Studentigiurisprudenza.it magazine novembre 2011

 

Embed or link this publication

Description

Studentigiurisprudenza.it magazine novembre 2011

Popular Pages


p. 1

la riforma dell universita ricordate le proteste dello scorso 14 e 21 dicembre le stesse che portarono importanti esponenti politici e una parte degli studenti e dei ricercatori italiani ad occupare i tetti degli edifici dei più prestigiosi atenei italiani il tutto nasceva in merito al contestatissimo ddl s.1905 segue a pag 2 una scelta succede che prima o poi ci si incontra nelle aule nei corridoi al bar e ha inizio il dia-logo locuzioni di rito o toni reticenti ma poi occhi ferventi e discorso sentito e allora lo capisci ­ o lo sapevi già e lo scopri ­ oppure lo sapevi l avevi scoperto ma non avevi mai voluto dirlo che quella decisione non è una opzione tra le tante ma la tua scelta segue a pag 6 faq risposta alle 9 domande più frequenti pag 13 chi siamo studentigiurisprudenza.it è un associazione universitaria riconosciuta dall ateneo federico ii di napoli che si occupa di sindacato studentesco e assistenza studenti in 6 anni di attività abbiamo ottenuto grandi vittorie negli organi istituzionali della facoltà organizzato convegni fondato un giornale bimestrale cartaceo offerto assistenza e supporto agli oltre 18.000 studenti della facoltà e tanto altro ancora i nostri numeri -15.000 copie stampate del giornale -più di 1 milione di accessi al sito -più di 3600 iscritti sul gruppo fb -più di 10 rappresentanti in consiglio di facoltà ateneo e amministrazione

[close]

p. 2

cosa cambia nelle universita legge n 240/10 2 ricordate le proteste dello scorso 14 e 21 dicembre le stesse che portarono importanti esponenti politici e una parte degli studenti e dei ricercatori italiani ad occupare i tetti degli edifici dei più prestigiosi atenei italiani il tutto nasceva in merito al contestatissimo ddl s.1905 il 23 dicembre 2010 questo disegno di legge è stato approvato definitivamente ed è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale il 14 gennaio 2011 come 240/10 a seguito dell entrata in vigore della legge tutti gli atenei italiani compreso il nostro stanno riscrivendo i propri statuti per apportare le dovute modifiche richieste dalla 240/10 ecco le novità introdotte nel mondo universitario punti di forza 1 la durata della carica di ret 3 i docenti dovranno certifitore non potrà essere più lunga care l effettivo svolgimento deldi un unico mandato non rinno l attività didattica che non potrà vabile per un massimo di sei essere inferiore alle 350 ore preanni viste per il regime a tempo pieno e 250 in regime di tempo defi2 ogni università in sostanza nito non potrà avere più di 12 corsi di laurea inoltre le piccole uni 4 viene istituito un fondo per versità e quelle con pochi iscritti il merito che servirà per le borse dovranno fondersi tra loro spa di studio per i meritevoli e per riranno in questo modo alcuni istituire dei prestiti da restituire corsi di laurea poco frequentati in parte dopo il conseguimento e di dubbia utilità come ad della laurea anche se questo esempio benessere del cane e vuoldire che si entrerà a far del gatto o enogastronomia parte del mondo del lavoro con mediterranea debiti pregressi studentigiurisprudenza.it

[close]

p. 3

3 punti di debolezza 1 il consiglio d amministra 3 per far fronte al dissesto fizione che acquisirà potere sia nanziario le università potranno sulla didattica che sulla gestione fondersi tra loro lo abbiamo finanziaria sarà formato da non visto prima oppure potranno più di 11 membri viene ridotta trasformarsi in fondazioni poal suo interno la rappresentanza tranno cioè privatizzarsi l studentesca che tuttavia resterà 133/2008 art 16 facoltà di trasempre elettiva mentre gli altri sformazione in fondazioni delle membri saranno designati dal università rettore che acquisisce grazie a questa riforma sempre più po 4 non sarà più possibile svoltere almeno il 40 viene gere il ruolo di ricercatore a specificato il minimo e non il tempo indeterminato i contratti massimo dei membri dovrà es saranno di 3 anni rinnovabili una sere esterno banchieri in sola volta al termine dei quali si dustriali uomini indicati dai dovrà sostenere un esame per partiti politici con conse diventare professore associato guente rischio che questi fac se l esame non verrà superato ciano gli interessi delle società non contano cioè i risultati ragche rappresentano piuttosto che giunti ma solo il concorso il ricercatore uscirà per sempre dal quelli dell università mondo dell università 2 il senato accademico conti ancora tuttavia resta incerta la nuerà ad essere un organo elet sorte dei ricercatori di ruolo a tivo ma avrà solo parere tempo indeterminato attualmente in forza negli atenei del consultivo nostro paese a fronte dell introduzione del fondo di merito bisogna segnalare che in precedenza l ammontare in euro delle borse di studio da erogare è passato da 246 milioni a 25,7 così dai prossimi anni l 80 per cento di 184.034 aventi diritto non riceverà più questo aiuto economico raimondo iusto presidente studentigiurisprudenza.it novembre 2011

[close]

p. 4

le iniziative dello scorso anno 4 da napoli si potrebbe incominciare a cambiare il nostro paese fin dalla nascita l associazione studentigiurisprudenza.it porta avanti una campagna di sensibilizzazione sul fenomeno mafioso e sui rapporti taciuti che questa realtà intreccia con il mondo politico a conferma di quanto detto ricordiamo che nel corso dell anno accademico appena conclusosi abbiamo lavorato per la realizzazione di un progetto con un titolo che da solo lascia intendere lo spessore dell iniziativa mafia e politica da napoli si potrebbe incominciare a cambiare il nostro paese i giovani sono la mia speranza queste sono state le parole di salvatore borsellino rivolte agli studenti e docenti della facoltà di giurisprudenza dell università federico ii di napoli presso l aula cicala il 27 maggio scorso durante il suo discorso si rivolge soprattutto ai giovani invitandoli a non rassegnarsi e indispensabile un riscatto in tutto il mezzogiorno l azzardo è far diventare napoli una città amministrata correttamente in cui si pensi realmente ai problemi della gente allora napoli potrebbe diventare una città diversa mio fratello diceva palermo non mi piaceva per questo l ho amata salvatore borsellino chiude il suo discorso ricordando ai giovani di lottare perché sia fatta giustizia perché il sacrificio di mio fratello non sia stato inutile oggi la lotta al malgoverno e alla collusione tra politica e mafia non possono essere vinte soltanto con le leggi occorre anche la volontà della società ecco perché sono importanti il confronto e la circolazione delle informazioni capaci di stimolare queste nuove sfide forti di queste parole l associazione studentigiurisprudenza.it ha già in mente un nuovo progetto per l a.a 2011/2012 lucia del monaco vice-presidente studentigiurisprudenza.it studentigiurisprudenza.it

[close]

p. 5

5 convegno tecnico organzzato da studentigiurisprudenza.i t sul dpr 207/2010 in data 19/5/2010 convegno organizzato da studentigiurisprudenza.it sulla situazione della fiat tra gli altri ospiti i segretari nazionali di fim e fiom in data 15/4/2010 prossimi appuntamenti l associazione studentigiurisprudenza it ha realizzato un ciclo di seminari dal titolo analisi del fenomeno della criminalità organizzata con la collaborazione del prof moccia docente e direttore del dipartimento di scienze penalistiche criminologiche e penitenziarie i seminari sono rivolti a tutti gli studenti che vogliono approfondire il tema della legalità e della criminalità organizzata a napoli il progetto nasce con l idea di analizzare il fenomeno della criminalità organizzata partendo dalla ricostruzione storica del fenomeno fino ad arrivare all attualità dei giorni nostri prenderanno parte agli incontri docenti della nostra facoltà giornalisti scrittori e magistrati il primo seminario dal titolo che cos è la criminalità organizzata in programma il giorno 24 novembre ore 10:30 presso l aula cicala vedrà tra i relatori il prof sergio moccia docente di scienze penalistiche francesco barbagallo docente di storia e il filosofo e scrittore aldo masullo seguiranno poi altri 5 appuntamenti -genesi della criminalita organizzata e storia del controllo del fenomeno criminale -criminalita organizzata ed economia influenze e confluenze nell era della globalizzazione -sostanze stupefacenti tra micro e macro della criminalita -cultura mass-media e criminalita organizzata -quali sono i rimedi possibili novembre 2011

[close]

p. 6

6 uccede che prima o poi ci si incontra nelle aule nei corridoi al bar e ha inizio il dia-logo locuzioni di rito o toni reticenti ma poi occhi ferventi e discorso sentito e allora lo capisci ­ o lo sapevi già e lo scopri ­ oppure lo sapevi l avevi scoperto ma non avevi mai voluto dirlo che quella decisione non è una opzione tra le tante ma la tua scelta scopri dapprima che nella congerie dei sentimenti che animano quella vasta categoria dello spirito che sono gli studenti di giurisprudenza ci sono alcune ­ più o meno ricorrenti ­ linee di tendenza costui vorrebbe essere un avvocato l altro un magistrato lì c è un notaio lui un politico ecco mille potenziali rivali al concorso ma subito dopo ti accorgi pure che a ognuno è dato di seguire la sua strada con differente cognizione di causa ed è questo che ti si rivela alla fine qual è il tuo movente studiare il diritto è la scelta se ogni ramo del sapere ha la sua autonoma autorità quella del diritto è senza dubbio data dalla sua immanenza nella vita sociale e azzarderei dall essere il mezzo prediletto dall uomo per la realizzazione di una società giusta lo studente di giurisprudenza è consapevole di ciò deve esserlo s una scelta studiare il diritto è la scelta i modi di praticarla sono molteplici sicché all aspirante giurista è poi data la libertà di una seconda opzione quella del modus operandi può stringere con la propria scelta un mero vincolo di scopo la relazione tra essa e il modus operandi sarà solo di natura strumentale sarà funzionale al risultato finale di una buona professione giuridica oppure può scoprirsi o proporsi parte di un più impegnativo vincolo di azione e allora la scelta non sarà solo di carattere professionale ma sarà innanzitutto scelta di vita il modus operandi si rivelerà essere ancor prima e insieme modus vivendi a tal punto da segnare in profondità il suo agire concreto in società a tal profondità da mutare l etica professionale in etica personale fino ad elevarla ad etica pubblica perché etica dell agire giusto in società studiare per mettere in pratica è il movente scire leges non hoc est earum verba tenere sed vim ac potestatem ammoniva celso un richiamo che attraverso le pagine del digesto lungi dall essere abusato brocardo sibilo di voce scampato alla rovina di un età aurea risuona altisonante nelle aule dove si trasmette la sapienza giuridica come manuale di indi studentigiurisprudenza.it

[close]

p. 7

rizzo e applicazione pratica e non volume da esposizione vis ac potestas sono il movente lo erano per i iurisprudentes di ieri animo e forza della legge come presupposti per coglierne la ratio da trasmettere ad uso di tutti lo sono ancor più intensamente in questi tempi difficili per i iurisprudentes di oggi e di domani animo e forza della legge che 7 non si traducono in formalistico e acritico ossequio al comando normativo ma possono concretarsi solo se trasfusi nel tessuto della politéia e per questo solo se prima vivificati nell animo e nell agire di ciascuno di noi alessandro mario amoroso responsabile redazione seguici su immatricoliamoci le speranze di una matricola sembra ieri che per me e per alcuni miei colleghi che quest anno si iscrivono per la prima volta alla facoltà di giurisprudenza era il tempo di preparare gli zaini per varcare la soglia dei nostri rispettivi istituti superiori dopo cinque anni quello che sembrava lo scoglio insormontabile della maturità è ormai alle nostre spalle e nuove e più importanti imprese ci attendono nessuna di noi matricole infatti conosce ancora quale sarà il proprio destino in questo prestigioso ateneo e molte sono le domande che ancora devono trovare una risposta ho fatto la scelta giusta sarò capace di laurearmi in tempo o finirò nel girone infernale dei veterani della facoltà che da ormai dieci anni bazzicano per questi corridoi armiamoci di forza e coraggio tanti di noi sono nelle nostre stesse condizioni e in fondo lo studio del diritto è una delle discipline più affascinanti che esistano noi studenti della federico ii siamo eredi di una grande tradizione di giuristi che ha dato al nostro paese molti politici importanti fra i quali il nostro presidente della repubblica giorgio napolitano la nostra città sì bella e perduta ripone in noi tutte le sue speranze di crescita e di rinnovamento ad maiora pierluigi montella novembre 2011

[close]

p. 8

8 l inizio di una nuova avventura ecco alcuni consigli per affrontare al meglio il primo anno accademico inizio dell università è un momento fondamentale per ogni studente tuttavia nonostante l entusiasmo iniziale il primo anno è sicuramente quello più difficile perché sarà necessario imparare ad autogestirsi e ad orientarsi in un contesto nuovo articolato e spesso non di immediata comprensione aule enormi e affollate molta disinformazione l università è una dimensione diversa da quella liceale che genera al primo impatto un senso di confusione e disorientamento ma è una dimensione con la quale sarà necessario familiarizzare per `sopravvivere al primo anno con buoni risultati pertanto considerando che la facoltà di giurisprudenza per quanto affascinante è anche molto impegnativa è fondamentale fin da subito organizzare un buon piano di studi che tenga conto delle propedeuticità ci sono esami che devono essere sostenuti obbligatoriamente prima di altri al primo anno due esami propedeutici sono diritto costituzionale ed istituzioni di diritto privato praticamente le basi della conoscenza giuridica per questo è consigliabile uno studio accurato di tali esami per superarli al meglio e il prima possibile evitando così data la loro propedeuticità di rallentare il percorso di studio ovviamente anche gli esami romanistici come storia del diritto romano e istituzioni di diritto romano che le matricole di giurisprudenza si trovano ad affrontare al primo semestre non devono essere sottovalutati perché come tutti gli esami hanno le loro peculiarità che devono essere comprese a pieno per acquisire una buona preparazione inoltre conferiscono al futuro giurista un bagaglio culturale insostituibile allo studio costante a casa che deve essere critico perché `i libri devono essere capiti e mai subiti è utile frequentare i corsi e seminari soprattutto degli esami più importanti una presenza attiva alle lezioni non toglierà tempo allo studio anzi sarà uno strumento utile per migliorare la preparazione solo frequentando i corsi infatti si avrà la possibilità di apprendere con più facilità il linguaggio tecnico-giuridico e gli argomenti d esame di confrontarsi con altre persone e con i professori dai potrete trarre insegnamenti che nessun libro riuscirà mai a darvi e ai quali potete fare tutte le domande che volete i professori non sono `entità astratte di cui avere timore ma persone che hanno scelto di insegnare e quindi non lasciate che l imbarazzo o la paura di sbagliare vi impediscano di partecipare at l studentigiurisprudenza.it

[close]

p. 9

tivamente alle lezioni diffidate delle `voci di corridoio perché ognuno vive gli esami lo studio l università in modo diverso quindi sarà portatore sempre e solo del suo punto di vista piuttosto per ottenere informazioni e consigli attendibili su corsi da seguire professori esami divisioni in matricole potete rivolgervi alle tante associazioni studentesche presenti nella nostra facoltà sono un punto di riferimento e vi aiuteranno anche a familiarizzare con il mondo accademico e a viverlo pienamente infine è necessario essere persone caparbie e determinate il che significa che non dovete mai farvi scoraggiare dalle difficoltà e delusioni che eventualmente incontrerete nel vostro percorso universitario `l uomo può ciò che vuole quindi non lasciate che piccoli incidenti di percorso vi impediscano di diventare ciò che volete essere in bocca al lupo a tutti elisabetta di fraia 9 leggi tanti altri articoli sul nostro sito le nuove proposte sei favorevole all abolizione del libretto cartaceo rispondi al sondaggio indetto dalla consigliera isabella esposito sul nostro sito www.studentigiurisprudenza.it novembre 2011

[close]

p. 10

obiettivo primo anno costituzionale e privato diritto costituzionale è uno dei tre corsi che si svolge durante il primo semestre del primo anno la materia in questione è allo stesso tempo affascinante e complessa in quanto permette allo studente di entrare a contatto con il mondo giuspolitico attuale l insegnamento di istituzioni di diritto privato è invece presente al secondo semestre del primo anno benché molto attuale con molti risvolti nella vita di tutti i giorni anche questa materia non è priva di difficoltà per i giovani studenti ancora alle prime armi con lo studio del diritto entrambi gli insegnamenti risultano quasi sempre l ostacolo maggiore per chi si presta ad affrontare gli esami del primo anno la complessità di queste due materie è data da vari motivi come la mole dei vari manuali che li rende poco appetibili e la richiesta di una proprietà di linguaggio particolarmente tecnica non ancora in dote alle matricole tuttavia diritto costituzionale e istituzioni di diritto privato sono da considerarsi l obiettivo del primo anno non è consigliabile sostenere questi due esami in un secondo momento perché ciò 10 studentigiurisprudenza.it potrebbe rallentare il percorso che porta alla laurea poiché essi sono necessari data la propedeuticità per sostenere gli esami degli anni successivi basti pensare che il secondo anno solo due esami su sei non comportano propedeuticità bisogna inoltre ricordare che l ateneo concede uno sconto sulle tasse a tutti gli studenti che si qualificano come meritevoli tale qualifica si assume in base ai crediti conseguiti per gli esami svolti i crediti del primo anno con cui si rientra tra gli studenti meritevoli sono 40 su 60 poiché diritto costituzionale prevede 14 crediti e istituzioni di diritto privato 13 se non si sostengono entrambi anche sostenendo tutti gli altri esami del primo anno non si raggiungerebbero i 40 crediti indispensabili per rientrare nella suddetta categoria la frequenza ai corsi e ai seminari è importante per assimilare il linguaggio giuridico inoltre la preparazione di queste materie richiede molta pazienza e dedizione ed è consigliabile usufruire del dipartimento nicola cerullo consigliere di facoltà libri su internet informati sul nostro sito

[close]

p. 11

giurisprudenza pochi ma buoni vincoli di legge e pro e contro del numero chiuso rmai da tempo l accesso ad alcuni corsi universitari italiani è disciplinato dalla legge 264/1999 facoltà come quelle di medicina e chirurgia professioni sanitarie farmacia architettura etc selezionano i loro studenti sulla base del temutissimo test d ingresso sin dalla sua promulgazione non poche sono state le riflessioni sul testo normativo dure le rimostranze circa la sua legittimità è giusto impedire ad intere generazioni di studenti di intraprendere liberamente un determinato corso di studi e costituzionalmente legittimo questo ostacolo da superare chi sostiene questa posizione afferma che il numero chiuso viola il diritto allo studio e specificamente gli articoli 2 3 33 e 34 della costituzione tuttavia nell articolo 34 il costituente nel disporre al primo comma che la scuola è aperta a tutti aggiunge significativamente che hanno diritto ad accedere ai gradi più alti degli studi i capaci e meritevoli anche se privi di mezzi comma 3 in realtà già in precedenza la corte costituzionale aveva chiarito la legittimità del numero programmato sentenza n.383/1998 asserendo come questo sistema d accesso aumenti la qualità dell insegnamento in sintonia con gli standard imposti dall unione europea inoltre riducendo il numero di iscritti che hanno poco interesse e poca voglia di conseguire la laurea si favoriscono anche quegli studenti più meritevoli che patiscono il sovraffollamento delle strutture universitarie e i disservizi conseguenti problemi frequentissimi nel nostro corso di studi alcuni dicono che sono anche queste le condizioni che bloccano la mobilità sociale e influiscono sulla costante riduzione delle possibilità e degli sbocchi lavorativi per i meritevoli che si vedono sempre più schiacciati da un sistema di ricambio generazionale professionale per via ereditaria si pensi agli avvocati insomma uno sbarramento una diversa impostazione sulle modalità di accesso non potrebbero essere una importante innovazione per il nostro corso di studi 11 o antonio di costanzo novembre 2011

[close]

p. 12

le matricole tra efficienza e disagi anno accademico è iniziato da poco ma le matricole hanno già la loro chiara opinione a proposito dell università le indagini svolte in sede rivelano una generale soddisfazione a proposito dell organizzazione dell accademia molto apprezzati sono il centro assistenza per le immatricolazioni online aula 36 sede in via porta di massa 32 l efficienza della segreteria che ha tre sportelli disponibili anche il pomeriggio per coloro che assistono ai corsi universitari di mattina il sito internet http www.unina.it/index.jsp di facile accesso che permette di conoscere le informazioni richieste molto velocemente ed il servizio di parcheggio messo a disposizione degli studenti altrettanto apprezzate sono le associazioni studentesche che hanno accolto gli studenti durante gli incontri introduttivi allo studio del diritto con la massima disponibilità ed efficienza infatti essendo composte da studenti lavorano per gli studenti stessi soprattutto per le matricole con progetti curriculari elargendo informazioni su professori libri ed esami e semplificando lo studio con la loro disponibilità nei diparti 12 l studentigiurisprudenza.it menti ed extra-curriculari organizzando conferenze dibattiti cineforum ecc e svolgendo il ruolo di tramite tra gli studenti e la parte amministrativa della facoltà presa di mira invece la logistica dell edificio universitario gli spazi se pur di notevole grandezza accolgono con fatica gli universitari costretti spesso a seguire le lezioni seduti per terra a causa del sovraffollamento delle aule per avere un caffè da consumare in pochi minuti bisogna aspettarne venti e per usufruire del bagno anche di più soprattutto per noi ragazze ci dice una delle matricole spazientita dalle interminabili attese le matricole si augurano che col diminuire della frequenza diminuiscano anche le attese e che la facoltà mantenga sempre efficiente questa buona organizzazione affinché lo studio a cui i professori ci hanno richiamato da subito possa essere svolto in un ambiente ben organizzato e magari ecocompati bile la raccolta differenziata non è ancora arrivata nella nostra facoltà che sia così apprezzato e rispettato valentina nizzardo

[close]

p. 13

13 f.a.q le risposte alle nove domande più frequenti nei 5 anni di attività sindacale sono state moltissime le domande e le richieste che abbiamo affrontato abbiamo deciso di raccoglierle e rispondere alle 9 domande più frequenti 1 quale esame conviene sostenere per primo questa è una bella domanda non c è una risposta unica solitamente ognuno di noi ha un approccio differente ai corsi che ha seguito al primo semestre la scelta è tra diritto costituzionale istituzioni di diritto romano e storia del diritto romano un consiglio utile potrebbe essere quello di evitare costituzionale come primo esame tra i tre è sicuramente quello più tecnico e per chi non ha mai toccato le materie giuridiche al liceo potrebbe essere più duro l approccio ad un linguaggio giuridico che acquisirete in modo naturale solo con il tempo molti sostengono come primo esame istituzioni di diritto romano che sicuramente è un ottima introduzione all affascinante mondo del diritto senza presentare tuttavia le caratteristiche tecniche dell esame di diritto costituzionale che tra l altro è un esame importantissimo e che va studiato bene in quanto sarà la base di tutti gli esami che sosterrete in futuro 2 e vero che per studiare giurisprudenza ci vuole una buona memoria la memoria è un elemento importante per lo studio ma è un falso stereotipo quello dello studente di giurisprudenza che studia tutto a memoria senza capire nulla credo che in facoltà come quella di medicina dove all esame di anatomia chiedono tutte le ossa e i muscoli che compongono ogni singolo arto sia necessaria una memoria migliore rispetto a quella che serve per imparare i principi fondamentali della nostra costituzione altro falso mito quello dello studiare le leggi a memoria nessuno vi chiederà di imparare a memoria i 2969 articoli del codice civile così come nessuno studente di lettere e filosofia imparerà a memoria le voci del vocabolario della treccani i codici sono uno strumento fondamentale che deve accompagnare i vostri studi qualche articolo lo imparerete a memoria da soli a furia di ritrovarlo nel corso degli studi l art 3 della costituzione e il 2043 del codice civile solo per dirne un paio ma l importante è capire bene i concetti e se vi ricordate qualche articolo meglio ancora 3 e vero che se non raggiungo 30 crediti all anno non posso iscrivermi all anno successivo e non posso sostenere gli esami degli altri anni novembre 2011

[close]

p. 14

assolutamente falso anche se non hai sostenuto tutti gli esami del primo anno puoi comunque iscriverti all anno successivo e sostenere gli esami del secondo anno a patto che tu abbia sostenuto gli esami propedeutici ad esempio non è possibile sostenere diritto amministrativo quarto anno senza aver sostenuto diritto costituzionale per un elenco completo degli esami propedeutici puoi controllare sul sito www.giurisprudenza.unina.it o andare sul nostro gruppo facebook e cliccare su discussioni c è uno schema che chiarisce il tutto 4 come si calcola la propria media e il voto di laurea per la propria media basta fare una semplice media aritmetica somma dei voti numero degli esami sostenuti per il voto di laurea invece dovrai fare il seguente calcolo media voto x 11 3 5 la bocciatura sulla camicia fa media assolutamente no anche se la famigerata bocciatura su camicia o a libretto è praticata solo da pochissimi professori della nostra facoltà essa non incide sulla propria media 6 cosa è la divisione matricole nonostante il calendario preveda che l esame si sostenga in una sola data è molto probabile soprattutto ai primi anni che esso venga spalmato in più giorni visto l altissimo numero di persone che dovranno sostenerlo solitamente i professori dividono i ragazzi da esaminare in base al loro numero di matricola ad esempio il giorno 27 gennaio dovranno presentarsi tutti i ragazzi dalla matricola 991/19546 fino a 991/19980 e il giorno 28 gennaio tutti i ragazzi dalla matr 991/19995 in poi attenzione solitamente non è riportato lo 0 iniziale della vostra matricola i professori hanno l obbligo di pubblicare in bacheca il calendario della divisione matricole entro 3 giorni dall esame tuttavia se non puoi recarti personalmente in facoltà puoi anche chiedere informazioni sul nostro gruppo facebook andremo a vedere noi per te 7 entro quando bisogna pagare le tasse universitarie entro il 31 ottobre 2011 la prima rata entro il 2 aprile 2012 la seconda anche per le iscrizioni ad anni successivi al primo è obbligatoria la registrazione dei dati isee pena l assegnazione alla fascia più alta e possibile immatricolarsi o iscriversi anche tardivamente ma dietro pagamento di una mora di 84,90 euro provvedete pertanto a registrare i vostri dati isee su www.segrepass2.unina.it/welcome.do inserite la vostra matricola e password anche se chiede codice fiscale e pin in segreteria online cliccate la voce presentazione isee online e regi 14 studentigiurisprudenza.it

[close]

p. 15

strate i dati 8 cosa succede quando ruota la cattedra la rotazione delle cattedre rappresenta un punto dolente per gli esami del primo semestre gennaio-febbraio-marzo per gli insegnamenti dell anno in corso lo studente potrà sostenere l esame con la cattedra ruotata già a partire da gennaio in tal caso dovrà riferirsi alla sessione anticipata per gli insegnamenti degli anni precedenti non ancora sostenuti lo studente potrà sostenere l esame con la cattedra ruotata solo a partire dal mese di giugno in tal caso dovrà riferirsi alla sessione straordinaria esempio diritto internazionale insegnamento del terzo anno cattedra q-z docente 2010/2011 prof m iovane docente 2011/2012 prof a tancredi tutti gli studenti appartenenti alla cattedra q-z che per l anno accademico 2011/2012 saranno iscritti al iii anno e pertanto diritto internazionale per costoro sarà un insegnamento dell anno in corso potranno sostenere già da gennaio l esame col professore tancredi gli studenti che per l anno accademico 2011/2012 saranno iscritti agli anni successivi al terzo al quarto al quinto o fuori corso potranno sostenere l esame col professore tancredi solo a partire da giugno e fino a marzo potranno sostenere l esame con il prof iovane il criterio è riferito naturalmente soltanto agli insegnamenti del primo semestre dato che per quelli del secondo le cattedre ruoteranno tutte a giugno n.b per a.a 2011/2012 non sono previste rotazioni di cattedre generali ma il criterio viene adottato a quelle speciali modifica composizioni di appartenenza cattedre pensionamento sostituzione o trasferimento docenti 9 studiare dalle dispense conviene le dispense cioè riassunti fatti solitamente da studenti possono essere un buon ausilio allo studio soprattutto in fase di ripetizione ma non sostituiranno mai il libro integrale studiare solo sulle dispense è altamente sconsigliato senza avere almeno letto il manuale molte dispense in circolazione sono fatte male non fanno altro che tagliare e incollare parti del libro saltando spesso parti fondamentali da usare con cautela insomma 15 enrico esposito studentigiurisprudenza.it magazine capo redattore alessandro amoroso hanno collaborato alla realizzazione di questo numero antonio di costanzo pierluigi montella raimondo iusto nicola cerullo lucia del monaco elisabbetta di fraia valentina nizzardo enrico esposito novembre 2011

[close]

Comments

no comments yet