il Portico 346

 

Embed or link this publication

Description

la voce dei novellaresi

Popular Pages


p. 1

ANNO XXXVI MENSILE NOVELLARESE D'INFORMAZIONE Consulenza e stime immobiliari Gestione Affitti - Compravendite NOVELLARA (RE) V.le Montegrappa, 11/b Cell. 348-4446131 - Tel. 0522-654100 Dicembre 2017 n.346 Buon Natale e Buon Anno a tutti i novellaresi Foto Mauro Storchi Morellini Geom. Daniele - COSTRUZIONI EDILI - RISTRUTTURAZIONI - VENDITE IMMOBILIARI - PROGETTAZIONI Viale Montegrappa, 40 - 42017 Novellara (RE) - Tel. 0522 - 652719 - Cell. 348 9000390 www.dmcostruzionisrl.it - Email: info@dmcostruzioni.it

[close]

p. 2

2 E’ più facile accontentarsi che vivere per realizzarsi PD Novellara, tempo di bilanci e di obiettivi per il nuovo anno. di Daniele Panciroli Colgo l’occasione del cambio d’anno 2017 2018 per analizzare quanto fatto dal Circolo PD locale nell’anno appena trascorso, al fine di “spronare” ad una sempre migliore “offerta”, se così vogliamo definirla. Nell’ordine il Circolo PD ha promosso assemblee tematiche su Lavoro, Immigrazione e Sicurezza, ha organizzato le Primarie 2017, ha predisposto due Feste (a maggio e novembre), ha organizzato la Festa dello Sport a sostegno delle associazioni sportive novellaresi, a Festa Reggio ha gestito il Ristorante “Ciao Mare“ insieme al Circolo PD di Correggio, ha devoluto in beneficienza 10 mila euro (Comune di Ussita, Protezione Civile, ADMO e SAP), ha organizzato il Congresso locale ed ha infine promosso un Questionario ON LINE, cercando di raccogliere opinioni e suggerimenti. A ciò si aggiunga poi l’attività politica ordinaria, con la convocazione di Segreterie e Direttivi. Tanto o poco che sia quanto elencato merita comunque rispetto; coloro che hanno ideato e promosso quanto sopra, l’hanno fatto dedicando gratuitamente ore del proprio tempo libero. Tutti “mossi” da uno spiccato senso della comunità che merita un plauso. Ora. L’analisi potrebbe concludersi qui, considerando anche quanto fanno Circoli a noi territorialmente vicini e potremmo addirittura ritenerci soddisfatti, ma non è questo il mio intento. Io rilancio. Non posso pensare che non si possa ambire a qualcosa di più. Traduco in numeri. Queste iniziative sono state ideate ed organizzate su una “base volontari” di circa 100 persone. Legittimo attendersi che se i volontari fossero di più potremmo raggiungere traguardi migliori. Come elemento di paragone (alle 100 persone citate) utilizziamo l’evento mediaticamente più rilevante e partecipato, nonché quello che in una logica democratica più ci caratterizza, ovvero le Primarie del nostro Partito. Svoltesi il 30 aprile scorso, le Primarie a Novellara hanno visto la partecipazione e l’ingresso nella Sede locale (in via Montegrappa) di quasi 900 persone. Al di là del risultato finale e di un’analisi storica dei numeri (Primarie sempre meno partecipate), se parte di quel “popolo delle Primarie“ si applicasse e si aggiungesse ai “100” di cui sopra, potremmo sicuramente implementare e migliorare l’attività svolta. La “partecipazione” dovrebbe essere una costante per chi si definisce “elettore del PD” votando alle Primarie. Il Partito vive 365 giorni l’anno e non soltanto il giorno della scelta del Segretario Nazionale. Un Partito o un Circolo PD locale ha bisogno della collaborazione e aiuto di tutti (anche in termini di idee e proposte oltre che disponibilità nel fare ) per sopravvivere e proseguire la propria attività. Spesso si imputa ai Partiti il fatto di “farsi vivi” solo nel momento del voto, ecco, qui voglio anche scardinare questo concetto, la disponibilità del nostro Circolo PD è massima affinché ognuno trovi il suo “spazio”. Come ? Ecco alcuni esempi pratici. Tesserarsi, frequentare la nostra sede, lasciare i propri contatti per essere a conoscenza delle nostre attività, visitare il sito, rispondere a futuri Questionari ON LINE, partecipare alle Feste sia come clienti sia come volontari, aderire a pranzi / cene di beneficienza nonché farsi ideatori e promotori di attività che concretizzino i nostri ideali di centro – sinistra, affinché questi non rimangano solo utopici. Le modalità di partecipazione sono tante, il Partito cercherà di migliorare quanto di buono già fatto negli anni passati, ma per farlo avrà bisogno di una “base volontari” più ampia; l’ingresso anche solo di una persona (che puoi già essere tu), può aiutarci a perseguire l’obiettivo. Ti aspettiamo. Circolo PD Novellara viale Montegrappa, 54 Apertura: dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 11 - Domenica mattina dalle 10 alle 12. Tel. 0522-654447 Mail: pd.novellara@live.it Sito: http://pdnovellara.wordpress.com/ NOVITÀ CENTRO REVISIONE AUTOVEICOLI Assistenza - Vendita nuovo - usato Vendita ricambi originali Gommista - Installazione impianti GPL NOVELLARA (RE) Via Galois, 2/4 Tel. 0522.653650 www.nuovacantoniemonari.it - info@nuovacantoniemonari.it Consulenze nutrizionali: Dr.ssa Bigliardi TORNARE IN FORMA IN MODO SANO! LE NOSTRE DIETE: SNELL BALANCE: programma alimentare 2 settimane DIMA BIO DIET: metodo dimagrante - drenante - tonificante REMISE EN FORME: in 2 step depurazione e metabolismo dr.ssa Bigliardi & dr.ssa Barilli NOVELLARA (RE) via V. Veneto, 18 e via Cavour, 30/b tel.0522/662989 www.erboristeriasanfrancesco.com

[close]

p. 3

3 Millefiori, la priorità è mantenere la governance sui servizi e garantire la qualità di Alessandro Baracchi Assessore ai Servizi Sociali e Vice Sindaco di Novellara L’istituzione ‘I Millefiori’ da 15 anni gestisce i servizi sociali come ente strumentale del comune di Novellara. Da diversi anni i vincoli in materia di spesa di personale introdotti dal legislatore stanno minando sempre più la flessibilità organizzativa e la capacità assunzionale del Comune stesso, con conseguenze a medio termine anche sulla qualità dei servizi. Per questo motivo l’amministrazione con l’inizio del suo mandato ha intrapreso un percorso di analisi, tutt’ora in fieri, per trovare gli strumenti per far fronte ai vincoli assunzionali ma allo stesso tempo mantenere la gestione pubblica e diretta dei servizi con contestuale sostenibilità di bilancio per garantire e migliorare la qualità dei servizi che da sempre caratterizza Novellara. Uno degli strumenti individuati è l’azienda speciale, ente strumentale pubblico con una fiscalità più favorevole rispetto ad altre ipotesi in campo (l’asp su tutte). Capiamo le ragioni delle OOSS ma allo stesso tempo vogliamo trovare il modo di dare prospettiva ai servizi per svilupparli ulteriormente senza ricorrere all’esternalizzazione al privato, scenario ormai sempre più frequente. In tutto questo percorso nel quale i dipendenti son stati coinvolti fin da subito, faremo di tutto per garantire e se possibile migliorare i loro diritti acquisiti e i relativi istituti contrattuali. Siamo consapevoli che la qualità del servizio dipende dal quotidiano impegno dei lavoratori che non è mai mancato anche in condizioni di difficoltà. È per questo che intendiamo, nel caso tale orientamento avrà un seguito, aprire un tavolo per costruire per loro le migliori condizioni possibili. Sotto il cielo di Novellara battono cuori generosi Protezione Civile e Croce Rossa Italiana hanno allestito le palestre per l’accoglienza delle persone sfollate a seguito delle esondazioni del fiume Enza. Si è provveduto all’organizzazione per la somministrazione di pasti. Molte persone si stanno mobilitando per offrire aiuti e vorrei ringraziare tutti per la disponibilità. I bambini ospitati nella palestra hanno trovato al risveglio un piccolo dono lasciato da Santa Lucia, una calza piena di dolci e giocattoli. Anche nell’emergenza, ringrazio tutte le persone che hanno pensato che la notte appena passata non potesse essere solo una notte di acqua, fango e paura per tanti sfollati, ma dovesse restare la magica notte di Santa Lucia. È così è stato. Santa Lucia passa sempre dove ci sono i bambini, anche quando sono lontani dalla loro case. Elena Carletti Sindaca di Novellara Foto Mauro Storchi

[close]

p. 4

4 Reddito di solidarietà, fuori dalla povertà insieme. I nuclei familiari, anche composti da una sola persona, con Isee non superiore a 3000 euro possono presentare la domanda presso l’Istituzione Millefiori. Per informazioni, contatta I Millefiori allo 0522.655481 / millefiori@comune.novellara.re.it Orario ridotto gli uffici del Servizio elettorale, Stato Civile, leva e servizi cimiteriali da gennaio 2018 fino alle elezioni politiche, osserveranno i seguenti orari: lunedì – mercoledì- giovedì – venerdì: apertura alle 9.30; martedì mattina chiusura al pubblico, con apertura nel pomeriggio (fatte salve procedure funebri urgenti non rinviabili al pomeriggio) sabato mattina apertura 8.30 – 12 CIE: per bloccare la propria CIE in caso di furto o smarrimento occorre contattare il numero verde 800263388 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18, sabato dalle 8 alle 14). Per maggiori informazioni sui dati da fornire, visita il sito http://www.cartaidentita. interno.gov.it alla voce Contatti. Reperibilità polizia mortuaria: è online il calendario delle reperibilità per decessi dei mesi di dicembre e gennaio. Per consultarlo, visita il sito www.comunedinovellara.gov.it Dopo la cremazione le urne contenenti le ceneri possono: essere disperse, inumate o tumulate, essere poste in sosta temporanea presso l’obitorio comunale. Le ceneri possono essere conservate anche al proprio domicilio ma è importante dichiararlo all’anagrafe è un procedura semplice chiedi info a urp@comune. novellara.re.it Oppure consulta il del Comune. In caso di neve… bisogna aver pazienza! È attivo il piano neve 2017/2018. Quest’anno saranno quattordici i mezzi a disposizione del Comune per monitorare e vigilare 24 ore su 24 il territorio novellarese in caso di nevicate che supereranno i 5 cm. Per maggiori informazioni, consulta il sito del comune. Botti di capodanno? No grazie! In vista del Capodanno il Comune di Novellara si appella alla collaborazione ed al buon senso delle famiglie, dei ragazzi e di tutti i cittadini per evitare ogni sorta di allarmismo, paura e vandalismi provocati dall’accensione di petardi e botti in spazi pubblici e privati Chiusura uffici comunali: si ricorda che gli uffici comunali osserveranno chiusura completa nei giorni 1 e 6 gennaio. Vaccinazione contro l’influenza: protegge se stessi e riduce la possibilità per gli altri di ammalarsi. Per maggiori informazioni, consulta il sito www.ausl.re.it Macellazione a domicilio dei suini per uso familiare 2017-2018: l’amministrazione comunica che la macellazione a domicilio dei suini per uso familiare è consentita dal 15/11/2017 al 15/02/2018, per un massimo di due suini per nucleo familiare. Per informazioni chiama 0522-655535 Bonus oltre la scuola: il progetto, a cura dell’Assessorato alla scuola, prevede buoni-voucher erogati dall’Istituzione I Millefiori a favore degli studenti delle classi quinte delle scuole primarie e prime delle scuole secondarie di Novellara e San Giovanni. Per informazioni sulle modalità di adesione all’iniziativa, leggi la notizia dedicata sul sito del comune. TARI – tutti gli 8 Comuni dell’Unione Bassa Reggiana (tra cui Novellara) hanno applicato la quota variabile una sola volta per ogni utenza domestica e non anche alle singole pertinenze (garage, cantine, posti auto eccetera). Canile di Novellara: il canile di Novellara raccoglie vecchi panni e coperte per aiutare i suoi ospiti ad affrontare il freddo dell’inverno. Per informazioni è possibile contattare lo 0522654657 Attenzione alla Tessera Elettorale Personale (TEP) Se risulta esaurito lo spazio per nuovi timbri occorre riconsegnarla all’Urp e contestualmente chiedere il rilascio di una nuova Tessera. Tracce di storia dall’archivio: protagonista di questo mese è il Regolamento della biblioteca, deliberato dal Consiglio di Novellara nella seduta del 28 ottobre 1870 e che è conservato in archivio storico. Per approfondire, visita il sito del Comune alla voce Archivio storico. È attivo lo sportello anticorruzione del Comune di Novellara a cui risponde il Segretario Generale sportelloanticorruzione@comune.novellara.re.it tel 0522 655404. DALLA PROVINCIA E DALLA REGIONE Il Reddito di Inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale che prevede un beneficio economico erogato attraverso l’attribuzione di una carta prepagata emessa da Poste Italiane SpA ed è subordinata alla valutazione della situazione economica e all’adesione a un progetto di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa. Per informazioni su requisiti e modalità di richiesta, consulta il sito www.inps.it Centro per l’impiego: dal 1 dicembre sarà possibile iscriversi ai centri per l’impiego provinciali comunicando la propria dichiarazione di immediata disponibilità (DID) online, sul sito. Per effettuare l’iscrizione, occorre registrarsi sul sito https://lavoroperte.regione. emilia-romagna.it DIANA SAS Supermarket NOVELLARA (RE) Piazza Mazzini, 15 - Tel. 0522.654343 Discount RIO SALICETO (RE) Via Marzabotto 4/A - Tel. 0522.648206

[close]

p. 5

5

[close]

p. 6

6 Da sinistra Prof. Pier Giorgio Petronini Coord. Scient. Ass.ne Augusto per la Vita - Univ. di Parma, Prof. Carmine Pinto Primario Oncologia Core, Rosanna Fantuzzi Presidente Ass.ne Augusto per la Vita, Beppe Carletti Gruppo Nomadi, dr.Ermanno Rondini Presidente LILT, Eva Chiericati Direttore Amm.vo AUSL di RE. L’Associazione Augusto per la Vita dona al Core di R.Emilia una borsa di studio per la ricerca sul tumore al polmone L’Associazione Augusto per la Vita, fondata per ricordare Augusto Daolio, ha donato al CORE (Centro Oncologico ed Ematologico Reggio Emilia) una borsa di studio per lo studio sul tumore al polmone e ha presentato una mostra dei suoi dipinti in occasione del 2° Congresso Internazionale di Oncologia all’interno del Centro. Tutti i relatori e ospiti, provenienti anche dall’estero, hanno ricevuto in omaggio un catalogo dei dipinti di Augusto e una biografia per raccontare di lui a chi non lo conosceva: Augusto nasce nel 1947, all’età di 16 anni inizia a cantare in un gruppo che si chiama Nomadi fino agli ultimi giorni della sua vita. Viene a mancare a causa di un tumore a 45 anni. Augusto ha sempre coltivato le sue passioni con grande naturalezza, amava dire … “Sono stato fortunato, ho incontrato la musica, la pittura, le parole … voglio dire che non ho mai cercato niente”. Una vita dedicata alla musica e vissuta a ritmi intensissimi, ma non per questo rivolta a una sola dimensione artistica. Trent’anni di canzoni e soprattutto di concerti in ogni parte d’Italia hanno coinvolto un pubblico appassio- nato di tre generazioni, che vedevano in Augusto carisma e comunicativa. Quasi sorprendentemente Augusto trovava il modo di far crescere altre due vene artistiche: quella della scrittura e quella principale della pittura. Dall’adolescenza amò sperimentare tutte le tecniche, solamente negli ultimi anni si dedicò principalmente all’olio ed alla china tratteggiata con il pennino, tecnica questa che amava particolarmente perché gli permetteva di disegnare ovunque: tra i suoi bagagli nei viaggi non mancava mai una cartellina con cartoni, inchiostri e pennini. Questo lato fu più nascosto, non certo secondario a quello musicale, solamente più discreto e intimo. “Non disegno per riempire un vuoto ma per vuotare un pieno che è dentro di me e preme …”. Pochi mesi prima della sua scomparsa nel maggio 1992 la città di Reggio Emilia, gli rende omaggio con una grande mostra al Teatro Valli, che vede una sorprendente affluenza di pubblico. Dopo la sua scomparsa si è pensato, grazie ad una grande cifra raccolta il giorno del funerale, di fondare l’Associazione Augusto per la Vita per finanziare progetti di ricerca oncologica. Lontani dal pensare che dopo 25 anni l’assenza di Augusto, grazie all’affetto degli amici e dai fans, avrebbe finanziato 950 mila euro ad importanti centri di ricerca e cura su tutto il territorio nazionale. Questa importante cifra proviene da svariate manifestazioni, promosse per ricordarlo, sostenute tutte da volontari a partire dall’organico dell’Associazione Augusto per la Vita ai Nomadi Fans Club, alla raccolta fondi all’interno dei concerti dei Nomadi, ma anche e semplicemente da persone che credono nella ricerca e che tutto questo si può fare coinvolgendo anche i sentimenti più profondi. Ed è proprio per un omaggio alla sua città, al legame che aveva per la sua terra, che abbiamo pensato di sostenere il CORE, un Centro che rappresenta certamente un eccellenza non solo a livello nazionale. Questo impegno per un progetto importante vogliamo sia legato ad Augusto in maniera indissolubile, con una mostra dei suoi dipinti che ci portano a lui e al suo mondo limpido, costellato di sogni. Oggi vogliamo crederlo, che tutti insieme riusciremo a realizzarne uno forse quello più ambizioso: difendere la vita e sconfiggere la malattia. Rosanna Fantuzzi (presidente) P.S. “Un grande grazie al Prof.Carmine Pinto per avere sostenuto con  passione questo progetto, per avere offerto la massima visibilità ad Augusto ed all’Associazione Augusto per la Vita durante il Congresso Internazionale di Oncologia, grazie anche a tutti i visitatori che sono arrivati dimostrando interesse e un affetto mai sopito” di Marco Faietti Stampa serigrafica - Etichette adesive Targhe e tastiere - Cartellonistica e decorazione Cartellini per abbigliamento - Studio grafico NOVELLARA (RE) Via Labriola, 36 tel.0522/756639 fax 651397

[close]

p. 7

La storia di Liliana Arcetti, levatrice classe 1922 7 La signora, originaria di Guastalla, attualmente ospite della Casa Protetta Don P.Borghi di Novellara, ci racconta in questa intervista, con una straordinaria lucidità, i suoi trascorsi di levatrice, le gravidanze, tutte a domicilio, il suo lavoro svolto prima a Pellegrino Parmense e poi a Pietra Galla di Potenza, dove rimase per oltre vent’anni. L’idea di incontrarla mi piacque fin da subito. Sono attratta dalle storie, specie quando sono vere, specie quando il tempo le ha ormai distanziate e la loro compiutezza a volte le isola in una bolla fiabesca. Confesso che, mentre ascoltavo questa storia dalla viva voce della sua protagonista, a tratti avevo proprio l’impressione di ascoltare una favola, non tanto per la semplicità, quanto per la forza evocativa di immagini che avevo codificate nel corso dell’infanzia. Se si esclude il c’era una volta, gli altri ingredienti comparivano tutti. Lo spavento di sentir picchiare alla porta nel cuore della notte, l’ululato del vento quando corre tra le gole dei monti, i tragitti a dorso di mulo per impervi sentieri, una rivoltella , la fuga da un presunto assassino, ma anche feste chiassose, raggiri e segreti e il lieto fine di chi visse felice e contento. Protagonista di questa storia è Liliana Arcetti. Classe 1922. Levatrice. E’ lei stessa a declinare la sua data di nascita e la sua professione, nel modo compito che spesso hanno gli anziani quando si presentano ed è come se dicessero una verità sorprendente. In effetti sono assai più che sorpresa, non ho mai visto 95 anni portati così sportivamente . Signora Liliana quando ha cominciato a fare la levatrice? Ero ancora giovanissima. In un primo tempo affiancavo un’altra ostetrica così da per poter fare esperienza poi, una volta terminati gli studi, ho intrapreso in pieno la mia professione. In quale zona ha lavorato? Io sono originaria di Guastalla ma all’inizio della mia professione ho esercitato nel parmense, precisamente a Pellegrino Parmense. Dopo alcuni anni vinsi il concorso e mi venne assegnato un paese in provincia di Potenza. Non fu così semplice trasferirmi lontano e vivere per molti anni secondo abitudini e usanze diverse dalle nostre. Però non ero sola, vivevo con mia madre, il mio lavoro mi piaceva e mi dava molte soddisfazioni. Direi che è stato un bel periodo della mia vita. Cos’era che le dava più fastidio o che faticava ad accettare? Non ci crederà ma, ancor più della povertà, era la diffidenza soprattutto delle donne. Erano talmente chiuse che spesso non si lasciavano visitare. Capitava di dover andare di Eda Ferrabue più volte a casa loro prima che si decidessero a superare certi pudori. Ricordo una ragazza che, sebbene avesse già i dolori, continuava a tenermi alla larga. Si metteva a urlare appena provavo ad avvicinarmi. Le provai tutte, alla fine fui costretta a mollarle uno schiaffo e con quello finalmente si decise a lasciarmi fare il mio mestiere. Altre cose difficili che ha dovuto affrontare? Il paese. Era un paese di montagna quello che mi era stato assegnato. Mi spostavo a dorso di mulo su per sentieri scoscesi. Non ci ero abituata ai muli e loro, sebbene si creda che siano animali stupidi, lo capivano al volo. Sentivano che avevo paura e con un niente mi disarcionavano tra i sassi. Ma lo sa quante volte mi sono graffiata le gambe? E per riuscire ad alzarmi sa cosa facevo? Mi attaccavo alla coda del mulo e mi tiravo su. C’è un episodio che l’ha colpita in particolare? Seguivo la gravidanza di una signora. Aveva scritto al marito di essere rimasta incinta nell’ultima licenza dal servizio militare. Alla bella notizia, il marito ottenne di tornare di nuovo a casa nel periodo in cui la moglie avrebbe partorito. Le cose però andarono diversamente. Il bambino venne alla luce due mesi dopo il previsto, quando ormai l’evidenza numerica non lasciava più dubbi al marito. Al momento del parto me lo vidi venire incontro con una rivoltella. Mi intimò di prenderla e, se volevo aver salva la vita, mi ordinò uccidere il bambino. Può ben immaginare come mi sentissi. Quell’uomo faceva sul serio, dovevo lasciargli credere che gli avrei obbedito. Mentre mi prodigavo verso la donna, che da parte sua aveva capito tutto, cercai un pretesto, dissi che dovevo buttare la bacinella dell’acqua sporca, che lui intanto per favore mi prendesse quella pulita . Così potei aprire la porta di casa e, appena fuori, cominciai a correre con tutto il fiato che avevo in gola, correvo come una pazza col mio camice insanguinato, con una forza nelle gambe che mai avrei creduto di avere. Tirai fiato solo quando entrai nella caserma dei carabinieri. Però non ero tranquilla, continuavo a pensare a quella donna che avevo abbandonato, mi sentivo responsabile; così tornai indietro ma stavolta con due carabinieri, i quali assistettero al parto e mi scortarono anche nei giorni successivi. Ricorda altri momenti difficili? I momenti difficili erano quelli in cui bisognava ricorrere all’ospedale, cosa che le persone si ostinavano a rifiutare. I momenti peggiori invece erano quando mi toccava dire alle mamme che qualcosa non andava nei loro bambini. Spiegavo sempre che le unioni tra parenti erano pericolose e andavano evitate, ma l’ambizione di tenere uniti anche solo due fazzoletti di terra a volte bastava a prevalere su tutto. Oltre che a Potenza ha svolto la sua professione anche da altre parti? Sono rimasta a Potenza molti anni. La gente mi voleva bene e alla fine aveva imparato a fidarsi però, quando ne ebbi la possibilità, non mi lasciai sfuggire l’occasione di tornare a casa. Ricordo che fino all’ultimo cercarono di trattenermi poi, quando davvero lasciai l’incarico, il paese mi organizzò una bellissima una festa di addio che ricordo ancora con emozione. Tra tutti i bambini che ha fatto nascere, ne ricorda uno in particolare? Guardi, io non mi sono sposata e non ho avuto figli. Ho sempre pensato che non sarei riuscita a conciliare bene il mio lavoro con una famiglia, almeno per quei tempi era così. La mia dedizione al lavoro è dunque stata totale e sono stata ripagata da grandi soddisfazioni. Ogni bambino che ho fatto venire al mondo per me è stato una gioia grande, un evento speciale. Se vuole sapere di uno in particolare, posso dirle che ho fatto nascere in casa il primo figlio di Orietta Berti. Però non occorre essere famosi, ogni bambino che arriva è speciale a modo suo. C’è un’ultima cosa che vorrebbe dire? Come dicevo, non ho fatto una famiglia mia e non ho quasi parenti, però qui alla Casa Protetta di Novellara mi sento circondata da persone che si prendono cura di me in modo competente e premuroso. Desidero ringraziarle tutte per la pazienza e la dolcezza con cui mi accompagnano ogni giorno di Brioni Erich TINTEGGIO INTERNI - ESTERNI - CARTONGESSO MANUTENZIONI - PAVIMENTI PREFINITI NOVELLARA (RE) Via Einaudi, 29 Cell. 348.5639210

[close]

p. 8

8 La Mediateca, un nuovo servizio culturale Sabato 2 dicembre è stato inaugurato presso la Biblioteca comunale un Comune di Novellara nuovo spazio, la mediateca. Ma di che cosa si tratta? 8 La mediateca è un nuovo servizio culturale, inaugurato a dieci anni dall’apertura dell’attuale sede, aperto al pubblico tutti i martedì e giovedì dalle 16.00 alle 19.00. È collocata all’interno della Sala degli Stemmi, gravemente danneggiata dal terremoto del 1996, il cui recupero è stato reso possibile dal contributo ottenuto dall’IBC della Regione Emilia Romagna sul Piano bibliotecario 2016. La mediateca, come già il nome fa presagire, è uno spazio dedicato all’uso delle nuove tecnologie ed è dotata di console, televisori ed impianti stereo. In particolare, gli utenti potranno utilizzare le console Play station 3, Play station 4, Xbox e Wii. In sala sono disponibili anche 3 computer ed un megaschermo. I ragazzi potranno utilizzare i videogiochi per un’ora al giorno, meglio se prenotando la postazione di gioco. Novellara si colloca così fra alcuni centri culturali all’avanguardia (come la biblioteca Valvassori Peroni e la Cassina Anna di Milano, le biblioteche di Albairate, Vernate, Cisliano, Cerchiate e del carcere di Opera, tutte in provincia di Milano, e il centro culturale Multiplo di Cavriago), che hanno deciso di investire in questa direzione. Per creare la zona gioco la Biblioteca si è servita della collaborazione di Emanuele Cabrini (fondatore del sito italiano dedicato ai videogames www. gamesearch.it), che ha tenuto anche un’interessante conferenza per genitori, insegnanti ed educatori nella mattina del 2 dicembre. Un modo per andare oltre gli stereotipi del videogioco visto come perdita di tempo, estraniante dalla realtà: molti giochi sono invece collaborativi o sono dotati di trame molto complesse, che stimolano creatività ed inventiva. L’Assessore alla cultura Marco Battini, nel momento dell’inaugurazione, ha sottolineato come la mediateca sia il primo passo per trasformare la biblioteca in un vero e proprio centro culturale, quindi con un’offerta di servizi e di materiali ampia e variegata. Ha aggiunto inoltre che al momento la mediateca è YoungERcard: una tessera, un mondo di sconti di Francesca Amadei segreteria del Sindaco Conosci youngERcard? È un progetto della Regione Emilia Romagna pensato per giovani dai 14 ai 28 anni. Si tratta di una tessera che può essere fatta gratuitamente presso il Centro giovani e la Biblioteca di Novellara. La tessera, che viene immediatamente consegnata, dà diritto a sconti in diversi esercizi commerciali e permette di parteci- pare a progetti di volontariato. Puoi utilizzarla in tanti negozi! Non solo a Novellara, ma in qualsiasi esercizio con- venzionato nella Regione. Per scoprire tutti i negozi che aderiscono e gli sconti riservati a te, consulta in sito www.youngercard.it. Ecco invece i negozi con- venzionati a Novellara (li riconosci perché espongono la vetrofania con il simbolo youngERcard): 2D di Davolio Carmelita e Isa: Sconto del 5% su calzature e pelletteria; Agenzia Vioni: Sconto del 10% su materiale scolastico e copisteria. Athletic Shop: Sconto del 10% sulle attrezzature sportive. Sconto del 20% sugli integratori alimentari. Biancheria Varini: Sconto 10% su lenzuola, accappatoi, copriletti e trapunte; Caffè la Rocca: Sconto 10% su colazione e pranzi; Cartoleria Pippo: Sconto 10% su tutto escluso libri e fotocopie; Chocobox di Gozzi Teresa: Sconto 10% su tutta la merce; Circolo Tennis La Rocca: Sconto del 33% sull’uso dei campi da tennis; Coopernuoto – Piscina di Novellara: Sconto 10% su abbigliamento negozio e sconto 5% su abbonamenti da 15-30 ingressi interi; Foto Studio Artoni: Sconto 10% su tutta la merce, del 5% sugli apparecchi fotografici; Foto Wilder: Sconto del 10% su tutta la merce, esclu- so il materiale elettronico; Freestyle: 10% sconto su tutta la merce (eccetto merce già scontata); I Tellini: Sconto 10% su ogni capo di abbigliamento; Idea più: Sconto del 10% su tutta la merce; Il Bucaneve: Sconto 10% su tutto escluso libri e fotocopie; Il Girasole: Sconto 5% su tutti i prodotti; Melacompro: 10% su tutta la merce (eccetto THUN), con una spesa minima di 10 euro a singolo oggetto; Mi & Mi Ristobar: Sconto 10% sulla caffetteria; New History: Sconto 5% su tutta la collezione; Oreficeria Nironi: Sconto 5% su tutta la merce; Ottica Barilli: 10% sconto su occhiali vista e 15% sconto su occhiali da sole; Ottica Reggiani: Sconto del 15% sugli occhiali da sole; Over Dye: Sconto 10% su tutto; Ponti – Non solo musica: Sconto del 10% su fumetti, cd e dvd; Tonyc Bike-Lab: Sconto del 10% sulla manutenzione della bicicletta. Sconto del 20& sulla realizzazione e personalizzazione della bici; Undercolors of Benetton: Sconto del 10% su tutta la merce non scontata. Puoi utilizzarla in Comune! Anche i servizi comunali sono convenzionati: le tes- sere DVD della biblioteca sono scontate al 50%; sulla Stagione teatrale 2017/2018 c’è lo sconto 15% sui uno spazio dove cogliere varie opportunità date dalle tecnologie informatiche (video giocare e vedere dvd ecc) ma che è in evoluzione in base alla risposta e alle richieste del pubblico. La sala infatti potrà anche essere messa a disposizione per progetti e gruppi al di fuori dell’orario di apertura. singoli biglietti e sugli abbonamenti; le visite guidate al museo Gonzaga sono scontate al 50%; su vendita libri e cataloghi c’è lo sconto del 50%; servizi e sale per matrimoni sono scontati al 50%. Puoi fare volontariato! I progetti che rimarranno attivi per il 2018 sono i seguenti: Cerchiamo te! Progetto editing video e Cerchiamo te! Progetto fotografia. Entrambi sono progetti in capo al Centro giovani di Novellara: il primo riguarda la progettazione di video documentativi, di promozione e di partecipazione a concorsi regionali. Il secondo riguarda la documentazione con immagini, la cura di mostre e creazione di installazioni. Puoi però anche partecipare ai progetti di altri comuni dell’Emilia Romagna, visionabili sul sito https://www. youngercard.it/cg/progetti/all/... oppure proporci tu stesso un progetto! Come avere la tessera e come convenzionarsi: È possibile avere gratuitamente la youngERcard recandosi presso la Biblioteca comunale (Piazzale Marconi 1, aperta tutti i pomeriggi dalle 15 alle 19 e martedì, giovedì e sabato mattina dalle 9 alle 13) o al Centro giovani (strada provinciale nord, 129, martedì dalle 16:00 alle 19:00) o compilando il modulo online. Gli esercizi commerciali che desiderano convenzionarsi al progetto possono scaricare il modulo al seguente link https://www.youngercard.it/p/3/modulistica-convenzioni.html e poi consegnarlo al’Ufficio protocollo del Comune. Ringraziamento L’azienda Servizi Bassa Reggiana ringrazia la Ditta I Cocchi parrucchieri di Campagnola Emilia per la donazione di 500 euro a favore della Scuola dell’infanzia comunale Arcobaleno. CARROZZERIA MULTIMARCA - VERNICIATURE SPECIALI 40 S.N.C. 1978-2018 Radrizzatura scocca - Grandine - Rinnovo fanali - Sost. vetri Riverniciatura moto auto d’epoca Gestione pratiche assicurative con indennizzo diretto SOCCORSO AUTO SERVIZIO CORTESIA NOVELLARA (RE) via E. Mattei, 8/10/12 tel. e fax 654965 cell.347/5068015 - 339/7305543 email: cocchifontanilicarrozzeria@gmail.com

[close]

p. 9

Auguri a tutti i novellaresi Avrei voluto scrivere alcune righe di auguri tradizionali, poi l’emergenza che abbiamo vissuto in questi giorni a seguito dell’esondazione dell’Enza ha portato diversi elementi di riflessione che vorrei condividere con tutti. Per l’ennesima volta, Novellara ha saputo organizzarsi efficacemente mettendo in moto il volontariato per l’accoglienza degli sfollati. Per questa ragione, vorrei ringraziare tutti i gruppi che si sono mobilitati, a partire dalla Protezione civile Nubilaria e dalla Croce Rossa, senza dimenticare ogni singola persona e ogni associazione che si è di Elena Carletti Sindaca di Novellara proposta per dare una mano, fino addirittura a chi ha confezionato le calze di Santa Lucia per i bambini che hanno dovuto passare la notte fuori casa. Tutto questo la dice lunga sui novellaresi e sulla loro disponibilità, sulla capacità di mettersi in gioco, di fare, di aiutare. E di questo dobbiamo essere tutti molto orgogliosi. I miei auguri vanno quindi soprattutto a chi decide, nella quotidianità come nell’emergenza, di fare qualcosa per gli altri. E a Novellara possiamo dire che sono tante le persone 9 impegnate sul fronte del volontariato sociale, sportivo, culturale, ricreativo; si tratta di un patrimonio che è segno distintivo della nostra comunità, ed è da sostenere e coltivare. L’auspicio quindi è quello di un 2018 meno social e più sociale, passatemi il gioco di parole: in un mondo che tende sempre più a chiudersi a ad isolarsi nelle nuove tecnologie e nei nuovi mezzi di comunicazione (di cui non voglio negare le potenzialità ma che rischiano di diventare troppo spesso contenitori di sterili invettive e polemiche o disinformazione) riconosciamo il valore di chi mantiene la voglia di darsi da fare, di esporsi, di migliorare, di stare insieme agli altri. A tutti voi i migliori auguri per un nuovo anno all’insegna dell’impegno, della comprensione e del dialogo.

[close]

p. 10

10 Successo per C Reazione Libera I commercianti di “Novellara Viva” riempiono la piazza con le fontane danzanti. Un sorriso di un bimbo, lo stupore negli occhi dei più piccoli, i più grandi che a ritmo danzante osservano lo spettacolo maestoso delle fontane danzanti. Si è conclusa così una giornata intensa che ha visto protagonisti i commercianti di Novellara Viva, grazie alla proficua collaborazione con l’amministrazione comunale, ormai da tempo è attiva un ottima collaborazione, i Commercianti ripropongono C Reazione libera per le vie del centro, portici centrali, Borgonuovo e Via Cavour hand Made selettivo, mostra di pittura e mostre fotografiche, frammenti di danza, relax con arpa, esibizioni teatrali grazie ai ragazzi dei Taldirò e giovani in concerto. Laboratori per i più piccoli a cura di Sara Vincetti, musica itinerante, Vintage Photobus e i meravigliosi “madonnari” in Via Cavour (zona Scuola). Una giornata intensa che vede ripagato ogni singolo sforzo e sacrificio fatto dai Commercianti di Novellara Viva, vedere una piazza gremita e tanta tanta soddisfazione dai più piccoli ai più grandi estasiati ad osservare le “FONTANE DANZANTI”acqua e fuoco che danzano a tempo di musica. Uno scenario che ha pienamente ripagato ogni sforzo ed ogni difficoltà avuta, un grazie a chi ha voluto esserci per condividere con noi quella che riteniamo UNA GRANDE EMOZIONE. Ci aspettano altri due giorni di festa con Happy Christmas Novellara Viva con mercato enogastronomico di prelibatezze, pane cotto nei forni a legna a cura dei ragazzi del CT9, Domenica 10 Spettacolare parata luminosa sui trampoli “Natale a Venezia”, magia e bolle giganti, merende e laboratori per i più piccoli grazie a ludoteca Giochilandia.allora è proprio vero che a Novellara non ci si annoia mai. I commercianti di Novellara Viva vi augurano serene festività. I commercianti di Novellara Viva Riapre il Bar di S.Giovanni Dopo qualche mese di chiusura da Gennaio 2018 Riapre il Bar della Nuova Cooperativa di S.Giovanni. Abbiamo chiesto a Consuelo e Giorgia di presentarsi Dire che siamo due ragazze belle, simpatiche ed intelligenti è scontato, noi siamo “contro vento” e il destino ci ha fatto incontrare. Ad una mancava quel pizzico di sale che l’altra completava alla perfezione, e viceversa. Da subito abbiamo capito che questo locale aveva tanto potenziale e stava aspettando solo noi. L’idea di unire la cucina tradizionale all’aperitivo dei giovani è venuta fuori chiacchierando allegramente sotto l’enorme portico che vi aspetta davanti al locale. Vogliamo far sentire i nostri clienti come a casa, un di Consuelo e Giorgia posto caldo e accogliente, la cucina ricca e fatta con le nostre mani, un aperitivo con musica e risate. Troverete oltre ai pranzi veloci, degni di una vera resdora, serate a tema con gnocco fritto, tortellata e apericena, per riaccendere la vita del bar e del paese. Inoltre scoprirete tanti prodotti di gastronomia take away per chi non ha tempo di cucinare o semplicemente voglia di concedersi una coccola con primi, pasta fresca o torte, tutto fatto da noi. La nostra ventata d’aria fresca vi ravviverà e non potrete evitare di fermarvi passandoci davanti. STAY TUNED.

[close]

p. 11

L’attività dell’Acetaia Comunale nel 2017 11 È stata scandita da diversi importanti appuntamenti che vogliamo in sintesi ricordare di Emanuela Bartoli Abbiamo iniziato con Nomadi incontro a febbraio dove i fans sono sempre i benvenuti abbiamo poi continuato in maggio e giugno con la partecipazione alle vetrine delle citta slow di Greve in Chianti e Felina; a fine giugno è arrivato il graditissimo invito da parte della città di Novy Jicin a partecipare alla festa della birra dove abbiamo potuto vivere il gemellaggio all’insegna della valorizzazione dei nostri prodotti locali che ci hanno accompagnato nella piacevole trasferta. Durante l’estate sono poi maturati diversi progetti incentrati sulla produzione dell’aceto in particolare sulla didattica della cottura del mosto realizzata nella bella piazza di Gualtieri e Guastalla durante la festa piante e animali perduti. In particolare a Guastalla sono stati esposti attrezzi e recipienti specifici per la lavorazione delle uve e la produzione del mosto provenienti dal Museo della Civiltà Contadina di Novellara. Un altro evento che ci preme ricordare è l’invito ricevuto dal comune di Carpi a partecipare in qualità di ospite fuori provincia alla manifestazione denominata Giostra Balsamica- gara biennale riservata alle contrade cittadine dove la produzione di aceto balsamico famigliare vanta una tradizione ormai secolare. L’ aceto della famiglia Longagnani si è fatto onore classificandosi nella rosa dei 12 migliori aceti dell’edizione 2017. E’ toccato al figlio Giorgio ritirare il premio dedicando il prestigioso risultato al padre recentemente scomparso. Ottobre è stato anche il mese di Novellara balsamica, appuntamento in piazza per la cottura del mosto e le eccellenze enogastronomiche delle città slow e Agro bio diverso. In questa occasione viene sempre bandito un palietto per assaggiare e degustare gli aceti balsamici delle famiglie novellaresi. Evidentemente deve essersi sparsa la voce perchè agli aceti novellaresi se ne sono aggiunti molti altri provenienti dai comuni limitrofi in particolare Campagnola Correggio Fabbrico Rolo e Gualtieri. Per ringraziare i produttori della loro disponibilità si è pensato di premiare gli aceti in base alla loro provenienza e sindaci e amministratori si sono resi disponibili e hanno individuato all’interno di feste o iniziative ad hoc un momento per premiare i produttori del proprio territorio. Nel palio di Novellara il vincitore è stato il sig. Dalloli Uber. A novembre è stata la volta di Arte e Gusto a Palazzo Bentivoglio, un’idea di associazione tra gusti diversi. In pratica si è tentato l’esperimento di legare al piacere visivo di opere artistiche un piacere degu- stativo – quello dell’aceto balsamico - per sancire una sorta di sodalizio tra arte e sapori. Cosi siamo arrivati a dicembre e questo ci sembra il momento giusto per augurare a tutti buone feste e buon 2018. Questi auguri si concretizzeranno nella consegna di una boccetta di aceto balsamico al primo visitatore in occasione della prima apertura dell’acetaia nel nuovo anno. STUDIO DI FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE Dott. in Ft. Pietri Federico cell. 338/9702813 Dott. in Ft. Orlandi Francesco cell. 349/4776895 Valutazione funzionale fisioterapica Riabilitazione pre e post operatoria - Rieducazione sportiva Ginnastica medica / correttiva / vertebrale Terapia manuale ortopedica - Rieducazione sec. Mckenzie Rolfing - Massaggi decontratturanti - Ultrasuoni a massaggio Tecar-diatermica capacitativa-resistiva - Ionoforesi Tens ed elettroterapia antalgica - Elettrostimolazione SI RICEVE SOLO SU APPUNTAMENTO Lo studio si trova a Novellara (RE) in Piazza Unità d’Italia 30 (nella galleria a fianco bar Roma).

[close]

p. 12

12 Lettere al giornale Tristezza, delusione e sconforto Tutto questo ho sentito nel far visita al mio paese natale, Santa Maria. La mia Santa Maria, perché lo dico sempre, alle persone che non conoscono Reggio Emilia e nello specifico i comuni con le loro frazioni, quando parlo del mio paesino. Lo elogio, perché per me è il più bello, il più carino dove possono vivere giovani e meno giovani. Se ci pensiamo è sempre stata e anche oggi, che l’economia non aiuta le piccole realtà, una delle poche frazioni dove trovi la posta, la farmacia, il forno, la trattoria, la pizzeria, il bar, la cantina, il negozio di ferramenta, l’estetista per non parlare del medico e della scuola dell’infanzia (non me ne vogliate se ho dimenticato qualcuno). TROVI TUTTO, PROPRIO TUTTO. Rivedo sempre gli abitanti con gioia. Purtroppo mercoledì 1° novembre non lo dimenticherò facilmente! Con la mia famiglia stavamo tornando, dal cimitero dove si era appena conclusa la funzione, quando all’incrocio con la provinciale vediamo un camper, vecchio modello con la targa che portava ancora la sigla della città, fermo sullo stop. Nulla di strano se non che il motore era spento e il conducente assente. Ci guardiamo attorno e notiamo che dall’altro lato della carreggiata, a ridosso dell’incrocio e nascosta dalla curva per chi proviene da San Tommaso e svolta a destra per San Michele c’è una macchina scura con targhe straniere, anch’essa parcheggiata. A tutti noi sarà capitato, almeno una volta, di essere di fretta ma di voler comunque bere un caffè, e non c’è nulla di strano ma comunque il buon senso lo dobbiamo usare, sempre che ci sia. Per chi conosce il paesino è a conoscenza che la via Str. Santa Maria è piuttosto stretta e trovarsi questi mezzi così parcheggiati è davvero un pericolo per tutti. Questa mia lettera vuole essere una critica costruttiva, perché non è la prima volta che vedo parcheggiate (selvagge) di quel genere e credo che si stia rasentando la maleducazione e il poco rispetto per le persone che invece sono attente a non ledere i diritti altrui. Attenzione cittadini !!!!!!!! Ci vuole poco per distruggere la bella immagine che abbiamo ma ci vuole molto, moltissimo per ricostruirla. Cerchiamo che ciò non avvenga in Italia ne abbiamo già parecchie di queste realtà. Preserviamo ciò che di buono abbiamo. Elena Francia Un paese pulito dipende soprattutto dall’educazione e dal senso civico dei cittadini più che dalle azioni del Comune e dalle multe Problema n1 MOZZICONI DI SIGARETTA: Il triste spettacolo delle decine di mozziconi di sigarette buttati a terra lungo le strade del nostro Paese o nei parchi dove si ritrovano a giocare i bambini, si ripete purtroppo con una frequenza assai elevata. Sono atti di inquinamento commessi dall’uomo: ogni persona è responsabile per un ambiente sano. L’abbandono di mozziconi di sigaretta E’ un danno certo all’ambiente ed un pericolo alla salute umana di tutti, infatti la combustione del tabacco produce sostanze cancerogene che per gran parte rimangono imprigionate nei mozziconi grazie al filtro; mozziconi che puntualmente troviamo ovunque volgiamo lo sguardo. Il problema dei mozziconi abbandonati a terra, pone anche altri inconvenienti, infatti la loro raccolta risulta molto difficile perché si incastrano ovunque e le spazzole dei mezzi meccanici per la pulizia delle strade non riescono a rimuoverli. Problema n2 CHEWINGUM: Dagli innumerevoli gusti, ma l’abitudine purtroppo è una sola: masticate e consumate disfarsene solo ed esclusivamente nel modo più semplice, immediato e per nulla faticoso: BUTTARLA o GETTARLA dai finestrini facendola depositare a terra, per strada, nei parchi in modo che possa “piacevolmente” attaccarsi al manto stradale od erboso, ancora meglio ai muri ed alle panchine. MINIMO SFORZO MASSIMA MALEDUCAZIONE E soprattutto massimo costo per rimuovere questo materiale, perché al Comune costa molto caro ripulire dal chewingum….e il Comune siamo NOI!!!!! Problema n3 DEIEZIONI ANIMALI: Da tempo ormai i nostri portici, le nostre strade, i nostri parchi sono latrine a cielo aperto per cani e gatti, e ci obbligano a fare lo slalom per evitare di calpestare quanto lasciato da qualche proprietario “distratto” che dimentica di raccogliere dove il suo animale ha sporcato. A tutt’oggi infatti molti padroni conservano ancora una sorta di “resistenza” alla paletta ed al sacchetto. Ovviamente la colpa non è dei nostri amici a quattro zampe, è sempre e solo dei loro padroni il cui senso civico lascia assolutamente e totalmente a desiderare. Ai tre problemi sopra elencati aggiungo anche l’abbandono di bottiglie in vetro e plastica, pacchetti di sigarette, lattine e cartacce buttate in ogni angolo, indifferenziato ovunque, materiale ingombrante ed inquinante ovunque. La soluzione a tutto questo è assolutamente semplice: EDUCAZIONE E RISPETTO PER L’AMBIENTE CHE CI CIRCONDA. Queste mancanze incrementano le nostre bollette e comportano un immediato incremento dei costi, chiamasi aumento delle tasse, a carico di tutta la comunità, oltre ad abbruttire un Paese che deve crescere con la partecipazione costruttiva e non distruttiva, di tutti i suoi abitanti. E’ assolutamente impensabile mandare personale in borghese per sorprendere questi incivili ed elevar loro le multe, e non dovrebbe essere nemmeno necessario appellarsi al senso civico di ogni cittadino, ma visto che le buone maniere sono state completamente dimenticate…. TU CITTADINO sei chiamato in prima persona a badare al decoro ed alla pulizia del Tuo Paese non gettando rifiuti per strada, raccogliendo le deiezioni del tuo animale, effettuando una giusta raccolta differenziata perché ti sono stati forniti tutti gli strumenti necessari. Erogatori di sacchetti per raccolta deiezioni, se vuoti all’ufficio URP del tuo Comune ti vengono forniti gratuitamente i materiali, cestini per la raccolta dei rifiuti di nuova installazione dotati anche del contenitore per i mozziconi di sigaretta, contenitori per la raccolta differenziata oltre che porta a porta ovunque sul territorio, isola ecologica per il conferimento dei rifiuti urbani che per dimensione o tipologia non possono essere conferiti nei cassonetti standard per la raccolta differenziata o nella raccolta porta a porta, contenitori sul territorio per i rifiuti da giardinaggio,contenitori per olio alimentare esausto, per pile, per farmaci scaduti. Affermiamo tutti a gran voce che siamo tutti responsabili dell’ambiente in cui viviamo, siamo tutti SUPEROI pienamente consapevoli della nostra responsabilità sociale, vogliamo tutti evitare danni all’eco-sistema… bla bla bla bla: SE ALLE PAROLE NON SEGUONO I FATTI ALLORA NON VALGONO NIENTE!! Il rispetto e la cura per l’ambiente sono elementi fondamentali nella nostra società contemporanea. Susy Riccò “Non dubitare mai che l’azione di un piccolo gruppo di persone volenterose ed impegnate possa cambiare il mondo: essa è, in realtà, la sola che vi sia mai riuscita.” Margaret Mead (antropologa) dal lunedì al venerdì 09.30 - 13.00 15.30 - 19.30 sabato 10.00 - 13.00 Visite a domicilio. Visite su appuntamento negli orari di chiusura Novellara (RE) via Manzoni, 20/A tel. 0522/654710 cell. 337/584683 Studio Medico Dentistico dott. Soprani Niccolò odontoiatra Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato 08.30 - 12.00 14.30 - 19.00 08.30 - 12.00 14.30 - 19.00 08.30 - 12.00 08.30 - 12.00 14.30 - 19.00 08.30 - 12.00 14.30 - 19.00 09.00 - 12.00 NOVELLARA (RE) Viale Roma, 44/G (piazzetta interna ex Convento) tel. 0522/653811

[close]

p. 13

“Bigodini al forno” un ricettario speciale di Susy Fiorini L’idea di “BIGODINI AL FORNO”, è nata una mattina mentre mi recavo ad aprire il negozio. In quel periodo l’argomento principale, tra una TINTA e una PIEGA, era riscoprire le ricette tradizionali della nostra cucina. Ben presto mi ritrovai con fogli sparsi ovunque per il negozio. Così, l’idea di radunarli e creare un libro è stata quasi naturale. Devo ringraziare: mia figlia SARA ZIVIANI, che si è occupata della trascrizione delle ricette; Le mie fantastiche amiche EMANUELA PATERLINI ED EMANUELA SIMONAZZI per essersi prestate a modelle per un giorno; Un bacio alla meravigliosa, piccola ma grande GAIA SACCANI, che accompagnata dalla mamma ANTONELLA hanno partecipato alla sessione fotografica del libro; VALENTINA CANOVA per tutta la parte editor del volume; ILARIA BERTOLOTTI per le fotografie che esso racchiude. Un ringraziamento speciale a tutte le donne che hanno donato i loro segreti culinari: questo libro è per voi. Il ricettario non è in vendita, lo potete trovare solo presso il mio negozio in piazza Unità d’Italia 10 , chiediamo una donazione minima che sarà interamente devoluta alla croce rossa di novellara. 13 LETTURE GRUPPO LA SPEZIERIA 2017/2018 IL GIARDINO DEI FINZI-CONTINI Per tutti coloro che amano seguirci nel nostro percorso di lettura, siamo qua per ricordare il prossimo appuntamento. Dopo l’ilare lettura di BEL AMI’, vi portiamo in un ambiente bello, ricco di natura e di giovani, in cui si sentono i passi della cattiveria del mondo, ma ovattati. I vecchi e gli anziani aspettano.... I giovani fanno finta di nulla, racchiusi in un eden recintato da mura, che sembrano voler tenere lontano il MALE che avanza........ Non mancate. Ogni lettura che perdete è un pizzico di vita che si impoverisce. Vi aspettiamo numerosi. Il gruppo La Spezieria A seguire: Giovedì 1 febbraio “Black Out” di D. Fo Giovedì 1 marzo “Don Chisciotte della Mancia” di Cervantes Giovedì 5 aprile “Come pietre nel fiume” di U. Hegi Giovedì 10 maggio “Cheri” di Colette Arrivederci al prossimo 11 gennaio 2018 TIRO CON L’ARCO Corsi Base per tutti dai 7 anni ai ........ TECNICA DI TIRO CON TUTTI I TIPI DI ARCO: Arco Olimpionico - Arco Nudo - Arco Compound - Long Bow - Arco Storico Nei mesi di Gennaio - Febbraio - Marzo - Palestra di San Giovanni Lunedi e Mercoledi dalle ore 21,00 alle 22,00 Per informazioni: Il Cutter - William Cell. 335-319350 Email: arcieridellortica@gmail.com

[close]

p. 14

14 LA SCATOLA DI LATTA C’è un vuoto non vedete? è lì riflesso alla specchiera sul comò della camera di Laura Lei con quindici lustri d’esistenza cinque figli allevati con amore affrontava il quotidiano fiduciosa Fino a quel dì di metà giugno il lontano rombar di mietitrebbia squillo alla porta sempr’aperta “Un’emergenza, signora, un’emergenza!” vestiva divisa di gente che lavora e parlò d’ambientale inquinamento Sempre collegato al cellulare apriva tutti - tutti i rubinetti e interloquiva con i superiori Scorreva acqua ovunque a limitar contaminazione e intanto rovistava nei cassetti Cercava “metalli” da salvare era a rischio pur la “filigrana” parlava - rovistava - interloquiva “Certo capo faccio del mio meglio si smagnetizza tutto... certo perde tempo prezioso la signora” Sprecherà ogni cosa di valore acchiappò la scatola di latta con i ricordi d’una vita intera Quel truffatore malandrino lasciò un buco... e non soltanto innanzi alla specchiera. Marisa Bertozzi Copelli Poeti di casa nostra Un ricord dal prèm ‘d l’an dal 21 I giaron piantee despera, a szavajon, in piasa a Novalera, quand al sercc ed fèr dla roda dla birucina lagh paseva sover sensa schivszeri igh feven fer di scomasen che a forsa ed dai e dai è saltee fora al suèl(bièta) dal mòss la roda l’è andeda per soo cunt, la birucina la s’è mésa ed galon e mè sun volee in gropa al caval cun in man i cordon. A s’era felice; an gheva mia incòr vint’an e la not prema al prèm d’l’an s’era dventee papà. da la contentèsa canteva sòt vosz, una cansonsena basta ca sea, per fortuna, perché sa iés cantee a elta vosz còla bèla ch’a canteven in certi ocasion cun me sorèla i sren stee guai a non finire in avvenire. Cla matena lè ghera un frèd da can, ma n’al senteva gnan al me svinant al m’ha imprestee l-caval cun birucina e sun andee dal punt dal “brisz” in Municépi a fer al mee dover da peder. La piasa l’era pina ed gent foraster gnuu da vea per asester a un event, i resident eren tut a la cà dal fascio in riunion e fer al baciamano ai caporion. Dòp l’incident s’è presentee un cun berten col fioch, i stivai ‘d pèll cun in man un manganèl e in cletra al suèll in spicolon, educhee al m’ha jutee a infiler la roda in dal mòss cun un bel fer come al fuss un baroseer e consigliee, per eviter guai, d’marcer a pee al pas dnans al caval sensa smanier. L’era un sabet al duu de zner dal 1921 al prem sabet fasesta dla storia d’Italia. Sun stee fortunee d’aver mia incuntree un dal paesz un conosent, tut impgnee come ho det prèma a fer al baciamano e i lèca cul d’i’autoritee, m’l’ha po’ confidee un amigh ch’al feva pert dal grop che una sira i m’even preparee un agguato, una vendèta. Ieven méss un timon d’un car ed travers in streda per ferum cascher quand a riveva in biciclèta, per salterum po ados e dermen fin che m’era pasee la voia ed canter la canson bèla a elta vosz cun e sensa me sorèla. Ai me temp i canteven quasi tuti al personi come i fusen content anch se in n’eren. Me e me sorela cun la vosz da tenor e soprano canteven un po de tut: da la mèsa in cesa in di sposalesi in dal festi paesani e ‘na quelch volta da szoven in certi ocasion anca “còla bèla”. Dop la liberasion, cla bèla semper. An n’ho mia incora confesee al nom ed cola bèla ma a l’avrii immaginee perché a la canteven mia sol cun la vosz ma anch cun al cor: Bandiera Rossa. Sergio Subazzoli Da una confessione di mio padre Lisio Subazzoli classe 1901 ripetuta innumerevoli volte. “La lingua batte dove il dente duole dice un proverbio” Note: Un duetto nato in famiglia spontaneo riconoscibile a distanza peccato che non si siano effettuate delle registrazioni. A quei tempi per mancanza di mezzi non era neanche da pensare. Le famiglie povere usavano il filo della polenta e il filo della memoria per sopravvivere e ricordare tutto e tutti. Fortunatamente io riesco ancora ad ascoltare e ad immaginare mio padre e la zia mano nella mano, con la loro mimica il loro sorriso sul quale mancava solamente qualche dente dato in pegno a S.Lucia in cambio di una monetina quand’erano piccoli e mai ripristinato. Finchè la memoria mi ricorda di ricordare riuscirò a collegarmi per riascoltare il canto dei lavoratori, una memoria nata come simbolo all’inizio del ventesimo secolo con le parole di Carlo Tuzzi nel 1908 appunto Bandiera Rossa. Ciao Zia ciao Papà Sergio. di Gloria Grassi IL CHIOSCO OFFRE: Composizioni / centro tavola natalizie Stelle Natale - Fiori freschi e artificiali Dicembre orario continuato dal 18 al 24 (25 Nat a le 8.30-12.30) (26 S .Stef a n o 8.30 - 12.30)

[close]

p. 15

15 Un bellissimo pomeriggio di musica e canti E’ stato un bellissimo pomeriggio di musica e canti quello del 26 novembre 2017, in occasione dell VI^ Rassegna Corale Regionale in onore di S.Cecilia. I cinque cori partecipanti ( Coro Giaches de Wert – Coro Città di Castellarano – Coro Polifonico di S.Anselmo di Lucca diretti da Francesca Canova e al pianoforte Marco Guidorizzi. Cori ospiti: Cantori delle Pievi di Parma - Faith Gospel Choir di Carpi) hanno dato il meglio di sé con un vasto repertorio di canti, culminato nel finale dei cori uniti (per complessivi 115 elementi) che hanno eseguito “Suoni” dei Nomadi, riuscendo a trascinare nel canto il folto pubblico presente, che ha poi manifestato il proprio gradimento con un fragoroso e lunghissimo applauso. Tutto ciò è stato reso possibile anche grazie al contributo dei numerosi sponsor, che ringraziamo. Il prossimo appuntamento del Coro Giaches de Wert è per il tradizionale Concerto di Natale, di martedì 26 Dicembre (S.Stefano) alle ore 16.30 – nella Collegiata di S.Stefano – al quale siete tutti invitati. p. Coro Giaches de Wert Ettore Cigolini

[close]

Comments

no comments yet