La Gosbank e l'Unione Sovietica di Maurizio Barozzi

 

Embed or link this publication

Description

un articolo di Maurizio Barozzi

Popular Pages


p. 1

ECONOMIA 2018 LA GOSBANK E L’UNIONE SOVIETICA di Maurizio Barozzi «[Il sistema bancario sovietico] “Possiede anche filiali a Londra e a Parigi (un poco mimetizzate). Ci si può chiedere se tutto ciò non influirà sui metodi e le concezioni della direzione sovietica, così come gli istituti creditizi di proprietà del partito argentino influiscono sulla sua linea di intervento politico» Ernesto Che Guevara. LENIN STALIN Questo articolo necessita di una premessa: la Storia non è decifrabile solo con la prospettiva cospirazionista, quantunque, il “complotto”, il sottacere, la false flag, ne costituiscono sempre un elemento inscindibile, essendo connaturate alla natura umana. E non lo è perchè nonostante le strumentalizzazioni e le trame dietro le quinte, gli avvenimenti storici, hanno poi spesso un loro sviluppo in cui subentrano azioni e reazioni (la chiamano eterogenesi dei fini), cause e concause, che ne cambiano il decorso o comunque ne rendono più complessa l’interpreetazione. Nella editoria o nel web, si trovano libri, saggi e articoli che, pur escludendo le vere e proprie bufale, hanno comunque una impostazione “cospiratoria”, anche sull’argomento oggetto di questo articolo: la finanza, la Gosbank e l’URSS. A nostro avviso questi articoli, se così impostati, cioè su presupposti “complittistici”, sono devianti, perchè anche ammesso che abbiano un minimo di prove, il che spesso non è, trattandosi più che altro di indizi, coincidenze e congetture, per i motivi di cui sopra, non portano a nulla e sono facilmente contestabili. 1

[close]

p. 2

I finanziamenti di Wall Street alla rivoluzione bolscevica Cosicchè il Web e non solo, è pieno di teorie cospirative, ispirate per esempio dal fatto, in questo caso effettivamente sconcertante di così tanti e ingenti finanziamenti alla rivoluzione bolscevica (1917), oggi ampiamente comprovati con vecchi documenti e tanto di ricevute bancarie, per i quali si pretende asserire che furono parte di una congiura ebraica per procacciarsi un potere mondiale attraverso il bolscevismo. Il fatto che questi finanziamenti, venivano da banche rette da ebrei e per la maggior parte passarono dalle mani di Jacob Sciff, banchiere ebreo della banca Kuhn Loeb & Co., il quale oltretutto, da ebreo, notoriamente odiava gli Zar, avvalorerebbe questa ipotesi. In realtà non è questo il modo di procedere dell’Alta finanza, impegnata in operazioni di questa portata, quando più semplicemente quei finanziamenti sono stati soltanto un modo di procedere, consueto in quell’ambito, in base a determinate strategie di dominio proiettate nel tempo. E’ una specie di legge storica: ogni volta che appare alla ribalta un uomo, un idea forza, un movimento, ecc., di un certo spessore e di una certa incidenza, subito vi sono poteri e contropoteri che cercano di utilizzarlo/i per le loro strategie. In questo senso e non in quello “cospirazionista” va letto questo aforisma di Oswald Spengler: «“Non v’è movimento proletario – neppure i partiti comunisti – che non abbia operato nell’interesse del Danaro, nella direzione voluta dal Danaro, e per il tempo concesso dal Danaro – e ciò naturalmente senza che gli idealisti fra i capi ne avessero il minimo sospetto.”» ( Oswald Spengler – “Il Tramonto dell’Occidente”). Il fatto è che spesso le esigenze rivoluzionarie e le “offerte” degli interessati si incontrano, anche se poi, a volte, ognuno va per la sua strada. Anche Hitler e Mussolini, per esempio, venero finanziati da determinati poteri, (Hitler anche da banche ebraiche e Mussolini da massoneria e inglesi), ma poi andando per proprio conto, insistendo nei propri ideali, dovettero essere spazzati via perché invisi e nocivi proprio a quegli stessi poteri. A volte invece i poteri che interferiscono finiscono per prevalere ed allora la rivoluzione e i rivoluzionari si degradano ad “agenti” ad “esecutori” di altri interessi. Parlare quindi di Lenin agente del Kaiser (interessato al crollo del fronte interno russo il Kaiser fece rientrare, fornito di rubli, Lenin in Russia) o di Wall Street, oppure di un Hitler agente ebraico o di un Mussolini agente inglese, è puerile e non ha senso. E questo nonostante che gli aiuti finanziari e non solo, a Lenin, furono talmente consistenti e continuativi, e vi troviamo impiegati grosse banche internazionali, spesso sotto controllo di finanzieri ebrei, tanto che, come accennato, non pochi hanno paventato un complotto ebraico massonico dietro la rivoluzione d’Ottobre. 2

[close]

p. 3

Oggi però gli storici e gli analisti più seri e preparati, sono convinti che Wall Street finanziò ampiamente la rivoluzione bolscevica, non perché la finanza fosse di idee o simpatie comuniste, ma semplicemente perché avevano ben previsto, con certezza assoluta, che una Russia sotto un regime bolscevico, con uno Stato ed una economia comunista, nonostante le sue enormi ricchezze in materie prime, non avrebbe mai potuto essere un concorrente per il grande capitale finanziario divenuto, ai primi del secolo con la grande importanza raggiunta dal petrolio che possedeva o controllava (oltre alle banche), capitale monopolistico proiettato al dominio mondiale dei mercati. Una previsione e un progetto perfettamente realizzatosi per un Alta finanza, salda e forte negli Sati Uniti, ma ancora non totalmente padrona di tutti i mercati del pianeta, proiettata a quel dominio planetario e che aveva necessità di un periodo di stabilità e transizione, sui mercati internazionali, senza grossi e pericolosi concorrenti. La Russia, infatti, era rimasta tecnologicamente arretrata sotto gli Zar, sconquassata dalla guerra e dalla rivoluzione d’ottobre, oltretutto, di fatto, perdendo la guerra che altrimenti avrebbe vinto assieme ai francesi, britannici e agli americani, quindi si prevedeva che sotto un regime comunista, non avrebbe potuto sviluppare un sistema capitalistico concorrenziale per gli anglo americani, le cui nazioni facevano da base di appoggio della finanza monopolista cosmopolita, sull'asse City di Londra e Wall Street di New York. Pericolo che invece esisteva se avesse perdurato in Russia un regime capitalista che si fosse avvalso delle grandi scoperte tecniche e scientifiche sviluppatesi a cavallo dei due secoli, e considerando le enormi possibilità di materie prime, soprattutto il petrolio in quell’enorme paese. Solo già il fatto, che una Russia zarista e capitalista, buttasse sui mercati petrolio russo a prezzi concorrenziali, sarebbe stata una iattura per l’Alta finanza monopolista, per i Rothschild e Rockefeller che avevano il monopolio di questa oramai fondamentale risorsa energetica. Interessante, a questo propr0osito, il libro di Gianpaolo Pucciarelli: “Segreto Novecento”, Ed. Capire Roma 2014, scritto decodificando e ricercando in una miriade di testi stranieri ben informati e dimostra ampiamente quello che abbiamo appena sostenuto. Ma a questo si può anche aggiungere il fatto, anche se secondario, che, nella prima metà del XX secolo, per le strategie e gli interessi della grande Finanza, sarebbe anche risultata utile la presenza di uno spauracchio comunista ad agitare i sonni del Capitalismo classico, di dinastie e Istituzioni che la finanza aveva interesse a smantellare o indebolire. Come scrive Dagoberto Husayn Bellucci, nell’articolo: “L’inganno Marxista” (reperibile on line in: https://dagobertobellucci.wordpress.com/2012/04/10/lingannomarxista-la-cooperazione-economica-e-la-sinergia-bancaria-tra-il-giudeo-bolscevismo-e-lafinanza-internazionale-capitalista/), anche se realizzato in un ottica “complottista” che come abbiamo accennato non è sempre dimostrabile e condivisibile, ma qui e in seguito abbiamo cercato di estrapolare i passaggi sufficientemente riscontrabili: 3

[close]

p. 4

«Lobbie’s economiche, fondazioni, gruppi finanziari, potenti banche internazionali appartenenti tutte al campo occidentale hanno formato il nocciolo duro, sorta di centro direttivo, del sistema di potere che conosciamo sotto diverse denominazioni ed ha agito come autentico motore immobile rimanendo occulto dietro le quinte della storia mondiale degli ultimi tre secoli e sostanzialmente restando ai suoi piani alti inalterato, con 200-300 famiglie al vertice della piramide di potere [con al vertice i Rothschild, N.d.A.] che sono andate aumentando progressivamente la loro sfera di influenza negli affari e nell’economia mondiali occupando infine gli spazi tradizionalmente riservati alla politica e quelli un tempo riservati alle elitè’s spirituali della religione e del sacro». Detto questo, e precisato di nuovo che la storia non si può decifrare solo con le teorie complottiste, anche se i Rothschild, i Rockefeller, i Morgan, i Kuhn & Loeb, i Ginzburg, i Warburg, poi i Goldman & Sach, i Lehman,ecc. tutti Imperi bancari, assestati sull’asse City di Londra – Wall Street di New York, non passavano il tempo a pettinare le bambole e quindi, che al contempo, tutto non è così chiaro come sembra, veniamo al nostro argomento che vuol trattare un particolare sconcertante della Gosbank, la banca di Stato sovietica, di fatto la sua banca centrale, che nel 1937 subì un processo di parziale privatizzazione, che seppur parziale e circosc ritto indica un fattore ricorrente nella storia del comunsimo e della Finanza, cioè il fatto che il comunismo non si è mai posto decisamente e strenuamente contro il seppur poco visibile, ma certamente potentissimo grande capitale monopolistico finanziario. Su questo argomento purtroppo è difficile fare completamente chiarezza, dati gli scarni elementi disponibili, ma quel poco che passa il convento storico, consente comunque di capire come sono andate le cose, ma occorre bypassare le tante pagine e molte sciocchezze scritte da cospirazionisti alla buona, che si sono rimpallati, con un copia-incolla argomenti e tesi non dimostrabili, apodittiche e carenti di dati, laddove, per esempio, proprio sul problema della Gosbank, all’interno di questi articoli “complottisti”, che straparlano di “illuminati”, grandi “massonerie”, “ebrei”, ecc. troviamo solo la ricorrente frase, oltretutto non dettagliata e imprecisa, che “nel 1937 la Banca Centrale sovietica, la Gosbank, venne privatizzata accogliendo il capitale privato e nel suo consiglio di amministrazione il ricco miliardario ebreo americano Armand Hammer”. 4

[close]

p. 5

Il Federal Reserve Bank System Per comprendere i meccanismi di usura, rapina e controllo di tutto il sistema bancario internazionale, occorre risalire agli inizi del secondo decennio del secolo scorso, quando in America, con un colpo di mano incredibile, le Power èlites ivi imperanti (in pratica agenti, massonici, politici e finanziari dei Rothschild, dei Rockefeller, dei Morgan e altre grandi famiglie bancarie), riuscirono nel 1913 a far approvare un loro progetto elaborato tre anni prima, che accentrava e controllava il sistema bancario, in una banca centrale: la Federal Reserve Bank (vedesi: Eustace Mullins: “The Secrets of the Federal Reserve”, Paperback, 2009). La “Federal Reserve Bank” venne fondata nel 1913 da queste grandi famiglie bancarie, che al contempo tramavano in Europa per scatenare il primo macello mondiale, e gli diedero l'ingannevole facciata di una banca di Stato, quando invece era a tutti gli effetti privata, con capitali privati (con azionisti di serie B noti, e di serie A, i più importanti, mantenuti segreti) e diretta da privati, anche se con la partecipazione del tesoro americano. Venne così definitivamente perfezionata la prassi perversa che il governo statunitense, quando ne ha necessità, ordina, demanda o per meglio dire "prende in prestito", quelli che poi, per altri versi, sarebbero i suoi stessi "soldi", della Nazione, da questa Federal Reserve che è una banca privata, la quale gli stampa i dollari e ci prende sopra il suo interesse. Lo Stato quindi, a futuro saldo di pagamento, si impegna a emettere Titoli di Stato, Bond, obbligazioni e quant’altro, a favore della Federal, il che poi aggiunge interessi ad interessi, determinando un “debito pubblico”. Spesso nelle nazioni meno ricche, lo Stato è poi costretto a chiedere la fornitura di altro denaro, anche per far fronte agli interessi, creando un circolo vizioso, che rende impossibile estinguere il debito pubblico. Cosicchè, con questo sistema, al solo costo di carta, inchiostro e mano d’opera, le Banche Centrali, in mano a proprietà private, anche se con partecipazioni dello Stato, anche se rese poi Enti di diritto pubblico, si garantiscono, vita natural durante, lauti interessi che di fatto sono una “usura legalizzata” e che vanno a formare un “debito pubblico” che è una vera e propria truffa. La Federal Reserve Bank, comunque, ha anche altre funzioni, tra le quali, quella che stabilisce anche i tassi di interesse negli Stati Uniti, con ricadute sull'economia mondiale per le norme e i vincoli del sistema finanziario internazionale Poche nazioni sono riuscite a sottrarsi a questo perverso meccanismo, in Germania per esempio, Hitler ci riuscì solo nel 1939, e dovette rinunciare al valido contributo fino a quel momento fornito alla finanza tedesca, da Hjalmar Schacht, che si dimise perchè si 5

[close]

p. 6

avanza l’impotesi plausibile che essendo egli affiliato alla massoneria finanziaria, non poteva tollerare la nazionalizzazione integrale della Reichsbank e la riappr0piazione della emissione monetaria da parte dello Stato (si ritiene che poi a Norimberga, Schacht venne salvato dalla impiccagione dai suoi “confratelli” massoni. Vere o solo parzialmente vere che siano queste ipotesi, resta il fatto che le cose sono andate proprio in quel modo). In Italia Mussolini nel 1926 e soprattutto nel 1936, con apposite Leggi, rimaste poi, in buona parte in vigore per anni anche nel dopoguerra, limitò l’intrusione di interessi privati nella Banca d’Italia e la gestione della stessa fuori dagli organi dello Stato facendone un istituto di credito di diritto pubblico, ovvero di proprietà pubblica, in quanto gli azionisti privati erano stati espropriati e le loro quote assegnate ad enti pubblici. Non è complottismo o azzardato ipotizzare che nelle cause che scatenarono la seconda guerra mondiale, vi era anche la necessità da parte della finanza internazionale, di sbarazzarsi, anzi di eliminare, queste “anomalie” che potevano funzionare da pericolosi precedenti stimolando altre nazioni alla imitazione. I paesi comunisti, Urss in testa, hanno fatto storia a sé, essendo, ma in realtà solo in parte, fuori dal contesto capitalista – liberista, e con economie statalizzate, anche se in Urss, sostanzialmente, da un supercapitalismo burocratico di Stato, e per i suoi paesi satelliti, da economie pianificate su basi di un socialismo internazionalista dettate da Mosca. Per tornare al Federal Reserve Bank System, infine c’è da aggiungere che si perfezionò e si attuò appunto un “sistema” che esportato con le armi, i ricatti e le democrazie in quasi tutto il mondo, ha privato gli Stati di buona parte della loro sovranità, indebitandoli attraverso la truffa usurocratica del debito pubblico (enormi interessi che lo Stato paga a questi usurai), e ha posto nelle mani dei Banksters, un pugno di ataviche potentissime e ricchissime famiglie di finanza, i destini dell'intera umanità. Verso il termine della Seconda guerra mondiale, le potenze vincitrici, in particolare gli Stati Uniti, infatti, con gli accordi di Bretton Woods del 1944, dettati dai potenti della finanza mondiale, perfezionarono ed estesero a quasi tutte le nazioni questi sistemi economico finanziari in grado di bypassare le sovranità nazionali, creando anche ulteriori Organismi e Istituti, trans e over nazionali per il dominio delle economie e della finanza delle singole nazioni. I sovietici parteciparono agli accordi, li firmarono, ma poi non li ratificarono, ponenndosi in un posizione estranea, ma non totalmente avversa e contraria. Giova ripetere che, anche nel dopoguerra, tutti coloro, forze politiche, leader politici, statisti o Presidenti che hanno cercato in qualche modo di opporsi o di limitare lo spaventoso potere posto nelle mani di questi Banksters (in pratica, come dice il nome, un vero gangsterismo bancario), hanno sempre fatto una brutta fine. A supportare questo potere, infatti, vi sono la Massoneria, o meglio "le massonerie" impero occulto a livello planetario, che si avvale anche, attraverso il controllo 6

[close]

p. 7

indiretto esercitato su gli Stati, dei più efficienti servizi segreti (oltre al controllo dei mass media). Non si deve necessariamente essere complottisti, per evidenziare come certe lobby di potere (Logge massoniche, Pugwash Conferences, Council on Foreign Relations, Bildeberg Group, Trilateral Commission – per citarne solo alcune), interferiscono e dispongono la politica, in particolare economica e finanziaria, a livello plenetario. Detto questo e subito accantonato, perchè non è il caso di parlare qui di signoraggio, emissione monetaria, ecc., ma tenendolo ben presente anche perchè attinente al contesto, veniamo all’Urss. 7

[close]

p. 8

La Gosbank sovietica con capitali privati Nel 1917 Lenin, instauratosi al potere, eliminato lo Zar e le sue ricchezze rimaste nella banca dei Rothschild a Londra, emise il 7 dicembre un decreto che in particolare prevedeva che: - L'attività bancaria divenisse monopolio dello Stato. - Tutte le banche private ad azioni e gli uffici bancari privati sono uniti con la Banca di Stato. Soviet della Banca di Stato. - La direzione provvisoria degli affari delle banche private viene trasferita al Questo portò poi alla creazione della GOSBANK (Gosudarstvehnij Bank, istituto di emissione, di credito e di finanziamento) che venne fondata il 16 novembre 1921. Nel 1923, infine, fu trasformata nella Banca statale dell'URSS. I fondi depositati nelle banche private venivano comunque garantiti, e quindi anche i capitali di altre grandi banche ivi depositati. La Gosbank diveniva così la Banca Centrale sovietica, unico vero Istituto di credito, Ente superiore di controllo delle altre banche quali sezioni della Banca di Stato. La Gosbank emetterà il nuovo rublo (er avviare lo sviluppo economico la Gosbank aveva anche emesso una nuova banconota il Cervonec pari a 10 rubli-oro anteguerra, il cui valore è regolato dallo Stato) e si creeranno banche di credito e casse di risparmio, ma il sistema (ad eccezione delle Casse di Risparmio) rimarrà sostanzialmente con una sola banca e inoltre l’Urss non entrerà nel vecchio Gold Exchange standard. Il decreto appare come una totale nazionalizzazione del sistema bancario e si parla di "unire" le banche private in una banca di Stato, e quindi di trasferire la direzione degli affari delle banche private, al Soviet della Banca di Stato. La Gosbank si sistemò in locali su due piani, una grande sala per la Borsa e con molti uffici, dove vi lavoravano oltre cento impiegati. Le cronache dicono che il direttore era un giovane israelita, molto attivo, ovviamente bolscevico, inviato da Mosca. Successivamente venne sostituito da un lettone alquanto istruito, ma poi caduto in disgrazia. A veder bene, in questo sistema, teoricamente e potenzialmente non era però esclusa la possibilità di mantenere la sola nuda proprietà delle banche nazionalizzate pur gestite adesso dallo Stato e convertite nella Gosbank. Un libro di un russo dei primi anni ’90, infatti, di cui adesso ci sfugge il titolo e l’autore affermava, che i Rothschild ebbero un diritto di nuda proprietà su parte della Gosbank fino al 1984 o ‘87. 8

[close]

p. 9

In effetti il regime comunista poteva nazionalizzare, esautorare la direzione, ma non confiscarne la proprietà senza accordo o indennizzo. Mettiamo però da parte questa informazione non essendo al momento reperibili riferimenti di riscontro. Torniamo quindi al primo regime comunista in Unione Sovietica che quando ebbe a crollare (tra il 1989, caduta del muro e il 1991) ci mostrò a seguire, e questo è sintomatico, una Gosbank, la Banca Centrale Russa, «di proprietà di 12 privati, sui quali, anche dopo il crollo dell’Impero Sovietico, mai nessuno ne ha voluto parlare. In effetti, come indicano le fonti di stampa, sotto Mikhail Gorbachev furono fondate altre banche, fra cui la Promstroybank (""Banca sovietica per l'impiantistica"), la Zhilstoybank ("Banca sovietica per l'edilizia residenziale"), la Agrobank ("Banca agricola dell'URSS"), la Vneshekonombank ("Banca sovietica per il commercio estero") e la Sberbank ("Cassa di risparmio dell'URSS"). In pratica il “Sancta Sanctorum” dei dodici Apostoli della Banca Russa, i cui principali azionisti sono gli Aschberg, ebrei-svedesi. Pjotr Aven e Michael Fridman sono i proprietari del Gruppo “Alfa”, che annovera: Banche, Società di investimenti, Immobili, Costruzioni e Petrolio. Pjotr Aven, inoltre, è stato ministro del Commercio Estero» (Cfr. Francesco Cianciarelli, “Predoni… padroni planetari”, Ed. Due Emme 1999; e vedere anche: “Alle origini del crack post-sovietico”, di G. Zamparutto su Rinascita 24. 11. 2011). Comunque sia, per tornare al 1917 e gli anni a seguire, la "nazionalizzazione" e sovietizzazione, imposta dal decreto di Lenin, pose momentaneamente la Gosbank fuori dal circuito delle banche internazionali, indirettamente regolate dai principi del Federal Reserve Bank System. Per l’esattezza, alla fine del 1925, oltre alla Gosbank, e sottoposte al suo controllo, vi erano 5 banche centrali di stato (Banca industriale, Banca delle cooperative, Banca municipale di Mosca, Banca per il commercio estero, e Banca per lo sviluppo dell'energia elettrica). La Gosbank, indipendente teoricamente dallo Stato, ma di fatto statale, aveva il monopolio dell'emissione e dei cambî, era la cassiera del Tesoro e la depositaria di tutte le riserve liquide delle altre banche, e serviva da intermediario tra il bilancio e le imprese di Stato per i finanziamenti a breve termine. Aveva 2400 succursali e da lei dipendevano 42 uffici centrali provinciali e regionali e, di fatto, la banca per il commercio estero. Il credito a lungo termine era gestito da 4 cosiddette banche speciali, riorganizzate dalla legge del 5 maggio 1932 e tutte dipendenti dal Commissariato delle finanze: la Banca per l'industria o Prombank, la Banca comunale o Cekonbak per il finanziamento degli enti locali e dell'edilizia la Banca delle cooperative o Vrekombank, e la Banca per l'agricoltura o Sel′chozbank. Completa il quadro la Banca di Stato di risparmio (con 60.000 filiali), che sarà il solo istituto autorizzato a ricevere depositi di privati e i cui capitali vengono automaticamente investiti in titoli di stato» (Vedesi anche: http://www.treccani.it/enciclopedia/u-r-s-s_(Enciclopedia-Italiana)/. 9

[close]

p. 10

Ma già nel 1935 Stalin, che oramai si era indirizzato verso una futura guerra ed aveva progetti imperialistici, sia pur mascherati quale esportazione del comunismo realizzato dalla grande madre russa, essendo alle prese con gravi problemi interni compreso il periodo di carestia, avendo enorme necessità di finanziamenti, pensò bene di "patteggiare" con l'Alta finanza. Circa il periodo di grave carestia che colse la Russia, post bellica, in fase di riconversione industriale e alla prese con dure riforme staliniane, vi è un ampia letteratura, sia nel senso di esagerarla (si parla di diffuso cannibalismo nelle campagne), che di negarla. Come spesso accade, la verità sta nel mezzo, la carestia ci fu, e fu un grave problema per il paese, non per questo però si deve esagerare ma non si può neppure negare. A Stalin quindi necessitavano ogni anno, enormi cifre per gli armamenti in quanto già da alcuni anni in Russia, addirittura il 36 / 37 percento del bilancio dello Stato veniva impiegato per il riarmo e gli ammodernamenti delle FF.AA (controllare per credere). Una cifra spaventosa che nessuna nazione ha mai ripetuto per un così lungo tempo. Viene da ridere al pensiero che nei paesi occidentali, i propagandisti comunisti locali, usavano sempre la solita retorica, seppur in buona parte veritiera, ovvero che i governi invece di costruire scuole e ospedali costruivano aeroplani e carri armati! È noto inoltre il rapporto tra il Council on Foreign Relations (Cfr) e la Banca Centrale dell'Urss (Gosbank) proprio nel 1937. Stalin ottenne notevole sostegno dagli USA (per intercessione del CFR) con massicce quantità di oro che pervennero alla Gosbank attraverso una Banca Spagnola, per conto della Federal Reserve Bank, e a quanto sembra l’Alta Finanza aveva interesse a che il comunismo prevalesse in Spagna (19361938). Ovvia la continua affluenza di capitali privati nelle casse della Gosbank, specialmente nei periodi caldi che precedono la Seconda Guerra Mondiale , in particolare nel 1937, quando Stalin, come accennato, si mobilitò per sostenere la guerra dei Comunisti in Spagna e il tesoro di Stato, le riserve in oro della Spagna, venne “riparato” in Russia dal governo repubblicano e con l’ovvio consenso della Finanza Internazionale, e mai più restituito. I governi che si succedettero in Spagna durante la repubblica, pur di sinistra, erano tutti retti da uomini controllati dalla massoneria e dalla Finanza, come quelli del Fronte Popolare in Francia dell’ebreo di finanza Leon Blum. Del resto basta prendere i nominativi di questi politici della Spagna repubblicana, uomini di governo e di Stato, per riscontrare, non tanto le affiliazioni massoniche che quasi sempre sono segrete, ma attraverso il loro excursus politico precedente e successivo, quanto meno una loro “vicinanza” a logge massoniche e circuiti finanziari (en passant giova osservare il triste destino del popolo spagnolo, preso in mezzo da questi furfanti progressisti massonici e di finanza, e i conservatori quali opposizione monarchica e di destra, legata ad esosi predoni capitalisti e pretume.). 10

[close]

p. 11

Importante, in ogni caso, è il tenere anche conto dell’interesse politico da parte dei Rockefeller sull'Urss. Dopo le carestie del 1932, il Capitalismo monopolistico americano intervenne più volte per salvare l'economia sovietica (esempio: la costruzione di stabilimenti industriali eseguiti dagli americani Rockefeller - Eaton in territorio sovietico, destinati alla costruzione di armamenti). 11

[close]

p. 12

La Finanza USA a sostegno dell’URSS I n ogni caso, pur sorvolando sul periodo pre e quello rivoluzionario bolscevico, vediamo che anche in seguito al regime comunista impiantato e consolidato in URSS, la finanza internazionale, in primis quella americana, si impegnò molto in Russia anche se questo fatto spesso sollevava le rimostranze dei settori nazionalisti e conservatori. Come giustamente ricostruisce Dagoberto Bellucci, nel suo articolo citato: «Fin dal 1922 , Armand Hammer [vedesi profilo prossimo paragrafo, N.d.A] negoziò con Lenin e Mikoyan a Mosca, ottenendo da parte di Henry Ford il mantenimento delle sue catene di montaggio sul territorio comunista. Nel 1920 la Chase Bank di John Rockefeller, nonno di David Rockefeller, negoziava con l’organo di Stato Prambank , la creazione di una camera di commercio sovieticoamericana. Questa istituzione, sorta nel 1922, venne diretta da Renè Schley, uno dei vicepresidenti della Chase Bank. L’istituto bancario della famiglia Rockefeller appariva, insieme all’Equitable Trust Company, appartenente al fondatore della Standard Oil, come il più impegnato nelle operazioni di credito con il nuovo regime rivoluzionario di Mosca. Nel 1925, esso negoziava il finanziamento di esportazioni americane di cotone e di Nemacchine utensili verso l’URSS. Tre anni dopo, si incaricava della collocazione di prestiti russi in territorio americano, ciò che gli valse aspre critiche da parte di organizzazioni patriottiche. Secondo un rapporto del Dipartimento di Stato, “Kuhn, Loeb and Company”, il più grosso finanziere newyorchese, partecipa al finanziamento del primo piano quinquennale, dopo aver funzionato come banca di deposito per il governo bolscevico, che vi aveva trasferito tra il 1918 e il 1922 più di 600 milioni di rubli in oro». Nel complesso estendendo gli interventi e i finanziamenti della Finanza statunitense in URSS, dal periodo rivoluzionario alla fine degli anni venti, si riscontrano cifre enormi, investimenti esorbitanti, come riporta ancora l’articolo di Bellucci: «Il 14 giugno 1933 , Louis Mc Fadden, dirigente della House Banking Committee, ha dichiarato di fronte ai suoi colleghi: “Il governo sovietico ha ricevuto fondi emanati dal Tesoro americano, attraverso la mediazione della Federal Reserve Board (la banca centrale americana). Le banche federali hanno cooperato in questa operazione con la Chase Bank, la Guaranty Trust Company e altre grandi banche newyorchesi. Se aprite i libri dell’Amtorg, 12

[close]

p. 13

l’organizzazione commerciale del governo sovietico a New York, del Gostorg, l’ufficio centrale dell’organizzazione commerciale comunista, o della Banca Centrale dell’URSS, vedrete l’importanza delle somme prelevate dal Tesoro americano a beneficio della Russia. Queste operazioni sono state effettuate a profitto della banca di Stato sovietica attraverso i suoi corrispondenti, la Chase Bank di New York e Kuhn Loeb and Company”». (Vedesi: Charles Levinson – “Vodka-Cola” – Ediz. “Vallecchi” – Firenze 1978). E ancora: «In proposito riporta lo storico ebreo Levinson: “Dopo la rivoluzione [Bolscevica, n.d.r.], la Standard Oil del New Jersey, acquistò nel Caucaso il 50% delle immense concessioni petrolifere appartenenti ad Alfred Nobel e che, in teoria, erano state nazionalizzate. Nel 1927, la Standard Oil di New York costruì una immensa raffineria in Russia. Poco dopo, la compagnia newyorchese e la sua filiale Vacuum Oil Company, registravano un accordo con Mosca sulla commercializzazione del petrolio sovietico nei paesi europei. Per questo scopo, venne accordato un prestito di 75 milioni di dollari al governo comunista. (…) Nel 1964, uscendo dal Cremlino dove aveva incontrato per la prima volta Kruscev, David Rockefeller, suo futuro alleato, dichiarava a coloro che si preoccupavano di un simile confronto: “E’ stata la conversazione più impegnativa che abbia mai avuto. Ma noi ci conosciamo bene. Abbiamo da molto tempo l’abitudine di lavorare insieme.”». Non indifferente infine che durante quei buoni rapporti tra sovietici e Alta Finanza, Leonid Krasin, uomo di collegamento tra Wall Street e il Cremlino, negli anni venti avrebbe trattato a Londra lo sfruttamento dei pozzi petroliferi di Baku e dell’isola di Sakalin nel nord del Pacifico (Cfr. Epiphanius, Massoneria e sette segrete…, p. 285). Del resto, nello stesso periodo, la grande società nord americana General Electric, controllata dal gruppo J. P. Morgan & Co Incorporated di N. Y. (al tempo a sua volta controllato dai Rothschild), aveva il monopolio della produzione elettrica nell’Urss. Con questi precedenti si comprenderà come non fu difficile, pur in un regime comunista, sotto ferrea dittatura staliniana, alla grande finanza internazionale indurre i sovietici a privatizzare, almeno in parte la loro Banca Centrale. En passant possiamo rilevare (anche se dobbiamo utilizzare categorie “complottiste” da noi criticate, ma in questo caso i riferimenti e soprattutto le successive vicende di questi personaggi lo confermano), che l’Alta finanza, soprattutto negli ultimi anni dell’800 e nei primi decenni a cavallo dei due secoli scorsi, ma anche a seguire, foraggiarono e sostennero i movimenti marxisti e in genere sovversivi, nella prospettiva che costoro recassero noie alla imprenditoria privata, al capitalismo di stampo classico, che nel frattempo la grande Finanza, divenuta monopolista e con il controllo di banche e giornali, cercava di fagocitare, come poi infatti è avvenuto. Già le grandi campagne, anche di stampa, alla fine del secolo diciannovesimo, contro i cartelli, i trust, che apparentemente sembravano difendere i diritti dei consumatori e 13

[close]

p. 14

le ragioni sociali dei lavoratori, in realtà erano un subdolo rimaneggiamento degli assetti economici a cui i grandi capitalisti, per esempio Rockefeller avrebbero potuto adeguarsi, spezzettando e dividendo le loro proprietà che, comunque rimanevano sotto il loro controllo, mentre la piccola e media impresa si sarebbe trovata svantaggiata. Ebbene, già allora negli States, le lotte delle sinistre del tempo, i piccoli partiti socialisti o del lavoro, pur nella giusta contestazione di trust e monopoli, premendo e indebolendo i capitalisti, furono utili alla Finanza, che da dietro le quinte, era interessata alla ridefinizione dell’economia, nella prospettiva di fagocitare le imprese capitaliste e diventare essa stessa capitalismo monopolista. Sia come sia, ma i movimenti social comunisti, cozzando contro il capitalista classico, l’imprenditore, colui che magari sfruttando una idea, una intuizione aveva realizzato una grande impresa e in qualche modo era pur legato al mondo del lavoro, anche se magari lo sfruttava, non percepivano però l’essenza e la presenza del capitalismo finanza, bancario, quasi sempre anonimo, senza nome, nascosto nelle scatole cinesi della proprietà azionaria, a volte neppure individuabile attraverso i consigli di amministrazione delle società, senza una vera e propria residenza geografica, un capitalismo finanziario mostruoso, avulso dal mondo del lavoro, che considera unicamente come numeri da fare e disfare con le leggi del business. E’ sempre stata questa una infernale trappola nella quale caddero esponenti e lavoratori marxisti, che facilmente individuavano nel padrone in fabbrica o a capo delle Imprese il nemico da combattere, ma gli sfuggiva, perché come detto, non visibile e nascosto, l’altro e ben peggior padrone, la grande Finanza, che sottilmente e nascostamente finanziava e ispirava certe lotte. Secondo Zbigniew Brzezinski, esponente dei principali organismi mondialisti: «Lo sviluppo economico sovietico tra il 1917 e il 1930 si è basato essenzialmente sull’aiuto tecnologico degli Stati Uniti. Almeno il 95% della struttura industriale dell’URSS ha ricevuto questa assistenza». In cambio Stalin cominciò a concedere facilitazioni alla grande finanza internazionale, tanto che nel 1937 Stalin, di fatto, introdusse il “privato” nella Banca Centrale Russa (Gosbank) in tal modo si palesò il fatto curioso che Stalin non attaccò affatto lo spirito del Federal Bank System, ma in qualche modo ci si adeguò. 14

[close]

p. 15

I “miliardari Rossi” La Gosbank, l'istituto di emissione sovietico, quindi, fu parzialmente “privatizzato” e nel Consiglio di amministrazione fu accolto come socio il plurimiliardario ebreo americano Armand Hammer (già nato Heimann) il quale, a parte i suoi ideali e convinzioni personali, per cui HARRIMAN AMMER nessuno mette in dubbio le sue idee progressiste di sinistra, può ritenersi il prototipo di uno di quegli uomini di finanza che utilizzò il comunismo per gli interessi della finanza stessa, rendendo veramente difficile poter capire come poteva conciliare una sua convinzione social comunista con la specifica ideologica e il potere delle banche, della finanza, che sono una forma di capitalismo anonimo, cosmopolita e predatore, che essendo essenzialmente speculativo non ha neppure quel minimo di giustificazione sociale rispetto al capitalismo di tipo imprenditoriale. Non a caso l’agiografia storica di sinistra ha definito Armand Hammer, poi passato alla storia come il padrone della Occidental Petroleum Corporation, l’ultimo “utopista” del novecento, riportando una sua famosa affermazione: «“La mia vita si estende lungo tutto l’arco del secolo, e talora è riuscita a gettare un ponte provvisorio sulla più grande frattura culturale e politica della storia umana; l’abisso ideologico fra i paesi capitalisti dell’Occidente e i paesi socialisti dell’Est”». In effetti nei suoi 92 anni di vita, ha conosciuto, tra gli altri: Lenin, Trotsky, Stalin e quindi Roosevelt, Kruscev, Kennedy, Breznev, Nixon, Reagan e Gorbaciov. Il nonno di Armand, ricco costruttore di navi di Odessa, si vantava di essere un discendente dei Maccabei, ma il figlio Julius, cioè il padre di Armand, dopo aver fatto fortuna nello stesso ramo era caduto in rovina. Julius Hammer si era trasferito negli Usa nel 1875, iniziò come medico e gestore di drogherie. Questo Julius, padre di Armand, sembra che conosceva Lenin dal 1907, durante un esilio in Svizzera, e sosteneva l’ufficio di relazioni sovietico aperto a New York, che era diretto da uno dei suoi amici russi, Ludwig Martens. In questi ambiti aveva una buona entratura, essendo stato importante membro del Socialist Labour Party negli Stati Uniti, del quale dopo la rivoluzione d'ottobre, una fazione guidata da Julius Hammer, abbandonò il partito per contribuire a fondare il Partito Comunista degli Stati Uniti d'America. Egli aveva accolto Lev Trotsky quando il futuro capo dell’Armata rossa sbarcò negli Stati Uniti alla ricerca di aiuti finanziari (e a quanto ci dicono le cronache del tempo, il Trotsky, nella culla della finanza newyorkese se la passò bene). Il 27 marzo 1917, Trotsky lasciava New York a bordo del ‘Christinia’ con un passaporto canadese fornito dal padre di Armand Hammer. 15

[close]

Comments

no comments yet