Notiziario 1 - 2018

 

Embed or link this publication

Description

Notiziario 1 - 2018

Popular Pages


p. 1

Anno lionistico 2017 - 2018 N. 1

[close]

p. 2



[close]

p. 3

del LIONS CLUB ISOLA D’ELBA (since 1968) www.lions-isoladelba.it Anno lionistico 2017-2018 n. 1 Contenuti PRESIDENTIAL 3 Marino Sartori Cari amici lions … (segue a pag. 4) CRONACA EDITORIALE 4 Vittorio G. Falanca Da territorio a internazionalità 5 Quarto torneo di golf 5 50a Charter Night 8 Premio a Giorgio Barsotti a margine del “Brignetti” 9 Torneo di burraco 9 Incontro di Mezza Estate 11 Intermeeting con il L.C. Livorno Porto Mediceo 12 Tania Cagnotto incontra gli studenti 15 Giorgio Barsotti ricorda Canu e Castelvecchi 15 I Musei Nazionali delle Residenze Napoleoniche all’Elba 17 Borsa di studio istituita da Giorgio Barsotti 18 Visita alla Palazzina dei Mulini 19 Elio Niccolai nel libro ACI “50 ANNI DI RALLYE ALL’ELBA” 21 Il diabete mellito nell’adulto e nel bambino, attualità 24 Giornata Mondiale del Diabete 25 Conversazione sul Lionismo di Giorgio Barsotti LA VOCE DEI LIONS RUBRICHE 25 Vittorio G. Falanca 26 Giuliano Meo 28 Umberto Innocenti Babordo e tribordo Costantino il Grande Poesia: La maschera 28 Interventi e elargizioni 29 Spigolature 31 Organigramma a.l. 2017-2018; Albo della Targa Lions 32 Albo del Club 33 Gonfalone; Targa Lions CHI PARLA DI NOI MISCELLANEA 34 Rassegna stampa 44 A.l. 2017 - 2018 45 Buon Natale DISPONIBILITÀ 46 Recapiti DEI LIONS COPERTINA Lion Giancarlo Castelvecchi: tempera del 1975 È stampato in proprio dal Lions Club Isola d’Elba. Viene distribuito ai soci del Club in due edizioni nell’arco dell’anno sociale: il n. 1 a dicembre in occasione della Festa degli Auguri, il n. 2 a giugno per la celebrazione della Charter Night. Si ringraziano tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione della pubblicazione. La composizione di questo numero comprende il periodo dal 07.06.2017 al 22.11.2017

[close]

p. 4

4 Vittorio G. Falanca Uno spunto da una citazione del DG Fabrizio Ungaretti. erita una riflessione la frase citata dal Governatore del Distretto 108LA (Toscana) Fabrizio Ungaretti in occasione della sua partecipazione informale alla Festa di Mezza Estate organizzata dal Club a Portoferraio sabato 5 agosto sulla terrazza dell’Hotel Villa Ottone “Il Club deve avere i piedi ben piantati per terra, ma la testa proiettata nell’internazionalità”. Il DG Fabrizio Ungaretti A mio avviso il pensiero del DG contiene due importanti messaggi ciascuno reciproco dell’altro: gli interventi di un club attuati nel proprio territorio contribuiscono a conferire al sodalizio prestigio e credibilità anche alle attività a cui esso prende parte in campo distrettuale, nazionale e mondiale; viceversa il fatto di dare vita a services che spaziano dal regionale all’internazionale accresce la reputazione e dà affidabilità anche per le operazioni svolte nella propria zona di competenza. Il nostro club da sempre ha partecipato, anche con ottimi risultati, a gran parte dei services e temi proposti dal Distretto (anche quando questo comprendeva Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna), dal Multidistretto e dalla Lions International Association; non c’è dubbio che questo ha comportato attribuzione di fiducia, stima e credibilità da parte di Autorità, associazioni e cittadinanza che osservano da vicino il nostro sodalizio impegnato a segnalare i problemi riguardanti la nostra Isola, a proporne le soluzioni e a contribuire alla loro attuazione. Gli argomenti più ricorrenti inerenti al territorio in cui ci siamo impegnati in passato sono senza dubbio la sanità, i trasporti, l’ambiente, l’aiuto ai bisognosi, il conferimento di riconoscimenti alle eccellenze distintesi nel civismo, cultura, lavoro, sport. Senza falsa modestia credo che possiamo affermare di essere sempre stati sulla buona strada e che, continuando così: coi piedi ben piantati sul territorio elbano e la testa proiettata nell’internazionalità, come suggerito da Ungaretti, possiamo continuare a distinguerci, a riscuotere apprezzamenti, rendendoci utili alla nostra comunità e, perché no, talvolta anche necessari. Marino Sartori Segue da pag. 3 … per l' apertura del nuovo numero del nostro Notiziario, voglio utilizzarlo per rinnovare il mio ringraziamento a tutti voi, che mi state dando l'opportunità di vivere l'esperienza di leader di un club così importante e consolidato come il nostro. Sto scoprendo e toccando con mano tutte le attività, e sono davvero tante, che il Lions sta svolgendo in tutto il mondo. Il nostro è un club sempre più di servizio e, forse, sempre meno di elite, come comunemente e superficialmente ci considerava l'opinione pubblica, dove la nostra forza sta nello stare vicini a chi vive delle situazioni di disagio, rimboccandoci per primi le maniche, ed essere lì, in prima linea a dare il nostro aiuto. più servizio meno elite I nostri Service sono diretti anche a dare un'adeguata informazione sui pericoli che ci

[close]

p. 5

5 circondano, come quelli sull' ambiente e quelli sulla nostra salute. Mi riempio di orgoglio quando penso che anch'io, come tutti voi, sono uno di quel milione e mezzo di persone in tutto il mondo che dedicano parte del proprio tempo, e non solo, per sostenere le persone più bisognose, promuovere iniziative per stuzzicare e far crescere la nostra cultura, la pace e l'amicizia. pace, amicizia, cultura, sostegno ai bisognosi Infine voglio riprendere le parole che il nostro Governatore Fabrizio Ungaretti ci ha riservato a conclusione della sua visita durante il meeting di mezza estate: "Il Club deve avere i piedi ben piantati nel territorio, ma la testa proiettata nell' internazionalismo". Buon Natale a tutti. organizzato dal Lions Club Isola d’Elba in collaborazione con Acquabona Golf Club Competizione a scopo di solidarietà ormai diventato una classica della propria attività il torneo di golf organizzato a fine di ogni anno sociale dal Lions Club Isola d’Elba, su iniziativa del lion Fabio Chetoni, con lo scopo di raccogliere fondi da destinare ad una precisa finalità. Raduno al termine della competizione Questa volta la manifestazione, giunta alla quarta edizione, si è svolta con la collaborazione dell’Associazione Acquabona Golf Club nel pomeriggio di giovedì 15 giugno ed ha visto in campo numerosi partecipanti che hanno dato vita, nonostante l’afosa giornata di inizio estate, ad una competizione molto partecipata il cui vero protagonista e vincitore assoluto è stato la solidarietà. Il golf educa ad un’etichetta che poi vale in tutti i campi della società civile; elogiando i vincitori della gara, tutti i partecipanti, tutti coloro che, pur non entrando in campo, hanno voluto aderire concretamente alla causa e gli sponsor: Ing. Massimo De Ferrari dell’Hotel Hermitage, Cantina Mazzarri di Lacona, Bar La Perla di Marciana M. e Soc. Marr di Portoferraio, il Lions Club assicura di far fede anche in questo caso alla propria consuetudine di seguire sino al definitivo raggiungimento dell’obiettivo il percorso dell’importo raccolto che verrà destinato al perfezionamento di un service da tempo iniziato nel nostro comprensorio. Marino Sartori Presidente per il nuovo a.l. Marino Sartori il nuovo Presidente del Lions Club Isola d’Elba. L’assunzione dell’incarico è avvenuta a Portoferraio nella sera di sabato 24 giugno nei locali dell’Hotel Airone in occasione della celebrazione della “Charter Night”, l’evento che a fine giugno segna il passaggio al nuovo anno sociale e con esso il rinnovo di tutte le cariche. Il comandante Gino Gelichi, Presidente uscente, dopo la semplice e suggestiva cerimonia del passaggio Gelichi: riconoscenza per la collaborazione dei soci, soddisfazione per quanto realizzato del distintivo, ha espresso i suoi ringraziamenti a tutti i soci del Club ed in particolare ai membri del Consiglio che hanno collaborato attivamente e lo hanno sostenuto in un’annata così ricca di eventi, in molti dei quali è stata coinvolta la cittadinanza. Fra questi, come ha sottolineato Gelichi, uno in particolare gli ha procurato soddisfazione e orgoglio: l’assegnazione di un cane guida ad una ragazza elbana non vedente e particolarmente meritevole alla cui acquisizione hanno aderito e partecipato in egual misura gli undici clubs della quinta circoscrizione. Sartori: impegno per l’anno del cinquantenario, riconoscimenti ai 4 lions fondatori Marino Sartori, nel suo breve saluto ai numerosi presenti fra i quali Autorità lionistiche e istituzionali, ha evidenziato l’onere cui

[close]

p. 6

6 si dovrà far fronte nell’anno sociale appena iniziato, in quanto la ricorrenza del cinquantenario della fondazione richiederà un parti colare impegno per il quale il nuovo Presidente ha espresso la certezza di poter contare sull’opera dei suoi collaboratori. Passaggio del distintivo da Gelichi a Sartori A tal proposito egli ha chiamato al tavolo della presidenza i quattro soci fondatori ancora presenti nell’organico del sodalizio: Barsotti, Bracali, La Rosa e Niccolai, per consegnare loro un particolare distintivo quale segno di riconoscenza per aver dato vita nel 1968 al Lions Club Isola d’Elba, per averlo guidato a muovere i primi importanti passi e per aver sempre partecipato attivamente nel corso dei cinquant’anni all’attuazione dei services. Riconoscimenti ai lions fondatori È seguita la consegna di quattro pins pervenuti dalla sede di Oakbrook ai lions Arrighi, Bartolini, Bomboi e Spinetti per essersi distinti nell’ambito della crescita associativa da essi procurata nel corso della ricorrenza del centenario dell’Associazione Internazionale. Hanno quindi avuto luogo gli interventi del lion Umberto Innocenti, Presidente della Zo- Consegna dei pins pervenuti da Oakbrook na L, che ha anche portato gli auguri del Governatore Distrettuale Antonino Poma e della Presidente di circoscrizione Giuseppina Bombaci, e del vice sindaco di Portoferraio Roberto Marini che ha evidenziato l’apprezzamento del Comune per l’aiuto e il supporto ricevuto dall’Associazione con le sue molteplici attività.

[close]

p. 7

7

[close]

p. 8

8 Il nuovo consiglio che sarà alla guida del Club per l’anno sociale 2017-2018 risulta così composto: Presidente Marino Sartori, Past president Gino Gelichi, 1° V. Presidente Gabriella Solari, 2° V. Presidente Antonio Bomboi, Segretario Gabriella Solari, Cerimoniere Paolo Cortini, Tesoriere Luciano Ricci, Censore Umberto Innocenti, Consiglieri: Francesco Andreani, Luca Bartolini, Carlo Burchielli, Roberto Forti, Antonella Giuzio, Corrado La Rosa, Alessandro Massarelli, Ciro Satto, Addetto Stampa Vittorio G. Falanca, Inf. Technology Marcello Bargellini, Sport Fabio Chetoni. Lunga appartenenza alla Giuria e alla Presidenza del Comitato Promotore: un premio alla carriera. a alcuni anni, a margine dell’evento per l’assegnazione del Premio Letterario Internazionale I. d’Elba R. Brignetti, viene dato un riconoscimento ad un autore elbano, come è avvenuto per la scorsa edizione con il nostro lion Luciano Gelli per il suo ultimo libro USURA. Questa volta nel corso della 45a edizione tenutasi al Centro De Laugier l’8 luglio, a sorpresa e ad insaputa dell’interessato, questo La platea e il palco della De Laugier Barsotti riceve il premio dal V. Sindaco Roberto Marini riconoscimento è stato conferito al lion Prof. Giorgio Barsotti non tanto per i libri da lui scritti e pubblicati (dei quali il Notiziario si è a suo tempo occupato) quanto per la sua lunga appartenenza alla Giuria Letteraria, per la qualifica di Presidente del Comitato Promotore che riveste da molti anni, per l’impronta e la vitalità che ha contribuito ad infondere al “Brignetti”, la cui rilevanza è riconosciuta a livello internazionale; prova ne sia l’alternanza sul palco nelle varie edizioni di presentatori celebri, come nel caso di quest’anno con il giornalista e conduttore TV Franco Di Mare affiancato dalla presentatrice Valeria Altobelli e dall’attore Demo Mura. Una sorta insomma di premio alla carriera che Barsotti, ricevendolo dalle mani del Vice Sindaco di Portoferraio Roberto Marini, ha commentato, nascondendo a fatica l’emozione per l’improvvisata, con parole di ringraziamento agli organizzatori e di incoraggiamento agli scrittori elbani che si stanno affacciando alla ribalta della notorietà.

[close]

p. 9

9 SECONDO MEMORIAL CARLA GRAGNOLI col supporto del Lions Club I. d’Elba abato 15/07/2017 si è svolto nella splendida cornice dell’Hotel Airone, sempre disponibile a iniziative benefiche, il secondo torneo di Burraco intitolato a Carla Gragnoli. L’organizzazione della serata, come in precedenza, è stata portata avanti dal Club Elba Bridge e Cosmopoli Burraco assistito dagli amici dell’ASD Salvatore Crime di Marciana Marina. Un supporto particolare si è avuto dal Rotary e dal Lions clubs dell’isola d’Elba e da una lunga lista di esercizi commerciali che hanno fornito ragguardevoli premi per gratificare molte delle coppie partecipanti. La cifra ottenuta dalle quote di partecipazione e da alcune donazioni spontanee sarà devoluta all’Associazione “Diversamente Sani”, una giovane struttura che intende sensibilizzare gli elbani di fronte ai disagi e allo scarso supporto che i malati di patologie di grosso impatto devono affrontare per lunghi periodi affrontando trasferimenti, pernottamenti inevitabili fuori dall’Isola e quant’altro possa intervenire a turbare soggetti, di per sé in condizioni di grande difficoltà. Intervento del DG Fabrizio Ungaretti Riconoscimento al sassofonista Jacopo Taddei soli ventuno anni ha al suo attivo una brillante carriera costellata da numerosi premi ottenuti in campo internazionale in vari continenti del pianeta; fra questi vogliamo ricordarne uno “Il riconoscimento conferitogli alla Camera dei Deputati personalmente dalla Presidente Laura Boldrini”. Stiamo parlando del sassofonista Jacopo Taddei, elbano di nascita sia fisica sia professionale, in quanto a soli otto anni faceva già parte della Filarmonica Pietri, nella quale ha mosso i primi passi col suo inseparabile strumento.

[close]

p. 10

10 Esibizione di Jacopo Taddei Il Lions Club Isola d’Elba lo ha voluto ospite Esibizione del giovane sassofonista elbano Jacopo Taddei già protagonista di una brillante carriera alla tradizionale Festa di Mezza Estate tenutasi la sera di sabato 5 agosto all’Hotel Villa Ottone, nel corso della quale, dopo alcune sue applaudite esibizioni che spaziavano dalla musica classica a quella più popolare fino al jazz, il Presidente del sodalizio Marino Sartori gli ha consegnato una borsa di studio quale contributo per la prosecuzione dei suoi corsi di specializzazione. Non sono mancati gli elogi espressi nei confronti del giovane musicista dal Governatore del Distretto 108LA (Toscana) Fabrizio Ungaretti, che ha offerto a Taddei la medaglia coniata per la partecipazione ufficiale dell’Italia alle celebrazioni del centenario della Lions International Association fondata a Chicago nel 1917. Ungaretti, che non ha voluto mancare all’evento, nel corso del suo intervento di saluto ha sottolineato il Intervento del DG Fabrizio Ungaretti valore di questi incontri che vanno ben aldilà dell’aspetto lusorio. Secondo il Governatore il ritrovarsi insieme con lions di altri club con i quali scambiare idee sui programmi da attuare nel corso dell’anno lionistico appena iniziato, favorisce la creazione di un substrato in cui germoglia il vero lionismo nonché occasioni per l’affermazione del concetto di squadra. Scambio di omaggi fra Ungaretti e Sartori Per ricordare infine che l’attività di un Lions Club deve spaziare dalle necessità del proprio territorio ai grandi temi distrettuali, nazionali e mondiali, Ungaretti ha rammentato una celebre citazione “Il Club deve avere i piedi ben piantati nel territorio, ma la testa proiettata nell’internazionalità”. La serata si è conclusa con il tradizionale scambio di guidoncini fra il Governatore ed il Presidente, che ha anche fatto omaggio all’Officer di una copia del Notiziario del Club.

[close]

p. 11

11 Conferenza di Lelio Giannoni sulla storia della marineria riese esposizione sull’antica marineria riese tenuta da Lelio Giannoni è stato il momento catalizzatore dell’intermeeting fra i due Lions Clubs: Livorno Porto Mediceo e Isola d’Elba, tenutosi sabato 23 settembre a Rio Marina nei locali dell’Hotel Rio. Lelio Giannoni sulla storia della marineria riese Giannoni, appassionato studioso della storia di Rio Marina, redattore del periodico La Un momento della conferenza Piaggia, attore della Nuova Compagnia Riese di teatro in vernacolo, autore di libri e pubblicazioni soprattutto sulla marineria riese, ha intrattenuto i numerosi intervenuti relazionando sugli eventi e gli sviluppi che hanno caratterizzato a partire dal 17° secolo le attività marittime del comune di Rio, scissosi agli inizi del XIX secolo nelle due attuali unità e per la cui riunificazione è imminente una consultazione referendaria. Consegna dei guidoncini a Lelio Giannoni e al Sindaco Renzo Galli Vicende, regolamentazioni, editti, influenze della prima e seconda rivoluzione industriale sul traffico dei velieri riesi che trasportavano minerale e vino a Genova, in Corsica, in Francia e persino in Inghilterra, per fare quindi ritorno con carichi di bestiame da macello ed altri prodotti che mancavano sull’Isola, ma anche resoconti su armatori, capitani, equipaggi, costruttori navali, costituzione delle prime forme di previdenza, assistenza e assicurazione, come quella della Redenzione degli Schiavi risalente al 1735, istituzione di scuole nautiche tenute da religiosi, di enti per l’aggiornamento professionale, di osservatori meteorologici sono fra gli argomenti che il relatore ha trattato citando a braccio dati statistici, storici e fatti documentati, aiutato nell’esposizione dalle letture di documenti originali d’epoca eseguite ed interpretate dalla sua Sig.ra Pina con linguaggio ed enfasi tipici di quei tempi. Apprezzamento per l’esposizione è stato espresso nel suo intervento di saluto dal sindaco di Rio Marina Renzo Galli, che non ha

[close]

p. 12

12 voluto mancare all’incontro, e dai presidenti dei due sodalizi: Laura Antico per quello di Livorno e Marino Sartori per quello dell’Isola d’Elba. La Antico a conclusione dell’incontro, propedeutico anche per lo scambio di idee sulle attività sociali dei due sodalizi, ha fatto una breve descrizione dei tragici eventi alluvionali verificatisi recentemente nella Laura Antico , P del L.C. Livorno Porto Mediceo, riferisce sugli impegni per i danni provocati dall’alluvione città di Livorno, informando che il proprio club ha aderito ad un progetto per raccolta fondi, finalizzato al ripristino dei mezzi della Misericordia di Montenero, andati distrutti nel corso del temporale, mettendo a disposizione di chi volesse versare anche un piccolo importo il c/c intestato a Lions Club Livorno Porto Mediceo presso la filiale di Livorno della C.R. di Volterra con IBAN IT79C0637013900000011001140, causale “Alluvione di Livorno contributo pro Misericordia Montenero”. A tal proposito il presidente del club elbano ha informato che da parte della Lions Clubs Interantiornal Foundation è stato messo a disposizione un primo importo di $ 10.000,00. L’incontro si è concluso con il tradizionale scambio di guidoncini, la consegna dell’ultimo Notiziario del Lions Club Isola d’Elba e, da parte del sindaco Galli, l’omaggio ai due presidenti lions e alla direttrice dell’Hotel Rio di un libro sulla storia di Rio Marina scritto da Lelio Giannoni. Organizzazione dei clubs elbani Lions, Rotary e Soroptimist apparso subito evidente fra gli organizzatori dell’ incontro con la campionessa di tuffi Tania Cagnotto e gli alunni delle classi quinte della scuola primaria Battisti insieme a prime e terze della secondaria di primo grado di Portoferraio, tenutosi la mattina di martedì 27 settembre nell’auditorium del Centro de Laugier, il senso di preoccupazione e imbarazzo per la piega che l’evento stava assumendo. Interventi di saluto delle personalità presenti Come da scaletta il meeting è iniziato, davanti a una sala gremita di studenti, insegnanti, Autorità e cittadini comuni, con le introduzioni e i saluti della coordinatrice Rossella Celebrini, del vicesindaco di Portoferraio Roberto Marini, dell’assessore allo Il pubblico in platea sport Adalberto Bertucci, dei tre presidenti dei clubs di servizio attivi sull’Isola riuniti per la prima volta in sinergia per la realizzazione del meeting: Marino Sartori per il Lions Club, Giorgio Cuneo per il Rotary Club e Doriana Castaldi per i Soroptimist Club, e dei due campioni mondiali di pesca subacquea: Carlo Gasparri e Renzo Mazzarri (entrambi insigni ti Targa Lions). Ai loro interventi e domande la Cagnotto ha risposto con esauriente e sorprendente spontaneità.

[close]

p. 13

13 Prima che la prevista conversazione di Tania avesse finalmente inizio, gli insegnanti hanno chiesto alla campionessa di rispondere ad alcune domande che i ragazzi avevano preparato. E così, dopo i primi quesiti degli alunni ai quali la Cagnotto ha saputo dare soddisfazione, non mancando di avvertire sui sacrifici, i rischi, le delusioni, ma anche le grandi soddisfazioni che lo sport praticato ad alti livelli riesce a dare, ha voluto evidenziare come le varie discipline praticate senza la pretesa di primeggiare a tutti i costi possano contribuire ad una vita sana sia sotto l’aspetto fisico sia sotto quello psicologico, nonché ad una corretta formazione della personalità. Ma a questo punto la fila dei ragazzi che volevano chiedere qualcosa, consegnare a Tania i disegni da loro eseguiti sui suoi tuffi e chiederle autografi si è imprevedibilmente allungata trasformandosi in un vero e proprio prolungato assalto pacifico al banco degli oratori. L’affettuoso assalto dei ragazzi a caccia di autografi La Cagnotto si è dimostrata in questa circostanza non solo campionessa di tuffi, ma anche campionessa di pazienza, di amore e di esempio per il mondo della fanciullezza e dell’adolescenza, indubbiamente aiutata in questo suo ruolo dallo stato di dolce attesa che la vedrà fra poco nel nuovo compito di madre. Tania: campionessa anche di pazienza e amore La relazione, o meglio “Tania si racconta” come definito nella locandina, che la tuffatrice avrebbe dovuto esporre non ha potuto avere luogo a causa del lungo assedio dei ragazzi; ma al conseguente rammarico è senza dubbio subentrata la soddisfazione nel vedere Tania firmare ogni autografo consegnandolo insieme ad un sorriso e i ragazzi uscire ad uno ad uno dalla ressa esibendo il foglietto come una grande conquista. Ne deriva l’augurio che in essi resti un ricordo che possa far germogliare il frutto della salute morale propedeutico ad un futuro di vita sana e responsabile. “Assalto” degli studenti La Cagnotto con i tre presidenti

[close]

p. 14

14

[close]

p. 15

15 Meeting del 12 ottobre 2017 a riscosso l’unanime apprezzamento dell’assemblea l’iniziativa del lion fon- datore Giorgio Barsotti, rivolta soprattutto ai lions da poco entrati a far parte del Club, di arricchire i meetings ordinari riferendo sulla vita lionistica di alcuni soci scomparsi. E così ha parlato nella sera di giovedì 12 ottobre all’Hotel Villa Ombrosa di Alfredo Canu e Giancarlo Castelvecchi. Una delle ultime apparizioni pubbliche di Giancarlo Castelvecchi Descrivendo il primo Barsotti lo ha ricordato come piccolo di statura (iniziava i suoi discorsi avvertendo: “Sono in piedi!”) ma grande uomo. Esercitando la propria professione nel campo dell’elettrotecnica in vari Canu promotore della fondazione di vari clubs nel mondo paesi del mondo, ne approfittò per organizzare la fondazione di vari Lions Clubs in Italia (Pomigliano d’Arco) e all’estero. Eclettico, aveva varie passioni fra le quali quella di radioamatore. Nei services a cui si dedicava metteva tutto il suo grande cuore di lion e come tale il suo vanto era quello di aver personalmente conosciuto Melvin Jones. Oltre alla sua memoria ci ha lasciato un piccolo ricordo tangibile: l’arco di bandierine di varie nazioni che si espone nelle occasioni importanti al tavolo della presidenza. Giancarlo Castelvecchi, per molti anni suo collega insegnante fra i più attivi nei licei, Barsotti ha ricordato che fu promotore delconcorso “Premio Spiaggia d’Oro” per un Castelvecchi promotore del Premio Spiaggia d’Oro, del Premio Rffaello Brignetti, della Targa Lions tema proposto alle scuole, instancabile animatore del Premio Letterario Internazionale Raffaello Brignetti, animatore e sostenitore della Targa Lions della quale ha donato al Club la fusione in bronzo tutt’oggi in uso. Non ha mancato Barsotti di descriverne la vivacità, la volontà ed il carattere polemico e collerico con cui affrontava le attività del Club, della professione e della vita in genere. un primo bilancio e alcune prospettive per la loro valorizzazione. Incontro pubblico alla Galleria Demidoff on un apprezzamento per iniziative come questa attuata dal Lions Club, che consentono di parlare direttamente ai residenti della ricchezza rappresentata dai musei, anche sotto forma di offerta di lavoro e della conseguente attenzione che essi richiedono da parte del territorio, è iniziata la relazione della D.ssa Antonia D’Aniello, direttrice dei Musei Nazionali delle Residenze Napoleoniche all’Elba, tenutasi nella mattina di sabato 21 ottobre alla Galleria Demidoff di S. Martino. La hanno preceduta l’introduzione di saluto del presidente del Lions Club Marino Sartori Intervento del vicesindaco Roberto Marini

[close]

Comments

no comments yet