CATALOGO FIERA DI SANT'ALESSANDRO

 

Embed or link this publication

Description

Elenco degli espositori e degli eventi della Fiera di Sant'Alessandro di Bergamo

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

SOMMARIO SALUTI EVENTI SEMINARI & CONVEGNI ELENCO ESPOSITORI - Stampa tecnica e web - Elenco espositori in ordine alfabetico RINGRAZIAMENTI 3 PAG. 3 PAG. 19 PAG. 29 PAG. 32 PAG. 84 SCHEDA TECNICA DATA dal 31 Agosto al 2 Settembre 2018 ORARI di APERTURA Venerdì Sabato Domenica dalle 14.30 alle 22.30 dalle 9.00 alle 22.30 dalle 9.00 alle 19.00 INFORMAZIONI Biglietto Intero € 7.00 Biglietto Ridotto € 5.00 Biglietto Parcheggio € 3.00 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Tel. 035 32 30 913 / 914 / 918 Fax 035 32 30 910 / 996 www.fieradisantalessandro.it fieradisantalessandro@promoberg.it ORGANIZZAZIONE Via Lunga snc - 24125 Bergamo Tel. 035 32 30 902 - Fax 035 32 30 915 www.bergamofieranuova.it - info@bergamofieranuova.it Main Sponsor Via Lunga snc - 24125 Bergamo Tel. 035 32 30 911 - Fax 035 32 30 910 www.promoberg.it - info@promoberg.it

[close]

p. 4



[close]

p. 5

SALUTI 5 ENTE FIERA PROMOBERG Le fiere, oltre ad essere un’occasione d’incontri e confronti, rappresentano il termometro della situazione economica e produttiva di un territorio. La ultramillenaria Fiera di Sant’Alessandro ne è un esempio bellissimo, essendo da sempre l’atteso appuntamento di riferimento per la variegata filiera agricola. La crisi ha indubbiamente cambiato gli stili e le abitudini degli italiani. Stiamo imparando a vivere sprecando meno energia, utilizzando sistemi produttivi più puliti e sostenibili, consumando meno territorio, riutilizzando di più, e meglio, ciò che prima avremmo buttato. La Fiera diventa quindi anche una grande opportunità per riflettere su questi temi, per esporre le innovazioni (di processo e di prodotto) delle nostre imprese, storicamente molto attive su tali fronti. Non di meno consente di valutare l’uso sostenibile e intelligente delle risorse umane e agricole di cui disponiamo, contrassegnate da un cambio di passo e di approccio rispetto al tema dello sviluppo. La Fiera di Sant’Alessandro ha il merito di presentare una serie di piccole e medie imprese italiane in grado di dimostrare che l’inventiva, la professionalità e la qualità non sono caratteristiche dei soli grandi gruppi, ma possono scaturire dal lavoro e dal sacrificio anche di poche persone. Realtà che spesso rischiano tutto quello che hanno, spinte dall’amore per il proprio lavoro e dalla certezza di portare avanti un’attività di qualità. Pmi che, spesso, più che stare al passo con i tempi, li anticipano, lanciando sui mercati prodotti e servizi in grado di innescare nuovi trend. Come sempre Promoberg si è impegnata al massimo per allestire una manifestazione in linea con le esigenze delle imprese e le richieste del grande pubblico di appassionati, sempre più attratto dalla filiera agroalimentare. Uno sforzo notevole, che ha consentito l’ulteriore innalzamento della qualità della manifestazione, il rafforzamento degli eventi collaterali e la conferma dell’ingresso gratuito nella giornata inaugurale. Proprio l’alta qualità di quanto allestito in fiera rappresenta una delle carte vincenti della manifestazione. A ciò si aggiunge la volontà degli organizzatori di intercettare i nuovi trend di un mercato in grande trasformazione, rivolgendo un’attenzione particolare alle innovazioni e alle nuove generazioni, che vedono nel settore primario (l’unico con dati positivi anche durante i duri anni della crisi) anche una nuova e importante opportunità professionale. La quindicesima edizione si presenta in grande forma. Cito i dati principali: 50mila metri quadrati dedicati all’evento (15mila al coperto, i restanti sull’area esterna); circa 200 imprese provenienti da 14 regioni; centinaia di macchinari; circa 800 animali (soprattutto bovini ed equini) in esposizione o impegnati in rassegne e concorsi anche internazionali: è il caso della sesta edizione del concorso Purosangue Arabi, che richiama a Bergamo allevamenti provenienti da oltre una decina di paesi stranieri e che è stato promosso dalla categoria C alla B, quella che precede gli appuntamenti internazionali al top. Ringrazio tutte le realtà che, a vario titolo, hanno consentito di allestire nel migliore dei modi la manifestazione. Un grazie particolare ai main sponsor (UBI Banca; Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura di Bergamo; Credito Bergamasco Banco BPM) e ai partner (tra cui Regione Lombardia e Comune di Bergamo). L’ultimo pensiero lo rivolgo alla gente, in particolare a chi non ha ancora avuto modo di conoscere il mondo rurale. Visitare la Fiera di Sant’Alessandro significa ripercorrere dodici secoli di storia (non solo rurale) del nostro territorio, potendo toccare con mano una delle eccellenze Made in Italy riconosciute in tutto il mondo. Siete tutti invitati a partecipare a quella che, oltre ad essere un importante evento per gli operatori, rimane soprattutto una grande festa “popolare” dedicata al mondo contadino. Ivan Rodeschini Presidente Ente Fiera Promoberg Main Sponsor

[close]

p. 6

IL NOSTRO PRESTITO VIAGGIA CON TUTTI I COMFORT. Dopo tanti chilometri percorsi con la nostra vecchia auto, era arrivato il momento di sostituirla con una più comoda e sicura. L’abbiamo trovata, grazie al prestito di Agos. VERSATILO ENTRA E SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DEL PRESTITO SEMPLICE E FLESSIBILE La banca di Claudia e Matteo. Ti ricordiamo che la richiesta di prestito è soggetta ad approvazione di Agos Ducato S.p.A. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale che presenta il prestito flessibile Versatilo. Versatilo è un prodotto Agos ed è richiedibile presso le filiali del Banco Bpm che promuovono l’iniziativa. Il Banco Bpm opera come intermediario del credito – senza costi aggiuntivi per il cliente – per la promozione ed il collocamento, in esclusiva, dei prestiti della società erogante Agos Ducato S.p.A., con la quale il cliente conclude il contratto. In filiale sono disponibili gratuitamente su richiesta della Clientela il modulo “Informazioni europee di base sul credito ai consumatori” (S.E.C.C.I.) e la copia del testo contrattuale. La richiesta del prestito flessibile può essere effettuata dai clienti che rimborsano tramite addebito diretto in conto corrente SDD ed è soggetta ad approvazione Agos Ducato S.p.A. La flessibilità può essere esercitata nel rispetto dei limiti contrattualmente previsti e in caso di regolarità dei pagamenti. Offerta valida dal 01.03.2018 al 31.12.2018

[close]

p. 7

SALUTI 7 REGIONE LOMBARDIA La Lombardia è la prima regione agricola d’Italia e tra le prime a livello europeo. Promuovere e valorizzare iniziative storiche come la fiera di Sant’Alessandro significa per noi tutelare un comparto vitale per la nostra economia e per le nostre tradizioni. Del resto, difendere la filiera agroalimentare lombarda è una delle sfide più importanti che ci troveremo ad affrontare nei prossimi anni. Una sfida che possiamo vincere solo se riusciamo a creare un sistema tra produttori, operatori commerciali e istituzioni. All’estero c’è grande attenzione verso la nostra offerta e praterie commerciali che possiamo conquistare. Dobbiamo puntare a una alleanza tra agricoltura, ristorazione e marketing territoriale per rendere consapevoli i consumatori della qualità dei prodotti lombardi. La Fiera di Sant’Alessandro è una occasione di incontro sempre più vivace, dove si mischiano in maniera armonica tradizione, innovazione, momenti ludici e dibattiti sul presente e sul futuro dell’agricoltura. La Regione sta facendo la propria parte per il territorio bergamasco, partendo da un Programma di sviluppo rurale che sta erogando risorse importanti per sostenere gli imprenditori agricoli nella produzione, nell’innovazione e nella promozione dei prodotti. Il lavoro della Regione tuttavia non si ferma alla distribuzione di risorse. Nei prossimi cinque anni voglio affrontare in maniera decisa ed efficace il tema della sburocratizzazione. Faremo un tavolo operativo per ascoltare le proposte degli operatori ed eliminare i passaggi burocratici superflui. Gli imprenditori agricoli vogliono lavorare, non perdere tempo con le carte bollate. Vogliamo inoltre procedere nella direzione della difesa del suolo. La Regione Lombardia si è dotata di una legge efficace contro il consumo della terra e intendiamo ammodernare la norma. Vogliamo lavorare per il settore primario perché la Lombardia può correre di più solo se corre l’agricoltura. In materia di fondi europei, ho incontrato nelle scorse settimane il Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan. Ho espresso forte preoccupazione per i tagli previsti in sede europea al comparto agricolo. Lavoreremo in sinergia con il ministro Centinaio per fare in modo che l’Europa non penalizzi un settore strategico. I tagli alla Pac avrebbero una forte ricaduta sull’economia lombarda. Solo per il primo pilastro, quello relativo ai pagamenti diretti agli agricoltori, la nostra regione rischia di perdere 50 milioni di euro. Standardizzare e appiattire a livello europeo i contributi su ettaro significa favorire i Paesi con costi di produzione inferiori, come quelli dell’Est Europa. Abbiamo evidenziato la necessità che la programmazione del Psr rimanga regionale: in Italia ogni territorio, partendo da quello lombardo, ha la propria vocazione e le proprie peculiarità. Fabio Rolfi Assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Regione Lombardia Main Sponsor

[close]

p. 8

La rivista che lavora con te e ti fa compagnia! SOLO € 5,00 BIMESTRALE - PROSSIMA USCITA SABATO 25 SETTEMBRE NELLE EDICOLE DI TUTTA ITALIA 1MEDIA

[close]

p. 9

SALUTI 9 COMUNE DI BERGAMO E’ con grande soddisfazione che l’amministrazione comunale saluta l’edizione 2018 della Fiera di S. Alessandro. Soddisfazione non solo perche’ si tratta di una delle manifestazioni piu’ antiche della nostra citta’, ma anche per la capacita’ di rinnovarsi e ampliarsi che la fiera ha saputo dimostrare negli anni e soprattutto in questo periodo di crisi. Tradizione e innovazione si uniscono a costituire il piu’ importante appuntamento del territorio in ambito agricolo e zootecnico, che ogni anno richiama decine di migliaia di visitatori proprio grazie alla vitalita’ della sua proposta. Giorgio Gori Sindaco di Bergamo Main Sponsor

[close]

p. 10



[close]

p. 11

SALUTI 11 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO Con la Fiera di Sant’Alessandro torna un appuntamento tra i più amati dal nostro territorio. Un affetto nato sin dalla prima comparsa della manifestazione, ben dodici secoli fa, quando il mondo contadino ringraziava e festeggiava così il Santo Patrono. Durante il suo lungo e affascinante cammino, la Fiera di Sant’Alessandro ha contribuito a scrivere la Storia e la Cultura del nostro territorio. Oggi la manifestazione, con espositori provenienti da tutta Italia, pur restando per il grande pubblico soprattutto una “festa popolare” tra storia, cultura, sapori e le novità di un settore che continua a far grande il nostro Territorio, in Italia e nel mondo, è un importante e consolidato punto di riferimento economico per la filiera agro-alimentare. La manifestazione è l’esempio più bello di “come” e “quanto” il settore Primario si sia sviluppato, grazie a passione, competenze e innovazioni tecnologiche capaci di alzare costantemente la qualità dei prodotti e dei servizi. Un settore capace di affrontare con determinazione le grandi sfide lanciate sia dagli altri settori economici, sia dalla globalizzazione dei mercati. Con pieno merito, la filiera agro-alimentare “Made in Bergamo” è oggi una delle eccellenze del nostro Paese, riconosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Una filiera con 5mila imprese e circa 8mila addetti operanti sul nostro territorio che dà risultati importanti per la nostra economia: infatti, negli anni della crisi, il settore Primario, soprattutto grazie all’export, ha sostenuto l’economia nazionale. Anche per la nuova edizione, la 15a presso la moderna struttura in via Lunga, gli organizzatori - Bergamo Fiera Nuova e Promoberg, a cui vanno i miei ringraziamenti - sono riusciti a mettere in vetrina il meglio del settore. Grazie agli eventi collaterali in programma, che affiancano la ricca parte espositiva, la fiera si conferma sempre più “dinamica” e con standard di sicurezza e controlli (tra cui quelli per il benessere degli animali, garantiti dal Dipartimento Veterinario dell’ATS di Bergamo) come sempre ai massimi livelli. E’ proseguito l’impegno verso temi di grande attualità: ottimizzazione della filiera, tutela ambientale, produzioni biologiche, difesa delle zone di produzione e dei relativi marchi, tracciabilità, qualità e sicurezza dei prodotti che arrivano in tavola. Il successo della manifestazione è frutto anche di un efficace gioco di squadra che vede protagonista la Camera di Commercio di Bergamo, pronta a mettere a disposizione un importante contributo economico. Ciò ha consentito, con un notevole sforzo organizzativo, di confermare l’ingresso gratuito per la giornata inaugurale del venerdì, e di allestire un evento di altissimo spessore, con costi molto contenuti a carico delle aziende espositrici. Concludo ringraziando tutte le realtà che hanno affiancato gli Organizzatori e la Camera di Commercio nell’allestire al meglio la manifestazione. In particolare gli sponsor (UBI Banca e Credito Bergamasco Banco BPM) e i partner (tra cui: Regione Lombardia, Comune di Bergamo, Associazioni di Categoria). Paolo Malvestiti Presidente Camera di commercio di Bergamo Main Sponsor

[close]

p. 12



[close]

p. 13

SALUTI 13 ATS - AGENZIA DI TUTELA DELLA SALUTE Una fiera millenaria ancora oggi punto di riferimento della tradizione regionale che spazia dalla zootecnica, all’agricoltura e all’equitazione, fino ai macchinari e all’innovazione, passando, per i prodotti alimentari orobici. La tutela della biodiversità, la sostenibilità delle produzioni e l’interazione tra uomo, animali e natura, sono valori e obiettivi che l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, attraverso il prezioso contributo del Dipartimento di Veterinaria, valorizza quotidianamente con numerose e scrupolose attività. Del resto, è intrinseco nella denominazione di ATS, lo scopo primario di Tutela della Salute del cittadino, contadino, allevatore o consumatore finale che sia. Il Dipartimento di Veterinaria è da sempre in prima linea per garantire il benessere animale e la tutela della salute umana, con il compito di garantire una quotidiana attività di controllo, educazione e prevenzione. In un contesto come la Fiera dell’Agricoltura, la presenza dell’Agenzia con il Dipartimento è un momento di confronto con tutti gli attori del settore con cui i tecnici dell’Agenzia si relazionano ogni giorno. Ma non solo, presso lo stand del Dipartimento di Veterinaria chiunque ha la possibilità di confrontarsi con gli operatori sulle numerose iniziative di ATS Bergamo. Basti pensare al costante impegno nella promozione della sicurezza sul lavoro, tema di straordinaria importanza su cui si stanno compiendo decisi passi avanti riconosciuti a livello globale o al WHP dove ATS Bergamo, in collaborazione con Confindustria Bergamo, si è distinta per aver attivato il primo programma standardizzato di promozione della salute nei luoghi di lavoro (WHP) in Lombardia, coinvolgendo oltre 100 realtà riunite in una rete locale di imprese. Sempre in tema di sicurezza, ma cambiando campo d’azione, ATS è attivamente impegnata nella diffusione della cultura della sicurezza alimentare e nutrizionale e nella promozione di comportamenti e stili di vita protettivi per la salute. Nell’anno del cibo italiano, sensibilizzare sulla qualità dei prodotti degli agricoltori e allevatori del territorio bergamasco e sull’importanza dell’alimentazione in un’ottica di “mens sana in corpore sano” diventa particolarmente importante. Un patrimonio incredibile che va valorizzato e utilizzato anche nell’ottica della salute. Diverse, quindi, le iniziative promosse dall’Agenzia che, con l’impegno di tutti, possono produrre cambiamenti determinanti nella salute e nel benessere della società. Del resto, allevamento e agricoltura, attività alla base delle comunità umane, sono due preziosi alleati della salute. Dottoressa Mara Azzi Direttore Generale ATS Bergamo Main Sponsor

[close]

p. 14

Il Mercato BERGAMO UFFICIO OPERATIVO Sede Provinciale Bergamo Clusone Ponte San Pietro Romano di L. Sarnico Treviglio Zogno INDIRIZZO Via G. Mangili, 21 Via Borgo Palazzo, 169 Via S. Vincenzo de Paoli, 10 Via Vittorio Emanuele II, 60 Via del Commercio, 30 Via Cerro, 8 Via XXIV Maggio, 30/a Via Pietro Ruggeri, 12 TEL. e FAX 035-4524011 035/4524126 035/4524170 035/4524171 035/4524800 035/4524801 035/4524190 035/4524191 035/4524840 035/4524841 035/4524820 035/4524821 035/4524860 035/4524861 035/4524880 035/4524881

[close]

p. 15

SALUTI 15 COLDIRETTI BERGAMO Ci apprestiamo anche quest’anno ad una partecipazione particolarmente sentita dell’ultra millenaria Fiera di Sant’Alessandro, a cui tutta la comunità bergamasca offre un riscontro di piena appartenenza. L’ubicazione particolarmente felice presso il polo fieristico della Fiera di Bergamo ne garantisce la connotazione, non solo con il tessuto economico provinciale, ma soprattutto con quello sociale. I numeri sempre elevatissimi di presenze testimoniano quanto questa fiera, sebbene di carattere regionale, sia fortemente identitaria della nostra provincia. Non è però una fiera che guarda esclusivamente al proprio passato, ma unendo tradizione (intesa come trasmissione lascito di saperi e valori) ed innovazione, traguarda verso il futuro non solo all’interno del contesto agricolo provinciale ma dell’intera comunità bergamasca. E’ quindi la fiera rivolta soprattutto ai giovani, sia come operatori del settore che famiglie, perché in essa sono intrecciati, come trama ed ordito, i valori, le conoscenze e le innovazioni sull’intero tessuto economico provinciale. Soprattutto in una realtà come la nostra in cui lo scorso anno abbiamo registrato un incremento percentuale doppio, rispetto la media regionale, di giovani che hanno intrapreso l’attività agricola come scelta di vita. Con le diverse tipologie di impresa e con le innovazioni che stanno introducendo in agricoltura, rappresentano al meglio la multifunzionalità che ci classifica a livelli di assoluta eccellenza, offrendo un servizio che ormai copre qualsiasi tipo di esigenza, dalle produzioni quantitativamente più importanti per il sistema allevatoriale, alle produzioni tipiche di qualità fino alle esigenze più sensibili delle persone in situazioni di particolare fragilità. Non possiamo dimenticare quanto nello stesso senso ci ha trasmesso il “G 7 Agricoltura“ svoltosi a Bergamo lo scorso ottobre, responsabilizzando la nostra azione verso alcuni principi fondamentali richiamati nella cosiddetta “Carta di Bergamo”. La sostenibilità produttiva ed ambientale, la trasparenza delle filiere, la sicurezza del reddito in agricoltura e la cooperazione, soprattutto rivolta verso le aree più fragili del pianeta non dovranno limitarsi ad essere ambiti di confronto bensì trasformarsi in indirizzi programmatori delle future politiche agricole, come dell’operare di ogni singolo imprenditore agricolo, ma ancor più di ogni cittadino. Questo a conferma di quanto l’agricoltura ed i suoi prodotti non debbano essere considerati ciò che troppo spesso appare scontato, ma siano in realtà il frutto di una stretta interazione tra l’attività dell’imprenditore agricolo e l’intero contesto territoriale in cui esso opera. E in questo contesto Coldiretti Bergamo offre con la stessa responsabilità la propria partecipazione a questo importante evento, non solo istituzionalmente, ma soprattutto attraverso i volti e le mani dei propri associati. Identità non solo di questa nostra agricoltura ma dell’intera comunità bergamasca. Alberto Brivio Presidente Main Sponsor

[close]

Comments

no comments yet