il Portico 357

 

Embed or link this publication

Description

la voce dei novellaresi

Popular Pages


p. 1

ANNO XXXVIII MENSILE NOVELLARESE D'INFORMAZIONE Consulenza e stime immobiliari Gestione Affitti - Compravendite NOVELLARA (RE) V.le Montegrappa, 11/b Cell. 348-4446131 - Tel. 0522-654100 Gennaio 2019 n.357 Immagine del Canale ghiacciato che costeggia Strada Boschi Morellini Geom. Daniele - COSTRUZIONI EDILI - RISTRUTTURAZIONI - VENDITE IMMOBILIARI - PROGETTAZIONI Viale Montegrappa, 40 - 42017 Novellara (RE) - Tel. 0522 - 652719 - Cell. 348 9000390 www.dmcostruzionisrl.it - Email: info@dmcostruzioni.it

[close]

p. 2

2 LA PAGINA POLITICA Manovra del “cambiamento” o cambiamento della Manovra? Ecco la prima Legge di Bilancio “targata” Lega - M5S, annunciata ancor prima di essere approvata e i cui contenuti appaiono discutibili. Un foglio a righe, una lista a mo’ di spesa e quel FATTO evidenziato sulla destra. E’ questa l’immagine della Legge di Bilancio 2019, ovvero la foto postata sui social il 20 dicembre scorso, dal vicepremier Luigi Di Maio. Tolto l’effetto propagandistico e dopo l’approvazione al fotofinish, quanto è vero quel “ FATTO” ? Nessun aumento IVA. Per il 2019 non ci saranno variazioni, che sarebbero invece scattate senza interventi nella legge di bilancio; tuttavia, sono previsti cospicui aumenti, ancor più elevati di quelli programmati dalle manovre precedenti. Nel 2020, l’aliquota ridotta al 10 % passerà al 13 %, mentre quella ordinaria (al 22 %), passerà prima al 25,2 e poi al 26,5 % (2021). Già oggi sappiamo che per evitare un aumento IVA (che grava unicamente sul consumatore finale), il Governo dovrà reperire:23 miliardi (2020) e 28 miliardi ( 2021). Più del doppio rispetto ai “soli“ 12 miliardi necessari quest’anno e cifre assai considerevoli se rapportate alla manovra 2019 di 32 miliardi. Lega e M5S hanno vincolato le future scelte di Governo, che avrà un “bel da lavorare” per disinnescare tali aggravi. Reddito di cittadinanza. Il M5S si è presentato in campagna elettorale con una proposta di reddito di cittadinanza che valeva 17 miliardi di euro, nella manovra invece ne sono stati stanziati 7. E’ tutto da costruire inoltre il decreto che ne disciplinerà il funzionamento (sembra gennaio 2019). Di fatto è l’annuncio di una scatola vuota. Si poteva piuttosto migliorare il REI (Reddito di inclusione) già operativo, senza ulteriori attese, ampliando la platea di beneficiari o aumentando la cifra di spettanza alla famiglia. Aumento pensioni minime e invalidi. L’aumento di questa tipologia di pensioni è collegata all’entrata in vigore delle “pensioni di cittadinanza”, ovvero la norma che né stabilirà l’aumento fino a 780 euro al mese. L’unica certezza è una “stretta” triennale di Daniele Panciroli vice segretario Circolo PD Novellara sull’indicizzazione di tutte le pensioni superiori a tre volte il minimo (1.521 euro / mese). Una minore rivalutazione all’inflazione che riguarderà ben il 58,6 % delle pensioni vigenti. Quota 100. Gennaio 2018, dichiarazione di Matteo Salvini: “Il primo provvedimento del nostro governo? Abolire la legge Fornero”. Dopo più di 6 mesi di governo, la norma Fornero è ancora in vigore e si dichiara di introdurre il cosiddetto meccanismo di “quota 100” (62 anni di anzianità e 38 anni di contributi). Attenzione però, andare in pensione prima potrebbe nascondere delle insidie, ovvero assegni più bassi. E poi, anche in questo caso manca ancora il decreto legge attuativo, aspetto non meno importante. L’unica certezza è che, rispetto alla versione originaria, “quota 100” ha via via perso risorse. Resterà infatti in vigore fino al 2021, siccome viene ritenuta una riforma pericolosa nel lungo periodo per la tenuta dei conti. Di fatto non una riforma strutturale, ma elettorale. Pensioni d’oro. Trattasi di “prelievo di solidarietà”, con durata di cinque anni (per non rischiare l’incostituzionalità) e limitato solo alle pensioni calcolate con metodo retributivo. Un provvedimento che riguarderà poco più di 24 mila pensionati e che, al netto degli effetti fiscali, genererà risparmi tra i 76 e i 90 milioni annui. Cifra che nel bilancio dello Stato incide ben poco. Esclusione Bolkestein. In altre parole, si esentano per 15 anni gli stabilimenti balneari dalla direttiva europea che prevede il bando per le concessioni. Come affermato dai Verdi Italiani “Si prorogano le concessioni demaniali senza adeguare i canoni che vengono pagati allo Stato e che sono ridicoli!”. Lo Stato incassa solo 103 milioni annui a fronte di un’evasione, secondo l’agenzia del demanio, del 50%. Oltre a ciò, si dispensano tutti quegli immobili residenziali che occupano le spiagge italiane e che dovrebbero essere eliminati. Taglio di mezzo miliardo delle spese militari. Mezzo miliardo?! Sì, per essere precisi però, spalmato su 13 anni, dal 2019 al ‘31. Nei fatti non ci saranno tagli. E’ prevista infatti la vendita di oltre 1.000 immobili appartenenti alla Difesa e il 10% degli incassi derivanti da questa dismissione, potrà essere destinata a spese militari. Una mera partita di giro. A ciò si aggiunga poi la virata dei M5S sull’acquisto degli F35. In campagna elettorale Di Maio annunciava: “Gli F35 non servono a nulla”. Ad oggi, il programma di acquisto degli F35 rimane confermato. Tempo prolungato nelle scuole. Vengono stanziati fondi per l’assunzione di 2 mila maestri elementari. Come affermato dai sindacati, tuttavia, per applicare il tempo prolungato in tutte le scuole servirebbero circa 40 mila insegnanti in più. Taglio del 30 % del premio Inail per le aziende. Il taglio deriva unicamente dal surplus che l’istituto ottiene ogni anno, causa l’eccedenza tra versamenti e le prestazioni erogate. E’ certo un minor costo, ma ricordo che l’Inail è l’istituto che tutela, dal punto di vista assicurativo le vittime degli infortuni sul lavoro (tornati a crescere dal 2017). Come da comunicato congiunto, Cgil, Cisl e Uil richiedono il ritiro dell’emendamento, in quanto si rischia di penalizzare la sicurezza sul lavoro. 10 Miliardi e mezzo per il dissesto idrogeologico. I 10 miliardi di cui si parla erano, in gran parte, già stati stanziati in estate da questo Governo. 1,5 Miliardi di euro per truffati Banche. 525 milioni di euro annui, dal 2019 al 2021, finanziati utilizzando le somme accantonate nel “fondo dormiente”, ovvero dai conti correnti non movimentati da oltre venti anni. Il rimborso avverrà poi in forma diretta, senza accertamento da parte del giudice o dell’arbitro finanziario. Sarà tutto in mano al MEF. Il rischio è l’avvio da parte UE di una procedura per aiuti di Stato. A ciò si aggiunga che gli azionisti “azzerati” riceveranno un indennizzo pari al 30 % del costo di acquisto dell’azione, percentuale ritenuta insoddisfacente e che smentisce le numerose promesse fatte da Lega e M5S in campagna elettorale. Assunzione 12 mila persone per pulizie nelle scuole. Non si tratta di personale aggiuntivo. A partire dal 1mo gennaio 2020 si passa dagli appalti per la pulizia, all’internalizzazione del servizio. Dimezzamento Imu sui capannoni industriali. La deducibilità dell’Imu pagata dai capannoni industriali ai fini Ires passa dal 20 al 40 %. 6.000 euro di incentivi auto elettriche. Ben vengano misure atte alla lotta all’inquinamento, ma si getti la maschera. Salvini dichiarava: ”Non ci sarà nessuna nuova tassa sulle auto”, invece per le auto Prof. Roberto Begliardi NOVELLARA (RE) Via Falcone, 11 Tel.0522/651099 ATTIVITÀ INDIVIDUALI E PERSONALIZZATE CON METODICA BACK SCHOOL - ADOLESCENTI CON SCOLIOSI E IPERCIFOSI - ADULTI CON LOMBALGIE E CERVICALGIE - DONNE DURANTE E DOPO LA GRAVIDANZA - ANZIANI CON ARTROSI E OSTEOPOROSI - RIEDUCAZIONE POSTOPERATI ANCA E GINOCCHIO - IGIENE POSTURALE TEORICA E PRATICA - PERSONAL TRAINER SU APPUNTAMENTO LUNEDÌ - GIOVEDÌ 09,00 - 12,00 / 16,00 - 22,00 MARTEDÌ - VENERDI 09,00 - 12,00 / 15,00 - 20,00 MERCOLEDÌ - SABATO su appuntamento dal lunedì al venerdì 09.30 - 13.00 15.30 - 19.30 sabato 10.00 - 13.00 Visite a domicilio. Visite su appuntamento negli orari di chiusura Novellara (RE) via Manzoni, 20/A tel. 0522/654710 cell. 337/584683 snc di Benevelli & C. Riscaldamento Condizionamento Solare Energia Alternativa NOVELLARA (RE) via E. Mattei, 41 Tel. 0522/661281 Fax 0522/662186 Email: info@tbs.it - www.tbs.it

[close]

p. 3

con emissione di anidride carbonica superiore ai 160 g/Km si pagherà un’imposta dai 1.100 fino ai 2.500 euro. 1 Miliardo di euro in più alla sanità. Viene solo rispettata una decisione già presa nel 2017 con un’intesa fra il precedente governo Gentiloni e le Regioni. Ora. Dichiarare un provvedimento FATTO, ancor prima della sua approvazione, dimostra: 1. la volontà di perseguire unicamente una logica dell’annuncio, vero o falso che sia; intanto si alimenta l’idea del “Governo del Cambiamento” che “FA”, come se il cambiamento a prescindere fosse sempre in meglio; 2. una totale assenza di senso delle Istituzioni, azzerando il ruolo del Parlamento e delle sue opposizioni, a cui non è stato dato neppure il tempo di esaminare i contenuti dei provvedimenti; Non mi si dica “La legge di bilancio va approvata entro il 31 Dicembre, si rischia l’esercizio provvisorio”. Il primo rilievo negativo sulla manovra da parte della Commissione Europea, è datato 5 ottobre, ben 3 mesi prima della fine dell’anno. Si sono perse settimane, in un’inutile “braccio di Ferro” che ha avuto come unico effetto, un aumento dello spread e della spesa per interessi. Ecco, questo SI’, FATTO. 3 Foto Mauro Storchi 3R Costruzioni s.n.c. di Rossi Fabio & Dino Civili Zootecniche Industriali NOVELLARA (RE) via della Libertà, 1 tel. e fax 0522/651089 cell.331/2697050 Email: 3rcostruzionisnc@gmail.com

[close]

p. 4

44 Bilancio 2019: nessun aumento di imposte nel comune di Novellara Comune Numerose le opere di manutenzione straordinaria previste dal bilandi Novellara cio approvato in consiglio comunale di Francesca Amadei Segreteria del Sindaco Nel corso del Consiglio comunale che si è tenuto giovedì 20 dicembre è stato approvato il bilancio di previsione 2019-2021 del Comune di Novellara. Un bilancio solido, in equilibrio, che non prevede anticipi di cassa e che è stato approvato nei termini previsti. “L’ultimo bilancio di questa Amministrazione afferma il Sindaco Elena Carletti – conferma il trend di questi anni: la cura di un patrimonio molto vasto, che parte dalle persone e termina negli spazi vissuti. Il bilancio apre poi nuove prospettive sulla realizzazione di una nuova sede per la Protezione civile e il magazzino comunale. Il tutto senza prevedere aumenti tariffari e di imposte per i cittadini, fatto di cui andiamo particolarmente fieri; resterà inoltre il tetto di esenzione di 11.000 euro per gli sgravi Irpef”. Il programma degli investimenti 2019 prevede infatti la riqualificazione energetica e antisismica degli impianti della piscina, per un totale di 700.000 euro; è stato affidato inoltre l’incarico per la redazione del progetto preliminare del nuovo palasport, redatto sulla base del recente studio di fattibilità condiviso con le associazioni sportive, la cui costruzione è prevista tra due anni. E ancora, in programma manutenzioni straordinarie della Rocca, sede di Municipio, Museo, Biblioteca e Teatro; manutenzioni e riqualificazioni degli edifici scolastici, in continuità con gli indirizzi che l’Amministrazione si è data in questi anni; l’intervento di manutenzione straordinaria nel cimitero. Invariati gli investimenti nei servizi sociali ed educativi. “Lo scopo che vogliamo perseguire – spiega l’Assessore al bilancio Simone Zarantonello – è quello di rigenerare e valorizzare l’esistente, portando avanti forti interventi di riqualificazione e improntati al risparmio energetico”. Per quel che riguarda l’ambiente, saranno riqualificati il Parco della Fossetta, il Parco della Falasca, e proseguono gli interventi sul Parco Augusto, la cui area giochi sarà arricchita di nuove pavimentazioni e giochi inclusivi fruibili anche da diversamente abili; inizierà la bonifica dell’amianto del tetto del magazzino comunale. Grazie ad una cospicua donazione di oltre 40.000 euro sarà possibile intervenire anche sul canile e gattile, con diverse opere di manutenzione straordinaria. Inoltre a fine gennaio verrà presentato alla cittadinanza lo studio per la mobilità sostenibile nel territorio. Si inaugura il Lapidario al Museo Gonzaga Si inaugurerà Domenica 3 febbraio alle ore 11.00 il Lapidario allestito nel loggiato del Museo Gonzaga di Novellara. L’intervento, voluto dal Comune di Novellara, al quale è stato assegnato un contributo - sul Piano museale 2017 - dall’Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali (IBC) della Regione Emilia Romagna, rientra tra i progetti di ampliamento dei percorsi espositivi e degli allestimenti. All’ingresso del loggiato cinquecentesco antistante il Museo sono stati esposti alcuni marmi di epoca gonzaghesca (secc. XVI e XVII) e otto lapidi ottocentesche dell’antico cimitero ebraico che era stato donato dai Gonzaga alla comunità israelitica. Tali manufatti erano, prima dell’intervento, in parte, collocati nel deposito del Museo. Il progetto è stato curato dall’Architetto Nicola Nottoli e realizzato da Allestend di Lucca. Il progetto giovani 2019 riparte con una nuova operatrice: siamo felici di presentarvi Margherita Sassi, ritratta nella foto insieme al Sindaco Elena Carletti, allíAssessore alle politiche giovanili Milena Saccani Vezzani e a Enea Mammi, che la affiancherà nel primo periodo. Per tutte le richieste e proposte relative al mondo dei giovani vi invitiamo a contattare Margherita al numero di telefono 388 104 4734. di Andrea Masi Tende Interne - Esterne Tappezzeria - Tende tecniche NOVELLARA (RE) Via Andrea Costa, 26 - Tel e Fax 0522 650327 - Email: reflex@reflextende.it

[close]

p. 5

di Brioni Erich 5 La storia della £. nella collezione Neviani di Elena Ghidini Segreteria del Sindaco Domenica 2 dicembre è stata esposta al pubblico la ricca collezione di monete e cartamoneta italiane donata dal Prof. Ivo Neviani al Comune di Novellara. Diversi gli esemplari esposti. Si parte da monete e cartamoneta del Regno d’Italia (18611943) fino a quelle della Repubblica Italiana (a partire dal 1946). Un percorso lungo, di 141 anni di storia, attraverso le diverse tipologie della Lira italiana che ha cessato il suo corso, a favore dell’Euro, il 28 febbraio 2002. Nelle due grandi bacheche collocate nei depositi dell’archivio, dove ha trovato posto la collezione, si possono rivedere le 500 Lire in argento, le grandi 1.000 o 10.000 “di carta” (che portafoglio occorreva?) oltre a tante altre Lire che ci riportano indietro nel tempo, quando, ad esempio, con 30 Lire potevi comprarti un gelato. Una prima suddivisione dei pezzi era stata fatta da Giuseppe Gelosini, la sistemazione attuale è stata curata da Elena Ghidini, Alessia Crestale (Cooperativa Charta) con la preziosa collaborazione di Antonella Rapacchi, esperta di numismatica. Ivo Neviani, novellarese, è stato docente di paleontologia all’università di Bologna e alla Cattolica di Milano, ma anche collaboratore dell’Eni di Mattei, del ministero della pubblica istruzione e della Rai. E’ stato autore di numerose pubblicazioni scientifiche e nel 2003 aveva ricevuto dalla Presidenza della Repubblica la medaglia d’argento ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte. Si può visitare la collezione in modo permanente in orari di apertura dell’Archivio Storico: lunedì ore 9,30 - 13,00 e mercoledì ore 15,00 – 18,30. Per info: 0522-655426 TINTEGGIO INTERNI - ESTERNI - CARTONGESSO MANUTENZIONI - PAVIMENTI PREFINITI NOVELLARA (RE) Via Einaudi, 29 Cell. 348.5639210

[close]

p. 6

6 Pensioni: quota 100 o quota 62+38 Illusione o realtà per tanti lavoratori, sospesi fra un passato che non torna ed un futuro che non arriva…. di Giovanni Panini e Miro Costoli L’Italia è un paese da sempre divisibile Orazi e Curiazi ,Guelfi e Ghibellini, Montecchi e Capuleti. Noi italiani da sempre “ci si avvalena odiandoci“, sul tema delle pensioni quota 100 a richiesta, con parziale rottamazione della riforma pensionistica “Fornero“, assistiamo ad un imbarbarimento generale dei toni e delle condotte politiche. Con visioni“criptiche” trasversali agli antichi schieramenti politici: misure troppo assistenzialistiche, un baratto, una vergogna sulle spalle dei giovani che non andranno mai in pensione (per alcuni). Misure poco incisive, con forti deterrenti/penalizzazioni economiche per chi esce in anticipo sulla Fornero, impostazione pro aziende, mancata cumulabilità per lavori occasionali oltre 5.000 euro (per altri). Del picconamento della Fornero a seguito della riforma introdotta con la Legge di bilancio 2019, Miro Costoli da esperto cercherà di spiegare il funzionamento (pur in mancanza ad oggi 13/01/2019 dei decreti attuativi). Quello che mi viene da dire, è che il migliore dei mondi possibili oggigiorno, quando viene messo nero su bianco, giocoforza è frutto di compromessi e promesse elettorali. Con la sensazione, che “le linee di comando”, siano mosse da interessi che stiano al di sopra delle persone. Sentendo quasi tutte le parti sociali: studenti, disoccupati, baby pensionati, pensionati d’oro, pensionati e lavoratori. Vorrei tanto chiedere all’Italia, il nostro paese, cosa ne pensa dell’idea imperante, di fare soldi da furbi a discapito di tutti coloro che hanno lavorato per 40 anni, “gli ignoranti”. Senz’altro è stato antieconomico, ma in tanti si è viaggiato con la pretesa di non pagare il biglietto. Ora però necessita recuperare i diritti comuni e ritrovare una “coesione generazionale” che dovrebbe essere il seme di un rinnovamento civile e culturale del Paese, quindi in un qualche modo occorrerà mettere in sicurezza le pensioni attuali e future e dirimere lo scontro generazionale genitori/figli in ambito “anche” lavorativo e pensionistico. La quota 100, ancora una volta, diventa solo un’ulteriore opportunità di pensionamento per alcuni, come lo furono: l’opzione donna, gli 8 decreti sugli esodati, o le disposizioni sui lavori gravosi (istituiti dopo i lavori usuranti) quindi disposizioni usufruite per alcuni, e che poi hanno prima illuso, poi deluso molti altri. Se vogliamo essere onesti, non dovremmo chiamarla QUOTA 100 ma QUOTA 62+38 perché tanti lavoratori che hanno cominciato a lavorare a 16/17 anni di età e che hanno già maturato i 38 anni di contributi non potranno andare in pensione non avendo ancora i 62 anni di età e invece usufruiranno della normativa “Fornero” (che fortunatamente per loro, non viene abrogata) La prof. Fornero aveva detto una cosa giusta e cioè che le finestre di pensionamento erano dei “bizantinismi” che andavano abolite (e che in effetti la sua legge abolì). Ebbene il governo del cambiamento le ripristinerà, per cui un lavoratore che ha maturato la quota 100, dovrà aspettare 3 mesi di finestra, se dipendente privato, 6 mesi in più se dipendente pubblico, 12 mesi se dipendente della scuola, per iniziare a percepire la pensione. Gli artigiani, i commercianti e i coltivatori diretti per poter usufruire della QUOTA 100 devono cessare l’attività perché incompatibile con un reddito superiore ai euro 5.000 e quindi difficilmente (soprattutto se hanno dei dipendenti) usufruiranno della pensione anche se già maturato la quota 100. Dal 1/1/2019 l’età per la pensione di vecchiaia è di 67 anni e penalizzerà soprattutto le donne che non sono riuscite ad avere una continuità nella vita lavorativa e di questo non ne viene tenuto conto. Attendiamo inoltre le norme relative alla “pensione di cittadinanza” che dovrebbero prevedere l’innalzamento delle pensioni minime a 780 euro, che a oggi non si conoscono. Ci sarà poi molto da dire sulla rottamazione delle attività commerciali, già in legge di stabilità, (senza dover aspettare i decreti attuativi) che prevede privilegi per solo alcuni. Domenica 6 gennaio 2019: immagini del gruppo volontari CRI Novellara davanti alla chiesa di S.Stefano nel corso della benedizione dell’Automedica che entrerà in servizio sul territorio.

[close]

p. 7

7 La quattordicesima e le maggiorazioni sulle pensioni Una legge emanata dal governo Prodi nel 2007 aveva previsto per chi avesse una pensione bassa, il pagamento di una somma aggiuntiva a partire dal 2008, chiamata per comodità “LA QUATTORDICESIMA” corrisposta in una unica soluzione nel mese di luglio. tutte le varie leggi e valutare diversamente anche i “baby pensionati” che da dal 1992 percepiscono la pensione con i 19 anni e 6 mesi o 25 anni di contributi. Un’altra applicazione della legge che a mio parere non è giusta è la prescrizione quinquennale. Essendo un beneficio che deve essere erogato d’ufficio dall’inps, quando la quattordicesima viene corrisposta in ritardo, pagano gli arretrati di soli 5 anni anziché da quando il pensionato ha maturato il diritto, imputando al pensionato e non all’istituto stesso la mancata applicazione della legge entro i termini di prescrizione. ATTENZIONE: i pensionati con la pensione minima che VIVONO SOLI, devono controllare che gli vengano corrisposte le maggiorazioni sociali o le somme aggiuntive previste da varie leggi (elettorali) che si sono succedute, perché vengono corrisposte solo su domanda, quindi dovrebbero percepire più di euro 507 mensili che è il trattamento minimo di pensione in vigore nel 2018, rivolgendosi ai patronati. di Miro Costoli Nel 2017 la quattordicesima con una legge del governo Renzi, è stata estesa ad una platea più ampia di pensionati perché per averne diritto è stato innalzato il limite di reddito da euro 9.600 a euro 13.690 annui. I requisiti per poter usufruire di questo beneficio sono i seguenti: 1° aver compiuto 64 anni di età 2° avere un reddito personale inferiore a 2 volte il trattamento minimo di pensione circa euro 13.690 in base ai contributi versati, l’importo della quattordicesima varia nel seguente modo: euro 336 con 15 anni di contributi euro 420 con 20 anni di contributi euro 504 con 25 anni di contributi (per i lavoratori autonomi gli anni di contributi vanno aumentati di 3 anni per ogni fascia) AA se il reddito personale è inferiore a euro 9.800 gli importi precedenti, aumentano a: euro 437 con 15 anni di contributi a euro 546 con 20 anni di contributi a euro 655 con 25 anni di contributi. E’ un meccanismo un po’ complicato (infatti ho cercato di semplificare) che si contraddice con altre leggi precedenti che regolano l’integrazione al minimo e le varie leggi sulle maggiorazioni sociali o la somma aggiuntiva corrisposta in dicembre. In virtù di queste contraddizioni, un gruppo consistente di pensionati (in larga parte sono donne) in effetti hanno ottenuto non solo la quattordicesima ma anche la quindicesima o la sedicesima, raddoppiando e/o triplicando nel mese di luglio, l’importo mensile rispetto a quanto ricevono in tutti gli altri mesi dell’anno, non avendo la pensione integrata al minimo a causa del reddito del coniuge che supera 4 volte il trattamento minimo, quindi a mio parere, i legislatori avrebbero dovuto intrecciare meglio Foto Mauro Storchi STUDIO DI FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE Dott. in Ft. Pietri Federico cell. 338/9702813 Dott. in Ft. Orlandi Francesco cell. 349/4776895 Valutazione funzionale fisioterapica Riabilitazione pre e post operatoria - Rieducazione sportiva Ginnastica medica / correttiva / vertebrale Terapia manuale ortopedica - Rieducazione sec. Mckenzie Rolfing - Massaggi decontratturanti - Ultrasuoni a massaggio Tecar-diatermica capacitativa-resistiva - Ionoforesi Tens ed elettroterapia antalgica - Elettrostimolazione SI RICEVE SOLO SU APPUNTAMENTO - Lo studio si trova a Novellara (RE) in Piazza Unità d’Italia 30 OTTICA il meglio per i nostri clienti Disponibili nuove collezioni vista-sole 2018 di Etnia Barcelona - Oakley Persol - Ray Ban e per la prima volta a Novellara, Moncler • Analisi visiva computerizzate • Esame delle funzioni visive • Applicazione lenti a contatto per tutte le problematiche visive • Controllo digitale della pressione oculare • Mappatura corneale • Centro specializzato montaggio lenti progressive • Laboratorio interno montaggi e riparazioni • Lenti oftalmiche Galileo - Rodenstock - Zeiss NOVELLARA (RE) via Cavour, 16 Tel. 0522/654127

[close]

p. 8

8 Dichiarazione compostaggio domestico ai fini della riduzione TARI. Tutti coloro che hanno acquistato una compostiera e hanno intenzione di effettuare al proprio domicilio il compostaggio del rifiuto domestico umido nell’anno 2019, possono chiedere la riduzione a conguaglio - pari al 20% della quota variabile della tassa rifiuti - dietro presentazione di apposita domanda, entro il 31 gennaio 2019. Info e modulistica sul sito www. sabar.it Raccolta organico: sospensione di un passaggio nei tre mesi invernali: si ricorda che sino al 28 febbraio 2019 è sospeso un passaggio settimanale di raccolta dell’organico. Verifica sul tuo “CALENDARIO RACCOLTA” la giornata di sospensione oppure consulta il sito www.sabar.it Iscrizioni alle scuole per l’infanzia: fino al 31/1/2019 sono aperte le iscrizioni alla Scuola dell’infanzia comunale “Arcobaleno”, alla Scuola dell’infanzia statale “Il Girasole”, alle Scuole parrocchiali paritarie “Lombardini” e “Santa Maria” per le bambine e i bambini nati negli anni 2016, 2015, 2014. Info www.asbr.it. Bando per l’assegnazione del contributo alla mobilità casa-lavoro per persone disabili, con l’obiettivo di promuovere e sostenere il pieno diritto al lavoro delle persone con disabilità e favorire in particolare la mobilità casa-lavoro. Scadenza per la presentazione delle domande: 30/06/2019. Info e modulistica: www.bassareggiana.it - Home Page delle notizie. Sostituzione dei contatori elettrici: dal mese di dicembre è iniziata la sostituzione dei contatori da parte di e-distribuzione. Si ricorda ai cittadini interessati che per questo intervento gli operatori non chiedono alcun compenso agli utenti, non sarà necessario firmare alcun modulo e non verrà proposto alcun cambio di contratto. Lampione rotto? Ci pensa SABAR! Si ricorda ai cittadini che guasti e disservizi di illuminazione pubblica vanno segnalati direttamente a SABAR al numero 0522-657569 - info@sabar.it. Sportello della Bonifica dell’Emilia Centrale: presso l’URP del Comune di Novellara è possibile segnalare le variazioni relative ai contributi consorziali (cambio di intestazione, vendita di immobile, ecc…) e chiedere chiarimenti sulle cartelle emesse. Per altre esigenze occorre contattare direttamente il numero verde 800.235320 dal lunedì al venerdì ore 8.00-14.30. Per richiesta irrigua e segnalazione disservizi 800.501999 dal lunedì al venerdì ore 8.00-14.30. Elezioni Europee del 26 maggio 2019: Avviso ai cittadini dell’UE residenti a Novellara: possono esercitare il diritto di voto in Italia presentando apposita domanda entro e non oltre il 25/02/2019 presso l’Ufficio Elettorale. Info 0522655420 – statocivile@comune.novellara.re.it Attenzione alla Tessera Elettorale Personale (TEP) Se risulta esaurito lo spazio per nuovi timbri occorre riconsegnarla all’Urp e contestualmente chiedere il rilascio di una nuova Tessera Elettorale. Per informazioni urp@comune.novellara. re.it – 0522655454. App Municipium: ricevi le notifiche relative a notizie, eventi e servizi del Comune di Novellara, oltre alla possibilità di inviare segnalazioni o reclami, idee e proposte direttamente agli uffici competenti dell’amministrazione. Scarica APP Municipium su Google Play Store o App Store e seleziona il Comune di Novellara. Sistema di allertamento Gastone: vuoi essere allertato, in caso di eventi meteorologici che comportino un rischio grave, con telefonate, sms, email? Iscriviti a Gastone, il sistema utilizzato dagli otto comuni dell’Unione Bassa Reggiana: in caso di comunicazioni importanti di Protezione Civile ti verrà inviato un sms e/o una mail. Se desideri attivare questo servizio sul tuo cellulare, su un numero di rete fissa e/o una casella e-mail puoi farne richiesta compilando il modulo online che trovi alla seguente pagina: https://a2186.gastonecrm.it/frontend/ Tracce di Storia dall’Archivio Storico. Tratte dall’opuscolo di F. Pietramaggiori “60 anni e sei mesi di storia di Novellara”, Ed. Pietramaggiori 1971, notizie, curiosità, cronache, avvenimenti novellaresi. Su www.comune.novellara.re.it alla voce Cultura, Giovani e Turismo | Archivio Storico. Vuoi ricevere la newsletter del Comune di Novellara? Su www.comune.novellara.re.it alla voce: Servizi on line | Iscriviti alla Newsletter. Ecopunti: Novellara premia chi rispetta l’ambiente Cosa sono gli Ecopunti? Sono “punti” che ogni cittadino può accumulare con azioni e comportamenti quotidiani di valore ambientale, sociale o culturale. Quanto valgono gli Ecopunti? 200 Ecopunti si convertono in Ecosconti da 1 euro da utilizzare presso gli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa. Cosa devo fare? Scarica l’APP gratuita Ecopunti da Google Play Store o App Store. Come guadagno gli Ecopunti? Ogni azione positiva corrisponde a: Prestito bibliotecario per ogni prestito 40 ecopunti Conferimento olii esausti per ogni conferimento 200 ecopunti Richiesta ritiro rifiuti ingombranti a domicilio per ogni ritiro al domicilio 200 ecopunti Compostaggio domestico ogni anno 1.200 ecopunti Centro del Riuso per ogni conferimento 200 ecopunti Iscrizione al Bicibus e al Pedibus 5 all’anno (per volontari e famiglie aderenti) 1.000 ecopunti Dove converto gli Ecopunti in Ecosconti? Presso l’URP del Comune di Novellara e presso la Biblioteca. Dove utilizzo gli Ecosconti? Consulta l’elenco su https://www.ecopunti.it/negozi/negozi.html Mediante l’APP puoi anche vedere il tuo saldo punti, le azioni possibili, i movimenti, il tuo bilancio e le offerte proposte dalle attività commerciali o dal Comune.

[close]

p. 9

9 Parmigiano Reggiano Vacche Rosse orgoglio emiliano Un formaggio arrivato fino a noi oggi, ma già decantato dal Boccaccio nel suo Decameron: “In una contrada, che si chiamava Bengodi... eravi una montagna di formaggio Parmigiano grattugiato, sopra alla quale stava genti che niuna altra cosa facevan, che fare maccheroni, e raviuoli, e cuocergli in brodo di capponi” di Giorgia Gozzi Il parmigiano reggiano è uno dei prodotti italiani che esporta nel mondo qualità, cultura del cibo naturale e gusto inarrivabile, una miscela di caratteristiche che lo rendono un prodotto richiesto in tutti e cinque i continenti, e allo stesso tempo uno dei prodotti alimentari più contraffatti, soprattutto negli Stati Uniti, dove i consumatori vengono spesso tratti in inganno dal nome “Parmesan” indicato sulle confezioni. Questo nome italian sounding, che richiama cioè il nome italiano dell’originale, ha lo scopo preciso di ingannare il consumatore, e viene spesso abbinato sulle confezioni anche a bandiere tricolore e altri simboli riconducibili all’Italia, per potenziarne l’effetto illusorio. Ma questo prodotto, che raggiunge oggi quasi tutti gli angoli del nostro pianeta, per essere vero Parmigiano Reggiano, deve essere prodotto in un piccolo fazzoletto di terra (fra le provincie di Reggio Emilia, Parma, Modena e Mantova) e deve rispettare un rigido disciplinare che regolamenta la sua produzione e la marchiatura in modo dettagliato, garantendoci un prodotto naturale dalle eccezionali qualità nutrizionali e organolettiche. Particolarmente pregiato e di qualità è il Parmigiano di Vacche Rosse, una razza bovina che, per la sua ridotta capacità di produrre latte rispetto alla razza Frisona (circa un terzo in meno), era quasi stata abbandonata e rischiava l’estinzione negli anni ’80, quando ne erano rimasti soltanto 450 capi in tutto. Poi la ripresa dell’allevamento di questa razza proprio grazie alla diffusione del formaggio: sono vacche che producono meno latte, ma che sono più longeve e più rustiche, richiedono un’alimentazione prevalentemente di erba e meno mangimi, e sono più resistenti alle malattie. Così hanno fatto Lucia e Manuel, due giovani che fanno coppia nella vita privata così come nel lavoro - si sono scelti due volte. Dalla loro unione sono nati, da un lato il figlio Lorenzo, dall’altro la Novati srl, che nasce nel 2015 e che fonde nella sua ragione sociale i loro due cognomi, Novelli e Urbinati. La loro storia, e la loro passione per il parmigiano di qualità, affonda le sue radici nel lontano 1960, quando il padre di Manuel decide di inserire nel suo allevamento alcune Vacche Rosse da affiancare alle Frisone. La famiglia poi decide di ampliare il numero delle vacche rosse, fino ad avere una doppia produzione. Il parmigiano di Vacche Rosse viene stagionato, come da disciplinare, un minimo di 24 mesi, anziché i 12 mesi di quello “normale” e contiene una quantità di lattosio inferiore, rendendolo più digeribile e particolarmente adatto ai neonati e alle persone intolleranti, e oggi viene consigliato da pediatri e medici. Il formaggio ottenuto è più profumato e morbido anche se più stagionato, grazie alla miglior resa nella caseificazione e alla miglior predisposizione alla lunga stagionatura. Il foraggio utilizzato per la nutrizione dei bovini è autoprodotto nell’azienda agricola di famiglia, e i mangimi sono tutti di origine italiana e NO OGM. L’azienda può dunque essere considerata una filiera chiusa a tutti gli effetti, che si occupa del prodotto dalla fienagione alla commercializzazione del formaggio. Il suo spaccio si trova in via Colombo 119, dove oltre al Parmigiano è possibile acquistare anche altri prodotti: la crema di Parmigiano, prodotto versatile che si presta a vari generi di preparazione, ma che mantiene la naturalezza caratteristica del prodotto da cui deriva e viene prodotto con due soli ingredienti, parmigiano e acqua; gli yogurt, lo stracchino, mozzarella e la ricotta freschi, tutti prodotti con latte di Vacche Rosse. Manuel e Lucia stanno lavorando per far conoscere questo particolare Parmigiano che sembra essere ancora sconosciuto persino da molti di noi reggiani, raccontano. La passione che mettono nel loro lavoro arriva in modo inequivocabile mentre raccontano ciò che fanno, e il loro affiatamento si evince dal fatto che uno inizia a parlare, ma la frase la finisce sempre l’altro, senza mai perdere il filo della loro storia. NOVATI PASSION FOR FOOD NUOVO SPACCIO ALL’INTERNO DELL’AZIENDA AGRICOLA NOVELLI PRODUZIONE DI LATTICINI FRESCHI E STAGIONATI “Vi aspettiamo tutti i giorni con i nostri prodotti freschi: yogurt, ricotta stracchino, panna cotta, mozzarella e creme di parmigiano d.o.p. Da noi troverete il pregiato Parmigiano Reggiano di Vacche Rosse I nostri prodotti sono a km0, no Ogm e gluten free; utilizziamo il latte delle nostre vacche rosse per produrre la migliore qualità di Parmigiano Reggiano e di prodotti freschi. Più gustosi e più salutari”. All’interno del nostro spaccio vi aspetta altresì una selezione di vini, olio e tanto altro. Ci trovate in via C.Colombo 117, sulla provinciale che unisce Reggiolo e Novellara (RE) Cell.: 328.2216780 - 320.2840778 - 350.5983718 – email: info@novatifood.com – www.novatifood.com

[close]

p. 10

10 Zuccheri: in che quantità? Mauro Storchi Rubrica a cura della dott.ssa Maria Letizi Truzzi Una delle domande più frequenti che mi vengono poste durante le visite riguarda la quantità di zuccheri che si possono assumere giornalmente. È evidente quindi come sia diffusa la consapevolezza di dover tenere sotto controllo il consumo di questo nutriente. Gli equivoci più frequenti in cui incorrono le persone è pensare che lo zucchero sia da limitare solo nelle persone adulte oppure quando siano diagnosticate patologie come il diabete. Inoltre, è opinione diffusa che alimenti sostitutivi dello zucchero bianco come lo zucchero di canna e il miele siano meno dannosi per la salute. In realtà sono zuccheri semplici che concorrono a superare la soglia consigliata. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, raccomanda per tutta la popolazione di limitare gli zuccheri a meno del 10% delle calorie totali giornaliere e questo sin dalla prima infanzia. Nel nostro quotidiano è estremamente facile raggiungere questa soglia. Per esempio, è sufficiente che si assuma una bibita zuccherata da mezzo litro per superare la quantità di zucchero consigliata. È evidente che nell’arco di una giornata si sommino inevitabilmente altri zuccheri, dal semplice cucchiaino per addolcire il caffè a un eventuale merendina o brioche. Ma non solo quando ce ne rendiamo conto assumiamo zucchero, in realtà tale nutriente è presente in molteplici prodotti preconfezionati presenti nelle nostre dispense. È comprovato che un consumo eccessivo di zuccheri determini un’alimentazione non equilibrata con un conseguente aumento di vari rischi, quali obesità, diabete, malattie cardiovascolari e carie dentali. Gli zuccheri, soprattutto se consumati lontano dai pasti, provocano un rapido innalzamento della glicemia (ovvero la quantità di zuccheri nel sangue) che tende poi ad abbassarsi altrettanto velocemente. Questo determina un iniziale senso di sazietà, che però svanisce molto rapidamente. Siamo così stimolati a mangiare, rischiando di assumere più calorie di quelle consigliate con possibile aumento del peso. Per contrastare l’assorbimento dello zucchero occorre assumere nutrienti come le fibre che sono presenti principalmente nei cereali integrali, nella frutta e nella verdura. Per questo, un accorgimento fra tanti è sicuramente quello di preferire la frutta fresca piuttosto che un succo o un estratto. Una sana ed equilibrata alimentazione è fondamentale per la salute presente e futura. Il ruolo del dietista, grazie a un percorso di educazione nutrizionale, diventa essenziale per aiutare le persone a scegliere consapevolmente gli alimenti più idonei per la propria alimentazione al fine, non solo di regolarizzare il peso, ma anche di costruire una migliore salute personale. Dott.ssa Maria Letizia Truzzi Dietista Diete Personanizzate Educazione nutrizionale Cell: 370 3606129 E-mail: dietistatruzzi@gmail.com Galleria dei Cooperatori 13/3 Novellara (RE) Le regole del “gioco” sono cambiate E’ in atto una vera e propria rivoluzione: quella dei consumi, della modalità di acquisto dei consumatori, della distribuzione e quindi del mercato. di Susy Riccò Anche chi non è esperto di economia sa che quando si verifica un aumento della domanda c’è una conseguente crescita dell’offerta che, a sua volta, fa incrementare il numero di aziende e concorrenti in grado di soddisfare quella domanda tramite la loro offerta. La gente continua a spendere probabilmente come e forse più di prima, ma negli ultimi tempi ha semplicemente spostato il suo denaro dai negozi tradizionali verso quello che, attualmente, è il suo concorrente più forte: il commercio online. I negozi in Italia sono tanti ed una riduzione nel settore è fisiologica, oltre ad una crisi profondissima, uno degli “indiziati” responsabili del futuro svuotamento del lavoro nella distribuzione, grande e piccola, nelle varie analisi rimane lo stesso: l’e-commerce in generale e Amazon in particolare. La spesa è una cosa, lo shopping è un’altra, e deve diventare un momento divertente. Il negozio oltre ad essere bello da vedere deve saper trasmettere il piacere di provare il prodotto, avere personale preparato, capace di coinvolgere il consumatore o di condividere le sue passioni. In più il commerciante deve imparare a vendere tramite il web, avere un bel sito, usare i social, adeguarsi a nuovi sistemi di vendita, essere in grado di comunicare costantemente con il proprio target d’utenza. Nel Gennaio del 2012, entra in vigore la riforma c.d. Salva Italia predisposta dal governo Monti, con la liberalizzazione totale degli orari di apertura, 24 ore giornaliere e 365 giorni l’anno, basata sul principio che il tema degli orari fosse attinente alla tutela e promozione della concorrenza stabilendo la libertà dell’imprenditore di gestire al meglio la propria rete commerciale. Personalmente compro solo prodotti nazionali cercando con il mio piccolo gesto di sostenere l’economia italiana e perché rimangano in Italia i posti di lavoro; multinazionali come Amazon e Starbucks non pagano infatti le tasse nel nostro Paese. Anche se non sono sempre amate, le tasse sono lo strumento che permettono al paese di assicurare un certo livello di welfare. Un prodotto italiano genera un gettito in Italia. Esistono prodotti italiani alla portata di tutti, basta avere il tempo e la pazienza di cogliere l’offerta giusta; il Made in Italy si contraddistingue ancora per le “3 B” :Bello, Buono e Benfatto; perdere il valore di un prodotto comporta anche un impoverimento culturale e storico. Supportare le attività produttive del nostro territorio e della nostra cittadina, significa generare ricchezza su ogni fronte, dall’economia, alla cultura, alla ricerca, al benessere sociale. L’acquisto di prodotti delocalizzati sposta queste ricchezze, anche immateriali, verso altri luoghi. Ascoltiamo la musica con un iPod americano, telefoniamo con uno smartphone sudcoreano, guardiamo la tv su uno schermo giapponese,…. COMPRIAMO ANCHE ITALIANO Supportare il Made in Italy con i nostri acquisti significa anche permettere che il vero “Gusto Italiano” possa continuare ad esistere TINTEGGI INTERNI ED ESTERNI DECORAZIONI, OPERE MURARIE MANUTENZIONI, PAVIMENTI E PARETI IN RESINA NOVELLARA (RE) via T. Nuvolari, 29 Brioni Stefano 339/7950728 - E-mail: 9llaratinteggiatura@gmail.com

[close]

p. 11

Essere per rimanerci Da quando ho cominciato a votare, sessant’anni fa, il giorno dopo, come sempre provo la stessa delusione; mi viene il magone e un nodo alla gola per non poter gridare di gioia: Stavolta finalmente abbiamo vinto noi. Una soluzione potrebbe essere a portata di mano: Basterebbe credere a chi starnazza più forte e non solo in campagna elettorale con l’inganno. Quasi quasi, la tentazione sprona a credergli, ma solo dalla voglia di provare almeno una volta finalmente la sognata emozione. Però la voce della coscienza mette in guardia un giuramento fatto a suo tempo. -Sergio, ricorda, se ti comporti così vuol dire che non sei solo invecchiato ma anche rincoglionito. Voltati indietro e ricordati: chi ha sempre aiutato i poveri lavoratori a lottare per i suoi sacrosanti diritti senza superbia senza abbassare la guardia-. Tanto per non confonderci ricordati che ogni persona possiede tra i tanti, due simboli inconfondibili: “Il sangue rosso e il cuore a sinistra”. Non cambiar strada, tieni duro fino alla fine, dopo la morte saremo tutti uguali: poveri, signori, furbi e coglioni non la scappa nessuno. Però morire Socialcomunista come i partigiani e tanti lavoratori di sicuro si è ricordati per sempre con onore anche quando saremo tutti assieme lassù a cantare col Signore. Eser per armagnregh Ho cumincee a voter s-sant’an fa, d’alora al gioren dòp ho semper provee la stèsa deluszion un gròp a la gola e un gran magòn per an preer mia dir anca mè: Stavolta finalment, hom vint al votasion. Oiia sbagliee mè, o sunia mè sbagliee. La solusion la s rè a porteda ed dman, bastaré crèder a chi sbraja più fort in campagna eletorela cun l’ingan a cal punt lè intervin la vosz d’la cosciensa ch’lam ricorda un giurament fat ai soo temp. -Sergio sat fe acsè at se mia dventee sol vècc e cojon dabon: Voltet indree e ricordet chi ha semper jutee i povrèt e consigliee ed loteer sensa superbia sensa sbaseer la guerdia. Riflèt per an confondert mia, “da madre natura” siòm stee dotee ed du orghen important insèm a la ment e l servèl “Al sanguv ròs e I cor a sinestra” -Tin dur fin a la fin, la mort la mèt peera tut quant sgnor, povrèt, furub e cojon an la scapa nison. Però munir da SocialComunesta come han fat tut i partigian insèm a tanti onest lavorador te s ree ricordee per semper cun onor anch quand te s sree lasù a canteer in dal coro dal Signor-. www.ilportico.me 11 Precisazione Con riferimento all’articolo apparso sul numero precedente “Il centro del Riuso a Novellara” si precisa che il Parco Attrezzato con fondi messi a disposizione da Auser Novellara è il Parco Olimpia e non Ottavi come indicato erroneamente. CARROZZERIA MULTIMARCA - VERNICIATURE SPECIALI 40 S.N.C. 1978-2018 Radrizzatura scocca - Grandine - Rinnovo fanali - Sost. vetri Riverniciatura moto auto d’epoca Gestione pratiche assicurative con indennizzo diretto SOCCORSO AUTO SERVIZIO CORTESIA NOVELLARA (RE) via E. Mattei, 8/10/12 tel. e fax 654965 cell.347/5068015 - 339/7305543 email: cocchifontanilicarrozzeria@gmail.com

[close]

p. 12

12 Il presepe di Tristano Santelli Foto Ivan Montanari COLTIVIAMO IL FUTURO Reggio Emilia Rubrica di Paolo Santachiara - Fiduciario Slow Food Reggio E. Cibo per la Salute (Food for Health) Ho ritenuto doveroso iniziare a riportare alcuni stralci di un lungo articolo di Manlio Masucci, apparso sul mensile Terra Nuova di settembre 2018 dal titolo “Cibo per la salute”, in quanto presenta l’importante Manifesto “Food for Health“. Questo Manifesto intende porsi come strumento di riferimento per rilanciare e reclamare i diritti del pianeta e di tutte le sue forme di vita, per trasformare i sistemi di produzione alimentare, oggi fra i principali colpevoli del degrado ambientale e del nostro stato di salute, in sistemi sani capaci di generare benessere. Il Manifesto è stato redatto da un gruppo di 14 esperti facenti parte della Commissione Internazionale sul futuro dell’Alimentazione e dell’Agricoltura, e presentato al Sana di Bologna il 9 settembre 2018. “Vandana Shiva (importante ambientalista indiana) è coordinatrice del gruppo che ha redatto il Manifesto “Food for Health“, sottolinea come questo documento è indirizzato ai governi di tutto il mondo per dire basta a un sistema economico che distrugge l’ambiente e ci fa ammalare sempre di più. Infatti la salute del pianeta e quella degli esseri umani, sono una sola cosa e il diritto alla salute è quello di vivere sani, non quello di curarsi… Patrizia Gentilini, medico oncologo e membro del comitato scientifico ISDE è fra gli autori del manifesto, sostiene che “ è arrivato il momento di smettere di mentire ai lavoratori e ai cittadini, perché i nostri studi dimostrano che i tumori sono provocati da fattori ambientali e i pesticidi aumentano il rischio di contrarli, Vi è ormai evidenza di forte correlazione fra esposizione a pesticidi e patologie in costante aumento, quali cancro, malattie respiratorie, Parkinson, Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica (Sla), autismo, deficit di attenzione ed iperattività, diabete, infertilità, disordini riproduttivi, malformazioni fetali, disfunzioni metaboliche e tiroidee”…. Non dobbiamo mai dimenticare che è quando andiamo a fare la spesa che possiamo contribuire a incidere, come la goccia del piccolo colibri, sulla salute della nostra casa comune e nostra. Teniamo sempre presente che “con ogni boccone possiamo cambiare il mondo”. IBAN IT 45M0538766400000001412105 Sostenete il PORTICO versando sul C/C n.1412105 presso Banca Popolare Emilia Romagna ag. di Novellara o direttamente presso la sede in Viale Montegrappa, 54 STUDIO MEDICO DENTISTICO Dott. Bonini Wolmer ODONTOIATRIA E PROTESI DENTALE NOVELLARA (RE) via Luigi Mazzerini, 27 per appuntamenti 0522/654292

[close]

p. 13

Foto Mauro Storchi 13 Lettere al giornale Dopo l’articolo di Milena Saccani Vezzani (Assessore alle Politiche Giovanili) e l’incontro con Giorgia Benusiglio nel novembre scorso, pubblichiamo la lettera del nostro concittadino Emanuele Pantaleoni. Cara Giorgia, scrivo queste righe per celebrare la tua forza. Il 20 Novembre scorso, all’incontro nel salone Giovanni Paolo II, ho ascoltato quello che tuo malgrado hai vissuto e sono stato “catapultato”, a quasi 20 anni fa, accostando inevitabilmente il mio percorso al tuo. Anch’io come te ho subito vari interventi, mesi di ricovero, annullamento della mia adolescenza e condizionamenti alla mia vita futura. Capisco l’enormità di ciò che hai dovuto affrontare. Sai, nei mesi di immobilità che ho trascorso lontano da casa, nella struttura riabilitativa di Ferrara, ho ripreso gradualmente coscienza di me, al contrario tuo che sei sempre stata “presente”. Ho avuto tempo e modo di riflettere. Nelle notti trascorse a fissare la debole luce del soffitto, con le lenzuola che imprigionavano quel corpo che non mi apparteneva più, mi sono reso conto di come le persone, i ragazzi, abbiano un “mondo” di opportunità e spesso nemmeno se ne rendono conto. Capisci ciò che potresti (avremmo potuto) fare, nel tempo che si spreca abitualmente. Ancor di più, nei giorni nostri, dove in pochi secondi puoi avere accesso a qualsiasi informazione. A volte mi diverto a pensare che con le tecnologie attualmente a disposizione, potremmo costruire e realizzare l’inconcepibile fino a pochi anni fa e mi arrabbio, osservando tanti intorno a me che sprecano quel tempo così prezioso che tu ed io, lottando anima e corpo, abbiamo strappato alla sorte. L’illusoria ricerca della perfezione che ci focalizza sulle sfumature, ci distrae sempre più dal convogliare la nostra mente al costruire giorno per giorno, la grande opera per la quale ci troviamo qui. …. Perché io, un senso al mio dolore, ai miei patimenti l’ho trovato. …. E ora so che lo stesso vale per te, che lo dimostri continuamente con quello che fai. Penso che ognuno di noi sia chiamato a lasciare un arricchimento nella società in cui vive, per favorirne la crescita. Lasciare una traccia del proprio passaggio. Tu lo stai facendo, raccontando la tua storia, per far sì che nessuno debba subire ciò che ti ha travolta. Io voglio farlo con le emozioni che metto nei miei disegni, negli incontri con gli studenti a Ferrara, nella struttura riabilitativa che mi ha concesso di sfruttare al meglio questa mia seconda possibilità e prossimamente nelle scuole del mio paese. La bellezza di ciò che la vita ci restituisce ogni giorno mi infonde fiducia e determinazione nel proseguire il mio percorso. Ora, sia tu sia io, abbiamo sulle spalle questo onere – onore e dobbiamo intraprenderlo ogni giorno con tenacia e costanza … per noi… per la pazienza e fiducia dei nostri cari e l’impegno delle decine di “perfetti sconosciuti” che si sono presi cura di noi. Entrambi, anche se inconsapevolmente, eravamo “esseri perfetti”, pur nelle nostre imperfezioni. Una situazione di partenza. Abbiamo poi imparato a nostre spese, che è così maledettamente facile rovinare questo equilibrio: basta una “piccola” distrazione (di chi quel giorno non ha dato la precedenza) o ha voluto provare nuove sensazioni (di chi quel giorno ha ricevuto quelle pastiglie) per rovinare tutto quanto, in un attimo. E per sempre… Ognuno deve costantemente combattere, in ogni istante e non abituarsi a lasciar correre ciò che nel profondo sa essere sbagliato; non lasciare che la nostra parte peggiore abbia la meglio sul miracolo che siamo, rischiando di mandare in malora tutta la nostra esistenza. … e che dire della ormai generalizzata sensazione che tutto ciò che siamo e abbiamo non ci verrà mai tolto ? … vero Giorgia ? In molti neppure immaginano cosa significhi riappropriarsi di noi, di ciò che il nostro corpo era e sapeva fare, ripartire da zero, o meglio da sottozero. Il tuo corpo non è più quello di un neonato: il suo percorso dovrebbe essere quello di raggiungere la vetta e non quello di (re-)imparare a scalare! “Quello che faccio sono affari miei: rispondo io delle mie scelte!”… noi abbiamo avuto la prova che non è mai così: le tue scelte condizionano SEMPRE te e chi ti sta accanto… famiglia, amici e società. Io un senso alla mia “nuova” vita l’ho trovato. Per questo, il 5, 6 e 8 Febbraio, sarò alle scuole Medie di Novellara ad incontrare gli studenti, raccontare la mia storia nel tentativo di far capire loro che la vita è nostra e va custodita… è la cosa più preziosa che abbiamo… ed è una sola. Emanuele Pantaleoni Se sei interessato alla mia storia puoi scrivermi sul gruppo Facebook SALVATI LA VITA o seguirmi su DISEGNI DI AGU. FALEGNAMERIA di Bigi Ivano PORTE BLINDATE Rivenditore specializzato per RE e provincia manutenzione e restauro di vecchi serramenti in legno S.GIOVANNI DI NOVELLARA (RE) via Prov.le Sud, 119 -Email: condor.bigi@libero.it

[close]

p. 14

14 SPORT / NUOTO 34 atleti Coopernuoto alle finali del “Torneo Esordienti Sprint” Domenica 16 dicembre presso lo Stadio del Nuoto di Riccione si sono disputate le finali del “Torneo Esordienti Sprint” della Federazione Italiana Nuoto dove hanno partecipato i migliori atleti Esordienti della Regione. Per Coopernuoto sono stati in 34 atleti ad aggiudicarsi queste finali per un numero complessivo di 58 gare, un vero record di presenze a questa manifestazione per la nostra società. Ottimi i risultati di Matilda Bo Esordiente B della neonata compagine di Mirandola, che ha conquistato un oro nei 50 dorso e un quarto posto nei 50 stile libero a 5 decimi appena dal podio e di Michele Musciolà, anche lui allenato a Mirandola, che è salito sul gradino più alto del podio nei 50 dorso maschi, mentre a vincere l’argento nella stessa specialità è stato Tommaso Reggiani. Tutti e tre questi atleti insieme a Chiara Dallaglio hanno gareggiato anche alla finale dei 100 misti dei migliori 10 piazzamenti di tutti e quattro gli stili in regione. Andrea Gazzini ha riconfermato la propria posizione nei 50 farfalla piazzandosi 5° e risale di tre postazioni nei 50 stile, Eleonora Longo invece in entrambe le gare disputate, 50 dorso e 50 farfalla, era entrata al 14° posto ed è arrivata settima. Marco Bossi nei 50 dorso si era presentato in finale al diciannovesimo posto e ne è uscito nono. Nei 50 farfalla esordienti B primo anno, Giulia Zamboni è entrata in finale in ventesima posizione ed ha concluso al dodicesimo posto. Stessa risalita di otto posti nella classifica anche per Laura Calanca che nei 50 farfalla esordienti B secondo anno, Elena Bezzecchi si è migliorata di 2 posizioni nei 50 dorso femmine dove per i maschi invece Nicolò De Marchi di posizioni ne ha rimontate 7. Per gli Esordienti A Nicole Bellini era entrata in finale nei 100 rana al 18° posto ed è risalita al nono. Buona anche la gara di Christian Pellini passato nei 100 rana maschi dal diciannovesimo posto al quindicesimo e Luca Dallaglio nei 100 dorso da diciannovesimo a sedicesimo. Molti Esordienti B hanno conquistato tutte e due le finali a disposizione: Silvia Akouablin, Emma Valdo, Elena Nicolini, Mattia Morini, Francesco Battilocchi, Lorenzo Zanotti, Andrea Vezzani, Selim Mustaq e Giovanni Ballabeni negli A mentre Viola Paglia, Vitto- Gli esordienti C di Uninuoto sul podio Da sx Tommaso Reggiani, Matilda Bo e Michele Musciolà ria Ramazzotti, Gaia Marena, Emma Verzelloni, Giada Rosetti, Ludovica Rossi, Fabio Battistin, Michael Iovine, Marian Badarau, Marco Bossi e Lorenzo Dell’Estate hanno nuotato la loro finale anche loro egregiamente piazzati con soddisfazione degli allenatori. A&C Agonistica nella “Combinata degli Stili” a RE Domenica 09 dicembre a Reggio Emilia, è toccato ai piccoli esordienti C di Uninuoto mettersi alla prova nella “Combinata degli Stili” del circuito della UISP, manifestazione che prevede di nuotare in 4 prove tutti gli stili, farfalla, dorso, rana e stile libero ben distinti e la somma ricavata delle quali stila poi la classifica. Un podio tutto blu per le bambine, dove sul gradino più alto è salita Arianna Morini con la medaglia d’oro, risultato dato dalla somma dei tempi, seconda con l’argento Martina Mucci e terza con il bronzo Rachele Ascani. A pochissima distanza al quarto posto, medaglia di legno, Anna Maria Vitushynskyy. A seguire le new entry Linda Vezzani, Lavinia Oprica, Giulia Pellacani, Martina Attardi e Rebecca Mazzieri che hanno concluso in modo egregio tutti e quattro gli stili. Nei maschi invece è stato Lorenzo Carpi a vincere la medaglia d’oro. Molto Bravi i nostri piccoli atleti che hanno nuotato migliorando molto in tecnica e risultato crono e che si sono piazzati ai piedi del podio: Federico Bo, Alessandro Malavasi, Luca Bertoletti, Matteo D’Alterio, Lorenzo Bonazzi, Alessandro Toscano, Nicolò Pellacani, Manuel Grillenzoni, Gabriel Alessandro Tocu, Federico Bacci, Samuele Beltrami, Eddie Tirabassi, Alessio Schiavi, Christian Previato, Luca Massarenti e Lorenzo Iacuzzo. A&C Agonistica Da sx nella foto: Martina Mucci, Arianna Morini e Rachele Ascani.

[close]

p. 15

15 Immagini “dell’Aurora Boreale” un evento straordinario di rara bellezza. Foto inviate al Portico da un’amico novellarese che ha trascorso il capodanno in Norvegia nella località di Svolvaer- Lafoten e che a avuto il privilegio di assistereall’aurora boreale la notte del 4 gennaio del 2019 Le Sincronette Coopernuoto esordienti C e B Le piccole esordienti C e B sincro Coopernuoto alla manifestazione del “Sistema delle Stelle” Domenica mattina 09 dicembre a Carpi, le piccole Esordienti C e B del Nuoto Sincronizzato di Coopernuoto, sono state convocate alla manifestazione del “Sistema delle Stelle”, prova individuale dove tutte le atlete tesserate per la FIN, vengono valutate per le loro abilità tecniche con esercizi di varie difficoltà. Il Sistema delle stelle è diviso in 6 livelli con prove progressivamente più complesse al termine delle quali la Giuria comunica i risultati delle Stelle, consegnando la relativa certificazione. Le 17 atlete del syncro che hanno partecipato, hanno conseguito a pieni voti il loro “Tesserino delle Stelle” con tanta soddisfazione da parte delle allenatrici Marta, Irene ed Elena. Ora tutte a preparare il saggio di Natale che si terrà sabato 22 nella piscina di Carpi insieme alle loro compagne Esordienti A che già nella stagione scorsa hanno ottenuto le “Stelle” ed ai Gruppi Master Syncro, Bisettimanali e Monosettimanali Juniores ed i piccoli “Acquademy” nel cui corso oltre al nuoto iniziano anche le prime nozioni di sincronizzato. Tutti questi gruppi si esibiranno in vari balletti solo, duo, doppi, trio, squadre e liberi combinati. A&C Agonistica DIANA snc Giulio - Serena - Morena - Angela - Giacomo LA NUOVA SQUADRA DEL DIANA Supermarket NOVELLARA (RE) P.zza Mazzini, 15 - Tel.0522.654343 Discount RIO SALICETO (RE) Via Marzabotto 4/A - Tel.0522.648206

[close]

Comments

no comments yet