A scuola di Costituzione

 

Embed or link this publication

Description

lavoro sulla Costituzione

Popular Pages


p. 1

1 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 2

a scuola di costituzione con alessandro manzoni cichetti dora d andrea aurora de angelis nicole di lernia sara di loreto laura gallo eleonora lanzi palladini michela maccallini maria teresa petrella chiara scipioni irene 2 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 3

griglia di documentazione titolo del lavoro a scuola di costituzione con alessandro manzoni descrizione dell esperienza nellambito dellanalisi del romanzo i promessi sposi tappa obbligata per tutte le classi v ginnasiali alcuni personaggi e situazioni sono stati da noi letti e reinterpretati in chiave moderna con unopera di costante attualizzazione del testo ci si è resi conto infatti che molti dei diritti che la nostra costituzione ci riconosce e ai quali oggi siamo abituati non solo non sono sempre stati garantiti allindividuo ma non sono nemmeno nel 2011 così ovvi e scontati per tutti partendo appunto da personaggi e/o situazioni del romanzo sono state così affrontate alcune problematiche di stringente attualità i cosiddetti matrimoni combinati la gestione non paritaria del ménage familiare fortemente sbilanciato a favore delluomo o ancora la capacità/incapacità dellindividuo di compiere il proprio dovere affrontando con coscienza e senso di responsabilità le difficoltà della vita evitando facili quanto inutili scappatoie prerequisiti presupposto assolutamente necessario era una buona capacità di lettura e comprensione del testo si richiedeva inoltre una discreta capacità di decontestualizzazione di personaggi e situazioni per una successiva loro ricontestualizzazione in coordinate spaziotemporali diverse obiettivi lobiettivo del presente lavoro è stato quello di sollecitare gli studenti ad una riflessione su alcuni articoli della nostra costituzione e sui diritti che essa ci garantisce e che sono purtroppo ancora oggi un miraggio per molti popoli mediante la sperimentazione per via indiretta cioè attraverso lanalisi di personaggi e situazioni del romanzo con il fine ultimo di una progressiva interiorizzazione dei principi di libertà uguaglianza laicità durata e frequenza nei mesi di novembre dicembre e gennaio con frequenza di due ore settimanali nei mesi di marzo ed aprile con frequenza di quattro ore settimanali 3 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 4

strumenti e attivitÀ di verifica e di consolidamento il percorso di lettura dei promessi sposi ha riguardato tutta la classe v d del liceo ginnasio alessandro torlonia di avezzano aq al termine del percorso gli studenti coinvolti nel presente progetto hanno prodotto gli elaborati riconducibili a diverse tipologie testuali di seguito riportati ordinati in base ai personaggi esaminati insegnante katia tinari classe coinvolta v d ginnasio del liceo classico a torlonia di avezzano 4 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 5

dalla costituzione art 2 la repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità e richiede l adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica economica e sociale art 3 tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge senza distinzione di sesso di razza di lingua di religione di opinioni politiche di condizioni personali e sociali È compito della repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitando di fatto la libertà e l eguaglianza dei cittadini impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all organizzazione politica economica e sociale del paese art 13 la libertà personale è inviolabile non è ammessa forma alcuna di detenzione di ispezione o perquisizione personale né qualsiasi altra restrizione della libertà personale se non per atto motivato dell autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge in casi eccezionali di necessità ed urgenza indicati tassativamente dalla legge l autorità di pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori che devono essere comunicati entro quarantotto ore all autorità giudiziaria e se questa non li convalida nelle successive quarantotto ore si intendono revocati e restano privi di ogni effetto È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà la legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione preventiva art 29 la repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio il matrimonio è ordinato sull eguaglianza morale e giuridica dei coniugi con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell unità familiare 5 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 6

art 30 dovere e diritto dei genitori mantenere istruire ed educare i figli anche se nati fuori del matrimonio nei casi di incapacità dei genitori la legge provvede a che siano assolti i loro compiti la legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima la legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità 6 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 7

ai promessi sposi precisazioni 1 agli studenti è stata richiesta non una rielaborazione personale degli articoli della costituzione presi in esame quanto piuttosto unattualizzazione di alcune situazioni e/o personaggi manzoniani dal punto di vista del rispetto/non rispetto dei principi della nostra costituzione 2 fatti e personaggi presentati in particolar modo negli articoli di cronaca sono frutto di pura fantasia nomi luoghi date ed eventi sono perciò inventati e del tutto casuali 3 si fa presente che trattandosi di una classe v del liceo classico ginnasio gli studenti coinvolti hanno quindici anni 7 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 8

gertrude di ieri e di oggi nella società del passato il ruolo della donna è sempre stato secondario rispetto a quello delluomo infatti la donna era impiegata quasi esclusivamente nelle faccende domestiche e nella cura dei figli inoltre doveva obbedire alla figura maschile che nei suoi confronti era spesso eccessivamente autoritaria e severa possiamo avere un riscontro della situazione femminile di una volta anche in alcune opere letterarie come ad esempio nei promessi sposi di alessandro manzoni come si evince dal romanzo e dalle tragedie nellottica dellautore le donne sono sempre legate alluomo e costrette a soffrire questo sentire è esemplificato soprattutto nella figura della monaca di monza ovvero gertrude che incontriamo nel ix capitolo del romanzo nella presentazione dellautore gertude viene introdotta dalle parole è una monaca ma non è una monaca come le altre nella successiva rappresentazione manzoni la definisce spesso infelice e sventurata poiché costretta alla vita monacale dal padre che intendeva così fare in modo che il patrimonio di famiglia non venisse diviso ma rimanesse nelle mani del primogenito maschio gertrude mancava di una coscienza vera e propria essendo di indole debole e fragile invano essa aveva tentato di sottrarsi al suo destino aveva provato a ribellarsi era caduta nella più cupa disperazione aveva invano supplicato sforzandosi di vincere ma dopo questi impulsi istintivi la povera donna si era piegata e al timore della violenza e della forza bruta si era arresa al male divenendone strumento involontario come lei sono tante le donne che non hanno avuto il coraggio di ribellarsi alle prepotenze maschili oggi la situazione femminile è ancora critica in alcuni paesi soprattutto in quelli del medio oriente in cui le donne sono vittime di pregiudizi discriminazione e in generale di una cultura che le penalizza e le emargina gli uomini in queste società si sentono autorizzati a maltrattare le loro mogli e a utilizzare misure estreme con loro in alcune nazioni addirittura la donna non ha neppure la libertà di scegliere il proprio marito o di uscire di casa da sola e addirittura la stessa nascita di una figlia femmina è considerata una grave sventura 8 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 9

fortunatamente però nella maggior parte degli stati soprattutto occidentali la condizione femminile non è poi così negativa e con il passare del tempo è cambiata in meglio questo anche in conseguenza dellaffermazione dei movimenti di emancipazione femminile che si sono progressivamente sviluppati nel corso del 900 già nell800 con lo sviluppo industriale la donna aveva fatto il suo ingresso nel mondo del lavoro uscendo dallambiente familiare in cui era stata relegata dai pregiudizi e dalle discriminazioni maschiliste da quel momento sono progressivamente andate aumentando le rivendicazioni femminili che dopo un lungo e tortuoso percorso hanno portato la donna a raggiungere la stessa condizione di parità rispetto alluomo infatti oggi anche le donne possono studiare votare accedere alla vita politica e addirittura fare lavori che prima venivano considerati prettamente maschili come ad esempio quelli legati alla carriera militare non bisogna però dimenticare quelle donne che tuttora stanno lottando per ottenere i propri diritti e sentirsi tutelate a tale scopo io penso che esse debbano essere aiutate e stimolate a continuare la loro battaglie aurora d andrea 9 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 10

liberi di decidere nel seicento era una prassi ricorrente costringere i figli non primogeniti ad entrare a far parte del clero per garantire lintera eredità al figlio maggiore un episodio di questo genere viene raccontato anche nei promessi sposi infatti in questo romanzo ci viene presentata la figura di gertrude una ragazza costretta dal padre a farsi monaca appunto perché secondogenita il destino di questa fanciulla appare segnato già prima che lei nascesse e tutta la sua infanzia ed adolescenza sembrano condizionate da forme più o meno velate di coercizione in tale direzione infatti le viene dato il nome di gertrude in onore di una santa di nobili natali come ogni bambina gioca con le bambole le sue però raffigurano suore o personaggi di chiesa quando le si vuole fare un complimento le si dice che madre badessa diventata adolescente gertrude cerca di ribellarsi alla volontà del padre che la vuole suora a tutti i costi ma i suoi tentativi sono vani a causa della sua debolezza di carattere infatti gertrude sarà costretta con la forza ad accettare il suo destino fortunatamente queste situazioni ai nostri giorni non sono più così frequenti non si chiede o impone più la vita ecclesiastica per ragioni patrimoniali tuttavia anche se può sembrare strano ancora oggi alcuni genitori pretendono di decidere il destino sentimentale dei propri figli proprio in questi giorni infatti ad arezzo si è suicidata una giovane donna il motivo era stanca dei continui litigi con il marito scelto dal proprio padre quando era ancora adolescente ella si era fidanzata con un ragazzo della sua età i due avevano progettato perfino di sposarsi ma i genitori di lei contrari allo sviluppo della relazione erano riusciti ad allontanarli la ragazza allora disperata per aver perso lamore della sua vita si era rassegnata un po come gertrude nei promessi sposi alla volontà del padre così aveva sposato un ricco proprietario terriero molto più grande di lei scelto dalla famiglia un matrimonio combinato dunque sin dallinizio nessuno dei due si sentiva attratto dallaltro tanto che come hanno riferito i vicini di casa alla polizia i due coniugi litigavano spesso allarrivo di un bambino le cose erano addirittura peggiorate luomo aveva incominciato ad alzare le mani e la moglie in risposta a lanciargli oggetti pochi 10 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 11

giorni fa la ragazza si è buttata dal balcone della sua casa lasciando il bimbo ancora troppo piccolo solo le costrizioni subite portano spesso alla disperazione per me episodi di questo non dovrebbero mai accadere perché gli esseri umani nascono liberi e devono essere perciò liberi di decidere della propria vita e come in questo caso dei propri sentimenti chiara petrella 11 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 12

la donna nel tempo le donne sono forti e sono in grado di tenere le redini contemporaneamente della casa e del lavoro una doppia fatica che richiede energie impegno senso del dovere ma a volte tutto ciò sembra non bastare perché a questo si aggiunge la fatica di affrontare un mondo che è ancora molto maschile nelle sue richieste e pretese le donne sono sempre state brave a gestire casa e bottega famiglia e affari nelletà della pietra stavano dentro le caverne e badavano ai loro cuccioli in alcune civiltà arcaiche si occupavano anche della coltivazione dei campi e della raccolta e il matriarcato era potentissimo in grecia invece la donna era relegata in casa e si dedicava solo alle attività tipicamente femminili a roma poi le leggi delle xii tavole sancivano linferiorità giuridica della donna prescrivendo che esse a causa del loro animo leggero restassero sotto tutela la situazione era poi peggiorata nel medioevo quando la donna a causa di errate interpretazioni del testo biblico ed evangelico era stata definita addirittura ianua diaboli e considerata una creatura infernale fonte di peccato e motivo di perdizione per luomo che doveva guardarsene ad ogni costo di qui la necessità di rendere la donna quanto più possibile inoffensiva e innocua con la privazione di ogni autonomia in quasi tutte le società arcaiche comunque erano i genitori scegliere lo sposo per la figlia la donna non era libera di far quello che voleva la figura di gertrude ­ meglio nota come monaca di monza ci riporta per lappunto uno di questi casi con la presentazione di un personaggio femminile destinato al chiostro fin dalla nascita era il padre che aveva scelto questa vita per lei ed al suo posto per lasciare in eredità tutti i beni al figlio primogenito la vera nascita della donna ha avuto inizio ai tempi della prima rivoluzione industriale in questa fase infatti la vita femminile ha avuto un radicale cambiamento e le donne si sono trasformate da madri casalinghe in operaie che lavoravano in fabbrica con inevitabili cambiamenti anche nel mondo di concepire la famiglia di conseguenza era cambiata anche la visione della maternità che in questo periodo comincia ad essere ritenuta più una disgrazia che un dono dato che non permetteva alle donne di lavorare per fortuna oggi la donna è considerata una persona libera di scegliere e di gestire la vita come vuole cè stato un tempo in cui non era così fortunatamente è passato e la vera vittoria 12 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 13

è la parità che va intesa per quello che è non sventolata come traguardo schiacciante e assoluto nei confronti delluomo in altri paesi la donna ancora è manipolata dalluomo e per me questo non è una cosa giusta perché ognuno di noi deve essere libero l8 marzo è la festa della donna mi piacerebbe però che in questo giorno abbandonate le mimose tutti riflettessero sul fatto che nonostante tutte le difficoltà la donna ha nel 2011 raggiunto vari obiettivi lottando per essi a volte fino alla morte michela lanzi palladini 13 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 14

la forza ed il coraggio di dire di no fin dallantichità la donna è sempre stata caratterizzata da una condizione di inferiorità rispetto alluomo è sempre stata penalizzata dal punto di vista non solo politico non aveva diritto di voto né poteva essere eletta ma anche sociale era sottoposta allautorità del marito era vittima di pregiudizi e discriminazioni era anche economicamente più debole oggi la situazione è in parte cambiata solo in parte però purtroppo ci sono ancora diversi paesi che non hanno una mentalità aperta in cui le donne sono viste come esseri inferiori un po come accadeva anche in italia fino a qualche decennio fa unoccasione di confronto con la nostra società ci è stata offerta dalla lettura del romanzo i promessi sposi in cui il manzoni presenta la storia di gertrude ispirata alla vita di un personaggio realmente esistito marianna de leyva meglio conosciuta come la monaca di monza nel romanzo manzoniano la povera gertrude viene costretta dal padre che aveva intenzione di lasciare lintero patrimonio in eredità al figlio primogenito a farsi suora come la monaca di monza anche oggi ci sono donne spesso costrette a fare azioni contro la loro volontà gertrude purtroppo nel seicento non ha avuto il coraggio di dire di no e questo lha segnata per il resto della sua vita ma quante donne ancora oggi non hanno il coraggio di ribellarsi a chi impone loro qualcosa e restano poi segnate a vita per il manzoni la colpa è della povera gertrude rea di non aver avuto mai la forza di prendere una decisione autonoma e non della prepotenza e della dura crudeltà di un padre che obbliga la figlia ad una scelta tanto impegnativa come la monacazione anche noi siamo spesso troppo pronti a puntare il dito contro quelle donne che vengono costrette loro malgrado alla prostituzione in strada o ad altri lavori infamanti e non si ribellano non ci chiediamo quali sofferenze ci siano dietro alcune scelte di vita per secoli le donne sono state relegate allunico ruolo di mogli e madri fin dal momento della nascita la loro vita era già segnata una volta raggiunta letà da marito venivano costrette a sposare un uomo già scelto per loro da altri ed andavano incontro ad una vita matrimoniale che le avrebbe viste in una posizione del tutto secondaria e subalterna rispetto alluomo manzoni non affronta questo problema ma è evidente che se gertrude avesse conosciuto la realtà forse non avrebbe rimpianto il mancato matrimonio quello che 14 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

p. 15

dovremmo considerare però non è tanto il fatto che gertrude sarebbe probabilmente stata infelice se si fosse sposata quanto piuttosto il fatto che le sia stata impedita una libera e consapevole scelta del suo destino di donna altri avevano già scelto per lei ci sono ancora oggi in molti paesi donne costrette a sottomettersi ad una mentalità retrograda devono sottostare a decisioni prese da altri e non possono neanche rivendicare i propri diritti pena la morte del resto quasi quotidianamente la televisione o i giornali riportano i casi di donne costrette a portare il velo e a rinunciare alla propria vita occidentale oppure condannate per avere avuto il coraggio di esporsi eppure bisogna che queste donne imparino a superare la paura e comincino a dire di no no a chi impedisce loro un pieno ed armonico sviluppo della personalità no a chi pretende di deciderne la vita lobiettivo che oggi la donna deve perseguire è quello di completa affermazione in tutto il mondo il miglioramento della condizione femminile non è solo un fenomeno di emancipazione come nella nostra società ma è prima di tutto una presa di coscienza del proprio esistere dora cichetti 15 liceo ginnasio a torlonia viale g marconi 37 67051 avezzano aq

[close]

Comments

no comments yet