell arco di questi dieci anni dalla mole di elenchi sistematici dati registrati grafici relazioni scientifiche e piani di gestione è emerso man mano un caleidoscopio di conoscenze accumulate sulla diversità biologica di questo meraviglioso territorio che ora l ente parco rende disponibile a tutti come patrimonio collettivo con la garanzia di avere anche e soprattuto operato per la sua conservazione sì perchè la divulgazione naturalistica deve avere alle spalle una concretezza di azioni positive sul territorio il bla-bla senza riscontri pratici è al giorno d oggi un lusso che non possiamo permetterci per un ente che fa gestione le pagine patinate fini a se stesse sono un cattivo investimento e non valgono l attenzione del lettore per questo motivo nei libri della collana troverete sempre utili strumenti ed esempi concreti per contribuire alla conservazione del meraviglioso tessuto vivente di fauna e flora che ci circonda e dal quale tutti dipendiamo il volume di roberto è espressione diretta di questa filosofia ogni pagina riflette la competenza la passione e l impegno nella conservazione dei pipistrelli profuso in questi anni dall area protetta e dai suoi collaboratori in modo tale che una volta lette queste pagine alla domanda è bello quel libro possiate affermare sì è utile per l anno internazionale dei chirotteri non potremmo avere apprezzamento migliore gabriele panizza funzionario tecnico gestione ambientale e conservazione dell ente parco

[close]

p. 6



[close]

p. 7

prefazione come noto quello dei chirotteri comunemente conosciuti come pipistrelli è un gruppo faunistico particolarmente minacciato dalle alterazioni ambientali causate dall uomo anche per questa ragione hanno assunto un ruolo simbolo all interno della normativa comunitaria in materia di protezione di specie e habitat le specie di chirotteri da sole corrispondono al 50 dei mammiferi italiani di interesse comunitario il volume che avete tra le mani riassume e porta a conoscenza del pubblico i dati desunti in molti anni di ricerca dimostra inoltre l interesse e l attenzione che il parco naturale delle capanne di marcarolo riserva a questi mammiferi alati obiettivo della pubblicazione non è però solo aggiungere un tassello nel panorama delle linee guida e gestionali di queste specie ma avere anche uno strumento divulgativo da utilizzare per promuovere la conservazione e la tutela dei chirotteri nell area appenninica piemontese i comportamenti umani infatti risultano fondamentali per la sopravvivenza e la conservazione di questa specie ma azioni scorrette si possono riscontrare anche all interno delle aree protette cam biamenti di destinazione d uso lavori di restauro o ristrutturazione di edifici e altri interventi con potenzialità d impatto sui chirotteri come l illuminazione decorativa riguardanti anche siti di interesse culturale o storico se non condotti adeguatamente sono alcune delle minacce che interagiscono con la conservazione dei chirotteri e che ne possono condizionare negativamente ad esempio le fasi riproduttive come i parti e l allevamento della prole di qui l importanza di condurre un adeguata informazione e sensibilizzazione pubblica sul tema concludo ringraziando chi quotidianamente si occupa per la collettività della tutela dei chirotteri e nel piccolo chi ha aiutato il parco nell attuazione delle misure conservazionistiche di competenza nonché nella redazione di questo volume buona lettura andrea de giovanni direttore del parco naturale delle capanne di marcarolo

[close]

p. 8



[close]

p. 9

1 i chirotteri del parco naturale delle capanne di marcarolo

[close]

p. 10



[close]

p. 11

11 i chirotteri del parco naturale delle capanne di marcarolo introduzione i pipistrelli sono dei mammiferi e come tutti i rappresentanti di questa classe sono omeotermi hanno il corpo ricoperto di pelo sono vivipari e allattano i loro piccoli la loro morfologia è sufficientemente specifica per formare un ordine a parte quello dei chirotteri con circa 1.100 specie occupano il secondo posto nella classe dei mammiferi rappresentando circa un quarto di tutte le specie di mammiferi attualmente conosciute sulla terra superati solo dai roditori hanno conquistato tutti gli ambienti presenti sulla terra ad esclusione delle calotte polari delle alte montagne delle isole più lontane e del centro dei più grandi deserti grazie ad adattamenti unici in questa classe di vertebrati da almeno 55 milioni di anni infatti i pipistrelli hanno evoluto delle capacità biologiche fuori dal comune nei mammiferi il volo la visione nell oscurità grazie all ecolocalizzazione e l ibernazione nelle regioni temperate questa capacità hanno fatto di questi mammiferi notturni una meraviglia dell evoluzione tassonomia tradizionalmente l ordine dei chirotteri chiroptera blumenbach 1779 è stato considerato suddiviso in due sott ordini megachirotteri e microchirotteri tale suddivisione è stata utilizzata la prima volta nel 1875 da g dobson all ordine dei megachirotteri apparteneva una famiglia sola gli pteropodidi mentre tutte le altre appartenevano al sott ordine dei microchirotteri dal 1980 si è posto il quesito se l ordine dei chirotteri rappresentasse un gruppo omogeneo generato da un ancestrale comune esclusivo gruppo monofiletico oppure se fosse generato dall unione di due ordini aventi origini lontane nel 1986 j.d pettigrew trovò una linea di congiunzione tra megachirotteri e primati scimmie questi ultimi possiedono infatti un sistema di connessione retinale molto specializzato a differenza degli altri mammiferi solo quello dei megachirotteri è molto simile queste osservazioni portarono quindi pettigrew a concludere che i megachirotteri fossero molto vicini ai primati e che i due sott ordini di chirotteri potessero essere comparsi in periodi differenti di conseguenza la capacità di volo dovrebbe essere apparsa in due momenti diversi lungo la linea evolutiva dei mammiferi tale somiglianza comunque da sola non è sufficiente per classificare i megachirotteri così vicino ai primati se si considera lo sviluppo dell encefalo dei megachirotteri questo è più vicino a quello dei microchirotteri rispetto ai primati ed è difficile credere che la capacità di volo una caratteristica molto rara tra i mammiferi abbia potuto svilupparsi alla stessa maniera per mezzo di una membrana che collega le dita degli arti anteriori in due gruppi di mammiferi con origine diversa la monofilia dei chirotteri è stata confermata nell anno 2000 per mezzo delle analisi molecolari si è tornato a considerare i chirotteri un ordine omogeneo con due sott ordini microchirotteri e megachirotteri tale nomenclatura però sembra suggerire una differenza di taglia ma in realtà non è così poiché esistono megachirotteri di piccole dimensioni e anche tra i microchirotteri non c è un omogeneità nella grandezza quindi sentendo la mancanza di uniformità tra i microchirotteri a partire dal 2000 la separazione tra pteropodidi e microchirotteri non è stata più considerata successive ricerche genetiche paleontologiche anatomiche e morfologiche portarono a classificare in maniera del tutto differente rispetto al passato l ordine dei chirotteri alla luce delle nuove scoperte viene ancora considerata la divisione in due cladi gruppo monofiletico si parla di yinpterochiroptera o pteropodiformi e yangochiroptera o vespertilioniformi ma in più è riconosciuta l esistenza di una super-famiglia di microchirotteri i rinolofoidi comprendente i rinolofidi i megadermatidi i

[close]

p. 12

12 i chirotteri del parco naturale delle capanne di marcarolo craseonycteridi i rinopomatidi che è vicina agli pteropodidi nel 2005 due studi sulle sequenze genetiche di tutte le famiglie di chirotteri attuali permisero di ricostruire le loro linee evolutive entrambi i lavori portarono alle medesime conclusioni filogenetiche considerando il famiglia pteropidae mondo gruppo di chirotteri monofiletico solo le ultime famiglie si sono poi separate e in seguito stabilizzate nel 2007 un lavoro di cassandra millerbutterworth ad integrazione dei due precedenti ha elevato al rango di famiglia i miniopteri europa italia 1 specie in europa cipro 1 genere 5 specie rhinolophidae yinpterochiroptera o pteropodiformes magadermatidae craseonycteridae rhinopomidae emballonuridae nycteridae phyllostomidae mormoopidae nocilionidae yangochiroptera o vespertilioniformes furipteridae thyropteridae mystacinidae myzopodidae vespertilionidae miniopteridae molossidae natalinidae 42 generi 184 specie zone tropicali e subtropicali africa asia australia isole del pacifico 10 generi 158 specie europa asia africa australia 4 generi 5 specie africa centro e sud-est asiatico australia india 1 genere 1 specie thailandia myanmar 1 genere 4 specie africa asia 13 generi 51 specie regioni tropicali e sub tropicali 1 genere 19 specie africa indonesia madagascar 55 generi 160 specie america centro meridionale caraibi 2 generi 10 specie america centro meridionale 1 genere 2 specie america centro meridionale antille bahamas 2 generi 2 specie zone tropicali dell america meridionale 1 genere 3 specie america centrale e meridionale 1 genere 1 2 specie nuova zelanda 1 genere 2 specie madagascar 47 generi 388 specie regioni tropicali e temperate 1 genere 19 specie africa madagascar eurasia giappone 13 generi 100 specie zone tropicali e temperate 3 generi 8 specie zone tropicali dell america centrale e meridionale antille 8 generi 28 specie 1 genere 1 specie 1 genere 1 specie tabella delle attuali famiglie di chirotteri

[close]

p. 13

13 i chirotteri del parco naturale delle capanne di marcarolo le specie in italia in italia sono attualmente presenti 35 specie di chirotteri europei distribuite in quattro famiglie e undici generi È da evidenziare il recente incremento di specie di chirotteri descritte grazie all applicazione di moderne tecniche di biologia molecolare in affiancamento alle tecniche classiche basate su criteri morfometrici È il caso del pipistrello pigmeo pipistrellus pygmaeus del vespertilio di alcathoe myotis alcathoe del vespertilio maghrebino myotis punicus dell orecchione alpino plecotus macrobullaris e dell orecchione sardo plecotus sardus il quadro faunistico relativo ai chirotteri italiani sta subendo quindi una rapida e dinamica evoluzione elenco dei chirotteri segnalati in italia rinolofo di blasius rhinolophus blasii rinolofo euriale rhinolophus euryale rinolofo maggiore rhinolophus ferrumequinum rinolfo minore rhinolophus hipposideros rinolofo di méhely rhinolophus mehelyi vespertilio di alcathoe myotis alcathoe vespertilio di bechstein myotis bechsteinii vespertilio minore myotis oxygnathus vespertilio di brandt myotis brandtii vespertilio di capaccini myotis capaccinii vespertilio dasicneme myotis dasycneme vespertilio di daubenton myotis daubentonii vespertilio smarginato myotis emarginatus vespertilio maggiore myotis myotis vespertilio mustacchino myotis mystacinus vespertilio di natterer myotis nattereri vespertilio maghrebino myotis punicus pipistrello albolimbato pipistrellus kuhlii pipistrello di nathusius pipistrellus nathusii pipistrello nano pipistrellus pipistrellus pipistrello soprano pipistrellus pygmaeus nottola gigante nyctalus lasiopterus nottola di leisler nyctalus leisleri nottola comune nyctalus noctula pipistrello di savi hypsugo savii serotino di nilsson eptesicus nilssonii serotino comune eptesicus serotinus serotino bicolore vespertilio murinus barbastello barbastella barbastellus orecchione bruno plecotus auritus orecchione grigio plecotus austriacus orecchione alpino plecotus macrobullaris orecchione sardo plecotus sardus mioniottero miniopterus schreibersii molosso di cestoni tadarida teniotis pipistrello nano una delle specie più diffuse in italia.

[close]

Comments

no comments yet