programma PTP 2018-2019

 
no ad

Embed or link this publication

Description

Programma della stagione 2018/2019

Popular Pages


p. 1

PICCOLO T E AT R O PATA F I S I C O IL TEATRO È INUTILE TORNATE ALLE VOSTRE CASE

[close]

p. 2



[close]

p. 3

CARE MEMBRANE E CARI MEMBRI PATAFISICI, siamo qui a presentarvi la stagione numero 9 del nostro poetico, eccentrico, essenziale, isolato, accogliente, magico (parole prese in prestito da voi) piccolo teatro patafisico. Aggiungiamo noi INUTILE. Anche quest’anno ci scuserete se usiamo questo spazio come momento di auto-aiuto e ancora prendiamo in prestito le parole di altri per raccontarvi di queste cose inutili di cui non riusciamo a fare a meno: parafrasiamo Ben Vautier per dirvi che “il teatro è inutile, tornate alle vostre case”. Continuiamo a riflettere sul senso del nostro lavoro, sul senso generale del lavoro culturale e creativo che tante volte appare, e spesso è, inutile ma continua ad essere NE C E SS A R I O per le nostre vite individuali e per la dimensione collettiva della nostra società contemporanea. La bilancia costi-benefici fatica a stare in equilibrio e vorresti scegliere lo spettacolo giusto, le storie che valgano la pena di essere raccontate, coinvolgere il pubblico adatto, co-progettare con i partner più d'ispirazione, trovare il motivo e il senso di ogni singo- la scelta e poi a volte scopri che le cose più "inutili" erano le più necessarie. Insomma, lasciamo a voi la risposta definitiva... sperando che si trasformi anche quest’anno in un’attiva partecipazione. Noi ce l’abbiamo messa tutta e vi presentiamo con orgoglio a seguire i 13 spettacoli di quest’anno, tra cui tre produzioni nuove di zecca, riallestimenti di spettacoli amati che mancavano da un po’ dalle scene, progetti teatrali dal continente, i nostri coriacei Festival e Poetry Slam. Il tutto rigorosamente inutile. E naturalmente la nostra stagione per i piccoli con 12 spettacoli che speriamo vi permettano anche quest’anno di “perdere” del tempo con le vostre famiglie e i vostri amici. Rossella e Laura «Tutta l'arte è completamente inutile» Oscar Wilde «l'arte è una sciocchezza» Jaques Vaché

[close]

p. 4

STAGIONE 2018/2019 v 26, s 27 (h 21) e d 28 (h 18) ottobre 2018 ...AMEZZALUNA (il cielo è così crudele e non è semplice) di Margherita Ortolani TEATRO v 9, s 10, d 11, v 16, s 17 e d 18 novembre, h 20.30 A CENA DAGLI UBU Capitolo terzo Compagnia Piccolo Teatro Patafisico TEATRO A TAVOL A v 23 novembre 2018, h 21.00 46 TENTATIVI DI LETTERA A MIO FIGLIO di Claudio Morici READING TEATR ALE g 13, v 14 e s 15 dicembre 2018, h 21.00 TRIPOLIS di Dario Muratore TEATRO v 11 gennaio 2019, h 21.00 POETRY SLAM con Francesco Giordano POESIA s 19 (h 21) e d 20 (h 18) gennaio 2019 CIÒ CHE ACCADDE ALL'IMPROVVISO di Rosario Palazzolo TEATRO v 25 e s 26 gennaio 2019, h 21.00 SETTE CONTRO TEBE Reloaded Compagnia I Clandestini EVENTO SPECIALE | TEATRO s 9 (h 21) e d 10 (h 18) febbraio 2019 AUTOBIOGRAFIA DEL MIO AMICO IMMAGINARIO di Ivan Talarico TEATRO-CANZONE g 14 febbraio 2019, h 21.00 APULEIO IN LOVE Compagnia Teatro degli Spiriti TEATRO v 22 febbraio 2019, h 21.00 Poetry POETRY SLAM con Francesco Giordano POESIA v 1, s 2 (h 21) e d 3 (h 18) marzo 2019 THE ADDAMS FAMILY IN PALERMO Compagnia prese fuoco e Accademia Internazionale del Musical TEATRO s 16 (h 21) e d 17 (h 18) marzo 2019 CARILLON Compagnia Tedacà TEATRO v 22 marzo h 21.00 POETRY SLAM con Francesco Giordano POESIA v 29, s 30 e d 31 marzo 2019, h 20.00 MINIMO TEATRO FESTIVAL IX edizione TEATRO E DANZA v 12 aprile 2019, h 21.00 POETRY SLAM con Francesco Giordano POESIA s 13 (h 21) e d 14 (h 18) aprile 2019 UOMO MATURO di Steve Cable TEATRO v 10 maggio, 2019 h 21.00 POETRY SLAM con Francesco Giordano POESIA dal 18 - 25 maggio 2019 SORSICORTI XIII edizione CINEMA

[close]

p. 5

TsEtAaTgRioOnePE2R01I8P|I2C0C1O9LI Biglietto singolo € 5. Carnet di 10 biglietti al costo di € 45. domenica 21 ottobre h 16.30 e h 18 Baoko, la burattina che divenne Luna (narratore e burattini) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 25 novembre h 16.30 e h 18 W-Hat about Compagnia Fuora Dance Project domenica 9 dicembre h 16.30 e h 18 La vecchia del bosco (narratore e burattini) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 30 dicembre h 16.30 e h 18 Un Natale splendidamente orrendo (narratore e burattini) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 13 gennaio h 16.30 e h 18 Scarabocchi Compagnia Quintoequilibrio domenica 27 gennaio h 16.30 e h 18 Alcestina gioia mia (narratore e burattini) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 24 febbraio h 16.30 e h 18 Il Principino Gamberino (narratore e burattini) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 10 marzo h 16.30 e h 18 I vestiti nuovi dell'Imperatore (attore e ombre) Compagnia Nessunacentomila domenica 24 marzo h 16.30 e h 18 C’era una volta Astolfino (narratore, burattini e pupo) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 7 aprile h 16.30 e h 18 Raperonzolo (narratore e burattini) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 5 maggio h 16.30 e h 18 La storia di Aquilino e Nazarena (narratore e burattini) Compagnia Teatro degli Spiriti domenica 26 maggio h 16.30 e h 18 Il ciarlatano Vitrano e Vaccarino

[close]

p. 6

venerdì 26, sabato 27 (h 21) e domenica 28 (h 18) ottobre 2018 ...AMEZZALUNA (il cielo è così crudele e non è semplice) regia/drammaturgia: Margherita Ortolani con Marta Cannuscio, Ibrahima Darre, Sara Esposito e con Margherita Ortolani scene: Vito Bartucca; costumi: Francesco Paolo Catalano; consulenza mu- sicale: Roberto Cammarata; musica dal vivo: Marta Cannuscio produzione: BLITZ e PICCOLO TEATRO PATAFISICO Adatto anche ad un pubblico dai 4 anni in su Ingresso € 7,00 (ridotto under 12 € 5,00) Liberamente ispirato al Visconte Dimezzato di Italo Calvino ed altri racconti Amezzaluna è il primo esito del progetto “quella smania di chi racconta storie” studio per una riscrittura scenica da La Trilogia degli Antenati di Italo Calvino, progetto ideato e diretto da Margherita Ortolani. Liberamente ispirato al Visconte Dimezzato di Italo Calvino, lo spettacolo porta in scena due strampalate creature ed un viaggio verso una Luna di cartapesta: un teatrino comico sentimentale accompagnato dalle figure del gioco e del sogno. 6 T E AT R O

[close]

p. 7

venerdì 9, sabato 10, domenica 11, venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 novembre 2018, h 20.30 A CENA DAGLI UBU Capitolo terzo Compagnia Piccolo Teatro Patafisico Ingresso con cena € 25,00 Max 25 partecipanti a sera - Prenotazione obbligatoria (info e prevendita: 366.1545786) A casa di Ubu Re quest’anno si cambia copione: una cena luculliana è stata imbandita per i più alti rappresentanti dei poteri occulti. Il vino scorre a fiumi per il Gotha dei poteri forti, a cui è destinato l'ingrato (o forse troppo grato) compito di salvare le sorti del paese dalla catastrofe democratica in cui rischia di cadere. A progettare una manovra per assumere il controllo politico saranno chiamati proprio i nostri ospiti, a cui verrà chiesto di scendere in campo al fianco di Padre Ubu, al fine di donare al nostro popolo un Sovrano potente e imponente. Siamo alla resa dei conti, amici cari, questa non è una riunione di partito, questo non è un comizio: T E AT R O A TAVO L A «Questa è una domenica di famiglia, di comunione e di comunità, se siamo così forti avendo appena cominciato, figuriamoci quando avremo fatto tutto ciò che vogliamo fare!» Testi presi in prestito (e poi restituiti in comode rate per 76 anni) da Umberto Galimberti, Roberto Calasso, Matteo Salvini, Adolf Hitler. 7

[close]

p. 8

ven 23 novembre 2018, h 21.00 46 TENTATIVI DI LETTERA A MIO FIGLIO di e con Claudio Morici Ingresso € 7,00 Il narratore è fermo davanti a un microfono e un leggio. Ai suoi piedi, decine di giocattoli rivolti verso lui, che aspettano impazienti di sentire il racconto. Parte così la lettura della prima lettera, la prima delle 46, una per ogni anno di vita dell’autore. L’obiettivo di chi scrive è ambiziosissimo: spiegare a suo figlio il senso del- la vita e soprattutto il perché della separazione dei suoi genitori. Ma il viaggio sarà lungo e pieno di ostacoli, con lettere scarabocchiate, crisi di identità, amici che scrivono al suo posto, baby sitter “per lettera” ed esperimenti scientifici. Per non parlare dei peluche che iniziano ad animarsi e a raccontare i momenti più com- plessi della crisi di coppia, in un velleitario linguaggio “adatto a un bambino come te”. Questa volta Morici esplora e mette a nudo anche un territorio maschile intimo e fragile, raramente esplorato. Lo fa in modo delicato, goffo, ironico e autoironico. Ma non per questo meno serio e incisivo. Lettera dopo lette- ra ci racconta la storia di un padre, ultraquarantenne, piegato dal peso del suo bebè nel marsupio comprato a Roma est. Un padre che vieta a suo figlio qualsiasi attività artistica, per non fargli fare la sua fine, ma che allo stesso tempo lo invita a cogliere gli elementi più divertenti e paradossali della realtà. Un padre alla continua ricerca di un messaggio, di un senso, di una qualche perla di saggezza da trasmettere al suo erede. E tuttavia: siamo sicuri che ci sia già questa saggezza? Ma soprattutto: suo figlio, come fa a leggere queste lettere se ha solo 3 anni? 8 READING TEATR ALE

[close]

p. 9

gio 13, ven 14 e sab 15 dicembre 2018, h 21.00 TRIPOLIS di e con Dario Muratore Ingresso € 7,00 Sound Designer Giovanni Magaglio; Light Designer Federico Cibìn; Scena: Margherita Platè. Produzione Piccolo Teatro Patafisico in collaborazione con la dimora Macciangrosso, residenza artistica; Progetto Epop.Teatri Un giovane uomo chiede a una vecchia donna quali siano le tracce della propria origine. La Libia, Tripoli, la colonia italiana da cui la famiglia proviene. Attraverso il topos Nonna/Nipote viene evocato un secolo di storia, di vita, di morte ma soprattutto d’incontro tra due identità: quella del colonizzatore e del colonizzato, quella italiana e quella araba che si ritrovano a condividere una terra, una città, un deserto, un’anima. Cocci di vita di una donna italiana, colonizzatrice, culturalmente fascista. La sua storia, la sua visione intima e la sua alterità nei confronti del dominato. Ma cosa succede quando l’Italia perde il dominio politico e la situazione improvvisamente si ribalta? L’arabo ritorna a essere il padrone della propria terra e l’italiano diviene ajsnabi, straniero. Tripolis è lo sviluppo di un’indagine che ha come punto di partenza le domande “Chi è l’altro? Chi è lo straniero?”. Quando però ci poniamo tali domande ci stiamo in realtà domandando “Chi sono io? Chi siamo noi?” In quanto il discorso sull’altro è solamente un modo per parlare, definire e riconoscere s{ stessi sulla base delle differenze e dell’alterità. Queste hanno un carattere esclusivamente relazionale, non possono esistere isolate, e quindi la differenza non possiede una propria essenza naturale... 9 T E AT R O

[close]

p. 10

aio T E AT R O sabato 19 (h 21) e domenica 20 (h 18) gennaio 2019 CIÒ CHE ACCADDE ALL’IMPROVVISO di e con Rosario Palazzolo Ingresso € 7,00 con Francesco Gulizzi, Rosario Palazzolo, Anton Giulio Pandolfo, Delia Calò musica di Francesco Di Fiore; costumi e scene di Luca Manuli, assistente alla regia Clara De Rose Produzione Compagnia dell’Arpa In collaborazione con Teatrino Controverso, Latitudini – Rete Siciliana di Drammaturgia Contemporanea e con Assessorato allo Spettacolo del Comune di Calascibetta, con il sostegno finanziario dell’Assessorato Regionale al Turismo e allo Spettacolo Ora, i morti, da che mondo e mondo, possono star distesi, supini, appesi, scomposti, infilati dentro catafalchi di tutte le specie, mummificati dentro sarcofagi o ridotti in polvere e ficcati dentro vasetti colorati, tesi, spiegati, conciati in poltiglia per chissà quale catastrofe, seduti o coricati, qualche volta in pie- di, ma resta, comunque, da parte loro, l’impegno all’immobilità, e ciò affinché le più assodate norme umane possano continuare a perpetuarsi. Loro, seppur morti, invece camminavano… Ciò che accadde all’improvviso racconta una storia strana, al limite tra il reale e l’irreale. Un surrealismo giocato con i tempi della commedia comica che spesso storce nel giallo, si adagia sul grottesco per arrivare a un finale drammatico. Tre uomini che hanno perso la strada, che non si ri- conoscono più; tre personalità che diventano metafora dell’uomo. 10

[close]

p. 11

venerdì 25 e sabato 26 gennaio 2019, h 21.00 SETTE CONTRO TEBE Reloaded Compagnia I Clandestini Ingresso € 7,00 La rappresentazione teatrale “Sette contro Tebe” nasce all’interno dei laboratori di arte terapia condotti dal Dr. Giovanni Mendola, assieme alla sue equipe, all’interno delle attività riabilitative del Centro Diurno Casa del Sole del Dipartimento di Salute Mentale della Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo. La tragedia di Eschilo, una delle più antiche e ostiche del teatro greco classico, in questo lavoro, più che tradotta è stata completamente rivisitata con un tradimento metodico e poco rispettoso della tradizione fino alla trasformazione finale di una “performance” di video, musica rock e ballo con poco spazio alla recitazione e molto a corpi in movimento. Un’ora di spettacolo assordante, divertente e commovente. La compagnia ha scelto il nome di “I Clandestini” evocativo di chi, come i migranti cerca di traghettare il mare in cerca di una terra diversa dopo avere attraversato i deserti dell’indifferenza e del pregiudizio, e come i migranti a testimoniare le grida di chi si è perso nei deserti della vita. 11 T E AT R O EVENTO SPECIALE in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale dell’ASP di Palermo

[close]

p. 12

sabato 9 (h 21) e domenica 10 (h 18) febbraio 2019 AUTOBIOGRAFIA DEL MIO AMICO IMMAGINARIO di e con Ivan Talarico Ingresso con cena € 7,00 A volte è difficile mettersi nei panni degli altri, ma spesso è complicato anche essere sé stessi. L'unica possibilità, quindi, è vivere altrove, lontano dagli altri e lontano da noi. Ivan Talarico, con la sua chitarra, ci porta nel mondo del suo amico immaginario, dove tutto è possibile e impossibile, dove tutto sembra normale ma anche no. Tra brevi discorsi e canzoni, Ivan non parla mai di se stesso e della sua vita, ma parla sempre tra sé e sé. Per ascoltarlo bisogna stare vicini a lui. Per capirlo bisogna stare vicini a noi. 12 T E AT R O C A N Z O N E

[close]

p. 13

giovedì 14 febbraio 2019, h 21.00 APULEIO IN LOVE Amore e Psiche - Speciale San Valentino di Salvino Calatabiano con Vito Bartucca, narratore e Salvino Calatabiano, burattinaio compagnia Teatro degli Spiriti Ingresso € 7,00 Uno straordinario ed unico evento pensato per il nostro pubblico adulto, un evento irripetibile per chi: è un cuore solitario è un cuore spezzato è un cuore rattoppato è un cuore libero è un cuore in due è un cuore aperto è un cuore che somiglia ad un fegato è un cuore e basta Psiche, una bellissima fanciulla che non riesce a trovare marito, diventa l’attrazione di tutti i popoli della terra che accorrono per vederla e venerarla. La dea della bellezza, Venere, gelosa di Psiche, invia suo figlio Amore perché la faccia innamorare dell’uomo più abietto che ci sia, uno veramente maledetto dalla sorte che la renda irrimediabilmente infelice. Ma il dio vede Psiche e incantato dalla sua bellezza si colpisce con la sua stessa freccia e se ne innamora perdutamente. Tratta da “Le Metamorfosi” di Apuleio un’avvincente e romantica storia! Adatto ad un pubblico adulto: un modo "favoloso" per festeggiare San Valentino. T E AT R O PER CHI INNAMORATO LO È E PER CHI LO VUOLE DIVENTARE 13

[close]

p. 14

venerdì 1°, sabato 2 (h 21) e domenica 3 (h 18) marzo 2019 THE ADDAMS FAMILY IN PALERMO scritto e diretto da Claudia Puglisi con Silvia Scuderi, Marzia Molinelli, Costanza Minafra, Giuseppe Lo Piccolo, Roberto Fabbra e gli allievi dell'Accademia Internazionale del Musical Palermo Compagnia Prese Fuoco e Accademia Internazionale del Musical di Palermo Ingresso € 7,00 Amano l'orrore e la putrefazione. Si nutrono di morte e decadenza. Sono gli Addams e Palermo è il posto ideale per cercare casa. Una commedia nera in cui i protagonisti più famosi della storia della televisione, si confrontano con la realtà quotidiana di un mondo in cui il disvalore è diventato valore. Fra mostri, scheletri e fantasmi, la storia prenderà una piega inaspettata. 14 T E AT R O

[close]

p. 15

sabato 16 (h 21) e domenica 17 (h 18) marzo 2019 CARILLON di Andrea Fazzari e Simone Schinocca Regia Simone Schinocca Produzione Tedacà Ingresso € 7,00 Carillon racconta la storia di diversi personaggi. C’è la nonna che sogna cose che poi si avverano. C’è il nonno, ineguagliabile brontolone che non crede alle parole della nonna. C’è Tizio che, scappato dall’orrore, sta tornando a casa con un lungo viaggio. A piedi. E fischietta in quel modo così caratteristico, alla stessa maniera di suo padre, e davanti a ogni ostacolo ripete la frase: “Quanto vorrei che Dio esistesse”. E parla con le persone, con la natura e con le cose, forse perché anche lui ha dei poteri magici, oppure perché ha perso la testa durante il viaggio, o magari perché tutti potremmo parlare con le persone, la natura e le cose, se solo ci provassimo. Carillon è una favola con una drammaturgia originale, nata da interviste a persone che hanno affrontato percorsi al limite dell’esistenza, uomini e donne che hanno donato al testo parole, sguardi, silenzi e desideri. Le loro storie hanno dato a Tizio il coraggio per affrontare il suo viaggio, in bilico fra la fantasia dell’immaginazione e il cinismo della realtà. 15 T E AT R O

[close]

Comments

no comments yet