Voci Versate 13

 

Embed or link this publication

Description

collana voci versate

Popular Pages


p. 1

Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)

[close]

p. 2

13 PIERO AMANTI STEFANO AMBROSINI SANDRA BIANCAMANO ANNA BOERI FRANCESCA CALABRÒ GIUSEPPINA CALZARETTA GUIDO CAMUFFO MARIATERESA CASELLI ENEA DI IANNI LAYLA FARAG ROBERTA FERRERI CHIARA FICARRA FLAVIO GALVAGNO EMILIANA GRIGOLATO OLGA KISSELEVA GRAZIANO ELAINE RICKON SARA ROSATI GIOVANNA SCIUTO GABRIELLA TARDIOLA TEDI TOPALLI

[close]

p. 3

 2018 by Pagine s.r.l. via Gregorio VII, 160 – 00165 Roma Tel. 06/45468600 E-mail: info@pagine.net www.pagine.net Collana diretta da Francesca Folino Gallo

[close]

p. 4

INDICE PIERO AMANTI STEFANO AMBROSINI SANDRA BIANCAMANO ANNA BOERI FRANCESCA CALABRÒ 7 11 15 19 23

[close]

p. 5

GIUSEPPINA CALZARETTA GUIDO CAMUFFO MARIATERESA CASELLI ENEA DI IANNI LAYLA FARAG 27 31 35 39 43

[close]

p. 6

ROBERTA FERRERI CHIARA FICARRA FLAVIO GALVAGNO EMILIANA GRIGOLATO OLGA KISSELEVA GRAZIANO 47 51 55 59 63

[close]

p. 7

ELAINE RICKON SARA ROSATI DEBORA TAMBORRINO GABRIELLA TARDIOLA TEDI TOPALLI 67 71 75 79 83

[close]

p. 8

PIERO AMANTI Piero Amanti nato a Forlì il 5 settembre 1967 in precedenza ha pubblicato nel 1999 il romanzo Io, Idimma, lucciola di notte. A Nelima Ho amato oppure la mia mente inebriata dall’eccitazione del corpo ha creduto di esserlo. Ho amato sì, quel vortice di passione che esplodeva dentro me. Ho amato tutto del suo corpo che io trovavo così inspiegabilmente perfetto. Ho amato e ti ho gustata al punto da divorare la passione che sentivo bruciarmi dentro, ma in quell’attimo fui infinitamente tuo. Ho amato ed ho scoperto che tu sei stata la cosa più terrena della mia vita. 7

[close]

p. 9

SANDRA BIANCAMANO Sandra Biancamano è nata a Ragusa nel 1979. Ha iniziato a scrivere poesie da autodidatta, da lì la sua voglia di raccontare emozioni si è trasformata in vera passione. Decide così di mettere alla prova se stessa e le sue capacità partecipando al concorso “Poeti e Poesia” con Il bambino del ghetto. E tu donna E tu donna… sei forte ma nello stesso tempo sei tanto fragile! Sai donare una carezza a chi ti dimostra tanta insicurezza. Sai dare conforto e amore alle cose che ti stanno a cuore. Non ti arrendi mai alle difficoltà della vita, affrontandoli con coraggio anche se arrivi sfinita. Quante prove hai dovuto affrontare e con grande audacia l’hai sapute superare. Conosci il vero senso del dolore mettendo al mondo tuo figlio per donargli tanto amore. Sei una madre, un’amica, una donna agguerrita e capiranno tutti che sei indispensabile in questa vita. 8

[close]

p. 10

ANNA BOERI Nata a Piacenza il 7 giugno 1955. Counselor e psicodrammatista. Le storie e le vicende umane sono fonte di ispirazione e di crescita personale. Crede nel potenziale creativo ed espressivo delle persone e lo utilizza come strumento di cura per sé e per gli altri. La poesia è intimamente legata alle sue immagini fotografiche e i versi sorgono spontanei ispirate da esse. Nel marzo 2016, in occasione di una sua mostra fotografica personale, una raccolta delle sue poesie è stata rappresentata in forma teatrale all’Opificio dell’arte di Biella. Ha pubblicato con Pagine (anno 2018) nell’antologia poetica M’illumino d’immenso. La retrospettiva dell’Ombra Nascoste nei ricordi le ombre attraversano la luce del giorno, salgono sugli alberi e dall’alto scrutano le finestre chiuse dal tempo. Una pioggia irreale le trasporta nell’oblio e nel mare profondo si inabissano per sempre. Un nuovo silenzio attende future primavere. 9

[close]

p. 11

FRANCESCA CALABRÒ Francesca Calabrò, nata a Siracusa nel 1953. Scrive poesie sin da giovane come mezzo attraverso il quale esprimere le proprie emozioni e sensazioni di vita. Ama la musica, il teatro e le arti in genere. Umanità? Esseri umani alla deriva, vengono strappati alle onde del mare e comunque pace non riescono a trovare. Fuggiti dalla miseria e dai soprusi a nessuno piacciono i loro musi. Senza arte né parte calati in un mondo a loro sconosciuto niente viene loro riconosciuto. Il vivere quotidiano hanno precluso mentre attorno a loro molto, a piene mani, viene profuso. Discriminati e mai amati vengono da tutti ripudiati. Noi no, non siamo razzisti: dal mare li abbiamo salvati! Ma per far ché, mi chiedo, se poi non li abbiamo aiutati? 10

[close]

p. 12

GIUSEPPINA CALZARETTA Nata a Oliveto Citra, ha un figlio. Ama trascorrere le sue giornate all’aria aperta, a contatto con la natura e gli animali. Ha sempre coltivato con amore la passione per la poesia, massima espressione dell’anima, partecipando all’antologia Riflessi. La speranza tace Dentro il silenzio di un incontro, dietro parole scritte, la speranza tace. Dentro il profondo dei tuoi occhi e nelle parole dette, la speranza tace. Dentro l’intensità di un bacio e di un sorriso rubato, la speranza tace. Dietro una vita passata, dentro un urlo soffocato, la speranza tace. Un sogno mai realizzato! 11

[close]

p. 13

Autore. GUIDO CAMUFFO Un’anima condannata Mi ha commosso uno spirito piegato. Per quell’anima condannata neanche più la luna è una dolcezza. Il cavo del giglio Guardando con occhi insaziabili la bellezza del giglio, nasce l’impulso di scivolare nel suo cavo bianco fecondo, e in quel dono di luce estinguere la forma superata, divenire nuova materia. 12

[close]

p. 14

MARIATERESA CASELLI «Mariateresa Artemisia… questi i miei nomi registrati all’anagrafe… i miei genitori mi chiamavano Artemisia, abbreviato Misia, addolcito Misietta… dopo la loro morte sono diventata solo Mariateresa… anzi mt… così a scuola mi chiamavano… così mi firmo io!!! Misietta si addice ad una poetessa… forse è stata una scelta presagica dei miei genitori?». Mamma La tua risata allegra mi torna in mente la tua presenza silenziosa la tua voglia di imparare da me quando studiavo … perché tu non avevi potuto studiare e ti vergognavi e ti affidavi a me! Te ne sei andata troppo presto… … adesso ho tanta voglia di stare con te… 13

[close]

p. 15

ENEA DI IANNI Enea Di Ianni, nato a Villalago (AQ), vive a Sulmona, in Abruzzo. Dirigente scolastico impegnato nella sperimentazione didattica, è autore di scritti pedagogici, romanzi, testi teatrali, composizioni musicali, poesie in lingua e in dialetto. Dal 1997 coordina il Convegno di Pedagogia “L. Volpicelli”. Libertà Un cardellino in gabbia cinguettava solo, accanto a me. Un piccolo svolazzo, un tuffo breve e un’altra nota fuori quelle sbarre si perdeva. Volli provare a renderlo felice sperando che lo fosse almeno un poco. Fuor da quei ceppi svolazzò stordito, poi si librò leggero e fuggì via. *** *** *** Giù nella strada son sparse le piume, randagio un gatto le rimuove ancora. Cercava libertà quel cardellino e non capiva ch’era in quella gabbia. 14

[close]

Comments

no comments yet