Il Giornale di Boves,Beinette, Peveragno, Borgo S.Dalmazzo, Chiusa e Valli OTTOBRE 2011

 

Embed or link this publication

Description

Testata giornalistica a cura di MariaTV s.a.s

Popular Pages


p. 1

anno xxxv n 10 ottobre 2011 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli 2,30 il giornale di boves-peveragno-borgos.dalmazzo peveragno chiusa p e valli ideatore e fondatore luciano pellegrino direttore ad honorem costanzo martini primalpe edizioni direttore responsabile daniela pellegrino autorizz tribunale di cuneo dall economia globale nuove opportunità per noi di michelangelo pellegrino 19 settembre don bernardi e don ghibaudo fino a ieri l economia americana trainava la politica economica mondiale oggi predominano i paesi emergenti come il brasile la russia l india la cina ed il sud africa queste economie possono ancora crescere da noi può partire una collaborazione per dare sbocco ai nostri prodotti e certezze di reddito alle nostre imprese una brutta appena conclusa l economia mondiale è stretta dalla morsa di una crisi recessiva senza precedenti l europa da sempre legata all andamento dell economia dership economica anche in vista delle prossime elezioni l italia ha approvato una manovra che non soddisfa nessuno e soprattutto non risolve i problemi veri del paese l aumento di un punto dell iva ad esempio genera solo per i consumi alimentari un aumento di 50 centesimi al giorno per ogni famiglia italiana il governo ha messo le mani in tasca a tutti gli italiani promesso dalla perdita del potere contrattuale ricamente hanno guidato l economia si affacciano sui iniziali compongono l acronimo brasile russia india del debito un operazione insolita che coincide con gli incontri autunnali del fondo monetario internazionale e della banca mondiale per presentare un piano teso a stacontinua a pagina 2 l associazione omonima propone molte le iniziative per commemorare il martirio di 68 anni fa la celebrazione del comune per il 19 settembre anniversario della rappresaglia tedesca protagoniste le ss guidate da peiper del 1943 su boves la prima in italia ad opera delle truppe germaniche è stata nella mattinata di domenica 18 con deposizione delle corone ai sacrari intervento del sindaco e la successiva celebrazione ufficiale all auditorium borelli presente guido tallone del gruppo abele e del comitato resistenza colle del lys erano presenti molte autorità dal prefetto patrizia impresa a molti rappresentanti delle forze armate carabinieri con vari graduati in testa francesco luison giovane sindaco di castello di godego la signora vidal rappresentante di mauguio francesco silicani vulcanico sindaco di sant anna di stazzema nella sua cadenza tra toscano e ligure l assessore provinciale licia viscusi tanti gonfaloni tra cui quello appena insignito di medaglia di pamparato mario giuliano ha auspicato una cerimonia viva un messaggio ogni volta nuovo e forte al borelli è stato letto il messaggio del presidente della repubblica di impegno politico ma di grande spessore ideale e culturali senza scendere in faziosità di respiro universale tesi alla definizione e difesa di principi sono stati tutti gli interventi da quello della coordinatrice della scuola di pace costanza lerda a quello di silicani a quello magistrale colto ed accessibile di guido tallone momento di grande suggestione e profondità raccoglimento delle celebrazioni del 19 settembre anniversario della rappresaglia ordinata dall ufficiale delle ss peiper su boves per la cattura di due soldati tedeschi e l uccisione di un terzo da parte di soldati italiani sbandati dopo l armistizio con gli alleati quello che sarebbe diventato il nucleo di una banda partigiana attiva sin alla fine della guerra nella sera di domenica 18 è stata la fiaccolata in ricordo dei martiri da castellar a san giacomo oltre un centinaio sono state le persone più del centinaio di fiaccole a disposizione ritrovatesi dalla stele di castellar alle 21 e arrivate a san giacomo nonostante vento gelido dopo una giornata di frequente pioggia che ha fatto dubitare sin all ultimo di non dover annullare l iniziativa dalla lapide sull albergo bisalta fatta porre due anni fa dallo scomparso ex sindaco mario martini dove era il quartier generale di ignazio vian vi è stato l intervento di don aldo benevelli prete-partigiano in testa al corteo per tutto il percorso in salita nonostante il suo viaggiar verso la novantina lucidissimo ha dato alcune pennellate storiche sottolineando il concetto di resistenza come guerra di popolo con grande adesione da lui è arrivato anche ricordo di elisabetta gaglio vedova antonucci novantasettenne seppellita il giorno dopo a cuneo una dei testimoni della tragedia bovesana del 19 settembre 1943 domenica 18 alle 12 alla osteria della luce via capello vicino al borelli vi è ripetuto il tradizionale quali martiri del xx secolo decise in preparazione del giubileo del 2000 di istituire la commissione nuovi martiri con il compito di indagare sui martiri cristiani del ventesimo secolo sede di lavoro la basilica di san bartolomeo in cui in breve tempo pervenirono circa 14000 dossier di martiri e testimoni della fede segnalati dalle diocesi di tutto il mondo terminato il giubileo ­ ha continuato don romano ­ giovanni paolo ii volle che questa memoria dei testimoni della fede divenisse visibile in via permanente nella basilica il 12 ottobre 2002 con una celebrazione ecumenica presieduta dal cardinale ruini e dal patriarca ortodosso rumeno teoctist l icona dei testimoni della fede del xx secolo fu posta sull altare maggiore e benedetta sempre in quell occasione le sei cappelle laterali vennero dedicate ai diversi contesti storici e geografici in cui i testimoni della fede hanno vissuto la riscoperta di un tesoro una forte testimonianza cristiana e di amore da parte di continua a pagina 2 chi salverà questo paese a.a.a tex willer cercasi disperatamente di aldo baudino le scorse settimane i giornali hanno riportato la notizia boves kamp ­ la veglia di preghiera ha chiuso il calendario di manifestazioni in ricordo dei tragici fatti del 19 settembre 1943 quattro giorni intensi in cui si sono intrecciati gli appuntamenti istituzionali con i momenti di riflessione e preghiera promossi dalla parrocchia di san bartolomeo il tema per cristo con cristo e in cristo la fedeltà a dio e la vita per il gregge la testimonianza sacerdotale di don bernardi e don ghibaudo è stato in particolare il tema che ha guidato le riflessioni parrocchiali con l affollata serata di canti immagini e letture a cura del coro pacem in terris il convegno i martiri del xx secolo a cura di don angelo romano della comunità di sant egidio di roma e la presentazione della neonata associazione don bernardi e don ghibaudo nel suo intervento don angelo romano rettore della chiesa di san bartolomeo all isola roma ha illustrato il legame fra la basilica presso cui opera e i martiri nell anno 1999 ­ ha spiegato il sacontinua a pagina 2 cerdote ­ giovanni paolo ii consiglio comunale bovesano il vincolo del patto di stabilità i soldi ci sono ma non possiamo spendere il consiglio comunale di mercoledì 28 settembre è stato pacato anche se non sono mancati i consueti richiami della maggioranza quasi ad ogni suo intervento al passato in giunta del rappresentante di noi per boves maria peano continuerà sin alla fine del mandato forse oltre le opposizioni non hanno presentato interrogazioni interpellanze o mozioni il punto principale della decina dell ordine del giorno è stato la salvaguardia degli equilibri di bilancio per l esercizio 2011 e la relazione sullo stato di attuazione dei programmi tranquillizzante è stato l assessore luigi soffietti sull andamento visto che si prevedono maggiori incassi soprattutto di oneri di urbanizzazione da tenere come salvagente avendo fondo cassa di ben 2.800.000 euro con il patto di stabilità obiettivo principale quindi si sarebbe assolutamente in regola il problema è che situazione analoga a tutti i comuni sopra i cinquemila abitanti ci si vede di adriano toselli fortemente limitati sostanzialmente bloccati anzi con le prevedibili ricadute negative sul territorio nelle spese l amministrazione ha manifestato il suo dissenso anche a pian del re e in successivo incontro in provincia con il sottosegretario governativo davico per sbloccare tale situazione a fine consiglio ci hanno ribadito le perplessità per il buon esempio verso il risparmio che non arrivata dal potere centrale e la penalizzazione attraverso tagli proporzionali indipendentemente dalle cifre e percentuali stanziate di chi come boves poteva essere considerato virtuoso la prospettiva sui lavori pubblici è di veder partire nei prossimi mesi solo i lavori appaltati tra le relazioni sulla attuazione dei programmi nota di funzionario afferma testualmente riguardo i lavori pubblici si è data la massima disponibilità personale per le esigenze di servizio sia in ordine di tempo e di impegno a scapito della mia vita privata il consigliere carlo donati liberi insieme ha ventilato dubbio di uno scollamento tra funzionari e giunta il vicesindaco maurizio paoletti ha invece ribadito che questo dimostra come l amministrazione stia facendo lavorare il personale a ritmi superiori al passato sottolineando anche la massima assistenza del personale comunale in occasione delle varie manifestazioni complimenti sono arrivati da maria peano per la relazione che ha chiesto maggiori chiarimenti sulla situazione dei canali irrigui avendo piene assicurazioni sia dall assessore silvana dutto giordano che dal sindaco che sulla questione del rimborso dei terreni ormai utilizzati per la pista ciclabile verso rivoira che sulla situazione del piano regolatore che sull impegno nel settore culturale l assessore matteo ravera ha ribadito che il piano regolatore non è fermo e si è elaborata bozza di progetto che non discosta da quella dell anno scorso raccogliendo proposte continua a pagina 2 dopo la chiusura della fabbrica il sindaco di boves precisa sugli dei deboli collo del mondo occidentale il pensiero vola alle storie aiuti ai dipendenti f.lli ansaldi il sindaco puntualizza riguardo a sua dichiarazione a rivoira domenica mattina 4 settembre durante l inaugurazione della esposizione di prodotti locali nell ambito della festa frazionale sollecitato dal presentatore marcello cavallo che gli chiedeva circa gli aiuti alla popolazione del comune per superare le difficoltà di questi tempi di crisi economica aveva accennato alla assistenza offerta agli ex dipendenti della ansaldi storica azienda bovesana operante nel campo del legname che ha cessato l attività la primavera scorsa percependo in seguito perplessità suscitate da questo annuncio mario giuliano tiene a fare alcune precisazioni abbiamo aiutato la ansaldi nel concordato preventivo senza costi per il comune come è opportuno far sempre e senza avere occhio di riguardo altra cosa è il nostro atteggiamento verso i dipendenti si tratta di lavoratori che da mesi hanno difficoltà in ritardo di mesi nel percepimento delle retribuzioni a causa dei problemi del datore di lavoro di fronte a loro c era la prospettiva di attende altri mesi i tempi delle pratiche inps per avere la cassa integrazione come avremmo fatto per i dipendenti di qualsiasi altra ditta abbiamo ritenuto di finanziare i costi e gli interessi della pratica di anticipazione di questi soldi abbiamo operato accollandoci un terzo a testa dei costi con la provincia e la fondazione cassa risparmio di cuneo che ringraziamo riteniamo altre banche locali sarebbero state ben contente di aiutarci ma da loro è arrivata immediata disponibilità a.tos rivelano già impietose verità il conto che ci presenteranno viaggiatori di terza classe continua a pagina 2

[close]

p. 2

2 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli ottobre 2011 dalla prima pagina dalla prima pagina dalla prima pagina dalla prima pagina dalla prima pagina consigliocomunale delle opposizioni compiaciuto sandro gastinelli invitando però a convocare commissione cosa promessa quando vi saranno i dati sulla cultura emblematica la risposta di maurizio paoletti anche assessore per quelle competenze mi preoccupano più i tagli alla sanità che alla cultura l attuale maggioranza ha ribadito di portare avanti una politica di massimo rigore di risparmio sino a non scialare sulla illuminazione pubblico la votazione ha visto favorevole la maggioranza contrari i liberi insieme astenuta maria peano la variazione 4 al bilancio è di 109.526 euro e ha portato a pareggiare i conti complessivi 2011 in questa travagliata fase economica a quota 9.380 000 l aumento delle entrate è dato da maggiori accertamenti ici e tarsu di 17.188 e 30.017 euro oltre che da 49.000 euro di rimborso spese per il censimento una partita di giro praticamente compensi agli operatori per questi iniziativa nazionale decennale e da oneri di urbanizzazione di 7.921 euro tra le uscite una trentina di voci divise tra vari uffici strutture e servizi tipo 30.000 euro di illuminazione circa 2.000 di software ed hardware luigi soffietti ha difeso le esigenze di queste variazioni del bilancio preventivo visto che le cifre vanno fatte quadrare e non si centrano sempre al primo colpo si conferma la partenza a metà ottobre dei lavori per l ascensore in municipio perplessità dalle opposizioni ed il voto ha visto l astensione della rappresentante di noi per boves ed il voto contrario di liberi insieme debito fuori bilancio coprirà le quote di adesione 2009 per la gestione dei progetti di servizio civile nazionale che non erano ancora state pagate trattasi di quota pari a 800 euro 200 per ogni persona impegnata dal comune mentre paoletti ha confermato che il prossimo anno il comune non avrà più addetti del servizio civile voto unanime sulla bozza del protocollo d intesa finalizzato all integrazione straordinaria 19 settembre pranzo dei partigiani i reduci rimasti amici parenti simpatizzanti con buona presenza ottima atmosfera serena lunedì 19 in mattinata all auditorium borelli in collaborazione con l istituto comprensivo antonio vassallo vi è stata proiezione del film i ragazzi di villa emma con interviste di aldo zappalà su una settantina di ragazzi ebrei provenienti da vari paesi d europa che hanno trovato rifugio prima di riparare in svizzera con l occupazione tedesca di italia nel 1943 in un istituto a nonantola protetti dalla popolazione sopravvissero tutti tranne uno arrestato nel sanatorio dove si era dovuto ricoverarlo a cura della scuola di pace e la presentazione dell iniziativa adotta un martire idea dell assessorato alla cultura riservato ai ragazzi delle classi terze della scuola primaria di secondo grado l amministrazione si sforza di trovare soluzioni per aumentare la partecipazione popolare quest anno ad ogni manifestazione vi era più pubblico ma in gran parte si trattava di rappresentanze dei paesi gemellati a partire dalla oltre trentina di veneti ai lavoratori della ditta ansaldi chiusa in primavera per cui il comune con provincia e fondazione cassa di risparmio di cuneo si è impegnato nelle pratiche per affrettare i tempi di assegnazione trattandosi di famiglie che da mesi non percepiscono redditi si è discusso della possibile cessione da parte di pirelli c ambiente spa della partecipazione 49 detenuta in idea granda s.c.r.l alla acsr azienda consortile per lo smaltimento dei rifiuti di cui il comune di boves è socio con tutte le complicazioni che sempre hanno queste vicende non essendo ancora chiara la situazione il sindaco ha chiesto il rinvio scelta accolta con favore da maria peano che ha però perplessità su questa vendita in settore delicato da curare molto senza sacrificare esperienza come quella della pirelli c ambiente spa subito rigettate dal sindaco che vi vede possibile ritorno economico una spesa sul milione di euro dovrebbe essere coperta dagli utili di due anni due membri proposti dalla consulta famiglie sono stati inseriti nelle commissioni viabilità simone giraudo e sicurezza battistino peirone qui è arrivata osservazione da carlo donati anche se il voto è stato unanimemente favorevole non essendoci riserve sui due candidati sulla opportunità di concedere questa possibilità di richiesta alle emanazioni comunali numerose dalla scuola di pace alle consulte alla protezione civile ai nonni vigili creando il precedente il sindaco ha sottolineato una importanza della consulta famiglie più dal punto di vista della rappresentatività che della stretta operatività ai solleciti delle opposizioni di convocare maggiormente queste commissioni il primo cittadino ha ribadito che venivano riunite quando c era qualcosa da discutere e che suggerimenti arrivati in tale sede erano stati accolti dalla amministrazione il consigliere guido olivero componente della commissione viabilità ha fatto notare che allo studio sulla la sistemazione dei parcheggi in piazza dell olmo non è seguita altra convocazione sincera ed in linea con il personaggio la risposta del sindaco le opinioni in commissioni erano molto diverse allora ha deciso l amministrazione a.tos persone che si sono identificate con gesù sulla croce nel perdono e nell amore il presidente dino cerutti e luigi pellegrino hanno invece presentato al pubblico l associazione don bernardi e don ghibaudo anche stasera ­ ha detto cerutti ­ ci ritroviamo qui alla stessa data in questa chiesa a fare memoria di quella giornata tragica di 68 anni fa ricordi rimasti impressi nella mente di coloro che furono testimoni diretti ecco emergere tra i volti insanguinati delle vittime di quel giorno il gesto benedicente di don bernardi che invece di fuggire don bernardi e don ghibaudo nuove opportunità tex willer cercasi disperatamente per noi di marco campagna scelse di rimanere accanto ai suoi parrocchiani pastore che incoraggia che infonde fiducia che si pone mediatore inerme di fronte alle armi spianate e offre la sua vita insieme a lui don mario ghibaudo che ricco del suo amore per il santissimo che cerca di salvare e forte della sua giovinezza posta al servizio del più debole si ferma incurante delle grida dei suoi assassini a tracciare l estremo segno di croce a un caduto due figure di preti che la comunità bovesana sente intensamente come propri martiri testimoni di libertà e di verità forse troppo spesso quasi dimenticati nelle cerimonie ufficiali relegati nell intimità silenziosa di una preghiera durante una veglia nel buio notturno di questa chiesa e proprio per portare la luce su queste due figure ecco la nascita dell associazione costituita da un gruppo di lavoro con il compito di vagliare materiali e testimonianze di raccogliere scritti e documenti che possano ricostruire il pensiero e la vita dei sacerdoti martiri la ricerca di questi anni ­ ha detto luigi pellegrino curatore con piergiorgio peano del libro di testimonianze realizzato nel 2009 ­ ci ha aperto orizzonti inaspettati siamo partiti con il semplice desiderio di conoscere meglio attraverso i testimoni ancora viventi il 19 settembre e le figure dei due preti di giorno in giorno ci siamo resi conto che la storia di don bernardi e don ghibaudo e la storia di boves contenevano come una perla la perla di una grande umanità e di una grande fede fra gli obiettivi dell associazione anche l offerta al vescovo della disponibilità ad operare per una eventuale causa di beatificazione dei due sacerdoti una disponibilità che ha preso il via alla luce delle testimonianze raccolte diversi di essi ­ ha proseguito pellegrino ­ hanno espresso da una parte il rincrescimento che queste due figure non fossero state valorizzate nel modo debito e dall altra il loro convincimento che come santi e martiri vanno ricordati all associazione fondata da alcuni sacerdoti le clarisse familiari di don ghibaudo e dai membri di un gruppo di ricerca è possibile iscriversi rivolgendosi presso gli uffici parrocchiali a chiudere le manifestazioni l intermezzo organistico del maestro mauro maero e la veglia di preghiera bilizzare l economia ed i mercati globali la considerazione che ci viene spontanea è che se ciò dovesse avvenire si tratterebbe di un ulteriore conferma brics investendo innanzitutto nella nazione europea considerata più solida la germania poi anche nella gran bretagna sebbene fuori dalla zona euro a spingere verso dispone delle maggiori opzioni poiché le sue riserve in valuta straniera sono le più consistenti del pianeta somesi brics di avere ampi margini di manovra per sostenere l economia europea forti interessi verso i paesi europei a dividersi il malloppo polo sovrano che al contrario vedrà lo stato sociale sempre dino cerutti presidente boves kamp ­ all interno delle celebrazioni del xix settembre è stata presentata nella serata di lunedì 19 nella chiesa parrocchiale l`associazione don giuseppe bernardi e don mario ghibaudo nata nei mesi scorsi da un gruppo di persone attive da alcuni anni con l obiettivo di tenere vivo il ricordo del martirio dei due sacerdoti ha l obiettivo di sostenere la ricerca l informazione e l approfondimento sulla vita le opere e la morte di don bernardi e don ghibaudo promuovendo ogni iniziativa culturale sociale ed umana adatta allo scopo l associazione vuole sensibilizzare e coinvolgere il più possibile nel ricordo la popolazione per recuperare il patrimonio spirituale storico e culturale che appartiene a tutta la comunità e alla chiesa intera per questo l associazione si propone anche come attore delle cause di beatificazione di don bernardi e don ghibaudo qualora il vescovo ne stabilisca l avvio fra i soci fondatori compaiono gli ex sindaci di boves luigi pellegrino piergiorgio peano già autori della prima ricerca storica pubblicata dalla casa editrice primalpe e riccardo pellegrino i sacerdoti don andrea e don michele i parroci di caraglio e borgo san dalmazzo paesi di origine dei due martiri le suore di s chiara alcuni parenti di don ghibaudo e altri bovesani che in questi mesi hanno lavorato al progetto alla guida del sodalizio dino cerutti memoria storica bovesana coadiuvato dal consiglio direttivo e dall assemblea dei soci attraverso l opera dell associazione fondata da coloro che in questi anni hanno operato nell organizzazione delle manifestazioni a memoria dei due sacerdoti sono state raccolte testimonianze e reperti confluiti rispettivamente nel libro testimoni di libertà e verità e nella mostra realizzata lo scorso anno presso l auditorium don enrico luciano presentata l associazione don bernardi e don ghibaudo lamente nel campo alimentare ma anche nei settori della componentistica industriale ancora un interrogativo ci sovviene le nazioni brics hanno tutte un reddito pro capite di molto inferiore ai partners dell ue che si propongono di aiutare il pil pro capite russo che è il più alto dei brics è stato nel 2010 di 15.900 dollari ovvero circa la l anno pari a 6-7 volte meno del portogallo che è il paese più povero d europa nel caso del brasile il pil pro capite è di 10.800 dollari e tante della ricchezza e consente ai paesi sin ora tenuti ai margini del sistema economico mondiale il salvataggio da cui mutuare sistemi economici e produttivi con una differenza sostanziale far ripartire l economia reale hanno portato le famiglie europee a tenori di vita ben al euro che entrano in una famiglia media italiana la stessa famiglia ne spende 104,5 in modo serio chiesti se tex fosse di destra o di sinistra nelle nostre visioni miopi della politica in molti hanno tentato di dargli tex willer non è mai stato né di destra né di sinistra ma solo ga tanti sarebbero i manigoldi da sbattere nel carcere di guardare ai nuovi mercati in espansione reale attuando il principio della concorrenza legata alla proposizione di un made in italy che continua a fare appeal nel mondo intero m.p anche l immaginazione serve per restare attaccati alla vita di ogni giorno a.b.

[close]

p. 3

ottobre 2011 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli 3 manifestazioni e feste patronali di fine estate e di vestiti da sposa di tutte le epoche ieri e oggi sposi in serata il tradizionale appuntamento con san remando al secondo posto la bovesana mariana raucci esibizioni di grande livello molto apprezzate dal pubblico ad animare la serata le performance dei giovani artisti della scuola di circo fuma che `nduma coordinati da giuseppe porcu che hanno emozionato e divertito della compagine faceva parte giulia marro di madonna dei boschi di boves sono inoltre intervenuti il comico ocir la cantante valeria arpino ed il tenore diego giordana il cabarettista wilmer zuliani il lunedì oltre alla gara di palla a pugno c è stata la grande grigliata rivoirese molto apprezzata e che ha visto al lavoro oltre settanta volontari i festeggiamenti sono poi terminati trascorsi due altri fine settimana il primo il torneo di pallapugno venerdì sera 16 settembre la divertente classicissima scapole contro ammogliate giochi riservati a solo donne dai quindici ai novanta anni vinta quest anno di misura dalle prime sabato e domenica vi è stato il terzo raduno di camper per rivoiresi e simpatizzanti sabato sera la cena con gli amici al riparo nel chiostro dell asilo martedì 20 l ultimo appuntamento culturale e spirituale nella parrocchiale di san grato momento di riflessione con la presentazione dell antica via crucis parrocchiale ottocentesca recentemente restaurata cerati santa filomena rivoira san grato grande partecipazione popolare alla festa patronale di s grato a rivoira di boves migliaia di persone hanno preso parte alle varie iniziative nonostante la pioggia la partecipazione dei giovani alla festa della birra rivoira by night 6 il venerdì e sabato sera è stata davvero clamorosa ed ha portato la frazione bovesana ad animarsi al suono della musica da discoteca domenica 4 settembre giornata clou è iniziata nel migliore dei modi con la s messa solenne e con la processione in onore di san grato per le strade del paese queste due iniziative sono state caratterizzate da una convinta partecipazione dei rivoiresi animate da una cantoria in gran spolvero e dalla inaugurazione del nuovo crocefisso con il cristo risorto realizzato in modo maestrale dallo scultore locale aldo pellegrino la mostra dei prodotti agricoli ed artigianali realizzata nel chiostro dell asilo ha potuto contare su un allestimento molto particolare i prodotti erano posti su assi volanti che hanno valorizzato al meglio le splendide produzioni agricole presentate da segnalare in particolare la partecipazione del creso della coldiretti e del consorzio della patata della bisalta ha fatto bella mostra di se una rappresentanza dell artigianato locale con confartigianato e con l associazione noi di boves in occasione dell inaugurazione della mostra è stato assegnato il prestigioso premio la bisalta 2011 a stefano cavallo presidente del consorzio della patata delle bisalta grande successo di pubblico per la mostra fotografica il maltempo non ha inciso più di tanto sui festeggiamenti promossi dal comitato di cerati in onore di santa filomena affollati come consuetudine i tre momenti gastronomici promossi a inizio settembre con 160 partecipanti alla polentata del sabato e 140 per il tradizionale pranzo domenicale a base di paella un centinaio anche gli avventori dell originale cena medievale in compagnia dei cavalieri particolarmente apprezzati i giochi popolari del pomeriggio e l esposizione di castelli realizzati con i mattoncini lego al termine della funzione mattutina vi è stato momento di grande suggestione nella cappella la consegna alla comunità dello stemma dei cerato in dipinto della nota tanja cerato esattamente quello datato 1591 del conte-banchiere francesco cervo rampante aquila bicefala corona imperia le reperito e regalato da sergio michele cerato di origini robilantesi residente in germania erano ovviamente presenti vari cerato spasgiada galupa castagnata a rosbella pro-loco e famija bovesana hanno organizzato domenica mattina 11 settembre partenza poco dopo le 8 la nuova edizione la tredicesima della loro iniziativa autunnale la spasgiada galupa nata da idea dello scomparso giulio chiapasco allora presidente della famija ispirata da analoghe iniziative langarole camminata alla scoperta delle bellezze naturali e ricchezza storica del territorio bovesano con vari punti tappa ristoro the miele panini di formaggio e salame acciughe al verde e pranzo finale in collaborazione col gruppo alpini bovesano ai cerati nonostante il territorio bovesano sia stato tutto esplorato toccando tutte le frazioni sin alla montana rosbella tappa tosta di qualche anno fa ad ogni edizione gli organizzatori riescono ad ingegnarsi a scoprire nuove vie sentieri non ancora percorsi bellezze inedite quest anno il percorso si è snodato verso la pianura da piazza borelli lambendo il lago dei giurdàn e la caserma cerutti percorrendo via divisione cuneense in mezzo ai canali facendo la prima tappa a mellana ripartendo lungo via rive verdi tra alberi e campi uno degli angoli più deliziosi del comune con vista verso il torrente gesso e la polveriera fermandosi per acciughe e bruschette alla ristrutturata cascina delle monache le munnie rientrando verso boves ormai alle porte di fontanelle dalla suggestiva via auta tra i castagneti percorrendo tutta la pedonale protetta di corso bisalta consumando aperitivo davanti alla cappella di san carlo hanno partecipato in un centinaio sia alla camminata che al successivo convivio alcuni solo ad una delle due fasi il tutto vissuto su sapori tipici della cucina piemontese alle acciughe si son aggiunti carne cruda peperoni in bagna caoda insalata russa ravioli vie di jazz la pioggia non ha disturbato la castagnata di fine estate a rosbella di boves in collaborazione con pro-loco comitato rionale di san carlo e cassa rurale ed artigiana preceduta da messa alle 15 celebrata dal parroco di boves don bruno mondino domenica pomeriggio 18 settembre si trattava di sorta di appendice nella data in cui abitualmente si teneva della festa patronale di santa pazienza da quest anno posticipata verso fine giugno per evitare il frequente tempo avverso in settembre ottimo superiore ad ogni attesa è stato il pubblico sia bovesano che da fuori attento e plaudente sabato sera 10 per l esibizione in piazza dell olmo della gianpaolo petrini big band e flavio boltro tromba in concerto con sedici musicisti tutti di altissimo livello serata unica della edizione 2011 settima di vie di jazz dopo le polemiche susseguite al ridimensionamento dell iniziativa che l amministrazione comunale ha attribuito alla mancanza di fondi si è trattato di un risultato più che confortante utile per pianificare il futuro della manifestazione la serata si è avvalsa di contributi di regione e fondazione cassa di risparmio di cuneo.

[close]

p. 4

4 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli ottobre 2011 in attesa dell assalto finale qualche sera dopo frely si trovava in quella che era stata dichiarata la mensa ufficiali era sorta per volontà del maggiore comandante il giovane tenente era contrario a questi privilegi in tempo di guerra tuttavia fu giocoforza accettare la volontà di chi comandava più di lui un maresciallo venne incaricato della parte pratica e a lui venne affidata l amministrazione la cena era stata a base di spaghetti olio aglio e peperoncino veramente deliziosi accompagnata da un sottofondo musicale proveniente da radio andorra proprio quella mattina la batteria aveva ricevuto alcune coppie di walkietalkie quei rice-trasmettitori americani che potevano permettere di comunicare fra i vari reparti senza bisogno dei fili che tanti inconvenienti avevano provocato durante i bombardamenti nemici a frely era stato affidato il compito di decifrare le istruzioni in inglese e farli funzionare gli apparecchi al momento erano privi delle batterie che sarebbero dovute arrivare in un secondo tempo ma erano dotate di una specie di cyclette che pedalando forniva l energia sufficiente a farli funzionare l apparecchio messo alla prova era sintonizzato con la radio del principato pirenaico andorra che allora trasmetteva quasi sempre canzoni e ballabili avevano appena finito di cenare quando qualcuno bussò alla porta era la pina e si presentò così scusate il disturbo sono la moglie del tenente paracadutista de benedectis della seconda compagnia nembo qualcuno potrebbe indicarmi dove lo posso trovare il tenente cavalli che faceva parte dell altra batteria e che sedeva accanto a lui si alzò di scatto e galantemente invitò la signora a sedersi al loro tavolo È troppo tardi ormai per andare da qualsiasi parte mangi qualcosa con noi domattina si vedrà così dicendo le tolse il cappottino che la copriva svelando un bel corpicino pieno di curve frely si sentiva terribilmente imbarazzato e si maledisse per questo non riuscì che a dirle buonasera e a offrirle un po di musica così lui si mise a pedalare la radio a suonare e il cavalli la invitò a ballare si sentì uno stupido l altro ufficiale un po più anziano di lui aveva fama di sciupafemmine ma pensò questa volta sarebbe andato in bianco non era forse la pina moglie di un militare avrebbe voluto anche lui poterla stringere fra le braccia ma non sapeva ballare il tutto era molto avvilente a fine sera tutti si congedarono e il cavalli si offrì di accompagnare la signora a frely non restò che rassegnarsi e andare a crogiolare i suoi pensieri in branda si sentiva frustrato ed imbranato con le donne proprio non ci sapeva fare l indomani arrivarono al campo due sergenti inglesi per istruirli nell uso dei cannoni il maggiore era furioso perché il tenente cavalli non si era presentato con la scusa di non sentirsi troppo bene toccò al nostro tenentino seguire gli istruttori inglesi per tutto il giorno cavalli ricomparve due giorni dopo pallido e con delle occhiaie così profonde che pareva convalescente da una grave malattia frely premurosamente gli fece preparare di giulio papi una esposizione per ricordare l artista bovesano a centodieci anni dalla nascita le opere di nino daniele anni dalla nascita si tratta di formato e tecniche sistemate parenti ed amici dell artista ha sottolineato l importanza bovesani che lo conobbero ringraziamenti sono andati brosoli ricordato episodi di sofferenza fronte a commissioni prese e la grande velocità invece negli coi capi partigiani anche con pochi tratti come sonaggi maggiori cardine e dei vari stili pittorici molta una scena consueta nell italia centro-meridionale tra il 1944 ed il 1945 del mangiare speciale dal cuoco della mensa e poi gli chiese qual era il male che lo aveva ridotto in quello stato È stata la pina gli rispose non mi ha dato tregua per tutta la notte e tutto il giorno ma non era la moglie di un ufficiale paracadutista sarà ma per me è solo una prostituta e anche molto cara pretende cinquemila lire per mezza giornata e diecimila per tutto il giorno a frely caddero le braccia come aveva potuto essere così ingenuo era come se solo adesso incominciasse a capire che al mondo non bisognava mai fermarsi alle apparenze la vita doveva insegnargli ancora molte cose la fedeltà alla parola data l onore personale tutte baggianate donne che tradivano ufficiali che saltavano l addestramento per rimanere a letto con una prostituta altri che praticamente gestivano un bordello nel loro quartiere altri che si arricchivano con la borsa nera il pensiero corse al tenente cavalli che gestiva per conto della batteria un grosso camion tenuto nascosto agli alleati e che faceva la spola tra la puglia e roma certamente non per portare munizioni con la paga di tenente diecimila lire al mese non avrebbe mai potuto pagare così tanto la pina dov erano finiti quei princìpi ai quali era stato educato se anche le persone per bene chiudevano un occhio su questi fatti si sentì frustrato ed indignato ma poi la vita riprese con gli esercizi ai cannoni ogni giorno la batteria usciva in campagna per l addestramento i cannoni da 88 inglesi 25 libbre erano molto meno complicati dei 75/27 che avevano sparato in africa i trattori però ideati per il deserto nei campi arati sprofondavano fino ad immobilizzarsi e ci voleva del bello e del buono a tirarli fuori dal fango venne natale e con l inizio del 1945 si parlò di trasferimento al fronte per la fine di febbraio gli alleati erano fermi sulla linea gotica l autunno non aveva favorito le operazioni militari il settembre piovoso aveva frustrato le aspettative del generale alexander il quale sperava di raggiungere il po prima dell arrivo dell inverno nel quadro generale della guerra questo obiettivo non era di vitale importanza in quanto bene o male costringeva le progettista davvero versato nel la caccia amante degli animali truppe tedesche a tenere impegnate sul fronte itatanti schizzi fece il militare liano ben 21 divisioni quasi con bastoncino intinto nella tutte formate da paracadupini partecipando a campi estivi tisti e veterani kesselring dopo essersi cimentato sin da non contava molto sulle ricordo è arrivato dal pittore divisioni di russi ucraini né sulle divisioni italiane che in realtà non furono quasi gli altri allora giovani colleghi vesani ma ricoprì varie cariche mai impiegate in combattimento l inutile sbarco alleato in provenza aveva strani mestieri tolto all esercito alleato battaglioni di fanti ben ricordo due guardie coaddestrati che sarebbero munali maccari e tomastati necessari da impietis avevano la divisa nera gare sugli appennini per il cappello con la visiera tentare di sfondare il frondi liliana pellegrino non gli ho mai visti multe cosicché arrivato l intare qualcuno tutt al più verno le posizioni si erano redarguivano quei ragazpressoché stabilizzate la zini che andavano troppo dini per dare la caccia alle con le stanghe tra le quali quinta armata inglese che veloci sulla bici o che ti talpe che scavando lunghe per tirarlo non vi era l asioperava nel settore adriaravano in maniera sconsi gallerie mangiavano le ra no ma alternativamente un tico aveva ormai raggiunto derata palle di neve ogni dici degli ortaggi veniva uomo e una donna erano la pianura padana ma i tanto ­ com erano lontani pagato a numero di prede fratello e sorella si chiamacorsi d acqua gonfiati dalle ancora i mezzi di comuni catturate di cui vendeva poi vano santina lei e lui pin et piogge avevano impedito cazione ­ con una trom la pelliccia dedito all alcol toiu toiu era il padre che l avanzata dei mezzi corazbetta di ottone si fermava per questa ragione cammi ricordo vagamente portava zati si erano perciò atteno ad ogni incrocio e dopo nava barcollando lo chia gli occhiali abitudine rara stati sul fiume senio che aver segnalato con due mavano papabun-a che allora ognuno gestiva la dagli appennini arriva fino note stridenti la loro pre significa pappa buona propria miopia convivendo alla laguna di comacchio senza comunicavano la un nomignolo affibbiato con una nebbia sfumata ed è proprio sul senio nei caduta e l avvenuta morte gli da bambino e in seguito toiu aveva lasciato in erepressi di alfonsine che di qualche bovino la cui mai toltogli aveva come dità ai figli la sua attività prese posizione tra il 12 e carne il comune metteva tutti allora una bassa sco di chincaglieria ambulanil 13 gennaio il primo corpo in vendita a prezzi dimez larizzazione che lui avreb te tanta merce esposta su di combattimento italiano zati era l unica occasione be sicuramente desiderato quel carretto che non so con la divisione cremona all 8 per mangiarla non solo più alta si intuiva da come quale meccanismo venisse settembre si trovava in una volta alla settimana appoggiato al muro per un allungato tanto da diventare corsica e non si era lasciadi domenica maggiore equilibrio recita un emporio vi si trovava di ta disarmare dai tedeschi conservo un piacevole ri va la divina commedia la tutto richiestissimi i lucidi in sostituzione della prima cordo di una signora che conosceva tutta a memoria da scarpe confezionati da divisione canadese la tremetteva ad ogni festa del ne declamava i canti con loro stessi i lacci i pettini gua invernale aveva portapatrono delle frazioni una voce impostata rispettando le spille di tutte le fogge le to molti cambiamenti allo bancarella piena di lec con riflessione le pause la mutande invernali di lana schieramento alleato sulla cornie per bambini erano declamava per sé e da solo elastici unguenti le mondifensiva nella linea gotica dolci poverissimi distesi se l ascoltava godendo del tature degli occhiali tutte molte truppe logorate dai su un telo bianco liqui suo sapere uguali così come le lenti combattimenti dell autunrizia di legno piccolissime vi era allora un solo vete della stessa diottria a rino erano state sostituite pasticche colorate biscotti rinario il dottor riba nes dosso del natale su granin linea era rimasta una di varie forme tutti duris suno ricorreva a lui per ani di cartoni colorati vi erano varietà di truppe veramensimi uno in particolare di mali di piccola taglia cani da ritagliare le figurine del te sorprendente la quinta forma quadrata centime e gatti se si ammalavano presepe tante le pecore di armata americana formatri sei per sei si chiamava o morivano da soli o gua varia grandezza tutte con ta quasi esclusivamente da la pustetta era una specie rivano si tenevano gli uni la stessa espressione attotruppe di colore aveva acdi galletta militare ma più per fare la guardia e gli altri nita nel guardare un gesù canto una brigata brasiliasottile impossibile affon per acchiappare i topi cure bambino grande quanto i na poi c erano sudafricani darci i denti si succhiava e convalescenze artificio genitori giuseppe e maria indiani ebrei gurka neera il più venduto costava se li avrebbero indeboliti e ci si rivolgeva a loro anche palesi neozelandesi e pomeno e durava all infinito resi inadatti al loro compito per le foto da incorniciare lacchi questi ultimi molto l unica cosa molle era una veniva interpellato solo per e lì i tempi diventavano indemotivati e con il morale specie di schifosa liquirizia le mucche quando i par finiti le fotografie dei bata terra da quando avevano arrotolata come un nastro ti si prospettavano difficili tesimi si potevano ritirare appreso la notizia che con il tutto quel ben di dio si per i cavalli aveva un gros quando si portavano quelle patto di yalta la loro patria chiamava rümiage parola so concorrente imbattibile della prima comunione che sarebbe rimasta sotto l incredo derivata dal verbo nelle diagnosi e nelle cure a loro volta venivano da quefluenza russa ruminare perché rende si chiamava riciu aveva vis sti consegnate al momento fra tutti gli schieramenti va quell idea la proprieta suto vent anni in argentina della ricezione di quelle del non mancavano i disertoria una donna di mezz età fra i gauchos cavalcando matrimonio la cui incorniri giovani che per sfuggire di nessuna bellezza si e dormendo sempre con i ciatura si soleva sollecitare ai combattimenti si erano chiamava giuana di basin cavalli divideva tutto il suo finché tutti e due i coniugi dati alla macchia le pinegiovanna dei baci non tempo con loro ne cono erano ancora in vita te attorno a viareggio inso se l arte fosse nel darli sceva l indole le avvisaglie c era in paese un sarto facominciarono ad ospitare o nel riceverli in un caso di malori e le cure adatte da moso detto l americano fin da allora negri e proo nell altro fatico ancora a intraprendere non vi erano l armani di boves il più caro stitute in accampamenti immaginarla lauree in veterinaria all al ma anche il più bravo in asdi fortuna dove neppure la ho ben presente la figura tezza della sua esperienza soluto erano donne quelle polizia militare osava fare lunga e magra di un uomo sul campo argentino che confezionavano abiti irruzione il più famoso di credo nato nel 1902 il suo ricordo con visione netta sia maschili che femminili questi luoghi fu la pineta di mestiere era quello del un carrettino ambulante e il manufatto veniva fuori tombolo che rimase abitatalparo da noi si dice tra che nei giorni di mercato si ibridato lui solo dal taglio ta ancora per molto tempo puné metteva le trap posizionava al centro del perfetto dava alle giacche dopo che la guerra era orpole negli orti e nei giar la piazza era un carrettino una struttura maschile ed mai finita torino a.toselli l angolo di liliana elegante la lunga accurata lavorazione e le prove infinite assieme alla sua innata competenza le rendevano un capolavoro accompagnavo mio fratello alle prove interminabili cominciavano con l evidenziare le anomalie fisiche che erano sempre un braccio più lungo dell altro una spalla più alta il torace troppo fuori o troppo dentro la schiena o troppo dritta o troppo curva naturalmente la sua bravura di sarto ortopedico avrebbe eclissato ogni visibile imperfezione faceva indossare la giacca e con strattoni vari la faceva aderire al corpo quindi si allontanava chiudendo gli occhi a fessura ne calcolava le modifiche poi fendendo l aria con un gessetto si avvicinava con passo claudicante lo era davvero e disegnava sulla giacca strane righe dritte e incrociate il cui significato era noto solo a lui il suo carattere non era dei migliori l aveva reso tale quell handicap e l esperienza credo negativa nel sud america da dove era tornato senza aver trovato la fortuna che sperava da una piccola porta socchiusa si intravedeva il laboratorio con le lavoranti alle quali veniva imposto il silenzio ogni tanto però si sentiva provenire quando lui era in sala prove un brusio alla cui comparsa mostrava segni di fastidio una volta a questo si aggiunse una timida risata lui irritato aprì la porta sparì per un attimo e subito dopo si udì il rumore di uno schiaffo in quel silenzio tombale riapparve e fissò l appuntamento per la prova successiva a distanza di anni posso ben dire che la sua bravura non avrebbe ancora concorrenti per le feste natalizie un cartoncino recitava la sartoria bellino manda alla sua affezionata clientela gli auguri di buone feste in fondo a sinistra più in piccolo si poteva leggere p.s qui si parla spagnolo a boves allora nessuno parlava neanche l italiano ma solo il dialetto.

[close]

p. 5

ottobre 2011 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli 5 centocinquant anni dell unità d italia primo concerto per pietro numico il nuovo una serata di giovanni bianco esposizione all ex filanda favole allestita nei locali dell ex filanda favole dal 18 al 25 settembre ha riscosso un buon successo l esposizione itinerante già apprezzata a cuneo con prossima tappa fossano trenta artisti sui centocinquanta anni di unità d italia a cura del comitato delle associazioni combattentistiche l inaugurazione ufficiale è stata fatta presente buon pubblico e varie autorità prefetto e prete partigiano don aldo benevelli in testa domenica mattina 18 dopo le celebrazioni del 19 settembre si tratta di iniziativa ottimamente curata da remigio bertolino da non perdere per il livello artistico e la creatività dei partecipanti nomi che vanno da giovanni gagino a gianni del bue da lorenzo griotti a giovanni grappiolo da livio politano a teresita terreno a valentino tamburini i quali affrontano con disinvoltura una tematica in cui è facile cadere nella retorica e nello scontato che quasi tutti sfuggono completamente specie in questo anno di tante iniziative del genere pur elaborando in massima parte i colori della nostra bandiera nazionale l artista buschese nadia vezza nota acquarellista che da qualche tempo si dedica anche all acrilico offre altra prova di amore per boves terra di origine di parte della sua famiglia con notevole lavoro sulla rappresaglia tedesca in città del 19 settembre 1943 direttore la camula banda e non solo causa contemporanea assenza di elisa bonifacino la capobanda supplente del direttore da due anni è stato anticipato domenica mattina 18 in occasione delle celebrazioni per il 19 settembre bovesano il debutto del nuovo direttore della banda silvio pellico sostituto di mattia pastore pietro numico che ben ha mostrato di cavarsela nonostante l esperienza in simile genere di sodalizio nel suo pur ricco passato di esperienza musicali da gruppi a cori sia assoluta novità tra lui ed i musici sembra si sia partiti bene con giudizi positivi che il giovane maestro ci conferma esperienza interessante capace di arricchire tutti dal direttivo ricordano che per chi si iscrive alla banda vi sono corsi appositi negli ultimi anni convenzionati da accordi all istituto musicale ben cinquanta sono stati i partecipanti sabato 17 settembre alla gita sociale a gardaland la banda santi coronati aspettando a novembre la festa di santa cecilia santa croce era gremita per la presentazione del nuovo video amatoriale dello studioso della cultura locale professor giovanni bianco mercoledì sera 31 agosto con ottime immagini e curato montaggio presentata dall autore è passata sullo schermo nuova testimonianza del passato e del presente locale la situazione dei boschi la passione per loro e per la terra pulita la malattia dei castagni il tristemente noto cinipide galligeno che li sta devastando nonostante la cura biologica l insetto antagonista introdotto il lavoro e la fatica la testimonianza di chi ancora ci crede l autore ha usato sapientemente il termine piemontese camula usato dagli agricoltori anche per indicare il cinipide che devasta i castagneti trova traduzione nell italiano tarlo servito nel suo significato anche allegorico come passione quella di bianco per questi video e quella dei proprietari nel tener pulito ed in ordine come punto di orgoglio vero e proprio i propri terreni anche sobbarcandosi una fatica immane non certo ripagata economicamente È questa la vera camula protagonista seguita dai giorni d inverno al cuore dell estate partendo dalla pulizia dei boschi in alcuni casi anche seppellendo la foglia facendo quelle che si chiamano barere sin al tempo della fienagione e del faticoso trasporto a valle sono passati sullo scherma alcuni personaggi già nella locale leggenda contadina che loro posto avranno nella microstoria locale accanto a pochi altri più giovani quarantenni e cinquantenni ancora presi da questo dovere verso la terra appreso fin da bambini aiutati da pochi progressi tecnici la colonna sonora davvero notevole e suggestiva è stata offerta dal trio di organo e trombe maerobellone-cavallera celebrata gloria locale uno dei cui componenti marco bellone il primo intervistato è uno di quelli che sanno alternare nei suoi boschi la tromba alla troncatrice l iniziativa era curata dall assessorato alla cultura in collaborazione col circolo pensionati bovesano altra proiezione è stata fatta nel circolo pensionati mercoledì 14 settembre c.r.a gita in corsica corsi e ricorsi yamato ripartiti i corsi lo yamato è partito con la sua attività annuale di corsi nella palestra delle scuole medie di via don cavallera con due settimane di prove gratuite per i nuovi tesserati iscrizioni ad inizio ottobre con attenzione ad altre discipline giapponesi come karate ed aikido femminile in collaborazione con la associazione sportiva dilettantistica aiki no kokoro ogni giovedì dalle 20 alle 21,30 ginnastica e danza,ora sportime la premiatissima ginnastica e danza cambia nome diventa associazione sportiva dilettantistica sportime boves i corsi sono iniziati lunedì 19 settembre nella palestra delle scuole medie di boves dalla propedeutica alla danza modern-jazz alla ginnastica artistica femminile alla acrobatica maschile alla acrobatica adulti alla break-dance alla hip-hop alla tone-up alla ginnastica uomini alla novità del pilates informazioni 338.8718728 347.5326195 339.1739416 339.1163985 329.1720768 corsi di yoga dai pensionati sono ripartite martedì 13 settembre al circolo pensionati di piazza borelli le lezioni di ballo liscio da sale e di gruppo informazioni allo 0171.380425 o al 388.1629469 iniziato anche il corso di yoga in collaborazione con il circolo culturale arci lago sereno insegnante tamara menardo si divide ogni lunedì in parte per principianti dalle 19 alle 20,15 e per amatori dalle 20,30 alle 21,45 informazioni si possono avere allo 0171.387925 corso di ballo liscio piemontese l associazione sportiva dilettantistica bove sana wing tsun ha iniziato all auditorium borelli il 27 settembre un corso di ballo liscio piemontese con i maestri centallesi giovanna e michele olivero per informazioni telefonare allo 0171.214728 al 345.4587712 e al 347.8880725 corsi di ricamo in biblioteca lunedì 3 ottobre sono ripartiti i corsi di ricamo tenuti ogni anno da maria giordano nei locali della biblioteca civica per informazioni ed iscrizioni telefonare al 0171.387759 cucito e socializzazione a rivoira cucire trovarsi fare quattro chiacchere queste sono le motivazioni degli incontri iniziati il 5 ottobre e proseguiranno per tutto l inverno di un gruppo di signore di ogni età l appuntamento è fissato nel salone parrocchiale di rivoira chi desidera partecipare deve telefonare al 0171.387015 al 345.6777156 o allo 0171.387748 danze tradizionali a rivoira l associazione note non note organizza a boves un corso base di danze tradizionali occitane tenuto da marisa dogliotti il corso si terrà per 6 venerdì consecutivi a partire dal 21 ottobre dalle 21 alle 23 al salone della scuola materna in piazza giovanni paolo ii a rivoira di boves non è necessario essere in coppia per partecipare e obbligatoria la preiscrizione telefonica al numero 0171.389346 o per email notenonnote@tiscali.it entro il 18 ottobre si è conclusa il 9 di settembre settimana di vacanza in corsica a cargese che i partecipanti non esitano a definirci bellissima per un bel gruppo di soci e clienti della cassa rurale ed artigiana di boves un ottimo villaggio club med ha accolto e coccolato nel caratteristico golfo i partecipanti con la formula otto giorni all inclusive ossia non solo con cibi e bevande a volontà ma anche relax sulla spiaggia con tutto il necessario,spettacoli attività sportive con istruttori

[close]

p. 6

6 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli ottobre 2011 manovre finanziarie a pensioni venerdi 14 presentazione libro su don trappo cappellano della div alpina cuneense durante la ritirata di russia venerdi 21 serata con filmato per parlare di comunita montana posizionato il masso per le lapidi a madonne dei boschi l anno in corso sta apportando numerose modifiche alla normativa previdenziale che riteniamo utile riepilogare per i nostri lettori età pensionabile per le donne del settore privato ed autonomo aumenta l età per la pensione di vecchiaia delle donne nel settore privato le dipendenti pubbliche già dal 2012 andranno in pensione di vecchiaia a 65 anni il governo ha deciso di anticipare dal 2014 l incremento graduale dell età che porterà le donne ad andare in pensione a 65 anni contro gli attuali 60 a partire dal 2022 data che sulla base della vigente normativa potrebbe subire delle modificazioni per effetto di altri due criteri l adeguamento alle aspettative di vita ed il meccanismo delle finestre speranze di vita a decorrere dal 1 gennaio 2013 i requisiti di età pensione di vecchiaia e i valori di somma di età anagrafica e di anzianità contributiva quote per conseguire la pensione di anzianità a prescindere ai 40 anni di contributi devono essere aggiornati a cadenza triennale al fine di consentire gli aggiornamenti dei requisiti entro il 31 dicembre di ciascun anno l istat comunicherà il dato relativo alla variazione nel triennio precedente della speranza di vita all età corrispondente a 65 anni pensioni ai superstiti con effetto sulle pensioni decorrenti dal 1 gennaio 2012 verrà applicata una riduzione della pensione a favore del coniuge superstite nei casi in cui il matrimonio con il defunto sia stato contratto ad età del medesimo superiore a settanta anni e la differenza di età tra i coniugi sia superiore a venti anni la riduzione è pari al 10 per cento in ragione di ogni anno di matrimonio con il defunto mancante rispetto al numero di dieci questa norma non si applica nei casi di presenza di figli di minore età studenti od inabili posticipo decorrenza della pensione coloro che maturano il diritto alla pensione di anzianità in base ai 40 anni di versamento nell anno 2012 potranno ottenere il relativo pagamento c.d finestra trascorsi 13 mesi dal raggiungimento dei predetti 40 anni se lavoratori dipendenti a 19 mesi se autonomi coltivatori diretti artigiani commercianti e collaboratori il posticipo di cui sopra sarà pari a 14 mesi e 20 mesi per coloro che maturano i requisiti nell anno 2013 a 15 e 21 mesi per coloro che maturano i requisiti a decorrere dal 2014 lavoratori dipendenti 2012 tredici mesi dalla maturazione dei 40 anni 2013 quattordici mesi dalla maturazione dei 40 anni 2014 quindici mesi dalla maturazione dei 40 anni lavoratori autonomi 2012 diciannove mesi dalla maturazione dei 40 anni 2013 venti mesi dalla maturazione dei 40 anni 2014 ventuno mesi dalla maturazione dei 40 anni i lavoratori collocati in mobilità sulla base di accordi sindacali stipulati anteriormente al 30 giugno 2011 nei limiti del numero di 5.000 potranno ancora avvalersi delle regole più favorevoli vigenti anteriormente il patronato epaca della coldiretti è a disposizione di tutti i cittadini per fornire ulteriori ragguagli in merito a quanto commentato parcheggi rosa per le mamme settembre intenso per il gruppo si è iniziato mercoledì 7 con la oramai classica corriamo e mangiamo con gli alpini organizzata dalla locale ass.ne podistica boves run una corsa cena che viene organizzata da diversi anni e vede sempre la partecipazione di oltre 200 podisti che dopo la corsa nelle strade bovesane si fermano presso la sede del gruppo per la cena il fine settimana successivo il gruppo si è recato ad imperia per il 14° raduno del 1° raggruppamento alpini del piemonte val d aosta liguria e francia come succede sempre ad ogni raduno la partenza è stata scaglionata alcuni soci sono partiti già il venerdì sera altri il sabato mattino e pomeriggio poi la domenica il bus del gruppo con altri soci così nella città ligure i soci presenti erano 41 pensavamo di essere molti di più dicono in sede ana boves ma quello del 10 e 11 settembre era dopo più di due mesi il primo week end senza che a boves vi fosse un `festin in qualche frazione per cui alcuni soci hanno preferito `tirare il fiato e stare tranquilli inoltre sempre a boves c erano nei medesimi giorni tre manifestazioni la `spasgiada galupa `sport in piazza e il sabato sera `vie di jazz tutto insieme ha fatto sì che mancassero all appello almeno quindici soci ad imperia è andato tutto bene il tempo è stato persin troppo bello e ci siamo divertiti ci ha fatto piacere vedere l entusiasmo ed i calore degli spettatori al passaggio della sfilata sicuramente un raduno tra i più riusciti la settimana dopo ci sono state le celebrazioni del 19 settembre ed il gruppo ha partecipato sia la domenica mattina in piazza sia la sera preparando e distribuendo il the al termine della fiaccolata da castellar a san giacomo lunedì 19 settembre i soci hanno eseguito i lavori a madonna dei boschi per il posizionamento del masso che a luglio era stato portato nella omonima località e sul quale saranno messe sia la lapide a ricordo dei caduti della prima guerra mondiale che una volta era sulla facciata della chiesa e poi dopo i lavori di ristrutturazione non era stata più collocata sia una nuova lapide a cura del comitato madonna dei boschi a ricordo dei caduti civili e militari della seconda guerra mondiale i lavori sono pressoché finiti ed ora in simbiosi con l amministrazione comunale si sta cercando di inserire l inaugurazione nelle celebrazioni ufficiali del 4 novembre nel frattempo è stato anche deciso di proseguire a proporre serate sociali e per tale motivo sono state organizzate due serate venerdì 14 ottobre presen tazione del libro su don rinaldo trappo scomparso un anno fa don trappo è stato il cappellano militare della cuneense durante la ritirata di russia personaggio che con i suoi ricordi ha scritto pagine epiche sulla storia del corpo e su quelle brutte e tristi pagine degli alpini durante la campagna di russia una serata che per l importanza che ha avuto don trappo richiamerà nella sede del gruppo molti alpini non solo del gruppo il venerdì successivo 21 ottobre ci sarà una serata di discussione avente per tema la comunità montana parteciperanno il presidente geometra ugo boccacci ed il vice stefano dho oltre alla discussione ci sarà anche la proiezione di un video prodotto dalla stessa comunità montana si spera in un buon afflusso di pubblico dato che l argomento trattato riguarda tutti i residenti non solo alpini e/o bovesani il consiglio direttivo del corrente mese è fissato per martedì 25 in tale serata si parlerà anche delle giornata di fine anno sociale domenica 11 dicembre e del rinnovo del consiglio direttivo del gruppo essendo quello attuale scadente a fine anno e come da regolamento ana bisogna votare il nuovo direttivo che reggerà le sorti del gruppo nel periodo 2012/2014 l amministrazione comunale di boves a partire dal mese di agosto è entrata a far parte dei dieci comuni della provincia ad aver pensato anche alle mamme destinando tre parcheggi rosa uno in corso bisalta il primo vicino all ospedale l altro davanti alle poste in piazza borelli e uno in piazza italia si tratta di parcheggi di cortesia per le donne incinte o con figli piccoli per la loro collocazione sono state scelti luoghi di primario interesse vicino all ospedale davanti alle poste e in piazza italia il comune lo ha comunicato sul notiziario comunale di settembre secondo il comune non si rende più bella o più vivibile una città con opere faraoniche ma sono le piccole cose di tutti i giorni che ci aiutano a vivere meglio sono i piccoli gesti che contano basta poco per rendere bella la nostra città in ogni caso chi parcheggia nelle strisce rosa non è sanzionabile poichè non è previsto dal codice della strada ma l amministrazione invita ad essere persone civili e ad avere rispetto del prossimo facendo prevalere il buon senso e il senso civico modifiche alla circolazione l amministrazione comunale di boves ha ritenuto opportuno apportare alcune modifiche alla circolazione con l individuazione di nuovi parcheggi nel centro città e con il cambiamento a partire dal 1° ottobre del transito in via monsignor calandri che rimarrà chiusa nelle ore di accesso alla scuola materna dalle ore 8,35 alle 9,15 e dalle ore 15,45 alle 16,20 via don olivero invece diverrà a senso unico ad uscire dalla piazza italia verso la casa di riposo sempre con decorrenza primo giorno del mese ernesto zucconi ha presentato un libro sul tibet organizzata con l appoggio dello stesso capo delle ss babile ricerca di conferma a teorie esoteriche adottate dal librerie locali vanta circa militare che voleva esserne campione inarrivabile sono di emilio salgari traendo nica lineato la disponibilità e la che estetica nel presentarla a colori la solita invidiabile meli restarono dei contatti delle corrispondenze nelle immagini si è vista danza il film di sandrogastinelli e marzia pellegrino unica opera italiana in concorso a eberswalde a la vita in germania il buio prima della libertà l amore deve essere la struttura portante della vita e dell agire un modo di essere che dà valore alla nostra esistenza e una visione della vita che capovolge le logiche e gli schemi comuni e mette in primo piano nel rapporto uomo-dio il valore della persona valore fondato sul fatto che l altro anche se diverso da noi è un fratello presentato il libro a la vita il film documentario realizzato interamente a roccaforte mondovì nei boschi di baracco più di un anno dopo la sua uscita prosegue il suo cammino nei festival del documentario internazionali dopo verona valtournenche cinemambiente di torino in italia e poi domzale in slovenia la piazza rossa a mosca montevideo in uruguay il globians di berlino ed altri ancora a la vita torna in germania questa volta a eberswalde nel brandeburgo all international eberswalde film fest sono giunti quest anno 889 film ma solo 8 sono stati ammessi al concorso a la vita è fra questi unico film italiano in competizione il film è stato proiettato in alta definizione lunedì 3 ottobre alle 20 con sottotitoli in inglese orgoglio in valle ellero e in casa gastinelli per il modo san francesco in cui l eberswalde film fest conclude la descrizione di a la vita nella promozione della proiezione nähme man von allen untergehenden gewerken auf solche weise abschied sähe es besser aus in der welt che tradotto in italiano suona più o meno così se tutti i mestieri che scompaiono fossero onorati in questo modo il mondo sarebbe un posto migliore a.tos nella sera del 16 vi è stato momento introduttivo al 19 settembre bovesano di poesia e musica con al borelli la presentazione dell opera di ornella giordano che molto plauso ha raccolto nell ultimo anno in vari centri della zona da cuneo a chiusa pesio a peveragno a demonte che prossimamente si presenterà nelle scuole della comunità montana il buio prima della libertà introduzione di beppe sajeva prefazioni di attilio martino ed alessandro spedale omaggio al padre partigiano dell autrice accompagnata da video di riccardo rovera paura del lupo entrambi insegnanti buono era il pubblico rimasto ad ascoltare le letture intervallate da brani musicali l autrice vive perpetuando la memoria del padre la causa per cui lottò memoria ereditata al lettore bovesano per eccellenza giorgio casiraghi sono stati affiancati giovani l ormai bravissima chiara giordano ed i ragazzi ma già molto disinvolti martina quaranta e matteo russo al pianoforte è stato invitato augusto boccalatte classe 1928 torinese trapiantato a cuneo da anni da qualche mese residente a boves ci ha fatto sentire musiche partigiane dalla comunista urla il vento alla classica bella ciao apolitica alla badoglieide gloria cuneese brano che era grido di rottura dei partigiani verso il passato inclusa la monarchia che aveva fatto arrestare mussolini per sostituirlo con il maresciallo badoglio maurizio paoletti presentando la serata e tutto il programma delle manifestazioni ha ammonito che il buio prima della libertà non sia mai il buio dopo come da sua abitudine oltre alle musiche di giorgio gaber la libertà è partecipazione e di francesco guccini nel video del marito e suo primo lettore che unisce immagini di resistenza ad altre di olocausto ebraico ha voluto offrire qualcosa del patrimonio culturale cittadino ossia due brani eseguiti da valeria arpino celebre vocalist voce e chitarra ed eugenia ruggieri flauto boves mia tera di pierino vallauri uno dei massimi poeti locali del dopoguerra e nate `d boves di mario tosello vero inno della comunità nato nel 1945 subito dopo la fine della guerra da augusto boccalatte è arrivata testimonianza finale dei suoi ricordi della guerra quando era sfollato nel monferrato ancora giovane ma attento osservatore in zone nelle quali si viveva a contatto coi partigiani supporto tecnico è stato curato da celestino giordano e dal personale della biblioteca soprattutto dai volontari del servizio civile.

[close]

p. 7

ottobre 2011 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli 7 anniversario appuntamenti di adriano toselli consulta famiglie continuano gli incontri la consulta famiglie bovesana in collaborazione col progetto tat dell asl e della cooperativa animatori valdocco e con il centro famiglie del consorzio assistenziale del cuneese continua il ciclo di incontri intitolati il percorso di formazione per genitori e non solo rischiare aiuta a crescere riflessioni sul tema dell adolescenza dopo le prime due serate a mellana lunedì 17 ottobre si terrà il terzo incontro adolescenti tra comportamenti a rischio consumi e bisogno di crescere e lunedì 24 e ai genitori chi ci pensa il difficile ruolo del genitore come districarsi tra dubbi problemi e responsabilità informazioni e iscrizioni al 355.8258614 gara alla belotte al bar yenga sabato 8 ottobre gara alla petanque al circolo pensionati alle 19 messa solenne nella chiesa di san lorenzo seguita alle 20 dalla cena fra amici al ristorante da politano musica dal vivo con la music love dual band domenica 9 ottobre alle 11 con messa solenne al santuario di regina pacis e apertura di mostra ortofrutticola esposizione di vari artisti locali mostra fotografica i leve et la pro l aia in piazza esposizione animali rurali alle 14,30 benedizione con la banda musicale bovesana silvio pellico e cambio di consegne tra i massari al priore erio giordano subentrerà tommaso politano ai massari davide bonavia e fabrizio viale giuseppe bosio e luca dutto dedicato del tradizionale sonetto sarà il cavaliere del lavoro mario giordano alle 15,30 giochi popolari per bambini e adulti e merenda nutella party esibizione della banda musicale ore 16,30 alle 17 ancora giochi e chiuderanno mostre e stime varie ggiovedì 13 ottobre dalle ore 19,30 alle 20 distribuzione di polenta salsiccia e spezzatino seguita alle 21,15 dalla proiezione del filmato la prò e i praciulin dagli anni sessanta in poi venerdì 14 ottobre ore 21 terza edizione del karaoke et la prò sabato 15 ottobre ore 14,30 gara alla quadretta al circolo pensionati frazionale dalle ore 19,30 gran bagna cauda suta u tendun il prezzo sarà di 12 euro 6 per i bambini sino a 10 anni con prenotazioni entro mercoledì 12 dal bar yenga dal bar miramonti dalla macelleria da davide da armitano alimentari portare bicchieri e posate da casa seguirà la musica con l orchestra maurizio la band domenica 16 ottobre dalle 10,30 dal chicco di grano al pane fatto a mano percorso dimostrativo sulla preparazione del pane alle 14,30 mercatino dei bambini con altri giochi vari e stime alle 15,30 musica del complesso pure magic folk il gran finale sarà dalle 16,30 con la castagnata accompagnata da vin brulè i giorni 9 13 14 e 15 ottobre funzionerà servizio bevande tutto in locale riscaldato festa della castagna al museo sabato 15 ottobre al museo della castagna ore15 festa della castagna organizzata dall associazione sulle tracce della natura in collaborazione con l assessorato all agricoltura del comune di boves in concomitanza con la festa del marrone di cuneo prevista passeggiata naturalistica nei boschi di castagno del parco marquet e momento di festa con danze occitane la distribuzione di caldarroste torte salate e dolci tipici a base di castagne al prezzo di 5 euro a persona informazioni e prenotazioni 0171.390119 o al 338.2461123 raduno automobilistico statico e dinamico domenica 16 ottobre auto sportive e d epoca in piazza italia dalle 9 alle 11,45 con sfilata per le vie della città fino a madonna dei boschi nel pomeriggio si concluderà con prova dinamica non competitiva informazioni 340.1471027 viaggi in immagini con il totem e tabù dopo la pausa estiva l ultimo giovedì del mese all auditorium borelli tornano con l autunno i mensili appuntamenti del totem e tabù ­ club di liberi viaggiatori a tavola nel risorgimento sin a fine mese l esposizione al castello del roccolo di busca curata dai gastronomi bovesani elma schena ed adriano ravera a tavola nel risorgimento ricca di oggetti aneddoti e curiosità sull unità italiana vista davanti alle tavole imbandite continua sin a fine ottobre con orari dalle 14,30 alle 19 di sabato e domenica info 0171.618260 e mail gruppi@marcovaldo.it san carlo ultima festa patronale bovesana nel rione san carlo domenica 6 novembre con esposizione ortofrutticola e di torte casalinghe collegata a relativa asta a favore dei lavori di manutenzione della cappella castagnata innaffiata da vin brulè sabato 5 nel pomeriggio dovrebbe ripetersi l abituale passeggiata per le strade contigue al rione bue in piazza i macellai bovesani stanno organizzando festa del bue che ritorna in piazza dopo anno all area mercatale con esposizione di bovini ed assaggi prevista domenica 6 novembre centro benessere a boves boves kamp ­ novità nell ambito delle offerte turistiche bovesane aprirà quest autunno in boves il centro benessere sa.ben struttura che intende offrire attività e iniziative al servizio di chi vuole scoprire i benefici del movimento in acqua ed in palestra la struttura collocata in via santuario fra via s martino e lo stabilimento photorec nei locali che ospitarono la produzione dolciaria oliva si basa su oltre 1100 mq coperti interamente dedicati a tutti coloro che interessati a migliorare la qualità della vita attraverso un attività fisica dolce potranno trovare professionisti e consulenti disponibili a guidarli in un percorso finalizzato al proprio benessere e miglioramento psicofisico all interno del centro sono state realizzate due vasche la prima dedicata alle attività di acqua fitness la seconda volta ad ospitare le attività finalizzate al rilassamento completo per l adulto e al benessere totale del bebè con la novità della lama d acqua per doccia cervicale e impianto per idromassaggio al piano superiore è stata realizzata una palestra volta ad ospitare corsi di aerobica pilates ginnastica dolce e molte altre l offerta sarà completata da un area beauty relax con cabine massaggio su due piani saune hammam idromassaggio sala cromoterapica sala relax e tisaneria carlotta cavallera andrea cavallera i loro cari li ricordano con grande affetto 3° anniversario 3° anniversario domenico giordano giuseppe pellegrino ricordando igor sabato 8 ottobre vi sarà messa seguita cena alla la santa messa anniversaria sede ana in ricordo del sopregheremo per te nella s sarà celebrata nella cappella cio e centauro igor faccia messa di anniversaria nella di s anna boves domenica 23 ad un anno esatto dalla sua tragica morte nell incidente chiesa di s anna di boves do ottobre ore 10 stradale a peveragno menica 16 ottobre ore 10 12° anniversario ogni giorno il nostro pensiero i nostri discorsi sono un ricordo di te del tuo grande amore e l affetto che ci hai trasmesso il tempo passa il vuoto che hai lasciato rimane solo il tuo ricordo ci è di conforto il saluto a don andrea boves kamp­ si è chiuso domenica 11 settembre dopo quattro anni il servizio sacerdotale di don andrea adamo a boves il giovane sacerdote è stato infatti invitato dal vescovo a proseguire gli studi a roma in modo da continuare il percorso di formazione così come avvenuto in passato per altri preti giovani in settimana don andrea ha così raggiunto la capitale alla fine del mese di ottobre verrà organizzata la festa ufficiale di saluto quello di don andrea non è comunque un addio nei prossimi mesi durante i periodi di vacanza dallo studio adamo collaborerà ancora con la parrocchia di san bartolomeo coadiuvando don bruno mondino e il diacono dario bottero indicato dal vescovo come sostituto bottero è già conosciuto a boves alla luce dell esperienza vissuta in città negli anni 2006 e 2007 piccoli annunci maria dutto ved cavallo i familiari la ricordano con grande affetto la santa messa anniversaria sarà celebrata nella parrocchia s bartolomeo boves domenica 6 novembre alle ore 9,30 vendo honda x r 650 r 2001 con kit ­ enduro seminuovo doppia omologazione anche motard euro 4.500 trattabile 3805032623 vendesi motocoltivatore con fresa e lancia neve 10 cv tel 0171 380635 vendesi alloggio in cuneo via mons riberi 19 tre camere cucinino bagno e cantina tel 3391554198 vendesi casa libera su tre lati suddivisa in tre appartamenti soggiorno tinello camera bagno impianto centralizzato fabbricato di pertinenza con 2700 mq di terreno rivoira boves tel 3470841922 affittasi alloggio in boves cucina due camere garage tel 3401478631 ore serali regalo scrivania tel 0171 380635 festa di san bruno a san giacomo funzione religiosa ore 11 e pranzo 12,30 con piatti tipici al ristorante bisalta prenotazioni allo 0171.380384 sono fissati per la seconda festa patronale di san giacomo san bruno la seconda domenica di ottobre il 9 introdurrà sabato 8 nella chiesa parrocchiale alle 20,45 serata in collaborazione con il parco alpi marittime a cura del locale comitato e della associazione il bucaneve santi coronati a fontanelle il comitato dei santi coronati di fontanelle propone in due fine settimana la festa omonima venerdì 7 ottobre ore 20,30 notizie dai mari con l acquario di genova del mare interessante la mostra dedicata ai migranti italiani nel loro viaggio borazione con zione yachts collezione per trent anni alla guida del consorzio dovilio la scomparsa di giovanna pellegrino dalmasso boves kamp ­si è spenta lo scorso 16 settembre giovanna pellegrino 77 anni molto conosciuta sul territorio per l attività trentennale di gestione con il marito francesco bono ed il cognato michele dell agenzia di boves del consorzio agrario di cuneo profondo cordoglio ha destato la morte della pellegrino personaggio attivo e da sempre impegnato nella comunità bovesana attraverso opere di volontariato e di solidarietà da circa un mese giovanna pellegrino era ricoverata al carle di confreria a seguito della rottura del femore questo infortunio collegato ad una patologia respiratoria di cui soffriva da alcuni anni e contro cui ha sempre lottato con coraggio fede e forza di volontà ha causato complicazioni che hanno portato al davvero di tutti è stato il lutto della piccola comunità di san giacomo ormai sulla cinquantina di componenti anche se un paio di famiglie si sono trasferite ci dicono nella frazione montana negli ultimi mesi in valle colla il funerale martedì pomeriggio 27settembre è deceduto improvvisamente malore che ha preceduto settimana di ricovero una dei più giovani e rappresentativi residenti tenacemente attaccato a quella difficile terra dovilio dalmasso classe 1962 quarantanovenne appena una morte che segue di pochi anni quella tragica in infortunio del padre lasciando soli con una delle maggiori stalle della valle i fratelli felice e fiore e la madre maria detta dla tuma addio festa 4 novembre no vedere l anemone arancione con la scuola di pace venerdì 4 novembre 2011 di persone che a londra rio de anniversario della fine della guerra 1915-18 e la festa delle forze non arcampagne di sensibilizzazione per mate vi sarà incontro orgli animali ganizzato dalla scuola di pace con canti contro la guerra letture riflessioni alle ore 21 al borelli interverrà il cantautore fausto sione internazionale delle balene amodei musei aperti la prima domenica del mese domenica 6 novembre il internazionale si trova nel sito di comune di boves assessorato alla cultura invita alla mensile giornata normalmente la prima domenica vivere l immenso ambiente del di apertura dei musei dalle ore 15 alle ore 17 museo della resistenza a cura tol iniziativa messaggeri del mare dell associazione equinozio d autunno e il museo del reranno la rotta dei cetacei per la fungo e di scienze naturali info biblioteca civica anna maria sciacca 0171.391834 0171.391850 ascoltando la vita a bordo con il decesso al funerale ha partecipato l intera comunità per rendere omaggio ad una donna esempio di serietà bontà e generosità e per portare conforto al marito francesco ai figli mariangela e diego e ai quattro nipotini a cui nonna giovanna era affezionatissima e per i quali si è interessata fino al suo ultimo giorno di vita.

[close]

p. 8

8 il giornale di boves borgo s dalmazzo peveragno chiusa p e valli ottobre 2011 sole e partecipazione a settembre per sport in piazza promozione ghe con una prestazione cinica chiude il primotempo sul 2 a 0 turini e macagno e nella ripresa triplica con quaranta rendendo vana la reazione del roero che accorcia due volte le distanze cavour pedona 1-1 il campionato del pedo e mette i brividi ai borgarini na inizia con un punto che accontenta la squadra di prima categoria macagno che passa in vantaggio con parola all 11 del secondo tempo ma viene raggiunto quasi subito e le boves/mdg v stura 4-1 due squadre si accontenta esordio con il botto per i bono vesani che superano agevolmente la matricola valle pedona revello 1-0 stura in vantaggio con sildavanti al vestro i bovepubblico amisani mettono co il pedona al sicuro il ottiene una risultato con bella vittouna doppietta ria contro il di politano e coriaceo rela rete di pevello iniziapino solo nel no meglio gli finale il goal ospiti ma il della bandiepedona ha il merito di non ra degli avversari disunirsi e con il passare dei minuti si fa intraprendente racconigi-boves/mdg 3-1 ed al 41 turini realizza su inatteso passo falso dei calcio di punizione nella bovesani che partono forte ripresa i borgarini reclama andando in rete con politano un rigore e controllano no e sfiorando il raddoppio il match festeggiando i tre con pepino dopo lo sbanpunti damento il racconigi si riorganizza ed il boves si fa carmagnola pedona 1-0 schiacciare e capitola al 20 un pedona sfortunato esce sul finire del tempo i pasconfitto sul campo del droni di casa raddoppiano carmagnola dopo aver gio nella ripresa cerrato para cato un buon incontro già un calcio di rigore mentre un pareggio poteva sem i compagni falliscono duebrare un risultato ingene buone occasioni per paregroso ed invece allo scadere giare ma sono invece gli avun calcio di rigore condanna versari a chiudere la partita i borgarini boves/mdg-villanov 3-2 pedona-piscinese riva 0-1 cinque reti spettacolo e secondo passo falso con brivido finale nella partisecutivo nel turno infraset ta contro il villanovetta la timanale i borgarini non squadra di volcan parte forriescono ad esprimersi con te e va in rete con dalmasso efficacia e si fanno superare e politano gli ospiti accordagli avversari ciano le distanze ma all inizio della ripresa un rigore grugliasco pedona 1-2 di politano riporta avanti di dopo due sconfitte il pedo due reti i locali ma il villana ritorna a vincere grazie novetta è un osso duro ed al ad una bella doppietta di 20 si riporta sotto facendo quaranta borgarini in dif tremare i padroni di casa ficoltà ad inizio gara con il sino al triplice fischio finale grugliasco in vantaggio al 12 il pedona pareggia al boves/mdg bisalta 1-0 25 su calcio di rigore nella il primo derby stagionale fra ripresa i padroni di casa re boves e bisalta è ad appanstano in nove consentendo naggio dei padroni di casa ai borgarini di festeggiare la a decidere la partita una vittoria grazie ad uno splen discesa sull out di amos dido colpo di testa del suo pepino che centra una palla bomber per politano che difende la sfera ed insacca di potenza roero pedona 2-3 la gara non è spettacolare pedona corsaro nelle lan il gioco è spesso interrot pedona in altalena il boves vola to il bisalta gioca in modo aggressivo impedendo alla squadra di volcan che continua a fare il turnover con i suoi giocatori di esprimersi come può ma i bovesani anche grazie ad un buon vercellone non si fanno sorprendere e festeggiano tre punti ed il primato in classifica in coabitazione con la caramagnese s.sebastiano-boves/mdg 0-3 il boves senza entusiasmare vola in testa alla classifica con la vittoria che porta la firma di barale doppietta e di politano al sesto goal stagionale bisalta già in affanno caramagnese bisalta 3-1 la neopromossa caramegnese mette in difficoltà il bisalta nonostante i nuovi acquisti caldano e pellegrino dopo un inizio equilibrato i padroni di casa sul finire del primo tempo rompono gli indugi e sbloccano il risultato mentre spada fallisce una grande occasione nella ripresa caramegnese ancora in rete due volte nel giro di 7 minuti mentre la rete del bisalta di stivala arriva solo a fine partita bisalta genola 0-2 alla squadra di bindi non riesce il rimbalzo dopo la sconfitta di caramagna il genola sblocca subito il risultato e nonostante la buona prova di un intraprendente riba i padroni di casa non riescono a pungere e quando lo fanno con stivala l arbitro annulla la rete nella ripresa il genola mette al sicuro il risultato centallo bisalta 1-1 primo punto per il bisalta che riacciuffa il pareggio in pieno recupero dopo un primo tempo equilibrato il centallo sblocca il risultato la reazione della squadra di bindi si concretizza meritatamente con il rigore di stivala al 47 bisalta racconigi 1-0 prima vittoria per la squadra di bindi grazie all opportunismo di alberto giordanengo che regala tre punti preziosi in una partita combattuta con due espulsi l assessorato allo sport ha distribuito in collaborazione con la cassa rurale premi a sorteggio ai bambini partecipanti alla annuale giornata di sensibilizzazione verso le attività sportive in piazza caduti il pomeriggio di domenica 11 settembre erano presenti varie associazioni cittadine dal calcio al tennis alla pallacanestro alla ginnastica e danza alle arti marziali dallo judo dello yamato al wing tsun al ciclismo alla corsa che hanno dato dimostrazione delle loro attività nonostante domenica molto intensa con appuntamenti in ogni centro della zona come sempre capita a fine estate dopo le ferie alla vigilia dell apertura delle scuole buona è stata la partecipazione dei giovanissimi da questa settimana i vari sodalizi riprendono dopo la pausa estiva la loro attività normale di corsi grande partecipazione a parco parquet mountain bike boves run giovanissimi ai cerati duecentotrenta alla non competitiva anche a boves sono molto numerosi gli appassionati di mountain bike cresciuti grazie all impegno della società bisalta bike che attraverso corsi li avvia all attività parallelamente si svolgono manifestzioni come quella di domenica 4 settembre a madonna dei boschi la gimkana in mountain bike categoria giovanissimi promozionale esordienti nonostante condizioni meterologiche tutt altro che favorevoli ha visto la partecipazione di otre centotrenta giovani atleti che in giorno assolato sarebbero stati ben di più viste le centoventi pre-iscrizioni provenienti da tutta la regione e dalla valle d aosta nel pomeriggio si sono svolte le premiazioni anche a livello provinciale essendo questa ultima di serie di gare estive con vari giovani bovesani in risalto i saluti dell amministrazione sono stati portati dall assessore allo sport sergio giordano boves kamp ­ sono stati oltre 230 i podisti che si sono dati appuntamento lo scorso 7 settembre ai cerati per la x edizione della corsa podistica di corsa con gli alpini a tavola manifestazione organizzata dall asd boves run in collaborazione con la sezione ana cittadina 5,2 km la lunghezza del percorso della competizione degli adulti tre itinerari diversi invece per i più piccoli dall asilo alle scuole medie alla fine come consuetudine cena presso la sede della locale sezione ana e premi per le società più numerose con riconoscimenti alla podistica buschese 40 iscritti dragonero 15 podistica valle grana 13 mentre la società di casa con 38 partecipanti ha come sempre rinunciato a ritirare il riconoscimento per favorire gli ospiti prossimo appuntamento promosso da boves run sara il consueto appuntamento natalizio con la corsa natale di solidarietà .

[close]

Comments

no comments yet