Il Giornale di Boves - Gennaio 2012

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

di boves beinette borgo s dalmazzo chiusa pesio peveragno e valli anno xxxvi n 1 gennaio 2012 2,30 ornale ornale il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli direzione amministrazione/editrice mariatv strada cascina forlenza 7 12081 beinette cn tel 0171 1890062 fax 0171 1890339 e-mail:info@ilgiornalediboves.it ideatore e fondatore luciano pellegrino direttore ad honorem costanzo martini primalpe edizioni direttore responsabile aldo baudino e-mail aldo.baudino@ilgiornalediboves.it autorizz tribunale di cuneo n 304 del 14-12-1976 pubblicita esclusiva mariatv e-mail pubblicita@ilgiornalediboves.it redazione redazione@ilgiornalediboves.it amministrazione amministrazione@ilgiornalediboves.it poste italiane s.p.a spedizione in abbonamento postale d.l 353/2003 conv in l 27.2.2004 n 46 art 1 comma 1,dcb/cn certo che essere ottimisti in questo inizio d anno è ben difficile non tanto per le difficoltà economiche in cui si dibatte il nostro paese quanto per l incapacità ai vari livelli di affrontare in modo coordinato e strutturato il difficile momento ci hanno presentato il prof monti come il salvatore della patria bene dopo neanche due mesi dalla prima manovra eccone un altra in arrivo un governo fatto di tecnici anzi di super tecnici che non ha fatto i conti con la politica pensando di governare senza la stessa questo l errore di fondo commesso da mario monti e dai suoi super esperti ma anche dal presidente della repubblica giorgio napolitano al quale comunque va riconosciuto il merito di aver tenuto in piedi l immagine dell italia in europa e nel mondo infatti la maggioranza ha tenuto ma non sono passate quelle misure che in modo equo impongono sacrifici ai cittadini per risolvere i problemi del paese insomma a pagare sono sempre gli stessi i privilegi non sono stati toccati perchè in parlamento il provvedimento è stato mitigato per consentire al governo di avere una maggioranza solida la patrimoniale tanto cara alla sinistra ma odiata dalla destra alla fine non ha colpito le grandi società finanziarie e bancarie il vero zoccolo duro della destra ma i cittadini comuni che si trovano a versare una nuova imposta sulla base dei redditi catastali ulteriormente rivalutati infine le pensioni a fronti di un aumento dei contributi previdenziali l età pensionabile è stata prolungata con l ulteriore negatività che non si liberano nuovi posti di lavoro a noi comuni mortali una domanda ci viene spontanea perché la prima manovra non è servita a nulla o a ben poco ed oggi l europa ci impone nuove misure il super mario non avrebbe dovuto risolvere velocemente tutti i problemi in modo equo chiedendo ed ottenendo che tutti pagassero in base ai loro averi la risposta è semplice il presidente del consiglio incaricato non ha fatto i conti con la politica che in un paese democratico ha ancora un suo ruolo per avere il sostegno in parlamento ha fatto passare una manovra che non tocca i poteri forti esattamente quello che aveva fatto berlusconi con tremonti l aumento dell iva ha fatto ripartire l inflazione dando un ulteriore botta negativa all economia dei consumi ma l aumento del prezzo dei carburanti rappresenta un ulteriore difficoltà per le imprese soprattutto quelle che hanno cercato nuovi mercati come la russia il brasile in sud africa o l india,dove le produzioni made in italy sono apprezzate e si sono conquistate importanti fette di mercato e poi ci vengono a chiedere di essere ottimisti noi siamo delusi,da un sistema politico prima ancora che economico basato sulle improvvisazioni che generano sfiducia e scarsa credibilità delle istituzioni e la stessa delusione che provano gli americani ora che il mandato di obama volge al termine pur puntando sulla riconferma i sondaggi non danno per scontata la sua rielezione ma torniamo alla politica di casa nostra il centro destra è spaccato il,popolo della libertà cerca il rilancio ma il sostegno al governo monti lo rende impopolare la lega continua con una serie di sparate contro il governo dimenticando che fino a ieri è stata forza di governo questi suoi atteggiamenti raccolgono comunque il consenso di una parte di elettorato che è stanco delle solite situazioni di privilegi la battaglia di bossi per non toccare le pensioni e il voto contrario dei leghisti in parlamento sulla riforma del sistema pensionistico avevano ed hanno il solo scopo di mantenere alta la visibilità del movimento in realtà di proposte alternative al toccare le pensioni dalla lega non ne sono arrivate la sinistra continua ad annaspare e brancola nel buio non rappresenta l alternativa di questo ne è ben consapevole poiché l unico che dichiaratamente non vuole le elezioni oggi è bersani a parte la solita frase del senso di responsabilità al quale ormai non ci crede più nessuno in realtà se questa primavera si dovesse votare il centro destra avrebbe reali possibilità di vincere ancora alleandosi con il terzo polo e l udc vedremo per ora la confusione è tanta e super mario non detiene la bacchetta magica michelangelo pellegrino l insostenibile leggerezza dell ottimismo ai lettori 0,50 del prezzo di copertina in beneficenza al centro di ascolto a partire da questo numero di gennaio ricordiamo a tutti i lettori che acquistando il giornale di boves nelle edicole 0,50 del prezzo di copertina sarà devoluto in beneficenza al centro di ascolto della caritas parrocchiale attraverso il fondo di solidarietà il centro di ascolto è gestito da volontari e distribuisce ogni mese alle famiglie bisognose alimenti ed indumenti unisciti a loro acquistando il giornale editrice mariatv tante iniziative di successo natale bovesano gli auguri ai lettori del sindaco di boves nella foto la serata con le scuole al palazzetto e gli allievi meritevoli figli di soci della cassa rurale buon anno preoccupante calo di abitanti in vista dei momenti difficili che ci aspettano mi sono domandato quali potessero essere i migliori auguri per i miei concittadini e in prima battuta mi sono trovato in difficoltà ma poi si è aperto qualche spiraglio e qualche priorità e allora innanzitutto gli auguri di buona salute possibilmente ottima e per chi ha problemi la guarigione o almeno una prospettiva di miglioramenti e poi la serenità vivere angosciati è forse peggio che essere malati ma per essere più sereni è necessario che tutti ci mettiamo qualcosa sicuri che quanta serenità sapremo donare agli altri tanta prima o poi ci sarà restituita magari con gli interessi vivremo meglio anche noi e poi che la batosta che ci aspetta nei fatti sia meno dura del previsto e che non ci penalizzi a livelli insopportabili per qualcuno e infine che si realizzino alcuni piccoli desideri che sognamo da tempo perchè sono quelli che giorno per giorno contribuiscono a rendere migliore la qualità della vita tanti sinceri ed affettuosi auguri mario giuliano boves kamp ­ continua anche nel 2011 il calo del numero di abitanti di boves la fotografia dell anno in corso fatta anticipatamente grazie al xv censimento generale della popolazione e delle abitazioni conferma un trand negativo che porta il numero dei residenti a 9802 contro i 9889 dello scorso anno i dati derivanti dal classico questionario redatto per auto compilazione dalle famiglie testimoniano la tendenza alla diminuzione con aumento dei flussi migratori in uscita e progressivo invecchiamento della popolazione contribuiscono a questo trend il caro affitti e l elevato costo di acquisizione delle abitazioni che a volte spingono i bovesani a scegliere di trasferirsi nei paesi più piccoli l aumento dei costi ha raggiunto in molti casi dimensioni intollerabili per le famiglie e rischiose anche per i proprietari che rischiano di vedere svalutato il proprio bene a rischio anche l economia della città in particolar modo si segnala la chiusura di numerose attività commerciali cittadine stritolate dalla grande distribuzione da alti costi di gestione e da una utenza sempre più ristretta boves sembra essere quindi una città al palo non più attraente come invece era in passato in altre città della provincia accomunate dallo stesso problema sono state adottate misure utili al sostegno delle persone più deboli e dell economia locale senza interventi di questo tipo appare improbabile una inversione di tendenza nel 2012 alle porte boves città al palo consiglio comunale di fine anno servizi e foto a pagina 2 e 3 invaso ed irrigazione a.tos l ultimo consiglio comunale del 2011 si è tenuto lunedì 12 dicembre interessanti gli argomenti trattati dalla surroga dei componenti elisabeth marinacci e david parola del gruppo liberi insieme in commissione bilancio subentrano i consiglieri sandro gastinelli e l appena nominato luigi pani alla cessione di diritto di superficie non più affitto del tetto che attualmente ci dicono con copertura ancora in amianto della struttura mercatale mercato dei fagioli per collocarvi impianto solare a prelievo da fondo di riserva versamento di 1.500 euro alla comunità montana per metanizzazioni rinnovo di pino masciari una testimonianza contro la mafia boves kamp ­ pubblico numeroso e composto in gran parte da giovani quello intervenuto venerdì 2 dicembre all auditorium borelli per ascoltare il forte e coraggioso racconto di il coraggio di ribellarsi pino masciari vittima del dovere come egli stesso si è definito l appuntamento voluto dalla consulta giovani in collaborazione con libera nell ambito della manifestazione boves letteraria ha permesso di ripercorrere la vita dell imprenditore calabrese costretto ad abbandonare la sua terra dopo essersi continua a pagina 5 abbonamento a microsoft per altri ventiquattro mesi ma l argomento principale ha riguardato il bacino di rivoria 41.000 metri cubi di acqua il sindaco ha puntualizzato che il progetto di irrigazione a goccia ha incontrato l adesione di agricoltori il tecnico comunale dario cavallo ha illustrato il progetto proiettando un video e il sindaco ha ricordato che non vi sarà bisogno di nessun impianto a motore o quant altro il contributo massimo ammissibile per il finanziamento sull invaso è pari al 95 ed ammonta a 1.368.915,56 euro su un totale di 1.440.963,75 euro il primo finanziamento di 500.000 euro è stato stanziato ma non ancora erogato dalla regione mentre quello per il bacino è già stato affidato il totale a carico del comune è di 223.500 euro tra cui 60.000 euro di progettazione e direzione lavori da cui detrarre il contributo della cassa rurale ed artigiana di 78.000 euro a questo si aggiungono 436.055,07 euro di contributo per il miglioramento del sistema irriguo irrigazione a goccia con un totale di 484.055,07 euro,100.000 euro a carico del comune il totale complessivo è di euro 1.904.970 131.000 sono stati stanziati per gli espropri la tempistica ha obbligato a procedere entro il 31 dicembre per il discorso delle tubazioni la decisione di procedere in questo senso è volta a garantire i pagamenti entro la fine dell anno si tratterà continua a pagina 5

[close]

p. 2

2 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli gennaio 2012 boves natale tra presepi concerti babbi e i musicanti della scuola iniziative in valle colla la città di elfi e babbi natale in carne e legno dei commercianti e premiati cassa rurale e presepi frazionali grande festa in piazza dell olmo organizzata dal comitato dei commercianti la sporta dinsieme a tanti volontari calati nei panni degli elfi organizzata per la cerimonia di consegna dei babbi natale artigianali dopo il successo dello scorso anno è stata ampliata tutti i negozi del concentrico con pochissime eccezioni hanno avuto il suo simpatico originale addobbo un gruppo di trentaquaranta persone si è sottoposto a molte ore di allegro lavoro serale da poco dopo aver tirato giù serranda per realizzare una ottantina di manufatti da distribuire oltre a gran numero di modellini più piccoli da offrire andati a ruba per autofinanziamento e per gettare le basi di altro progetto quello per delle casette in legno ideali nelle manifestazioni in piazza tra le idee di alberto martini e dei suoi compagni di fatica vi sono anche gli alberi di natale che da meta novembre decorano la rotonda sulla bovesana alle porte della città vicino alla clinica stella del mattino ed i commercianti di via partigiani la tradizionale cuntrò granda insieme ai colleghi della associa davanti a mille persone anche quest anno l orchestra dell indirizzo musicale della scuola secondaria di primo grado di boves ha dato il via ai festeggiamenti natalizi con un concerto entusiasmante durante la serata organizzata il 16 dicembre dalla cassa rurale ed artigiana stupefacente il contributo degli alunni della classe prima che pur avendo iniziato lo studio dello strumento da tre mesi o poco più hanno saputo eseguire con sicurezza i brani una riconferma invece la maestria dei ragazzi della classe seconda e terza a ormai veterani di questi concerti emozionante come sempre il coro dei bambini delle classi quinte della scuola primaria preparati dai docenti dell indirizzo musicale della scuola secondaria simpatici e bravi i flauti dolci che hanno avuto il permesso di indossare du rante l esecuzione dell ultimo brano un cappello da babbo natale durante la serata anche quest anno la cassa rurale ed artigiana di boves ha voluto premiare i figli di soci e soci più meritevoli nello studio da quest anno oltre al premio di 250 euro per gli alunni delle scuole medie e di 500 euro per gli alunni delle scuole superiori la cassa ha voluto premiare anche gli studenti che si sono laureati con la votazione 110/110 nel corso di laurea breve con 750 euro e con 1.000 euro gli studenti che hanno conseguito la laurea magistrale grande soddisfazione è stata espressa durante la premiazione dei 53 alunni dal presidente della cassa sig.marro sergio una serata veramente ricca di giovani attivissimi nel suonare nel cantare e nello studio che fanno ben sperare per il futuro del nostro territorio domenica mattina 18 dicembre ha aperto al pubblico anche il presepio di san giacomo visitatissimo per tutto il periodo delle feste allestito nelle ex scuole da mauro pellegrino che ha tradotto in pratica un idea di leonardo sacchetti costruendo un presepe meccanico con interessantissimi effetti di luce e movimenti per la posa in opera l autore è stato aiutato da michele pellegrino dallo stesso leonardo sacchetto dai fratelli elvira e domenico dalmasso da celestino giordano del locale comitato ringraziando la parrocchia e tutti quanti si sono adoperati per la realizzazione di questo progetto per cercare di tenere viva una bellissima valle purtroppo sempre più spopolata la vigilia di natale nella chiesa parrocchiale il coro di san giacomo protagonista la bovesana michela pellegrino ha te nuto un concerto per augurare a tutti buone feste come sempre ha seguito la messa della notte santa È stato visitabile in orario di apertura del ristorante anche il presepio realizzato da marco giuliano nel ristorante da toju a castellar in cui i personaggi in foglie di mais si muovono in un suggestivo ambiente per la gioia di chi osserva allestito anche un presepe nell altra frazione montana bovesana rosbella nella chiesa di santa pazienza visitatissimi i presepi ormai storici come quello attiguo al santuario di regina pacis con la sua enorme realizzazione meccanica mentre al santuario di mellana con le sue statuette in legno ottocentesche di probabile origine sudamericana peruviana alla chiesa del convento delle clarisse e sedi di associazioni i circoli pensionati e la casa di riposo zione la sporta sabato pomeriggio 17 hanno riproposto l annuale festa con ospite d onore babbo natale circondato da elfi il vecchietto barbuto in costume rosso nella sua casa negli anni scorsi in muratura ora in legno il prototipo degli stand ha raccontato favole posato per foto ricordo e ricevuto letterine dei bambini musicanti com ponenti della banda cittadina rumorosa la silvio pellico diretti per la circostanza da cristina pellegrino hanno girato per le vie cittadine intonando motivi tipici delle festività natalizie gli elfi hanno servito ancora frittelle di mele the e caramelle in androne con ottima acustica vi è stata proiezione di immagini presepi in santa croce mercatino castagnata solidarietà la quarta ed ultima donazione collettiva trimestrale 2011 di sangue della sezione avis di boves si è tenuta sempre all ospedale di boves nella mattina di sabato 17 dicembre alla sera ha seguito abituale cena natalizia nella foresteria del santuario di madonna dei boschi quest anno con bollito alla piemontese sempre ottima è stata la partecipazione degli appartenenti a quella che vien vissuta come una grande famiglia in una atmosfera allegra e serena appello ci giunge ad invitare tutti i possibili donatori ad iscriversi a dar il loro contributo partecipando alla inten avis boves donazioni e festa sa vita sociale ricordano ancora che il centro trasfusionale dall ospedale di cuneo è aperto tutti i giorni dalle 8 alle 11 e le seconde domeniche del mese per il 2012 le donazioni collettive sono fissate ai sabati mattino 24 marzo 23 giugno 22 settembre 22 dicembre con festa natalizia serale l assemblea sociale è prevista alle 11 di sabato 26 febbraio al circolo pensionati renato giraudo seguita alle 13 da pranzo sociale al ristorante la ruota di pianfei la polentata è domenica 24 giugno l amministrazione comunale ha invitato le associazioni bovesane a momento di festa auguri natalizi bilancio e definizione di prospettive future martedì sera 20 dicembre all auditorium borelli prima di cena foto michele siciliano ha attirato l attenzione di oltre duemila visitatori l ormai tradizionale esposizione dei presepi in santa croce curata della associazione il bucaneve in collaborazione con parrocchia cassa rurale comune ed altre associazioni è stata inaugurata nel pomeriggio di domenica 18 dicembre ed è stata visitata sino all 8 gennaio all inaugurazione erano presenti molti visitatori ed è stata allietata da momento di musica a cura del coro pacem in terris e letture di giorgio casiraghi saluti del sindaco del parroco don bruno mondino del vicepresidente della cassa rurale michele baudino le opere esposte grondano creatività in ogni materiale possibile ed immaginabile il giorno dell epifania sono stati premiati i vincitori decretati da voto popolare e giuria di esperti contributo per i premi oltre che di vari sponsor della cassa rurale ed artigiana giornata nuvolosa ma per la stagione e la latitudine padana eccezionalmente piacevole come temperatura ha agevolato le abituali iniziative natalizie bovesane della seconda domenica di dicembre quest anno l 11 la pro loco aiutata da componenti dei comitati rionali ha offerto caldarroste the e vin brulè in via roma nel pomeriggio mentre tutto il giorno piazza dell olmo ha ospitato il mercatino qui bisogna essere realisti la decina di banchi tra loro sempre presenti quelli delle iniziative sociali filantropiche che boves raccoglie costantemente in ognuna di queste iniziative si perdono nella grande piazza italia nel piccolo spazio davanti alla parrocchiale vero salotto cittadino invece la loro figura la fanno la giornata ed il sabato precendente ha visto in piazza i volontari dell aism a vendere stelle di natale per la lotta alla sclerosi il comune e gli auguri alle associazioni babbo natale alla materna di rivoira vijò della befana nel pomeriggio di mercoledì 21 dicembre vi è stata l abituale festa di natale e capodanno dei bambini della scuola materna di rivoira con recite canti nel grande salone sotto il tetto della nuova struttura foto michele siciliano giovedì 5 gennaio in un auditorium borelli gremito si è svolta la vijò beuvesana e piemunteìsa con letture poesie memorie musica e canzoni cultura tradizionale locale presentata da guido musso barba guido hanno partecipato candida rabbia cuneese nei panni della befana piemontese lo studioso adriano cavallo la monregalese giancarla prato e italo giubergia con la musica tipica eseguita dalla giovane bovesana michela pellegrino ed il complesso provenzale-occitano lou janavel il barbagianni

[close]

p. 3

gennaio 2012 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli 3 feste associative concerti mercatini corse festa alle boves run concerto coro polifonico scuole san carlo mercoledì 21dicembre le scuole san carlo hanno aperto le porte dell istituto per i tradizionali auguri momento anche per illustrare come sempre le attività svolte in questa prima parte dell anno formativo e i manufatti realizzati dagli allievi l incontro si è tenuto nei locali della sede in via borgo san dalmazzo erano presenti il presidente sergio tone il direttore generale dottor vito guglielmi e alcuni membri della giunta delle scuole tecniche san carlo sono stati presentati i progetti in corso dei quali uno alla avanguardia nazionale quelli di design portati avanti dalla seconda con apertura alla contemporaneità ispirazione concordata con le opere di firme di valore assoluto come quella di enzo mari e dei fratelli achille e piergiacomo castiglione per i ragazzi è prevista visita alla triennale di milano una delle massime vetrine mondiali del settore dal sindaco presente con l assessore silvana dutto giordano non son potute che arrivare prima del rinfresco finale parole di plauso benefica la associazione sportiva dilettantistica podistica bovesana boves run come di consueto ha concluso annata intensa dando appuntamento alla primavera prossima con passeggiata ossia corsa non competitiva i soliti sei chilometri tra il concentrico partenza ed arrivo in piazza dell olmo e fontanelle per strade suggestive passando in regione san pietro l attuale edizione del natale di solidarietà domenica mattina 18 dicembre ha fatto raccolta di fondi a favore della misericordia presente il governatore di cuneo franco civallero modo anche per ringraziare questi volontari della loro costante presenza ed assistenza in tutte le iniziative del sodalizio ben centosessanta sono stati i partecipanti per un ricavo offerto di 600 euro tra cui i più numerosi erano gli iscritti a boves run seguiti dai droneresi della dragonero non contava ma tra i primi arrivati vi è stato il bovesano elio pellegrino in gran forma the e dolci all arrivo sono stati serviti come sempre a cura del gruppo alpino bovesano con il concerto natalizio sono terminate le tante iniziative programmate per celebrare il ventennale della attività corale a boves.l ultimo e più atteso appuntamento annunciato da mesi si è tenuto domenica 18 nella parrocchiale di san bartolomeo con ottime esecuzioni de l te deum di marc-antoine charpentier e del magnificat di antonio vivaldi numeroso il pubblico che ha contribuito alla raccolta di fondi a favore del progetto primavera intermedio tra la scuola d in fanzia ed il baby parking proposto dalla scuola materna del concentrico il cui presidente claudio cavallo ha annunciato l arrivo dell ultima autorizzazione mancante e l inizio dei lavori prossimo possibilmente già entro fine anno sono innumerevoli le attività svolte dai giovani bovesani la voglia di ricreare comunità incontro a rivoira passa attraverso i giovani sul bacino irriguo il duemilaundici è stato l anno delle incertezze per la comunità bovesana all insegna dell instabilità politica instabilità politica che però ha portato ad una presa di visione differente del fare comunità credo soprattutto da parte dei giovani che troppo spesso e per troppo tempo sono stati relegati a ruoli marginali e/o di nicchia il lavoro svolto dalla consulta giovani di boves è stato duro ma ha portato i suoi frutti rendendo possibile molte iniziative destinate proprio ad unire i giovani e le varie generazioni lavorando in questi anni il gruppo è aumentato e diventa giorno per giorno sempre più coeso e desideroso di portare avanti le proprie idee tutto attorno alla consulta si è però creato un movimento di giovani desiderosi di realizzare le proprie idee e riuscendoci pure molto bene il coro pacem in terris diretto dal giovane simone pellegrino ne è prova realizzare e far interagire così tante persone attorno ad un progetto che credo non sia così semplice da gestire è ammirabile in piccolo ma degno di nota è il lavoro della giovane michela pellegrino e il coro di san giacomo che nel concerto di natale ha presentato un concerto molto gradevole ma soprattutto a dimostrato la determinazione nel far si che non vadano perse le successiva tappa fondamentale per l amministrazione nella realizzazione del bacino di rivoria è stato incontro con gli agricoltori interessati anche per ben definire il discorso dell impianto a goccia mercoledì 21 dicembre a rivoira con presenza di molti degli interessati ai lavori ivi inclusi i proprietari del terreno che hanno avuto la conferma degli espropri previsti con la garanzia di ricevere il miglior trattamento possibile e gli abitanti delle case vicine che visto il progetto hanno espresso certa delusione attendendoselo la frazione in prima linea sul progetto nella foto alcuni componenti della consulta giovani di boves durante uno dei momenti dell iniziativa boves letteraria interessante esperimento multiculturale tradizioni della frazione degna di nota è la ripresa di un vecchio testo di una canzone andata persa ma recuperata grazie al lavoro di michela e di alcuni anziani della frazione il ventisei dicembre si è svolto anche il torneo di calcetto presso il palazzetto organizzato dal giovane fabio marchisio anima delle serate con il suo talendo da dj proprio nelle frazioni i giovani hanno maggior peso collaborando attivamente con i comitati per organizzare le varie feste frazionali a cui di anno in anno si sono aggiunte sempre più iniziative per i giovani dalle sempre frequentatissime feste della birra ai tornei di calcio saponato a s anna o il beach soccer a s mauro sempre più numerosi sono inoltre i giovani che partecipano alle attività delle varie associazioni e/o enti dal tab alla scuola di pace proprio così crescono le nuove leve che non credo vivano solo di facebook e videogiochi ma anzi si informano leggono studiano e si rendono partecipi di quello che sarà il futuro le differenze e i moralismi rimarranno sempre così come l individualismo ma questa voglia di smuovere le acque è insita nei giovani e non può far che bene fabio dutto fontanelle sabati di la città è un arcobaleno il progetto musica rotonda musica proseguono i sabati di musica musica 2011-2012 a boves all auditorium borelli prima edizione della stagione di musica classica cameristica organizzata con il patrocinio del comune assessorato alla cultura peoseguono nel 2012 prossimo appuntamento il 25 febbraio con cancao do amor ­ colori passioni e nostalgia nella musica latino-americana e il 17 marzo estravaganze per flauto e fisarmonica brani di morlacchi rossini chopin morricone-rotapiovani galliano piazzolla preludio culturale con il teatro recitare per scoprire se stessi con caratteristiche più gradevoli esteticamente ci è parso varie sono state le obiezioni presentate tra cui varie a carattere geologico tipo sugli scarsi studi fatti e sulla insufficiente profondità delle falde acquifere ad un sindaco che ha affrontato la discussione con l introduzione di relazione tecnica del geometra dario cavallo presenti nel pubblico ma senza intervenire l assessore all agricoltura silvana dutto giordano ed alcuni consiglieri ed appartenenti a gruppi politici i rivoiresi flavio serafini e pierluigi maccario i rappresentanti di liberi insieme sandro gastinelli e davide pellegrino per portare avanti il discorso arrivando oltre che a quello sulla realizzazione dell impianto un investimento di due milioncini di euro a parlar della gestione è stato chiamato ad intervenire il geometra peveragnese donato pellegrino che paio di consorzi irrigui amministra il tecnico si è addentrato in det tagliati discorsi statutari di tali organizzazioni si è visto il disegno di scavo trapezoidale studiato per mangiare meno terreno possibile con capacità di 41.500 metri cubi quattro volte quello esistente del meniot cui sarà collegato circondato da rete di otto chilometri di tubi capace di irrigare con pressione senza pompe ad appena sette metri di dislivello dopo la serata di giovedì 15 dicembre con dibattito e tante perplessità nell incontro al centro incontri di fontanelle di boves tra amministrazione comunale e popolazione frazionale presenti rappresentanti della provincia il vicepresidente ed il tecnico riccardo enrici si comunica che il progetto alquanto discusso della rotonda dall incrocio dell angelo è in visione sin a metà gennaio negli stessi locali gradite saranno tutte le osservazioni e riflessioni a riguardo per migliorarlo che il comune di boves si impegna ad inoltrare alla provincia mercoledì mattina 14 dicembre con tre cerimonie nei plessi delle scuole elementari bovesane concentrico rivoira e fontanelle è stata presentata opera rara quella che è la vera strenna natalizia bovesana 2011 si tratta del volumetto la vita è un arcobaleno edito da parrocchia e comitato di san giacomo con poesie di luigi taffuti e disegni della giovanissima marika armando diretto a pubblico di bambini ma non solo erano presenti con gli autori il responsabile del comitato di san giacomo celestino giordano il sindaco il dirigente scolastico il lettore giorgio casiraghi.

[close]

p. 4

4 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli gennaio 2012 in ricordo di mario martini mario non c è più a 87 anni si può dire che la vita l abbia vissuta ed io penso anche bene in fondo ha avuto molte soddisfazioni sia in politica che in famiglia certo la morte del figlio costanzo non dev essere stata un avvenimento facile da superare ma mario aveva una grande fede mi disse allora che l aveva visto in sogno e che gli era apparso felice mi auguro che oggi anche lui sia felice e che possa riprendere con il figlio tanto amato il discorso così prematuramente interrotto molte persone importanti hanno fatto i suoi elogi funebri ricordandolo come sindaco presidente della provincia consigliere regionale preside e professore io non l ho mai conosciuto in queste vesti il mario che voglio ricordare è molto diverso da quello osannato del resto meritatamente dai suoi vari estimatori io voglio ricordare il mario dei primi vent anni quello che ho frequentato e al quale ho voluto bene come ad un fratello nato nel 1924 ultimo figlio di una progenie di maschi il papà e la mamma facevano di mestieri i formaggiai ambulanti una vita di grandi sacrifici con levatacce ad ore proibitive estate e inverno con la pioggia o con la neve per poter allestire in tempo utile il loro banco di vendita nei mercatini dei vari paesi del circondario allora non esistevano i camion attrezzati come adesso per questo il bambino fu affidato ad una balia il primo ricordo di mario lo apprendo da mia mamma la quale mi raccontava di lui piccolo che andava all asilo accompagnato dalla nonna e siccome noi abitavamo a pochi passi dall entrata avevamo modo di sentire i suoi pianti disperati che invocavano dalla nonna n cu n basin ancora un bacio il tutto per rimandare il momento fatale in cui sarebbe stato abbandonato alle suore io credo d averlo conosciuto verso i 4 anni perché mio papà ex-carabiniere frequentava spesso la caserma dei suoi colleghi che vedi caso era proprio di fianco all alloggio dei martini ricordo che un giorno sfuggiti alla sorveglianza degli adulti ci siamo trovati in via della stazione là dove il naviglio passa sotto la strada il nostro gioco consisteva nel fare gli equilibristi camminando sulla spalletta del ponte sul canale ricordo ancora la faccia spaventata di mio padre quando coronando la sua affannosa ricerca si rese conto del pericolo che avevamo corso alle elementari mario era un anno avanti a me ma ci vedevamo all oratorio san tommaso in fondo a quella che oggi è piazza partigiani sotto l abitazione del tallone onorato impiegato municipale finita la quinta i genitori ancora indecisi su quale indirizzo dare all ultimo nato decisero di prendersi un anno di riflessione così gli fecero rifare l ultimo anno delle elementari come volontario allora si usava così non tutti potevano permettersi le scuole secondarie che erano a cuneo perciò un anno in più alle elementari serviva a ribadire quello che si era già fatto l anno prima e non era poco visto che fra le altre materie studiavamo la computisteria materia indispensabile anche per chi avrebbe fatto il bottegaio o il commerciante alla fine di quell anno penso che i genitori di mario avessero deciso di farlo proseguire negli studi perciò dovette prepararsi per l esame di ammissione di giulio papi che allora era un passaggio obbligato per poter frequentare le scuole superiori alcune materie le preparammo assieme studiando sul solaio di casa sua anche se eravamo molto amici non mancavano le occasioni per litigare di solito era lui che si offendeva essendo molto più sensibile di me mario però non era un facinoroso non urlava non minacciava si limitava a fare il muso ricordo quella volta che siamo andati a fare una gita al lago delle rovine avremmo avuto 11/12 anni ed andare ad affrontare una montagna che non fosse la bisalta non era impresa da poco insieme avevamo già scalato le due punte della montagna di boves ci sentivamo preparati per altri cimenti in bicicletta raggiungemmo tet camus sopra entracque e di lì a piedi verso il lago la sorpresa di vedere branchi di camosci che pascolavano a poche centinaia di metri dal nostro sentiero ci riempiva di entusiasmo rendendo meno faticosa la salita poi dietro un ultima gobba del terreno ecco il lago verde-azzurro era il primo lago alpino che vedevamo e allora non era certo la pozzanghera che è adesso fatta una veloce colazione decidemmo di salire fino al rifugio genova la strada ripida e faticosa del col di laura non finiva mai ed io spinto dal timore che sempre mi prende in montagna non vedevo l ora che finisse così continuavo a camminare anche quando mario mi chiedeva per favore di fare una sosta la giornata era serena così dopo il genova raggiungemmo il lago brocan con i nevai che scendevano fin sulle sue sponde al ritorno non so perché forse era stanco il fatto è che mario si offese per qualcosa che avevo o non avevo fatto non mi rivolse più la parola per tutto il tragitto in bicicletta fino a casa era tipico del suo carattere ma la cosa non durava a lungo il giorno dopo tutto tornava come prima e non ci ricordavamo più nemmeno il motivo per cui avevamo litigato mario non era uno sportivo ma in altre cose era fantastico ricordo com era bravo a pescare con le mani un vero artista non avevano che una decina d anni quando una mattina d estate siam partiti da casa al mattino per andare a raccogliere la segala cornuta che il farmacista ci avrebbe ben pagato passo dopo passo arrivammo al malandrè dove ci fermammo a parlare con uno del posto più tardi mentre eravamo al pian del soglio in mezzo ad un campo di segala ricco di spighe con la malattia che dà origine a quella protuberanza nera così ricercata in farmacologia ci siamo visti arrivare alle spalle proprio quella persona con la quale ci eravamo intrattenuti poco prima alle sue grida ci demmo ad una fuga disperata verso il bosco vicino e ci precipitammo giù per una ripida discesa ero riuscito a far perdere le mie tracce quando sentii mario gridare fermati giulio mi ha preso tornai sui miei passi e trovai l amico sull orlo di un anfratto che gli aveva impedito la fuga vicino a lui il contadino che bonariamente ci fece una lezione di educazione civile ci spiegò che la segala cornuta interessa anche a lui e che noi nel raccoglierla pestavamo malamente le messi che lui avrebbe dovuto mietere gli demmo pienamente ragione e mario gli offrì in risarcimento tutta la nostra raccolta anche quella che veniva da altri campi con grande fair play il montanaro ci lasciò tutto il raccolto pago solo di averci spaventato a dovere non avendo portato con noi nessuna colazione quel giorno pranzammo con ciliegie selvatiche verso sera eravamo scesi al torrente colla e ci fermammo un po per rinfrescarci in una piccola lama mario vide nuotare una troterella subito si buttò nell acqua e individuato dove si era nascosta infilò le due mani sotto il sasso una per lato passarono minuti interminabili mario aveva il viso ad un pelo dall acqua ed ogni tanto diceva la tocco dopo un po estrasse trionfante la mano da sotto il sasso la trota l aveva infilata con un dito attraverso una branchia quando fummo più grandicelli formammo un gruppetto di amici quasi tutti studenti ci trovavamo per far passeggiate per giocare o semplicemente per fare due chiacchiere in autunno andavamo su per i boschi di san pè con una padella bucherellata e una bottiglia di vino acceso un fuoco facevamo le caldarroste mario era bravissimo a far volteggiare le castagne senza bruciarle a volte mario non riusciva a venire in compagnia perché costretto a fare qualche lavoro in negozio spesso andava anche a fare i mercati in aiuto ai fratelli maggiori odiavo quegli impedimenti che mi privavano della sua presenza nel gruppo che si era formato la presenza femminile era del tutto esclusa di temperamento romantico e timido com era mario non era fatto per corteggiare le ragazze così che si limitava a fare serenate notturne in compagnia del povero erio che lo accompagnava con il violino a fanciulle idealizzate e mai neanche avvicinate non ricordo di averlo mai visto prendere parte a una festa da ballo neanche dopo la guerra un giorno forse nell estate del 42 venne a trovarlo la balia che abitava in val d aosta assieme aveva la figlia una ragazzotta piuttosto carina la presentò in compagnia come sorella di latte quasi fosse una sua proprietà e si offese moltissimo quando senza il suo permesso io la portai a fare due passi fino alla badina quella volta fui biasimato da tutto il gruppo degli amici che presero le parti di mario e mi fecero sentire un verme traditore l ostracismo durò poco presto arrivarono tempi duri e la lotta comune fece dimenticare le piccole amarezze del passato finita la guerra fu mario a trovarsi fra i reietti e orgoglioso com era si rifugiò nello studio e nell attività politica era tornato a casa completamente trasformato aveva trovato la fede in dio e su questa base avrebbe impostato la sua vita futura una sua dichiarazione al ritorno dalla francia mi stupì particolarmente quando gli chiesi com era parigi mi rispose non male ma boves è molto meglio questo amore per il suo paese se lo portò dietro tutta la vita boves ­ anche se non è ancora dato a sapere se è nato prima l uovo o la gallina da oggi sappiamo che anche grazie alle uova possono svilupparsi vicende decisive per la vita degli individui la testimonianza concreta è rappresentata da dario bottero da settembre al servizio nella parrocchia di san bartolomeo e dal 4 febbraio prossimo sacerdote una vocazione causata dalle uova esordisce scherzando il giovane di san benigno all età di 10 anni venni a conoscenza dell esistenza del seminario scartando delle uova donate a mia madre e avvolte proprio dal bollettino del seminario di cuneo quei fogli attirarono la mia attenzione e così andai a visitare la struttura per poi iscrivermi anche alla classe di i media in quegli anni ­ prosegue dario il pensiero del sacerdozio non si era ancora manifestato finito la scuola media mi ero infatti iscritto all istituto alberghiero mosso più dalla volontà di fornire un aiuto concreto al reddito familiare che da vera e propria passione tuttavia era anche forte la volontà di restare in seminario e proseguire gli studi umanistici alla fine grazie anche ai consigli di mia madre tornai all idea originaria di diventare maestro e mi iscrissi alle magistrali in questa fase inizia il primo dario bottero diventa sacerdote il cammino di fede del giovane curato bovesano che viene ordinato presbitero sabato 4 febbraio intreccio fra dario e boves per formare un legame sempre più forte nel corso degli anni a dirigere l istituto cuneese infatti era il bovesano luigi pellegrino l adolescente dario prosegue brillantemente i suoi studi e durante l estate va a lavorare in qualità di volontario nei santuari di sant anna di vinadio e s magno in particolare quest ultima esperienza è decisiva per orientare il giovane verso studi storico-filosofici dopo il trasferimento della comunità dei seminaristi a fossano 2002 chiesi di restare nella struttura cuneese e giunto in v superiore capii che oltre a proseguire gli studi di storia e filosofia a torino cresceva in me l idea di diventare sacerdote su consiglio del rettore don renzo giraudo cercai di capire meglio quello che poteva essere il mio futuro dialogando con il padre spirituale michelangelo camosso a fossano l estate portò consiglio e dario bottero decise di iscriversi agli studi teologici pur mantenendo dubbi su una eventuale esperienza sacerdotale dubbi che andranno dissolvendosi grazie all esperienza di collaboratore nella parrocchia di san benigno in quegli anni capii che quella era la mia strada la mia felicità dal 2005 al 2007 dario vive una prima esperienza bovesana collaborando con don gianni riberi e don aldo busso alla vita della comunità di san bartolomeo il biennio successivo presta servizio nella zona pastorale cuneo vecchia per poi essere destinato a san rocco castagnaretta a gennaio 2011 arriva la laurea e a inizio giugno il diaconato ad agosto la comunicazione del ritorno a boves per sostituire l amico don andrea adamo sabato 4 febbraio 2012 alle 20.30 presso la cattedrale di cuneo il giovane sarà ordinato presbitero a distanza di oltre trent anni dall ultima ordinazione sacerdotale di un giovane di san benigno monsignor aldo giordano chissà che non sia un buon auspicio dario ricorda volentieri persone ed episodi decisivi per la crescita della sua vocazione ho vivo e porto sempre con me il ricordo del sorriso di don mario picco cugino di mia mamma prematuramente scomparso nel 1990 altri sacerdoti a cui sono legato sono don matteo tanca anch egli prematuramente scomparso e don aldo busso al quale associo il detto di prete stola e grembiule termine utilizzato da don tonino bello per indicare che la stola e il grembiule devono essere l altezza e la larghezza di un unico panno di servizio quello reso a dio e offerto al prossimo fra le esperienze vissute oltre ai campeggi con i ragazzi ricordo in particolar modo una frase di giovanni paolo ii durante la gmg di roma del 2000 e difficile credere nel 2000 ­ si chiedeva wojtyla ­ significativa la risposta che diede si nel 2000 è difficile credere ma con l aiuto di dio è possibile la stessa domanda me la faccio io e faccio mia quella risposta non siamo soli siamo accompagnati e sostenuti attraverso la preghiera così è anche per me e mi rendo conto che se siamo felici portiamo la felicità anche alle persone che incontriamo una felicità che dario dopo il bel biennio trascorso in passato torna a portare a boves con il piacere di entrare in punta di piedi in una storia che continua una storia della comunità scritta a più mani da chi mi ha preceduto marco campagna a quattro anni dalla scomparsa del suo fondatore il giornale prosegue la sua opera sono ormai quattro anni che è scomparso luciano pellegrino insieme a costanzo martini il fondatore di questo mensile colui che lo ha curato con passione per oltre trenta anni una scomparsa improvvisa mentre impaginava il numero di quel febbraio la vedova graziella peano ne ha continuato l opera sino ad ora in questo 2011 sono scomparse due storiche colonne anno davvero pesante a gennaio è morto giulio chiapasco che ha continuato a scrivere e mandare materiale anche nel finale mese grazie luciano pellegrino ora all aurora di questo 2012 si continua si riprende il cammino sulla stessa strada portandoci il ricordo e l insegnamento di chi non c è più si prosegue nello spirito di questa pubblicazione ormai giunta ai trentacinque anni l età della maturità fedele allo spirito sempre voluto da luciano pellegrino di rappresentazione di boves di apertura a tutti sopra le parti sino alle scorse elezioni rubrica era dell attuale vicesindaco allora capo dell opposizione si cerca di riprendere le origini di rispondere al sotto e mezzo di ricovero ospedaliero a giugno ci ha lasciato mario martini padre di costanzo da anni uno dei protagonisti della pagina storica titolo del giornale allargando l attenzione oltre che a boves come quasi esclusivamente fatto negli ultimi tempi ai vicini centri della zona peveragno beinette borgo san dalmazzo in questi tempi difficili anche economicamente solo la fedeltà e il contributo di lettori sponsor collaboratori che i giovani riescano a colmare i pesanti vuoti creatisi garantiranno un futuro della pubblicazione la sua voglia di informare di raccontare per cui tanti hanno profuso il loro tempo e le loro energie in questi lustri le vacanze invernali di molti anni fa esistevano solo per una piccolissima parte di persone i ricchi che avevano casa in montagna qualche benestante che si concedeva un paio di settimane in albergo e i più che con gli sci in spalla partivano in treno al mattino e ritornavano la sera di viaggi all estero non si sentiva parlare forse neanche esistevano per i ragazzi non andare a scuola era già di per sé una vacanza così come anche quelle estive delle quali non ho un buon ricordo erano le mie vacanze forzate il distacco dalla famiglia già spaccata dalla morte di mio padre avvenuta quando avevo sette anni e parzialmente ricomposta con il rientro di mia madre in casa dei nonni e di una zia nubile gruppo matriarcale che doveva compatto fronteggiare mio nonno persona severissima di una moralità patologica intransigente e cattolica andava spessissimo in chiesa negli ultimi anni la sordità gli faceva confondere i rintocchi della campana che batteva le ore con quella che annunciava la messa si metteva il cappello e la mantella nera e s incamminava verso la funzione religiosa rientrava torvo e deluso bofonchiando che la religione scarseggiava anche in chiesa e che questa stessa non era più di parola la mia magrezza allora preoccupava tutti il medico disse che un po di mare mi avrebbe fatto bene mi mandarono con mio fratello in un istituto sulla riviera ligure lui odiava il mare e quando era l ora di fare il bagno si nascondeva dietro le cabine ogni volta la ricerca durava più a lungo e cresceva il timore che una volta o l altra non l avrebbero più trovato e così avrei perso anche lui tornai a casa trau l angolo di liliana maledette vacanze matizzata e senza l aumento di peso sperato l anno seguente con il persistere della mia magrezza decisero che un ambiente familiare sarebbe stato più consono e mi portarono in francia dagli zii lui era fratello di mia madre uomo bellissimo ma in casa non aveva voce in capitolo la moglie zia madeleine aveva due gambe storte che poggiate su tacchi altissimi sembravano ancora più arcuate sfoggiava un sorriso enorme che evidenziava un canino incapsulato d oro allora era di moda pur essendo relativamente giovane aveva una qualche patologia che le procurava un continuo tremolio delle mani quand era in cucina era tutta una musica a seconda dell oggetto con cui armeggiava le percussioni quando spostava la batteria delle pentole argentina quando in bilico su di un vassoio vi erano dei bicchieri riempiti a metà per timore di un travaso la caduta sistematica di qualche piatto completava l esecuzione dell orchestra la figlia mia cugina josette più grande di due anni comunicava poco con me anche se parlavo francese lei era obesa e vicine ciascuna rimarcava silenziosamente l anomalia dell altra i problemi opposti creavano una base di inconsapevole invidia specie a tavola dove per diete antagoniste ognuna invidiava il menu dell altra il giorno del mio compleanno come regalo la zia madeleine fece confezionare di suo gusto che era orrido un abito di taffettà celeste pieno di volant di liliana pellegrino con dietro un enorme fiocco una rouche alla base del collo come scollatura ne evidenziava la fragilità a sostegno del viso quasi scomparso sotto la frangia di capelli che un nastro annodato in bilico sulla testa spingeva verso gli occhi che vidi sgranati e smarriti quando mi specchiai due grissini lunghi e magri sbucavano da enormi maniche a sbuffo mi venne in mente subito un portafrutta liberty a più piani che tenevamo in casa e dove raramente c era la frutta ma in cui ognuno appoggiava momentaneamente ciò che d ingombrante aveva fra le mani così addobbata mi trovò mia madre quando proprio il giorno della festa arrivò per saggiare il mio irrobustimento mi tirò fuori dall abito scrollandolo e verificando che nessuna briciola di me vi fosse rimasta dentro mi riportò a casa e per evitare delusioni questa volta non mi pesarono nemmeno decidendo che il mare non mi si confaceva nel frattempo mussolini non tutto era da buttare promosse le colonie elioterapiche per meglio irrobustire la gioventù e farla crescere sana per la patria il duce e il re e una di queste colonie era in una frazione del mio paese ci si arrivava dopo una camminata di venti minuti partenza alle sette del mattino a digiuno la colazione a base di caffelatte si consumava sotto il portico della chiesa medioevale della madonna dei boschi non prima però della cerimonia dell alzabandiera che saliva piano piano fino alla cima dell asta al canto ripetuto di viva il duce ehia ehia allallà già dalla prima nota del canto un po per il digiuno io incominciavo a impallidire pallore che diventava cadaverico quando la bandiera raggiungeva la cima il sintomo ripetuto preoccupò gli insegnanti che mi esonerarono con la seguente motivazione e che sia emotività patriottica che si spegneva alla prima tazza di caffelatte versata dalle scodellanti la cosa tragica erano le docce due volte alla settimana montate al centro del campo maschile la gran parte dei bambini non aveva mai fatto una doccia ci si lavava dentro una tinozza d inverno in casa riempita d acqua calda e d estate veniva lasciata al sole in cortile ci si infilava dentro il risciacquo con l annaffiatoio non aveva la forza dello schiaffo della doccia che nessuno conosceva ricordo il primo giorno si entrava in coppia due maschietti un po titubanti ma intrepidi e coraggiosi come li voleva il duce al primo scroscio gettarono la spugna e l audacia incominciarono a strillare come aquile spaventando chi avrebbe dovuto succedergli questi vedendoli uscire in lacrime e scomposti scapparono di corsa per tutto il campo che era grande e recintato fuggirono tutti da quel misterioso inferno impossibile convincerli vennero convocati i genitori e fu faticoso persuadere anche loro che quel sito non avrebbe lasciato conseguenze salutari permanenti le vacanze si ripeterono per tre anni incluse le sabbiature con la sabbia di riporto incominciai molto adagio a prendere un po di peso contemporaneamente seguito da un allungamento che non finiva mai fino a raggiungere un metro e settantasei

[close]

p. 5

gennaio 2012 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli 5 di opera la cui realizzazione sarà affidata al consorzio di secondo grado quello denominato valle gesso ­ valle vermenagna ­ cuneese ­ bovesano che poi la renderà al comune il quale la darà in gestione ad apposito altro consorzio di agricoltori interessati gastinelli ha chiesto lumi sulla convenzione per il bacino di trenta anni chiedendo se fosse vincolante anche per i fruitori il sindaco ha fatto notare che quello è vincolo chiesto dalla regione ma che non riguarderà l impegno dei fruitori maria peano ha espresso soddisfazione ricordando il suo voto favorevole all assestamento di bilancio che qualche perplessità aveva sollevato chiedendo solo se si prevedesse aumento l importo del rimborso agli espropriati del terreno mario giuliano ha ribadito che la regione ha preteso questi espropri per andare avanti col progetto invaso ed irrigazione non ha escluso alcuna prospettiva futura su impianti energetici oggetto di domanda del consigliere guido olivero ricordando però che il bando prevede solo il discorso irriguo vivace dibattito sulla concessione temporanea al vicino comune di roccavione di usare l area ecologica bovesana con equo rimborso spese un 30 del costo complessivo il gruppo liberi insieme ha chiesto assecondato di tagliare la formula del rinnovo per tacito assenso sandro gastinelli ha espresso perplessità il timore che la convenzione riguardi solo apparecchiature elettriche ed elettroniche la richiesta che vengano promosse iniziative sulla raccolta di teli agricoli e contenitori di fitofarmaci vuoti il dubbio su a carico di chi siano le spese di registrazione della convenzione il sindaco nel ricordare che il consozio non smaltisce teli agricoli da un anno e continua dalla prima pagina continua dalla prima di adriano toselli rifiutato di sottostare alle pressioni della `ndrangheta per pagare il pizzo un racconto confluito nel volume che masciari ha scritto a quattro mani con la moglie e intitolato organizzare il coraggio vittima del dovere e non semplice testimone di giustizia risale all inizio degli anni 90 il dramma di masciari preso di mira dal racket e costretto per questo motivo a chiudere la sua attività con alto senso di stato l imprenditore denuncia i suoi estorsori che chiedevano percentuali su appalti 3 ai mafiosi e 6 ai politici collusi assunzioni pilotate e forniture di materiali gravi le ripercussioni subite con incendi furti e addirittura il tentato omicidio del fratello in quegli anni mi sono sentito abbandonato dallo stato ­ ha commentato masciari ­ nonostante la concessione del servizio centrale di protezione da parte del ministero dell interno da qui consegue l allontanamento dalla calabria avvenuto il 18 ottobre 1997 per fuggire al rischio di vita conseguente la decisione di rendere testimonianza al cospetto dell autorità giudiziaria da quel giorno ini la testimonianza di pino masciari mezzo ha ribattuto che i costi non aumenteranno se non aumenterà la produzione di rifiuti che sono previsti non solo quelli elettrici od elettronici ma anche che non c è costo di registrazione verrà fatta solo in caso di controversia il termine uso ingenera confusione visto che viene usato come sinonimo giuridico di causa maria peano ha fatto tiratina di orecchie al gruppo dei liberi insieme visto che non l hanno informata di queste loro osservazioni gastinelli ha chiesto scusa approvando lo spirito di collaborazione dimostrato dal comune dichiarandosi soddisfatta che da questa vicenda venga aumento delle ore di lavoro del custode dell isola ecologica i liberi insieme hanno chiesto breve pausa per aggiornare le proprie opinioni sul punto poi gastinelli ha chiesto qualche controllo tipo chiedendo documenti e controllando numeri di targa per vedere che chi conferisce sia di boves o roccavione il sindaco ha fatto notare che gli utenti sono noti al custode essendo quasi sempre gli stessi il servizio è solo per privati una fiaccolata della pace per dire la fiaccolata della pace del primo gennaio del 2012 organizzata dalla scuola di pace con l adesione delle amministrazioni comunali di boves cuneo e borgo san dalmazzo ed in collaborazione con la parrocchia san bartolomeo di boves emmaus l associazione qui e là il centro di formazione santos-milani il tavolo delle associazioni del cuneese il tavolo delle associazioni bovesane la consulta giovani la consulta famiglie la comunità di mambre e l anpi si è svolta nel tardo pomeriggio con una buona partecipazione di pubblico dopo la messa penna parrocchiale per la giornata mondiale della pace è partito il corteo da piazza dell olmo ed attraverso le vie cittadine si è concluso al teatro borelli con la testimonianza di di don renato sacco della segreteria nazionale di pax christi parroco nella diocesi di novara fortemente impegnato a contestare le spese militari del governo italiano momento profondo e simbolico l intervento della madre superiore delle clarisse suor serena sulla soglia del monastero di corso bisalta la giovane monaca di clausura francescana ha citato il papa ha illustrato l edu il 1° gennaio famiglie giovani ed autorità hanno partecipato al tradizionale appuntamento organizzato dalla scuola di pace no alle armi care come formare non come sedurre ha invitato al massimo impegno di tutti ha esaltato la speranza fa cendo notare che vi son luci anche nella notte paragonando le stelle alle fiaccole dell iniziativa zia la non vita mia e della mia famiglia moglie e due bambini non mi sembrava possibile dopo aver denunciato i malviventi ero io costretto a lasciare la mia terra di fronte all ennesima revoca del programma di protezione delle autorità tra l altro lacunoso visti due atti dimostrativi a scapito della famiglia accanto a masciari si schierano molti giovani e associazioni con l obiettivo di sostenerlo dal 2010 inizia alla luce del sole una attività di sensibilizzazione che nel corso degli anni lo ha portato a girare l italia e l europa ottenendo la cittadinanza onoraria in moltissime città e a ricevere il pubblico ringraziamento per quanto fatto direttamente dal presidente della repubblica giorgio napolitano esiste anche il blog degli amici di pino masciari presente su internet al sito www.pinomasciari it sostiene e dona forza all imprenditore calabrese un sostegno sottolineato nella copertina del libro in cui pino masciari dice ogni persona che viene a conoscenza della mia storia mi allunga la vita di un giorno marco campagna piano regolatore in rampa di lancio intanto la sera di mercoledì 7 dicembre nel salone municipale si è tenuta riunione coi consiglieri sul piano regolatore ci spiega il sindaco probabilmente definiremo il progetto tra un anno ad inizio 2013 ma se tutto va bene siamo bravi e non ci sono troppe obiezioni potremo essere pronti già a fine dicembre 2012 adriano toselli il programma dell amministrazione incontri con i cittadini martedì 17 gennaio 2012 alle ore 20,45 per gli abitanti di cerati-roncaia l incontro si terrà presso la sede degli alpini dei cerati mercoledì 25 gennaio 2012 alle ore 20,45 per gli abitanti di s mauro presso la sede del comitato frazionale mercoledì 1 febbraio 2012 alle ore 20,45 per gli abitanti del concentrico l incontro avrà luogo al borelli nasce a chiusa di pesio l associazione famiglie a colori un gruppo di genitori spinti dalla voglia di partecipare creare e organizzare per rendere più vivo il paese per le famiglie e per i bambini ci racconta la presidente francesca che l idea dell associazione è nata nell anno scolastico 2009/2010 da alcuni genitori della scuola dell infanzia per fare del teatro una idea portata avanti per un paio di anni su suggerimento della referente della scuola materna si decise di concretizzare il gruppo e vengono intrapresi i primi contatti con la consulta genitori di peveragno nel maggio 2011 l improvvisa scomparsa di barbara ha spronato tutti e nasce dopo un periodo informativo molto impegnativo l associazione di volontariato con atto costitutivo firmato il 20 ottobre 2011 l attività ha avuto inizio con un incontro pubblico presso l ex asilo,che nel frattempo il comune ha destinato come loro base operativa a cui hanno partecipato il gruppo di genitori fondatori l idea di base è quella di creare un gruppo omogeneo che attraverso progetti possano portare a chiusa di pesio un po di novità e/o aggregazione cosa che negli ultimi tempi viene sempre più a mancare l attività è cominciata con il natale e con i laboratori di riciclo per creare le decorazioni per l albero famiglie a colori per chiusa pesio notizie dalle nostre valli di natale più di quaranta entusiasti bambini vi hanno partecipato e altrettanti curiosi genitori altrettanti erano presenti alla lettura animata presso la biblioteca il prossimo progetto a cui si sta lavorando è l organizzazione del carnevale in collaborazione con i ragazzi dell oratorio con gli adolescenti è cominciata una collaborazione tramite il sostegno nell attività del doposcuola a sostegno dei genitori si stanno progettando delle iniziative in collaborazione con la comunità montana e l associazione nazionale famiglie numerose per poter portare in paese il servizio dello sportello dei genitori ovvero la possibilità una volta al mese di poter incontrare uno psicologo gratuitamente l associazione nasce con lo spirito di unire mettendo in comune il poco tempo che ogni genitore ha disposizione per concretizzare dei progetti che nel loro piccolo possono far bene al paese troppo spesso ci si rende conto che un domani ai propri figli si sta lasciando una realtà poco entusiasmante a cui bisogna porre rimedio chiunque fosse interessato può contattare la presidente francesca e proporre delle idee oppure partecipare alle attività l unione e la condivisione faranno si che il motto apriamo chiusa diventi realtà fabio dutto nel panorama delle offerte turistiche delle nostre vallate chiusa pesio è uno dei centri pedemontani più interessanti oltre alla conosciuta certosa di pesio il suo sviluppo turistico si fonda attorno al parco naturale nato nel 1978 che proprio in questi giorni ha cambiato nome da alta valle pesio e tanaro a parco del marguareis nome tratto dalla cima più alta delle alpi liguri 2.651 metri si tratta di una perla delle nostre vallate ricco di flora conserva un quarto delle specie vegetali presenti in italia oltre ad una fauna che affascina camosci aquile cervi caprioli e galli forcelli e da qualche anno è ricomparso il lupo specie animali oggetto di studio conosciuto anche dagli appassionati di speleologia perché nel massiccio del marguareis esiste uno sviluppo sotterraneo di grotte di circa 150 chilometri e anche sede del laboratorio territoriale di educazione ambientale di chiusa di pesio nato nel 1991 e naturalmente punto di riferimento per gli escursionisti con rifugi del cai a pian delle gorre ed in quota il rifugio garelli rifugio havis de giorgio in valle ellero il mongioie e il rifugio del parco don barbera in alta valle tanaro a chiusa pesio oltre agli uffici dell ente si trova la la collezione fotografica michele pellegrino una sala congressi con 160 posti un aula per videoproiezio parco del marguareis ni conferenze e laboratori un aula didattica all aperto e il laboratorio territoriale di educazione ambientale insieme al nome è stato rinnovato il direttivo con a capo il nuovo presidente il chiusano armando erbi votato all unanimità il nuovo dirrettivio comprende gabriele mauro chiusa pesio lu robaldo montezemolo michele alberti morozzo enzo tassone peveragno si nota una connotazione politica molto vicina al pdl lega ma noi ci auguriamo di poterlo giudicare dai fatti e dal suo operato e non dalla politica oggi l ondata di perbenismo anti-politico sommerge tutto e tutti dimenticando che anche fra gli amministratori proposti dalla politica di beni pubblici esistono anche persone perbene nelle prime dichiarazioni rilasciate alla stampa il neo presidente intravede obbiettivi comuni a quelli di altri parchi italiani ossia la valorizzazione del territorio con conseguente beneficio per i paesi che lo compongono in questi momenti di crisi economica e di valori ripartire dal territorio e sviluppandosi anche nel turismo con le perle delle nostre terre può sicuramente portare benefici ma non basta dirlo bisogna farlo e farlo bene la redazione tutta del nostro mensile le augura un buon lavoro e che possa raggiungere obbiettivi positivi per le nostre terre gianluca vada l ente parchi e riserve del cuneese si rinnova e cambia nome da parco valle pesio e tanaro a

[close]

p. 6

6 smascherato dall autorità giudiziaria falso povero il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli gennaio 2012 boves kamp­ un eccessivo ricorso all assistenzialismo soprattutto senza effettivo giustificato motivo rischia di costare caro ad un cinquantenne bovesano smascherato dalla guardia di finanza indagando su g c titolare di una pensione di invalidità per un reddito annuo inferiore ai 10 mila euro le fiamme gialle di cuneo hanno scoperto conti correnti libretti di deposito buoni postali fondi obbligazionari polizze vita oltre a proprietà immobiliari di pregio a permette di far luce su quanto occultato una mossa azzardata del pensionato bovesano a seguito di denuncia ricevuta da vicini di casa in merito a controversie condominiali l uomo ha presentato domanda alla segreteria del consiglio dell ordine degli avvocati altribunale di cuneo per essere ammesso al patrocinio gratuito da parte dello stato si tratta di una forma di assistenza legale che spetta ai costa caro il i vigne antica patrocinio gratuito passione bovesana presentato al borelli da giovanni bianco titolari di reddito annuo imponibile inferiore a 10628,16 euro questo passaggio ha tradito il falso povero bovesano dopo la valutazione del consiglio dell ordine sui requisiti di ammissibilità della domanda fatta di concerto con il giudice competente e l ufficio delle entrate dalle indagini sono emerse proprietà immobiliari fabbricati terreni frutteti ed altre sostanziose risorse economichetra cui 200.000 euro in buoni postali altrettanti in fondi obbligazionari 400.000 euro in polizze e 70.000 euro in libretto di deposito che l uomo aveva dimenticato di considerare nel presentare la domanda di assistenza gratuita scattata la denuncia per violazione delle disposizioni contenute nel testo unico in materia di spese di giustizia l uomo rischia una condanna da 1 a 5 anni di reclusione oltre ad una sanzione di importo variabile da 309 a 1549 euro l assessorato alla cultura e la pro-loco hanno organizzato la proiezione del nuovo video i vigne una passione antica il lavoro di chi ancora ci crede su chi continua a curare con amore i tralci rimasti sulle colline bovesane che un tempo coprivano per ampie aree opera amatoriale di qualità di giovanni bianco mercoledì sera 7 dicembre all auditorium borelli con il solito pienone i lavori nelle vigne sono anche essi faticosi e dispendiosi quanto utili per la manutenzione del territorio per evitare che rive e pendii lettere grazie per le offerte buongiorno amici bovesani vorremo ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di tali progetti raccolta attrezzi agricoli anche non funzionanti da inviare al villaggio di rossbethio nel nord del senegal raccolta materiale da utilizzare in cucina da inviare a toubab dialaw un villaggio vicino a dakar abbiamo ricevuto moltissimo materiale da parte di negozi e singoli cittadini in particolare cavallera casalinghi dutto felice house co foto bruno grazie di tutto cuore a ognuno di voi uno ad uno katiuscia e denis grazie dai commercianti il comitato commercianti bovesani la sporta nella figura del suo presidente guido cavallo vuole ringraziare i volontari che hanno partecipato alla iniziativa dedicata ai babbi natale con festa in piazza dell olmo sabato sera 3 dicembre grazie al notevole impegno di tutti si è potuto realizzare una splendida manifestazione gioiosa e calda la magia del natale o se vogliamo semplicemente la buona volontà ha unito grandi e piccini lavoratori autonomi e dipendenti insegnanti pensionati in unico grande coro grazie a tutti nella prima riunione del nuovo consiglio direttivo tenutasi a metà dicembre il capogruppo livio vallauri ha distribuito i compiti e le mansioni ai consiglieri e precisamente vallari livio capogruppo con responsabilità della sede e del gruppo gastaldi marco e mondino fabrizio ambedue vicecapogruppo rispettivamente responsabili di tesseramento gastaldi con il supporto dell altro consigliere musso piermarco e cucina/bar la mostra sul paesaggio cuneemondino con l aiuto di se realizzata nel 2008 a cura del baudino davide anche lui circolo pro natura di cuneo e alconsigliere confermato lestita dal 30 novembre presso i l incarico della cassa e conlocali della scuola secondaria di tabilità a giancarlo quaglia primo grado di boves sarà nuocosì come bruno domenico vamente a disposizione dei visicontinuerà ad occuparsi di tatori dopo le vacanze natalizie tutto quello che è inerente tale esposizione non è che il prila cantina al neo consimo passo per stimolare nei ragazgliere esposito domenico zi una maggiore consapevolezza mimmo è stato affidato del territorio che li circonda un l incarico di responsabile paio di incontri con degli esperti della sede nonché dato il seguiti da un uscita saranno gli input che dovrebbero condurre gli alunni delle classi seconde suo lavoro alpino presso la ad elaborare il concetto di città ideale sviluppato nel rinasci caserma vian di mantenere i contatti con l esercito l ex mento applicandolo alla realtà contemporanea capogruppo sergio rinero siano sottoposti al rischio di frane l autore ha auspicato attenzione e riconoscimento delle istituzioni per opere a favore di terreni spesso senza recinzione in qualche modo usufruibili da tutti ha seguito a cura della p r o lo co con vino di uno dei produttori locali momento conviviale bianco ci ha anticipato tema della prossima proiezione oltre quella a peveragno sulla frazione pradeboni cui manca solo la data che sta preparando interviste agli storici maestri di frazione bovesani ragazzi alla ricerca della città ideale consulta famiglie invito a serata e termine consegna questionario la consulta famiglie invita i bovesani a prendere parte alla serata famiglie crediamoci che si terrà a cuneo il 16 gennaio alle ore 20,45 nella sala san giovanni organizzata dal coordinamento famiglie di cuneo si ricorda che c è tempo fino al 14 gennaio per restituire compilato il questionario predisposto dalla consulta delle famiglie del comune di boves la realizzazione del questionario è stata voluta al fine di raccogliere il maggior numero di informazioni e bisogni espressi da tutte le famiglie che risiedono nel comune di boves sarà possibile restituire il questionario in raccoglitori sistemati all interno del palazzo comunale e grazie alla disponibilità del dirigente scolastico anche presso le scuole elementari e medie presenti nel comune di boves la consulta famiglie boves fungerà da segretario col passare dei mesi vedendo la situazione e le eventuali carenze si vedrà di assegnare dei compiti anche a giordano erio falco sergio dutto felicino e dutto riccardo al momento impegnati nella conduzione del gruppo ma senza incarichi specifici nella medesima riunione il neo capogruppo ha esortato i consiglieri ad una sempre più corretta e responsabile gestione della sede al fine di continuare sulla via intrapresa per il corrente mese il gruppo sarà impegnato domenica 22 a cuneo per le solenni celebrazioni della cuneense sfilata al mattino in cuneo centro con successiva ss messa al duomo un momento che il gruppo ha sempre vissuto con intensità e con intensa partecipazione visto che alle celebrazioni saranno come sempre presenti autorità religiose civili e militari della regione e della provincia nonché le città ed i paesi decorati al valor militare tra le quali anche boves nel frattempo prosegue sia in sede che presso i consiglieri prosegue il tesseramento 2012 al 6 gennaio erano oltre 120 quasi il 50 dei soci che avevano rinnovato il tesseramento che come da disposizioni della sede nazionale chiuderà inderogabilmente il 30 aprile il costo del bollino è invariato sono intanto in confezionamento le maglie invernali verdi a manica lunga che dovevano arrivare a metà dicembre e poi per un problema al lanificio non è arrivata la lana ve ne sono ancora tre non prenotate i soci che ne fossero ancora sprovvisti e volessero averla sono pregati di comunicarlo in sede per il mese di febbraio il consiglio tra gli altri punti da discutere ne avrà uno che è sicuramente quello che più interessa ai soci la definizione del programma per l adunata nazionale di bolzano l tò almanach trentacinque anni della popolare pubblicazione nata a boves nel 1978 É anno particolare per la associazione

[close]

p. 7

gennaio 2012 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli 7 ringraziamento i familiari della cara non dobbiamo piangere la tua mancanza ma ringraziare per l onore di aver condiviso la vita lucia caraglio vedova giuliano di anni 80 un sentito grazie al medico curante dott baessato a tutto il personale medico e infermieristico dell ospedale di comunità di boves ai soci di leva al parroco don bruno e a don martino ai parenti e conoscenti tutti l a s messa di trigesima sarà celebrata nella chiesa di s anna domenica 15 gennaio alle ore 10 ringraziamento 28/12/1926 7/12/2011 boves kamp ­ pioggia di medaglie per l asd sportime di boves impegnata nel campionato nazionale maschile libertas di galliate a poche settimane dal podio centrato dalle ragazze bella soddisfazione per le tre compagini di ragazzi impegnate nelle categorie senior e junior la formazione dei più giovani composta da paolo baudino pietro cavallo lorenzo isoardo simone giordanengo e lorenzo marchisio ha conquistato il secondo posto assoluto alle spalle della ginnastica pavese per quanto riguarda i risultati dei singoli atleti spiccano i numerosi piazzamenti sul podio di cavallo e baudino protagonisti in tutti gli attrezzi capolavoro sportivo per le due compagini cimentatesi nella categoria senior i bovesani hanno infatti conquistato la prima e la seconda piazza del podio lasciando a distanza di oltre 3 punti i più 4° anniversario vogliamo ricordardi com eri pensare che ancora vivi pensare che ancora ci ascolti che come allora sorridi i familiari sportime boves pioggia di medaglie ginnastica artistica maschile prima categoria boves/mdg campione d inverno la mancanza di precipitazioni nevose ed il clima tutto sommato mite per la stagione ha consentito il proseguimento dei campionati coninua il momento magico del boves/mdg che dopo essersi laureato campione d inverno ha iniziato il girone di ritorno con una vittoria consolidando il primato solitario con 7 punti di vantaggio sulla inseguitrice più vicina meno bene il bisalta che dopo esser risalito in classifica dopo l inizio di torneo incerto ha totalizzato solo un punto nelle ultime tre partite riscivolando ai margini della zona calda giocatore superlativo e firma la doppietta pedona due sconfitte promozione immediati inseguitori successo per il team composto da daniel mandrile emanuele giorgis federico favalli e antonio panaro che hanno preceduto la squadra di tobia fusacchia isaac ninotto daniele pellegrino ed emanuele contini nelle varie specialità successi di mandrile contini favalli ninotto e giorgis in particolare da segnalare il podio interamente bovesano nel minitrampolino contini mandrile ninotto ragazze bovesane sul podio nazionale ginnastica artistica centallo boves 1-1 pari prezioso per i bovesani che in inferiorità numerica per un tempo per l espulsione di castellino escono indenni dal campo di centallo che si è molto rinforzato nel mercato dicembrino padroni di casa subito in vantaggio i bovesani reggono l urto dei centallesi ed igor pepino trova la zampata vincente boves sommariva 2-0 nell ultima partita del girone di andata i bovesani vanno subito a segno con igor pepino ma devono subire la reazione del sommariva che impensierisce la difesa ospite nel secondo tempo la squadra di volcan soffre ma igor pepino si conferma dutto carmen in vacchetta nel nostro cuore ci sarà per sempre un posto che appartiene solo a te un posto speciale dove conserveremo per sempre il tuo ricordo e i tuoi insegnamenti la s.messa di trigesima è stata celebrata sabato 07 gennaio 2012 alle ore 18 nella chiesa parrocchiale di centallo i familiari conservano sempre nel cuore i segni di tanta partecipazione al loro dolore valle stura boves 0-2 tre punti per i bovesani che dopo un inizio al rallentatore sbloccano il risultato alla fine del primo tempo grazie ad uno degli uomini più informa igor pepino che segna con un bel colpo di testa nella ripresa gli ospiti legittimano il risultato andando ancora in rete con raimon corneliano pedona 1-1 un pari con qualche rimdi pianto per i borgarini che iniziano bene e passano in vantaggio con turini i padorni di casa trovano il pareggio nel secondo tempo nel finale turini in contropiede va vicino al raddoppio cameranese bisalta 1-1 ma la sua conclusione è recozza salva il bisalta in spinta sulla linea di porta casa della forte cameranese dopo lo svantaggio pedona virtus 1-2 del primo tempo i ragazzi un pedona stanco si fa indi bindi giocano con più co fliggere una brutta sconfitta raggio e colgono il pari e lo casalinga la virtus non indifendono fino al 90° canta ed il pareggio sarebbe stato il risultato più gisuto bisalta sommarivese 0-2 ma al 90 conquista un calcon una prova incolore il bi cio di rigore e firma la vitsalta cede alla sommarive toria grazie alla doppietta se senza riuscire a rendersi di jaku pericoloso pedona cavour 0-1 bisalta caramagnese 0-1 prima giornata di ritorno nonostante un buon inizio di infelice per i borgarini che gara con ranallo e giorda non riescono a concretizzanengo pericolosi la squa re la supremazia territoriadra di bindi subisce la rete le sul finale sono gli ospiti sul finire del primo tempo e a passare e colpire un palo nella ripresa si spegne nei minuti finali bisalta indietro tutta luciano pellegrino ti ricorderemo nella s messa anniversaria che sarà celebrata nella parrocchia di san bartolomeo boves sabato 4 febbraio alle ore 18 1° anniversario piccoli annunci vendesi motocoltivatore con fresa e lancia neve 10 cv tel 0171 380635 vendesi alloggio in cuneo via mons riberi 19 ­ tre camere cucinino bagno e cantina tel 3391554198 vendesi casa libera su tre lati suddivisa in tre appartamenti soggiorno tinello camera bagno impianto centralizzato fabbricato di pertinenza con 2700 mq di terreno rivoira boves tel 3470841922 vendesi radiatore autonomo fondital gazzelle gas metano potenza termica 5 kwseminuovo tel 3280283664 affittasi magazzino piazza italia tel 0171 380635 giulio chiapasco un anno dopo È ormai un anno che giulio chiapasco maestro in tutti i sensi di vita e scrittura ci ha lasciato parenti ed amici lo ricorderanno nella messa nella parrocchiale di boves san bartolomeo domenica 15 gennaio alle ore 18 corso di teatro sono ripartiti lunedì 9 gennaio i corsi teatrali organizzati da elide giordanengo per i giovani e giovanissimi informazioni al 348.7511809 o allo 0171.387530 fioreria bell aprile di corso trieste dedicato ai giovanissimi dopo il grande successo di della società asd boves per ulteriori informazioni pubblico e di partecipanti si può contattare l associamdg cuneo ottenuto nelle precedenti la manifestazione si svol zione sportiva dilettantiedizioni anche quest an gerà per l intera durata da stica boves madonna delle no la società sportiva asd sabato 21 gennaio a do grazie all indirizzo mail boves mdg cuneo orga menica 19 febbraio 2012 asdbovesmdg@yahoo.it nizza la sesta edizione del nel palazzetto polivalente inoltre si ricorda che il giornale di boves in accordo con torneo giovani campioni carlo giraudo di boves città di boves memorial il torneo è riservato alle la societa sportiva boves claudio tregambi categorie piccoli ami calcio metterà in onda in il torneo è dedicato a clau ci 2004/2005 pulcini streaminbg tv sul suo www.ilgiornaledibodio tregambi amico colla 2003/2002/2001 ed esor sito boratore e noto personag dienti 2000/1999 la ma ves.it la prima giornata del gio nell ambiente sportivo nifestazione è sponsoriz torneo giovani campioni boves kamp ­ terzo gradino che imprecisione di troppo per la sua disponibilità e zata dal comune di boves città di boves memorial del podio per le giovani atle nell esecuzione degli ele l amore dedicato alle at e dalla locale cassa rurale claudio tregambi di sabato 21 gennaio tività del settore giovanile artigana bcc di boves te dell asd sportime boves menti impegnate nel campionato nazionale libertas di ginnastica artistica a galliate le bovesane hanno centrain questi 8 anni di attività la piccola agenzia ed attuale titolare la quale alleggerita dai suoi to il podio nella categoria viaggi di via partigiani a boves ha portato in impegni per allargare il proprio orizzonte prosenior a open gareggiando vacanza migliaia di bovesani e non organiz fessionale entrerà a far parte della società canel corpo libero volteggio zando gite viaggi tour pellegrinaggi e cro sciola gioielli minitrampolino e trave ciere ha inoltre collaborato con associazioni l obbiettivo del tour operator che continuerà protagoniste dell eccellente lo yamato judo di boves come l avis di boves la cassa rurale di bo a chiamarsi laschi viaggi ed avrà sede sempre risultato sono state claudia ha fissato con partecipaves il circolo di s omobono e la comunità nel comune di boves ma con uffici non aperti zione di allievi e famigliari dutto lorenza beccaria montana bisalta diventando negli ultimi anni al pubblico sarà quello di vendere gite e viaggi martina giuliano e sara la tradizionale festa nagrazie al lavoro svolto agenzia alpitour organizzati su internet ed alle agenzie di viagbellone nella categoria talizia con saggi la sera partner ed agenzia costa crociere energy gio convenzionate sparse su tutto il territorio di venerdì 16 dicembre junior sedicesimo posto oggi nonostante la crisi ed in controtendenza nazionale per le giovanissime mafalda prima di cena conclusa con ciò che accade a molti tour operator ed l obbiettivo dell agenzia di viaggi che camcollidà giulia malabocchia da convivio-aperitivo a agenzie viaggi in italia che purtroppo sono bierà nome in tipi da viaggio ma avrà semtutti i giovani partecipansara ferrua e francesca sull orlo del fallimento laschi viaggi ha deci pre la sua sede in via dei partigiani 30 sarà giuliano impegnate a gal ti è stato offerto il libro di so di crescere investendo in tecnologia e cre quello di rafforzare le proposte riguardanti croliate le più piccole federica poesie di luigi taffuti nel ando due aziende distinte un tour operator ciere e viaggi di gruppo castellino clara bisotto direttivo dell associazioamministrato da andrea laschi ed un agen in un periodo in cui in ambito turistico cuneo carola dalmasso e rebec ne che ne è anche uno zia di viaggi amministrata da paola murato perde una delle aziende più importanti d italia ca einaudi che ottengono degli sponsor con disere ambedue le aziende avranno la direzione la città di boves invece acquista sempre più riil 35° posto nella categoria gni della giovane marika tecnica dell esperta erica laschi fondatrice salto allieve penalizzate da qual armando calcio con i giovani campioni inizierà il 21 gennaio al palazzetto di boves il torneo del boves/mdg festa natale yamato judo boves laschi viaggi crescerà nel 2012 house co liste nozze via peveragno boves cn tel 0171 387840 la lista nozze house co mette a disposizione degli sposi tutto quello che serve per la nuova casa tavola bar cucina camera da letto bagno ogni mese nuovi arrivi e nuove idee per l arredo casa buon 2012

[close]

p. 8

8 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli gennaio 2012 notizie dalle valli notizie dalle valli notizie dalle valli a beinette grande successo dei sicut lilium concerto di natale festeggiati a peveragno i cento anni di peveragno tutto esaurito per il natale in contrada la corale beinettese sicut lilium fondata nel 1999 dal concittadino livio cavallo giovedì 22 dicembre si é esibita nella parrocchiale del paese tra i vari appuntamenti in italia ed europa ormai da parecchi anni i protagonisti svolgono per le nostre zone parecchie edizioni cadenzate con tappe quindicinali dalla primavera all autunno con opere che riguardano diverse tematiche dalla lirica alla musica classica quest anno é la prima volta che offrono il palcoscenico per una rassegna natalizia scegliendo canti inneggianti la nascita di cristo ed altri che esaltano le virtù di betlemme serata arricchita dall affiancamento al coro del quintetto strumentale della piccola scuola di musica nata nel 2010 da una costola della sicut lilium il brano proposto per l evento é di reedlim pastore musicista sconosciuto alla maggior parte del pubblico la cui produzione musicale ci é giunta grazie alle sue radici probabilmente locali vista la familiarità del nome stesso il predetto quintetto ha visto marco ficarra al violino sveva martin al flauto luca cerelli col clarinetto ed aldo barberis col trombone infine laura wertamy al violoncello e stato incaricato andrea baudino di realizzare due armonizzazioni natalizie lavoro in cui emerge l ironia unita al divertimento sia con improvvise citazioni sia con elaborate tecniche strumentali diplomatosi al conservatorio di cuneo nel 2001 e perfezionatosi al conservatorio di biella nel 2008 ha poi collaborato con diversi artisti italiani e stranieri concerto scandito in due riprese ambedue sotto la direzione di livio cavallo che ha richiamato la partecipazione di parecchia gente per nulla intimorita dal calo della colonnina di mercurio nell agenda del 2012 il gruppo si propone di comparire in veneto ed anche in inghilterra e spagna paesi in cui hanno maturato esperienze costruttive creando un sodalizio con le corali del luogo per le note della sicut lilium all opera i soprani eleonora briatore paola brossa giuliana canale laura dho tiziana giuggia mentre claudia cucchi daniela garello nadia manera liliana marchisio e clara menardo come contralti riguardo i tenori plauso al talento di gainluca gagliasso luca marenchino e silvio saba infine i bassi esibiti da pietro baravalle sandro massardi flavio nicolino silvestro roatta e andrea vivalda per la realizzazione si ringraziano la parrocchia di beinette la fondazione cassa risparmio di cuneo per il contributo per l aspetto organizzativo ha provveduto il comune con l assessorato alla cultura g.l.s maria dalmasso tardivo peveragno ­ e stato il sindaco con tanto di fascia al collo a portare gli auguri da parte della collettività peveragnese alla signora maria dalmasso tardivo che lo scorso 21 dicembre ha festeggiato il secolo di vita un traguardo ragguardevole che acquista maggior significato se raggiunto come nel caso della signora maria in piena lucidità nata a peveragno nel 1911 in rione da munt frequenta le scuole elementari nel capoluogo con il maestro don andrea politano e nel 1936 si sposa con il falegname vincenzo tardivo fino agli anni cinquanta lavora presso l azienda del padre commerciante di frutta all ingrosso la signora è mamma del professor giuseppe tardivo ordinario di economia e direzione delle imprese presso l università di torino e coordinatore della facoltà di economia a cuneo vive tuttora nella sua casa di via san giovanni probabile dimora della nobile famiglia dei grimaldi baglio signori di peveragno e boves nel secolo xvii testimone oculare del tragico 10 gennaio del 1944 tristemente celebre come l eccidio della paschetta maria ricorda con lucidità quella giornata in quanto assieme alla sorella caterina fu tra le prime ad avvistare la colonna tedesca proveniente da cuneo rendendosi contro della tragicità del momento si mise immediatamente alla ricerca dei propri familiari e riuscì a rintracciare il marito rifugiatosi con altre persone nella casa comunale È rimasta vedova nel 1975 e da quella data ha assistito l anziana mamma e le sorelle bianca e caterina angelo campagna peveragno ­ si è registrato il tutto esaurito nelle serata del 24 e 26 dicembre in cui è andata in scena la rievocazione degli antichi mestieri natale in contrada una forza silenziosa ed operosa composta da oltre quattrocento volontari coordinati dalla pro loco e dalla gran parte delle associazioni che da vent anni dà vita a uno spettacolo unico in cui il tempo sembra tornare indietro restituendo immagini colori sensazioni e personaggi di un periodo che appare lontanissimo il ricetto del paese per due notti si trasforma segnato da bracieri e fiaccole lungo il percorso tanti i protagonisti di un passato fatto di pastori maniscalchi tipografi formaggiai arrotini e ancora personaggi indaffarati a battere il ferro a ricamare tessuti a modellare la pasta e ad intagliare il legno un tuffo nel passato per chi ha vissuto quell epoca e una scoperta per chi è nato dopo in entrambe le serate si sono registrate code alle entrate in modo particolare lunedì 26 dicembre quando dalla collina di san giorgio sono stati sparati i fuochi d artificio a completare lo spettacolo la rappresentazione del gilindou della compagnia del birùn e i novés occitani dei gai saber con angels pastres miracles angeli pastori miracoli e doveroso ­ spiega la presidente della pro loco cinzia garro ­ dire grazie a tutti ai volontari che permettono l organizzazione dell evento a coloro che ogni anno concedono l uso di passaggi e dei locali a chi contribuisce con offerte un ringraziamento anche a tutti coloro che il 27 dicembre si sono operati per riconsegnare il centro storico pulito e ordinato ai peveragnesi angelo campagna festa e bilancio della sezione beinettese il natale del c.a.i in mountain bike il primo weekend di settembre offre una lunga escursione per chi ama pedalare il primo giorno da limone al rifugio allavena per scendere a ventimiglia la domenica seguente in alternativa dal predetto rifugio si percorre il sentiero degli alpini tradizionale polentata l ultima domenica di settembre ed il 21 ottobre escursionismo con la gita in val roya serata scandita dalla proiezione alpini a beinette aspe peveragno direttivo confermato quasi in tutto quello precedente con lorenzo tassone presidente ed altri quattro con cariche minori nella seconda domenica di maggio c é stato il raduno nazionale a torino la vicinanza ed il bel tempo hanno favorito la partecipazione di molti beinettesi tesserati e non solo assiepati sotto il tendone con la compagine di peveragno vicino alla caserma montegrappa della brigata taurinense alla marcia si sono contraddistinti con le camicie rosso-quadrettate tra i gruppi più numerosi parecchie penne nere si sono adoperate nella riuscita dei falò di s.giovanni a giugno con l associazione terra dei bagienni serata animata dalla grigliata sotto la tettoia un discreto numero di beinettesi hanno partecipato al raduno sezionale di imperia sabato 4 e domenica 5 settembre infine la tradizionale polentata verso metà ottobre sotto il tendone situato vicino alla bocciofila anche novembre ha visto due tappe significative giovedì 4 onore ai caduti con cimeli e l appello mentre 7 insieme alla borgo s dalmazzo domenica allestita la festaproloco si é del mais un successo vale la pena ricordare che gli alpini diverse volte all anno raccolgono ferro e rottami altrimenti difficili da smaltire incoraggiante constatare un continuo riprende con l anno nuovo aumento di tesseramenti negli l attività della sala mostre ultimi anni g.l.s dell ufficio turistico di borgo san dalmazzo venerdì 6 gennaio alle 17 è stata inaugurata giochi di luce e di colori la mostra fotografica del giovane riccardo domestici che la scorsa estate ha vinto il concorso scatti in città organizzato dall ente fiera fredda con la collaborazione dell artista e consigliere dell ente monica sepe che rimarrà aperta sino al 22 gennaio l esposizione raccoglie una serie di stampe a colori con soggetti di diversa natura e alcuni scatti che interessano la città di borgo san dalmazzo e la valle stura la mostra con ingresso libero sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 16,30 alle 19,30 il sabato e la domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 20 tempo di bilanci per l associazione alpini di beinette si é trattato di un anno fitto di attività per una realtà che per il paese é ormai un motivo di vanto nel novembre 2010 nei seminterrati della bocciofila beinettese é stata inaugurata la nuova sede dell ana grande partecipazione alla cerimonia degli iscritti e presenti tutte le autorità locali ad onorare l evento il presidente provinciale delle penne nere signor franza a seguire s.messa e sfilata nelle vie cittadine con sosta al monumento dei caduti dove si é reso omaggio alla memoria occasione in cui si é premiato con targa benemerita il 91enne secondino giavelli reduce della campagna di russia dopo esser stato impiegato in francia e albania durante il 2^conflitto mondiale purtroppo deceduto nei primi mesi del 2011 ha trasmesso al figlio ezio quei valori tipici del corpo alpino che ricopre attualmente la carica di segretario dell ana locale a marzo le votazioni nella nuova sede per il rinnovo del peveragno ­ una stagione da incorniciare quella vissuta dall aspe peveragno storica società sportiva la cui fondazione risale al 1974 lo scorso 16 ottobre sul campo neutro di mondovì il campionato pallonistico è stato chiuso dalla formazione peveragnese con la conquista dello scudetto della serie c1 e il conseguente accesso alla categoria superiore per noi che siamo legati a questa società ­ spiegano i responsabili dell aspe ­ il 2011 sarà ricordato per la straordinaria intensità con cui è stato vissuto coronato dalla conquista del tricolore il ringraziamento va soprattutto agli atleti danilo rivoira diego dalmasso daniele botto pier giorgio lerda anthony ferrua e al direttore tecnico giancarlo giordano vero trascinatore della squadra e poi un plauso agli accompagnatori e al pubblico peveragnese che ha sempre seguito gli atleti anche nelle trasferte il cammino 2011 dell aspe è stato contrassegnato da una serie impressionante di vittorie fino alla semifinale giocata a roddino dove superando la virtus langhe ha conquistato il un anno di attività di palla a pugno stagione da incorniciare diritto di accesso alla serie b per l anno venturo una parte del successo ­ viene ricordato dai dirigenti ­ lo dedichiamo a piero bono tra i fondatori della società ed uno degli amministratori che progettarono e realizzarono il centro sportivo e il nostro campo di gara proprio a piero bono lo scorso settembre alla presenza dei familiari delle autorità e di tanti campioni del balun è stato intitolato lo sferisterio al quale è stato fatto un maquillage l impianto peveragnese è stato teatro nel mese di luglio di un summer camp di pallapugno cui hanno partecipato quaranta ragazzi nati tra il 1995 e il 2001 i quali attraverso cinque lezioni hanno appreso dai campioni più famosi tecnica regole e segreti della disciplina che affonda le proprie radici nella cultura piemontese e ligure emblema della tradizione contadina e del folklore locale narrato da scrittori come cesare pavese beppe fenoglio e giovanni arpino in questi giorni i vertici dell aspe sono al lavoro per allestire la squadra che dovrà difendere i colori di peveragno in serie b angelo campagna mercoledì 14 il cai di beinette ha organizzato la tradizionale serata natalizia che quest anno si é tenuta nella sala polivalente della bocciofila sezione staccata di peveragno che annovera 39 soci ordinari 18 soci familiari e 2 soci giovani la sezione l estate scorsa ha festeggiato i 25 anni di attività per il tesseramento del 2012 bisogna recarsi nella sede del cai di peveragno in via bersezio n.34 entro fine marzo quote ancora da definire nell assemblea di gennaio il consiglio direttivo al completo con andrea forneris presidente ezio quaranta vice-presidente dario peano segretario infine daniela sacco ugo bellino daniele bergese e fausto ferrero consiglieri ha ricordato gli appuntamenti per il 2012 dopo la tradizionale fiaccolata della befana il 29 gennaio è in programma una giornata e per salutare l inverno la seconda sciata nella domenica del 25 marzo luoghi da stabilire in primavera il 22 aprile gita in riviera si visiteranno toirano il monte acuto ed il croce per scendere a ceriale in collaborazione con i colleghi di peveragno in estate il 10 giugno si scala la rocca cernauda in val maira mentre il 18 agosto ancora in cantiere la gita delle diapositive del direttivo sulle tappe che hanno ricalcato il 2011 a seguire la carrellata di immagini suggestive dell alpinista aurelio muratore racconti e filmati dal titolo andar per monti storie di scalate e di amicizie scenari che hanno per itinerario le nostre cime in conclusione per allietare la festa con i numerosi presenti ha seguito un buffet con rinfresco g.l.s un servizio del comune di beinette nel 2012 il comune di beinette inserirà nelle vie più importanti e vicino ai monumenti un servizio che permetterà ai cittadini e ai turisti in possesso di telefonini di ultima generazione es i-phone i-pad smartphone android di ricevere tutte le informazioni sulle vie o sui monumenti basterà puntare il proprio cellulare con la fotocamera verso il qr-code e in automatico sul cellulare appariranno tutte le informazioni inerenti strade monumenti case antiche il sistema è semplice il qr code è un codice a barre che corrisponde ad una pagina html o un video o altre forme di comunicazione informazioni con i telefoni di ultima generazione elettronica che permettono ai telefonini di ultima generazione di comunicare e ricevere le informazioni la città italiana che ha dato il via a questo servizio per i turisti è stata prima in italia 2 anni fa con grande risonanza mondiale venezia il servizio verrà offerto gratuitamente da mariatv alla città di beinette vai con il tuo telefonino sul codice a barre che trovi qui vicino inseriscilo e inizia a navigare gianluca vada giochi di luce e colori

[close]

Comments

no comments yet