Bilancio Sociale 2010

Embed or link this publication

Description

Bilancio Sociale 2010

Popular Pages


p. 1

2010 bilancio sociale

[close]

p. 2

2010 bilancio sociale

[close]

p. 3

indice introduzione identità lettera del presidente lettera del vice presidente nota del tesoriere nota del direttore generale la nostra storia valori e missione obiettivi strategici scenario di riferimento il sistema federmanager assetto istituzionale governance associativa organizzazione bilancio sociale 2010 2 4 8

[close]

p. 4

relazione sociale relazione economica i nostri stakeholder i collaboratori interni gli associati il sistema politico istituzionale le parti sociali lo stato patrimoniale il conto economico l impiego delle risorse 36 60 bilancio sociale 2010 3

[close]

p. 5

lettera del presidente pensavamo che il 2010 potesse essere l anno dell inizio dell uscita dal tunnel l anno della ripresa della nostra economia e del riassorbimento della tanta troppa disoccupazione manageriale e non purtroppo così non è stato ed al prolungarsi della crisi economica e finanziaria crisi che la politica non ha saputo governare si è accompagnata una crisi parallela determinata da una caduta verticale di principi valori senso etico e responsabilità individuale e collettiva tutto quanto sopra non può però esimerci dall operare una giusta verifica se anche noi dirigenti come corpo sociale come componente della classe dirigente del paese e come organizzazione di rappresentanza non si abbia una qualche responsabilità una responsabilità per non aver fatto detto e proposto quanto necessario per contribuire alla ricerca delle soluzioni più giuste nell interesse del paese dobbiamo chiederci se quella metamorfosi che abbiamo promesso due anni fa assumendo la presidenza di federmanager si sia riusciti ad avviarla o meno dobbiamo chiederci se la trasformazione da sindacato a parte sociale siamo riusciti ad avviarla se siamo riusciti con la nostra azione di tutti i giorni a conciliare la legittima tutela dei nostri interessi con la valorizzazione del nostro ruolo sociale con la nostra volontà di essere parte attiva del dialogo sociale personalmente ritengo che un attenta lettura di questo nostro bilancio sociale possa consentire una valutazione sufficientemente positiva e comunque funzionale a quanto sopra possa consentire di capire e valutare lo sforzo fatto per offrire ai dirigenti industriali ai quadri e alle alte professionalità che a noi fanno riferimento strumenti di crescita tutele e orientamenti culturali coerenti con le loro attese penso si possa cogliere se e come si sia riusciti a proporci alla politica e al mondo imprenditoriale come partner con cui è interessante ed utile confrontarsi dal bilancio sociale 2010 si può e si deve cogliere che siamo a metà di un percorso di trasformazione certamente non facile ma obbligato difficile ma coerente con le attese del management e della società che a noi guarda aspettandosi proposte contributi soluzioni ma non ci siamo limitati a questo grande è stato l impegno per recuperare unità d intenti per dare concreta attuazione alle intese contrattuali per avviare un processo di riorganizzazione a livello centrale e territoriale per rafforzare l azione di indirizzo e supporto nei confronti degli enti categoriali fasi fondirigenti previndai ecc sia bilaterali che non altrettanto forte è stata l azione federale a sostegno della cida mirata al recupero di una relazione più funzionale con manageritalia al fine di porre le premesse per la crescita di un unico grande soggetto rappresentativo di tutto il management pubblico e privato come ho detto prima abbiamo iniziato un viaggio che ci propone altre tappe quello che abbiamo fatto nel 2010 anno centrale di questo mandato è stato ed è importante perché ha tracciato una linea guida che ci vincola e che è quella del rinnovamento del cambiamento della responsabilità giorgio ambrogioni bilancio sociale 2010 4

[close]

p. 6

lettera del vice presidente ritengo utile alla luce degli eventi che stanno caratterizzando significativi cambiamenti sociali e politici nel sistema delle imprese in cui operiamo citare alcuni stralci del mio intervento come vicepresidente neoeletto al congresso di federmanager di dicembre 2008 non possiamo sottovalutare l esigenza di allineare la nostra organizzazione ad una visione fondata su sinergie e regole del gioco ispirate allo scambio aperto inter-associativo delle migliori prassi immaginatevi l effetto esponenziale che può avere una best practice realizzata con successo nella più piccola delle nostre associazioni e replicata con i dovuti adeguamenti di scala a milano o torino o roma l introduzione di innovazioni in grado di stimolare la distribuzione aperta e diffusa dell informazione richiede iniziative semplici ed a basso costo con le quali potremo rendere finalmente efficace l azione di proselitismo federmanager oggi annovera circa 60 associazioni territoriali caratterizzate da una propria visione delle priorità in funzione del contesto industriale sociale e culturale in cui operano di questa diversità abbiamo colto la complessità del coordinamento ma non le potenzialità di una rete capillarmente distribuita sul territorio nazionale eppure il concetto di rete è alla base delle strategie di tutte le grandi organizzazioni la commissione europea nel contesto del programma di sostegno all internazionalizzazione delle imprese pone in pole-position proprio la promozione della rete queste riflessioni derivanti dall esperienza maturata in sistemi industriali internazionali operanti allo stato dell arte ma applicabili almeno in parte nella governance delle reti d impresa ­ il new deal per la sopravvivenza delle nostre pmi ­ ed in associazioni di rappresentanza ad alta complessità come federmanager hanno inevitabilmente generato perplessità e scetticismo nel contesto pre-crisi di due anni fa se il primo anno e mezzo di questa consiliatura ha visto buona parte delle risorse federali focalizzata sui delicati temi del rinnovo di un contratto complesso e fortemente innovativo e sul lancio di alcune iniziative strategiche tra le quali desidero citare l inclusione dei quadri apicali e la formazione manageriale attraverso la creazione di federmanager academy che mi hanno personalmente coinvolto a partire dal secondo semestre del 2010 si è dato inizio all ammodernamento del sistema comunicativo di federmanager siamo passati dalla carta stampata a strumenti moderni molto più rapidi flessibili e facilmente fruibili in rete da parte degli iscritti è emblematico che questo cambiamento radicale abbia incrementato l efficacia della comunicazione strumento fondamentale per il successo di qualsiasi associazione di rappresentanza contestualmente con una rilevante riduzione dei costi la qualità è un investimento e non un costo addizionale e sulla qualità del proprio operato federmanager ha investito e sta investendo molto abbiamo posto le fondamenta per una primavera federmanager che utilizzi la rete anche attraverso i social network e tutti i relativi benefici per rilanciare il tema delle sinergie interassociative e per rivitalizzare con criteri da terzo millennio la comunicazione con i dirigenti in servizio in particolare i giovani dirigenti che costituiscono realisticamente il futuro della nostra associazione siamo solo agli inizi di questo processo complesso di rinnovamento e non possediamo un feed back adeguato per confermare che abbiamo intrapreso la strada giusta tuttavia sono ancora più convinto trascorsi due anni che la rete rappresenti il game changer di federmanager nelle relazioni interne ed esterne per razionalizzare ed interagire in ottica costruttiva e non riduttiva con un sistema estremamente complesso e variegato di 58 associazioni per essere più visibili ed attrattivi verso l esterno per operare in tempo reale attraverso la semplificazione e la digitalizzazione dei processi operativi e soprattutto per fondare sull ascolto diretto di tutti i nostri stakeholder e non sull autoreferenzialità il nostro agire quotidiano giovanni bigazzi bilancio sociale 2010 5

[close]

p. 7

nota del tesoriere questa è la sesta edizione del bilancio sociale di federmanager essa rendiconta sulle attività svolte nel corso dell anno 2010 pur mantenendo l impostazione generale precedente sono state apportate alcune modifiche grafiche e non finalizzate a renderne la lettura più agevole ed efficace obiettivo della rendicontazione è comunicare ai portatori di interesse identità e valori della federazione i suoi criteri di governance gli obiettivi posti e i risultati raggiunti le modalità di gestione delle risorse economiche il documento mantiene un sostanziale collegamento alle linee guida del gruppo di studio per il bilancio sociale gbs www.gruppobilanciosociale.org con i necessari adeguamenti per tenere conto della specificità dell organizzazione di federmanager il periodo di competenza è l anno solare 2010 in linea con le modalità di elaborazione del bilancio di esercizio con alcuni riferimenti al triennio 2008-2010 qualora significativo il perimetro della rendicontazione è quello relativo alle attività svolte da federmanager in ambito nazionale per mezzo della propria struttura centrale e degli organi federali sono trattate in forma sintetica per mettere in evidenza i fatti rilevanti anche le attività concernenti gli enti categoriali facenti parte del sistema federmanager sia quelli di natura contrattuale costituiti tramite accordi bilaterali con le parti datoriali sia quelli di natura non contrattuale costituiti unilateralmente da federmanager informazioni più approfondite su tali enti sono disponibili consultando i siti web degli stessi il bilancio sociale è articolato in tre principali sezioni · nella prima si descrive l identità della federazione evidenziandone la storia l organizzazione le modalità di governance la missione le strategie e gli obiettivi · la seconda sezione costituisce la cosiddetta relazione sociale e si prefigge di mettere in evidenza le attività svolte dalle varie componenti del sistema federmanager a tutela della categoria · la terza sezione è la relazione economica e si propone di rendere conto sull acquisizione delle risorse sulla determinazione della quota disponibile al netto dei costi di gestione e su come le risorse disponibili siano state impiegate per lo svolgimento delle attività istituzionali i dati economici esposti nel documento sono ricavati dal bilancio di esercizio di federmanager approvato dal consiglio nazionale del 20 maggio 2011 alla redazione del documento si è dedicato un gruppo di lavoro appositamente istituito che con la supervisione della presidenza e della direzione generale ha provveduto alla raccolta delle informazioni e dei dati ed alla elaborazione dei testi a tutti i componenti del gruppo di lavoro e in particolare al collega alberto toniolo che lo ha coordinato vanno i miei più sentiti ringraziamenti giangaetano bissaro bilancio sociale 2010 6

[close]

p. 8

nota del direttore generale nel corso dell esercizio 2010 sono stati completati gli impegni contenuti nell accordo sottoscritto con confindustria il 25 novembre 2009 con tali misure si è reso pienamente attuativo l impianto del modello welfare to work che coniuga lo strumento di sostegno del reddito con le politiche attive di riorientamento professionale e di formazione per agevolare la ricerca di una nuova occupazione per i nostri colleghi ancora numerosi purtroppo che si sono trovati in difficoltà la novità più rilevante risiede però nella contrattualizzazione da parte di federmanager della nuova figura del quadro superiore nelle imprese del mondo confapi il ccnl stipulato da federmanager e confapi che regola in rapporto di lavoro dei dirigenti è stato ampliato con una sezione seconda che tende a intercettare quelle figure ­ numerose ­ presenti nelle nostre pmi che hanno ruolo e funzioni manageriali pur non avendone il riconoscimento civilistico si tratta di un apertura sul target dei quadri apicali che ­ ci auguriamo ­ possa avere effetti di contaminazione anche con altre organizzazioni o a livello aziendale d altra parte i modelli organizzativi delle imprese sono in fase di cambiamento così come i temi delle relazioni industriali e della rappresentanza sono in forte evoluzione sotto la spinta della globalizzazione e federmanager deve avere non solo la capacità di leggere in anticipo i fenomeni e saperli interpretare ma anche di coglierne le opportunità il fasi e l assidai il previndai fondirigenti e l associazione management club oltre a previndapi fasdapi idi e fondo dirigenti pmi sono esempi concreti di questa capacità che si è ulteriormente confermata prima con praesidium sul versante dei servizi e poi con federmanageracademy un asset strategico fondamentale per essere protagonisti su un segmento prioritario come quello della formazione manageriale iniziative che sono punti di eccellenza di cui la nostra categoria deve essere fiera non c è mai un punto di arrivo questo vale per anche per noi siamo a un nuovo punto di partenza anche se il lavoro fin qui fatto nell interesse dei colleghi e l apprezzamento di molti di loro ci dà fiducia e molta motivazione c è ancora molto da fare e non solo nell ambito delle attività di natura contrattuale e sindacale per essere un soggetto di rappresentanza sociale in grado di incidere sulle scelte del paese occorre non disperdere il faticoso lavoro di accreditamento sociale svolto in questi ultimi anni finalizzato ad un riconoscimento effettivo del ruolo sociale che spetta a questa categoria puntando a sviluppare forme di aggregazione aperte a tutte le alte professionalità il nostro cruccio rimane la comunicazione qui c è tanto da fare abbiamo sviluppato i nostri sistemi informatici con le migliori tecnologie rinnovato il portale siamo su linkedin ma non basta molte delle nostre iniziative non bucano l attenzione dei nostri associati o potenziali tali dobbiamo essere più veloci e incisivi e migliorare il nostro linguaggio l impegno mio e di tutta la struttura ­ che ringrazio per la grande dedizione e l elevata capacità dimostrata nel portare a compimento i non agevoli obiettivi ­ è quello di riuscire a mettere a disposizione di questa primaria categoria una organizzazione funzionale efficiente ed efficace ma soprattutto utile in ogni momento di vita del manager mario cardoni bilancio sociale 2010 7

[close]

p. 9



[close]

p. 10

identitÀ la nostra storia valori e missione obiettivi strategici scenario di riferimento il sistema federmanager assetto istituzionale e governance associativa

[close]

p. 11

la nostra storia dalla sua costituzione nell anno 1945 con la denominazione di associazione nazionale dirigenti di aziende industriali l associazione dei manager dell industria ha effettuato un lungo e significativo percorso di sviluppo nella rappresentanza e tutela dei propri aderenti la struttura federale e le regole statutarie hanno consentito sin dall inizio di assicurare la partecipazione dei sindacati e delle associazioni territoriali con le loro specificità e peculiarità alla gestione ed alla crescita della federazione come visibile più in dettaglio nella cronologia sotto riportata gli obiettivi e le azioni di federmanager si sono via via arricchiti di contenuti innovativi in particolare nel settore del welfare e della cultura e formazione manageriale rilevante è infine la recente inclusione nell area di rappresentanza di soggetti come i quadri aziendali di alto profilo ed i manager operanti in attività consulenziali la storia di federmanager testimonia nel suo complesso la capacità di rinnova mento della federazione e la sua attitudine a gestire i cambiamenti imposti dall evoluzione del sistema industriale nazionale per garantire il livello di prestazioni già erogato dal fasdai la fndai costituisce in forma unilaterale il fasi fondo assistenza sanitaria integrativa 1945 1946 nasce l associazione nazionale dirigenti di aziende industriali 1979 l associazione nazionale dirigenti industriali si trasforma in fndai federazione nazionale dirigenti di aziende industriali tra la fndai e le neo costituite associazioni dei dirigenti del commercio delle assicurazioni e del credito viene costituita la cida confederazione italiana dirigenti di azienda il fasi viene contrattualizzato e quindi cogestito con le organizzazioni imprenditoriali fndai propone a confindustria e confapi la costituzione di due fondi per la gestione della previdenza integrativa a capitalizzazione nascono previndai e previndapi fndai costituisce progetti manageriali srl ed affida ad essa compiti nel campo dell editoria del mercato del lavoro e dei servizi innovativi per iniziativa unilaterale di fndai nasce assidai fondo di assistenza sanitaria integrativo del fasi la fndai con l obiettivo di assistere i dirigenti interessati alla ricerca di nuove opportunità professionali dà vita alla operazione dirigenti in mobilità e promuove l apertura di 1990 1991 1953 la fndai promuove la trasformazione del proprio istituto previdenziale di categoria l inpdai in ente di diritto pubblico 1954 la fndai promuove per accordo sindacale la costituzione del fasdai fondo per l assistenza sanitaria dirigenti aziende industriali per legge vengono sciolte le mutue e viene costituito il servizio sanitario 1993 1978 bilancio sociale 2010 10

[close]

p. 12

sportelli territoriali per assistere i dirigenti dal 2001 gli sportelli territoriali diventano centri di orientamento e formazione manageriale da dirigenti industriali attraverso un patto associativo diventa la onlus di riferimento di federmanager per le attività rivolte al sociale 1995 2005 su iniziativa della fndai l idi ­ istituto dirigenti italiani ­ costituito nel 1973 dall aldai ­ associazione lombarda dirigenti aziende industriali ­ diventa ente nazionale cogestito da fndai e confapi per erogare servizi formativi ai dirigenti delle piccole e medie imprese così come previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro federmanager aon spa e assidai danno vita a praesidium una società di brokeraggio assicurativo incaricata di individuare e proporre servizi mirati alle esigenze specifiche della categoria viene costituita federmanager quadri con l obiettivo di proporsi come soggetto di rappresentanza sindacale culturale e valoriale dei quadri delle industrie italiane federmanager confindustria fondirigenti e luiss costituiscono amc ­ associazione management club ­ con un duplice obiettivo editare il rapporto annuale sulla classe dirigente del paese e promuovere occasioni di incontro e dibattito ad alto livello sui temi dell economia della società della cultura d impresa 1996 in concomitanza con l anno europeo della formazione permanente fndai e confindustria danno vita alla fondazione giuseppe taliercio tra le più grandi fondazioni a livello europeo per lo sviluppo la cultura e la formazione manageriale fndai assume la denominazione federmanager federmanager promuove la costituzione di federprofessional l associazione dei manager atipici 2006 federmanager e confindustria promuovono nell ambito di fondirigenti la nascita dell agenzia per l intermediazione tra domanda ed offerta di lavoro dirigenziale 2007 federmanager e confindustria costituiscono presso il fasi la gsr ­ gestione separata di sostegno al reddito un sistema bilaterale a supporto dei dirigenti involontariamente disoccupati 2009 viene costituito il gruppo federmanager minerva in rappresentanza delle donne dirigenti o quadro con l intento di realizzare progetti specifici per la valorizzazione delle differenze di genere seguendo criteri selettivi basati sulla meritocrazia 2010 federmanager costituisce la società federmanager academy che assume il ruolo di punto di riferimento per la formazione manageriale dei dirigenti che operano nelle aziende fornitrici di beni e servizi a seguito della decisione di acquisire la sede nazionale di via ravenna viene costituita la società di scopo federmanager real estate che ne diventa proprietaria viene sottoscritto con confapi il primo contratto collettivo nazionale di lavoro per i quadri superiori 2000 2001 la fondazione giuseppe taliercio diventa fondirigenti ente bilaterale federmanager confindustria per la formazione continua vises una società no-profit costituita prevalentemente 2002 2008 federmanager e confindustria concordano di costituire fasi open una gestione separata del fondo finalizzata ad offrire tutele sanitarie alle imprese interessate a garantire prestazioni di qualità anche al personale non dirigente bilancio sociale 2010 11

[close]

p. 13

i valori e la missione i nostri valori i principi e le convinzioni che ispirano le attività della federazione e dei suoi associati sono riassunti nella carta dei valori noi crediamo · nel lavoro come forma di espressione e di realizzazione sociale · nell indipendenza di giudizio e nella deontologia professionale qualunque sia la forma attraverso cui viene espressa la funzione manageriale · nel merito nella competenza e nella responsabilità · nella conoscenza quale fonte di ricchezza individuale e patrimonio sociale · che la conoscenza e l esperienza debbano essere trasferite mediante la valorizzazione del ruolo dei seniores · nella trasparenza ed eticità nei rapporti · in politiche che sappiano promuovere e realizzare un modello economico in grado di garantire uno sviluppo sostenibile ed equilibrato a livello sociale territoriale ed ambientale · che il manager debba operare rispettando valorizzando e promuovendo la crescita umana e professionale dei collaboratori noi offriamo la nostra professionalità le nostre competenze le nostre conoscenze ed i nostri valori di riferimento mettendoli al servizio della società per · collaborare alla promozione e alla realizzazione degli indispensabili e continui processi di modernizzazione del paese · collaborare alla effettiva crescita competitiva del sistema italia · collaborare alle politiche di crescita umana e professionale dei lavoratori noi vogliamo · valorizzare e sviluppare l intelligenza e la professionalità dei soggetti rappresentati · dare il nostro contributo allo sviluppo e alla crescita del paese · dare peso politico e sociale alle nostre idee e alle nostre istanze · far percepire alla società il valore del nostro ruolo e la portata dei rischi che corriamo nell esercizio della nostra professione noi participiamo · ad una federazione che forte dei valori individuali e collettivi che rappresenta svolge un ruolo propositivo ed incisivo sul fronte sociale ed economico sia a livello nazionale che locale · ad una federazione forte ed autorevole che vuole dare il giusto ruolo la giusta voce e la giusta visibilità al mondo del management in senso lato i dirigenti i quadri i manager indipendenti ovvero tutti quei soggetti che costituiscono il mondo delle alte professionalità · ad una federazione che vuole confrontarsi con il sistema imprenditoriale sia per valorizzare il ruolo manageriale sia per esprimere posizioni autonome ed originali per uno sviluppo sociale ed economico che sappia coniugare mercato e competitività con principi di solidarietà trasparenza ed eticità bilancio sociale 2010 12

[close]

p. 14

vision federmanager è impegnata a far evolvere il proprio ruolo di rappresentanza sindacale e sociale diventando punto di riferimento e aggregazione del mondo delle alte professionalità operanti nelle imprese con l obiettivo di favorire la diffusione di una cultura basata sui principi del merito della competenza e della responsabilità che ponga la persona come elemento centrale e stimoli i processi di modernizzazione e innovazione per la crescita del paese in un clima di coesione sociale mission nei confronti degli associati l attività del sistema federale è finalizzata a · promuovere l adesione e la partecipazione della categoria alle attività dell organizzazione · stimolare il ruolo attivo degli associati coinvolgendoli in progetti di settore o su temi di interesse generale · rappresentare e tutelare gli interessi generali della categoria anche negli ambiti della previdenza e assistenza integrativa della formazione e della ricerca di una nuova occupazione · favorire il networking tra manager in campo nazionale e internazionale · promuovere e fornire servizi a favore della categoria federmanager unisce al proprio ruolo sindacale quello di attore sociale e culturale nell interesse del paese e lo fa · mettendo a disposizione della società una categoria consapevole dei propri doveri e delle proprie responsabilità · promuovendo anche in rapporto con le altre componenti sociali lo sviluppo di relazioni tese a perseguire l interesse comune · fornendo il contributo della categoria allo sviluppo attraverso valuta zioni e proposte da condividere con gli interlocutori istituzionali politici e sociali · partecipando al processo di modernizzazione e di crescita economico sociale del paese e del territorio anche favorendo la formazione permanente sia professionale che in senso culturale più ampio bilancio sociale 2010 13

[close]

p. 15

obiettivi strategici il congresso nazionale straordinario del 2008 ha fornito le linee di indirizzo in base alle quali è stato definito il programma triennale 2009-2011 per il miglioramento nelle diverse aree di interesse nel corso di tale congresso sono state individuate le aree strategiche all interno delle quali intraprendere in funzione degli obiettivi definiti azioni coerenti con i valori e la missione di federmanager e adeguate agli scenari economici sociali e politici in atto di seguito sono riportati i principali obiettivi strategici per ciascuna area mentre nel capitolo dedicato alla relazione sociale sono fornite più dettagliate informazioni sui traguardi concretamente individuati sui risultati ottenuti nel corso del 2010 e sui programmi in atto il ruolo sociale in tale ambito federmanager è impegnata a rendere sempre più efficace la propria presenza ed a migliorare la propria immagine nei confronti degli interlocutori sociali al fine di accrescere la rilevanza del proprio ruolo federmanager ritiene opportuno agire per estendere le alleanze con altre organizzazioni rappresentative delle alte professionalità in ambito federale e per favorire la riaggregazione nella confederazione italiana dei dirigenti e delle alte professionalità cida alla quale aderisce delle organizzazioni di categoria non aderenti federmanager è interessata inoltre a rafforzare il proprio ruolo di interlocutore in sede internazionale nazionale e territoriale con le entità economiche istituzionali e politiche interessate sia per tutelare le esigenze e le aspettative degli associati sia mettendo a disposizione contributi di elevata professionalità e competenza in grado di collaborare al processo di sviluppo della società italiana federmanager è interessata anche a sensibilizzare il paese sulla necessità di riattivare una politica industriale che sappia indicare le linee di indirizzo del modello di sviluppo del nostro sistema produttivo valorizzare i settori di eccellenza sostenere la ricerca e l innovazione e recitare un ruolo da protagonista nell indirizzo delle scelte federmanager è inoltre consapevole della necessità di assicurare una trasparente informazione alle parti interessate sul proprio ruolo e sulle proprie attività avvalendosi anche degli organi di informazione di massa bilancio sociale 2010 14

[close]

Comments

no comments yet