mondorealenumero109

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero109

Popular Pages


p. 1

n seve s y da editoriale di simone di giulio anno iv numero 32 21 ottobre 2011 n.109 non voglio entrare nel merito dei fattacci accaduti a roma durante la manifestazione degli indignados ho una mia idea in merito e ci tengo a tenermela stretta piuttosto noto con un certo rammarico che a parlare di black bloc e di violenza gratuita siano personaggi del calibro di maroni la russa e alemanno quest ultimo a proposito di violenze e di molotov potrebbe scrivere una saga a puntate che della libera espressione non mi sembrano averne fatto un cavallo di battaglia nella loro vita la strategia della tensione malgrado andiamo in giro con internet sempre in tasca controlliamo il nostro estratto conto con un clic e sappiamo i cazzi di tutti grazie a facebook continua ad essere utilizzata senza problemi adesso parlare di indignados diventerà come parlare di brigatisti e di rapimenti negli anni di piombo o parlare di terrorismo dopo gli attentati dell 11 settembre o di nazisti in un convegno di israeliani e questo è il dato veramente triste e che da indignados farà passare tutti a spaventados sparpagliados titolo testo testo testo testo testo testo testo testo politica bassiano cacciotti nei guai i socialisti decidono di mollarlo attualita sermoneta-pontinia la sep diventa un caso botta e risposta tra scarsella e l amministrazione comunale cultura maenza arriva il giorno della riscoperta di san tommaso d aquino lepini comunità montana non passa il riequilibrio di bilancio rischio commissariamento teatro imbarazzo della scelta tra le proposte che offrono i palchi di sezze e pontinia priverno la picozza denuncia il grave abbandono delle periferie

[close]

p. 2

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 sezze centrodestra setino allo sbando a 7 mesi dal voto il gruppo consiliare continua a perdere colpi di simone di giulio a sezze il centrosinistra non ride alle prese con problemi interni che ne hanno minato la stabilità politica rispetto a 4 anni fa ma a soffrire maggiormente è sicuramente il centrodestra ancora privo di unità di intenti e alle prese con problemi che a soli 7 mesi dalla tornata elettorale rischiano di diventare una sorta di boomerang i guai per il sostenitori di un popolo della libertà mai realmente nato sono iniziati proprio all appendice delle scorse elezioni amministrative quelle del 2007 quando la frattura tra il gruppo che sosteneva zarra civiche più udc e quello che sosteneva di palma casa delle libertà aveva portato al risultato peggiore della storia del centrodestra di sezze consegnando la città nelle mani di campoli da lì una serie di errori hanno condizionato il cammino di una coalizione che almeno nelle intenzioni avrebbe dovuto fare quadrato e mettere in campo una serie di iniziative per creare un opposizione valida e preparare la riscossa cinque anni più tardi ma non è stato così molti evidentemente delusi dalla piega che stava prendendo la faccenda hanno preferito defilarsi dalla vita politica attiva altri evidentemente poco controllati dai vertici provinciali del partito hanno preso decisioni che hanno creato i primi nodi nei confronti di un pettine ormai incapace di porre rimedio e proprio ai vertici provinciali e alla loro gestione è imputabile il tracollo di un area politica che mai come oggi è allo sbaraglio i risultati delle varie tornate elettorali dalle nazionali alle provinciali passando per le regionali non ingannino a sezze conti alla mano il centrodestra prende gli stessi voti del centrosinistra se non qualcuno in più basta guardare il pieno di voti fatti nel corso degli anni da berlusconi polverini e cusani poi però quando conta le fratture si fanno sentire e l elettorato sembra tradire qualcuno imputa questi dati al fatto che il partito sia nelle mani di un ex comunista e un ex socialista forse ma le ragioni stanno più a fondo latina guarda nella direzione di sezze solo a danni già realizzati quattro anni fa per la brutta figura rimediata gli unici a pagare furono di palma lasciato al suo destino dai politici del capoluogo e reginaldi unico eletto in forza italia e unico a salvare la faccia ad un partito mai così in basso gli altri del duca è rimasto lì idem magagnoli ed entrambi hanno aperto alla nuova fase che ha consegnato il partito investitura ad honorem mica congresso nelle mani di ceccano ora si cerca l ennesimo colpo di coda con l unione con l udc basterà o ad aprile la patata bollente passerà di nuovo nelle mani di latina che già di errori ha dimostrato di saperne commettere abbastanza come al solito saranno gli elettori a giudicare ma dalle prime impressioni si rischia davvero di assistere all ennesima waterloo di una classe dirigente che non riesce ad indirizzare la fiducia direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori domiziana tosatti marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 19 ottobre 2011 2

[close]

p. 3

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 sezze reginaldi all attacco il consigliere difende la sua decisione e critica il popolo della libertà di simone di giulio il direttivo del popolo della libertà parla di essere stato sempre contrario all affidamento della gestione idrica del paese alla dondi quindi c è da chiederci se il pdl esistesse già 18 anni fa dunque silvio berlusconi ha commesso un plagio sarà bene farglielo presente inizia così una nota del consigliere roberto reginaldi che analizza la situzione creatasi dopo la decisione del consiglio di rescindere il contratto con la concessionaria nella nota reginaldi prosegue questo `fantomatico direttivo del pdl di sezze costituito dal senatore fazzone imperatore pardon coordinatore provinciale del partito azzurro dovrebbe invece ricordare dove fosse collocato il loro attuale segretario rinaldo ceccano nominato segretario per volere sempre di fazzone e non da un congresso mai avvenuto e cioè nel centrosinistra anzi nell estrema sinistra dunque sono lunghi anni che gli attuali consiglieri del pdl siedono tra i banchi del consiglio comunale oltre che in consiglio provinciale come consiglieri di maggioranza come sindaci come vicesindaci dove avrebbero potuto già da tempo iniziare una battaglia contro la cattiva gestione della dondi e delle vessazioni cui sono stati costretti i cittadini e che ancora subiscono come mai non è stato mai fatto nulla anzi ­ prosegue reginaldi ­ quando ceccano rivestiva i panni di consigliere di rifondazione comunista o comunisti italiani ritirò la mozione che era stata presentata anche da altri gruppi come bene ha ricordato il consigliere casadei resta il fatto che l attuale decisione si deve alla giunta campoli e ad una parte della sua maggioranza nonché a quattro consiglieri di minoranza che hanno visto ben oltre lo steccato delle appartenenze ma hanno posato gli occhi sul bene della collettività tuttavia occorre ricordare ai più distratti che nel direttivo del pdl ci sono ex dipendenti e collaboratori della dondi mentre altri ci hanno piazzato direttamente i parenti più prossimi come figlie ad esempio e da questi arrivano le reprimende pubbliche se ancora ci fosse totò ­ prosegue reginaldi ­ userebbe la famosa frase ma mi faccia il piacere sempre nella nota del `direttivo pro-dondi a corrente alternata si legge `ci si augura che tale decisione affrettata non arrechi danni economici ai cittadini e al comune stesso invece ­ attacca il consigliere ­ per il caso dei profughi che ha arricchito immensamente il paese e del quale rendiamo gratitudine agli autori di tanta umanità non si usa il condizionale hanno anche il coraggio di dire e scrivere `niente potrà ripagare i cittadini per i disservizi che hanno dovuto sopportare perché mentre loro imprecavano le amministrazioni succedutesi negli anni non sentivano ne vedevano quello che era evidente a tutti e giusto aggiungo io infatti `qualcuno era impegnato a farsi assumere o a eseguire letture dei contatori dell acqua piuttosto che scrivere pronostici su come sarà il futuro il direttivo del pdl dovrebbe chiedersi dove fossero i suoi consiglieri quando l argomento è stato discusso in consiglio luogo deputato ad affrontare tematiche vitali per il paese il caso dondi e non ultimo il bilancio ma gli scranni del pdl erano desolatamente vuoti e tutti sanno che chi è assente ha sempre torto 3

[close]

p. 4

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 sezze siamo pronti alla disobbedienza civile paolo di capua interviene sulla questione acqua pubblica di simone di giulio torna a far sentire la sua voce il comitato acqua pubblica di sezze che in una nota si dice pronto a ricorrere alla disobbedienza civile in considerazione del risultato del referendum sulla ri-pubblicizzazione dell acqua visto il decreto del 28/07/2011 del presidente della repubblica l intervento del portavoce giovanni paolo di capua è chiarissimo si invita il gestore ad applicare il secondo quesito referendario ovvero la riduzione del 7 delle tariffe idriche il comitato invita altresì l amministrazione comunale a garantire a che il gestore provveda sia a quantificare le somme da restituire ai 9.300 utenti che a verificare la corretta applicazione del riduzione del 7 sulle tariffe a tutela degli interessi di tutti gli utenti ­ prosegue la nota ­ qualora non venisse applicato il secondo quesito referendario da parte del gestore il comitato si vedrà costretto a chiedere un giudizio immediato al giudice di pace successivamente il comitato inviterà gli utenti ad avviare in modo graduale l azione della disobbedienza civile fino al raggiungimento della somma che i cittadini utenti riterranno essere congrua o maggiormente versata inoltre il comitato invita gli utenti allacciati alla rete fognante a detrarre se presente nella fattura/bolletta la quota della depurazione in ragione delle sentenze 335/2008 e 8318/2011 nonché per la mancata installazione delle unità depurative mobili e per l inadeguata insufficienza ed inesistente depurazione degli impianti di casali e sezze stazione agli standard qualitativi minimi da tempo riconosciuti ed evidenziati e per le mancate autorizzazioni allo scarico dei suddetti impianti di depurazione ciò ha trovato attuazione con le manifestazioni dei flash-mob organizzate dal comitato previo invio al gestore di diffida preventiva invitato a provvedere ad eliminare dalla fatturazione il corrispettivo importo della depurazione di marco martelletta pd bilancio ok la segreteria benedice l operato di campoli di simone di giulio elogi per l approvazione del bilancio arrivano dalla segreteria del partito democratico di sezze che in una nota esprime la propria soddisfazione per il risultato raggiunto dall amministrazione guidata da andrea campoli vogliamo porre l attenzione su due dati di particolare rilievo partendo da ciò che risulta inconfutabilmente dagli atti ufficiali approvati prima di tutto la mancanza di debiti fuori bilancio per il terzo anno consecutivo può essere considerato il frutto di una politica accorta e indice di virtuosità delle scelte che ha caratterizzato una prassi amministrativa che trova le sue radici nella forte volontà di guardare al futuro dell ente con rigore e rispetto per le generazioni future il mancato aumento delle tariffe per i servizi invece ha rappresentato una specifica scelta di salvaguardia delle famiglie che su questi servizi scontano quotidianamente il peso di una crisi economica in questo quadro l azienda spl rappresenta uno degli strumenti per mettere in campo misure adeguate per garantire e ampliare servizi come è stato per l ampliamento della raccolta differenziata e il centro diurno per ragazzi disabili `tamantini e arginare la pesante morsa economica che sugli enti locali scarica i maggiori sacrifici a danno dei cittadini altro tratto distintivo di questi anni di amministrazione sono stati i contributi ai consumatori per gli acquisti presso i commercianti locali i contributi agli agricoltori e gli stages formativi per giovani nelle aziende setine il pd setino intende inserirsi in questo dibattito cosciente che il proprio ruolo territoriale è l anello di congiunzione tra le dinamiche economiche nazionali e i servizi che uno stato sociale tende ad assolvere il drastico taglio dei trasferimenti agli enti locali ci restituisce una realtà in cui si fa sempre più critico il rapporto tra le esigenze di una struttura sociale in forte recessione e il sostegno pubblico ai bisogni delle fasce più deboli l impegno è quello di garantire una presenza costante con un ruolo di cerniera sociale con incontri e dibattiti che saranno una delle occasioni per confrontarsi sul futuro 4

[close]

p. 5

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 latina per dismettere il nucleare servono 4,8 miliardi lo spiega la sogin in una nota di simone di giulio per portare a termine le attività di decommissioning dei siti nucleari italiani che si concluderà nel 2025 servono 4,8 miliardi di euro comprensivi dei costi di trasferimento dei rifiuti al futuro deposito nazionale ad annunciarlo è l amministratore delegato di sogin giuseppe nucci che ha illustrato il piano industriale 2011/2015 della società dei 4,8 miliardi sono previsti 1,7 per lo smantellamento delle centrali di latina trino caorso e garigliano 0,9 per il riprocessamento del combustibile 1,4 per il mantenimento in sicurezza di centrali e impianti e 0,8 per il conferimento a deposito dei manufatti condizionati nei cinque anni del piano industriale sogin realizzerà attività di decommissioning per 400 milioni di euro nel 2015 ­ sottolinea nucci ­ pensiamo di fare più di tre volte quello che abbiamo fatto nel 2010 le attività a quella data saranno pari a circa 150 milioni di euro nel primo semestre del 2011 sogin ha realizzato attività di decommissioning per 22,1 milioni di euro in crescita del 50 rispetto alla media del periodo 2007-2010 nei prossimi quattro anni verranno anticipate le demolizioni delle parti convenzionali degli impianti in decommissioning questo programma è stato avviato lo scorso agosto con la demolizione del pontile una struttura in cemento armato lunga 750 metri un risultato ottenuto con un cantiere in opera 24 ore su 24 che ha permesso a sogin di restituire alla cittadinanza l utilizzo della costa e del tratto di mare antistante la centrale È stato un risultato importante dal punto di vista ambientale ­ spiega la sogin ­ in cui l unico tallone d achille è stato quello relativo all iter per ottenere le autorizzazioni recentemente ­ conclude nucci ­ è stato realizzato un buon lavoro con l ispra il ministero dello sviluppo economico e l autorità per l energia che ha permesso di ottenere la via per la centrale di latina e la via per l impianto icpf di itrec trisaia cassa integrazione alle stelle 74 di simone di giulio la crisi non è finita anzi ad affermarlo è luigi scardaone segretario generale della uil di roma e del lazio che in una nota entra nel dettaglio analizzando i dati degli anni caldi cioè dal 2007 al 2011 c è di che restare francamente sconsolati si è passati infatti dai 10.759.298 di ore autorizzate da gennaio a settembre 2007 ai 49.796.233 dello stesso periodo del 2011 non eravamo stati facili profeti quando ai dati trionfalistici dell agosto 2011 che vedevano un leggero calo delle ore autorizzate di cassa integrazione fatto che sottolineammo come fisiologico vista la coincidenza con il periodo di ferie e la contestuale chiusura delle fabbriche i dati parlano per noi e la lancetta si arresta su un 60,5 di ore di cassa integrazione tra settembre 2011 ed agosto 2011 siamo passati infatti dalle 133.665 ore di cassa ordinaria alle 970.493 del settembre da 1.589.485 di cassa straordinaria di agosto a 3.153.606 di cassa straordinaria di settembre c è solo ­ prosegue scardaone ­ magra consolazione un leggero calo della cassa in deroga ma questo calo è probabilmente collegato ai dubbi sul rifinanziamento di questa voce e si è passati da 2.016.638 di agosto a 1.876.483 di settembre la differenza totale è che ad agosto complessivamente le ore autorizzate sono state 3.739.788 contro le 6.000.582 del mese di settembre questo vuol significare che c è stato un incremento di oltre 13.000 unità lavorative ragguagliate a tempo pieno che sono state poste in cassa integrazione analizzando i dati per singola provincia tra agosto 2011 e settembre 2011 registriamo che a frosinone abbiamo avuto un incremento di ricorso alla cassa pari al +92,9 passando da 559.877 a 1.080.158 a latina un +74 passando dalle 210.514 di agosto 2011 a 366.368 del settembre roma ha fatto registrare un +58,1 passando da 2.695.129 a 4.262.199 viterbo ha fatto registrare un +22,4 passando da 180.230 a 220.687 unico dato in controtendenza ma è una controtendenza fasulla perché per alcune imprese della zona si è passati dalla cassa integrazione alla mobilità è rieti che fa registrare un -24,3 passando da 94.038 a 71.170 5

[close]

p. 6

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 sermoneta allarme rifiuti sep scarsella muove subito l accusa di domiziana tosatti la sep di pontinia stoccherà i propri rifiuti in una piattaforma sita nel territorio comunale di sermoneta all interno dell area industriale ad annunciarlo alla stampa è stato l assessore comunale di pontinia parlando della ditta che ha sede nella frazione di mazzocchio una piattaforma temporanea che dovrebbe provvedere a smistare i rifiuti in altri impianti di lavorazioni situati in altre località italiane sull argomento antonio scarsella capogruppo consiliare del gruppo misto della città dei caetani ha presentato un interrogazione urgente al sindaco giuseppina giovannoli ed al presidente del consiglio luigi torelli in questa ha chiesto di conoscere quale sia la ditta che gestisce la piattaforma ecologica che ospiterà il materiale di pontinia ex sep se l amministrazione abbia mai rilasciato autorizzazioni in tal senso per quale motivo non si sia mai provveduto ad un apposito confronto consiliare o nelle commissioni preposte per `verificare la presenza di un progetto complessivo nel settore e soprattutto la presenza di tutte le autorizzazioni previste dalla legge e le garanzie per la cittadinanza non si capisce ha osservato scarsella come si possibile spostare a sermoneta uno stoccaggio di rifiuti che ha prodotto danni e disagi notevoli ai cittadini dell area di mazzocchio senza porsi il problema dei risvolti negativi collegati alla sua presenza in un territorio ancora più piccolo nel caso la notizia data dall assessore all ambiente di pontinia fosse vera allora vorrebbe dire che ancora una volta la maggioranza guidata dal sindaco giovannoli ha dribblato l ennesimo necessario confronto perché un consiglio comunale e delle commissioni non dovrebbero confrontarsi su un argomento tanto importante e grave evidentemente l amministrazione comunale e la giovannoli continuano a pensare che la trasparenza e il confronto su temi così importanti questo come anche il piano del consorzio industriale non sia dovuto il sindaco si è chiesto scarsella pensa che per i cittadini di sermoneta bastino le feste non è bastato né agli antichi romani né più recentemente ai re borboni e non sarà sufficiente neanche alla giovannoli a torelli e agli altri alla luce degli ultimi fatti antonio scarsella ha inoltre formalizzato le già annunciate dimissioni dalle commissioni di cui è membro quella bilancio e quella urbanistica `inutili ed appositamente svuotate delle proprie funzioni l amministrazione tranquillizza e smentisce di domiziana tosatti la sep di pontinia non stoccherà i propri rifiuti organici nel territorio comunale di sermoneta ma in una piattaforma di latina non esiste quindi alcun `caso sep e l assessore all ambiente di pontinia valterino battisti ha commesso un errore mentre antonio scarsella del gruppo misto avrebbe lanciato `l ennesimo allarmismo e l amministrazione comunale caetana a smentire le notizie per cui l azienda di pontina avrebbe stoccato a sermoneta non esiste nel nostro territorio alcuna pubblica o privata autorizzata a stoccare seppur per breve periodo i rifiuti organici che l assessore di pontina rettifichi una notizia che ha creato preoccupazione tra la nostra popolazione questa amministrazione sta dando ogni giorno dimostrazione dell attenzione riservata alle politiche ambientali e l intenzione è quella di far sempre meglio tuttavia si legge nella nota dell amministrazione non si può che stigmatizzare l atteggiamento del consigliere capogruppo del gruppo misto che ha inviato una interrogazione sull argomento rifiuti prima alla stampa e solo successivamente al sindaco di sermoneta anche perché si è lasciato andare a delle considerazioni del tutto fuori luogo se avesse seguito la procedura istituzionale si sarebbe evitato un inutile clamore ed un polverone nato dal nulla non perde oc6 casioni per mettersi in mostra e denigrare l operato l amministrazione comunale senza curarsi del fatto che magari avrebbe potuto informarsi prima di sparare a zero prendiamo comunque atto delle dimissioni da lui definite irrevocabili dalle commissioni urbanistica e bilancio dal canto suo scarsella prende atto delle precisazioni sottolineando tuttavia che la ditta che gestirà lo stoccaggio della sep è la fatone servizi industriali con sede a latina ed operativa nell asse industriale di sermoneta-latina scalo quindi sì latina ma al confine con il comune di sermoneta la precisazione non sposta la sostanza del problema poiché i rifiuti verranno stoccati nella popolosa area di latina scalo-sermoneta a porsi secondo scarsella è soprattutto `il problema della programmazione degli interventi e del futuro dell area industriale di latina scalo-sermoneta su cui sia il comune di sermoneta che quello di latina non hanno inteso aprire alcun confronto neanche in occasione del piano urbanistico sono già almeno cinque le aziende che operano nel settore dei rifiuti presenti nell area industriale se si continua di questo passo quindi il futuro dell area non sarà più legato alla promozione delle ricchezze del terriorio ma ad un polo rifiuti questo conferma che la politica e la programmazione pubblica sono assenti

[close]

p. 7

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 norma un finanziamento per i giardini pubblici la soddisfazione di mancini di domiziana tosatti ventimila euro richiesti ed ottenuti dalla regione lazio per `riqualificare gli spazi verdi dei giardini pubblici il sindaco sergio mancini si è detto non poco orgoglioso di tale riconoscimento giunto dalla pisana attento vigile tuttavia il circolo comunale del partito democratico che ha osservato come sia questa stessa maggioranza a governare il nostro paese da più di cinque anni ormai e ad aver volontariamente dimenticato ed abbandonato al degrado i giardini pubblici sottraendo ai ragazzi un luogo utile alla socializzazione all aggregazione ed al divertimento ci si è ricordati a più riprese del parco ha scritto in una nota il direttivo del pd solo a ridosso dell ultima campagna elettorale al sol fine di promettere l ennesima gestione clientelare dell ennesima struttura pubblica dopo che era clamorosamente fallito il tentativo di stipulare una convenzione con il presidente del centro sociale anziani per l affidamento della gestione del parco e del chiosco presente al suo interno dal dopo elezioni ad oggi purtroppo non è cambiato nulla mancavano idee e progetti prima e mancano oggi di questo si legge ancora il paese continua a soffrire in termini di crescita e di sviluppo con ricadute pesanti a livello occupazionale solo un esempio recente quello del finanziamento ottenuto dalla regione ed utilizzato per valorizzare gli spazi verdi interni ai giardini pubblici che tuttavia per il pd `dimostra ancora una volta di quanto questa maggioranza manchi di serietà e responsabilità basti pensare che il consiglio comunale non è stato convocato nei termini utili per la ratifica di una variazione al bilancio di previsione adottata in via d urgenza ancora più grave poi non aver considerato nell ultimo consiglio in sede di verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio il debito di 1milione e 200mila euro che la società dondi vanta nei confronti del comune fatto `pericolosissimo e che potrebbe avere ripercussioni gravi sullo stesso consiglio bassiano di marco martelletta la giunta perde i pezzi di domiziana tosatti bruno palombo roberto campagna massimo avvisati e mattocci sono quattro i consiglieri due assessori e due con deleghe extra giunta ad aver rassegnato le proprie dimissioni dalle cariche assessorili palombo e campagna e rimettendo le deleghe nelle mane del sindaco costantino cacciotti come nel casso di mattocci ed avvisati tutti e quattro in forza al partito socialista italiano lo stesso di cui è tesserato il primo cittadino basta al momento con l impegno attivo pur garantendo l appoggio esterno alla maggioranza in attesa di un confronto che porti chiarezza e da cui si posso `ripartire per un amministrazione `dal passo diverso continua in qualche modo quella sorta di malcontento interno alla maggioranza di cacciotti segnato sin dal giorno dell insediamento di due anni e mezzo fa dalla formazione di due gruppi distinti e separati con il psi da una parte e bassiano futura dall altra malcontento espresso più volte ma mai reso ufficiale fino alla decisione dei quattro esponenti del psi la nostra volontà ha chiarito bruno palombo ex vicesindaco e assessore al patrimonio e ai musei non è quella di togliere supporto alla nostra maggioranza ma semplicemente di dare una scossa al sindaco al quale chiediamo di fare qualcosa in più e di chiarire situazioni che i cittadini ci chiedono non vogliamo abbandonare la nostra maggioranza ma cacciotti deve scrollarsi di dosso una certa apatia amministrativa da cui alle volte si lascia sopraffare all apparenza sereno il sindaco cacciotti che si è limitato a dichiarare di non accettare `assolutamente le dimissioni questa sera abbiamo fissato una riunione di maggioranza in occasione della quale tutti esprimeremo le nostre posizioni e le nostre idee ed in cui chiederò al gruppo del partito socialista che è il mio partito il motivo che ha spinto i quattro esponenti alle dimissioni da assessore e alla rimessa delle deleghe la mia maggioranza è questa e tale resta non ho alcuna intenzione di accettare le dimissioni di membri fondamentali di essa sono certo che quello di stasera sarà un confronto produttivo e capiremo insieme il modo per continuare a governare al meglio il nostro paese 7

[close]

p. 8

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 la comunità montana non approva il bilancio di domiziana tosatti la xiii comunità montana dei monti lepini ed ausoni continua la propria deriva istituzionale e politica non riuscendo ancora ad approvare gli equilibri di bilancio scadenza obbligatoria prevista dal tuel e fissata al 30 settembre la richiesta di approvazione immediata è giunta dalla prefettura di latina ma dopo la seduta improduttiva dello scorso 29 settembre il 14 ottobre si è replicato ma dopo l abbandono dell aula da parte di 8 consiglieri in quota al partito democratico è venuto meno il numero legale dei presenti unico modo per evitare il commissariamento dell ente ormai a dire il vero immobile da almeno due anni è l approvazione degli equilibri di bilancio franco solli però ormai da tempo non riesce più a vantare una solida maggioranza tanto da non aver mai avuto modo negli ultimi due anni di mandare a buon fine la convocazione assembleare e la votazione degli organi istituzionali la scelta degli otto consiglieri del pd è stata conseguente al rifiuto da parte del centrodestra di aggiornare la seduta al prossimo 26 ottobre entro il limite fissato in proroga dalla prefettura sfruttando il tempo rimanente per la verifica di `un eventuale definizione di un quadro politico capace di nominare gli organi comunitari il centrodestra ha rifiutato forse nella convinzione di avere comunque i numeri sufficienti determinando l ennesimo tonfo si prospetta come sempre più reale la possibilità di un commissariamento dell ente nel caso in cui entro il 7 novembre non si approvi la verifica degli equilibri di bilancio granarolo in crisi mobilità per 108 lavoratori cui scade la cassa integrazione a fine anno in mobilità 108 lavoratori della granarolo ai quali il 31 dicembre scade l ultima proroga della cassa integrazione straordinaria inutili le speranze dei dipendenti della ex pettinicchio di sermoneta la granarolo s.p.a ha dunque ufficializzato con l´apertura di un procedimento di mobilità il licenziamento di 130 lavoratori di cui 108 dello stabilimento di sermoneta che attualmente si trovano in regime di cigs in deroga scadente al 31 dicembre 2011 nel mese di luglio ­ scrive l ugl ­ presso la provincia era naufragato l ennesimo incontro finalizzato a definire eventuali possibilità di reindustrializzazione del sito dove non era emersa nessuna proposte di rilancio e di occupazione per gli ex lavoratori pettinicchio ed oggi prendiamo atto solo degli ennesimi licenziamenti collettivi in una provincia sempre più martoriata ormai le crisi delle aziende pontine si susseguono una dopo l altra rendendo il futuro sempre più incerto per centinaia di famiglie d.t 8

[close]

p. 9

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 pontinia la cronaca torna in evidenza tra riciclaggio di auto e de barberi di roberto tartaglia giuseppe guglietta 47 anni di aprilia andre fabrizi 44 anni lanuvio roman bak 39 anni polacco senza tetto konrad dragan 32 anni polacco senza tetto questi i nomi dei quattro ricettatori d auto rubate arrestati qualche giorno fa a pontinia i quattro all interno di un capannone sito nella strada san giacomo smontavano le auto ne imballavano i pezzi e li trasportavano all estero per la vendita una catena di montaggio perfetta che ha funzionato e fruttato migliaia di euro ai balordi almeno fin quando la squadra mobile di latina coordinata dal vice questore aggiunto cristiano tatarelli ha messo la parola fine a questo scenario da film d azione al momento del blitz i poliziotti hanno rinvenuto merce che la dice lunga sul traffico dei quattro alcuni numeri una mercedes slk poi risultata opera di un furto avvenuto a fine luglio a santa marinella una bmw x3 rubata nello stesso periodo ma ad aprilia una porche cayenne il cui furto è stato denunciato sempre a fine luglio a cesenatico 21 motori già smontati e numerosi altri pezzi d auto a quanto pare la banda ha commesso furti simili su tutta la penisola nel periodo compreso tra il 26 e il 31 luglio scorsi che abbiano agito da soli o forse con l aiuto di complici gli inquirenti sospettano che esista una banda molto ben organizzata dietro quanto rinvenuto ad ogni modo i delinquenti sono stati condotti nel carcere di latina con l accusa di riciclaggio interrogati e scarcerati eh sì scarcerati solamente guglietta resta dentro per i due polacchi libertà con divieto di espatrio mentre per fabrizi il giudice ha disposto gli obblighi di presentarsi in determinate ore di determinati giorni alla polizia giudiziaria secondo quanto disposto dall art 282 del codice di procedura penale le indagini vanno avanti e intanto il prossimo 18 novembre tornerà in aula marzia de barberi la ragazza di 22 anni che accoltellò il fidanzato luca topetta in un appartamento in viale petrarca il gup campoli ha accolto infatti la richiesta di rito abbreviato condizionato avanzata dal legale della ragazza giorgio basei l accusa è sempre la stessa tentato omicidio aggravato da futili motivi sì perché con un fendente di coltello la de barberi aveva tentato di trafiggere il cuore del suo compagno con tanta violenza da rompere addirittura la lama dell arma la lite sembra essere scoppiata per motivi di gelosia reciproca anche se la difesa di lei continua a sostenere la reazione da legittima difesa a causa delle percosse subite dal ragazzo una tesi che starà ai legali di parte smontare trovata l alternativa alla chiusura sep l assessore all ambiente valterino battisti e l amministratore della tra.sco sebastiano gobbo fanno sentire la loro voce dal 3 ottobre la sep è chiusa e i rifiuti che prima venivano trattati dall azienda di mazzocchio ora marciscono nei cassonetti lungo le strade del paese l assessore ha sollecitato la provincia per la risoluzione del problema che coinvolge anche gli altri comuni che facevano riferimento alla sep di sicuro aumenteranno i costi che sinora si attestavano per pontinia intorno ai 15 euro in realtà battisti e gobbo avevano anche asserito di aver concluso un accordo con una piattaforma per lo smaltimento ubicata a sermoneta il problema è che il sindaco di sermoneta giuseppina giovannoli ha smentito tali affermazioni precisando anche che a sermoneta non esiste alcuna piattaforma in grado di svolgere tale compito il mistero è stato poi svelato dall ingegner corradi che ha precisato che la struttura in realtà è la fatone s.r.l di latina non di sermoneta ciò che ha tratto in inganno è la sua ubicazione nei pressi della stazione ferroviaria di latina scalo dove i comuni di latina e sermoneta segnano i loro confini ora resta da capire di quanto lieviteranno i costi e se la qualità del lavoro potrà essere considerata a norma e l assegnazione definitiva r.t 9

[close]

p. 10

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 priverno urgono lavori su via torretta rocchigiana la provincia non cura più i beni privernati di mario giorgi uno strano rapporto quello tra il comune di priverno e l amministrazione provinciale di latina non c è che dire nel giro di un paio d anni si è passati da una sorta di corrispondenza di amorosi sensi ad un distacco abissale in ogni caso decisamente formale tutto è cominciato nella primavera del 2009 perché fino ad allora c era stato un feeling invidiato da molti comuni visto che in via costa c era il presidente armando cusani e alla guida del pdl provinciale c era claudio fazzone come oggi d altronde fino ad allora amici di umberto macci e fabio martellucci autorevoli esponenti del centrodestra privernate nonché sindaco e vicesindaco del centro collinare lepino in quella primavera invece macci decise di aderire a nuova area di conte e ciarrapico sfidando lo stesso cusani per la presidenza della provincia cacciando il suo vice dalla giunta municipale mentre martellucci decise di restare fedele all ortodossia di partito sacrificandosi a candidarsi nel collegio priverno-roccagorga sacrificio peraltro ben ripagato vista la nomina dello stesso ad assessore provinciale all urbanistica alla mobilità e alla pianificazione territoriale e la promessa della candidatura a sindaco di priverno nel 2013 e così da allora la città di priverno pur avendo un sindaco in consiglio provinciale ancorché all opposizione ­ ma se davvero entrerà nell udc di michele forte non è detto che le cose non possano cambiare ­ e un ex vicesindaco addirittura in giunta non è che possa vantare una grande attenzione dalla provincia a parte infatti qualche modesto finanziamento peraltro dovuto ai piccoli comuni e la messa in sicurezza dell allacciante san martino-marittima seconda poco altro per non dire niente è arrivato da via costa negli ultimi due anni poi qualche mese fa la grande notizia ampiamente diffusa dal pdl con manifesti affissi in tutta la città e con un comunicato dello stesso martellucci del finanziamento da parte della provincia di latina per la realizzazione del marciapiede in via madonna delle grazie un opera importante sicuramente ma al pari di altre e in altre zone altrettanto popolose i cui lavori peraltro devono ancora cominciare il problema su cui l autorevole esponente del pdl privernate avrebbe potuto indirizzare l attenzione dell amministrazione provinciale infatti non era solo quello ce n erano e ce ne sono anche altri peraltro ben evidenziati dall opposizione locale ne vogliamo citare solo due anche perché già da tempo li abbiamo sollevati le condizioni di via torretta rocchigiana strada provinciale e l ormai storica rotatoria posticcia in località pruneto di ceriara in via torretta 10 rocchigiana che collega il centro abitato alla vecchia statale 156 dei monti lepini vi sono tratti di costone laterale decisamente pericolosi con piccole frane già verificatesi in più punti e destinate ad aggravarsi con le imminenti piogge autunnali e invernali in caso di mancato intervento la rotatoria di pruneto invece oltre che brutta essendo costituita dai quei blocchi di plastica dura riempiti d acqua è anche estremamente pericolosa essendo stati posizionati quegli elementi spartitraffico in piena curva e proprio davanti ad un paio di attività commerciali possibile che amministratori locali e provinciali ed esponenti di partito che contano non se ne siano accorti mondore@le a colori online onirikaedizioni.it se hai uno smartphone o un iphone usa il codice qr qui accanto per il link del sito e poi scarica il pdf full color oppure consulta l edizione sfogliabile

[close]

p. 11

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 priverno periferie in stato di abbandono a sollevare il problema è elvira picozza di mario giorgi priverno dai primi anni novanta ha acquisito con pieno merito il titolo di città d arte ma non sempre purtroppo a girare per la città e soprattutto per le periferie e nelle frazioni si percepisce favorevolmente questa sensazione spesso si coglie un degrado e uno stato di abbandono davvero preoccupanti basterebbe fare un saltino nel parcheggio coperto sotto il terminal di via degli orti di cui peraltro ci siamo più volte occupati ­ con annessa documentazione fotografica ­ su queste colonne vi si coglie alla perfezione la sintesi del problema sulla questione torna in questi giorni il consigliere comunale del partito democratico elvira picozza che si sofferma soprattutto proprio sulle frazioni e sulle zone periferiche della città pulizia e decoro questo chiedono i cittadini di priverno residenti nelle aree periferiche di ceriara osteria dei pignatari san martino san lorenzo caciara e madonna del calle solo per citarne alcune lungo le strade e nelle piazze di questi quartieri è visibile una quantità di rifiuti non rimossi da mesi il cui volume cresce quotidianamente offrendo un immagine di abbandono e degrado l indignazione dei cittadini si fa sentire ma il comune non interviene anzi in alcuni casi svicola sottraendosi alle proprie responsabilità come è accaduto ai cittadini di osteria dei pignatari ai quali in occasione dell ennesima richiesta di intervento è stato risposto che la pulizia del quartiere non spetta al comune di priverno ma all ater ex istituto case popolari di latina risposte che hanno dell incredibile dal momento che i cittadini di osteria dei pignatari come tutti i cittadini pagano la tarsu ovvero la tassa per i rifiuti solidi urbani al comune di priverno e non all ater la pulizia delle aree e degli spazi urbani è stata recentemente affidata ad una nuova società che evidentemente si limita ancora ad intervenire nel centro cittadino dimenticando i quartieri periferici dove vivono migliaia di cittadini dove funzionano importanti servizi come scuole uffici postali piazze e strutture sportive che richiedono cura e pulizia costanti inoltre ­ sottolinea elvira picozza sul fronte dei rifiuti ormai sta per scadere il periodo di start up previsto per la manutenzione straordinaria e l attivazione delle isole ecologiche ma il livello di degrado è lo stesso di prima anzi per alcuni aspetti è anche peggiorato ci riferiamo ­ precisa il consigliere comunale pd allo stato in cui versano i tradizionali cassonetti che per il momento raccolgono ancora i rifiuti urbani rotti sporchi sfondati circondati da rifiuti di ogni genere per alcuni dei quali i cittadini da mesi segnalano inascoltati il rovesciamento insieme al loro maleodorante contenuto che permane a terra attirando ogni specie di insetti ed altri animali parliamo dei cassonetti posizionati nelle zone di san benedetto a ridosso delle mura medioevali in via circonvallazione nord a ponte di ferro in via giacomo matteotti in prossimità della scuola media san tommaso d aquino dei cassonetti collocati all inizio della provinciale di san martino che sono diventati una vera e propria discarica ci eravamo illusi ­ conclude elvira picozza che dal 1° giugno con l affidamento alla nuova società iniziasse anche una fase nuova migliorativa ma alla luce dei fatti temiamo che il peggio debba ancora arrivare area democratica cerca partecipazione e soluzioni di luca morazzano fin troppi sono stati gli asti e i veleni che hanno caratterizzato la vita politica rocchigiana negli ultimi mesi a partire dalla querelle che ha interessato il sindaco carla amici investita in un sol colpo dalle vicende legali della multiservizi di aprilia e dalle polemiche innescate dalla nascita dell azienda speciale nel piccolo paese lepino che amministra in tale clima proprio questa sera a ritrovare un clima di partecipazione pacata ci prova area democratica attraverso l incontro in programma all auditorium tretola un appuntamento che si pone a sostegno del piano di attività che il partito democratico sta realizzando in tutta la provincia per contribuire alla definizione di un progetto politico economico culturale e sociale capace di rispondere alle reali esigenze del territorio provinciale in linea con questo ragionamento con l intenzione di provocare una riflessione e un confronto roccagorga in merito all articolo ancora polemiche per colpa di vola pubblicato a pagina 11 del numero 105 ci scusiamo con eros ciotti cui abbiamo attribuito una dichiarazione che era invece del consigliere comunale alfredo ciotti con il quale ci scusiamo altrettanto costruttivo sulle prospettive di un futuro migliore a roccagorga sono stati invitati all incontro imprenditori artigiani associazioni culturali di categoria sindacali amministratori semplici cittadini giovani professionisti vari e lavoratori autonomi e dipendenti sia privati che pubblici antonio ricci in veste di responsabile di area democratica ha sottolineato come questo appuntamento segni un momento significativo sul piano politico poiché le polemiche che hanno caratterizzato la vita interna al partito rocchigiano trovano finalmente un terreno in cui lo scontro può e deve diventare confronto ospiti della manifestazione sono enrico forte segretario provinciale del pd latina on claudio moscardelli vice capogruppo del pd della regione lazio ad aprire l incontro sarà il segretario del pd di roccagorga il prof erasmo spaziani 11

[close]

p. 12

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 maenza servizi sociali operato da applausi appare più che positivo il bilancio stilato dall assessore roberto corsi di luca morazzano merita un plauso il giovane assessore roberto corsi e tutto lo staff dei servizi sociali del comune di maenza per i risultati riscontrati nell ultimo periodo culmine di un lavoro iniziato con l avvento dell attuale amministrazione in una nota dello stesso assessore corsi tra i punti portati a termine si leggono infatti voci di indubbio valore come ad esempio il servizio termale messo a disposizione degli anziani articolato in due tipologie una stanziale comprensivo di vitto e alloggio per la durata di due settimane presso le terme di suio e una di tipo giornaliero per la durata di due settimane per cicli integrati e completi di cure termali per il benessere psicofisico realizzati nelle terme pompeo di ferentino ancor più lodevole l iniziativa della mensa sociale che sta per concludersi in questi giorni il servizio di mensa sociale gratuita finanziata dalla regione lazio a seguito di un progetto presentato dai servizi sociali ha permesso a 26 anziani in possesso di requisiti per 14 mesi di usufruire di questo servizio in maniera completamente gratuita inoltre i servizi sociali del comune di maenza hanno presentato quest anno un nuovo progetto per la mensa sociale ed è stato uno dei pochi progetti che la regione lazio ha approvato prevedendo lo stanziamento della somma di 25.405,00 gli stessi servizi sociali hanno poi erogato contributi a titolo di assegni di studio per studenti meritevoli relativi all anno scolastico 2010/2011 oltre che contributi per ragazze madri e nubili e per figli orfani per quanto riguarda la politica di inserimento lavorativo dalla nota dello stesso corsi si apprende si è dato continuità a progetti per l assistenza economica finalizzata che ha l obiettivo di reinserire socialmente persone in difficoltà in un contesto lavorativo protetto e ai progetti per inserimenti lavorativi in favore di utenti seguiti dalla asl distretto monti lepini servizio sert e dsm per quanto riguarda il centro per l infanzia a e l adolescenza nonostante i tagli del governo e della regione lazio il comune di maenza riaprirà nel 2012 il centro per l infanzia e l adolescenza quale centro di sollievo con supporto psico-pedagogico ed educativo ai minori per quanto riguarda invece l assistenza domiciliare agli anziani nonostante stia per concludersi il servizio programmato fino ad ora il comune di maenza sta provvedendo a rinnovarlo con un servizio aggiuntivo gratuito controllo di parametri primari quali pressione arteriosa glicemia colesterolo ed elettrocardiogramma continuerà regolarmente il servizio di prelievo sangue a cura di personale specializzato presso la sede comunale e presso il domicilio di utenti che non possono deambulare e infine chicca degli ultimi giorni una collaborazione tra servizi sociali maentini e l associazione valentina l associazione onlus che si occupa di servizi di sostegno a malati oncologici di aiuto a mamme in difficoltà e vari interventi di emergenza sociale ed è lo stesso corsi a renderla ufficiale in prima persona l assessorato ai servizi sociali nel ringraziare l associazione valentina onlus per la collaborazione messa a disposizione comunica che si stanno distribuendo in questi giorni fino ad esaurimento scorte prodotti alimentari per bambini che vivono in famiglie in condizioni economiche disagiate che si sono rivolte ai servizi sociali giornata ecologica per ripulire il paese di luca morazzano se da una parte c è chi a motivo lancia l allarme ecologico e prova a spronare le autorità richiamando le imposizioni previste dalla legge c è chi prova ad organizzare una raccolta fai da te per garantire un po di pulizia È il caso di felice cipriani presidente associazione amici dei monti lepini e che proprio a maenza per il 29 ottobre ha organizzato l ambiente siamo noi ovvero una giornata ecologica di pulizia straordinaria che vedrà coinvolti i volontari nella raccolta dei rifiuti presenti a bordo via lungo la strada carpinetana da casetta carbonari a maenza e al bivio valle sante maria oltre che in due località ad alto impatto ambientale come fontana acqua i fichi e ponte pisello nei pressi dell ex mattatoio la giornata sarà resa possibile grazie alla partecipazione oltre che degli amici dei monti lepini anche della nuova gea e del comune di maenza oltre a quella delle istituzioni nella speranza di vedere anche tanti cittadini a rimboccarsi le maniche hanno raccolto la proposta anche le seguenti ditte comedil ferko gino troiani lavori in ferro di cacciotti orfaro vetreria vecciarelli ristorante rodolfo ferri per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi a clesio iagnocco presso la pro loco tel 0773/1767018 o a francesca maselli cell 3471866519 12

[close]

p. 13

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 maenza e ancora emergenza san tommaso tutto pronto per la statua discariche abusive pucci pronto a fare un esposto di mario giorgi di marco martelletta sarà perché in passato è stato sindaco per un paio di mandati del suo paese sarà perché essendo segretario cittadino di rifondazione comunista ricopre un ruolo di opposizione sia pure al di fuori del consiglio comunale sarà perché nella vita quotidiana esercita l attività di avvocato in ogni caso alessandro pucci non perde occasione per esercitare il ruolo di censore di fatti e soprattutto misfatti giusto per citare il titolo del suo ultimo libro che avvengono a maenza e così da diversi anni ormai passa al setaccio i problemi del piccolo centro collinare lepino e li porta all attenzione di chi di dovere questa volta pucci torna sul problema dei rifiuti meglio dell abbandono dei rifiuti che alla fine generano piccole o grandi discariche a cielo aperto sempre abusive abbiamo più volte segnalato e richiamato l attenzione delle autorità ai vari livelli sulla presenza di numerose discariche di rifiuti di ogni genere presenti nel nostro territorio inizia il suo breve colloquio con l estensore di questo pezzo abbiamo sperato nel buonsenso e fiduciosi abbiamo atteso interventi idonei oltre che a reprimere tali abusi anche a prevenirli silenzio assoluto da parte di tutti e omissioni a qualsiasi livello delusione totale insomma intanto ­ continua alessandro pucci i rifiuti aumentano basta guardare le discariche a ponte pisello davanti all edificio dell ex mattatoio e sull ex statale 609 carpinetana all altezza di via santa maria a questo punto perciò il segretario maentino di rifondazione comunista ha deciso di provare ad alzare i toni se entro una settimana a partire dalla diffusione di questa notizia non vi saranno idonei ed opportuni interventi atti a rimuovere i rifiuti provvederò ad inoltrare un esposto-denuncia alla procura della repubblica di latina per chiedere a questo punto se non si ravvisino gli estremi per il reato di abusiva realizzazione di discarica insomma una delusione che sfocia nella rabbia e quindi nella minaccia di una denuncia alessandro pucci sottolinea che non parla solo di rifiuti urbani ma anche di rifiuti provenienti da lavori edili e visto che la popolazione maentina si interroga su quanto sta accadendo e su quanto non si fa per eliminare e meglio ancora prevenire certe situazioni pucci insiste con l ennesima segnalazione che ­ conclude ­ se non dovesse sortire alcun effetto lo vedrebbe costretto ad imboccare la pur deprecabile e mai auspicata soluzione giudiziaria staremo vedere cosa accadrà nei prossimi giorni tutto pronto per l inaugurazione della statua dedicata a san tommaso d aquino realizzata da gabriele iagnocco che sarà posizionata sotto al castello dove il santo soggiornò pochi giorni prima della sua morte nel 1274 l evento di sabato mattina vedrà presenti tutte le massime autorità comunali oltre che rappresentanze di provincia e regiona oltre e l ex presidente astral titta giorgi personalmente impegnato nel portare il cardinale sebastiani che presiederà la cerimonia a sottolineare il legame tra maenza e san tommaso è sandro pucci autore di un libro su tale argomento che ricorda abbiamo testimonianza di almeno tre soggiorni del santo nel nostro paese in occasione delle sue visite alla nipote francesca degli annibaldi da ultima quella pochi giorni prima della sua morte a fossanova senza dimenticare poi il miracolo delle aringhe che ebbe luogo proprio sotto al castello dove verrà posizionata la statua eurisco edizioni presenta il castello di maenza e san tommaso d aquino un opera di alessandro pucci seconda ristampa e per la prima volta tradotta anche in inglese 13

[close]

p. 14

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 cultura tutti a teatro di paola bernasconi questo fine settimana si va a teatro ebbene sì lettori di mondore@le dalle pagine di cultura ecco un paio di idee per annusare l odore del palco sabato 22 ottobre il teatro fellini di pontinia apre le porte alle 20.30 per la fortuna è una puttana appuntamento in piazza indipendenza per questa farsa politicomorale in chiave secentesca a presentarla l associazione grosso gatto compagnia di artisti ed attori guidati dalla regista giselda zelda palombi autrice anche dei testi uno spettacolo dalla comicità brillante che vede come protagonisti una serie di personaggi sui generis che tentano di sconfiggere la morte attraverso la creazione di un fantomatico marchingegno che donerebbe l immortalità all intero genere umano il senso dell esistenza ­ come sottolinea la stessa regista ­ è legato alla brevità della vita il tempo è limitato sembra di sentire il beep ritmato del telequiz avanti signor mortale qual è il senso della vita risposta a b o c presto il tempo sta per scadere pontinia o sezze scegliete voi senza un limite di tempo le risposte e le domande possono essere posticipate la paura della morte ha sempre inquietato gli animi più di ogni altra emozione nella ricerca del senso dell esistere il capolinea della vita finisce per sconvolgere la maggior parte delle filosofie che senso ha vivere se poi tutto viene disfatto dalla morte e allora lì ecco le religioni pronte e sicure con le loro risposte che nessuno può confermare o negare ecco i principi morali che regolano la vita in base a prospettive future non verificabili la paura della morte è il timore di non aver capito niente di sé e del proprio posto nel mondo una commedia che rientra nello stile di questa giovane compagnia alla ricerca di un rinnovato contatto con il pubblico il cinema la televisione e la sperimentazione teatrale estrema hanno reso il teatro una specie di estraneo ­ continua giselda palombi ­ quando nel medioevo era l anima della piazza di paese quando nell antichità era il luogo di crescita morale per eccellenza quando nel secolo scorso è stato il luogo di nascita di centinaia di generi diversi e nuovi e allora tornate a teatro e tornateci anche domenica stavolta presso l auditorium mario costa di sezze alle 18.00 quella notte nel bosco questo il titolo dello spettacolo frutto del laboratorio di teatroterapia a cura del dipartimento salute mentale della asl di latina patrocinato dal comune con la collaborazione delle associazioni leonardo onlus e noi di suso l evento rientra nel progetto portato avanti dal direttore del dipartimento lino carfagna un progetto che punta all integrazione dei pazienti psichiatrici e va avanti dal 2004 il teatro ­ spiega la dottoressa carfagna responsabile della struttura residenziale psichiatrica socio riabilitativa santa fecitola ­ è un mezzo per avvicinarsi alla realtà dei pazienti psichiatrici è un mezzo di integrazione vero l obiettivo è infatti quello di abbattere le barriere e la paura nei confronti del paziente psichiatrico e allo stesso tempo puntare attraverso i laboratori teatrali e artistici al reinserimento lavorativo basti pensare che anche i costumi dello spettacolo per la prima volta sono stati ideati disegnati e realizzati dai pazienti liberamente tratto da sogno di una notte di mezza estate lo spettacolo ha visto la regia di dario lavermicocca con la supervisione della stessa dott.ssa carfagna e la collaborazione delle attrici donatella galeotti e rosanna di nunno degli operatori sanitari dei volontari e degli assistenti sociali a priverno l arte è al femminile di mario giorgi dopo la pausa estiva sono riprese le mostre d arte al bar dell arte palombini di priverno a cura della locale associazione delle arti per questo mese di ottobre è in corso una rassegna pittorica al femminile protagoniste le signore dell associazione capitanate da anna colaiacovo insieme a lei espongono crocifissa del frate natalia kulbakina lidia miccinilli tiziana pietrobono e annarita testa un mix di fascino e mistero ­ ci ha detto carlo picone uno dei fondatori del sodalizio artistico privernate avvolge l intera esposizione con i paesaggi lepini e i ritratti della colaiacovo i campi di crocifissa del frate gli olii della kulbakina le incisioni della testa gli acquerelli della pietrobono e i corpi umani della miccinilli un esposizione che ben si addice al contesto iconografico delle artiste che si diletta con colori e pennelli profondendo un impegno ed una costanza certosina 14 l arte non è casuale e richiede una fantasia immaginativa ed una capacità intuitiva oltre ad una mano docile e sapiente e per questo non comune a tutti il maggior pregio delle artiste sta nella consapevolezza di far bene pur nella limitatezza dei tempi che necessariamente si impongono ognuna nel suo genere ognuna nel suo stile le artiste lepine trovano il modo di produrre arte di produrre cultura il loro gusto dell arte la loro voglia di fare sono superiori ad ogni ostacolo e quindi ne esce fuori un impareggiabile prodotto artistico che rimane da esempio per i più giovani pertanto ­ ha sottolineato picone ben vengano le nostre artiste con la loro carica emotiva che rappresentano oggi quanto di meglio si possa produrre in ambito femminile cittadino e questo grazie all associazione delle arti che ha avuto il merito di far incontrare queste persone e di farle stare insieme.

[close]

p. 15

mondore@le numero 109 21 ottobre 2011 cultura lidia losurdo espone a sezze al museo fino al 5 novembre di paola bernasconi lidia losurdo pittura scultura e opere su carta questa la mostra che verrà inaugurata sabato 22 ottobre alle 17.30 e che resterà aperta fino al 5 novembre presso il museo archeologico di sezze si tratta della prima mostra antologica di quest artista scomparsa nel 2010 È una pittura luminosa ­ spiega il prof giuseppe massimini curatore della mostra ­ ricercata con tanta pazienza e con il rigore di chi ha saputo riprendere le tematiche divenute a lei più congeniali perché determinate e guidate dalla sua profonda sensibilità in ogni suo dipinto infatti c è sempre una storia raccontata nelle sue corde più profonde un dramma che riassume un luogo vissuto e amato un ricordo ancora vivo e palpitante questa nelle parole del professor massimini la rassegna che racchiude alcune delle opere che mostrano perfettamente l intero percorso artistico della losurdo laureatasi in scienze politiche diventa docente di lingua e letteratura francese formatasi a roma alla scuola libera del nudo ha collaborato per dieci anni con il maestro giovan battista salerno da sempre dedita alla pittura e alla scultura ha esposto in giro per il mondo toccando importanti città come new york parigi bruxelles londra cannes langkawi in malesia san josè in costarica e san pietroburgo artista impegnata a coniugare l arte con i problemi attuali è stata da sempre convinta dell impegno sociale che la sua disciplina potesse percorrere tre le sezioni nelle quali è suddivisa la mostra nella prima sala sono esposti i suoi lavori iniziali e quindi figure interni mercati pescatori maternità donne contadine volti espressivi sui quali vale la pena soffermarsi nella seconda sono presentati invece i lavori testimonianti il suo periodo di mezzo durante il quale la losurdo si dedica al tema delle maschere maschere che coprono volti dei quali non è importante vedere gli sguardi volti di personaggi che ogni giorno affrontano il mondo in maniera inconscia e allora è preferibile coprire quelle facce non mostrarle affatto nella stessa sezione potrete trovare anche piccole sculture in bronzo ed in terracotta la sala del mosaico ospita infine alcune opere legate a temi molto cari all artista temi legati all esistenza umana con tutte le sue fatiche È la volta di attesa e solidarietà quadri che rappresentano le donne irachene coperte dal burka o ancora tele legate ad un mondo nuovo fatto di media e veline per arrivare ai lavori ispirati a gauguin un buon film è quello che ci vuole di paola bernasconi questa settimana ci buttiamo sulla cinematografia ma non solo per il week end no stavolta la sottoscritta prende spunto dal vostro suggeritore musicale signor fanella e vi propina un bell elenco di film da gustarvi con calma uno ogni giorno partiamo da stasera È venerdì qualcuno vi chiede di uscire ma voi siete stanchi avete accumulato tutto lo stress della settimana e l unica cosa che volete fare è stare spalmati sul divano con la consapevolezza che l indomani mattina non dovrete alzarvi presto per andare al lavoro approfittate per un bel filmone di quelli lunghi centocinquantanove minuti de il curioso caso di benjamin button è quello che fa per voi la storia originale di un uomo brad pitt che nasce vecchio per morire neonato e della sua quasi impossibile storia d amore con la sua amata cate blanchett piangerete sappiatelo io l ho fatto altrimenti lo odierete perché vi annoierà a morte provare per credere sabato sera si esce ma il pomeriggio è dedicato a tutto quello che non avete potuto fare durante la settimana se come me stirate davanti alla tv scegliete qualcosa di poco impegnativo che potete seguire tra una camicia e una tovaglia spiegazzata maschi contro femmine sarà perfetto da vedere con lui per prendersi in giro a vicenda con le amiche per prendere in giro lui È domenica pomeriggio e vi sentite un po appesantiti dal pranzo luculliano ci vuole qualcosa a prova di sonnellino scegliete l apprendista stregone magie ad effetto ironia e un nicolas cage perfetto come sempre nei panni di personaggi estremi forse solo in quelli ma a noi non interessa è domenica ci sentiamo vagamente annoiati e qualche trucco e battutina facile è quello che ci vuole lunedì si torna in ufficio la sera vedete the social network film molto ben fatto è la storia di mark zuckerberg fondatore di facebook penserete a tutti i modi per diventare ricchi immediatamente per non dover tornare a lavorare martedì e invece martedì siete ancora lì nessun conto in banca stratosferico e sul cinico spinto la sera guardate qualunquemente e almeno sul cinismo vi farete una bella risata amara mercoledì c è la champions voi appassionati di calcio buttatevi sulla partita il resto può guardare invece up un cartone sì i primi minuti valgono tutto il film lo giuro giovedì vi sentite bene sapete già che domani inizia il fine settimana la testa è leggera e invece del solito film rilassatevi con la vostra serie preferita e un po di zapping domani è venerdì domani inizia la vacanza 15

[close]

Comments

no comments yet