Maestro Cuore2

 

Embed or link this publication

Description

Pensierini2

Popular Pages


p. 1

supplemento n.2 de il sabatino 2010 2011 pensierini dei miei alunni raccolti da maestro cuore giuseppe circelli volume ii scuola leonardo da vinci

[close]

p. 2

cultura secondo volume pensierini scritti dai miei alunni pagina introduttiva nel corso dei miei anni di insegnamento quando sul settimanale insieme curavo la rubrica «sabato mattina all italiana» e in seguito «la scuola di italiano» ho pubblicato spesso i compiti scritti dei miei alunni e se ben ricordate lo facevo nell intento di «dare il via a uno scrittore a scrivere» mi auguro proprio di averlo dato almeno a qualcuno a volte vado a rileggerli e lascio immaginare a voi i ricordi e le emozioni che si accavallano nel mio cuore quasi a soffocarmi il petto allorché si affacciano alla mia mente anche i volti di quei tanti studenti nel cui animo al pari di ogni altro insegnante ho seminato dei raggi di italianità sperando che continuino anch essi a farli risplendere in lungo e in largo durante il loro cammino in terra canadese adesso che il picai ha aperto questa simpatica rivista telematica che punta i suoi riflettori sui nostri corsi di lingua e cultura italiana del sabato mattina mi è passato per la testa di selezionarne alcuni in base agli argomenti trattati ragrupparli in vari volumetti e darveli in lettura on line nella pagina de «il sabatino» quasi certo di aver fatto qualcosa di utile buona lettura in questo secondo volumetto ho raggruppato alcuni compiti che parlano dei seguenti argomenti 1 italia 2 un racconto mio 3 amore ed amicizia 1

[close]

p. 3

italia É da qualche anno che ogni sabato mattina dalle nove a mezzogiorno seguo i corsi di lingua italiana del picai alla scuola leonardo da vinci sono orgogliosa di potere imparare la meravigliosa lingua dei miei genitori l italiano nel giugno scorso con la scuola abbiamo partecipato ai giochi della gioventù che corrispondono ai mini giochi olimpici per la gioventù siccome a me piace molto nuotare ho deciso di partecipare a questi giochi nelle gare di nuoto il 7 giugno del 1996 c era l apertura ufficiale dei giochi al centro claude robillard quella sera si sorteggiava uno studente per ogni scuola italiana di montreal per un viaggio di due settimane in italia a pestum un paese vicino napoli ero tanto ansiosa di sapere chi sarebbe stato il vincitore o vincitrice della mia scuola e poi come se fosse un sogno ho sentito annunciare «la vincitrice per la scuola leonardo da vinci è » ero io per un momento mi sono sentita nelle nuvole ma poi ho realizzato cosa significava andavo in italia e per me era un sogno che facevo da tanti anni non potevo credere in quella mia fortuna era per me la prima volta in aereo la prima volta in italia non vedevo l ora che arrivasse il 4 luglio il giorno della partenza finalmente il giorno è arrivato e ci siamo trovati tutti all aeroporto una trentina di ragazzi tutti emozionati il viaggio in aereo è stato tutta un esperienza anche se l ho trovato un po lungo e poi l italia non so come esprimere la sua bellezza durante il viaggio in autobus da roma a pestum ho scoperto un panorama indimenticabile con tante colline alberi e fiori anche se ero tanto stanca non potevo chiudere gli occhi per guardare tutto intorno a me non volevo perdermi niente per due settimane siamo rimasti a pestum un paese a due ore da napoli abbiamo soggiornato in un campo estivo con altri ragazzi provenienti non solo dal canada ma anche dall italia dalla germania e da altri paesi dell europa non ho mai visto tante belle città e paesi con tanta gente che aveva gioia di vivere ed era sempre allegra e contenta e poi il mare e le spiagge erano meravigliose abbiamo fatto anche delle gite molto interessanti abbiamo visto il vesuvio e le città di pompei amalfi e positano e quanta archeologia greca esiste ancora su quei luoghi è proprio incredibile come questi monumenti costruiti tanti e tanti anni fa stanno ancora in piedi e sono ancora bellissimi ci sono inoltre tanti monumenti storici e tanta arte che uno deve vedere per credere a parte queste ed altre cose culturali ho avuto anche la possibilità di visitare dei grandi centri di acquisto con tanti bei vestiti scarpe e moltissimi altri capi di abbigliamento di più era di estate e faceva molto caldo perciò ogni giorno non si mancava mai di comprarsi un bel gelato oppure una granita per rinfrescarsi un po e poi abbiamo 2

[close]

p. 4

avuto pure l opportunità di andare in una discoteca italiana e da quando sono tornata dall italia ascolto molto di più le canzoni italiane e mi piacciono molto eros ramazzotti festival bar ecc personalmente sono stata anche fortunata di poter rimanere in italia per altre due settimane sono scesa giù al paese di augusta in provincia di siracusa sicilia dove c è la mia nonna gli zii e 16 cugini che non avevo mai incontrato prima ancora adesso non posso esprimere la bellezza di questo paese e la gioia di aver conosciuto la famiglia di mio padre il cibo in italia era molto buono perché fatto in casa dalla nonna e dalle zie i miei cugini mi hanno fatto visitare molti posti belli come taormina le cascate di alcantara ed altri luoghi incantevoli e mi hanno fatto fare anche delle passeggiate sulla vespa questo viaggio mi ha permesso di praticare il mio italiano di imparare qualche parola in più e di fare pure molti amici inoltre ho realizzato che l italia è molto differente dal canada la gente il cibo l ambiente il modo di vivere le montagne il mare i paesaggi ecc potrei continuare a raccontarvi tante belle cose ma termino dicendovi che l italia è bellissima e con questo viaggio sono diventata ancora più fiera di essere di origine italiana e non vedo l ora di ritornarci in italia a fortuna quelle dal 4 al 18 luglio dell estate 1996 sono state due settimane stupende piene di scoperte e di nuove amicizie i nostri accompagnatori che ci aspettavano all aeroporto di ciampino hanno fatto di tutto per farci passare 15 giorni di vacanze memorabili e che hanno anche arricchito la nostra cultura sull italia tutto è cominciato lo stesso giorno dell arrivo eravamo arrivati all albergo verso le 9 p.m ed eravamo molto stanchi ma abbiamo deciso di restare nei corridoi del secondo piano dove erano le nostre stanze per conoscerci meglio quasi tutti i giorni partivamo per la spiaggia alle 9 del mattino e ritornavamo per il pranzo a mezzogiorno poi ancora alla spiaggia fino alle 6 andavamo a cena alle 7 e dopo ci preparavamo per uscire o alla discoteca o al bar poi ritornavamo ed andavamo a letto ma come si fa a dormire con la musica ancora nella testa ma la mattina dopo eravamo di nuovo in forma per un altra giornata di vacanza tutti insieme ed in lieta armonia nella prima settimana abbiamo fatto due gite la prima è stata la visita al vesuvio c era un pullman che ci ha portato fino ad un certo punto ma dopo abbiamo continuato a piedi fino al vulcano nello stesso pomeriggio siamo andati a visitare gli scavi di pompei la cultura e la storia di questa antica città ci ha lasciati tutti meravigliati c erano certi scheletri di persone e di animali rimasti quasi intatti coperti dalla lava per anni e per secoli la seconda gita è stata a napoli dove abbiamo fatto lo shopping sulla strada principale ed abbiamo anche visitato il 3

[close]

p. 5

castello detto il «maschio angioino» di là il pullman ci ha portato fino a caserta dove c è una grande reggia abbiamo attraversato tutto il parco reale dove ci sono delle grandiose fontane con tante statue della mitologia greca all indomani alcuni ragazzi dell italia ci hanno preparato una festa di amicizia É stato divertente e bello conoscere i nativi dell italia e fare amicizia con essi la seconda settimana poi abbiamo fatto una gita in battello siamo partiti dal porto di napoli e siamo andati lungo la costa amalfitana e ci siamo fermati a positano qui gli accompagnatori ci hanno fatto girare per visitare la città e siamo ritornati indietro verso le 5 del pomeriggio e provate ad indovinare chi ho incontrato quel giorno scott baldwin l attore americano della serie televisiva general hospital l ultima gita che abbiamo fatto è stata a pestum a 5 minuti dal nostro albergo in quest ultima escursione siamo stati a mangiare pure una buona pizza napoletana e siccome era l ultima sera prima di andare a letto ci siamo attardati a parlare un po di più il giorno dopo salutando i nostri accompagnatori all aeroporto ci siamo lasciati con le lacrime agli occhi ancora adesso li penso e sto sempre in contatto con essi perché siamo rimasti tanto amici che ci scriviamo ogni mese come potete vedere questo viaggio rimarrà sempre impresso dentro di me come una bella e preziosa esperienza una di quelle che non si dimenticano mai l pelliccia se ci penso bene è quasi impossibile andare in italia gratis ma grazie al picai abbiamo la possibilità di farlo a me piacerebbe moltissimo andare in italia specialmente gratis perché ho un mucchio di cose da fare lì prima di tutto nessuno potrebbe proibirmi di andare al mare visto che qui non ce n è in italia ne potrei approfittare e poi vorrei vedere le bellezze di napoli e conoscere la sua storia perché proprio napoli ma perché è lì che si va e precisamente a pestum poi vorrei sapere come vestono i ragazzi italiani e quale tipo di moda seguono vorrei andare a mangiare in qualche ristorante napoletano per assaggiare qualche piatto tipico di lì e conoscere un poco la cucina italiana può darsi che ai ragazzi in italia non piace lo stesso genere di musica che piace a noi qui ne approfitterei per andare a ballare in qualche discoteca e scoprirlo senza dimenticare che in italia sarei costretta a parlare italiano visto che qui sono portata a parlare inglese e francese sarebbe una buona occasione per me di praticare un po di più il mio italiano io in italia ci sono già stata in sicilia però non in campania dove potrei andare questa volta fortuna permettendo allora andando in italia adesso oltre che ad andarci gratis visiterei pure un altra regione s sangregorio 4

[close]

p. 6

se io vinco il biglietto per l italia sarà una buona cosa perché sarò quasi obbligata a praticare il mio italiano mio padre infatti mi ha detto tante volte che se volevo andare in italia dovevo imparare l italiano io sono già stata una volta in italia quando avevo quattro anni e sono andata a bonefro se vado col picai andrò dalle parti di napoli questa città è molto rinomata per l arte e c è anche un vulcano che si chiama il vesuvio se ci vado avrò la possibilità di visitare ercolano e pompei che furono sepolte proprio da una eruzione del vesuvio sarebbe interessante visitare quegli scavi e vedere i resti della gente che morì allora poi potrei andare anche al mare e percorrere la costa amalfitana e ammirare i paesaggi di quei luoghi così belli un altro divertimento preferito è quello di andare in discoteca anche per poter conoscere i gusti dei ragazzi italiani sulla musica e la moda un altra cosa che mi piacerebbe fare è di andare a visitare la reggia di caserta e tanti altri musei e monumenti della zona in ogni modo conoscerei altri ragazzi e farei nuove amicizie dopo le due settimane a pestum potrei andare a visitare la mia nonna le mie zie ed i miei cugini a bonefro alcuni di questi li conosco solo per fotografia sono tanto ansiosa di vincere il premio che salterei dalla gioia se lo vincessi r colombo un sabato mattina durante i corsi di lingua italiana il mio direttore ci annunziava che io ed un altro alunno della nostra scuola avevamo vinto un viaggio in italia precisamente a pestum in campania per due settimane la nostra avventura cominciava il 9 luglio partendo dall aeroporto di mirabel con destinazione ciampino una volta arrivati a roma abbiamo preso un pullman per pestum vicino salerno arrivati all hotel pace abbiamo preso la doccia e ci siamo riposati avevamo fatto otto ore di aereo e tre di pullman i primi giorni andavamo al mare e la sera facevamo delle attività con i nostri bravi accompagnatori il 15 luglio siamo andati a visitare le rovine di pestum ed abbiamo visto il tempio di cerere dell anno 2500 a.c mentre il giorno dopo abbiamo visitato l eterna pompei e le sue interessanti rovine come il tempio di apollo l arena dei gladiatori l anfiteatro ed altre cose la stessa sera ci hanno portati a mangiare una pizza a salerno il 20 luglio siamo andati nella bellissima città di napoli dove abbiamo visitato il castel nuovo delle chiese stupende dei monumenti incredibili e un castello con 203 stanze che molti anni fa apparteneva al viceré spagnolo l indomani siamo andati sulla costiera amalfitana ed abbiamo preso una piccola barca che ci ha portati a capri ed è stato questo l ultimo posto visitato durante il nostro soggiorno a pestum purtroppo il 24 luglio arrivò troppo presto ed eravamo tutti tristi di dover lasciare pestum e di doverci dividere dai nostri compagni di vacanza alcuni tornarono a montreal ed altri che 5

[close]

p. 7

avevano l autorizzazione dei genitori rimasero in italia dai loro parenti tra questi c ero anch io ed andai in calabria a san giovanni in fiori in provincia di cosenza dai miei zii cugini e nonna e con loro ebbi modo di visitare la sila la provincia di cosenza e mi portarono a castelsilano il paese natale dei miei genitori ebbi la fortuna di rivedere dei parenti che non vedevo da cinque anni grazie anche a loro le due settimane trascorse in calabria furono belle e divertenti conservo e conserverò dei bellissimi ricordi dell italia perciò vorrei ringraziare il picai per averci mandato in italia è stata una stupenda iniziativa c.g fazio all inizio di questo viaggio non ero troppo sicuro di me perché pensavo sempre al fatto che non conoscevo nessuno ma poi piano piano mi sono fatto degli amici e adesso sto bene con loro prendere l aereo per me non è stata una novità perché lo prendo ogni estate andare in una terra nuova però è stato abbastanza eccitante l italia è il mio paese di origine eppure si può dire che non l avevo mai visto perché ci sono stato quando avevo tre anni e non ricordavo niente ma adesso le emozioni sono state più intense stare a pestum è stato bellissimo anche se pensavo di trovare un posto più brutto tanto che era un hotel di tre stelle intanto abbiamo trovato un albergo abbastanza lussuoso e con un ristorante squisito le attività di gruppo sono state super perché abbiamo avuto due animatori eccellenti francesca e roberto quando poi veniva il «coprifuoco» e chi dormiva scherzavamo e ridevamo fino a tardi nelle nostre camere fra qualche giorno visiteremo napoli ed altri posti e perciò la vacanza si presenta sempre più interessante r reino il 9 luglio i fortunati del gruppo picai siamo partiti con il cuore in gola per la nostra vacanza di sogno in italia come gli altri ho lasciato la mia famiglia dispiaciuta ma pure ansiosa di iniziare la mia avventura penso che non ci sono parole per descrivere quello che abbiamo visto e visitato in quelle due settimane bella antica amichevole calda sono solo poche parole per cominciare a descrivere l italia e le sue grandezze dopo otto ore di volo e tre ore e mezza in autobus siamo arrivati all hotel pace devo dire che quelle lunghe ore sono state un ottima opportunità per fare delle amicizie mi sono messa d accordo con altre tre ragazze e abbiamo condiviso la stessa stanza quattro ragazze a servirsi di un solo bagno sembrava una cosa non troppo comoda ma ce l abbiamo fatta i primi giorni andavamo al mare l acqua era così blu chiara calda e tanto salata non solo ci bagnavamo ma gli animatori organizzavano giochi vari dentro e fuori dall acqua nei giorni successivi abbiamo visitato luoghi bellissimi come napoli salerno pompei 6

[close]

p. 8

pestum amalfi e la costa amalfitana pestum e pompei sembravano solitarie ed abbandonate ma tutto quello che vedevo mi faceva pensare a come erano intelligenti gli uomini di 2000 anni fa le case la scrittura i disegni incisi sui muri erano veramente incredibili le case mi facevano un po paura sembrava che potevano cadere sopra di noi ma quella paura è sparita quando siamo andati a visitare una bellissima chiesa e poi a fare delle compere mi ha sorpreso il fatto che quasi sopra ad ogni cima di montagna c erano le rovine di un castello o una torre storia di un italia molto antica abbiamo visitato napoli e salerno città moderne che non avevano quell aria antica e misteriosa di tante altre ed erano ugualmente belle e ognuna era ricca di una sua storia da conoscere con i suoi palazzi alti napoli mi faceva venire la nostalgia di montreal perciò dopo le due settimane di questa bella esperienza sono stata contenta di ritornare dalla mia famiglia v lento quando ho saputo che avevo vinto il premio per andare a pestum sono rimasto molto contento prima di partire per l aeroporto ero molto nervoso perché non conoscevo nessuno eravamo una sessantina di studenti che frequentavamo i corsi di italiano del sabato mattina di diverse scuole di montreal quando sono arrivato all aeroporto non vedevo l ora di salire sull aereo mi sono messo a parlare con qualche studente e mi sono fatto degli amici sin dall inizio il viaggio in aereo è stato lungo poi a roma abbiamo preso un autobus fino a pestum siamo arrivati all hotel e ci hanno sistemati tre persone per camera lì già dal primo giorno ho fatto conoscenza con altri ragazzi la mattina si faceva colazione alle otto e poi alle nove si andava alla spiaggia ritornavamo all una del pomeriggio per andare a pranzo si mangiava abbastanza bene dopo pranzo ancora alla spiaggia fino alle sei cenavamo verso le sette e dopo potevamo andare al bar per mangiare un gelato e si poteva ballare in discoteca qualche volta siamo andati a vedere dei luoghi archeologici abbiamo visitato la costa amalfitana che è assai bella siamo andati nelle città di salerno e di napoli abbiamo visitato il vesuvio da vicino ma non siamo andati sopra perché faceva molto caldo la temperatura era 40 gradi giù al vulcano immaginate allora che caldo doveva fare sopra abbiamo visitato tanti piccoli comuni che erano uno più bello dell altro la gente di quei luoghi era tutta gentile e sorridente siamo stati lì solo due settimane ma sarebbe stato bello poterci restare di più alcuni amici con cui ho trascorso la vacanza insieme li visti e ci ho parlato al telefono quando siamo ritornati a montreal ma ci sono tanti altri che forse non vedrò più in ogni modo quelle che abbiamo trascorso in italia grazie al picai sono state delle belle vacanze e penso che nessuno se le dimenticherà mai n d elia 7

[close]

p. 9

non sono mai stato in italia ma io penso che è il più bel paese al mondo ci stanno tanti monumenti fino dai tempi antichi come il colosseo la fontana di trevi piazza di spagna il foro romano questo solo per restare a roma senza dire quello che c è in tante altre città italiane io conosco l italia attraverso le foto che mio padre ha portato tornando dalla sicilia ha detto che in italia fa molto caldo durante il giorno e anche la sera e che lì vanno alla spiaggia tutti i giorni mi ha anche detto che il vulcano etna va in eruzione molto spesso alla scuola d italiano abbiamo parlato di dante alighieri É lui il padre della nostra lingua italiana perché è lui che ha scritto il primo libro in italiano questo libro si chiama la divina commedia abbiamo anche imparato che la toscana è stata la culla della civiltà della lingua e dell arte italiane l anno prossimo forse andrò in italia per visitare i miei parenti ne approfitterò naturalmente per visitare roma che è la capitale dell italia ed anche qualche altra città d fortuna ciao sono francesco e sono già stato una volta in italia l italia ha la forma di uno stivale e ha venti regioni la mia regione la regione più bella è l abruzzo perché è da lì che provengono i miei nonni e il mio papà ma la città che mi piace di più è assisi perché ad assisi è nato san francesco il santo del mio nome e anche il santo protettore dell italia l italia ha cinque mari ligure tirreno mediterraneo ionio e adriatico il più grande di tutti questi è il mar mediterraneo ci sono pure tanti fiumi e laghi e i monti più importanti sono le alpi e gli appennini l italia anche se è un piccolo stato è un paese molto antico che ha sempre avuto tanta cultura molta arte e una bella temperatura mi piace molto e vorrei ritornarci f massa ciao a tutti anch io vi voglio parlare dell italia per dirvi cosa penso del mio paese di origine l italia è una penisola che assomiglia a uno stivale É formata da venti regioni ed è bagnata da cinque mari mar ligure mar mediterraneo mar ionio mare adriatico e mar tirreno in mezzo a questi mari ci sono molte isole e le più grandi sono la sicilia e la sardegna e poi c è la corsica che però appartiene alla francia la bandiera dell italia è il tricolore verde bianco e rosso e il suo inno nazionale è «fratelli d italia» o «il canto degli italiani» c.petrella ciao mi chiamo elisabetta e sono una ragazza canadese di origine italiana la mia mamma proviene dalla sardegna e mio padre dalla sicilia dalle due grandi isole dell italia anche se sono di origini italiane non sono mai stata in italia pensando all italia immagino tante piccole città dove le persone si conoscono tutte 8

[close]

p. 10

penso a tante piccole strade nelle città con tante case tutte attaccate l una all altra poi penso a tante piccole macchine a tanti motorini e alle belle spiagge sul mare e penso pure ai monumenti antichi di roma e a quelli ricchi di tanta arte che si trovano a firenze a scuola abbiamo appreso che a firenze nacque dante alighieri che è il padre della nostra lingua italiana io vorrei andare in italia per vedere tutte le belle cose che ci sono vorrei visitare venezia per andare sulle gondole e vedere da vicino le bellezze di questa città tanto caratteristica e romantica e salvo io non sono mai andata in italia invece i miei genitori e i miei nonni ci sono stati al ritorno dal loro viaggio hanno portato regali e fotografie il mio papà parla molto di tutte le bellezze che si possono ammirare in italia per esempio visitare posti artistici famosi costruzioni antiche che in nessun posto se ne trovano di così belle come in italia fontane torri castelli chiese monumenti e tante altre cose io penso all italia come l ho vista dalle foto che mi hanno fatto vedere i miei genitori ma non è la stessa cosa come stare lì sul posto in italia ho tanti cugini che abitano in differenti regioni così se un giorno andrò a trovarli potrò visitare parecchi posti dell italia e ammirare statue monumenti ed edifici può darsi che potrò vedere da vicino qualche vulcano in eruzione spero proprio di potere andare un giorno in italia perché da quanto ho sentito dire su di essa sembra veramente interessante conoscerla bene se un giorno ci vado dopo potrò raccontare anch io agli altri le meravigliose belleze di questa mia patria di origine a rinoldo l italia è un paese bellissimo a me è sempre piaciuta perché ci sono tantissime cose da vedere e la gente è veramente molto simpatica visto che ho vissuto in italia per tre anni la considero come il mio paese la famiglia di mio padre proviene dal molise e quella di mia madre è originaria del veneto allora penso di avere una buona conoscenza dell italia visto che sono in contatto sia col nord che col centro-sud di essa qualche anno fa sono ritornata nuovamente in italia e sono rimasta veramente sorpresa per quanto mi è piaciuta la cucina era buonissima tanto che presi peso l architettura italiana l ho trovata affascinante tanto è ricca di chiese monumenti palazzi ed altro ancora il modo di vivere in italia è totalmente differente da quello di qui in canada comunque anche quello mi piace sarà forse che era d estate ma lì tutti erano di buon umore rilassati e spensierati ogni sera c era qualche festa anche nei piccoli paesi ho trovato molto interessante sia la musica che la moda italiane non per niente molti dei maggiori stilisti o compositori al mondo sono italiani infatti anche la musica italiana diventa sempre più 9

[close]

p. 11

internazionale per esempio eros ramazzotti andrea bocelli zucchero ed altri sono cantanti la cui musica è conosciuta in tutto il mondo se ne avessi l opportunità andrei volentieri a vivere in italia essa per me è il paese più interessante di ogni altro per la sua storia e per le sue bellezze artistiche e naturali k santella da quando ero bambina i miei genitori mi hanno sempre parlato dell italia e di come essa è bella dall età di due anni sono stata spesso in italia mi piace da morire É tutta bella dal nord al sud l italia è bellissima dalle montagne alle pianure e alle spiagge è tutto incantevole e poi che dire delle chiese maestose dei monumenti storici e di tanti altri capolavori che sono veramente qualcosa di straordinario tre anni fa ci sono tornata di nuovo dopo otto anni di assenza prima sono stata a cosenza dove è nato mio padre É incantevole una città circondata da montagne la bella sila tutta verde il mare della calabria è qualcosa di meraviglioso con le sue acque così chiare che danno al blu celeste lì sono andata alla spiaggia con i miei cugini dopo sono partita per il lazio per andare in una cittadina in provincia di frosinone chiamata ripi dove è nata mia madre ripi è una piccola città ma io mi ci sono trovata molto bene e mi è piaciuta assai i miei cugini mi hanno portata pure a roma a pompei e a capri mi sono divertita molto l italia è un paese assai interessante e mi piace molto se ne avessi la possibilità farei un viaggio tutti gli anni quest estate andrò di nuovo in italia con mio padre e non vedo l ora di ritornarci io sono fiera di essere italiana da grande vorrei visitarla tutta dal veneto alla sicilia per ammirare tutte le bellezze di questa mia cara terra e gervasi l italia è un paese molto bello perché ci sono molti villaggi e molte spiagge nei piccoli paesi tutti si conoscono in estate la temperatura è molto calda e in pieno inverno è fredda ho notato che in italia i giovani usano molto i motorini e non tanto le macchine una volta le machine lì erano per lo più a diesel ma adesso penso che quelle a diesel siano di meno e che quelle a benzina siano di più di quelle a diesel una cosa che non mi è piaciuta tanto in italia è che nel pomeriggio i centri di acquisto sono chiusi e la gente va a dormire a quell ora una cosa invece che mi è piaciuta è che in italia i ragazzi vanno a scuola solo la mattina e che poi sono liberi per il resto della giornata il modo di vivere degli italiani è quasi come il nostro ci sono poche differenze mangiano quasi come noi ma penso che in italia la gente mangia assai pesce perché lì il mare è molto vicino lo sport più praticato in italia naturalmente è il calcio in tutti i paesi c è qualche campo sportivo dove gruppi di amici si riuniscono e vanno a giocare sin da piccoli i ragazzi vanno a giocare a calcio 10

[close]

p. 12

in questi campi sportivi se c è qualcosa che mi invoglia ad andare a vivere in italia è senza dubbio il clima f cataldo mi piacerebbe moltissimo andare in italia gratis perché avrei un mucchio di cose da fare lì prima di tutto nessuno potrebbe proibirmi di andare al mare visto che qui non ce n è in italia ne potrei approfittare.e poi vorrei vedere le bellezze di napoli e conoscere la sua storia perché proprio napoli ma perché è lì che si va e precisamente a pestum poi vorrei anche conoscere come si vestono i ragazzi italiani e quale tipo di moda seguono vorrei andare a mangiare in qualche ristorante napoletano per assaggiare qualche piatto tipico e conoscere la cucina italiana può darsi che ai ragazzi italiani non piace lo stesso genere di musica che piace a noi qui ne approfitterei per andare a ballare in qualche discoteca e scoprirlo senza dimenticare che in italia sarei costretta a parlare in italiano visto che qui sono portata a parlare inglese e francese sarebbe una buona occasione per me di praticare un pop di più il moi italiano io in italia ci sono già stata in sicilia però e non in campania allora andando in italia adesso ci andrei gratis e visiterei pure un altra bella regione italiana t tamborello questo viaggio in italia mi ha fatto visitare un paese che non avevo mai visto prima appena giunti con la air transat mi sentivo molto contento ma pure un po timoroso perché mi trovavo in un posto dove non ero mai stato quando siamo arrivati all hotel sono andato con i miei amici nella stanza a noi riservata pensavo che mi sarei trovato in difficoltà ma tutto è andato bene anche se c è stato qualche problema di adattamento le attività si sono svolte quasi tutte secondo lo stesso calendario dopo la colazione andavamo alla spiaggia all una pranzavamo dopo il riposo di nuovo alla spiaggia la sera cenavamo e poi uscivamo ancora adesso posso dire che mi sono molto divertito e sono contento di aver fatto una simile vacanza quello che mi è piaciuto di più sono state le visite fatte a pompei e a pestum in queste escursioni ho preso molte fotografie perché mi trovavo in un luogo antico con degli interessanti reperti trovati sotto terra perché sepolti dal vesuvio anche pompei mi è piaciuta con i suoi monumenti non completamente distrutti e ricchi di storia abbiamo visitato anche altri luoghi interessanti e posso dire con tutta sincerità che questa mia vacanza è stata veramente speciale g nudi 11

[close]

p. 13

un racconto mio c era una volta una piccola bambina a cui piaceva molto andare a scuola però successe che un giorno cadde ammalata e non poté andare a scuola per una settimana allora si sentì molto triste per non potere andare a scuola anche perché sentiva assai la mancanza della sua maestra di matematica questa sua maestra era ammalata di cancro e il dottore le aveva appena detto che poteva vivere soltanto per poco tempo ancora la bambina voleva tanto bene a questa sua maestra che non poteva farsi capace di come questa brutta malattia fosse capitata proprio alla sua maestra di matematica infatti si era così abituata a fare ogni cosa con lei che questa sembrava quasi sua madre quando la settimana dopo passò bene e poté ritornare a scuola subito corse ad abbracciare la sua maestra e stringendola forte le disse «io ti voglio troppo bene per piacere non lasciarmi!» allora la maestra rispose «ma no piccola mia io non sono più ammalata di cancro!» e la ragazza sentendola dire così si rallegrò molto e fu assai contenta ma la maestra continuando aggiunse «però la malattia può sempre ritornarmi come e quando vuole» e la bambina pure se dispiaciuta continuò a sentirsi felice perché sperava che quello non sarebbe mai successo e che la sua maestra avrebbe potuto continuare a vivere per la gioia di tutti a murro una bella domenica mattina un ragazzo e una ragazza amici di scuola decidono di andare a fare una scampagnata in un parco fuori città questo parco è pieno di alberi e di uccelli c è anche un boscetto e all uscita una riviera É un posto incantevole ed è il luogo ideale soprattutto per gli innamorati i due giovani hanno sempre sentito una certa simpatia vicendevole ma non l hanno mai manifestata apertamente in una simile domenica però giorno così speciale qualcosa deve succedere per forza mentre mangiano il giovane improvvisamente chiede alla sua amica se sente qualcosa per lui la ragazza presa di sorpresa lascia timidamente capire che anch essa effettivamente sente di volergli bene e così si abbracciano e diventano fidanzati stanno per salire in macchina quando sentono suonare la campana di una chiesa si guardano negli occhi e vi leggono la stessa idea andare a pregare per il loro amore appena nato cosa è successo in appresso si sono sposati e ancora oggi vivono felici e contenti a franceschini vanessa e brandon sono una ragazza e un ragazzo che appartengono a due famiglie che non tanto si possono vedere una domenica mattina le due famiglie si 12

[close]

p. 14

recano in chiesa per la messa i due ragazzi si vedono si guardano e si piacciono l un l altra ma come fare per incontrarsi e conoscersi se tra i genitori non ci sono rapporti amichevoli con la complicità di alcuni amici si danno appuntamento in un determinato ristorante mangiano parlano e si piacciono sempre di più nel ristorante c è anche una piccola orchestra finito il dessert brandon si reca sul palco e scambia due parole coi musicisti poi prende il microfono e si mette a cantare per lei la canzone «i miss you» al suo ritorno al tavolo vanessa non può fare altro che dargli un bacio perché nei loro cuori è nato l amore ma che diranno i loro genitori di questa loro relazione sentimentale da bravi giovani educati e bene intenzionati prima cercheranno di convincerli e poi si sposeranno e fu così che il loro sogno si realizzò e le famiglie divennero amiche v libasci il fuoco divampava con forza e veemenza questo è quello che pensava sandra una volta in mezzo alla natura tu noti che ogni cosa ha una sua forza e un suo potere ella stava facendo un escursione e cercava di capire quanto più poteva la natura le sue leggi e gli abitacoli naturali degli animali così conobbe cose che altri non conoscono scoprì cose che solo a contatto con la natura si possono scoprire realizzò pure che le cose della natura non possono mai essere conosciute completamente perché sono piene di misteri quando tu pensi di aver scoperto qualcosa ti accorgi che qualcos altro di completamente differente è sopraggiunto alla tua conoscenza precedente perciò sandra pensò che quello della natura è tutto un altro mondo improvvisamente udì uno sparo che interruppe i suoi pensieri riconobbe subito quel rumore era quello di una pallottola qualcosa di molto piccolo ma mortale peggio ancora lo sentì molto vicino un uccello allora sbattendo la testa sulle sue spalle cascò fra le sue braccia con un movimento rapido e improvviso si diresse verso il punto da dove era venuto lo sparo io penso che se c è qualcosa da imparare è che la natura in sé stessa è un amica e non una nemica solo se noi entriamo in essa armati diventa nemica sandra si assicurò di essere bene al riparo tra gli alberi e i cespugli e ringraziò il cielo silenziosamente perché era arrivata la notte improvvisamente sentì lo schianto di un ramo poco lontano piena di paura ma con determinazione si nascose proprio dietro l albero da dove era venuto il rumore ma finì per abituarsi ai suoni della natura e pensò che il modo in cui venivano spezzati i rami sembrava troppo sensibile per poter essere fatto dagli animali in quel momento si trovò a pensare che lei era la sola che poteva impedire alla gente di causare danni alla natura tornò indietro con la velocità della luce e si gettò contro colui che lei pensava che fosse un umano «bingo!» esclamò 13

[close]

p. 15

intanto un urlo proruppe da qualcosa sotto di lei rapidamente si impossessò della pistola che quello aveva in mano e la puntò contro di lui era un uomo dai capelli grigio scuro e si accorse che era basso di statura l uomo era un cacciatore di frodo e lei pensò che fosse lì per fare danni alla natura udì allora il rumore di un aeroplano l aeroplano che l avrebbe riportata a casa quella notte stessa una volta scesi dall aeroplano consegnò l uomo alla polizia prese le sue cose e se ne tornò a casa aveva imparato molto da quell escursione ma quello che più importa è che pure lei aveva ricompensato la natura questa aveva regalato a lei un senso più approfondito delle cose e lei l aveva liberata dall uomo che voleva danneggiarla anche se non era una nemica della natura non si considerava nemmeno un eroina ma solo una parte della natura una volta sveglia però tornò ad essere la solita bambina di tutti i giorni v gatti c era una volta in una foresta molto lontana mamma orangutan che cullava la sua figlioletta ad essa piaceva molto contemplare la piccoletta che teneva fra le braccia nella foresta regnava calma e tranquillità i soli rumori che si sentivano erano degli uccelli che cinquettavano o di animali che mangiavano tutto di un colpo mamma orangutan sentì un rumore molto strano si voltò verso la sua tana per vedere se il rumore veniva da lì prima di potersi rendere conto di vedere quello che era successo degli uomini le strapparono improvvisamente la creatura dalle braccia non ebbe neanche il tempo di reagire che quelli erano già scappati via la poveretta allora scioccata e piena di rabbia cominciò a piangere silenziosamente avevano rapito la sua adorata scimmietta quando le lacrime furono tutte versate e non poté più piangere scorse le impronte lasciate dalle «zampe» delle bestie umane che avevano portato via la sua baby realizzò allora che avrebbe potuto ritrovare la sua piccola e potersela riprendere seguì le orme per tre giorni fermandosi solo per mangiare qualcosa e soltanto una volta al giorno ad un certo punto vide un camioncino bianco su cui c era una gabbia si arrampicò sopra e nella gabbia vide la sua diletta figlia spezzò il lucchetto prese la sua piccola e scappò via i rapitori non erano lì perché si erano allontanati per andare a mangiare mamma orangutan si affrettò ad allontanarsi da lì e camminando cercava sempre di farsi riparare dagli alberi per non essere vista quando gli uomini tornarono e non trovarono più la loro preda cominciarono a bestemmiare e mandare maledizioni provarono pure a ritrovarla ma dopo giorni di tentativi abbandonarono ogni ricerca e se ne andarono tutta soddisfatta mamma orangutan realizzò una cosa aveva capito che l amore è più forte di ogni cosa e che niente e nessuno può separare chi si ama m lauri 14

[close]

Comments

no comments yet