bilancio-sociale-2010

 

Embed or link this publication

Description

bilancio sociale 2010

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

coopumbriacasa 2 0 1 0 3

[close]

p. 4

coopumbriacasa società cooperativa sede legale perugia via a.diaz 74/76 tel 075 5002816 ­ fax 075 5002818 albo società cooperative n a146956 cf e partita iva 01436290546 e-mail coop@umbriacasa.it sito internet www.umbriacasa.it consiglio di amministrazione bocci paolo presidente ammenti angelo vice presidente di sante coaccioli sauro ghirelli sauro grimani laerte margheriti paola marzo luigi mastroforti renzo ranucoli mauro vitali giorgio collegio sindacale sandro paiano presidente roberto campanelli primo chianella la costruzione del bilancio sociale il bilancio sociale è sviluppato articolando informazioni di strategia e dati economici della gestione avendo l obiettivo di testimoniare la coerenza fra questi e la missione dell impresa hanno collaborato alla stesura del bilancio sociale 2010 paolo bocci presidente angelo ammenti vicepresidente bacelli pina­ responsabile sistema qualità-ambiente carnevali cristina­ fiorucci michela e edoardo tiezzi per l ufficio soci d agostina sergio per l ufficio ufficio tecnico guerrieri fabio per l ufficio amministrativo spinelli silvia per l ufficio di segreteria il consiglio di amministrazione ha approvato il presente bilancio 4

[close]

p. 5

i ndice coop umbria casa impresa cooperativa 4 presentazione del presidente 5 la politica sistema integrato qualità e ambiente 6 organigramma 7 la coop nel contesto socio-economico umbro analisi e giudizi 9 missione 15 articolo 1 1.1 base sociale 17 1.2 aspettative dei soci 19 1.3 offerta immobiliare 24 1.4 qualita 26 1.5 prezzo 28 articolo 2 2.1 innovazioni 31 2.2 realizzazioni 33 2.3 partecipazione dei soci 34 2.4 informazione ai soci 35 articolo 3 3.1 mercato 39 3.2 collaborazioni 40 3.3 impatto occupazionale 41 3.4 risorse umane 42 3.5 ambiente di lavoro 43 articolo 4 4.1 ambiente 45 4.2 territorio 49 articolo 5 5.1 impresa 51 5.2 valore aggiunto 54 5.3 mutualita esterna 56 5.4 rapporti con istituzioni e associazioni 58 appendice analisi attivita 1° semestre 2010 59 scheda commenti 61 5

[close]

p. 6

coop umbria casa impresa cooperativa la coop umbria casa costituita nel 1984 è oggi un soggetto di primaria importanza nel panorama del mercato residenziale umbro la cooperativa infatti ha consolidato con la propria attività sia una funzione di contenimento calmierazione dei prezzi di assegnazione delle case che un rapporto privilegiato e fiduciario con soci e la collettività come attestano i seguenti dati sintetici aggiornati al 31/12/2010 n soci 5.199 n° alloggi realizzati 1.850 n° alloggi in costruzione e programmati 344 patrimonio netto euro 9.550.636 valore della produzione euro 10.022.124 media esercizi 2008-2009-2010 la cooperativa poi oltre ad aver realizzato numerose abitazioni ha assicurato per oltre 25 anni alle famiglie umbre risposte adeguate per rapporto qualità/prezzo ed articolate sotto il profilo dell offerta abitativa assegnando i propri alloggi in proprietà con patto di futura vendita ed in locazione con tale ultima modalità ha offerto inoltre la possibilità ai soci di acquisire progressivamente nel tempo la proprietà dell alloggio affittato gli interventi edilizi realizzati hanno riguardato l edificazione di nuovi edifici il restauro edilizio di fabbricati la riqualificazione urbana di interi comparti abitativi o di aree industriali dismesse la cooperativa anno dopo anno ha migliorato costantemente la qualità delle abitazioni realizzate sia sotto il profilo edilizio che della sostenibilità ambientale progettando dal 2000 tutte le nuove realizzazioni con criteri di bioarchitettura e migliorando l efficienza energetica dei suoi edifici programmazione miglioramento della propria organizzazione evoluzione professionale aumento del patrimonio e capacità di adeguare i propri prodotti/servizi alla domanda espressa dagli utenti attuali e potenziali queste le caratteristiche che connotano l azione di un impresa leader nel proprio mercato con queste finalità ha operato da sempre la nostra cooperativa per tale impegno è stato possibile conseguire i risultati ­piccoli o grandi nel vostro giudizio finora raggiunti 6 bastia via bevagna via montefalco

[close]

p. 7

presentazione del presidente coop umbria casa con la redazione del bilancio sociale prova a raccontare il lavoro portato avanti e gli obbiettivi che si propone di realizzare per dare risposte ai bisogni dei soci l epoca in cui viviamo accelera e moltiplica i cambiamenti in cooperativa siamo convinti che la crisi ha già cambiato e sta cambiando i comportamenti e le aspettative di ognuno di noi le attività svolte hanno risentito di questa situazione e sono state particolarmente difficoltose perché la crisi economica sta dispiegando anche sul versante sociale tutti i suoi effetti negativi in questo contesto ci siamo impegnati per dare soluzioni alle differenti esigenze abitative espresse dai soci diversificando le tipologie di intervento e quindi assegnando case in proprietà con patto di futura vendita in locazione sia nella forma tradizionale che con possibilità di riscatto nel tempo della proprietà le adesioni alle iniziative che abbiamo ricevuto da parte dei soci ci hanno permesso di chiudere positivamente il bilancio e di programmare nuove iniziative per il futuro i risultati conseguiti hanno un valore ancora più significativo perché ottenuti in un contesto generale che non aiuta a fare impresa in italia la situazione è molto delicata ed occorrerebbero riforme di sistema per uscire più velocemente dalla crisi t i tanti condizionamenti ra dell attività vi è anche il tema dell accesso al credito che sta influenzando lo sviluppo e l attuazione di nuove iniziative mai come ora ci sarebbe bisogno di una politica capace di prendere decisioni di lungo respiro operare delle scelte selezionare e calibrare le risorse disponibili per programmare un futuro dove la società non è la somma degli individui isolati ma fatta di persone che si costituiscono in comunità le cooperative sono nate per dare risposte ai bisogni comuni in modo mutualistico coop umbria casa è parte integrante di questo universo posso assicurare che facciamo parte dell italia che non si arrende continueremo ad impegnarci per sviluppare iniziative in modo corretto trasparente ed economicamente vantaggiose nell interesse delle persone che vivono e lavorano in umbria paolo bocci presidente del consiglio di amministrazione 7

[close]

p. 8

la politica del sistema integrato qualità e ambiente di coop umbria casa coop umbria casa intende portare avanti un lavoro per fornire ai propri soci attuali e potenziali un servizio atto a soddisfare i loro bisogni e quelle delle loro famiglie nel rispetto delle caratteristiche e dei vincoli della realtà urbanistica e sociale in cui opera per rendere misurabile da tutti gli interlocutori il lavoro svolto ha definito gli obbiettivi operativi ed i traguardi-impegni che persegue obiettivi traguardi realizzare interventi edilizi di qualità a prezzi convenienti in modo 1 compatibilità prezzo-qualità ambientalmente corretto riducendo o prevenendo l impatto ambientale degli ambiente interventi stessi 2 fidelizzazione del socio 3 soddisfazione del socio 4 rispetto della politica aziendale 5 miglioramento continuo 6 fornitori instaurare e rendere durevole ilrapporto di fiducia con i soci assicurando la corrispondenza tra la progettazione e la realizzazione realizzare interventi mirati a soddisfare i bisogni articolati dei soci puntando ad assegnare alloggi in proprietà ed in locazione stabilire e mantenere adeguati controlli per assicurare che i principi della presente politica siano seguiti attraverso il monitoraggio degli indicatori del sistema integrato mirare al miglioramento continuo delle performances ambientali e qualitative condividendo gli obiettivi raggiunti e quelli da raggiungere con i propri dipendenti informare i fornitori della politica ambientale portata avanti da coop umbria casa puntare ad instaurare rapporti corretti e trasparenti con tutti gli interlocutori 7 trasparenza coopumbriacasa certificata aderisce a 8

[close]

p. 9

coopumbriacasa organigramma direttore tecnico 9

[close]

p. 10

10 corciano via valpinza

[close]

p. 11

coop umbria casa nel contesto sociale ed economico dell umbria interviste e opinioni menti sociali ed economici conseguenti alla crisi e alla globalizzazione l immigrazione è infatti la ragione che ha recentemente determinato l aumento della popolazione umbra che conta una quantità di cittadini stranieri residenti superiore di 3 punti percentuali rispetto alla media del paese a gennaio 2011 gli immigrati erano l 11 della popolazione regionale residente contro il 7,5 della media italiana nel 2010 gli occupati in umbria risultavano pressoché stazionari rispetto all anno precedente ma l occupazione giovanile è diminuita imponendo così alle famiglie una funzione di compensazione sociale per ridurne il potenziale impatto dirompente e ciò pur in un contesto che assegna alle famiglie umbre uno dei redditi più bassi del centro nord la coop umbria casa non poteva e non può restare indifferente a tutto ciò per renderlo evidente e per illustrare meglio l azione svolta abbiamo modificato la tradizionale impostazione del nostro bilancio sociale senza sconvolgerlo ma facendo precedere il consueto e doveroso rendiconto di fatti ed obiettivi da questo inserto un prologo che contestualizzasse il nostro operato di qui è nata l idea di tratteggiare con il presidente dell aur l agenzia umbria ricerche un immagine della regione che focalizzasse alcune debolezze e punti di forza e di raccogliere i giudizi espressi da alcuni rappresentanti delle istituzioni locali sulla cooperativa per fornirvi -in un tale contesto una migliore chiave di lettura della nostra azione quotidiana angelo ammenti vice presidente del consiglio di amministrazione sono senz altro anni speciali quelli che stiamo vivendo anni in cui convivono incredibilmente difficoltà economiche senza precedenti e potenzialità evolutive ieri impensabili contrazione dei consumi e recessione da un lato neweconomy e domande sollecitate da storici e nuovi bisogni dall altro ed è così che anche il tradizionale tranquillo isolamento dell umbria è chiamato oggi a misurarsi con muta le interviste l umbria fra passato e futuro fra crisi e voglia di crescere punti di forza e debolezze a colloquio con claudio carnieri intervista a cura di angelo ammenti d volendo dipingere la nostra regione con tratti sintetici quali sono gli aspetti che possono riassumere il profilo socio-economico dell umbria a 10 anni dal 2000 r la dinamica congiunta di crisi e globalizzazione ha fatto emergere in questi anni con grande evidenza gli elementi strutturali e di più lunga durata della società regionale di qui la necessità di tenere sempre stretta una analisi combinata del modello sociale e di quello pro duttivo essi sono fondamentali per comprendere le specificità di una realtà territoriale particolarmente nei momenti di crisi per l umbria quelle grandi questioni strutturali si possono definire in questa sequenza una debole produzione di ricchezza una diffusa precarietà del lavoro una forte differenziazione di genere che fa pagare alle donne prezzi significativi una insufficiente internazionalizzazione e una difficoltà del sistema delle imprese anche 11

[close]

p. 12

per la loro dimensione ad investire in ricerca e sviluppo sono questi processi economici e produttivi che condizionano poi non poco il modello sociale regionale le famiglie allargate composte da più nuclei che coabitano 1 anche per aumentare la base reddituale e condividere così costi e spese la scelta di procreare un secondo figlio con percentuale di gran lunga inferiore alla media nazionale la presenza di un anziano in famiglia in percentuale significativamente più elevata della media italiana la coabitazione giovanile 2 per ragioni che non sempre sono di studio ma reddituali sono questi elementi che testimoniano e spiegano in modo significativo le ragioni della specifica difficoltà umbra nelle dinamiche della crisi contemporanea a compendio di ciò va inoltre rilevato che assunta pari a 100 la capacità nazionale di produzione della ricchezza quella umbra risulta pari all 89 con un pil procapite fra i più bassi del centro nord ed ancora un export che pesa l 1 della media nazionale ed investimenti per ricerca e sviluppo che a fatica raggiungono lo 0,9 del pil confermano sia la difficoltà di questo territorio di produrre ricchezza che a far fronte alle nuove sfide d lo scenario non sembra incoraggiante r e indubbio che il perdurare della recente crisi economica ha accentuato le criticità specifiche della nostra società regionale ciò nonostante vanno però registrati all attivo dell umbria alcuni fondamentali elementi positivi estremamente significativi ed importanti per innescare nuovi meccanismi di sviluppo primo far tutti il bil benessere interno lordo decisamente superiore rispetto alla media italia na per qualità ambientale storica e urbana testimone di una qualità della vita assicurata da istituzioni e dai molteplici rapporti di relazioni sociali civili culturali che da molti decenni caratterizzano la nostra regione di non secondaria importanza il recente elemento di novità rappresentato dalla crescita e sviluppo in umbria di una nuova rete di medie imprese operanti in settori ad alto valore aggiunto e con funzione strategica per il prossimo futuro aperte verso i mercati internazionali e quindi rivolte verso quell export di cui l umbria ha tanto bisogno e il caso di alcune aziende meccaniche operanti nei settori dell auto e dell aero-spaziale né si può dimenticare nell economia della regione il comparto agricolo che presenta dati di forte produttività e innovazione si tratta di segnali importanti che innescano premesse e progettualità che vanno nella direzione giusta quella della internazionalizzazione della innovazione e della ricerca della costituzione di reti operative fra aziende e di nuovi spazi nell economia green e evidente però che accanto ai fattori positivi si rilevano anche criticità derivanti dalla disoccupazione e dalla precarietà nel lavoro 3 una delle ragioni della debolezza dell apparato produttivo regionale risiede infatti proprio nella sua eccessiva frammentazione essendo rappresentato ­per il 94 da imprese con meno di 9 addetti `900 intorno alle istituzioni locali e regionali grazie all impegno congiunto delle diverse classi dirigenti ­ politiche istituzionali imprenditoriali e del mondo del lavoro che dimostrarono una importante attenzione ai bisogni del territorio proprio in quella connessione virtuosa tra istituzioni e forza sociali oggi pertanto con una crisi ancora non superata con i disagi che conseguentemente si generano ed un gap economico che si riverbera sul reddito delle famiglie va trovata la capacità di sviluppare una rinnovata governance che coinvolga istituzioni imprenditoria forze sindacali e sociali con la finalità di assicurare all umbria un ruolo da player globale nello scenario futuro questo mi sembra il senso profondo dell alleanza per lo sviluppo lanciata dalla presidente catiuscia marini la scommessa sarà vinta se si saprà innovare e sviluppare in chiave avanzata l offerta regionale internazionalizzando l attività produttiva e sviluppando politiche di rete 1 2 3 in umbria sono il 7 del totale è la più elevata del centro-nord in umbria è del 61 la più alta del centro-nord l umbria ha la più elevata di lavoro precario del centro-nord d in quale modo è ipotizzabile il superamento di tali difficoltà quale sforzo occorre attivare r le risorse esistono non dimentichiamo che l umbria è sì una piccola regione ma costituita da una forte identità che è stata costruita nella seconda metà del il prof claudio carnieri docente di filosofia ha ricoperto numerosi incarichi istituzionali e politici nel consiglio regionale dell umbria ha svolto la funzione di presidente del gruppo consiliare pc-pds dal 1985 al 1990 eletto assessore alla cultura ha svolto poi la funzione di presidente della giunta regionale dell umbria dal 1993 al 1995 attualmente è presidente dell aur l agenzia umbria ricerche 12 12

[close]

p. 13

intervista a luca ferrucci professore ordinario presso la facoltà di economia dell università di perugia a favore delle famiglie per investimenti in immobili di conseguenza la domanda complessiva di abitazioni si è rarefatta e in particolare è cresciuta la domanda di abitazioni di taglio ridotto e con localizzazioni meno pregiate la seconda dinamica riguarda il campo dell innovazione nella bio-edilizia nuovi materiali da costruzione unitamente a soluzioni di avanguardia nel campo dell efficienza energetica hanno aperto nuove prospettive per la realizzazione di abitazioni con minore impatto ambientale e inferiori costi di gestione una cooperativa di abitanti di conseguenza deve saper interpretare queste due tendenze del mercato immobiliare proponendo soluzioni adeguate sia sul piano della progettazione che della commercializzazione mo luogo coop umbria casa può potenziare anche in termini di politica comunicazionale tutti i fattori capaci di irrobustire le garanzie contrattuali a favore dei propri soci in un contesto in cui la fragilità finanziaria e economica di molte imprese edili sta ponendo talvolta rischi insostenibili a carico degli acquirenti di immobili in secondo luogo in una società dove vi saranno sempre più anziani con proprie specifiche aspettative in termini di servizi socio-assistenziali e con un patrimonio abitativo di proprietà non idoneo a soddisfare le loro nuove esigenze coop umbria casa potrebbe unitamente ad altre cooperative di servizi complementari realizzare strutture residenziali di qualità con formule contrattuali idonee a valorizzare il patrimonio individuale posseduto da questi anziani.infine in una società che tende a mortificare le potenzialità dei giovani siano essi studenti oppure lavoratori precari coop umbria casa può elaborare una proposta abitativa efficace anche con formule innovative contrattuali e finanziare a loro favore magari con il concorso di altri attori istituzionali pubblici e privati d in una società in profonda trasformazione e con bisogni abitativi sempre più parcellizzati quali attese si rivolgono verso una moderna cooperativa di abitanti come la coop umbria casa r il mercato delle abitazioni è condizionato da due dinamiche la prima riguarda la riduzione del potere di acquisto complessivo delle famiglie l esteso fenomeno della precarizzazione del lavoro unitamente alla riduzione dei redditi disponibili da parte della classe media hanno generato una diminuita capacità di compravendita di immobili per uso abitativo il comportamento delle banche ha rafforzato questa tendenza con la riduzione dell offerta di credito d come interpreta secondo lei la coop umbria casa il proprio ruolo quali obiettivi e prospettive può traguardare nel futuro r ci sono tre priorità sulle quali coop umbria casa può rafforzare la propria positiva vocazione storica proiettandola nel futuro in pri intervista a stefano vinti assessore alle politiche della casa regione umbria d in una società in profonda trasformazione e con bisogni abitativi sempre più parcellizzati quali attese si rivolgono verso una moderna cooperativa di abitanti come la coop umbria casa r la crisi economica e finanziaria che ha depresso il mercato immobiliare e ha portato forti difficoltà al settore edilizio la mancanza di una strategia nazionale e di risorse adeguate sul tema casa l invecchiamento della popolazione l aumento dei fenomeni migratori la precarizzazione del lavoro e le difficoltà dei giovani ad uscire dalle famiglie di origine il progressivo indebitamento delle famiglie per l andamento decrescente delle retribuzioni sono elementi che non facilitano l accesso alla proprietà/locazione delle abitazioni in particolare del 13

[close]

p. 14

ceto medio/basso ed hanno ridato centralità al problema casa ed alle politiche dell edilizia residenziale nella nostra regione in un contesto socio-economico così problematico la cooperativa negli ultimi anni è comunque riuscita ad evolvere la propria attività verso i nuovi bisogni della collettività e gli obiettivi della regione infatti è passata dal programmare interventi prevalentemente rivolti alla proprietà a programmi in locazione a canone calmierato i risultati conseguiti sono positivi sia per i soci che abitano in case con buoni standard di qualità ad elevati risparmi energetici e con canoni o prezzi di acquisto più bassi rispetto alla media del mercato sia per la cooperativa che in una situazione difficile del mercato ove la crisi economica ha comportato la ca duta della domanda sta comunque sviluppando la propria attività questa è la dimostrazione che si può crescere economicamente non a discapito della collettività utenti ma insieme ad essa coniugando conti economici in regola e responsabilità sociale d come interpreta secondo lei la coop umbria casa il proprio ruolo quali obiettivi e prospettive può traguardare nel futuro r coop umbria casa sta svolgendo un ruolo indubbiamente positivo nel contesto attuale grazie all attenzione messa nel capire i mutamenti dei bisogni sociali e all evoluzione posta nel realizzare case secondo i canoni ed i dettami dell edilizia sostenibile nel futuro ci aspettiamo che la co operativa continui sulla strada intrapresa migliorando costantemente le abitazioni nell obiettivo di renderle sempre più sostenibili che invece di consumare energia ne producano di pulita che migliorino il comfort abitativo con l utilizzo di materiali ecologici che riqualifichino e recuperino aree determinando un inserimento nel territorio compatibile con l ambiente e il paesaggio ci aspettiamo inoltre che la cooperativa sviluppi nuovi servizi a favore della comunità umbra ponendo particolare attenzione alle categorie deboli e/o svantaggiate quali anziani e giovani per una moderna cooperativa di abitanti le sfide non finiscono mai mi auguro che questo sia lo spirito con cui coop umbria casa voglia guardare al futuro le opinioni wladimiro boccali sindaco di perugia e presidente anci umbria partiamo da un dato coop umbria casa dal 1986 al 2009 ha realizzato 1850 alloggi circa tra quelli di proprietà e quelli assegnati in locazione non esiste nella nostra regione in particolare nel settore dell edilizia privata una azienda che possa presentare questi numeri È evidente che siamo davanti ad un fenomeno rilevante prima di tutto dal punto di vista imprenditoriale la prospettiva futura ma il futuro è già oggi è che di case avremo bisogno e molto se gli italiani sono tradizionalmente proprietari in una percentuale importante delle case in cui abitano stiamo per affrontare l emergenza dei nuovi cittadini italiani ovvero quelli che arrivano da noi da altri ovviamente mi riferisco a persone in regola con le leggi che lavorano e producono ricchezza che si collocano oltre i livelli minimi della sussistenza È difficile per questi potenziali acquirenti rivolgersi al mercato immobiliare puro e semplice mentre certamente più accessibile è la soluzione della società cooperativa c è un altro tema importante ovvero la qualità delle abitazioni soprattutto dal punto di vista della compatibilità ambientale significa ed è certamente questa una sensibilità che coop umbria casa possiede che oggi non si possono sfuggire temi e soluzioni che coniughino il confort e la qualità di una abitazione con il risparmio energetico l uso di impianti 14 14 paesi specialmente del mediterraneo e che le case non le possiedono ma che giustamente vorrebbero migliorare anche attraverso la proprietà di una abitazione il loro radicamento in italia.

[close]

p. 15

fotovoltaici la sana gestione dei rifiuti il rispetto del paesaggio la tutela del verde la gestione del parco automobilistico dei proprietari per decenni prima che questa cultura facesse breccia nelle abitudini delle singole persone e delle aziende sono state costruite case fuori da ogni attenzione per l ambiente non possiamo permettercelo vogliamo anzi che la qualità urbana il decoro l ecocompatibilità facciano parte dell identikit di una moderna politica abitativa naturalmente la complessità di una realtà come coop umbria casa significa molte altre questio ni su tutte vale la pena di sottolineare la realtà di una cooperativa che lavora in un settore di vitale importanza e che dà risposte ai cittadini l augurio è che si possa ancora crescere senza smarrire la vocazione originale luciano bacchetta sindaco di città di castello l esigenze abitative di una comunità sempre più diversa e sempre più frastagliata nella sua composizione culturale e sociale devono essere tese a costruire relazioni e ricreare luoghi non solo da vivere ma che aiutino concretamente alla crescita del concetto di comunità sociale abitare e vivere sono due elementi che oggi rispondono alle trasformazioni sociali in atto e che più si avvicinano ai bisogni delle persone per questo la cooperativa umbria casa da sempre al servizio delle persone e delle famiglie è uno strumento fondamentale non solo in termini di risposta abitativa ma soprattutto in termini di risposta sociale per i nostri giovani per le nuove coppie per le famiglie e per coloro che vogliono costruirsi una vita indipendente in un mondo sivo nei momenti di instabilità economica di una recessione mondiale le capacità e la solidità costruita in questi decenni può continuare a svolgere un ruolo decisivo per soddisfare e rispondere in maniera sempre più attenta alle diverse e mutate esigenze residenziali sostenere quello che crediamo essere sempre il diritto alla casa in un momento di libero mercato ci appare un valore aggiunto che la cooperativa umbria casa ha saputo far proprio nell interesse delle persone e delle comunità rimane sul tappeto una questione complessa del sostegno alle persone e alle famiglie nei momenti difficili che chiunque può passare su questo versante proprio da un cooperativa come coop umbria casa potrebbero arrivare delle soluzioni innovative che potrebbero stimolare una contaminazione sociale del mercato immobiliare dove la precarietà è cardine del sistema è davvero molto difficile pensare ad una casa di proprietà quello che era un obiettivo possibile fino a pochi anni fa oggi è il sogno di una vita e per questo che oggi più di ieri coop umbria casa gioca un ruolo importante e deci 15 15

[close]

Comments

no comments yet