Libretto CAI 2018

 

Embed or link this publication

Description

CLUB ALPINO ITALIANO - Sezione di Desenzano del Garda - Programma Escursioni e corsi 2018

Popular Pages


p. 1

2018

[close]

p. 2

naturasi.it la tua scelta bio oltre 4000 prodotti bio e naturali il tuo supermercato biologico NaturaSì ti garantisce bontà e qualità in oltre 4000 prodotti biologici certificati: dagli alimentari freschi, confezionati e ortofrutta, ai prodotti privi di glutine, vegani, per la prima infanzia, all’erboristeria ed ai cosmetici. Tutti provenienti da produttori selezionati, che hanno scelto di dire “sì” alla Natura e che lavorano con passione, nel rispetto della terra, delle persone e della biodiversità. Club Alpino Italiano Lettera del Presidente Carissimi soci e gentilissime socie Siamo molto soddisfatti nel presentare il programma 2018 contenente tutte le proposte che le nostre commissioni tecniche hanno preparato, frutto di esperienza, di professionalità, di grande impegno personale dedicato al CAI. Siamo convinti e sicuri che ognuno di noi trovi nei programmi presentati delle proposte che possono soddisfare le proprie aspettative e permettere di frequentare la montagna in sicurezza, in compagnia, guidati da persone esperte e preparate. Ora tocca a voi partecipare ed estendere l’invito ad amici e conoscenti che ancora non si sono avvicinati alla nostra associazione. La nostra sezione, consapevole dell’importanza di affidare la gestione di una gita a soci preparati, ha investito in questo campo molte risorse, sia economiche che organizzative, e pensa di continuare su questa linea riproponendo anche per il 2018 serate di approfondimento culturale, tecnico e normativo con adeguate iniziative sia in sede che in ambiente. Le date di queste iniziative verranno direttamente pubblicate sul nostro sito al momento opportuno. Voglio ricordare che abbiamo superato il numero di 500 soci. Dopo una serie di anni di regressione nelle iscrizioni siamo ritornati negli ultimi tre anni ad aumentare, segno che al nostro sodalizio viene riconosciuto un importante ruolo di riferimento per tutti coloro che vogliono avvicinarsi alla montagna e frequentarla affidandosi alla nostra organizzazione sia per le facilitazioni economiche che possiamo offrire (sconti nei rifugi, assicurazioni, intervento di soccorso nel caso di incidente), ma soprattutto per quello spirito di appartenenza ad un sodalizio che opera e lavora nella tutela dell’ambiente, nella valorizzazione di aree e percorsi di alto contenuto paesaggistico, storico, naturalistico e nella promozione della conoscenza della montagna nelle giovani generazioni. Le nostre proposte non sono solo rivolte ai frequentatori abituali della montagna, ma cercano di coinvolgere soggetti diversi, di avvicinare a questo fantastico mondo, ancora per certi aspetti selvaggio ed incontaminato, quante più persone possibile offrendo loro un programma facile, accattivante, sempre ricco di novità. Vi aspettiamo numerosi, a tutti buona montagna. Il Presidente Celestino Marcoli Si ringraziano gli Sponsor ed i Soci che hanno contribuito, con le loro fotografie, a realizzare questo libretto. Prima di copertina: Chiesetta sotto le Odle (Terzi Guido) Per le icone delle iniziative si ringrazia Annalisa Tagliani Impaginazione e stampa: Grafiche Ricciarelli srl Monsano 1

[close]

p. 3

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano Sezione C.A.I. Desenzano del Garda SEDE Via Tobruch, 11 – Tel e Fax 030 9140153 – C.F. 93006650175 – P.I. 03446810982 Sito web www.cai-desenzano.it – e-mail: segreteria@cai-desenzano.it APERTURA Martedì e Venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.30 CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente: Marcoli Celestino Vice Presidente: Terzi Guido Segretario: Bonisoli Carlo Consiglieri: Bertolotti Sandro – Bompieri Paolo – Rodella Carlo – Vernocchi Daniele Tesoriere: Cristina Vischioni (non componente del Consiglio Direttivo) REVISORI DEI CONTI Pluda Anna Presidente – Bonacini Simona – Magoni Giancarlo COMMISSIONI TECNICHE Alpinismo Giovanile: coordinatore Tira Ermanno tel. 335.324044 Referente per CD Rodella Carlo – Forlani Cesare – Marcoli Celestino – Vinco Laura Sci Alpinismo: coordinatore Benini Stefano tel. 347 8744952 Referente per CD Vernocchi Daniele – Girardi Pietro Escursionismo: coordinatore e referente per il CD Terzi Guido tel. 335.7619277 Bonisoli Carlo – Menegato Paola – Tebaldini Mauro Escursionismo Seniores: coordinatore e referente per il CD Bonisoli Carlo – tel. 339.3438255 Liuti Giorgio – Mogno Giovanni – Morabito Marina – Rocco Valentina Sentieristica: coordinatore e referente per il CD Bertolotti Sandro tel. 335.6237267 Bonetti Renato – Bonomini Giovanni –Bazzoli Sergio – Canuti Mario – Filippini Lorenzo – Scanzi Simeone Gruppo Juniores: coordinatore e referente per il CD Bompieri Paolo tel. 338.9650423 Bonacini Simona – Granata Alfredo – Mazza Emanuele – Orio Matilde – Tononi Andrea TOTALE ISCRITTI 2017 511 Soci (322 ordinari – 96 famigliari – 93 giovani) INDICE Organigramma della sezione Tesseramento - Iscrizione escursioni Regolamento - Scala difficoltà Corsi di Alpinismo Giovanile Garda Rock Non solo montagna Programma Scialpinistico/Escursionistico 2 pag. 2 pag. 3 pag. 4 pag. 8 pag. 14 pag. 16 pag. 19 Tesseramento anno 2018 QUOTE RINNOVO Socio ordinario Socio famigliare Socio ordinario età 18-25 anni Socio giovane € 45,00 € 23,00 € 23,00 € 16,00 (2° e 3° figlio = 10,00 €) QUOTA AMMISSIONE NUOVO SOCIO Socio ordinario e famigliare Socio giovane € 5,00 € 4,00 Sono soci “giovani” le persone di età inferiore ai 18 anni. Sono soci “famigliari” i conviventi con un socio ordinario. Per la prima iscrizione presentarsi con codice fiscale e 1 fototessera. I soci in regola con il pagamento annuale del bollino, da farsi entro il 31 marzo, godono di copertura assicurativa per le operazioni di soccorso alpino e per gli infortuni che si verifichino durante le attività sociali. Ai soci ordinari inoltre è riservato l’abbonamento annuale gratuito alla rivista “Montagne 360”, mensile di informazione, cultura della montagna e attività alpinistiche. Cambi indirizzo: Si raccomanda di comunicare ogni cambio di indirizzo e e-mail per consentire la regolare spedizione di avvisi, corrispondenza e riviste. COPERTURE ASSICURATIVE per I SOCI POLIZZA INFORTUNI SOCI IN ATTIVITÀ SOCIALE Massimali Combinazione A: Caso morte € 55.000,00 Caso invalidità permanente € 80.000,00 Rimborso spese di cura € 2.000,00 (franchigia € 200,00) Premio compreso nella quota associativa Massimali combinazione B: Caso morte € 110.000,00 Caso invalidità permanente € 160.000,00 Rimborso spese di cura € 2.400,00 (franchigia € 200,00) Premio: aggiuntivo annuo per accedere alla combinazione B € 3,50, da farsi solo al momento del rinnovo La garanzia per la presente categoria decorre dalle ore 24,00 del 31/12/2017 e scade al 31/12/2018. COPERTURE ASSICURATIVE SOCI IN ATTIVITÀ INDIVIDUALE (FACOLTATIVE) Massimali Combinazione A: Caso morte € 55.000,00 Caso invalidità permanente € 80.000,00 Rimborso spese di cura € 2.000,00 (franchigia € 200,00) Diaria da ricovero giornaliera € 30,00 Premio annuale € 90,00 Massimali combinazione B: Caso morte € 110.000,00 Caso invalidità permanente € 160.000,00 Rimborso spese di cura € 2.400,00 (franchigia € 200,00) Diaria da ricovero giornaliera € 30,00 Premio annuale € 180,00 La polizza che coprirà tutti gli ambiti di attività tipiche del sodalizio (alpinismo, escursionismo, speleologia, sci-alpinismo, etc.) senza limiti di difficoltà e di territorio, avrà durata annuale dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018. 3

[close]

p. 4

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano Regolamento attività Art. 1 - Il capo-gita è un socio che si presta gratuitamente ad accompagnare altri soci su percorsi a lui ben conosciuti. Art. 2 - Il Capo-gita ha la direzione tecnica ed organizzativa dell’escursione. Ha altresì l’incarico di distribuire il materiale tecnico e di pronto soccorso fra i partecipanti: gli assegnatari dovranno restituirlo al Capo-gita al termine dell’escursione. Art. 3 - La scelta del percorso, le sue eventuali variazioni e l’annullamento eventuale dell’escursione sono insindacabilmente decise dal Capogita. Durante l’escursione è vietato allontanarsi dalla comitiva senza il permesso del Capo-gita ed esercitare qualsiasi attività di tipo individuale. Con la propria adesione il partecipante accetta di attenersi alle disposizioni del Capo-gita, dell’aiuto Capo-gita e degli eventuali altri coadiuvatori da lui nominati ed è tenuto a informarsi preventivamente sull’attrezzatura obbligatoria per l’escursione in programma. Art. 4 - Per le escursioni più impegnative il numero dei partecipanti sarà necessariamente limitato. Sarà facoltà del Capo-gita fissare il numero massimo dei partecipanti. Art. 5 - All’inizio delle escursioni indicate nel programma, ogni partecipante è tenuto a presentarsi con l’equipaggiamento e l’attrezzatura individuale prevista dalla locandina specifica, pena l’esclusione dall’escursione a giudizio insindacabile del Capo-gita o del suo aiuto. Il ritrovo per la partenza avviene con qualsiasi condizione climatica. Non sono ammessi ritardi all’appuntamento di partenza. Art. 6 - I partecipanti minorenni, all’atto dell’iscrizione, dovranno presentare l’autorizzazione scritta dei genitori o di chi ne fa le veci. Art. 7 - Le escursioni saranno generalmente effettuate con mezzi propri. Le relative spese di trasporto saranno equamente suddivise fra gli occupanti del veicolo. Qualora il numero dei partecipanti (iscritti più i due capo gita) non sia superiore a 7 la decisione di annullare o meno la gita è completamente di competenza dei due capo gita. Art. 8 - L’iscrizione e la partecipazione alle escursioni è aperta anche ai non soci, tranne in quelle espressamente riservate ai tesserati C.A.I. Nel caso sia richiesta una quota di partecipazione, l’iscrizione è ritenuta valida solo se accompagnata da caparra, che non sarà restituita in caso di mancata partecipazione dell’iscritto. Solo in occasione di annullamento da parte dell’organizzazione, la caparra sarà resa dopo la copertura delle spese vive. All’atto dell’iscrizione è altresì obbligatorio versare la quota riguardante la polizza assicurativa infortuni e soccorso alpino, solo per i non soci. Il termine ultimo per le iscrizioni è il giorno di apertura della sede antecedente la data della gita, salvo quanto diversamente indicato nel programma dettagliato; tale sera è altresì da considerarsi l’ultima per informarsi sulla disponibilità dei mezzi di trasporto e sulle eventuali variazioni apportate al programma. Art. 9 - Le Commissioni del C.A.I. di Desenzano organizzano, sovrintendono e coordinano l’attuazione dell’intero programma annuale delle escursioni sociali. Hanno la facoltà di variare il programma e/o la meta dell’escursione, secondo le circostanze, premurandosi di comunicarlo in tempo utile. Hanno altresì, sentito il parere del Consiglio Direttivo, facoltà di escludere dall’escursione l’iscritto che, in precedenza, non si sia attenuto alle norme del presente regolamento o alle disposizioni del Capo-gita e dei suoi aiuti. Art. 10 - Con l’iscrizione alla escursione si accettano incondizionatamente il presente regolamento e tutte le condizioni eventualmente adottate dagli organizzatori; nel contempo si sollevano gli stessi, il C.A.I. e la Sezione di Desenzano da qualsiasi responsabilità per fatti accaduti dovuti a negligenza personale da parte degli iscritti o da dichiarazioni false o parziali circa il grado di preparazione e le attitudini psicofisiche da essi rilasciate al momento dell’iscrizione e della partenza per l’escursione. Art. 11 - I cani al seguito dei partecipanti devono essere tenuti al guinzaglio e non devono costituire pericolo per gli altri iscritti. È obbligo avere con sé la museruola. I padroni sono gli unici responsabili per danni a cose o persone. I proprietari dovranno autonomamente provvedere al trasporto del proprio cane, utilizzando la propria automobile o di altro socio che liberamente acconsenta. I cani non sono ammessi sul pullman impiegati per il trasporto dei partecipanti alle gite sezionali. Il responsabile della gita valuterà di volta in volta la possibilità di partecipazione di cani all’escursione tenendo anche conto delle caratteristiche del percorso. 4 Iscrizioni escursioni Il termine ultimo per le adesioni è il giorno di apertura della sede antecedente la data dell’escursione, salvo quanto diversamente specificato nel programma. Per i minorenni è necessario un nulla osta sottoscritto dai genitori. Si ricorda che dal 2009 tutti i soci in regola con il tesseramento usufruiscono automaticamente della copertura assicurativa infortuni e soccorso alpino. Copertura assicurativa per i non soci: la Sezione ha reso obbligatorio l’iscrizione ed il versamento della quota per la copertura assicurativa infortuni e soccorso alpino, da effettuare tassativamente entro il giorno di apertura della sede antecedente l’escursione. (pari a 10,00 €), POLIZZA INFORTUNI IN ATTIVITÀ SOCIALE PER I NON SOCI Massimali Combinazione A: Caso morte € 55.000,00 Caso invalidità permanente € 80.000,00 Rimborso spese di cura € 2.000,00 (franchigia € 200,00) Dove è richiesta una quota di partecipazione, le iscrizioni si ritengono valide solo se accompagnate da suddetta quota, o da caparra se prevista In caso di mancata partecipazione, la somma versata o caparra non sarà restituita. In sede sono disponibili per il noleggio i seguenti materiali: GPS, piccozze, ramponi, caschi, imbragature, set da ferrata, ciaspole, pala, sonda e A.R.T.V.A. Escursionismo scala delle difficoltà T = TURISTICA: richiede una buona conoscenza dell’ambiente montano e una certa preparazione alla camminata. N = NATURALISTICA: itinerari guidati di particolare interesse naturalistico geografico con difficoltà simili alle turistiche. ST = STORICA: escursione a carattere storico didattico con difficoltà simili a quelle escursionistiche. E = ESCURSIONISTICA: richiede un certo senso dell’orientamento, esperienza di montagna, allenamento alla camminata, oltre che calzature ed equipaggiamento adeguati. EE = ESCURSIONISTI ESPERTI: richiede esperienza di montagna, passo sicuro ed assenza di vertigini, equipaggiamento, attrezzatura e preparazione fisica adeguate. EEA = ESCURSIONISTI ESPERTI CON ATTREZZATURA: percorsi su roccia attrezzati artificialmente, che richiedono una buona preparazione alpinistica e un’attrezzatura adeguata. A = ALPINISTICA: richiede conoscenza delle manovre di cordata, l’uso corretto di piccozza e ramponi, buon allenamento e buona esperienza di alta montagna. EAI = Escursionismo in ambiente innevato, con o senza ciaspole (racchette da neve ai piedi). Segnali internazionali di soccorso alpino In caso di necessità, per eventuali infortuni, è bene ricordare i segnali convenzionali per le richieste di aiuto e soccorso. La chiamata o risposta è effettuabile attraverso dei segnali acustici o luminosi (fischio, luce torcia elettrica, riflesso prodotto da uno specchietto, ecc.) secondo precise modalità. CHIAMATA: effettuare un segnale ogni 10 secondi (sei al minuto), intervallo di un minuto, quindi riprendere con l’alternanza dei segnali fino alla certezza di essere stati localizzati. RISPOSTA: effettuare un segnale ogni 20 secondi (tre il minuto), intervallo di un minuto, quindi riprendere con l’alternanza dei segnali. Se interviene un elicottero è bene ricordare che “due braccia alzate” significano “abbiamo bisogno di aiuto” atterrate, “un braccio alzato” sta a significare “va tutto bene” non atterrate. Chi dispone di radio ricetrasmittente può chiamare il più vicino rifugio, soccorso alpino, radioamatore. In caso di telefono cellulare comporre il 112. 5

[close]

p. 5

Club Alpino Italiano Si ricorda che Le uscite di scialpinismo sono riservate ai soli soci C.A.I. in regola con il tesseramento annuale. Con l’iscrizione alla prima uscita, i partecipanti dovranno compilare la scheda annua di partecipazione, che servirà al capogita per valutare il grado di preparazione tecnica dei partecipanti. Per tutte le uscite di scialpinismo è necessaria l’attrezzatura normale da scialpinismo + l’A.R.T.V.A, pala da neve e sonda. Ulteriore attrezzatura obbligatoria sarà valutata di volta in volta dalla Direzione della gita. Durante le prime uscite potranno essere effettuate prove di ricerca con A.R.T.V.A. (possibilità di noleggio in sede). Scala delle difficoltà scialpinistiche MS = MEDIO SCIATORE: l’itinerario si svolge su terreno aperto con pendenza moderata. Le difficoltà sono elementari, è in ogni modo necessaria una minima esperienza della montagna. BS = BUON SCIATORE: itinerario con pendenza sostenuta (30°-35°) e a volte esposto. Sciata controllata, buona conoscenza della montagna. MSA = MEDIO SCIATORE ALPINISTA: l’itinerario si svolge su terreno aperto con pendenza moderata. Le difficoltà alpinistiche sono elementari, è necessaria in ogni modo una minima esperienza della montagna. BSA = BUON SCIATORE ALPINISTA: itinerario con pendenza sostenuta (30°-35°) e a volte esposto. Sciata controllata, buona conoscenza della montagna e dell’uso di attrezzature specifiche (corda, piccozza, ramponi), buon allenamento. SCIALPINISMO: Informazioni e iscrizioni L’attrezzatura per le uscite di scialpinismo può essere noleggiata anche presso i negozi di sport. Per praticare lo scialpinismo è opportuno seguire uno dei corsi organizzati dalle scuole del Cai; le gite proposte sono una semplice introduzione per avvicinarsi alla disciplina con un impegno limitato. Il termine ultimo per l’iscrizione è il giorno di apertura della sede antecedente la data dell’escursione. Entro la stessa data la destinazione potrà essere modificata in base alle condizioni meteorologiche e del manto nevoso. 6 7

[close]

p. 6

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano ALPINISMO GIOVANILE XXVIII CORSO BASE 2018 Il corso è rivolto ai ragazzi nati dal 2006 al 2010 (8-12 anni). Con un susseguirsi graduale di esperienze teoriche e pratiche i ragazzi vengono avviati alla conoscenza dell’ambiente montano in tutte le sue forme e manifestazioni, fornendo loro le prime nozioni di base per un corretta e sicura frequentazione della montagna. Sabato 18 marzo 2018 ore 14.30 In occasione della giornata “Il CAI scende in piazza” ritrovo in piazza Malvez- zi per un primo incontro per conoscerci e assaggiare già l’emozione dei giochi con le corde. Domenica 25 marzo 2018 Partenza ore 7.30 Bezzecca – Lago di Ledro Lasciato il pullman a Molina costeggeremo il lago di Ledro percorrendo il sen- tiero a Nord. Raggiunta Pieve prenderemo la “via imperiale” e arriveremo a Bezzecca. Qui visiteremo il “Museo Garibaldino e della Grande Guerra” per poi spostarci sul colle Santo Stefano per la visita alle fortificazioni. Sull’altura, no- ta anche con il toponimo di “Dos Cerì”, sorge la chiesa di Santo Stefano, che risale al 1521 e fu segnata duramente dagli scontri della Terza guerra d’indi- pendenza. La chiesa fu restaurata nel 1894 e trasformata nel 1931 in ossario per accogliere i caduti del 1866 e quelli della Grande Guerra. Domenica 8 aprile 2018 Partenza ore 8.00 Santuario Monte Conche Dal passo del Cavallo che mette in comunicazione le valli Sabbia e Gobbia (742 m), si segue il percorso delle 3 valli “Silvano Cinelli” (3V) che per inizia- le irto sentiero attraverso tipici roccoli per la caccia ci porterà prima all’eremo di S. Giorgio (1125 m), e poi con leggera discesa fino al santuario delle Conche (1096 m). Durante la nostra escursione potremo godere di una splendida vi- sta della val Gobbia con Lumezzane a picco sotto di noi, fino ad uno spetta- colare angolo del lago di Garda. Sabato 21 e Domenica 22 aprile 2018 Partenza ore 7.00 Week end nel Promontorio di Portofino (Liguria) Dalla chiesa di San Rocco di Camogli si prende il sentiero che porta alla vetta del Monte di Portofino; il primo tratto in salita è completamente immerso nel bosco del Monte di Portofino; il percorso è decisamente ripido. Raggiunta la vetta, dopo circa 1 ora, (il sentiero è davvero magnifico) arrivati al passo delle Pietre Strette il percorso scende a picco, tra alberi da frutta ed ulivi, fino alla baia di San Fruttuoso. Da qui per sentiero con magnifica vista sul mare si arri- va poi a Portofino, dove un battello ci porterò fino a Santa Margherita Ligure. Domenica 13 maggio 2018 Partenza ore 7.30 Sentiero attrezzato delle CAVRE (Drò – Riva di Trento) Sentiero escursionistico, in parte attrezzato, nella Val d’Anglone sopra l’abi- tato di Ceniga e di Drò-Tn. Il tracciato ripercorre un vecchio percorso utilizza- to per la raccolta della legna. Infatti, lungo il sentiero, si incontrano testimonianze della vita dei boscaioli e pastori, teleferiche per la legna, ripa- ri sotto roccia e fonti per recupero acqua. 8 Domenica 27 maggio 2018 Mattino e pomeriggio Festa dello Sport al Parco del Laghetto Giochi di arrampicata intorno al laghetto del parco cittadino. Domenica 3 giugno 2018 Partenza ore 7.00 Val Vertova (BG) - Gemellaggio con CAI Albino - Gazzania (BG) La Val Vertova è uno degli angoli più suggestivi della media Valle Seriana. Si in- sinua tortuosamente incassata per 12 km, tra il monte Cavlera ed il Monte Ce- drina sino nel cuore del Massiccio del Monte Alben. Presenta aspetti naturalistici e paesaggistici di notevole rilevanza: specie animali e vegetali endemiche, la cui presenza è stata segnalata esclusivamente in questo territorio; numerose sor- genti, cascate spettacolari, forre e marmitte dei giganti modellate nei secoli dal- la forza delle acque; aspre ed inaccessibili creste rocciose e dolci pendii coperti da boschi, prati, pascoli, costellati da insediamenti rurali caratteristici. Sabato 23 e Domenica 24 giugno 2018 Partenza ore 7.00 Rifugio Comici – Locatelli (Dolomiti Orientali) Dal parcheggio di Val Fiscalina si sale nella valle, con un percorso piacevole e pianeggiante, fino a raggiungere il Rifugio Fondovalle a 1548 m. Proseguendo, oltrepassato un torrente, il percorso diventa piuttosto ripido, ma ben sviluppato e conduce fino al Rifugio Comici, in tedesco Zsigmondyhütte, a 2224 m. dove pernotteremo Qui è meravigliosa la vista sulla Cima Undici e la Cima Dodici. Dal Rifugio Comici l’Alta Via N.101 prosegue attraverso il Passo Fiscalino al Rifugio Pian di Cengia. Qui, nelle Dolomiti di Sesto, durante la Prima Guerra Mondiale si sviluppava il fronte dolomitico: non c’è da meravigliarsi dunque, che lungo il sentiero si trovino ancora testimonianze di quel tempo. Dal rifugio, verso nord il sentiero conduce attraverso i detriti con una discesa un po’ ripida, per poi diventare una bella e pianeggiante escursione con una vista mozzafiato sulla Punta Tre Scarperi fino al Rifugio Locatelli alle Tre Cime a 2.405 m. Unica e di incomparabile bellezza è da qui la vista delle famose Tre Cime di Lavaredo delle Dolomiti, Patrimonio Naturale dell’Umanità. Domenica 16 settembre 2018 Partenza ore 7.30 Monte Biaena (Val di Gresta – TN) Partendo dal Passo Bordala attraversiamo la strada e seguiamo le indicazio- ni per “Monte Biaena” (n. 671), che conduce attraverso prati e campi verso il bosco. All’inizio la strada è asfaltata, poi seguiamo una strada forestale, poi un sentiero boschivo. Raggiungiamo un tratto di “laste” facilmente attraver- sabili che aprono la vista sulla zona circostante: Monte Stivo, la Val di Gresta con il borgo di Ronzo Chienis, fino ad intravvedere il Lago di Garda. Passando per il rifugio “Capanna Monte Biaena” raggiungiamo i prati che si estendono fino alla croce di vetta a quota 1618 m. Domenica 16 settembre 2018 Partenza ore 8.00 Rocca di Manerba Giochi ed esercitazioni di orientamento nella Riserva Naturale Orientata del- la Rocca di Manerba. Mezzo di trasporto per tutte le uscite: autobus 52 posti. La partenza è fissata in Piazza Aldo Moro negli orari sopra indicati Città di L’attività di alpinismo giovanile gode del Patrocinio del Desenzano del Garda Comune di Desenzano del Garda - Assessorato allo Sport. 9

[close]

p. 7

Bergamo Gemellaggio Club Alpino Italiano ALPINISMO GIOVANILE XXVIII CORSO DI PERFEZIONAMENTO 2018 Il corso è rivolto ai ragazzi nati dal 2001 al 2005 (13-17 anni). È il naturale proseguimento per i giovani che hanno partecipato con profitto e continuità ai corsi base o per quelli che, pur non avendo frequentato le nostre attività, dimostrino di possedere le opportune conoscenze teoriche e pratiche basilari necessarie per affrontare percorsi alpinistici di media difficoltà. Sabato 3 e Domenica 4 marzo 2018 Partenza ore 14.30 Rifugio Campogrosso (Piccole Dolomiti Vicentine) Nel cuore delle Piccole Dolomiti Vicentine, con ad ovest il gruppo del Carega, a nord il Pasubio e ad est la catena del Baffelan e del Cornetto, trascorreremo un week end con pernottamento al rifugio Campogrosso. Neve permettendo, sarà l’occasione di percorrere con le ciaspole un cammino che unisce postazioni, trincee, osservatori, bunker, gallerie costruite durante la prima guerra mondiale della quale nel 2018 celebriamo il centenario. Domenica 15 aprile 2018 Partenza ore 8.00 Ferrata Crench (Lago d’Idro) Inaugurata nel 2007, creata dal benemerito Gruppo Sentieri Attrezza- ti di Idro, la ferrata Crench permette di salire la breve ma pressoché verticale parete S di Punta Pelada - 632 m., a picco sul Lago di Idro, per poi trovare la sua logica continuazione sulla crestina boschiva che, passando per una piccola sella poco sotto la cima di Punta Pelada, porta ai 778 m. della panoramicissima cima Crench. Domenica 29 Aprile 2018 Partenza ore 7.00 Strada delle 52 gallerie (Pasubio) La “strada storica militare delle 52 gallerie” si percorre in ore 3:00/ 3:30 partendo dal passo di Xomo. Il dislivello è di circa 800 metri e si percorrono gallerie molto ardite, con curve e biforcazioni. L’escursione non è da sottovalutare e non è una passeggiata turistica, pur non presentando particolari difficoltà o pericoli. La strada delle 52 gallerie (o strada della Prima Armata) è una mulattiera militare costruita durante la Prima guerra mondiale sul massiccio del Pasubio. È lunga 6.555 metri, dei quali ben 2.335 sono suddivisi nelle 52 gallerie scavate nella roccia; ogni galleria è nume- rata e caratterizzata da una propria denominazione. 11

[close]

p. 8

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano Domenica 20 maggio 2018 Partenza ore 7.30 Valle dei Mulini e Malga Presolana La Valle dei Mulini caratterizzata, cosa peraltro rara per il territorio ca- stionese, dalla costante presenza di acqua è stata sede di insedia- menti umani sin dalla preistoria. Raggiunta la frazione di Rusio si imbocca la valle che conduce, risalendo il torrente senza grossi disli- velli ma con parecchi guadi, alla Malga Presolana (1538 m.). Dalla mal- ga seguiremo la strada quasi pianeggiante che punta verso Sud e passa accanto alla Malga di Campo 1528 m., alla Malga Pozzetto (1399 m.) per poi scendere a tornanti con belle visuali sulla sottostante val- lata e tornare al punto di partenza. Domenica 27 maggio 2018 Mattino e pomeriggio Festa dello Sport al Parco del Laghetto Giochi di arrampicata intorno al laghetto del parco cittadino. Domenica 10 giugno 2018 Partenza ore 7.00 Pizzo Badile Camuno Magnifica e impegnativa salita a una delle vette più caratteristiche del- la Valle Camonica, la cui cuspide calcarea, che si eleva su un basa- mento di tonalite tipica del massiccio dell’Adamello, “a seguito di un particolare fenomeno luminoso noto col nome di ‘Spirito della Monta- gna’ (...), in occasione del sorgere del Sole, appare di dimensioni più che doppie, come un grande miraggio a colori proiettato in alto nel cie- lo.” (Brunod, Veneziano). Tale fenomeno è particolarmente evidente durante gli equinozi. Anche per questo motivo il Pizzo Badile e la Con- carena, che gli sta di fronte, erano considerate montagne sacre dagli antichi Camuni. Per raggiungere la cima a 2435 metri di altezza per- correremo la ferrata che è stata completamente rimessa a nuovo nel novembre del 2016. Sabato 30 giugno Domenica 1 luglio 2018 Partenza ore 10.00 Monte Pasquale – Rif. Pizzini Il Monte Pasquale, frequentatissima meta scialpinistica, è una cima secondaria del gruppo Ortles - Cevedale, ma ugualmente di grande soddisfazione. Essa è separata dal Monte Cevedale dal Colle del Pasquale e, data la sua posizione centrale rispetto alle altre cime della Valle dei Forni, dalla sua sommità si gode di un ottimo panorama sul gruppo delle tredici cime e sul Gran Zebrù. Sabato 6 e Domenica 7 ottobre 2018 Partenza ore 14.00 Autogestione Bivacco S.Occhi (Val Camonica) Il Bivacco Saverio Occhi è situato in località “Plas de l’Asen” a quota 2.047 m. nella maestosa Val Grande inserita all’interno del Parco Na- zionale dello Stelvio. Dedicato alla memoria dell’alpinista originario di Vezza d’Oglio Saverio Occhi, tragicamente caduto il 17 maggio 1992 mentre saliva in solitaria la parete nord del Lyskamm occidentale (vet- ta di 4470 m. del Massiccio del Monte Rosa), venne inaugurato il 25 settembre 1994 e da allora costituisce un fondamentale punto di rife- rimento per chi voglia scoprire le stupende vallate dell’Alta Valle Ca- monica. Tutta la valle in questo periodo dell’anno è un richiamo per moltissimi escursionisti che vogliono osservare i giochi amorosi dei cervi e ascoltare i loro bramiti. L’attività di alpinismo giovanile gode del Patrocinio del Comune di Desenzano del Garda - Assessorato allo Sport. Città di Desenzano del Garda Trekking del Civetta 12 13

[close]

p. 9

Club Alpino Italiano Gruppo di arrampicata sportiva con Istruttori e Guida Alpina OVER 18 in arrampicata GRUPPO JUNIORES OVER 18 “GARDA ROCK” CORSO DI ARRAMPICATA SPORTIVA Il gruppo Garda Rock, nato alla fine del 2016, promuove l’arrampicata sportiva e l’avvicinamento all’ambiente alpino per giovani dell’età compresa fra 18 e 25 anni. Nel 2017 sono stati organizzati 2 corsi di arrampicata sportiva che hanno portato per la prima volta 15 ragazzi in contatto con la verticalità e le manovre di corda, il tutto condotto in sicurezza da una Guida Alpina. Per la primavera 2018 sarà organizzato un corso di arrampicata sportiva che prevederà: uscite in falesia, una in palestra indoor, lezioni teoriche su materiali, nodi e sicurezza nelle manovre. La conduzione del corso sarà affidata ad una Guida Alpina coadiuvata da soci delle commissioni di Escursionismo e Alpinismo Giovanile unitamente alla commissione organizzatrice. Il programma dettagliato del corso, con le date delle uscite, costi e informazioni, sarà disponibile presso la nostra sede a partire da febbraio 2018. 14

[close]

p. 10

Club Alpino Italiano 2018 NON SOLO MONTAGNA IL CAI SCENDE IN PIAZZA Domenica 18 Marzo 2018 La nostra sezione scenderà in piazza Malvezzi per presentare a tutta la popolazione di Desenzano le proprie attività. In particolare intorno al Porto Vecchio e sotto il portico di Palazzo Todeschini giochi con le corde aperti a tutti i ragazzi. Spettacolare e ricca di adrenalina la traversata del canale che attraversa il ponte alla Veneziana appesi ad una carrucola. La Lega Navale fornirà come sempre il suo supporto logistico e metterà a disposizione dei ragazzi un optimist per attraversare il Porto Vecchio. MOSTRA DI QUADRI E FOTOGRAFICA Sabato 10 marzo – sabato 24 marzo Galleria Civica Bosio – Palazzo Todeschini Collezione di quadri dell'artista bresciano Tita Secchi Villa, nipote del partigiano Tita Secchi fucilato a Brescia il 16 settembre 1944, sul tema della montagna con riferimenti ai luoghi dove si svolse la guerra partigiana sulle Prealpi Bresciane.Unitamente all'esposizione pittorica, il fotografo Matteo Bertè, socio CAI della sezione desenzanese, offrirà il suo punto di vista con una serie di scatti che dalla Patagonia arrivano all'Himalaya, dove la verticalità fa da paradigma. LE MONTAGNE BRESCIANE ED IL LAGO DI GARDA Venerdì 16 marzo 2018 Palazzo Todeschini Fausto Camerini, alpinista, escursionista, fotografo e scrittore, corrispondente di Brescia Oggi, presenta alcuni filmati ambientati sulle montagne bresciane che si affacciano sul lago di Garda. FESTA DELLO SPORT AL PARCO DEL LAGHETTO Domenica 27 Maggio 2018 Giochi di arrampicata intorno al laghetto del parco cittadino GIORNATA SEZIONALE DEI SENTIERI Domenica 23 Settembre 2018 In occasione della settimana Europea contro l’abbandono dei rifiuti Un’iniziativa a carattere Sezionale per conoscere, valorizzare, manutenzionare il grande patrimonio dei sentieri che calpestiamo, frutto di tanto lavoro da parte dei soci CAI. Gli attori principali coinvolti sono i componenti della Commissione Sentieri, ma la giornata è rivolta anche a tutti i soci sensibili a mantenere fruibili e puliti i circa 80 km di sentieri che la Sezione gestisce. Il programma dettagliato, sarà reso noto entro Aprile 16 Gaishorn ALPINISMO GIOVANILE • GARDA ROCK • SCIALPINISMO • ESCURSIONISMO • ALPINISMO

[close]

p. 11

Club Alpino Italiano Domenica 17 Dicembre 2017 Sci Alpinismo e ciaspole Monte Misa m. 2184 (Prealpi bresciane) Percorso facile ma remunerativo in ambiente aperto e grandioso. Se le gambe lo consentono, una ripellata di 200 m sul Monte Gera completerà la bella sciata. Durante la gita, percorribile anche con le ciaspole, sarà possibile ripassare l’utilizzo dell’ARTVA e le principali tecniche di soccorso da valanga. Possibilità di noleggio materiale in loco. N.B. In caso di assenza di neve la gita si terrà ugualmente su un percorso attiguo ... in mountain bike. Partenza: ore 7.00 dalla sede CAI Inizio escursione: piana del Gaver, Breno 1500 m. Trasporto: auto private Dislivello: 684 m. Difficoltà: MS Tempo di percorrenza: ore 2 salita Esposizione prevalente: nord-est Direzione: commissione scialpinismo Domenica 14 Gennaio 2018 Scialpinismo Giogobello / Schönjöchlspitz m. 2308 (Monti Sarentini) Itinerario su dorsale facile e abbastanza sicuro. Dal centro di Pennes seguire la mulattiera n. 12 che attraversa il ponte sul torrente Talvera. La stretta mulattiera sale in modo sostenuto fino alla Kirchberg Alm. Deviare a sinistra sempre nel bosco fino ad un grande pianoro dal quale si vede la cima della Schönjöchlspitz, che si raggiunge seguendo la dorsale ed aggirando alcune strutture rocciose. In alternativa, dalla Kirchberg Alm continuare sulla forestale e, quando la valle si apre, proseguire costeggiando il torrente fino a quando i pendi iniziano a salire decisamente; a questo punto girare a sinistra e salire per pendii più sostenuti fino in vetta. Partenza: ore 6.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Pennes (Sarentino, Bz) 1450 m. Trasporto: auto private Dislivello: 900 m. Difficoltà: MS Tempo di percorrenza: ore 3 salita Esposizione prevalente: nord-ovest Direzione: commissione scialpinismo 18 19

[close]

p. 12

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano Domenica 14 Gennaio 2018 Escursione invernale con le ciaspole Rifugio La Montanara m. 1525 (Gruppo del Brenta) E’ una ciaspolata piacevole, tra piccole radure e fitti boschi, che culmina con l’arrivo al pianoro dove il rifugio la Montanara si affaccia sulle Dolomiti di Brenta. Il primo tratto dell’escursione è caratterizzato da una leggera salita, con il sentiero che procede a zig-zag tra faggi ed abeti. Abbandonata la strada forestale per il Pradèl, il percorso si fa più ripido, puntando dritto al rifugio La Montanara. La location del rifugio lascia a bocca aperta: la catena del Brenta si staglia maestosa nella sua versione con le vette imbiancate. Si nota l’imponente figura del Croz dell’Altissimo e poi spostando lo sguardo verso sinistra, si scorge la serie infinita di cime dalle caratteristiche forme aguzze, frutto della millenaria azione di acqua, neve e vento sulla fragile roccia dolomitica. Partenza: ore 7.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Molveno (TN) Trasporto: auto private Dislivello: 430 m. salita – 450 m. in discesa Difficoltà: EAI Tempo di percorrenza: ore 6 Direzione: Danesi Nicola - Menegato Paola (Comm. Escursionismo) 20 Domenica 28 Gennaio 2018 Escursione invernale con le ciaspole Malga Borche m. 1802 (Gruppo Ortles Cevedale) Facile escursione con panoramiche vedute sulla Val di Pejo, con partenza dalla località Biancaneve a Cogolo. Si costeggia inizialmente il tracciato delle piste in salita, fino ad addentrarsi nel fitto bosco, per poi raggiungere una serie di caratteristici masi: prima il Maso Fontana Matta e, successivamente, i masi delle località Stablo e Frattaperta. Si sale in seguito fino a raggiungere la quota più alta dell’escursione, in corrispondenza della Malga Borche (1802 m.), dalla quale sarà possibile ammirare un meraviglioso panorama sull’intera Val di Pejo, in particolare sul suggestivo borgo di Pejo Paese e sulle circostanti imponenti montagne del gruppo Ortles-Cevedale. Il rientro verrà effettuato seguendo la lunga, ma comoda, strada forestale che scende innevata sino alle prime case di Cogolo seguendo diversi comodi tornanti. Partenza: ore 7.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Località Biancaneve – Cogolo 1200 m. Trasporto: auto private Dislivello: 600 m. Difficoltà: EAI Tempo di percorrenza: ore 5 Direzione: Menegato Paola – Tosini Gianluigi (Commissione Escursionismo) Mercoledì 7 e Giovedì 8 Febbraio 2018 Escursione invernale con le ciaspole Passo Nigra e Val Duron m. 1740 (Dolomiti - Val di Fassa) Il primo giorno parcheggiamo in cima a Passo Nigra e poi, per comoda e ampia strada forestale, attraverso una vasta e bellissima pineta in circa 2.30 ore raggiungeremo un punto di ristoro. Durante il percorso si incontrano ampie radure con belle baite e meraviglioso panorama sul Gruppo del Catinaccio e il Latemar. Il rientro è sempre per la stessa strada. Pernottamento in pensione in Val di Fassa. Il secondo giorno, a seconda dell’innevamento, si farà la risalita con le ciaspole della Val Duron, sempre per comoda strada forestale in mezzo alla pineta, partendo da Campitello di Fassa sino alla Baita Lino Brach o, in alternativa, si salirà verso la Val San Nicolò verso l’omonimo rifugio . Rientro nel pomeriggio per la stessa strada e poi ritorno a Desenzano. Partenza: ore 7.30 dalla sede CAI Inizio escursione: Passo Nigra (BZ) Trasporto: auto private/funivia Dislivello: 200 m. al giorno Difficoltà: EAI Tempo di percorrenza: ore 5 ogni giorno Direzione: Rocco Valentina tel. 340.5359779 – Mogno Giovanni (Com. Seniores) 21

[close]

p. 13

Club Alpino Italiano Rientro dalla Marmolada Domenica 11 Febbraio 2018 Escursione invernale con ciaspole Punta d’Oro m. 2268 (Dolomiti – Alpe di Siusi) Una bellissima escursione ad anello con le racchette da neve sull’Alpe di Siusi, con partenza da Compaccio, raggiungibile solo con la funivia dal paese di Siusi. Si attraversa il piccolo abitato e ci si porta sul versante meridionale dell’Alpe iniziando a ciaspolare in direzione della Punta d’Oro. Dopo aver superato i prati di Laurin, si raggiunge la strada forestale, si volta a sinistra e si prosegue per i Denti di Terrarossa (Rosszähne); si sale quindi ai prati Tschapit e si prosegue per la Punta d’Oro (Goldknopf – 2268 m.), il punto più alto dell’Alpe di Siusi. Il panorama è inizialmente caratterizzato dal monumentale profilo dello Sciliar mentre successivamente la vista si dedica alla contemplazione delle pareti del Sassolungo e del Sassopiatto, vicini, e delle lontane Odle. Dalla cresta si scende alla Mahlknechtschwaige, un’accogliente baita d’alpeggio, in cui si potrà consumare un eccellente pasto. Partenza: ore 7.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Compaccio Trasporto: Auto private + funivia Dislivello: 510 m. Difficoltà: EAI Tempo di percorrenza: ore 5 Direzione: Menegato Paola – Tosini Gianluigi (Com. Escursionismo) Domenica 18 Febbraio 2018 Scialpinismo Antermoia (passo) e traversata del Catinaccio m. 2790 (Dolomiti Val di Fassa) Spettacolare itinerario su ampi pendii. Dalla partenza della seggiovia a Pera di Fassa si segue il sentiero estivo più o meno parallelo alla seggiovia fino ai piani di Peciè, dopo di che si prosegue su stradina battuta fino al rifugio Gardeccia, poi sempre seguendo il vallone, il rifugio Vayolet. Poco prima del rifugio Principe si devia decisamente a destra verso l’evidente forcella (quota 2790). Da li si prosegue con qualche saliscendi verso la valle Duron, quindi a Campitello di Fassa dove con i mezzi pubblici si rientra alla partenza Partenza: ore 6.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Pera di Fassa 1300 m. Trasporto: auto private Dislivello: 1490 m. Difficoltà: MS Tempo di percorrenza: ore 5 Esposizione prevalente: nord Direzione: Commissione Scialpinismo 22

[close]

p. 14

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano Mercoledì 21 Febbraio 2018 Escursione invernale con le ciaspole Monte Melino m. 1442 (Giudicarie Valle del Chiese – Boniprati) Il Monte Melino fu conquistato il 20 ottobre 1915 dopo due giorni di combattimento, dai fanti del 77° e 78° regimento della Brigata Toscana. Salirono dal versante ovest e nord, dove il pendio appare ripido, impraticabilee franoso. In quegli anni, su questi versanti non c’erano alberi, sacrificati alla produzione del carbone e legna per la difesa dei forti di Lardaro. L’attacco avvenne su terreno impervio e scoperto, battuto dalle mitragliatrici austriache. La cima fu conquistata dopo un deciso assalto all’arma bianca. Partenza: ore 7.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Rifugio Lupi di Toscana Trasporto: auto private Dislivello: 300 m. Difficoltà: T/E Turistica/Escursionistica Tempo di percorrenza: ore 3 circa Direzione: Bonomini Giovanni Tel. 340.9526181 – Filippini Lorenzo (Comm.Seniores) Sabato 24 e Domenica 25 Febbraio 2018 Escursione per famiglie (uscita sulla neve per grandi e piccoli) Chamois (Val d’Aosta) Chamois, 1815 metri sul livello del mare, unico comune italiano non raggiungibile dalle automobili, dal 2006 può fregiarsi dell’appellativo di “Perla delle Alpi”. Si raggiunge con una mulattiera di 93 curve, su piccoli aerei oppure in funivia. Partiremo dal piazzale Aldo Moro a Desenzano con il Pullman. Arrivati a Buisson saliremo sulla funivia comunale che ci porterà a Chamois. Verremo ospitati nella casa rifugio Bellevue. Sabato visiteremo la piana del lago Lod e Domenica 25 febbraio saliremo con la seggiovia al passo sotto la cima Falinère: da cui sarà possibile ammirare il Cervino. Gli orari e maggiori dettagli verranno Comunicati in seguito. L’itinerario sarà adattato alle condizioni di innevamento. Partenza: ore 8.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Chamois Trasporto: Pullman da 54 posti gran turismo Dislivello: 150 m. 1°giorno 300 m. 2° giorno Difficoltà: EAI escursione con ciaspole Tempo di percorrenza: non definibile oggi Direzione: Tira Ermanno – Vinco Laura (Comm. Alpinismo Giovanile e Escursionismo) 24 Domenica 4 Marzo 2018 Escursione invernale con ciaspole Monte del Passo m. 2396 (Alpi Sarentine) Nel cuore della Val Isarco, si alzano le Alpi Sarentine che, con le cime di San Lorenzo e di San Cassiano, declinano fino a raggiungere le pendici settentrionali del Corno del Renon. La nostra meta si colloca in questo scenario, molto panoramico. Dal maso di Oberst (1962 m.), si risale fino al dosso Kaseregg, nelle vicinanze di malga Kaserer Jochalm. Costeggiando il bosco, si prosegue attraverso vasti alpeggi che offrono una vista magnifica sulle Dolomiti. Oltrepassato il piccolo santuario con chiesetta e rifugio della Croce di Lazfons (2242 m.), risaliamo fino alla vetta del Monte del Passo (Jocherer Berg), dalla quale si può ammirare un panorama stupendo. Il percorso di discesa ci consente di raggiungere la Stoffl Hutte (2057 m.) e di rientrare al punto di partenza chiudendo il percorso ad anello. Partenza: ore 7,00 dalla sede CAI Inizio escursione: Latzfons (BZ) Trasporto: auto private Dislivello: 500 m. salita - 500 m. discesa Difficoltà: EAI Tempi di percorrenza: ore 6 Direzione: Danesi Nicola - Guerra Simone ( Comm. escursionismo) Mercoledì 07 Marzo 2018 Escursionismo Seniores Monte della Croce – Eremo di S. Cassiano m. 250 (Colli Berici – Lumignano VI) L’itinerario si svolge con un ampio anello intorno al Monte della Croce durante il quale si visiterà l’Eremo Di San Cassiano e ci condurrà sugli alti dirupi meta di scalatori provenienti da ogni parte d’Europa. Il Monte della Croce, le cui pareti orientali e meridionali catturano lo sguardo per l’acceso cromatismo che le caratterizza e per i loro vertiginosi strapiombi, è l’elemento morfologicamente dominante cui però, oltre il solco della Val Cumana che percorreremo, fa da degno contraltare l’isolato dosso roccioso del Brojon, caratteristicamente scavato da infinite nicchie e cavità naturali. Partenza: ore 8.00 dalla sede CAI Inizio escursione: Lumignano (VI) Trasporto: auto private Dislivello: 500 m. Difficoltà: T/E Turistica – Escursionistica Tempo di percorrenza: ore 4 Direzione: Rocco Valentina tel. 340.5359779 – Bonomini Giovanni (Comm. Seniores) 25

[close]

p. 15

27

[close]

Comments

no comments yet