Vomero Magazine Aprile 2018

 

Embed or link this publication

Description

Vomero Magazine Aprile 2018

Popular Pages


p. 1

MENSILE GRATUITO DEL VOMERO ARENELLA AseIUrvTeO? Mensile Gratuito - Tiratura 20.000 copie - Aprile 2018 - Anno 7 numero 04 © DC Comics La sofferenza dei parchi vomeresi Piazza Leonardo addio parcheggio Fiorentino porta Superman e Batman in collina segnalaci i disservizi su 392 5544555 Consulta legalità De Chiara: scuola e sport contro le baby gang Via Arenella, 74/76 - 80128 Napoli (di fronte Chiesa S.Anna) Tel. 081.560.62.12 Parcheggio S.Anna www.parcheggiosantanna.it

[close]

p. 2



[close]

p. 3

EDITORIALE Il giornalista occhio del cittadino Il compito di un giornalista è quello di diffondere le notizie che riesce a raccogliere. Ha il diritto-dovere di raccontare i fatti, di controllare l’operato dei politici, di tutelare gli interessi dei cittadini. Ma non è abbastanza. Il giornalista, infatti, è l’espressione del “quarto potere” come strumento della vita democratica. È anche l’occhio del cittadino sulla strada. E, così, non deve stupire se, dopo aver verificato un’anomalia, un’inefficienza o un’ingiustizia, la racconta e, se non trova una soluzione, la racconta di nuovo. Non molla la presa, non lascia passare. Ricorda. Magari va un po’ in letargo, ma al momento giusto si sveglia per tornare alla carica. Questo è quello che facciamo al Vomero Magazine che da mesi denuncia le condizioni quasi disperate delle aree verdi e dei parchi del quartiere. Le difficoltà di renderle fruibili per i cittadini. Proprio per questo lasciano perplessi i lavori nel Parco dell’ex gasometro di Viale Raffaello o la perpetua chiusura del Parco Mascagna. I vomeresi ce la segnalano ogni mese, anzi ogni giorno. Ci chiedono spiegazioni. Noi cerchiamo e riportiamo notizie e informazioni, e aspettiamo che quanto annunciato dall’Amministrazione finalmente venga realizzato. Ma purtroppo, anche per motivi tecnici, il parco è ancora chiuso ed è possibile solo girargli intorno, come negli anni ’80 quando, però, si saliva su un pony e si percorreva il perimetro del parco per divertimento. Soprattutto dei bambini ai quali dovrebbe essere restituito uno spazio dove giocare e svagarsi. Continuiamo a monitorare anche la Floridiana, le sue condizioni di semi-servizio, di luoghi abbandonati e inagibili, di una risorsa definita il polmone del Vomero, ma che in gran parte è off-limits. Chiediamo spiegazioni a chi li gestisce o alle istituzioni, e continueremo a farlo perché nessuno si deve fermare, nemmeno quando di fronte trova un muro, se sa che pian piano può buttarlo giù o almeno può provarci. Giuseppe Porcelli Vomero Magazine 3

[close]

p. 4

SOMMARIO EDITORIALE Il giornalista occhio del cittadino di Giuseppe Porcelli pag. 3 PRIMO PIANO Floridiana: aspettando un recupero sine die di Claudia Prezioso pag. 6 Stop al cantiere per il parcheggio di piazza Leonardo di Ugo Cundari pag. 17 ATTUALITÀ A spasso per il Borgo di Antignano di Ersilia Di Palo pag. 20 Scoperta una molecola per la lotta ai tumori pediatrici di Claudia Prezioso pag. 22 SPORT Intervista a Paolo Scutellaro Il Vomero, il mare e la vela di Marco Caiazzo pag. 30 Odissea Collana tutto risolto, anzi no! di Cristiano De Biase pag. 32 Coppa del mondo al Vomero di Giuseppe Porcelli pag. 33 Emergenza blatte, task force in collina di Francesco Licastro pag. 9 pag. 10 CULTURA La voce di Francesco Nardo di Cristiano De Biase pag. 23 Aria di leggende per le strade del Vomero di Gianpaola Costabile pag. 24 RUBRICHE Arte Alimentazione Cultura Napoletana Scienze Sex & Vomero Norme e Leggi pag. 36 pag. 36 pag. 37 pag. 37 pag. 38 pag. 39 Intervista a Fabrizio Fiorentino WhatsApp pag. 12 Il fumetto tra storia e attualità di Giuseppe Porcelli pag. 26 MAGAZINE MYGENERATION pag. 40 Marzo nero per le strade dell’Arenella di Ciro De Biase pag. 14 www.vomeromagazine.net Mensile gratuito dei quartieri Vomero - Arenella Via Kerbaker, 91 - 80129 Napoli Aprile 2018 - Anno 07 numero 04 Direttore responsabile Giuseppe Porcelli direttore@vomeromagazine.net 4 Collaboratori Ciro De Biase Gabriele Basile Mirko Galante Cristiano De Biase Francesco Licastro Marco Caiazzo Ugo Cundari Claudia Prezioso Anna Sirica Stampa Cbl Grafiche srl Registrazione presso il Tribunale di Napoli n°73 del 22/11/12 LETTERE pag. 42 MUSEI&EVENTI pag. 44 Editore Cbl Grafiche srl Via Nazionale delle Puglie km 35 Casalnuovo di Napoli (NA) Scrivici redazione@vomeromagazine.net Info e pubblicità La Fogliolina srls info.lafogliolina@libero.it Via Kerbaker, 91 Tel. 081.193.21.065 WhatsApp +39 3925544555 Tiratura 20.000 copie www.vomeromagazine.net

[close]

p. 5

LA VIGNETTA la vignetta di F. del Vaglio La raccolta delle vignette di Francesco del Vaglio realizzate per Vomero Magazine è visibile sul sito: www.vomeromagazine.net nella sezione “Le Vignette di del Vaglio” Vomero Magazine 5

[close]

p. 6

PRIMO PIANO Floridiana: aspettando un recupero sine die Un affaccio sul golfo tra carenze e disservizi? La Floridiana è il secondo polmone verde di Napoli, ma purtroppo, ormai da grave, si aggiunge l’assenza di giardinieri che possano occuparsi ogni giorno della vegeta- Nel tempo non sono mancati progetti e proposte di iniziative di privati volte anche ad offrire troppo tempo, degrado e dis- zione. I giardini spesso sono in un maggiore servizio ai cittadi- servizi la contraddistinguono. situazioni disastrose, basti pen- ni e turisti, ma gli adempimenti Infatti, nonostante i lavori che, sare a quello delle camelie che, necessari scoraggiano. Ad oggi, tra il 2015 e il 2016, hanno in- fortunatamente, con gli ultimi quindi, non si è neanche prov- teressato gli spazi all‘aperto e il interventi, è stato recuperato. veduto alla realizzazione di museo, ancora oggi il parco in La direttrice ha affermato che, un’area per i cani o di un per- gran parte non è fruibile. Resta come ogni anno, è stata inol- corso ciclabile. inaccessibile l’area adiacente trata al Ministero la richiesta Il parco della Floridiana costi- villa Lucia e l’area al confine di finanziamento, ma la quota tuisce, con il Museo della cera- con via Aniello Falcone, spazi accordata è appena sufficiente mica Duca di Martina, patrimo- che necessitano di interventi alla manutenzione ordinaria nio dello Stato e, in quanto tale, molto più complessi, come la dell’area già aperta. Per cer- gli adempimenti burocratici potatura di numerosi alberi pe- care di garantire la riapertura richiesti rappresentano troppo ricolanti. dell’intero parco si attendono spesso un ostacolo ed un limite, Carenza di fondi e di persona- quindi proposte anche da asso- ma non devono rappresentare le sembrano essere i principali una giustificazione. Ci si do- problemi per il parco a cui si manda se una soluzione, vista affianca lo scarso senso civico la situazione, non possa essere, della cittadinanza. Il regola- come per gli altri parchi del Mi- mento, che si può leggere all’in- bac, l’istituzione di un biglietto gresso del parco, è infatti spes- di ingresso. In questo modo il so violato anche perché i varchi varco aperto sarebbe in parte di ingresso sono senza custodi vigilato e probabilmente usu- e il personale in servizio è ap- fruirebbero del parco solo le pena sufficiente a consentire persone realmente interessate e l’apertura del museo della ce- si avrebbe anche un introito da ramica. Anzi, la direttrice Luisa utilizzare per la sua manuten- Ambrosio sostiene che, per il zione. La situazione non è però prossimo futuro, con i pensio- semplice perché, considerando namenti previsti, è anche a ri- i pochi spazi verdi a disposizio- schio l’apertura del museo stes- ne, questa operazione potrebbe so. A risentire della mancanza essere considerata una chiusura di senso civico e della vigilan- da parte dello Stato all’uso del za sono soprattutto i bambini, bene comune. La villa Floridia- principali fruitori del parco. ciazioni e cittadini, attraverso, na e l’annesso Museo potreb- A questa situazione, già molto ad esempio, il crowdfunding. bero allora trovare altre strade 6 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 7

PRIMO PIANO ad esempio adempiere anche ad un ruolo di contenitore culturale per turisti e cittadini, organizzando spettacoli e concerti anche di sera. Ci si ricorda infatti che, in occasione dei mondiali di calcio del 1990, si provvide a dotare il parco di un impianto di illuminazione proprio per consentire la fruizione anche nelle ore serali; tuttavia, al momento, sono stati realizzati i controlli all’impianto di illuminazione. La potenzialità del parco sono tante, ci sarebbe infatti la possibilità di offrire agli utenti alcuni servizi aggiuntivi come caffetteria, guardaroba, un ristorante nella zona delle serre, un bookshop. Per realizzarli serve, però, un bando di gara che sembra essersi perso nella notte dei tempi e quindi, ad oggi, i servizi aggiuntivo sono ridotti al minimo. La direttrice Ambrosio ha affermato che negli ultimi mesi si sono avviati con il Miur dei protocolli d’intesa per i progetti Pon finalizzati alla realizzazione di interventi per la riapertura delle aree chiuse. “Si tratta di progetti che tendono alla valorizzazione del territorio. I ragazzi dovrebbero realizzare pannelli didattici e cartellonistica per le aree da riaprire nelle quali, al contempo, si effettuerebbero lavori di manutenzione sugli alberi. Per ora, i presidi hanno deciso di rinviare a ottobre il loro inizio”. Attualmente la gestione della Villa prevede attività come lezioni di yoga o l’uso degli spazi da parte delle scuole del territorio per svolgere alcune feste come quella del Papà o della Mamma. Per avere una svolta positiva tutti, dalla Direzione alla Sovrintendenza dei Beni Culturali, dal Comune alla Municipalità, dalle Associazioni alla Cittadinanza, attraverso accordi e con il loro costante impegno, potrebbero rendere pienamente fruibile il “Polmone del Vomero”. Claudia Prezioso Vomero Magazine Parco Mascagna l’apertura slitta a metà aprile Maltempo e test sugli alberi pericolanti hanno rallentato il cantiere. Prima ci si è messo il maltempo con Burian che ha investito Napoli proprio alla vigilia dell’apertura del cantiere. Poi i ritardi dovuti all’attesa per gli esiti dei pulling test sugli alberi pericolanti che si sono avuti solo a fine marzo. I lavori del Parco Mascagna sembrano non finire mai come la pazienza degli utenti che erano soliti incontrarsi nell’unica area sottratta al traffico veicolare tra l’Arenella e il Vomero. L’apertura del parco è slittata tra la metà e la fine di aprile, al netto di altri contrattempi. E speriamo davvero che non ce ne siano. Le prove di carico sugli alberi consentiranno probabilmente di salvarne almeno un paio in più rispetto alla previsione iniziale di abbattimento di cinque o sei piante. D’altronde senza i refer- ti era impossibile procedere con la messa in sicurezza dell’intera area, che resta l’obiettivo principale dell’amministrazione come più volte hanno affermato i tecnici. Nel frattempo sono stati realizzati lavori di manutenzione ordinaria sui prati. Davvero poca roba rispetto alla lunga attesa dei vomeresi di potersi finalmente riappropriare dell’area verde. F.L. 7

[close]

p. 8

CRONACA - ATTUALITÀ - CULTURA - SPORT PRIMO PIANO BISOGNO DI VISIBILITÀ AL VOMERO? pubblicizza la tua attività su un target 100% locale dal Rione Alto al Vomero e all’Arenella OSATE CON L'IMMAGINAZIONE! Contattateci per approfittare delle offerte promozionali. tel. 081 193 21 065 - redazione@vomeromagazine.net 8 Vomero Magazine Vomero Magazine 0039 392 55ww44w.5v5o5meromagazine.net

[close]

p. 9

PRIMO PIANO Al Vomero solo cinque fognatori in servizio Emergenza blatte, task force in Collina Scatterà a metà aprile il Piano di deblattizzazione del Comune di Napoli. Il tavolo tecnico che vede impegnati il vice sindaco, Raffaele Del Giudice, insieme all’Asl Napoli 1, la Polizia Locale, la Protezione Civile e il Servizio Ciclo integrato delle acque sta predisponendo il calendario degli interventi ascoltando anche le priorità indicate dalle singole Municipalità. Le operazioni di disinfestazione saranno svolte dal lunedì al venerdì dalle 23.30 fino alle 4 del mattino. La vera novità sarà quella dei quattro termonebbiogeni che l’Asl metterà in campo. Si tratta di apparecchi che intervengono nel condotto fognario principale ed hanno un raggio d’azione di 150 metri dal punto in cui vengono messi in azione. Una volta alzato il tombino il termonebbiogeno viene posto al di sopra della cavità, pronto a nebulizzare il prodotto chimico. Le blatte vengono contaminate dalla nebbia insetticida che ne riduce il ciclo vitale eliminandole nell’arco di 48 ore. Il medicinale non è nocivo per gli esseri umani ma risulta molto più efficace per le blatte che, nel tempo, hanno raggiunto una straordinaria resistenza ai prodotti utilizzati negli scorsi anni. Il prodotto utilizzato è giudicato dai tecnici dell’Azienda sani- taria efficace sia per contrastare lo sviluppo delle larve sia contro gli individui adulti. Saranno due le unità della Polizia Municipale che daranno assistenza agli interventi di disinfestazione anche perché, con il termonebbiogeno, le operazioni interesseranno i tombini al centro delle carreggiate. La Protezione Civile ha dato la propria disponibilità a collaborare con loro automezzi per “Il prodotto utilizzato è efficace sia per le larve sia contro gli adulti” offrire ulteriore assistenza agli interventi. Nel corso dell’ultimo incontro tecnico sono emerse tuttavia alcune criticità in particolare perché la Municipalità V non ha ancora fornito l’elenco dei fognatori, avendone soltanto cinque da mettere a disposizione per le operazioni. Se la vicenda non si dovesse sbloccare in tempi brevi l’intervento di disinfestazione potrebbe essere compromesso, con il serio rischio che le operazioni in zona collinare partano in ritardo rispetto agli altri quartieri. “Il personale è ridotto all’osso – ha affermato Antonio Iozzi vice presidente della V Municipalità – ma nonostante questo stiamo lavorando per garantire il servizio con i termonebbiogeni almeno due volte a settimana. Nei restanti giorni utilizzeremo il vecchio sistema che non prevede l’intervento di sollevamento dei tombini”. “Bisogna partire in tempo perché le larve, una volta adulte, sviluppano maggiori resisten- ze - ha dichiarato il presiedente della commissione Ambiente del Comune Marco Gaudini che sta monitorando il rispetto dei tempi del programma. Le larve delle blatte normalmente vengono depositate tra marzo e aprile ma, secondo gli esperti dell’Asl, le condizioni climatiche degli ultimi giorni hanno fatto slittare di qualche settimana questo evento”. Francesco Licastro Vomero Magazine 9

[close]

p. 10

IN VIA L. GIORDANO APRE IL PRIMO BOOK & BED D’ITALIA Lo scorsoo 16 marzo è stato inaugurato il bookstore Mondadori in via L. Giordano. Al terzo piano della libreria sarà presto operativo uno spazio dove alle mensole e scaffali colmi di libri di ogni genere si alterneranno spazi per i letti. Una esperienza alberghiera fuori dal comune che ha un solo precedente, a Tokyo, e che arriva ora al Vomero. ARRESTATI GLI AGGRESSORI DEL QUINDICENNE Il 24 marzo gli agenti della Polizia del Commissariato Vomero hanno eseguito 4 ordinanze cautelari a carico di altrettanti minorenni, e due fermi a carico di maggiorenni, tutti ritenuti responsabili del tentato omicidio di un quindicenne lo scorso 9 dicembre in via Merliani al Vomero. La giovane vittima si trovava insieme alla sorella ed altri amici a trascorrere il sabato in giro per le strade del Vomero. Dopo aver mangiato un panino i ragazzi venivano avvicinati e aggrediti da un gruppetto di giovani del Quartiere, che senza motivo e con ferocia si accanivano sul quindicenne che veniva ferito al petto con ripetute pugnalate. Solo l’accurata attività di indagine degli agenti ha portato all’individuazione e incriminazione dei componenti della banda. ARRIVA IL LIONS DAY IN 210 PAESI L’8 aprile si celebra in 210 Paesi il “Lions Day”, la giornata in cui il Lions Clubs International, la più grande Associazione umanitaria di servizio del mondo (oltre 1.400.000 iscritti), fondata a Chicago nel 1917 da Melvin Jones, incontra le comunità di appartenenza per far conoscere le proprie attività e finalità. Quest’anno la I Circoscrizione del Distretto 108YA, di cui fa parte la nostra città, ha scelto di “festeggiare” questa importante ricorrenza al Vomero, in Via Scarlatti, ed in Via dei Mille (Rampe Brancaccio). Dalle 10 alle 14 di domenica 8 aprile verranno posizionati dei gazebo presso i quali soci di oltre 20 Club Lions della I Circoscrizione, insieme ai giovani Leo, daranno alla cittadinanza informazioni con l’ausilio di brochure, video e foto. Un gruppo di medici qualificati effettuerà, inoltre, nella sola Via Scarlatti, screening gratuiti del diabete. Verranno anche raccolti occhiali usati che ciascun cittadino potrà donare per aiutare chi non ha la possibilità di acquistarli. Ma cosa fanno i Lions? Svolgono attività di volontariato e di sussidiarietà orizzontale a favore della comunità in ambiti quali la prevenzione e cura del diabete, la lotta alla fame ed al cancro, la salvaguardia della vista, ridata a più di 40 milioni di persone, la tutela dell’ambiente, la sanità, i migranti, i giovani, la giustizia e la legalità. L’8 aprile sarà sicuramente una significativa occasione di vicendevole scambio e crescita tra i Lions e la cittadinanza. 10 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 11

IL PANIFICIO FINELLI IN VIA RECCO COMPIE 40 ANNI Il 21 marzo del 1978 il sig. Marzano, papà dell’attuale proprietario Rosario, decise di aprire il panificio Finelli. “A quel tempo il pane ci veniva fornito dal forno Finelli sito in in via Alvino nel luogo che attualmente ospita i locali del pub Penny Black”, ricorda Rosario. Purtroppo tre anni dopo l’a- pertura il sig. Marzano venne a mancare e la gestione passò ai figli. A gestire il panificio Finelli attualmente c’è Rosario che continua a rifornirsi dai Finelli in via Kerbaker al cui forno lavora Gianni Catello il figlio di Carluccio Catello uno degli storici operai del forno di via Alvino. IL VOMERO IL MONDO SICURO DI KEKKO Sulle pagine del settimanale Panorama il Vomero- Arenella alla ribalta grazie alla storia di Kekko e la sua famiglia di origine ed acquisita. Una storia bellissima , quella di Kekko, un ragazzo di 11 anni che con la tenacia familiare, l’aiuto della Asl, il sostegno del quartiere e della scuola riesce a combattere e superare l’autismo. Dalla storia raccontata sul numero del 22 febbraio si racconta come Kekko affronta i problemi quotidiani con l’appoggio del suo quartiere che lo conosce e lo supporta rendendolo più autonomo nelle attività quotidiane come il recarsi a scuola da solo. AIUTACI A MIGLIORARE IL QUARTIERE INVIA foto e/o filmati redazione@vomeromagazine.net cell. 39 392 55 44 555 li pubblsicohceiarlemmoedsiau!i nostri RICERCA IMMOBILI DI PRESTIGIO PER CLIENTI REFERENZIATI La gestione di un immobile di pregio oggi comporta il dispendio di notevoli energie per affrontare e risolvere al meglio tutte le incombenze di carattere fiscale e normativo. Proprio per questo molto spesso i proprietari di case, soprattutto di quelle di particolare pregio, non sono tanto propensi ad offrirle sul mercato per evitare rischi. In quest’ottica, la consulenza di personale qualificato riveste un’ importanza fondamentale per valorizzare appieno le potenzialità, riducendo i rischi e massimizzando il ritorno economico. In tale ambito la mia “mission” è proprio quella di aiutare i proprietari di case di pregio ad utilizzare il proprio bene al meglio, affittando a stranieri qualificati, come ad esempio il personale militare NATO in servizio in città, che offrono non solo un budget al di sopra della media, ma forniscono garanzie di affidabilità e solvibilità unite ad un Per info: Cell. +39 347 5959558 breve/medio periodo di locazione. Consapevole delle difficoltà insite nella gestione immobiliare e delle problematiche connesse con la vendita e/o l’affitto, la mia attività è rivolta ad acquisire immobili di prestigio in zone esclusive della città (Vomero, Chiaia e Posillipo) al fine di proporre la migliore offerta immobiliare a quegli stranieri referenziati che ne garantiscono il giusto ritorno economico. Sono felice, nella veste di Realtor, di poter mettere al servizio degli altri l’esperienza maturata nel corso degli anni ponendomi in equilibrio tra le parti e tutelando sia gli interessi dei proprietari di case sia quelli degli stranieri che vogliono essere guidati nella ricerca del giusto alloggio nei migliori quartieri napoletani. Elena Chiefalo Realty Vomero Magazine 11

[close]

p. 12

segsneaglnaacliadcisdaigsiaegideisdseisrsveirzviiszui swuhwathsaAtspAppp+3+93399329525545445455555 DIFFICOLTÀ DI RACCOLTA RIFIUTI AL VOMERO Continua ancora la discarica in via Simone Martini all’altezza di Tecnocasa. È quasi impossibile camminare sul marciapiede già stretto e ciò diventa ancora più pericoloso quando piove specialmente per anziani! I vigili percorrono la strada continuamente ignorando tutto anche la sosta di auto in via Scala (strada comunale) nella quale le auto sostano in 3 corsie e a volta anche in 4 provocando liti tra automobilisti e pedoni. Tutti i residenti sono ancora fiduciosi in un loro autorevole intervento. LE PORTE FUORI SERVIZIO DELLA FUNICOLARE Funicolare di Chiaia... dieci porte fuori uso in questo momento. Sicurezza zero... città allo sbando. Come al solito nessuno vede e nessuno provvede. Che fare? PARCHEGGIO SUL MARCIAPIEDE Parcheggio selvaggio non più solo dei motorini. CADITOIE OTTURATE Un pò d'acqua e sulle scale finali di via Toma si forma una simpatica cascatella in direzione via Palizzi viste le caditoie su via Toma completamente otturate. PARCHEGGIO SULLE STRISCE Viale Michelangelo. Attraversamento vietato ai disabili in carrozzina e non solo! 12 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 13

segnalaci disagi e disservizi su whatsApp +39 392 55 44 555PRIMO PIANO VIA DORIA ADIBITA A DISCARICA Via G. Doria, dove interseca via Scarlatti è sempre un luogo di discarica continua! SPROFONDA STRADA Transenne per il buco profondo in via Simone Martini all’angolo con via E. A. Mario. Come si vede il rattoppo è fai da te e serve per evitare che ci possa finire un’auto. A quando la riparazione? Possibile che in tutto il quartiere non si riesca ad intervenire in maniera definitiva? RENDIAMO IL VOMERO EFFICIENTE! Vorrei segnalare quanto segue: abito al Vomero in via Cilea e mercoledì 27 febbraio non avendo le schede elettorali mi sono recata al municipio di via Morghen con due passeggini (ho due figli piccoli) per ritirare il certificato elettorale. Arrivati alla prima scala mobile che porta a via Morghen con stupore vedo che è chiusa, mi armo di pazienza e faccio tutta la strada in salita per arrivare alla seconda scala mobile ma anche questa è chiusa. Ormai, penso, sono qui continuo in salita sempre con due passeggini ed arrivo finalmente al Comune. Entro ma purtroppo l’ascensore è rotto, il personale mi dice che non posso salire; poiché gli stessi non si degnano di offrirmi il loro aiuto mi faccio aiutare da una persona di passaggio fino all’ufficio dedicato ma ahimè c’è una fila interminabile perché i terminali sono bloccati-rotti. Me ne sono andata sconsolata. Se fosse possibile vorrei sapere dal nostro amato Sindaco cosa ne pensa visto che molto spesso parla di una gestione efficiente della nostra città? LA STRADA È ROTTA MA LA CIVILTÀ DOVE È? Piazzetta Arenella parte la differenziata e le persone lasciano per strada i sacchetti ...la strada è da mesi che è ancora rotta e nessuno provvede.. ASÍA NON RITIRA I MATERIALI Così da più giorni nonostante le segnalazioni al numero verde Asia Via Puccini davanti ingresso liceo Sannazaro. Vomero Magazine AIUINTAVCIAI AfosMutoiInGeo/LosItOfriilRmsAoaRtciiEalliILpmueQbdbiUlai!AchReTreIEm1Ro3E

[close]

p. 14

PPRRIIMMOOPPIIAANNOO via Pigna chiusa dal 4 marzo Marzo nero per le strade dell’Arenella Tra sprofondamenti e cantieri, seri disagi per i residenti Le piogge incessanti degli ultimi mesi hanno messo a dura prova l’assetto stra- la stabilità del palazzo sovrastante, ma dai rilievi effettuati immediatamente dai Vigili del maggio, ai veicoli con larghezza superiore a 2,20 mt. e altezza superiore ai 3,5 mt. La voragine dale del quartiere. Fuoco, questa eventualità è sta- di via Pigna non è la sola. Buche e vere e proprie voragini ta scongiurata. Poco più sopra in via Simone sono diventate arredo urbano Nel frattempo il 19 Marzo è Martini, all’incrocio con via E. permanente. Lo ricorderemo entrata in vigore un’ordinanza A. Mario una sedia di plastica come il Marzo nero delle no- dirigenziale del Comune che li- bianca tappa il buco profon- stre strade. Non bastava via D. mita la circolazione in via San do che c’è tra il marciapiede e Fontana con i lavori al manto Giacomo dei Capri, fino al 17 il manto stradale e in via San stradale, iniziati il 12 Febbraio, congestionando l’emiciclo della zona Ospedaliera, che avrebbe- via Simone Martini ro dovuto terminare il 3 Marzo e invece sono ricominciati il 22 marzo. Il 4 marzo una voragine nel manto stradale di via Pigna ha causato il divieto di transi- to veicolare in via Pigna dalla confluenza di via A. Omodeo al civ. 126, “fino a cessate esi- genze” che alla data in cui scri- viamo non sono ancora cessate. Ancora oggi quel tratto di stra- da è chiuso e si attendono i la- vori di ripristino. La causa è da ricercarsi nel cedimento di un condotto fognario. Stessa situa- zione in via Platania, nei pressi di piazza Muzii, quando il 18 marzo la strada è stata chiusa per problemi alla rete fognaria. Inizialmente si era temuto per 14 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 15

via San Giacomo dei Capri “Vere e proprie voragini sono diventate arredo urbano permanente“ Giacomo dei Capri al civico 84, la strada sta cedendo come si vede dall’avvallamento dell’asfalto. In via Pigna oltre al danno anche la beffa. La spazzatura de- rifiuti in via Pigna accumulati per mancato prelievo PRIMO PIANO 4200 BUCHE COLMATE In riscontro agli sforzi richiesti dal Sindaco, dal 28 febbraio al 23 marzo i 48 operatori PIS a servizio delle 10 Municipalità e i 12 impegnati con il Servizio Protezione Civile hanno ripristinato più di 4000 mq di strade e colmato oltre 4200 buche, al netto di interventi su caditoie, arredo urbano (venti operazioni di risistemazione) e interventi di transennamento (oltre 150 tra ripristini e posizionamento di nuove recinzioni). Al Vomero si è intervenuti dal 16 al 23 marzo sui seguenti tratti stradali: - Via Leonardo Bianchi - Piazza Quattro Giornate - Via Aniello Falcone - Piazza Leonardo - Via D’Antona - Via Rossini - Via Cardarelli lando l’inconveniente ad ASIA che ha provveduto a ritirare la spazzatura liberando la strada dai rifiuti. Ciro De Biase rifiuti in via Pigna positata dai residenti nel tratto chiuso al traffico non veniva più raccolta dal giorno della chiusura della strada. La notizia arrivata in Redazione al numero WhatsApp: 392.55.44.555, corredata da foto è stata postata sulla pagina FB di Vomero Magazine ed immediatamente ripresa e commentata dal consigliere comunale Marco Gaudini, facendosi garante di un pronto intervento ha risolto il problema segna- Vomero Magazine intervento di ASIA dopo il sollecito di Marco Gaudini via Pigna ripulita SERVIZI DI PORTIERATO SERVIZI DI CUSTODIA PULIZIE CONDOMINIALI MANUTENZIONE GIARDINI E AREE VERDI Via Ba istello Caracciolo, 16 - 80136 NAPOLI - tel. 081 5446932 info@dbsecuritygroup.it - www.dbsecuritygroup.it 15

[close]

Comments

no comments yet