1° Parte Piano aria Sicilia Fonti del copiato Rass Stampa denuncia Assessori e presidenti Indagati Aria Sicilia inesistente o inefficace Interrog Senato Casi di Plagio……..

 

Embed or link this publication

Description

1° Parte Piano aria Sicilia Fonti del copiato Rass Stampa denuncia Assessori e presidenti Indagati Aria Sicilia inesistente o inefficace Interrog Senato Casi di Plagio…….. http://tutelaariaregionesicilia.blogspot.com/

Popular Pages


p. 1

per le fonti copiatedel pianoreqionale coordinamento la tuteladella di dell aria ambiente della one siciliana proqramma pluriennale reqionale attuativo reqolamento cee 2080/92biennio annuario arpa 2005 annuario arpa 2004 oaoo.2.26provincia ditorino cia.torino annuario arpa 2006 ipartimento chimica,univ.palermo 7-98 oaoo.44-47 arpa2005oaoo.2.23-2.24 annuario arpa2006oaoo.2.25-2.39

[close]

p. 2

per le fonti copiatedel pianoreqionale coordinamento la tuteladella di ne siciliana milazzooaoo 14 22-24 e 32-42 amia 3-4-5relazione annuario arpa2005oaoo.2.33-2.34 annuario arpa 2004 oao.2.67 6-278 e 284 enetooao 142 turismoe trasoorti sic capitolo 10:

[close]

p. 3

le fonti copiatedel piano resionaledi coordinamentoper la tutela defla i 1ù nne ó f o rî u ,l tc to u lo,h r lì a.no i eìo kq s cipu iiif h h v fu or fa t r-l r ài,w c zre owh q i fn t i i u r,rî j h >

[close]

p. 4

piano reglonale di coordinamento pr la tutela della qualilà dell arla ambiente fluidificazione del :raff,rcodei veicoli a motore mediarte i:rterventi di miglioramentodella rete stradalelnuove suade,sovra sottoassi 3 incrementodelle pisrechlabili e delle areepedolali l ampliamento delle areeurbanevietateal trafico veicolare,in particolareguello privato ed in genereai veicoli a motore più inquinanti non dotati di marmíiaacatalitica,di omologazionedel motore meno recente 9 incrementodelllofferta di mezzlpubblici e miglioramento della qualità del servizio ferrovia autobus,metro/bus cittadini e delle infrastruthre {rete ferroviarie parcheggi scambiatori,areedi sosta,sistemi informativi sia per il trasportodi persone,sia di beni 10.incentivazionealla certificazione ambientaleemas iso 14000di imprese,enti e comunità di cittadini con particolareriguardoalle areea rischio di inquinamentoatmosferico ad i l presenza diftusa su tutta la rete di distribuzionedi carburantidi nuova generazione esempio:benzinea bassissimo g tenoredi ben494,e zolfo blqdrgqel,gasolio a bassissimobnore di zolfo anticipandoi tempi previsti 12 verifica degli obienivi previsti dalla legge 413d7 volta al contenimentodelle emissionievaporative sistemidi dai produzione,stoccaggio diskibuzionedegli idrocarburi e 13 organizzazione capillaredel sistemadistributivo di carburantialternativi eletficità,gasmetano,gpl b interventi di mitigazione deila domandadi mobilità grivata 1 ampliameato deìle aree pedonaliazatl o accessibili ai soli mezzi pubblici servite da parcheggi scambiatori possibilmente copertial fine di ridurrele emissioni evaporative periodiestivi nei 2 attivazione di sportelli unici di supporùo cittadini e alle imprese,fruibili ancheda remoto servizi via internet ai es e/o da sedidecentrate comuniperiferici 3 definizione di accordi con le categorieinteîessateper razionalizzarei flussi delle merci soprattuttoda e per i es centristorici,favorendo hasporto il delle stesse conmezzipiù eco-compatibili metano mostre 4 applicazione tariffe minori sui biglietti di ingresso manifestazioni di a di fiere,etc ai possessori biglietti di mezzipubblici ó t alla bigliettazìoneintelligente applicare un sistematariffario integratoconnesso es diversificaregli orari di aperturadei grandi centri di aggregazione scuolg cenúi commerciali favorire la riduzione dei tempi di percorrenzadei mezzj pubblici e la fruibilità degli stessida parte dei cinadini a discapito der mezzi privati ad es attraversoi estensionedelle corse anche a comuni vicini corsie oriviles iate/semafori bus icazionedel car+hari areaterritoriale homuovere il coordinamento realtaprodutgve/erogatrici servizi presentinella stessa tra di al fine di creare condizioniper i anuazione servizidi trasporto le di collettivo le misure riguardantii trasporti sono orientati prevalentemente favorte la riduzione del traffico privaro a su stradain ambito urbanoe del trafico metci su gomma in ambienteextraurbano favoritadal clima mite della l applicazionedi una seriapolitica di anivazionedi piste ciclabili sarebbe regione 6.1.2misure da applicare per }a riduzione degli inquinanti pmro e ipa fldrocarburi policiclici aromatici preliminare,effeúuataai sensi del d lgs 351/99 presuppone azioni mirate al contenimenlo la zonizzazione da dell i:rquinante pm10 e de1 benzoapirene essocontenuto attuarsi in del in modo programmatoe strutturalesui principaii assiviari di attraversamenfo terîitorio regionale e in modo programmato obbligatorionei comuni di fascia a in basead accordilocali nei comuni di fascia b per i rimanenti comuni di fascia q si consiglia di adottare comunque accordi o provvedimenti di i acuirsidel fenomelo a livello localee regionale volontaria volti a prevenire natura servizio 3 tutela dall inquinamento ahnoqferico tel.091-7077585 e-mail sanza@a:tasìcilia.il 205

[close]

p. 5

plano reglonale dl coordlnamento per ia tutela della qualfta dell arla amblest azioni Ín zonea predispostiptani di erlone costituiti da provvedimentida porre nelle zonea individuatenel capitolo 3 devonoessere in esserein modo struturralee progràmmatico azioni integrate i in combinaeione con inlerventi:daefféttuarein fase di azioni dirette volti alla mitigazione/risoluzione problemadi durata temporaletimitata e per porzioni enrergenza del definite del tenitorio l applicazione di efficaci azioni integrate deve portare alla data limite del 01/01/201ù al superamento dellanecessità detreazionidirette,di carattere di estemporaneo azionÍ integrate presenzanella rete di distribuzione solo di gasolio a basso tenore di zolfo 50 mg/kg incentivi alla metanizzazione degli impianti di riscaldamento e di centrali tprniche indusuiali e disincentivaziole all uso di combustibili fossili a medio-àlto tenore di zolfo es oli pesanti nafte se non dotati di idonei sistemi di abbattimento delle polveri 3 inieúsificazione delle verifiche in strada dei livelli di opacità dei veicoli diesel con particolare riguardo ai mezzi l 2 4 5 pesantie commerciali delle verifiche in sbadadelle prestazionidei ciclomotori a due tempi intensificazione trasformazione veicoli di enti o aziendepubblichealimentati a gasolioverso combustibili più eco-compatibili dei metano-gpl etettrici 6 alimenfazionecon biodieselo gasolio a bassotenoredi zolfo dei veicoli di enti o aziendepubbliche alimentati a gasolio autobus,veicoli trasportorifiuti autovetture etc 7 incentivialla trasformazione taxi versocombustibiligassosi primis il metano in dei 8 alimentazionecon biodieselo gasolio a bassotenoredi zolfo dei taxi alimentatia gasolio g |gtta azionelocale versocombustibili gassosi,in primis trasformazione }ezzi commercialia prevalente dei il metano 10 riduzionedei livelli di emissione polveri e ipa delle attività produttive esisrenti territorioanchemediante nel di accordi volontari es emas e iso 14000 e regolamentazione del sisùemadelle autorizzazioni di nuovi insediamen al fine di migliorare complessivamente bilancio di area iì 11 anivazionedicampagnedisensibilizzazlone,educazioneeinformazioneparùendodallescuolelinoaraggiungere il singolocittadino 12 realizzazione barrieresempreverdi elevataramificazircne di ad lungo le principali direttrici di traffico 13 esecuzione delle operazionidì lavaggio frequentidelle stradesopratutto durantei periodi di stabilità atmosferica delle stagioniautunnali,invernali e primaverili 14 veritica del rispettodel divieto di combusúone all apertodi ramagliee altri residuivegetalial fine di favorirneil conferimentoa cenki di riutilizzo dei ado:rl dlrette questeazioni vengonomessein atro al fine di impedireil superamento 35 giorni all anno cui le pm 16 ^in risultino eccederei indicatore di effetto acuto espresso dalla media giomaliera dal 2005 è pari a 50 pg/rrli lo scopoè quelli maggiormente quellodi disincentivare circolazione mezziprivati soprattutto la inquinantie di impedirei accesso dei a specificheareee ir determinatiperiodi a veicoli con scarsaecocompatibilitàes non alimentati a gpl/metano oppure con omologazione recente motore non del 1 blocco del traffico per i veicoli commerciali pesantie autoarticolatiad alimentazionediesel immatricolati prima del 01/10/199?o comunquenon rispondenti alla normativa 9ll542teec stageii all interno di areeprestabilite poinciderecon la totalità del territorio o con porzioni dello stesso meno che non sianodotati di fap possono a 2 blocco del traffico per le autove:ture alimenazione dieselimmatricolateprima del 0ll0llt997 o comunquenon ad alla normativa 94tlzlbc euro id ttivi funzionanti a combustibili non gassosi all interno di aree stabilite meno che non sianodotati di fap blocco del traffico per le autovetturealimeata:ea benzinaimmatricolateprima del oll}lll993 o comunquenon euro t alla normativa 9ll441,leec rispondenti 5 bìocco dei motoveicoli ciclomotori catalizzati ron 6 biocco di auività produttive comportanti i emissione significativa 10 kg/die di polveri ali ilterno di aree stabilite possonocoinciderecon la totalità del territorio o con porzioni dello stesso attuazione dì piani di trasporto alternativi previa opportuna campagnainformativa capillare così come predisposiidai mobility manager delle slrade 8 intensificazione della frequenza lavaggit-r di sepizio 3 l-uteladalf inquintzmanîo otmos{erio tel.091-707758j e-mail:sanza@artasicilia.it 06

[close]

p. 6

piano reglonale dl coordinamento per la tutela della qualità delltaria ambienfe ew q la riduzione delle ernissioni sarà ascritta alle categorie di sorgenti maggiormenie signi.ficative e suscenibili di riduzione tenendo conto della necessitàdi escludere dai prò-vvedimenu insediiirenti gli imfianti ed i servizi individuaú gti come esienziali i provvedimenti devono riferirsi almeno al territorio delimitato come appru[enente alla ana a al perdurare della siurazione critica a rireno che le previsioni meteorologi t facciano prevedere un suo significativo miglioramenlo i comuni interessati adottano i provvedimenti stabiliti dal piano d azione o d-i prowedimenti regionali in applicazione del piano di azione cbe devono esseremessi in atto dal giorno successivo sono previsb misure che possono arrivare a i provvedimen:iassunticessano loro effeni qualora,al termine del cíclo di moniloraggio giornaliero non sussìslano i più tali condizioni i provvedimentidi limitazione della circolazisne non si applicanoai veicoii eletúici a quelli alimentatea gasmetanoe gpl ai veicoli con alrneno persone bordocarpoolinge ai veicoli condivisicar sharing 3 a 6.3 identificazionn dei risultati concentraziom dbl piano di riduzione delle le riduzioni previs:e/atfse delle concentrazioni degli inquinanti sono stateindicate nel piano sia in linea per ie zonea e b e specifichee saranno meglió dettagliati a seguitodei piani di azioneadouati dall assessore al territorio qui si ma 6.4 strategie per la partecipazione del pub dice che va adottalo dallagiunta prrma iéÍlsione del piano regionale di coordi per la tutela dell aria ambiente versione definitiva il sepuente ibr di a rovazlone lla regione sicilia e delle province préssoi dipartimenti arpa siclia provinciali della sicilia dell avvenuta adozíone del piano viene data notizia sulla gazzetta uffici ione sicilia e pertanto enho sessanta giorni da tale datra chiunque ne abbia interessepuò fare pellegllg awlso va ali osservazioni e opportuno introdolte nel piano a tutta la documentazione procedendo quindi ad una riadozione e relativa alle osservazioni la definitiva approvazione per dopo i approvazione,i1 cd contenelte il piano definitivo può essereinv nrni gli enti locali comuni e province perquantoatdene alla comunicazione il pubblico,si ritieneopportuno con agiresudue fronti la stesura pubblicazíone allegatoai principaliquoridianiregionali,di una breve sintesinon tecnicadel piano e in max l0 pagine da presentarsi corso di una conferenzastampa nel l osganizzazione un seminario di pubblico di presentazione contenutidel piano,con la presenza dei della stampa locale in riferimeato agli eventuali superamentidei livelli di allarme e dei valori limite degli inquinanri atmosferici la comunicazione pubblicoè attuata al quantorichiamato paragrafo1.8 secondo al in fasedi gestione suggerisce si l attivazione un forum di coasultazioae di sllla tipologiadi agenda21 6.5 monitoraggio del piano le procedure e le modalità di monitoraggio delle singole fasi di attuazione e dei reìativi risultati sono indicati nel1e varie sezioni del piano nel documento monitoraggio de1 piano regionale di coordinarnento per la tutela dell aria ambiente elaborato ogni t:e anni entro il 3l maggio l assessore regionale all ambiente indicherà eventualmente alle strutture tecniche competenti le integrazioni alle procedure e modalità di monitoraggio stabilite nel piano servizio t utela 3 dall ínquinamerúo etmosferto tel 091-7077585 e-mail:sanza@anasicilia.il 217

[close]

p. 7

i i ln sicilia canali e aria padana ll piano anti smog copiato male repubblica 22 novembre palermo 2007 pagina2 sezione secondo funzionari i dellaregione comunisiciliani i devono per attivarsi prevenire inquinamento l nefma d if endep ia n o d in il non statoalcunplagio ribattela interlandi ll piano c è del venetoè statopresocomepuntodi riferimento il ritardoin cui versava sicilia per la nellaconsegna documento pd siciliano del ll c hie d e l ei m mediate dimissioni dellalnterla n d i .e ril p re s id e n td e llac o mmis s io na mb ie nt elepea senato tommaso sodano questa una storiaincredibile vedela regione <è che prendere giro i in suoi cittadini a.fras s i-nf1 n d2 f1 fi .1 1 1 b l È y i s or-f È i11ccllt4 i ,qtn ío

[close]

p. 8

r dsl il capiato pianoambientale yeneto la deuneia leganrbient di lr sidlin p llrioffimnrg c+ra 6ftj rÉsccÈtan dalulrrnetc pcr s flupsto@Íffioinglptofue1p6i5j6 útnroapnimoui-rfrirrrg.lftlef r d rd-fidc É drciteno di dhrahrt .roip ffi-cnm?o dovecmu siliÀ-iufire trmmrugsret rchguú-ltrùtc 6 d.rtnffu d oa-uescto -aifrtb rdruddob vb imcme e in regin gntf nehqqtsdlrbdo[lom wdqucchi famotlvicqrcùutodelltulorffidìn dtoffioers Étneiodlniffiazmcolnrmùmloeiorl99altlalgmhdclnbesd&ulnbofillocdlc{xsoplùiuoletc#aldmoustirtrpoilsrillilfonpercnnlterialleperrhmÈhm rcsto dttusuo ddl esscomo ltti ctlmdialtÍdmi@pcqcres 66 srti ifprdate dm fontqqo sti-sm lrdtdmcor.albrtÌtr#gn errl cùeÓtcdm fsc.di fro lh r f rm htltftl trr8tnrffie$3 Ùrcbc @lalrutkxu s 4n lglro 8]gtsl90 rÉ il cnoenro ftaúr{wufîftm6o dryo un swssrrio di^to$dto-rtmotso nlepomngúinÉrdr ahn-benrinrsal tsrc xenceudrrituacomeamil tkxf mrhrflú hrasio ru lntidc @llqumcrto eocfslco ffio dbmdrrumdd riscdthmaroam paixhio-iumrtaorrltosnmbrac ÉeìrdfuÉ lffdo c f mddbob lffiosÉcffiolcrudelcidernbo lil .jl r tlr{c r l o e la ls t t r ù it .b r113 ù:r tt t ,Í cl l tl 2 b r.l l t1

[close]

p. 9

811 eq as t gÈ f sq t ffiffiffi ó.È g È a :se d lffila?ffi f re iÈ 4 d r41 &1 4 d n =rsg.sg 3 e ,frep frb r É e3-e È É3 úa Éai#ffie iÉÈie afagg i $e eeig eÈ llf egiÈÉ ry ÉÉif a$ÉirÉiii s fi ffiffigf ÉeasÉifl t i p il l.ÉÉi e g ffÉ e ofi 5 4 t utl al|l =di i l g a g tf :r s e g rr fsit ÉÈ hfÉa a 3 it z ft l ty t fÉe lre È :1 5t g 5 h ;uà x gge Ét ril t ài tri ft ft pft tsgÈ rÉÍsf !u tv $ff f ri 4 s e r a t hrtn a eÉ ee e ,g:ù Éh aa s f f ci À t gh g lflf frs nyf3 =É t ,n f 1É ft l d n 5 f3 u i -5i a c f3 l d.r l l:t e b e v 4 f;h f3 j3 v 8 1 pq f d r xr bl l iri ii lar y;jlîl 5 -e fs È s el b e3 -5 s lh f h d 9r m f t ct f fr n trt i ag ffiffi ea rr a a É gfii s fs bf ;à È dr g rÈ fih efi se 6 e8 h-a .f t à h ,p #e 7 úlr fn f j e ggffií#g re hÉfg#e ifr iiÉ affiffig lÉ;e #h p !t q É trf 4 ftf g 1úh o a ,s É e trr qi È4 i i .f ;r gfiÉt se g Èg aa it rd i !a gt ,g u i .i l t azt c s;i ,j g tl it nl o ;g a t É i-

[close]

p. 10

qururl l:rr uguale qr:ellodelvendÒ a laresui prog$Éti,la qrÉrelaîolomeo losrontirlagkry diiigsi p leauo 8aroconbo l ryrillarrffito snbientrl in slcflid.nrfd in biri.lungo eharghi dúi f r e dei mali pesenri rel mtri mhir dei comuÍi ndfisoh c{rt6li nelcnùirtor{d,cw r vcmia u ord!qr o?hm gidprb ?rrlirl tto?ú:èrcr:atreio suhsr lrmdcomen rd legioÉ l ffianliawdlrordiriii:rc.lo irr k tutdr da quali drll à.ia alrti.aier h sbul!30tr di psgra.n$irratedsdi fr!Éìr1i eù&ú llnquimm{o rtrffiftrico un piafio p{syasi<stocoodeaaodall aior?gbfiat sllffirioeambto$eo mlilalandi il 9 aÍodo 6cúfto,rhe {e coftfu legamblìo{Ésrrebbc{o?itoúdr un rr l0go d g jrro &le rqidè ve rsto di dcuni rrrd h tpeÌdm boùdfio eruxdkrl ll arot gno dendrto krlda lxatrnq haglugtratoléamlots:rrl ù dcl qxÌ cha lrnrgli ttsi epiloll lli drril pa:agrafie casi$rnd sard di etlndeàe{te !cèn6 cle cor risvold dlc lnhe cordci sl eohco finiscein trib unale 1 l ail ljr m adÉms ilsts{edrmuaga pa pltlf,elt furiroehùiieablosc dilrodeua skilia d h dftrirneuod.ànr trob corm ai arwocrmieslahrd.d li e ai fiumidelútrri sroruaci@unt terÌfiwr,otaÍldfstro.egmderttki d11ri,d r,rr|ronteac dita l eooiw efmiùcd ocdpamluftcrstrodcú uoodelúscsldamento do esdoo h.tblf quirdid ghml fa era .esro óe fl dirlrtlrcdc&n&d$fùddl kds f qànu ftîorÉ gnsehfieùo tdoú;o tr,3ta prdm unllnt e dadad siÈ d&ne denurri.balrr,fot|eicol l rura ricudr ck tÉaon comj unr dftlgente rcrurfa di non $or vereta hesegraw,sarrblostredt&irisljnc aekto fgbreooneuammehrpo dsenmta oúnrìenra mhuro foù!ú epcl ismmori,addbptùedepar pe{dentcrcgkmb di lelrnrryra,ilire te rldk q-i{rbche chicrht n dircaùlodéd tonmbdrto s pbnoe&c uzrf,ef rhieolici riîim cèitane{rlalarrerpolu{bflirni nei gitrd scmd è arefrh&q lnerlandirùauedt il pimoddlale silosdn rh4scdhkstniddùo geso cooegqfu laregúblicr;querdanùiq{kie fbrrvtre dirifwiqo,coÉa peraluo a!ffe úbl done a rnzo atmpa f úrbr tobb srssorsess{iab ts ù rlùsdoin fri îneo scco.rdo asúruur e a vdeffi hskiltr d6qd lapouilxl{ci sroil nmeddediiúaÈ6úecdosrenwimatcrhlir l getsoa inrade cu Éoncèrlflnsuoria&fgÉ piwratrce;3a &wrdar c i$a ù È b tllrpre3 deùÈúemaÉ cg mis{ore d ioclíeuaintm lt erygdi ifinúoflefpcretule po6idóne .lntrlanrli pui alb 0,1 dei cgeilú rdaoo fuÉ ms fodord grrrs b dmlÈeimi todlnorr-ee nd dossier 6nim alb cùc dd cotrrl dice dpd srtrctmd frunodi elstrlodltlrdimft,sifuÈ ,t rnfumr&dm.diddtÀ4tr{fanenomlbprxicàedrúfartsú .ussror.u$lùbqndidon#ics dpawrddrerdv6hrdcfticdhe da fi{rr he fruno di &ti rffihl ihp6di el l|leúld eqr.dnd ron ghrt ùfffiiaolet o{l deme borolfrrma$leaftùnfiifin8lidri strlpiréÉ$liùdicùÉ nd4iÈ|dÍrdbjzdconùod rue aqrurroi dirlgmre ùsacfitrehrer?úeffiîÀddpfwlÈ&am frcrnddoffidr.eddàe norrumddboc&o dtrmffi íisúú }tiÍrm de tdomeo i age k$lere ero,mri jr|ercddb&ttrsarbùilktudkeriedtriocftncaricoteffitsoÉ q,úoc sj9kl hctrci 4-i bó br dkúio d nxe[ec fotqeo rhvrqar cmaqùer ù dado f doe3pmùcúrÈ&iciirt fÉsgl6ad rreai hmo eqgcfo 6alr 6 gÀ h hmrahdoaoresacedib nl t

[close]

p. 11

l w,pa pwffs al ambiente deueto t atqtesconafulta stxsa frs,tn l as:sasorato arnminisîatiw h siciliafu resrone dellareginne siciliannn sansmmeno i nryrlnrùi chiama appunb

[close]

p. 12

wi iiÉ i il llli seni?rti pdtufficialecon niaai no d asero dal pd corr.giue seppe lupoe antoi tetiu crucolici in entrambi i casi è nrevi sto-uhb sconto al monte fìsca:t 1 hmk mmswsswffi mdÈrfr$effi n.wg$wffiffiffi i j i si :i regioex hssessori n quattrc nali,cinqr-re direttori,dirigentra ti c funzionari scuo iririagatipel iarnaucata approvazione piadei ni itittqr iruento della regione l itrchiestariqirardaun arco ternporalcassaiÀmpiu,dal 2002 icenjaih a livetto di palermo antonio altobclh e in poi e rna riaziornle,i,a portato all apertu cliudia beuilacqua hanno fi che t i diuna r r uc er lurdiinf razione norn a.scoltsto testlnìonte su a nei ccnfrcnri clelnostroplrcse da suo r.iciúcsta parlavecchio partc

[close]

Comments

no comments yet