Systema Bollettino Economico della Camera di Commercio I.A.A. di Ravenna - n.1 aprile 2018

 

Embed or link this publication

Description

Systema Bollettino Economico della Camera di Commercio I.A.A. di Ravenna - n.1 aprile 2018

Popular Pages


p. 1

Anno LXXIII > n. 1 > Aprile 18 > Quadrimestrale Esperienze da vivere in Bassa Romagna, arte tra innovazione e tradizione ACattmiveirtaàle EXPORT ALLIANCE: UNA PIATTAFORMA PER LA RUSSIA LA SFIDA DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE IN RETE ATTIVATI I BANDI 2018 PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PIÙ COMPETITIVI CON I SERVIZI DIGITALI

[close]

p. 2

• Automazione ufficio • Arredamento ufficio •AAfsfisaisntcehnizaameoAigngoiosrntraimcleienntiti da oltre I nostri punti di forza? nti da oltre ti di forza? i clienti da oltre unti dEsipefroienrzza a? nalità Servizio puntuale Professionalità Servizio puntuale e tempestivo e tempestivo nella relazPioener cnoon iil cillievnetero valore aggiunto nella relazione con il cliente tisce la continuità. è la qualità che garantisce la continuità. Assistenza Aggiornamenti AroufetssoiomnalaitàzioneServizio pAunrtruealedamento Disponiamo di un labora- BI.CeOMteSmyspteemstoifvfreo pro- ufficio ufficiogstotierunioznaattetorleaznzripaeatorlalazpieornreel’alcsaosinz- ionpfeeesrsiconaoaplipntàroifloecndlciimoenensnuttleei nzea atfiegczcaianetiicrnieadndaailttaiudsmnciesmneptaeoglaanqzeuzcainlodio- enllteinangomugloiogii-trianàa.pmeer nBlt’ai Iu.dtCeolmlOa aMtzeioc--System si propon- uipdsooeotremrticionpistrrmeeiir,evafoeirrnsmAcnttimihtsaodeei,smdaiigasdspastriiits,aateneanftnsenosztniait-z- oaeriprnpefreoarpoinxdo-en,clelo’nundftofinAicuisazggoo,iologueuvznnioinooeelunzisrdieaonctnnethoaeegc-, mhli esepnpaetziri l’ottimizzaergonomici dccournèatninduiona aolpgveorrsaattridovitouàf.ficdioiunfaornircgeoli nisnaevnletsotnimo edndi toietstgiumllliaizabzmaasreebienti di lavoro con reopnotnemzaizztae- msDtoiorisalrupiotozenaioitatmnraeoizzdamiptouiegnprlesiloraodbblrie’enaoalnlserartsaeeci---odni lfaigvuBfoerrIsa.ospCsz.iiOooornnoMnai gldiatSeàelylli’staztemtezim-acdootenfif.srteutleapnrgzoa-liati e per- ornotoemcvoicnoi lmestetnecntneziaciie talaeltamrimpapernaitzeidoniqegucaeolin-- apegrLg’ioaarznpaipemronefdonntaididcmeoellanntditeuce-ce un’accu- ieopneer- deflicalativeodroi u.n Dmaagaozzltinreo norloagtia speerlel’zauiotonmeazdioe-i fornitori di 5’acacun-ni sdseioamminprteeorvfoesrnpntiiteodci, aiagsaslirizsatnzetnaeznta-i nreemindoeclblo’unilftifinicupiaoe, reuvonl’luuzsfieoftintcoei-,o, in modo eniltosriedittorepredceislil’eauimtmoemdiaatzi,ioanssei- protpaolneenddoasogluaziroanintcihree al cliente ecmrlieogndtloei ufficccouirnaetnindsuoaiaaolmpveorosattriiovnituàfg.ficrioadunoa gcoli nuisnnevn’etesotlniemovedani ttoiatstiumlqlaizubzaaasrlieetà del pro- oetiltgrivptai.roor-atnratirequuanlitoàtteimporerzazpo-. deldleoctotnofiguarapziorenizdzelil’acmo-mpetitivi. biente di lavoro. Assistenza Disponiamo di un laboratorio attrezzato per l’assistenza e la riparazione con tecnici altamente qualificati e di un magazzino sempre fornito, garantendo interventi di assistenza precisi e immediati, assicurando al vostro ufficio una continua operatività. Aggiornament BI.COM System offre pr fessionalità e consulen per approfondimenti aggiornamenti della te nologia per l’automazi ne dell’ufficio, un sett re in continua evoluzion proponendo soluzioni c consentono di ottimizza gli investimenti sulla ba delle configurazioni dell’am biente di lavoro. 20

[close]

p. 3

puoi trovare Systema on line su www.ra.camcom.gov.it. sPAtArAgnanoCrLtXiXecIaI >gonc.i3lcc>tDuooIcemrrbrdae 1,o7 > QuADrImestrALe CAAtmtiveritAàle EPAIRMMEPBMRIIEEONSPTEEE&RFSUCTUUORLOE, LD'IIILMGCPITARASELSNEEDPTITETORORE SDCIELULNOLEL'AATLW-TLOEARVRONKRATNOEZRARITORIALE ESSLUTEIEAMRTIETRIVCIATÀTI2018 sul sito puoi trovare, inoltre, tutto quello che vuoi sapere su: • spid, firma digitale, carta nazionale dei servizi (C.N.S.), • registro alternanza scuola-lavoro • arbitrato e mediazione Periodico quadrimestrale della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Ravenna  Anno LXXIII numero 1/aprile 2018 Direttore Natalino Gigante Presidente Camera di Commercio di Ravenna Direttore responsabile Maria Cristina Venturelli Gruppo redazionale Cinzia Bolognesi, Roberto Finetto, Maria Elisabetta Ghiselli, Fabiola Licastro, Laura Lizzani, Giovanni Casadei Monti, Barbara Naldini, Maria Cristina Venturelli, Danilo Zoli Segreteria di redazione Alessandra Del Sordo Tel. 0544 481489 Fax 0544 481500 alessandra.del sordo@ra.camcom.it Foto Archivio Camera di Commercio di Ravenna Coordinamento editoriale e impaginazione Mistral Comunicazione Globale sas di Venturelli M. Vittoria e C. Progetto grafico Tuttifrutti - Ravenna Pubblicità P.zza Bernini 6 - Ravenna Tel. 0544 511311 Fax 0544 511555 info@publimediaitalia.com www.publimediaitalia.com Iscrizione R.O.C. 3083 Direzione e amministrazione Viale Farini, 14 - 48121 Ravenna Tel. 0544 481311 Fax 0544 481500 c.p. 370 www.ra.camcom.gov.it.

[close]

p. 4

dreams are power Publimediaitalia per Ravenna Festival 2018 media agency 0544.511311 www.publimediaitalia.com

[close]

p. 5

foto premio ambiente Aprile 2018 > sommario < >7< >8< > 15< > 19 < Editoriale La responsabilità sociale in rete di Natalino Gigante Internazionalizzazione Export Alliance: una piattaforma per un export a due cifre in Russia di Cinzia Bolognesi Istruzione Camera di commercio, università e scuole insieme per l'Ambiente di Barbara Naldini Formazione Università e aziende: conoscenza scientifica e applicazioni innovative nel mondo produttivo di Marco Abbiati ti Responsabilità sociale in rete > 30 < > 33 < Bandi Gli impegni della Camera per contributi alle imprese del territorio di Barbara Naldini Innovazione La fatturazione elettronica, i vantaggi per le aziende di Roberto Finetto > 35 < Startup, il boom delle imprese innovative di Fabiola Licastro > 41 < > 46 < Firma digitale, opinioni a confronto di Cristina Franchini Turismo Il Mar d'autunno e il Museo di Classe, ecco le due sfide per turismo e cultura > 48 < Bassa Romagna: “Terrena”, festival della Land Art di Maria Elisabetta Ghiselli >5 <

[close]

p. 6

40 MILIONI DI EURO INVESTITI NEGLI ULTIMI 5 ANNI NUOVE VASTE AREE PER LO SVILUPPO DELLA LOGISTICA Terminal Operators in Ravenna Inerti, fertilizzanti, ferrosi, pezzi speciali e impiantistica, liquidi, merci a temperatura controllata, container anche reefer, auto e trailer su Ro-Ro. 2.700 metri di banchine 129.000 mq di magazzini 343.000 mq di piazzali 84.000 mc. di serbatoi 21 gru 16.000 metri di binari ferroviari www.grupposapir.it

[close]

p. 7

> editoriale < La responsabilità sociale in rete diNatalinoGigante Da lungo tempo si parla della Responsabilità Sociale d'Impresa (RSI). È infatti entrata formalmente nell'agenda dell'Unione Europea a partire dal Consiglio Europeo di Lisbona del marzo 2000, dove è stata considerata come uno degli strumenti strategici per realizzare una società più competitiva e socialmente coesa e per modernizzare e rafforzare il modello sociale europeo. Dopo la definizione data nel Libro Verde della Commissione Europea, edito nel 2001, come "l'integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali e ambientali delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei rapporti con le parti interessate", ulteriori direttive e comunicazioni hanno cercato di diffonderla in ambito europeo ed internazionale, fino al 2015, quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato, con la sottoscrizione di 193 Governi dei Paesi membri, l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. L'Agenda, fissando attraverso obiettivi e target i traguardi che tutti i Paesi del mondo dovranno raggiungere entro il 2030 per lo sviluppo sostenibile, riconosce un ruolo chiave e determinante a tutte le imprese. L'impegno della Regione Emilia-Romagna, che con la L.R. 14 ha dato grande impulso a queste direttive, completa il quadro nel quale si inserisce la progettualità locale che i territori stanno implementando, attraverso i Laboratori territoriali sulla RSI, di respiro triennale. “La responsabilità sociale in rete. Per una nuova conciliazione, tra competitività delle imprese, benessere delle persone e tutela dell'ambiente”. Questo il progetto promosso dalle Camere di Commercio di Ravenna e Ferrara con la partecipazione dei rispettivi Comuni e delle Associazioni di categoria dei due territori, sul tema della Responsabilità sociale d'Impresa. Le attività progettuali, finanziate dalla Regione EmiliaRomagna, hanno avuto come obiettivo quello di diffondere la responsabilità sociale di impresa al fine di favorire la cultura dell'innovazione responsabile come strumento di qualificazione e competitività delle imprese, attraverso un modello a rete che favorisca il confronto e lo scambio di buone prassi e l'avvio di progetti concreti, in particolare su tre temi: welfare aziendale, mobilità sostenibile e turismo sostenibile. La proposta per le aziende del territorio ravennate ha voluto approfondire il tema delle reti di imprese nell'ambito del welfare aziendale, che si configura sempre più come una opportunità per le imprese che intendono costruire la propria competitività sull'innovazione, ma anche sul valore delle risorse umane e sulla capacità di attrarre persone competenti e motivate. Natalino Gigante, presidente della Camera di commercio di Ravenna Tante sono state le riflessioni e gli stimoli che lungo questo percorso abbiamo ricevuto, ciascun territorio ha sviluppato gli ambiti tematici di riferimento seguendo le proprie peculiarità. Ora, per i due anni che restano a conclusione del progetto, occorre un salto di qualità per concretizzare risultati che abbiano un riscontro e una ricaduta positiva sulla competitività delle nostre imprese. >7 <

[close]

p. 8

> editoriale < Export Alliance: una piattaforma per un export a due cifre in Russia di Cinzia Bolognesi* >8 <

[close]

p. 9

> internazionalizzazione< N el primo mese del 2018, in base ai dati in possesso dell’Agenzia delle Dogane russa, l’import di prodotti di origine italiana è stato superiore del 18%, rispetto a gennaio 2017. Si tratta di un dato che conferma il trend di crescita dell’apprezzamento dei prodotti made in Italy: nel 2017 l’Italia è risalita al quinto paese per valore di interscambio con la Federazione Russa, dopo Cina, Germania, Paesi Bassi e Bielorussia (Fonte: Agenzia delle Dogane russa – Elaborazione ICE Mosca – marzo 2018). Secondo i dati Istat – che rispetto alle Dogane russe considerano i volumi di esportazioni dirette dall’Italia alla Russia – nel 2017 l’incremento dell’export italiano è a due cifre sia a livello nazionale (+ 19,3% rispetto al 2016), sia a livello regionale (+ 13,86%), “Nel 2017 l'Italia ha superato la Francia nella classifica dei paesi fornitori della Russia, ”salendo dal 6º al 5º posto sia a livello provinciale, in vari settori: dall’alimentare al legno e arredo, agli apparecchi elettrici ed elettronici. Export in Russia - Provincia di Ra - 2016-2017 Export in Russia - Provincia di Ravenna - Periodo: 2016 - 2017 Valori in Euro RAVENNA 01 Prodotti agricoli 02 Combutisbili e minerali 03 Alimenti e bevande 04 Tessili e abbigliamento 05 Legno e arredamento 06 Prodotti chimici e farmaceutici 07 Prodotti per l'edlizia e ceramica 08 Metallo e prodotti in metallo 09 Apperecchi elettrici ed elettronici 10 Macchine e apparecchiature 11 Mezzi di trasporto 12 Altri manufatti 13 Altro 2016 26.095 - 17.992.096 4.553.031 168.945 7.437.952 3.099.718 1.736.232 748.323 20.493.729 325.414 152.603 3.050 56.739.204 Peso % 2016 0,05% 0,00% 31,71% 8,02% 0,30% 13,11% 5,46% 3,06% 1,32% 36,12% 0,57% 0,27% 0,01% 100,00% 2017 210.049 - 20.514.089 5.572.467 196.367 7.546.051 2.950.690 1.858.234 1.185.568 18.666.362 293.339 154.090 38.798 59.188.121 Peso % 2017 Var % 2017/2016 Diff % pesi 0,35% 704,94% 0,31% 0,00% - 0,00% 34,66% 14,02% 2,95% 9,41% 22,39% 1,39% 0,33% 16,23% 0,03% 12,75% 1,45% -0,36% 4,99% -4,81% -0,48% 3,14% 7,03% 0,08% 2,00% 58,43% 0,68% 31,54% -8,92% -4,58% 0,50% -9,86% -0,08% 0,26% 0,97% -0,01% 0,07% 1172,07% 0,06% 100,00% 4,32% 0,00% Fonte: Elaborazione dati Istat - Ufficio Studi della Camera di Commercio di Ravenna >9 <

[close]

p. 10

> internazionalizzazione < Il 2017 è stato anche l’anno della crescita del Pil russo dell’1,5%, anche se lievemente inferiore alle previsioni, dell’aumento dei salari reali (+6,2%), con ripercussioni positive per il commercio al dettaglio (+2,8%). Il paese sta investendo anche dal punto di vista tecnologico e l’innovazione sta diventando la parola chiave e cardine dei programmi di sviluppo dei prossimi anni: la selezione dei migliori progetti innovativi, proveniente da tutti i paesi del mondo, da finanziare per permetterne l’attuazione è, ad esempio, una delle azioni dell’RVC, il più grande fondo d’investimenti statali della Federazione Russa. Il paese continua a dare segnali di ripresa e di progressiva uscita dal periodo di recessione, e di interesse nei confronti dell’Italia come partner commerciale, malgrado non sia facile districarsi tra sanzioni e certificazioni per operare adeguatamente, nel rispetto delle varie norme. Nel 2017, ad esempio, sono state notificate illegali circa un milione di dichiarazioni e certificazioni necessarie per la circolazione dei prodotti nell’Unione Economica Euroasiatica, di cui la Russia fa parte. D’altra parte, le imprese italiane hanno sempre saputo costruire buone relazioni commerciali, a partire dai tempi dell’Unione Sovietica, e hanno saputo adattarsi alle evoluzioni delle norme che ne regolano i rapporti internazionali per trovare le modalità più appropriate per continuare a sviluppare partnership. EXPORT ALLIANCE: UN PROGETTO E UNA PIATTAFORMA Il Progetto e la Piattaforma Export Alliance sono stati pensati proprio per aiutare le imprese, che valutano il mercato russo come una opportunità, a ge- stire gli adempimenti necessari per proporre i propri prodotti nel modo più opportuno; Export Alliance è la risposta alle richieste di assistenza alle imprese italiane e agli importatori russi, nell’avvio di nuove relazioni commerciali. Quali sono le difficoltà che un produttore italiano deve affrontare per portare il proprio prodotto nel mercato russo? E quali sono le problematiche di un importatore russo che vorrebbe avere, in tempi brevi, una campionatura di un prodotto italiano che lo interessa? Per dare una risposta concreta a queste domande, Sidi Eurosportello – l’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Ravenna – in collaborazione con la Camera di Commercio Italo Russa promuove il progetto che offre la possibilità ai produttori di beni di consumo (cosmesi, abbigliamento e accessori, oggetti per la casa, prodotti del settore agroalimentare, vini inclusi) di testare il mercato, per un periodo di dodici mesi. LE FASI DEL PROGETTO Innanzitutto, occorre verificare che il codice doganale utilizzato dal produttore italiano per vendere il prodotto all’estero non rientri nell’elenco dei prodotti soggetti alle controsanzioni stabilite dalla Federazione Russa, oppure rientri nelle eccezioni ammesse nello stesso elenco. Il latte ed i derivati, per esempio, risultano tra i prodotti italiani importati dalla Russia, anche si tratta, in generale, di una categoria inserita nell’elenco dei prodotti sanzionati, approvato dal governo della Federazione Russa. Tuttavia, il latte specializzato senza lattosio e i latticini specializzati senza lattosio per fini terapeutici e dietetici rappresentano l’eccezione ammessa per l’importazione di questi prodotti specifici e, pertanto, la categoria è lecitamente rappresentata tra i prodotti importati dall’Italia, anche se in percentuali La federazione Russa in pillole (agg. al 28/02/2018) 146,9 ml. di abitanti (+ 37,1 mln dei Paesi dell’Unione Euroasiatica) Principali dati macroeconomici: - Inflazione: 2,5% (2017) –2,2 (gen. 2018) - Petrolio: $ 64,58 (febbraio 2018) - Riserve: 447,4 MLD (febbraio 2018) - Cambio medio RU/€: 69,0 (gennaio 2018) - PIL (MLD di $ USA): 1.283 (2016) - Crescita PIL 2017 1,4-1,8% -previsione 2018 (IMF) 1,8% - PIL/pro capite (PPP, in $ USA): 24,026 (2016) prime stime 2017: 27,900 - Produzione industriale: +1% (2017) Rating S&P'S BB+ (Positivo) Rating Moody'sBa1 (Positivo) Rating FitchBBB-(Positivo) Fonte: Camera di Commercio Italo-Russa > 10 <

[close]

p. 11

trascurabili, rispetto ad altre categorie. L’analisi di prefattibilità prevede anche la verifica della certificazione necessaria per poter commercializzare il prodotto in Russia e, soprattutto, se il prodotto può essere di interesse per il mercato. Quando il riscontro dell’analisi di prefattibilità è positivo, l’imprenditore può aderire al Progetto e alla Piattaforma e dare il via alle attività di preparazione del prodotto per questo mercato, a partire dalla descrizione in lingua russa. Per quanto riguarda la certificazione, in una prima fase l’imprenditore italiano che non è certo degli esiti del test di mercato, potrà scegliere di certificare il singolo lotto che verrà inviato in Russia, rimandando successivamente la scelta della certificazione del prodotto. Un’altra attività riguarda la definizione del prezzo finale in rubli per l’importatore, senza ulteriori oneri aggiunti per il compratore. Si tratta di un’attività che non presuppone la definizione del prezzo per la vendita franco fabbrica, alla quale sono generalmente abituati gli esportatori italiani. Al contrario, si tratta di offrire anche il servizio di trasporto e > internazionalizzazione < consegna al compratore russo che avrà il prodotto disponibile direttamente in Russia e il costo di questo servizio rientrerà nel prezzo finale della merce. L’imprenditore italiano può liberamente scegliere se usufruire del proprio spedizioniere per il trasporto del primo pallet in Russia, oppure se scegliere il partner logistico del Progetto. Uno dei valori aggiunti del Progetto Export Alliance è quello di disporre di un operatore russo che, indipendentemente dallo spedizioniere scelto, si occuperà di sdoganare il pallet di prodotti italiani e, quindi, di nazionalizzarlo e di stoccarlo in un magazzino di Mosca, in attesa di essere venduto. Nel frattempo il Progetto si occuperà di effettuare una campagna di ricerca di controparti russe interessate ad avviare relazioni commerciali con l’Italia e di visionare sulla Piattaforma la descrizione precisa di quanto già disponibile in magazzino. Si tratta di un altro vantaggio del Progetto che permette di disporre di personale di lingua russa che gestirà il dialogo con potenziali partner commerciali e comincerà a dare affidabilità alla reputazione commerciale dell’operatore italiano non ancora > 11 <

[close]

p. 12

Non sai come la banca valuta la tua azienda? Non preoccuparti, è normale! Forse nessuno te l’ha mai spiegato, ma le banche hanno logiche di valutazione sempre più stringenti, che devi assolutamente conoscere. In caso contrario, sarebbe come affrontare una partita a scacchi, ma senza conoscerne le regole. Per iniziare a giocare un ruolo attivo nella relazione con la tua banca, puoi affidarti al nostro metodo “StrategiaBancaria”, basato su oltre 20 anni di esperienza nel settore bancario e già utilizzato da diverse aziende, professionisti e associazioni di categoria. Scarica la nostra guida gratuita sul sito www.strategiabancaria.it Potrai così accedere al test gratuito della Centrale rischi Banca d’Italia della tua azienda www.temagrafico.it Il marchio “StrategiaBancaria” è depositato da: Winklink S.r.l. - Piazza della Repubblica, 10 - 44121 Ferrara

[close]

p. 13

> internazionalizzazione < conosciuto nel mercato russo. L’obiettivo finale del progetto è quello di avviare rapporti di distribuzione e l’attività promozionale è fondamentale per il raggiungimento di questo obiettivo. Il buyer russo interessato all’acquisto del prodotto il loco, può verificare la disponibilità del prodotto in Piattaforma e procedere direttamente all’acquisto. Il partner di progetto russo si occuperà della fatturazione e della verifica dell’avvenuto pagamento. L’azienda italiana sarà aggiornata mensilmente delle vendite effettuate e potrà decidere di inviare un nuovo pallet in magazzino e cominciare una se- Info Sidi – Eurosportello Tel. 0455 481415 – 482 http://www.ra.camcom.gov.it/eurosportello/ progetti-per-linternazionalizzazione/russiaexport-alliance conda azione promozionale di vendta. La nuova disponibilità di prodotto sarà visibile sulla Piattaforma che non è uno strumento di vendita on line, bensì uno strumento di supporto alla vendita on site, cioè alla vendita diretta del prodotto italiano a Mosca. Ecco, quindi, un altro vantaggio del progetto, rivolto al compratore russo, che non ha tempi di attesa tra la decisione di acquistare il prodotto e la consegna dello stesso. L’Azienda Speciale ha scelto di promuovere il progetto perché da una parte aiuta fattivamente le imprese italiane a superare innanzitutto le barriere linguistiche e doganali nell’approccio di questo mercato e lo ritiene un investimento a costi ridotti per avviare un test di un mercato e, d’altra parte, offre un servizio anche ai buyer russi, affinché continuino a considerare l’azienda italiana un interlocutore interessante per avviare e consolidare relazioni economiche. *Azienda Speciale Sidi- Eurosportello Camera di commercio di Ravenna LE FASI DEL PROGETTO EXPORT ALLIANCE > 13 <

[close]

p. 14

INSEGNE LUMINOSE: a cassonetto - a lettere scatolari in plastica e metallo - a filo neon TOTEM TCLIpNeAUArSVBiRlElOuITGmAERiNnLLAaLEzZNOioITEnONAeONIBeSNEdATe:ICLcCoACAraHStiTvIiR- ELO ATCTROILICHEwww.pubblineon.com per arredamento - edilizia OROLOGI/GIORNALI ELETTRONICI DECORAZIONI PER VETRINE e STAND FIERISTICI SCRITTE e MARCHI ADESIVI PRESPAZIATI CON PLOTTER COMPUTERIZZATO UFFICIO TECNICO: studi e progetti con sistemi computerizzati Sede e Produzione: CESENA - Via Arla Vecchia, 645 - Tel. 0547 347077 Fax 0547 347162 Ufficio Commerciale: RAVENNA - Via Cesarea, 14 - Tel. 0544 67134

[close]

p. 15

> istruzione < Camera di commercio, università e scuole insieme per l'Ambiente Con l'obiettivo di una sempre maggiore sen- sibilizzazione di studenti, cittadini, imprese e opinione pubblica sulle tematiche ambientali, anche quest'anno il Premio Ambiente&Futuro è stato confermato quale progetto strategico per l'ente camerale ravennate. L'iniziativa gode del sostegno e della preziosa collaborazione dell'Università di Bologna, in particolare del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche ed Ambientali del campus di Ravenna. Il percorso tracciato dal bando per la partecipazione delle scuole al Premio Ambiente&Futuro prevede due fasi, la prima delle quali consiste nella realizzazione di un momento formativo in cui gli studenti iscritti incontrano i docenti del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche ed Ambientali dell'Università di Bologna campus di Ravenna per trattare argomenti legati al rispetto dell'ambiente e degli elementi naturali che garantiscono la vita dell'uomo e del pianeta. La seconda fase coincide con la realizzazione, sulla base degli spunti offerti dall'incontro con i docenti universitari, di un articolIoncoollabuornaziopnercoong:etto inerente tematiche che vanno dai mutamenti climatici, all'importanza dell'educazione ambientale, alla riduzione dell'impatto ambientale nei processi di produzione, nonché alla riduzione di imballaggi e materiali di scarto. Una commissione valuta gli elaborati dei ragazzi e propone l'assegnazione dei riconoscimenti, che viene formalmente deliberata da parte della Giunta camerale. L'adesione a quest'iniziativa da parte delle scuole è sempre stata consistente, a testimonianza dell'interesse che le tematiche trattate suscitano nel fertile terreno degli adolescenti. La consegna dei riconoscimenti avverrà nella sede di Barbara Naldini* della Camera di commercio il 18 maggio prossimo, nel corso di un evento pubblico inserito nell’ambito della rassegna “Ravenna 2018 - Rifiuti Acqua Energia”, giunta alla undicesima edizione e che si svolgerà a Ravenna dal 16 al 18 maggio p.v. La tre giorni organizzata da Lab&Lab anima da mol- Premio ambiente &futuro2018 Venerdì 18 maggio 2018 ore 10.00 Ravenna,SalaCavalcoli vialeL.C.Farini14 Segreteria Organizzativa: Camera di Commercio di Ravenna Ufficio Promozione - Ambiente tel.0544481438-425-489 e-mail:promozione@ra.camcom.it > 15 <

[close]

Comments

no comments yet