Vomero Magazine Febbraio 2018

 

Embed or link this publication

Description

Vomero Magazine Febbraio 2018

Popular Pages


p. 1

MENSILE GRATUITO DEL VOMERO ARENELLA Mensile Gratuito - Tiratura 20.000 copie - Febbraio 2018 - Anno 7 numero 02 VOMERsOet Consultalegalità De Chiara: scuola e sport contro le baby gang i prosdcuetltgoorindoilcainCeomllianae tv segnalaci i Reportage metropolitana Fermata Quattro Giornate: Croce e delizia disservizi su 392 5544555 Via Arenella, 74/76 - 80128 Napoli (di fronte Chiesa S.Anna) Tel. 081.5w60w.w62.p.a1r2cheggiosPaanrtcahnneag.gitio S.Anna

[close]

p. 2



[close]

p. 3

EDITORIALE L’educazione sfida le Baby Gang Genitori + Scuola + Sport = Educazione + Rispetto + Legalità. Con una semplice eguaglianza, di vaga impronta matematica, è possibile elaborare tanti concetti di un vivere civile. Spesso si parla di Istituzioni e di Forze dell’ordine per risolvere emergenze di sicurezza, ed è giusto, ma a cosa serve il loro intervento se a casa un ragazzo non viene educato, se viene abbandonato alle leggi della strada, se la scuola non riesce a formarli nel momento più importante della loro crescita, se lo sport viene usato per alimentare rivalità e violenza invece che socialità e amicizia? Le liti fra ragazzi ci sono sempre state e, probabilmente, sempre ci saranno, ma potrebbero finire con un paio di pugni, invece, con troppa semplicità, compaiono armi e si colpisce in gruppo. Magari ci capita di mezzo un ragazzo sprovveduto con la sola colpa di essere nel posto sbagliato e al momento sbagliato. Inaccettabile. Ben vengano quindi interventi, riflessioni, proposte purchè abbiano sbocchi concreti e valutabili. Questo è il compito della neonata Consulta della Legalità presieduta dall’ex procuratore generale di Salerno, Aldo De Chiara. Ma è anche il compito dello Sport che propone soluzioni, nella sede vomerese del Coni, grazie ad un incontro con Maria Luisa Iavarone, madre di Arturo, il ragazzo ferito gravemente da una baby gang lo scorso dicembre. Perché non pensare anche al cinema come fonte di svago e di lavoro, strumento di inclusione contro le devianze? Non solo Gomorra quindi, ma tanti esempi positivi proposti dal cinema e dalla fiction che stanno tornando in collina per “sfruttarne” i luoghi caratteristici e promuoverne angoli meno noti. Da Ozpetek a Troisi, da Gianni Morandi a Rupert Everett, sono tanti i registi e gli attori che hanno amato il Vomero che, grazie a loro, ha potuto indossare il vestito da galà e girare il mondo! Giuseppe Porcelli Vomero Magazine 3

[close]

p. 4

SOMMARIO EDITORIALE L’educazione sfida le Baby Gang di Giuseppe Porcelli pag. 3 PRIMO PIANO Intervista ad Aldo De Chiara di Giuseppe Porcelli pag. 6 Il giardino della speranza di Giampaola Costabile pag. 31 SPORT Lo sport contro le baby gang di Marco Caiazzo pag. 32 Fermata Quattro Giornate: Croce e delizia di Giuseppe Porcelli pag. 8 pag. 12 WhatsApp pag. 14 ATTUALITÀ Dove attraversare significa rischiare la vita di Ugo Cundari pag. 16 Intervista ad Alessia Lamoglia di Ciro De Biase pag. 18 Tour tra le strade preferite dai registi di Claudia Prezioso pag. 20 L’acqua, il Bambino, le ciliegie di Anna Sirica pag. 23 Ginnastica: i campioni senza sede di Gabriele Basile pag. 34 Storia di Castel Sant’Elmo copiato in tutto il mondo di Ugo Cundari pag. 26 Tragedia sfiorata in via Luca Giordano di Francesco Licastro pag. 27 CULTURA Intervista a Luigi Carrozzo di Cristiano De Biase pag. 28 RUBRICHE Arte Scienze Cultura Napoletana Sex & Vomero Alimentazione Norme e Leggi pag. 36 pag. 36 pag. 37 pag. 37 pag. 38 pag. 38 MAGAZINE MYGENERATION pag. 40 LETTERE pag. 42 MUSEI&EVENTI pag. 44 www.vomeromagazine.net Mensile gratuito dei quartieri Vomero - Arenella Via Kerbaker, 91 - 80129 Napoli Febbraio 2018 - Anno 07 numero 02 Direttore responsabile Giuseppe Porcelli direttore@vomeromagazine.net Collaboratori Ciro De Biase Gabriele Basile Mirko Galante Cristiano De Biase Francesco Licastro Marco Caiazzo Ugo Cundari Claudia Prezioso Anna Sirica Stampa Cbl Grafiche srl Registrazione presso il Tribunale di Napoli n°73 del 22/11/12 Editore Cbl Grafiche srl Via Nazionale delle Puglie km 35 Casalnuovo di Napoli (NA) Scrivici redazione@vomeromagazine.net Info e pubblicità La Fogliolina srls info.lafogliolina@libero.it Via Kerbaker, 91 Tel. 081.193.21.065 WhatsApp +39 3925544555 Tiratura 20.000 copie 4 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 5

DINO GALIANO srl QUALITÀ ED ESPERIENZA AL SERVIZIO DEL CLIENTE • TERMOIDRAULICA • RUBINETTERIA • CONDIZIONAMENTO • ARREDO BAGNO • MATERIALE ELETTRICO • TV • HI-FI • PICCOLI E GRANDI ELETTRODOMESTICI • ARTICOLI PER L’INFANZIA • ARTICOLIDA REGALO • LISTE NOZZE LG ELETTONICS – 32LJ610V TV 32 pollici FHD SMART VAILLANT VAI 6-025WN Il televisore LG 32LJ610V ha uno schermo LED da 32 pollici, con cornice di colore nero. La sua classe di e cienza energetica è A. Questo modello è dotato inoltre di tecnologia Full HD, con risoluzione pari a 1920x1080 Pixel. Il 32LJ610V dispone inoltre di funzionalità Smart, Wi-Fi, 3 porte HDMI e 2 porte USB. euro 259,00 app.trony.it Climatizzatore condizionatore Inverter Vaillant ClimaVAIR VAI 6 025 wn 9000btu. Classe energetica A+A, pompa di calore, unita’interna + esterna, telecomando euro 259,00 SAMSUNG Galaxy 5 (2017) SM-J530FZDDITV Nero 16 GB 4G/LTE Dual Sim Display 5.2" HD Slot Micro SD Fotocamera 13 Mpx Android Italia euro 169,00 GALIANO DINO S.r.l. via V. Gemito, 38/44 - 80128 Napoli - Fax: 081 5784330 - info@galianodino.it VomwewrowM.aggaazliianenodino.it www.facebook.com/galianodino 5 PARCHEGGIO GRATUITO LISTA EVENTI ANCHE ON LINE USCITA METROPOLITANA QUATTRO GIORNATE

[close]

p. 6

PRIMO PIANO Intervista ad Aldo De Chiara Scuola e Sport a difesa della legalità Il tempo è grigio come la legalità del Vomero. Conoscere il problema è il primo passo per affrontarlo. Proprio per questo, mentre affiora un po’ di luce fra le nuvole, incontriamo nel circolo del Tennis Vomero, il Giudice Aldo De Chiara appena nominato Presidente della Consulta della Legalità. L’istituto, voluto dalla V Municipalità, nasce proprio per porre maggiore attenzione al rispetto delle leggi nel quartiere e per stimolare il confronto fra cittadini, comitati e istituzioni e per proporre soluzioni. Aldo De Chiara, che tra i suoi numerosi incarichi ha ricoperto anche quello di coordinatore della sezione ambiente della Procura di Napoli, ha accolto con entusiasmo il compito che gli è stato affidato: “E’ importante sostenere iniziative che prevedono la diffusione del valore della legalità”. La Consulta si è insediata circa 40 giorni fa ed è, quindi, solo l’inizio di un percorso. Approveremo nel corso del mese di febbraio il regolamento interno dell’organismo che è composto da importanti professionalità. Abbiamo disposto una ricognizione sul territorio, di associazioni o comitati che hanno come obiettivo priorita- “Oggi i bar si sono moltiplicati in maniera incontrollata” rio il rispetto della legge e a breve faremo un incontro proprio per uno scambio reciproco di informazioni. Avete già individuato comitati con i quali vi confronterete? Per ora di sicuro incontreremo quello per la quiete pubblica di via Aniello Falcone che intende gestire un problema non semplice anche se negli ultimi tempi la tensione è calata. Valuteremo anche altri incontri. Tra le piaghe di questi gior- ni emerge il fenomeno baby gang. Fatti di criminalità, soprattutto ad opera di giovanissimi, devono essere repressi, ma la repressione da sola non basta e occorre una funzione preventiva nell’ambito della quale la scuola ha un ruolo primario. Abbiamo istituti scolastici di primissimo ordine, ricordo il mio liceo Jacopo Sannazaro, un esempio per il quartiere e non solo. Anche lo sport deve essere inteso come risposta alla devianza, come fattore di inclusione. Oggi più di ieri bisogna moltiplicare gli sforzi. Rendere fruibile lo stadio Collana potrebbe essere un buon punto di partenza. In che modo la Consulta si propone di affrontare questi temi? Per portare avanti questa linea di inclusione penserei allo sviluppo di contatti con Municipalità di territori meno fortunati, in modo da poter organizzare insieme iniziative per la solidarietà e per la legalità. Ben vengano i giovani dei quartieri periferici al Vomero, ma in un clima di tranquillità, pace e di convinzione di rispettare le regole di vita civile. Il Vomero ha però anche altre difficoltà. Il quartiere non è un’isola felice come si crede. Ha avuto, e probabilmente ha ancora, gravi problemi. In passato c’è stata una crescita urbanistico-edilizia non sempre conforme alla legge. Un abusivismo non eclatante, ma strisciante attraverso, ad esempio, la trasformazione illecita di terranei, in parte adibiti ad abitazioni o depositi, divenuti oggi esercizi pubblici non sempre rispettosi 6 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 7

PRIMO PIANO dei requisiti della legge. A proposito di abusivismo, è presente anche nel mondo del turismo. Mancano i controlli capillari che hanno lo scopo non tanto di riaffermare il rispetto delle regole, ma anche di tutelare la sicurezza della struttura e quindi degli ospiti. Non ci dobbiamo sorprendere se poi accadono degli episodi drammatici. C’è un problema quindi legato agli investimenti sul territorio? Di sicuro c’è il rischio di riciclaggio. Spesso vengono investiti capitali di dubbia pro- venienza. A ditte note, infatti, subentrano spesso ditte delle cui origini non si è sempre certi. Oggi i bar si sono moltiplicati in maniera incontrollata. Anche l’apertura di numerosi sportelli bancari nella zona mostra l’interesse dell’imprenditore bancario ad aprire in un luogo dove i movimenti di denaro sono molto attivi e spesso questi movimenti sono pericolosi. Per fortuna, però, come altra faccia della medaglia, la cultura sta riconquistando un ruolo importante nel quartiere. Plaudiamo all’apertura di nuo- ve librerie, perché sono centri di cultura che si stavano perdendo. La cultura è uno dei fattori di crescita dell’individuo e quindi della società. Senza cultura non si va da nessuna parte! Anche la presenza di cinema e teatri contribuisce. C’è una presenza inferiore rispetto al passato, ma la proposta è ancora buona. Il servizio pubblico, invece, sta attraversando un periodo buio. Nel complesso non ci possiamo lamentare. Il problema riguarda anche altre grandi città, di sicuro però la situazione rispetto al nord è più seria. Difficile uscirne e certo la crisi finanziaria ha contribuito a rendere i servizi meno efficienti. Sembra che gradualmente le difficoltà economiche siano superate e quindi la politica non ha più alibi. Bisognerebbe motivare i dirigenti e i funzionari della Pubblica Amministrazione. Credo che questo sia un nodo che la politica deve sciogliere. Bisogna puntare sul singolo individuo. Gli esempi positivi devono partire dall’alto, ma si pretende che tutti facciano bene il proprio dovere. Giuseppe Porcelli Vomero Magazine 7

[close]

p. 8

PRIMO PIANO Reportage metropolitana Fermata Quattro Giornate: Croce e delizia Èbella, non ci sono dubbi! i turisti la visitano a tappe e restano affascinati soprattutto dalle fermate Toledo e Municipio. La metropolitana collinare è diventata uno spot per la città. La vediamo in televisione e sui giornali, oltre che vincitrice di prestigiosi premi. C’è un solo grande problema. La metropolitana di Napoli è un mezzo di trasporto pubblico e in quanto tale dovrebbe funzionare. Dovrebbe portare i suoi utenti nei luoghi prestabiliti e con i tempi giusti ma, troppo spesso, la realtà non è questa. Il nostro viaggio si svolge, in un giorno di gennaio, nella fermata di Quattro Giornate, una delle tre principali fermate, in zona Vomero, con Vanvitelli e Medaglie d’Oro. Lo spettacolo è desolante. Appena terminate le scale, infatti, il distributore di biglietti spesso è fuori uso… ma può passare. Se qualcuno, per puro caso o per curiosità, alza lo sguardo non trova una copertura o un tetto...no, vede dei tubi all’aria aperta, una muratura grezza e un senso di approssimazione, di smantellamento. Come se quella fermata fosse da costruire oppure in ristrutturazione. Doveva esserci qualcosa, forse una specie di controsoffittatura…forse. In questo caso si tratta però di un problema estetico…passiamo oltre. Ci avviamo verso i fantomatici ascensori. Si sono alternati per mesi: uno era chiuso e l’altro aperto e viceversa. Poi, quando funzionano entrambe, i tempi di attesa appaiono interminabili: le file si allungano, le persone scoraggiate se ne vanno. Ma la “I tempi di attesa per l’ascensore appaiono interminabili” scena più bella è quando qualcuno, percorrendo il lungo corridoio che porta agli ascensori, vede le porte aprirsi. Iniziano delle corse anche di persone anziane o mamme con bambini in braccio che non credono ai loro occhi, non possono perde- re l’occasione di prendere l’ascensore e, contro ogni logica, iniziano a correre come in una gara di 100 mt piani di atletica. L’obiettivo, il traguardo, è quell’ascensore che sembra un miraggio. I più in salute possono scegliere un’alternativa: le scale mobili. La rottura di una delle scale, oggetto quindi di riparazioni o manutenzione, è all’ordine del giorno. La durata di queste riparazioni sembra eterna. Per arrivare al “secondo piano interrato” bisogna percorrere 8 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 9

PRIMO PIANO quattro scale. Spesso la seconda o la terza sono bloccate e la sorpresa arriva solo quando finalmente è possibile ammirarle nel loro immobilismo. Nessun cartello ti avvisa (salvo la buona volontà di qualcuno), ormai sei arrivato in quel luogo e non trata meditazione. Apprezzare alcune opere d’arte è un fenomeno soggettivo. Quello che è certo è che l’arte va protetta, conservata, promossa. Quelle quattro figure femminili, invece, hanno una stratificazione di polvere che sembra qua- si far parte dell’opera stessa, un tempo bianca e splendente, oggi nera e grigia. Se, grazie ad una grande determinazione, si riesce ad arrivare nei pressi della banchina si possono ammirare alcuni cartelli luminosi che dovrebbero indicare i “Mentre si scende si possono ammirare le opere d’arte esposte” puoi più ripensarci, non puoi tornare indietro, non hai scelta, devi scendere a piedi e non fa nulla che tu abbia 80 anni, abbia pacchi o buste della spesa oppure un problema a deambulare…no, un cartello che avvisa non lo si mette “per principio”. Fortunatamente c’è una piccola cordicella rossa che avvisa che la scala non funziona… Mentre si scende si possono ammirare le opere d’arte esposte che almeno intrattengono l’utente. Colpisce gli occhi un’opera di Marisa Albanese, Combattenti 2001 - sculture in bronzo dipinto e acciaio. Si tratta di quattro figure femminili, ispirate alle donne della Resistenza, che siedono in concen- Vomero Magazine 9

[close]

p. 10

PRIMO PIANO tempi di attesa, ma troneggia la scritta PROVE TECNICHE, lunghe, interminabili prove tecniche. Forse, però, è meglio leggere questa frase piuttosto che “prossimo treno fra 18 minuti” o cose del genere. L’attesa è spesso lunghissima, i problemi all’ordine del giorno: treni che passano senza fermarsi, altri treni sovraffollati, treni che non passano proprio, gente che si accalca e diventa sempre più numerosa, persone che spingono pur di entrare, perché spesso devono semplicemente andare a lavorare in orario. Questo comporta l’aumento dei borseggiatori che agiscono, quasi indisturbati, nonostante la videosorveglianza. Gli schermi interni ai vagoni, invece, sono diventati arredo della metro: monitor spenti appesi al soffitto. Dovrebbero mostrare l’orario, le fermate e ciò che avviene nel vagone. Dovrebbero… D’inverno non c’è scampo per le epidemie di influenza. D’estate non c’è scampo per il caldo o gli odori soffocanti…però non fa nulla, tanto la fermata della metropolitana di Quattro Giornate è bella… Giuseppe Porcelli PIAZZA QUATTRO GIORNATE PIAZZA VANVITELLI MEDAGLIE D’ORO 10 RIONE ALTO www.vomeromagazine.net

[close]

p. 11

PRIMO PIANO Azienda leader nel settore della sorveglianza e dei servizi di portierato duciario. specialisti in: IMPIANTI DI ANTIFURTO SISTEMI DI AUTOMAZIONE INSTALLAZIONI DI SISTEMI NEBBIOGENI PRATICHE PER AUTORIZZAZIONE PRIVACY IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA CON ANALISI VIDEO Vomero Magazine Puma Service s.r.l. V.le Michelangelo, 85 - 80129 Napoli tel . 081 544 6932 - fax 081 0900019 info@pumaservice.it 11 pumaservicesrl

[close]

p. 12

NON SOLO ESTATE NERA MA ANCHE AUTUNNO E INVERNO Il parco Mascagna è chiuso da tempo. Gli alberi pericolosi sono stati tagliati e sembra che il parco sia stato messo in sicurezza. Allora perché non si aprono i cancelli? Ecco la protesta dei residenti in questa targa apposta all’esterno dei cancelli ormai chiusi dal 12 Agosto 2017. Sul cartello si legge: “Monumento Nazionale al degrado dell’amministrazione pubblica” FESTEGGIAMENTI PER I 70 ANNI DELLA COSTITUZIONE IN V MUNICIPALITÀ  In occasione del 70° anniversario della Costituzione Italiana, lo scorso 17 gennaio è stato realizzato, presso la V Municipalità il convegno dal titolo: “La Costituzione italiana nei primi settant’anni”. Moderatrice la Prof. Ersilia Di Palo dell’Associazione EIP Italia, Scuola Strumento di Pace. Hanno partecipato Cinzia Del Giudice V Municipalità, Daniela Speranza, del Liceo Mazzini e Giuseppe Pecorare, Presidente Eip Italia sez. Campania, Paolo Battimiello, Clotilde Punzo, Andrea Correale, Antonio Nevola e Federico Ciancio. PICCHIATO NEI BAGNI DELLA SCUOLA Baby gang, bullismo insomma violenza sempre violenza. A raccontarla, a subirla o a perpetrarla sono i nostri figli. Carnefici e vittime in un turbinio di notizie che creano preoccupazione e sconcerto. Il 10 febbraio è accaduto ad un alunno della Scuola Nicolardi del quartiere Arenella. L’aggressione, da come racconta il ragazzo, è avvenuta in bagno. Calci, pugni e schiaffi che sono costati 5 giorni di prognosi per contusioni. I docenti della scuola rammaricati per l’episodio si dicono amaramente colpiti dalla diffusione di notizie che dipingono la scuola come un istituto devastato da fenomeni di violenza respingendo le accuse ricevute con la diffusione di notizie false e tendenziose. SERVIZI DI PORTIERATO SERVIZI DI CUSTODIA PULIZIE CONDOMINIALI MANUTENZIONE GIARDINI E AREE VERDI Via Ba istello Caracciolo, 16 - 80136 NAPOLI - tel. 081 5446932 info@dbsecuritygroup.it - www.dbsecuritygroup.it 12 AIUTACI A MIGLIORARE IL QUARTIERE INVIA foto e/o filmati li pubblicheremo sui nostri social media! www.vomeromagazine.net

[close]

p. 13

INAUGURATO LARGO MAURIZIO ESTATE nel 1993, pagando con la vita, nei pressi dell'officina di famiglia. Finalmente dopo 25 anni e una serie di problematiche burocratiche la toponomastica del luogo rende onore a Maurizio Estate. Lo scorso 15 gennaio si é svolta alla presenza del Sindaco Luigi de Magistris e della famiglia Estate, titolare dello storico "Chioschetto" di piazza Vanvitelli, l'intitolazione alla memoria di Maurizio Estate dello slargo, in cui il giovane Maurizio, sventò una rapina, RIAPRE IL BAR CENTRALE Il bar della funicolare ha riaperto il 31 gennaio dopo mesi di ristrutturazione. Il bar riapre riproponendo l’atmosfera di un caffè liberty, perfettamente integrato con la stazione della Funicolare che fu realizzata nei primi anni venti. Luogo ricco di fascino. Sicuramente da provare sia a colazione che per l’happy hour. A MARZO LA TERZA EDIZIONE DEL CORSO GRATUITO “SOFT SKILLS DEVELOPMENT” UNITRE L’obiettivo del corso è fornire conoscenze trans-disciplinari, basato sulle teorie della Programmazione Neuro Linguistica, a giovani in procinto di laurearsi e/o a neo-laureati che vivono l’impegnativa fase dell’inserimento nel mondo del lavoro. Il corso si rivolge anche a giovani impiegati in attività di lavoro complesse che desiderino migliorare le proprie performances professionali. Durante le lezioni, sono affrontati e sviluppati i temi: sviluppo delle capacità di leadership, risolvere problemi, prendere decisioni efficaci, comunicare efficacemente, parlare in pubblico, organizzare il lavoro, lavorare in Team, gestire il tempo. Ai partecipanti viene assegnato un Attestato di Frequenza. Docente Antonio Cafiero. Info: Segreteria UNITRE tel: 389 119 0565 – 347 41 3770. Vomero Magazine 13

[close]

p. 14

segsneaglnaacliadcisdaigsiaegideisdseisrsveirzviiszui swuhwathsaAtspAppp+3+93399329525545445455555 CHI SVUOTA I CESTINI ROSSI? Via Morghen. Il contenitore degli escrementi dei cani. è sempre pieno. La raccolta avviene molto a singhiozzo. Sarà una settimana che non si svuota il contenitore. E si vede! UN PAESAGGIO IMMUTABILE Via Giacinto Gigante. Riporto 2 foto del 18 e del 21 gennaio ancora immondizia, la stessa (sembra), vicino alla campana. Chi provvederà ad eliminarla e a pulire il marciapiede? DISCARICA IN VIA ROSSINI Questo è quanto c’è stamattina 22 gennaio alla rotonda di via Paisiello con via Rossini! NESSUNO SPAZZA Purtroppo non riesco a fare a meno di segnalare. ...Via Jannelli. Perché nessuno spazza ? E questo in via Paisiello ore 10 dopo che in mattinata presto sono passati i camion dell’Asia!!! Ma gli operatori ecologici dove sono? 14 www.vomeromagazine.net

[close]

p. 15

segnalaci disagi e disservizi su whatsApp +39 392 55 44 555PRIMO PIANO A CHE SERVE IL PERMESSO DI PARCHEGGIO? Noi paghiamo 150 euro senza trovare posto e gli altri fanno quello che vogliono. MAGGIORE PRESENZA DEI VIGILI URBANI Gradirei che venissero pubblicate sul prossimo numero queste foto anche perché il Capitano Frattini si è soffermato a sistemare solo alcune strade o piazze e la nostra via Ruoppolo è sempre abbandonata. VIA MORGHEN DIMENTICATA DAGLI OPERATORI ECOLOGICI Buongiorno redazione Vomero Magazine. Invio foto scempio che si presenta ogni giorno in via Morghen. DISSUASORI FISSATI AL SUOLO PUBBLICO Barriere di plastica cementate in via Aniello Falcone incredibile! Vomero Magazine AIUINTAVCIAI AfosMutoiInGeo/LosItOfriilRmsAoaRtciiEalliILpmueQbdbiUlai!AchReTreIEm1Ro5E

[close]

Comments

no comments yet