Giornalino Poeti Nostri Ottobre 2011

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

giornalino foglio informativo della parrocchia e del gruppo poeti nostri di cittadella del capo ottobre 2011 in perpetuum parrocchia san francesco di paola in cittadella del capo pasquale filippelli È quanto ha disposto il nostro vescovo nel 1963 veniva redatto il primo progetto per mons leonardo bonanno con decreto numero la realizzazione del complesso parrocchiale 41/2011 del 29 settembre scorso entrato in denominato san michele arcangelo e la vigore il 1° ottobre corrente trattasi di evento nascente vicaria prendeva la medesima straordinario per la parrocchia cittadellese denominazione intitolata ora per sempre al glorioso il 25 marzo 73 fu consacrato e inaugurato il taumaturgo paolano nostro venerato santo nuovo edificio di culto che venne elevato a patrono chiesa parrocchiale con il titolo ss nel preambolo del suo decreto l illustre annunziata trasferito dall estinta parrocchia presule ha scritto fra l altro di aver di serra di leo in comune di mongrassano constatato che la popolazione di cittadella logicamente assieme al titolo dovevano passare in dotazione a cittadella anche i beni del capo nella sua quasi totalità composta da patrimoniali arredi statue e quant altro della famiglie di marinai ha nutrito e nutre parrocchia soppressa a serra di leo ma ciò particolare devozione verso il santo della non avvenne carità patrono della calabria e della gente di nel 2003 subentrato al rev don ferdinando mare san francesco di paola e ne è prova il longo qui dal 1958 il rev don giovanni celìa fatto che la statua attualmente conservata e questi si attivò a che la nostra parrocchia venerata nella chiesa di san michele venisse intitolata al celeste patrono san acquistata dai pescatori del luogo nel 1920 francesco di paola verso cui ben radicata e rappresenta il santo in procinto di attraversare capillare risultava essere la devozione dei miracolosamente lo stretto di messina della parrocchia cittadellese il sottoscritto cittadellesi come dimostrato dalla grande ha trattato nel capitolo 35 dell opuscolo fatti festa che da circa un secolo si celebra nostri da lui pubblicato nello scorso mese di annualmente in suo onore giugno ha premesso alle note storiche attinte la suddetta proposta di nuova intitolazione dai registri della chiesa matrice che non ha avuto seguito fino al 29 settembre l argomento sarà prossimamente sviluppato in scorso allorché il nuovo vescovo su formale una monografia a cura del nostro parroco istanza e relazione del parroco can celìa ha canonico don giovanni celìa il quale potrà provveduto a emanare il decreto citato utilizzare alla bisogna le ricche fonti della all inizio con il quale si dispone che in curia vescovile di cui è vicecancelliere e perpetuo il titolo della nostra parrocchia sarà segretario san francesco di paola in cittadella del fino al 1927 anno di costruzione della capo chiesa di san michele su una superficie donata illustrando dall altare il decreto vescovile dal nobile pasqualino de aloe non esistevano don giovanni si è premurato di precisare che luoghi di culto pubblici a cittadella i fedeli l intitolazione della parrocchia al santo venivano ammessi nella piccola cappella paolano non costituisce diminutio di privata del n.h mario de aloe in determinate devozione verso la mamma celeste ben lo circostanze quali novene e feste di san dimostrano gli eventi di questi anni giovanni battista e di san gaetano dall affresco mariano sulla parete centrale a partire dal 1929 vennero assegnati alla della chiesa madre all ingresso della chiesa di san michele all uopo costituita in madonnina di fatima nella chiesa di san ufficio coadiutoriale alle dipendenze della michele dai pellegrinaggi a cittadella della parrocchia di cirimarco dei sacerdoti reggenti madonna del rosario da bonifati e della nell ordine fino agli anni cinquanta agostino madonna del pettoruto da san sosti alle rugiero gustavo lo gullo carlo fabiani peregrinatio mariane annuali nei rioni guido giglio pio del trono michele viggiano cittadellesi alla memorabile visita della statua e umile feraco pellegrina di fatima durata nove giorni nel

[close]

p. 2

maggio scorso e collegata alla dedicazione del piazzale attiguo alla chiesa naturalmente tutta la comunità cristiana cittadellese ha espresso soddisfazione e gratitudine per la decisione assunta dal nostro amato pastore diocesano pasquale filippelli pellegrinaggio a lourdes lunedì 19 settembre con un piccolo gruppo della nostra parrocchia accompagnati dal nostro parroco don giovanni celìa ci siamo uniti ad altri fedeli delle parrocchie di scalea belvedere e cetraro per un pellegrinaggio a lourdes dopo esserci radunati all aeroporto di lamezia terme e dopo il disbrigo delle formalità d imbarco siamo partiti per lourdes dove siamo giunti intorno alle 11 con l aiuto di nostra signora di lourdes tutto è andato per il meglio e già nel primo pomeriggio nonostante la stanchezza tutti hanno partecipato alla sentita via crucis tutti però con ansia aspettavamo di fare la prima visita alla grotta delle apparizioni che penso sia stato il momento più emozionante in particolare per quelli che si recavano a lourdes per la prima volta lì in quel posto così silenzioso anche se sempre gremito di gente di ogni razza si sente la presenza di nostra signora in ogni gesto in ogni movimento ci si rende conto di quanto miseri si possa essere e che la preghiera e il mettersi a disposizione per chi è meno fortunato di noi è l unica cosa che conta non può lasciare indifferenti infatti la presenza di tanti ammalati che pur nella sofferenza trasmettono quella serenità di cui tutti noi siamo alla ricerca troppo presi dal tran tran della vita quotidiana spesso perdiamo di vista i veri obbiettivi della vita di un buon cristiano e sono questi momenti di preghiera e di comunione col signore che ci fanno ricordare quanto bello sia donare agli altri incondizionatamente senza pretese alcune le giornate a lourdes sembrano correre veloci così veloci da non sentirsi stanchi dopo aver camminato per chilometri così entusiasti anche a sera tanto da desiderare che la notte passi in fretta per avere la possibilità di conoscere il più possibile e di poter gustare dei momenti di preghiera unici e indimenticabili in quei luoghi santi ogni luogo ogni esperienza è impregnata di un incredibile spiritualità la processione eucaristica che si svolge all aperto e si conclude nella basilica sotterranea di s pio x è la celebrazione fondamentale e nello stesso tempo la più incisiva delle funzioni lourdiane ma quella che è senza dubbio la più suggestiva è la fiaccolata processione di luce e di fede che ogni sera si svolge nella grande piazza e termina davanti al sagrato della basilica tutti tengono in mano una piccola candela e mentre si cammina si recita il santo rosario con il canto dell ave maria in tutte le lingue il bagno nelle piscine è stata per noi l esperienza più forte quest acqua che non ha particolari proprietà possiede una virtù speciale è capace di guarire i mali bere di quell acqua portarne via o lavarsi sono gesti di fiducia in dio bagnarsi nell acqua delle piscine rappresenta un momento di rafforzamento della fede ci si immerge nella sorgente dell immenso amore di dio e ci si depura dai peccati alla gioia provata nel fare tutte queste esperienze si è aggiunta poi la grande emozione per noi come famiglia di partecipare alla messa del mercoledì celebrata in tutte le lingue e presieduta dall arcivescovo di toledo nella quale fra tanti pellegrini presenti abbiamo avuto il privilegio di partecipare attivamente credo che questa sia stata un esperienza incredibilmente bella ed auguro a tutti di farla almeno una volta nella vita carmela quintiero ferraro presidente dell associazione a.v.s.p dedicata ai gatti la poesia di un poeta greco intitolata dopo ci saranno anche loro ci saranno proprio tutti verranno con le code ritte a strusciarmisi alle gambe a far le fusa sulle mie ginocchia loro sì che mi mancano ogni giorno ci saranno anche loro se c è dio e se è bontà infinita a ciascuno di loro appresterà il proprio paradiso ci saranno anche loro tutti quanti nikos dimous dedicata nel 1993 alla gattina di casa che mia figlia cristina aveva portato da belvedere nell agosto dell anno precedente monny 92 bella monny tigretta figlioccia di cristina tu comandi regina

[close]

p. 3

nella nostra casetta sei venuta d agosto da buon vento portata esitasti all entrata imperiosa il tuo posto poi corresti a tenere nella casa nel cuore a ravvivar le ore di giornate di sere ch erano spente amare con te con skiffy grate esse son diventate si sono fatte chiare monny aggiuntasi al cagnolino skif entrato a far parte della famiglia nel gennaio del novantadue è tuttora vivente pasquale filippelli erato ispira amor profano poesia della coordinatrice del gruppo poeti nostri immenso amore era un luglio afoso quell anno e la tua dolcezza era infinita il cielo coperta di stelle su di noi e il frinire silenzioso di cicale impertinenti e il cri cri di grilli canterini musica incessante ai ritmi dei nostri cuori il caprifico e i rovi generosi di more non colte intorno a noi nel buio profondo della sera testimoni ignari del nostro amore attimi sublimi suggellarono quella sera un grande meraviglioso immenso amore maria rosaria marra cittadellese poesia di uno dei 29 membri del gruppo poeti nostri temporale sotto un cielo nuvoloso la mente si perde in un ricordo di gesti e colori di un tempo passato scendendo ti saluto con la poca voglia con il mistero e l ansia che ho dentro poi ti guardo e non mi sembra vero la testa comincia a girare gli occhi lucidi fan finta di guardare altrove fuori il cielo si fa scuro le onde del mare bagnano il cancello di una casa costruita male io penso ancora a quella sera io ti penso luigi addario bonifatese poesia di un altro membro del gruppo poeti nostri ho pensato a te ho pensato anche a te ti ho pensato tanto mia vita avrei voluto abbandonarti in quel luogo solitario dove il tempo non ha fine seduto su quella rupe al calar della sera con gli sguardi che miravano orizzonti infiniti il sole chiudeva gli occhi al giorno penetrando nelle tenebre della notte mi resi conto che tutto ciò non era che un sogno della vita un sogno che può nascere e morire nello stesso tempo con te mia vita in quel luogo ho voluto svelare il mio segreto vincenzo ierardi di cirimarco nostro signore ispira amor sacro poesia del parroco di cittadella appartenente al gruppo poeti nostri a gesu eucaristia e ti vengo a cercare perché con te io sto bene

[close]

p. 4

nel buio della notte la tua luce illumina il mio cammino la tua parola mi dà gioia la tua presenza mi dà sicurezza e ti vengo a cercare o gesù non mi stancherò di dirlo e di farlo e con il salmista esclamerò non nascondermi il tuo volto mentre io continuo a cercare te luce che mai si spegne can don giovanni celìa tutti i componimenti riportati in questa pagina sono tratti da volumi di poesie pubblicati il premio poeti nostri del 2005 alla 4 edizione del nostro premio vinsero elisa papa per la sezione alunni di 5 elementare e umberto de maio per la sezione alunni di 3 media le operazioni del concorso riservato agli allievi dell istituto comprensivo di bonifaticittadella giovanni rizzo diretto all epoca dal prof leopoldo di pasqua si svolsero a scuola nell ultimo mese dell anno scolastico i premi per complessivi 1.200 furono messi in palio dall amministrazione comunale allora guidata dal sindaco antonio goffredi la manifestazione diretta e presentata dai coniugi maria rosaria marra e pasquale filippelli ebbe luogo nella sala polivalente di via mazzini il 24 agosto 2005 scintilla di fuoco guardo una scintilla solitaria alzarsi verso il cielo È come il calore di una mano che mi accarezza la scintilla sorride la legna continua a bruciare felice di aver dato calore io chiudo gli occhi per sognare e vedo la scintilla che corre lontano portata dal vento per riscaldare d amore il cuore di un bimbo nel gelo elisa papa 5 elem per il fratellino scomparso voglio conoscere la pace vado in cerca per le strade e mi chiedo ma cos è la pace vedo un anziano e gli chiedo sai cos è la pace no ma conosco sua sorella la guerra vedo un uomo di colore e gli chiedo sai cos è la pace no ma conosco suo fratello il razzismo torno a casa e mi chiedo ma esiste la pace la mia domanda rimane senza risposta forse esiste bisogna solo cercarla in ognuno di noi umberto de maio 3 media poesie tratte da recenti pubblicazioni di nostre compaesane le stagioni un ricordo ormai molto lontano mi avvolge e mi porta a fantasticare là dove il tempo non esisteva e la vita tutta danzava con i suoi colori un soffio di nostalgia bagna i miei occhi poiché erranti noi siamo e senza più stagioni questo tempo ci prende ci spoglia ci divora rendendoci orfani del presente e prigionieri del domani mariella de napoli bonifatese da il soffio delle emozioni quando quanta gioia ho nel cuore quando sento parlare di te quanta voglia di starti vicino quando non posso vederti quanta tristezza nei miei occhi quando ti vedo e non posso parlarti quanto dolore ho nel mio cuore quando apro la porta e tu non ci sei ines favorita cittadellese da granelli di sabbia parole parole tenute dentro nascoste triturate cancellate parole di rabbia di odio tumori parole che adesso escono fuori come fiori come fiori e la parola più bella è una rosa la parola dio salvatore filippelli del gruppo poeti nostri la poesia del 1992 è tratta dal volume m arricurdu edito nel 2005.

[close]

p. 5

plessi e aule da alcuni anni stiamo sollecitando la dedicazione di plessi e/o aule del nostro istituto scolastico funzionante nelle varie località del comune di bonifati la vecchia richiesta d intitolazione dell istituto comprensivo all illustre compaesano scomparso avv giovanni rizzo ex sindaco promotore nel 60 dell istituzione della scuola media è stata soddisfatta e ne siamo grati al consiglio d istituto al collegio dei docenti e all amministrazione comunale pro-tempore vorremmo ora che si realizzasse anche l istanza che è di tutta la comunità civile bonifatese della dedicazione di sedi e locali singoli tante volte abbiamo segnalato nominativi di benemeriti ex insegnanti defunti a cominciare da teresina barbieri ed eugenio tieso andrà la richiesta a buon fine intanto ringraziamo dell eventuale attenzione che il dirigente scolastico e gli organi collegiali competenti vorranno dedicare alla questione maria rosaria marra filippelli coordinatrice gruppo poeti nostri addio carissimo amico mario pivetta molti si sono chiesti chi fosse quel mario pivetta di cui veniva annunciata la scomparsa a pordenone con un manifesto affisso a fine settembre nel nostro paese ebbene egli era nato a cittadella nel `43 e qui ha vissuto fino agli ultimi anni quaranta era il primogenito del friulano antonio pivetta e della cittadellese esterina rugiero sorella maggiore quest ultima dei compianti peppino e sestina rugiero per qualche anno mario mi è stato compagno di giochi poiché eravamo dirimpettai in via ruggero di lauria che ora si chiama via pisacane eterna pace a te mio caro amico sit tibi terra levis pasquale filippelli lutto lo scorso 27 luglio è venuto a mancare all affetto della moglie savina zottola dei figli lena tonino e anna maria degli altri numerosi familiari e dell intera comunità cittadellese giuseppe mazzitelli di anni 79 era persona amata e stimata da tutti uomo di profonda religiosità legatissimo alla famiglia gran lavoratore rispettoso dei doveri civici e morali il caro giuseppe lascia di sé vivissimo rimpianto le sue belle virtù sono state ben messe in evidenza dal parroco don giovanni celìa e dall amico condomino pasquale filippelli nel corso delle esequie che si sono svolte il 29 luglio nell antica chiesa matrice di san michele dove savina e giuseppe celebrarono più di mezzo secolo fa le loro nozze all estesa cerchia parentale dello scomparso le nostre più vive condoglianze lutto genetliaco auguri a un amico pei suoi primi anta un baldo giovine di cittadella atleta e musico presenza bella gentil persona che qui tutti incanta or non è guari ha superato gli anta arrida a te la sorte caro amico il nome mio no che non lo dico È scomparsa l 11 settembre a besano in provincia di varese la 91enne nostra compaesana gaetana marta napolitano vedova rinaldi emigrò con la famiglia il marito carmine i figli silvio franco valentino e tiziana tanti e tanti anni fa nel suddetto paese del prospero varesotto dov è rimasta poi fino alla morte assistita ultimamente in casa della figlia tiziana marta veniva puntualmente a cittadella per trascorrere serenamente le vacanze estive con i parenti e rinverdire ricordi con i vecchi amici non mancava ogni volta di rinnovare antiche consuetudini fra cui piccole provviste alimentari con ortaggi e frutta del suo podere di contrada parise salse e confetture gustate con parsimonia a besano in inverno avrebbero ricordato a lei stessa e ai suoi cari gli odori e i sapori della propria terra io e i miei familiari abbiamo avuto indimenticabili rapporti di buon vicinato con i rinaldi negli anni cinquanta e sessanta i legami di amicizia fra i due nuclei divennero di affinità nel 71 a seguito di un matrimonio anche per questo motivo la dipartita di marta è stata molto dolorosa per me ed i miei congiunti le spoglie della cara estinta sono state trasferite a cittadella e riposano ora accanto a quelle del marito e della mamma riposano fra quelle di tanti amici e parenti alla garrùbba carruba come a noi piace ancora chiamare la località del nostro piccolo camposanto pasquale filippelli

[close]

p. 6

addio a giancarlo zizola il 14 settembre è morto improvvisamente a monaco di baviera il famoso giornalista e scrittore giancarlo zizola docente universitario illustre vaticanista e conferenziere amico di cittadella del capo dove veniva spesso durante l anno a rilassarsi e sempre d estate a trascorrere le vacanze nella sua casa di contrada zilletta il prof zizola è stato per circa mezzo secolo un gradito villeggiante nel nostro piccolo paese egli amava così tanto cittadella da disporre che qui venissero traslate post mortem le sue ceneri quand era in calabria zizola si prestava ben volentieri a presiedere convegni e moderare dibattiti specialmente nei centri della nostra riviera la sua profonda cultura era apprezzata in tutta la zona il suo forbito eloquio deliziava dovunque le affollate platee i cittadellesi lo hanno ammirato per l ultima volta in piazza giannino losardo il 6 agosto allorquando per conto del circolo culturale città di fella del quale era sostenitore diresse da par suo un seminario sulla convivenza pacifica tra le religioni che fece registrare la partecipazione di numerosi residenti e turisti e l intervento di illustri personaggi a cominciare dal vicario del vescovo per la pastorale mons cono araùgio zizola era membro dell associazione radici dei nostri compaesani che vivono nella capitale il cui presidente comm luigino fiorillo ha scritto fra l altro in una e-mail diretta ai soci appena appresa la notizia della scomparsa del grande giornalista e scrittore il nostro socio giancarlo zizola ha condiviso sin dalla fondazione gli scopi della nostra associazione e ha sempre offerto la sua piena collaborazione in seno al consiglio direttivo con l obiettivo di far crescere la nostra comunità bonifatese a cui era legato da tantissimi anni il prof zizola pur abitando lontano dal nostro paese era sempre attento e interessato agli eventi soprattutto religiosi e culturali che vi si svolgevano nell ottantasette scrisse per famiglia via crucis e le sue sacre rappresentazioni un intera pagina su panorama di cui era collaboratore così come lo era anche dell espresso e di tanti altri periodici e quotidiani nazionali le ceneri di giancarlo zizola riposano come detto nel cimitero di cittadella dove sono giunte lunedì 26 settembre l accoglienza da parte dei cittadellesi e degli amici venuti da fuori è stata affettuosa e commossa la santa messa di suffragio è stata presieduta dal nostro parroco can don giovanni celìa e concelebrata dal parroco di acquappesa don giacomo minervino il quale ha tenuto l elogio funebre dello scomparso di cui era un grande amico ed estimatore a roma le esequie erano state officiate dal cardinale roger echegaray nella basilica di santa maria in trastevere il 17 settembre zizola che aveva intitolato uno dei suoi tanti libri nel basso dei cieli vive ora ne siamo certi nella luce di quell alto dei cieli ch è destino e immancabile meta degli uomini generosi e giusti pieffe ricordo di giancarlo zizola il famoso giornalista e scrittore che amava cittadella l ho visto per l ultima volta il 6 agosto di quest anno alla manifestazione svoltasi alla marina nella ricorrenza del 66° anniversario della bomba di hiroshima quella sera con la consueta maestria zizola diresse un importante dibattito sulle religioni al quale parteciparono fra i tanti altri il vicario episcopale per la pastorale mons cono araugio l ex corrispondente rai dal giappone mirella converso il responsabile della moschea di scalea mohamed boualam il dottor massimo converso la poetessa anna mazzitelli e la dott.ssa cristina filippelli a poco più di un mese da quell evento io e altri amici ed estimatori di giancarlo abbiamo accolto nella chiesetta di san michele l urna con le sue ceneri portata all altare stretta stretta al cuore con viva emozione da suo figlio maria rosaria marra lutto sabato 24 settembre s è involata al cielo l anima eletta dell anziana signora rita tramontano vedova dell indimenticabile nostro amico ferdinando mandato il quale fu per molti anni vicepresidente del consiglio pastorale parrocchiale e animatore di manifestazioni religiose e culturali a cittadella e altrove donna rita era amata e stimata da tutti per le sue eccelse doti di mente e di cuore religiosissima e ligia ai doveri domestici civici e morali ha costituito e costituirà a lungo per noi un fulgido esempio di virtù da imitare alle figlie giulia antonietta e laura e agli altri numerosi familiari le nostre più sentite condoglianze p.f

[close]

p. 7



[close]

Comments

no comments yet