ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DAVOLI MARINA

 

Embed or link this publication

Description

CURRICOLO VERTICALE

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

Il Curricolo Verticale è “Il curricolo di Istituto è espressione della libertà di insegnamento e dell’autonomia scolastica e, al tempo stesso, esplicita le scelte della comunità scolastica e l’identità di istituto” (Indicazioni Nazionali per il curricolo, 2012) È un percorso graduale e coerente che accompagna la crescita personale di ogni alunno a partire dalla scuola dell’infanzia, passando per la scuola primaria e giungendo infine alla scuola secondaria di I grado È un testo aperto in cui i docenti elaborano i contenuti, attività, modalità di valutazione coerenti con i traguardi formativi previsti. 2

[close]

p. 3

PREMESSA Il Curricolo verticale dell’Istituto Comprensivo Davoli Marina è costruito secondo i seguenti riferimenti normativi: 1. Raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea del 22 maggio 2018 (sostituisce la raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente). 2. D.M. n. 139 del 22 agosto 2007 (Regolamento recante norme in materia di adempimento dell’obbligo di istruzione 3. Competenze chiave di cittadinanza 4. Indicazioni Nazionali del 4/09/2012 5. Profilo delle competenze La scelta di organizzare il curricolo su competenze chiave è motivata dal fatto di reperire un filo conduttore unitario all’insegnamento/apprendimento, rappresentato appunto dalle competenze chiave. La competenza è sapere agire, capacità di mobilitare conoscenze, abilità, capacità personali, sociali e metodologiche per gestire situazioni e risolvere problemi in contesti significativi, ed è il frutto del dialogo tra le discipline e tra i vari ordini di scuola dell’Istituto. Le Indicazioni Nazionali costituiscono il quadro di riferimento delle scelte affidate alla progettazione delle scuole nel rispetto e nella valorizzazione dell’autonomia delle Istituzioni Scolastiche. Si è scelto di articolare il curricolo a partire dalle otto competenze chiave europee perché queste rappresentano, come del resto precisa la Premessa delle Indicazioni 2012, la finalità generale dell’istruzione e dell’educazione e spiegano le motivazioni dell’apprendimento stesso, attribuendogli senso e significato. Esse sono delle “metacompetenze”, poiché, come dice il parlamento Europeo, “ le competenze chiave sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione”. Le competenze chiave sono quelle esplicitate nella Raccomandazione del Parlamento Europeo del 22 maggio 2018. 3

[close]

p. 4

COMPETENZE CHIAVE EUROPEE “Il 22 maggio 2018 il Consiglio europeo, accogliendo la proposta avanzata il 17 gennaio 2018 dalla Commissione europea, ha varato la Raccomandazione relativa alle competenze chiave per l'apprendimento permanente e l’Allegato Quadro di riferimento europeo, che sostituiscono la Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 e relativo Allegato sullo stesso tema. A distanza di 12 anni, la nuova Raccomandazione sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente rinnova e sostituisce il precedente dispositivo del 2006. Il documento tiene conto da un lato delle profonde trasformazioni economiche, sociali e culturali degli ultimi anni, dall’altro della persistenza di gravi difficoltà nello sviluppo delle competenze di base dei più giovani. Emerge una crescente necessità di maggiori competenze imprenditoriali, sociali e civiche, ritenute indispensabili “per assicurare resilienza e capacità di adattarsi ai cambiamenti”. Apprezzabile è la forte curvatura che il documento testimonia verso il valore della sostenibilità, evidenziando la necessità – per tutti i giovani – di partecipare ad una formazione che promuova stili di vita sostenibili, i diritti umani, la parità di genere, la solidarietà e l’inclusione, la cultura nonviolenta, la diversità culturale, il principio della cittadinanza globale. Le otto competenze individuate modificano, in qualche caso in modo sostanziale, l’assetto definito nel 2006. LE NUOVE COMPETENZE CHIAVE 1) COMPETENZA ALFABETICA FUNZIONALE La competenza alfabetica funzionale indica la capacità di individuare, comprendere, esprimere, creare e interpretare concetti, sentimenti, fatti e opinioni, in forma sia orale sia scritta, utilizzando materiali visivi, sonori e digitali attingendo a varie discipline e contesti. Essa implica l'abilità di comunicare e relazionarsi efficacemente con gli altri in modo opportuno e creativo. 2) COMPETENZA MULTILINGUISTICA Tale competenza definisce la capacità di utilizzare diverse lingue in modo appropriato ed efficace allo scopo di comunicare. In linea di massima essa condivide le abilità principali con la competenza alfabetica: si basa sulla capacità di comprendere, esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta. 4

[close]

p. 5

3) COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E INGEGNERIA La competenza matematica è la capacità di sviluppare e applicare il pensiero e la comprensione matematici per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. La competenza in scienze si riferisce alla capacità di spiegare il mondo che ci circonda usando l'insieme delle conoscenze e delle metodologie, comprese l'osservazione e la sperimentazione, per identificare le problematiche e trarre conclusioni che siano basate su fatti empirici, e alla disponibilità a farlo. La competenza in scienze, tecnologie e ingegneria implica la comprensione dei cambiamenti determinati dall'attività umana e della responsabilità individuale del cittadino 4) COMPETENZA DIGITALE La competenza digitale presuppone l'interesse per le tecnologie digitali e il loro utilizzo con dimestichezza e spirito critico e responsabile per apprendere, lavorare e partecipare alla società. 5) COMPETENZA PERSONALE, SOCIALE E CAPACITÀ DI IMPARARE A IMPARARE La competenza personale, sociale e la capacità di imparare a imparare consiste nella capacità di riflettere su sé stessi, di gestire efficacemente il tempo e le informazioni, di lavorare con gli altri in maniera costruttiva, di mantenersi resilienti e di gestire il proprio apprendimento e la propria carriera. Comprende la capacità di far fronte all'incertezza e alla complessità, di imparare a imparare, di favorire il proprio benessere fisico ed emotivo, di mantenere la salute fisica e mentale, nonché di essere in grado di condurre una vita attenta alla salute e orientata al futuro, di empatizzare e di gestire il conflitto in un contesto favorevole e inclusivo. 6) COMPETENZA IN MATERIA DI CITTADINANZA La competenza in materia di cittadinanza si riferisce alla capacità di agire da cittadini responsabili e di partecipare pienamente alla vita civica e sociale, in base alla comprensione delle strutture e dei concetti sociali, economici, giuridici e politici oltre che dell'evoluzione a livello globale e della sostenibilità 7) COMPETENZA IMPRENDITORIALE La competenza imprenditoriale si riferisce alla capacità di agire sulla base di idee e opportunità e di trasformarle in valori per gli altri. Si fonda sulla creatività, sul pensiero critico e sulla risoluzione di problemi, sull'iniziativa e sulla perseveranza, nonché sulla capacità di lavorare in modalità collaborativa al fine di programmare e gestire progetti che hanno un valore culturale, sociale o finanziario. 8) COMPETENZA IN MATERIA DI CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE La competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali implica la comprensione e il rispetto di come le idee e i significati vengono espressi creativamente e comunicati in diverse culture e tramite tutta una serie di arti e altre forme culturali. Presuppone l'impegno di capire, sviluppare ed esprimere le proprie idee e il senso della propria funzione o del proprio ruolo nella società in una serie di modi e contesti. 5

[close]

p. 6

ASSI CULTURALI Il DM n 139/2007 (Regolamento recante norme in materia di adempimento dell’obbligo di istruzione) prevede quattro assi culturali: l'Asse dei Linguaggi, l'Asse Matematico/ Scientifico-Tecnologico, l'Asse Storico-Sociale. In tale decreto vengono definite le competenze da conseguire: Asse dei linguaggi 1. Padronanza della lingua italiana: a. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti; b. Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; c. Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi; 3. Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario; 4. Utilizzare e produrre testi multimediali. Asse matematico/ Scientifico-tecnologico 1. Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica. 2. Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. 3. Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche usando 4. consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico. 5. Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità. 6. Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall’esperienza. 7. Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate. Asse geo-storico e sociale 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una 2. dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali. 3. Collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell’ambiente. 4. Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. 6

[close]

p. 7

RELAZIONE TRA COMPETENZE TRASVERSALI E DISCIPLINE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PER L’APPRENDIMENTO PERMANENTE COMPETENZE CHIAVE CITTADINANZA DA ACQUISIRE AL TERMINE d DELL’ISTRUZIONE OBBLIGATORIA DISCIPLINE COMPETENZA PERSONALE, SOCIALE E CAPACITA’ DI IMPARARE A IMPARARE COMPETENZA IMPRENDITORIALE IMPARARE AD IMPARARE INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI PROGETTARE COMPETENZA ALFABETICA FUNZIONALE INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI COMPETENZA MULTILINGUISTICA - CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE COMPETENZA DIGITALE ACQUISIRE E INTERPRETARE L’INFORMAZIONE COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE IN SCIENZE, E TECNOLOGIE E INGEGNERIA COMPETENZE IN MATERIA DI CITTADINANZA RISOLVERE PROBLEMI COLLABORARE E PARTECIPARE AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE TUTTE TUTTE IN PARTICOLARE ITALIANO, MATEMATICA, TECNOLOGIA, SCIENZE, MUSICA, ARTE E IMMAGINE IN PARTICOLARE ITALIANO, MATEMATICA, STORIA, GEOGRAFIA, SCIENZE, MUSICA, ARTE E IMMAGINE, EDUCAZIONE FISICA, RELIGIONE TUTTE IN PARTICOLARE ITALIANO, MATEMATICA, TECNOLOGIA TUTTE IN PARTICOLARE MATEMATICA, SCIENZE E TECNOLOGIA TUTTE IN PARTICOLARE ITALIANO, INGLESE, TECNOLOGIA, EDUCAZIONE FISICA, RELIGIONE 7

[close]

p. 8

COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Competenza personale, sociale e capacità di imparare a imparare Competenza imprenditoriale Competenza imprenditoriale Competenza alfabetica funzionale Competenza multilinguistica Consapevolezza ed espressione culturale COMPETENZE TRASVERSALI EUROPEE DI CITTADINANZA COMPETENZE DI CITTADINANZA OBIETTIVI FORMATIVI IN USCITA INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI IN USCITA PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI IN USCITA SEC. I° GRADO Imparare ad imparare Acquisire ed interpretare ‘informazioni Individuare collegamenti e relazioni Ambito: COSTRUZIONE DEL SĖ Riconoscere i propri pensieri, i propri Analizzare le proprie capacità nella vita statid’animo, leproprieemozioni. scolastica conoscendone i punti di Utilizzare informazioni, provenienti debolezza e i punti di forza, e saperli dalle esperienze quotidiane (a scuola, a gestire. casa, con gli altri), in modo appropriato Essere consapevoli dei propri alla situazione. comportamenti. Avere fiducia in sé stesso affrontando Iniziare ad organizzare il proprio serenamenteanchesituazioninuove. apprendimento utilizzando le informazioni ricevute, anche in funzione dei tempi disponibili. Acquisire un personale metododi studio. Valutarecriticamenteleproprieprestazioni. Essere consapevoli del proprio comportamento, delle proprie capacità e dei propripunti deboli e saperli gestire. Riconoscere le proprie situazioni di agio e disagio. Organizzare i l p r o p r i o a p p r e n d i m e n t o scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione, anche in funzione dei tempi disponibili. Acquisireunefficace metodo distudio. risolvere problemi progettare Comunicare Comprendere Rappresentare Scegliere, organizzare e predisporre Elaborare e realizzare semplici prodotti materiali, strumenti, spazi, tempi e di genere diverso utilizzando le interlocutori per soddisfare un bisogno conoscenze apprese. primario. Realizzare un gioco. Trasmettere un messaggio mediante il linguaggio verbale e non verbale. Ambito: RELAZIONE CON GLI ALTRI Comprendere il linguaggio orale di uso Comprendere semplici messaggi di quotidiano, (narrazioni, regole, genere diverso anche mediante supporti indicazioni operative) cartacei e informatici. Comprendere e utilizzare gesti, Utilizzare i linguaggi di base appresi per immagini, suoni. descrivere eventi, fenomeni, norme, Esprimere le proprie esperienze, procedure, e le diverse conoscenze sentimenti, opinioni, avvalendosi dei disciplinari, anche mediante vari diversi linguaggi sperimentati. supporti (cartacei, informatici e multimediali). Elaborare e realizzare prodotti di vario attività di studio, utilizzando le conoscenze procedurali everificare irisultatiraggiunti. Comprendere messaggi di vario genere trasmessi utilizzando linguaggi e supporti diversi (cartacei, informatici e multimediali). Utilizzare i vari linguaggi e conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) per esprimere eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure. 8

[close]

p. 9

COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Competenze In materia di cittadinanza Competenze in Matematica Competenze in Scienze, Tecnologia e ingegneria Competenza imprenditoriale COMPETENZE TRASVERSALI EUROPEE DI CITTADINANZA COMPETENZE DI CITTADINANZA OBIETTIVI FORMATIVI IN USCITA INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI IN USCITA PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI IN USCITA SEC. I° GRADO Collaborare Partecipare Comunicare Agire in modo autonomo e responsabile Ambito: RELAZIONE CON GLI ALTRI Partecipare a giochi e attività collettivi, collaborando con il gruppo, riconoscendo e rispettando le diversità. Stabilire rapporti corretti con i compagni ed adulti. Esprimere i propri bisogni. Portare a termine il lavoro assegnato. Capire la necessità di regole, condividerle e rispettarle. Confrontarsi e collaborare con gli altri nelle attività di gruppo e nelle discussioni, apportando il proprio contributo nel rispetto dei diritti di tutti. Assolvere gli obblighi scolastici con responsabilità. Rispettare le regole condivise. Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, gestendo la conflittualità, contribuendo all’apprendimento comune e alla realizzazione delle attività collettive nel rispetto dei diritti di tutti. Assolvere gli obblighi scolastici con responsabilità rispettando le scadenze. Rispettare le regole condivise Ambito: RAPPORTO CON LA REALTÁ NATURALE E SOCIALE Risolvere problemi Riconoscere situazioni che richiedono una risposta. Formulare domande. Risolvere semplici situazioni problematiche all’esperienza. legate Riconoscere situazioni che richiedono una risposta. Cercare di formulare ipotesi di soluzione, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline Individuare collegamenti e relazioni Utilizzare parole, gesti, disegni per comunicare in modo efficace. Cogliere relazioni di spazio, tempo, grandezza. Individuare e rappresentare fenomeni ed eventi disciplinari, cogliendone analogie e differenze, cause ed effetti sia nello spazio che neltempo. Affrontare situazioni problematiche formulando ipotesi di soluzione, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo soluzioni valutando i dati, pro po nendo so l u zio n i utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. Individuare erappresentare, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti disciplinari elontani nellospazio e nel tempo, ed incoerenze, cause ed effetti. Acquisire ed interpretare l’informazione Ricavare informazioni attraverso l’ascolto e supporti iconografici. Avvalersi di informazioni utili per assumere comportamenti adeguati alle situazioni. Ricavare informazioni da immagini e testi scritti di contenuto vario. Essere disponibile a ricercare informazioni utili al proprio apprendimento, anche in contesti diversi da quelli disciplinari e prettamente scolastici. Acquisire la capacità di analizzare attraverso diversi strumenti comunicativi, distinguend o fatti e opi nio ni co n s enso critico 9

[close]

p. 10

COMPETENZE TRASVERSALI (AL TERMINE) COMPETENZA DIGITALE Usa con responsabilità le tecnologie in contesti comunicativi concreti per ricercare informazioni e per interagire con altre persone, come supporto alla creatività e alla soluzione di problemi semplici. SCUOLA DELL’INFANZIA Si interessa a macchine e strumenti tecnologici, sa scoprirne funzioni e possibili usi. SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Utilizza le TIC per arricchire il proprio lavoro con immagini, suoni, elementi creativi. Produce, rivede, salva e condivide con altri il proprio lavoro. Utilizza con dimestichezza le più dell’informazione e della soluzioni potenzialmente utili a un dato contesto applicativo, a partire dall’attività di studio. È consapevole delle potenzialità, dei limiti e dei rischi dell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, con particolare riferimento al contesto produttivo, culturale e sociale in cui vengono applicate. COMPETENZA IMPRENDITORIALE Dimostra originalità e spirito di iniziativa. È in grado di realizzare semplici progetti. Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede. Esplora i dati della realtà per comprendere la fattibilità di un compito. Utilizza capacità operative progettuali e manuali in contesti diversificati. Elabora, ricostruisce, sceglie e pratica la tecnica e le procedure adatte al compito che intende svolgere. Valuta aspetti positivi e negativi proprio lavoro, al contesto; valuta Assume e porta a termine compiti e iniziative. Pianifica e organizza il proprio lavoro; realizza semplici progetti. Trova soluzioni nuove a strategie di problem solving. 10

[close]

p. 11

COMPETENZA PERSONALE, SOCIALE E CAPACITÁ DI IMPARARE AD IMPARARE Possiede un patrimonio organico di conoscenze e nozioni di base ed è in grado di ricercare nuove informazioni. Si impegna in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. Organizza le esperienze in procedure e schemi mentali per l’orientamento in situazioni simili a quelle sperimentate. Acquisisce ed interpreta informazioni. Individua collegamenti e relazioni e li trasferisce in altri contesti. Organizza il proprio apprendimento individuando ed utilizzando varie fonti e varie modalità di formazione e informazione anche in funzione dei tempi disponibili. Legge un testo e pone domande sulle informazioni Individua collegamenti e relazioni e li trasferisce in altri contesti. Organizza il proprio apprendimento, individuando, scegliendo e utilizzando varie fonti e varie modalità d’informazione e di formazione (formale, non formale e informale) anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro. COMPETENZA IN MATERIA DI CITTADINANZA Ha cura e rispetto di sé, degli altri e dell’ambiente. Rispetta le regole condivise e collabora con gli altri. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato, da solo o insieme agli altri. Conosce il proprio Territorio e ne evidenzia gli aspetti positivi e negativi. Intuisce la necessità della valorizzazione e della cura del patrimonio culturale, artistico e naturale come strumento di contrasto al degrado sociale e ambientale, e come opportunità di crescita personale e di occupazione. Attua forme di comportamento rispettose verso sé stesso, gli altri e l’ambiente. Partecipa e interagisce con adulti e compagni per trovare soluzioni a problemi o stabilire regole utili alla convivenza in spazi condivisi. Si confronta su temi quali lo sviluppo sostenibile e la decrescita, partendo da azioni di tutela delle risorse nella vita quotidiana, fino ad avviare una riflessione più ampia sullo sfruttamento incontrollato delle risorse del Pianeta. Conosce la Costituzione, nelle sue parti essenziali, come strumento di tutela a favore del cittadino e del Territorio. Comprende che l’Italia, con la sua identità storica, fa parte dell’Europa e del Mondo. Dimostra curiosità verso altre culture e luoghi geografici. Ricerca e progetta percorsi di approfondimento sull’attività di UNESCO, FAI, WWF, UNICEF, Italia Nostra… sul recupero e la valorizzazione di spazi e ambienti e sulla difesa dei diritti umani. 11

[close]

p. 12

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA DA ACQUISIRE ALLA FINE DEL 1° CICLO Costruzione del sé 1. IMPARARE AD IMPARARE: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale e informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di lavoro e di studio. 2. PROGETTARE: formulare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti. Relazioni con gli altri 3. COMUNICARE: comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessità diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) - rappresentare eventi, principi, concetti, norme, procedure, stati d’animo, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) 4. COLLABORARE E PARTECIPARE: interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, contribuendo all’apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri. 5. AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE: sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo allo stesso tempo quelli altrui. Positiva interazione con la realtà naturale e sociale 6. RISOLVERE PROBLEMI: affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. 7. INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI: individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura. 8. ACQUISIRE ED INTERPRETARE L’INFORMAZIONE: acquisire ed interpretare criticamente l’informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l’attendibilità e l’utilità, distinguendo fatti e opinioni. 12

[close]

p. 13

ASSE DEI LINGUAGGI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: competenza alfabetica funzionale PROFILO AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE: -Ha una padronanza della lingua italiana che gli consente di comprendere e produrre enunciati e testi di una certa complessità, di raccontare le proprie esperienze e idee e di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni. I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL’INFANZIA Il bambino sviluppa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, la utilizza in differenti situazioni comunicative. Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti, argomentazioni attraverso il linguaggio verbale Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il linguaggio per progettare attività e per definirne regole. Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività e la fantasia. Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media. ITALIANO FINE CLASSE TERZA ASCOLTO E PARLATO  Ascolta e comprende in modo attivo.  Racconta esperienze personali rispettando l’ordine cronologico ed i nessi causali.  Riferisce i contenuti di testi ascoltati in modo chiaro. LETTURA ED ESPANSIONE DEL LESSICO  Legge in modo scorrevole ed espressivo individuando le informazioni principali e le loro relazioni.  Comprende nei testi letti il significato di parole sconosciute, basandosi sia sul contesto, sia sulla conoscenza intuitiva delle famiglie di parole. SCRITTURA  Racconta per iscritto un'esperienza personale.  Scrive in modo autonomo rispettando le convenzioni ortografiche conosciute.  Produce semplici testi di vario genere, chiari e coerenti, rispettando l’ordine temporale.  Rielabora e manipola testi ELEMENTI DI GRAMMATICA ESPLICITA E RIFLESSIONE SUGLI USI DELLA LINGUA Utilizza correttamente nella produzione scritta, le convenzioni ortografiche e i principali segni di interpunzione.  Riconosce le principali parti del discorso (articolo, classificazione del nome, verbo, aggettivo qualificativo). 13

[close]

p. 14

FINE CLASSE QUINTA  Mantiene viva l’attenzione sul messaggio orale, individuando gli scopi di chi parla e le diverse situazioni comunicative.  Coglie in una discussione le posizioni espresse dai compagni ed esprime la propria opinione su un argomento in modo chiaro e pertinente.  Adegua il linguaggio alla specificità delle discipline ed al contesto comunicativo.  Legge e comprende un testo narrativo, cogliendone le informazioni esplicite ed implicite.  Racconta esperienze personali, in modo chiaro e pertinente, rispettando l’ordine cronologico e logico.  Organizza un semplice discorso orale.  Utilizza mappe concettuali e schemi organizzativi per pianificare e produrre autonomamente un testo coerente e coeso.  Riconosce la frase minima e le sue espansioni.  Riconosce le categorie sintattiche essenziali.  Scrive racconti ed esperienze personali o vissute da altri  Rielabora e trasforma un testo nelle sue parti.  Utilizza il dizionario come strumento di consultazione.  Riflette sui testi propri e altrui per cogliere le caratteristiche del lessico e le regolarità morfosintattiche.  Conosce tutte le parti del discorso e la coniugazione dei verbi nella forma attiva. 14

[close]

p. 15

FINE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO  Ascolta testi prodotti da altri,  Legge ad alta voce in modo  Conosce e applica le  Riconosce ed esemplifica casi di anche trasmessi dai media, espressivo. riconoscendone fonte e scopo,  Legge in modalità silenziosa procedure di ideazione, variabilità della lingua. pianificazione, stesura e  Stabilisce relazioni tra situazioni di argomento, informazioni testi di varia natura e revisione del testo a partire registri linguistici; tra campi di principali e punto di vista provenienza applicando dall’analisi del compito di  discorso, forme di testo, lessico dell’emittente. tecniche di supporto alla scrittura. specialistico.  Interviene in una comprensione.  Scrive testi di diverso tipo,  Riconosce le caratteristiche e le conversazione o in una  Utilizza testi funzionali di corretti dal punto di vista strutture dei principali tipi testuali. discussione con pertinenza. vario tipo per affrontare morfosintattico, lessicale,  Riconosce le principali relazioni fra  Utilizza le proprie conoscenze situazioni della vita ortografico, coerenti e coesi, significati delle parole (sinonimia, sui tipi di testo per adottare strategie funzionali a comprendere durante l’ascolto. Ascolta testi  quotidiana. Ricava informazioni esplicite e implicite da testi espositivi, per documentarsi su un  adeguati allo scopo e al destinatario. Utilizza nei propri testi, sotto forma di citazione  opposizione, inclusione); conosce l’organizzazione del lessico in campi semantici e famiglie lessicali. Conosce i principali meccanismi di applicando tecniche di argomento specifico o per esplicita e/o di parafrasi, formazione delle parole. supporto alla comprensione. realizzare scopi pratici. parti di testi prodotti da altri  Riconosce l’organizzazione logico-  Riconosce, all’ascolto, alcuni  Ricava informazioni e tratti da fonti diverse. sintattica della frase. elementi ritmici e sonori del sfruttando le varie parti di un  Scrive sintesi, anche sotto  Riconoscere i connettivi sintattici e testo poetico. manuale di studio: indice, forma di schemi, di testi testuali, i segni interpuntivi e la loro  Narra esperienze, eventi, capitoli, titoli, sommari, testi, ascoltati o letti in vista di funzione specifica. trame. Descrive oggetti, riquadri, immagini, scopi specifici.  Riflette sui propri errori tipici, luoghi didascalie.  Utilizza la videoscrittura per segnalati dall’insegnante, allo scopo  persone e personaggi.  Confronta, su uno stesso i propri testi, curandone di imparare ad autocorreggerli nella Riferisce oralmente su un argomento, informazioni l’impaginazione; scrivere produzione scritta. argomento di studio ricavabili da più fonti, testi digitali (ad es. e-mail,  Amplia, sulla base delle esperienze esplicitando lo scopo e presentandolo in modo chiaro. Argomenta la propria tesi su un tema affrontato nello studio   selezionando quelle ritenute più significative ed affidabili. Comprende testi descrittivi, individuando gli elementi  post di blog, presentazioni). Realizza forme diverse di scrittura creativa, in prosa e in versi (ad es. giochi scolastiche ed extrascolastiche, delle letture e di attività specifiche, il proprio patrimonio lessicale. Comprende e usa parole in senso e nel dialogo in classe con dati pertinenti e motivazioni valide  della descrizione, la loro collocazione nello spazio e il punto di vista dell’osservatore. Legge semplici testi  linguistici, riscritture di testi narrativi con cambiamento del punto di vista); scrivere o inventare  figurato, utilizza il lessico specifico delle discipline. Utilizza la propria conoscenza delle relazioni di significato fra le parole e argomentativi e individuare tesi centrale e argomenti a sostegno.  Legge testi letterari di vario testi teatrali, per dei meccanismi di formazione delle un’eventuale messa in scena. parole.  Utilizza dizionari di vario tipo. tipo e forma (racconti, novelle, romanzi, poesie, commedie). 15

[close]

Comments

no comments yet