Erickson - Catalogo 2017|2018

 

Embed or link this publication

Description

Lavoro sociale e Welfare

Popular Pages


p. 1

Lavoro sociale e Welfare 2017 I 2018

[close]

p. 2

Chi siamo Fondata nel 1984 da Dario Ianes e Fabio Folgheraiter, da oltre 30 anni Erickson si impegna per proporre idee, metodologie e strumenti operativi per af ancare chi, ogni giorno, si occupa di problematiche adolescenziali e sociali, disabilità, inclusione scolastica e dif coltà di apprendimento. Una «fabbrica di idee», una casa editrice e un Centro Studi attivi all’interno di 2 grandi aree tematiche: – Psicologia, Lavoro Sociale e Ambito Sanitario – Educazione e Didattica La nostra identità Erickson mira a sviluppare e diffondere competenze, metodologie, strumenti e prodotti derivati dalla ricerca scienti ca e dalle migliori prassi, caratterizzati da qualità-innovazione-pragmaticità, che abbiano l’obiettivo di migliorare l’azione (preventiva, riparativa e di sviluppo) di tutti i soggetti a vario titolo coinvolti nei contesti del welfare, dell’educazione e della didattica, in un’ottica di integrazione sistemica. Cosa facciamo Libri Software Strumenti compensativi Test e strumenti di valutazione APP Giochi educativi Riviste Convegni internazionali Servizi digitali Corsi di formazione e aggiornamento in presenza e online A chi ci rivolgiamo assistenti sociali educatori pedagogisti genitori psicologi logopedisti insegnanti I numeri 2.500 titoli a catalogo 150 libri e software nuovi ogni anno 12 paesi stranieri nei quali sono stati tradotti i nostri libri 50 grandi convegni organizzati dal 1997 20.000 persone formate ogni anno in Italia 2.000 autori e formatori 150 collaboratori

[close]

p. 3

I nostri valori Relazione Orientamento Ricerca Know-how Conoscenza Qualità Ideali PragmaItidsmeo e InclusioneSociale Nozioni Innovazione Scuola Cultura RicercaQualità Sostegno CoSmpEtermteupnazmtiaa Kenntoi w-hRoRicweisrcEomaroszioeni EducazioneSinergia Gli autori e i formatori Il catalogo Erickson raccoglie le opere di oltre 2.000 autori. Nomi illustri a livello internazionale, personaggi di riferimento nel mondo del sociale, della psicologia o della didattica, ma anche scrittori emergenti, professionisti che hanno elaborato metodologie e strumenti innovativi, persone con esperienze significative da condividere. Tra i nostri autori: • Zygmunt Bauman • Edgar Morin • Albert Bandura • Pierpaolo Donati • Simon Baron-Cohen • Robert J. Sternberg • Edward De Bono • Howard Gardner • Ken Robinson • Tom W. Shakespeare • Ivan Illich • Hans Asperger • Andrea Canevaro • Camillo Bortolato • Daniela Lucangeli • Cesare Cornoldi • Daniele Novara • Alberto Pellai Andrea Canevaro Zygmunt Bauman Pierpaolo Donati Perché «Erickson»? Milton H. Erickson (1901-1980) è stato uno dei personaggi più interessanti della psicoterapia del Novecento. Famoso ipnotista colpito dalla poliomielite, è stato una fonte di ispirazione continua e un solido punto di riferimento per una casa editrice e un centro di formazione che da sempre fanno dell’inclusione la propria missione. Per saperne di più: www.erickson.it | www.formazione.erickson.it Sommario LA RIVISTA DEL LAVORO SOCIALE PREPARARSI E ACCEDERE ALLA PROFESSIONE LAVORO SOCIALE IN TASCA TEORIA POLITICHE SOCIALI E MANAGEMENT METODI E TECNICHE DEL LAVORO SOCIALE MINORI E FAMIGLIE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI COLLOQUIO MOTIVAZIONALE COUNSELING MALATTIA, LUTTO E RESILIENZA SALUTE MENTALE, PSICHIATRIA TEST E STRUMENTI DI VALUTAZIONE DISABILITÀ ESPERIENZE DI WELFARE MIGRANTI E INTERCULTURA SELF-HELP CAPIRE IL PRESENTE 2 4 5 6 8 8 10 14 17 18 20 21 22 23 26 27 27 29 PUBBLICA CON NOI LA FORMAZIONE ERICKSON 30 32 PREZZI Per tutti gli ordini diretti alle Edizioni Centro Studi Erickson di libri e KIT (software + libro) si applicano condizioni speciali. Per tutti i dettagli vai a pag. 36. Alcuni prezzi sono contrassegnati da asterischi: * prezzo speciale per l’acquisto dell’intera collana (solo ordini diretti a Edizioni Centro Studi Erickson) ** prodotti a prezzo fisso (salvo promozioni speciali) Leggi l’approfondimento o guarda il video di presentazione su www.erickson.it QR code da inquadrare con lo smartphone per accedere direttamente ad approfondimenti o video online

[close]

p. 4

lavoro socialeLarivistadel Metodologie e tecniche per le professioni sociali PERIODICITÀ 6 numeri annui (febbraio, aprile,giugno, agosto, ottobre, dicembre) 384 pagine complessive QUOTE DI ABBONAMENTO enti, scuole, istituzioni: € 73,00** privati: € 60,00** studenti: € 37,50** Moderna, agile, approfondita Vuoi aggiornarti e conoscere approcci innovativi? Lavoro Sociale è la risposta! Non una semplice rivista: uno strumento agile e moderno, apprezzato da migliaia di professionisti del sociale in tutta Italia. sume un atteggiamento di valutazione «offre» un consiglio morale (o moralistico): mette in guardia, approva, disapprova, invita a pensare in una certa maniera, allude ai criteri che si devono ritenere validi, secondo lui. L’interlocutore può sentirsi in una posizione di inadeguatezza morale e quindi in uno stato di inferiorità. Non si sente considerato abbastanza «morale» o razionale, o al contrario si sente dire «bravo», ma in ogni caso si sente giudicato. Tra le possibili reazioni innescate dall’atteggiamento valutativo troviamo, a seconda della personalità dell’interlocutore: inibizione (freno, reticenza, Metodi e professioni LA RELAZIONE DI AIUTO SECONDO CARL ROGERS 33 Nella visione di Rogers, le persone sono fondamentalmente degne di fiducia, hanno delle qualità interiori positive e hanno le potenzialità per capire meglio se stesse, quindi per risolvere i propri problemi. Chi offre aiuto, in questa prospettiva, non ha bisogno di intervenire direttamente, né di indicare le soluzioni, giacché ogni persona — compreso chi chiede aiuto — è potenzialmente in grado di individuarle da sola. Per Rogers, l’esito di un buon colloquio d’aiuto è legato anzitutto agli atteggiamenti e alle caratteristiche personali di chi presta aiuto, nonché alla qualità della relazione che si instaura tra le due parti. Rogers ha messo in discussione buona parte delle idee tradizionali a riguardo. Non è affatto detto — a suo giudizio — che sia utile dare consigli e suggerimenti o indicare agli altri ciò che dovrebbero fare; né assumere un atteggiamento persuasivo o didascalico, o sforzarsi di interpretare i loro pensieri e sentimenti. In un colloquio d’aiuto, secondo Rogers, non bisogna parlare di se stessi, ma concentrare la propria attenzione sulla storia dell’altro, riformulando ciò che l’altro, a parole o attraverso il linguaggio non verbale, sta comunicando. È interessante notare che, da quando Rogers ha teorizzato queste convinzioni, le ricerche hanno sempre confermato l’ipotesi che una tale relazione d’aiuto, ben gestita, possa aiutare le persone più e meglio di qualsiasi altro strumento. Il processo d’aiuto, a giudizio di Rogers, non soltanto permette alle persone di scoprire le soluzioni ai loro problemi, ma anche di fare un’esperienza di crescita personale che servirà, in futuro, ad affrontare meglio i nuovi problemi. Si tratta di un approccio non intrusivo, fondato sul rispetto nei confronti degli altri. L’altra persona è trattata come pari a noi, nella sua capacità di trovare da sola le soluzioni di cui ha veramente bisogno. Focus, schede e box su idee e personaggi Infogra che © Peeter Viisimaa 34 Immigraziodicnemebre 2015 IL DOVERE DI ACCOGLIERE I PIÙ FRAGILI La campagna «Bambini in Alto Mare» dell’associazione Ai.Bi. 30 A16 anni ha rischiato la vita su uno dei tanti barconi che solcano il Mediterraneo con il loro carico di speranze e di storie drammatiche. A 18 ha già incontrato due presidenti della Repubblica ed è diventato simbolo di integrazione e di riscatto per tanti giovani migranti come lui. Questi i due estremi opposti della vita di Seydou, un ragazzo di origine senegalese approdato in Italia da solo, senza genitori, e accolto in affido da una famiglia di Lampedusa. La sua storia rappresenta un piccolo grande successo della campagna «Bambini in Alto Mare», l’iniziativa dell’associazione Ai.Bi. – Amici dei Bambini mirata a garantire un’accoglienza giusta ai più fragili tra i fragili: i migranti più indifesi, donne agosto 2015 Immigrazione 35 Donne sole,cAonlcfiuglni pi iscceonliteimgioevnantiisspimoissono essere mo rispetto del suo essere per- privi di aldaulgtiudiidrifaeripmeerntuo.n’assistenza di minori senzaDIRITqTuIaDliEtIàB.ANMoBnINsoI lo nei confronti genitori: sononondAgei.oBgvi.elirènuauttniev’oanrngtaai.tnaiMznzeaalz1ioa9n8n6eche per dare i migrantichesesinoscocuaplal’adtitiavdiotàziodneegli operatori. sona. Ma cos’è questo «essere persona»? «Una condizione o uno status conferito a un essere umano dagli altri in un contesto di relazione» sostiene Tom Kitwood, tra i massimi studiosi per quanto riguarda internazionale, di progetti di più indifesi.cadoedoll’ipaseftfraiadnzozioafan, mediieliapdrreio, msdoeoslisdtzllu’eeiaPglogdiRganneoensgoeo-tniodoneUil cnsheiterovh,iazapinopnrnooavizsaipotoinranatleoel Un aspettozione nazionale e, in gen2e00r0a,lech, e si è posto l’obiettivo l’assistenza degli anziani. Questa affermazione indica un percorso ben preciso da seguire. Si ca- importante èqdduai edulilnroitpstrieincdoceniipdmiooifncouonirdio.agPmnaierbpcdtnobaieensrtsansaarcmoatdeladnetot-ia:osc.uadrllei’ecltauàrd,aipscrceornipmtorinanteaanzdsiouonllieal trovare loro unabino ha diritto a una famiglia pisce che cura centrata sulla persona è ben diverso da cura centrata «sull’in- e quindi a essere accoltoRcISoPmEeTTO DELL’ESSERE famiglia. Nellaun figlio. Per questo, davPaEnRtiSaOl NA dramma di migliaia di giovanMias-cosa significa mettere simi migranti che praticamla epnertseona anziana al centro rqituraolveapreoscsaalonroesonogolnsi,tisreegnioczoransgtoeenaciptoopmrriopodleaatdnauomdaapltfceesfiecnleulecnrassmihleoctluereeadorti.oabA?calQhtctueiut,niei,inssstttbauuadtdseiie,mosascaiuqthiuocaleanesnhtdooai dividuo». Diversi autori, infatti, sostengono che il fallimento dell’assistenza socio-sanitaria quotidiana moderna nel rispondere alle esigenze delle persone con malattie croniche è e stare bene.si prendano cura di loro,aAppir.oBcic.io, si deve sempre te- non poteva restare a gusnoaegrredgeacto-tontcooidnevloleltoe,singeelnmzeasdsei-l avvenuto, in larga misura, a causa di una visione individualistica. Puntando più Argomenti di attualità 44 giugno 2016 COME UN VINILE Nell’infografica ecco tutti i «sensi della cura»: concetti che chi si confronta con persone anziane deve tenere a mente. Il senso di sicurezza, di appartenenza, di continuità, di avere uno scopo, di fare Minori e famiglie progressi, di avere Luibnrerivaalore è fondamentale per tutte le persone assistite VALENTINA CALCATERRA IL PORTAVOCE DEL MINORE Manuale operativo per l’advocacy professionale pp. 166 ERICKSON, 2014 45 SERENITÀ L’obiettivo di tutti deve essere sempre il supremo interesse del minore. novembre 1989 a New York dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e sottoscritta dall’Italia il 27 maggio 1991 con Legge n. 176. Negli anni successivi alla ratifica il nostro legislatore ha adeguato la nor- «La maternità e la paternità si costruiscono nella relazione, ed è questa relazione che il giudice deve poter garantire con tutti i mezzi possibili» mativa interna alle norme convenzionali e si sono succedute numerose leggi a protezione del soggetto minore di età. Notevole rilevanza ha assunto la scomparsa degli istituti, che accoglievano anche cento e più bambini divenuti numeri, ed è man mano avvenuta la loro sostituzione con le case famiglia, che in genere non possono superare il numero di dieci ospiti, il che significa che un bambino riesce ad avere un rapporto privilegiato con un operatore della struttura. Questa nuova realtà si è definitivamente affermata soltanto tra il 2006 e il 2008 in tutta Italia. Parimenti fondamentale nell’ottica della protezione è stata la previsione dell’obbligo di ascoltare il minore, che quindi prende voce e può, se messo in grado da persone specializzate, esprimere la sua opinione, o almeno raccon- tare di sé e dei suoi riferimenti familiari. Il bambino all’età di 12 anni va ascoltato, mentre in età inferiore può essere ascoltato se il giudice ritiene che sia in grado di comprendere e seguire un dialogo con lui; se ha compiuto i 14 anni deve dare anche il suo consenso, ad esempio, alla sua adozione. Nei procedimenti che lo riguardano la sua opinione deve essere tenuta in conto, e se il Tribunale se ne distacca deve motivare. Le figure che gli sono accanto, entrambe nominate dal giudice — quella del tutore, se i suoi genitori sono stati sospesi dalla responsabilità genitoriale, quella del curatore, perché lo rappresenti nel procedimento che lo vede coinvolto — sono entrambe di grande aiuto al minore. Da ultimo il legislatore ha riconosciuto un nuovo diritto al soggetto minorenne: quello © Juanmonino © AleksandarNakic IL LIBRO Negli interventi di tutela e di aiuto sociale, l’ascolto del bambino o del ragazzo è di importanza centrale, oltre a costituire un dovere etico per gli operatori e, in molti casi, un obbligo di legge. Il portavoce è una figura appositamente dedicata a rendere possibile tale ascolto: qualcuno che non ha responsabilità dirette sulla situazione e può quindi concentrarsi sul compito di aiutare il minore a esprimersi e a partecipare alle decisioni che riguardano la sua vita, nel modo per lui più opportuno. La funzione del portavoce è di recente sperimentazione in Italia, ma ha una notevole tradizione nel lavoro sociale internazionale, in cui è chiamata advocacy. Questo è il primo manuale sul tema scritto appositamente per il contesto italiano. Si basa sia sull’esperienza internazionale dell’autrice, sia sulle concrete sperimentazioni operative condotte in Italia direttamente da lei o con la sua supervisione. Fornisce il quadro concettuale e tutte le indicazioni pratiche necessarie per avviare efficacemente l’affascinante pratica dell’advocacy nei servizi socio-assistenziali, nelle comunità di accoglienza, nell’ambito dell’affidamento e dell’adozione, nella scuola. Il volume si rivolge non solo agli operatori interessati a svolgere direttamente le funzioni di portavoce (educatori, assistenti sociali, psicologi), ma anche a tutti i professionisti che lavorano nei servizi di tutela minorile, ai dirigenti, agli amministratori, ai policy maker, agli studenti che si avviano a lavorare nel sistema di welfare. RISULTATO Fare progressi rispetto agli obiettivi fissati. Anziani 31 OBpBpoaoIasAIsAEscEscviuviubTebTieiirirlaelTiaeTitstsoàapoàIapbItibVtdiVirdtirieaiievaitOvrtOiiritmeiitmeitvàvàcpicpoiroerenegneganalnllaaliaai.r.rssiiiinn cvoamSleuentuatintroeaSidpnIieGqresusNosanenraIetFoecIotdaCnilseeAi.sdseeTrraeOto DEILSLIEASNECNSUISIRA DELLA CURA Mettlaerpeearlsocennatro APPARTENENZA Sentirsi parte di una comunità ed essere in grado di dare significato alle relazioni. SeSnItimriCsniaUcalcRes,iEcpsuecZrroiocnZfeololirAi,tbope.arourdeae qquuapalSplScocposposeioseitrsCtriiaCiiavivimiimOneOneeencnctrNtariNaaicarcTmreTmeeIebvIbilvileeeoreo.Nrg.NegeaaUUmImiIiTTÀ © MlabDesign all’indipendenza che all’interdipendenza. QUESTIONE DI INTERDIPENDENZA È questa, secondo Michael Nolan, ricercatore della Sheffield University, una via per mettere realmente al centro la persona nell’assistenza. Guardare all’interdipendenza significa concretamente creare un rapporto positivo tra l’operatore, il paziente e la sua famiglia, ma ha a che fare anche con il modo in cui essi si relazionano con le varie professioni coinvolte nell’assistenza. In sostanza, per mettere al centro la persona ci sono tre punti cardine da tenere ben presenti. È essenziale più il rispetto della persona che quello dell’individuo, persona vista come status o condizione di essere umano in un contesto di relazione. Poi non deve mancare un dialogo aperto e costruttivo tra i soggetti della stessa o di altre professioni per andare incontro alle esigenze dell’anziano. Infine, è importante vedere il lavoro di cura come investimento. Più l’assistenza è di qualità, più vi è predisposizione positiva nell’approccio alla cura. AMBITO DI SERIE B Purtroppo il contesto d’a- zione non è facile. Diversi studi evidenziano come i futuri operatori fin da quando studiano all’università considerino l’ambito dell’assistenza agli anziani di basso status. Molti pregiudizi, come lo squallore degli ambienti di lavoro, le minime se non nulle prospettive di carriera, fino a una visione discriminatoria e timorosa nei confronti dell’invecchiamento e della morte, ne pervadono la reputazione. «Grazie a un’evoluzione della qualità dell’assistenza, ponendo maggiore attenzione alle condizioni sociali e agli ambienti di lavoro, oltre a una presa di coscienza da parte degli operatori, possiamo puntare a un nuovo modello di cura dell’anziano più efficace», sostiene Nolan. I «SENSI» DELLA CURA L’ultimo aspetto dell’analisi di Nolan porta a un piano emotivo del rapporto tra chi offre e chi riceve la cura. Quelli che Nolan definisce proprio «i sensi della cura». Secondo Nolan, infatti, gli attori delle relazioni di cura, per agire in maniera efficace e nell’interesse dell’anziano, devono promuovere e poter sperimentare sentimenti come sicurezza, appartenenza, continuità, realizzazione Consigli per approfondire I temi trattati: • minori e famiglie • anziani • disabilità • salute mentale • etica professionale • emarginazione • immigrazione Direzione Scienti ca: Fabio Folgheraiter, ideatore del metodo del Relational Social Work (Metodologia Relazionale)

[close]

p. 5

Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – CP 792 Trento – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Uf cio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – CP 792 Trento – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Uf cio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – CP 792 Trento – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Uf cio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – CP 792 Trento – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Uf cio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – CP 792 Trento – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Uf cio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – CP 792 Trento – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Ufficio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. I.P. lavoro socialeLarivistadel Metodologie dei geni1to0rimagelisassasi gstgeniti sociDailia m oc iAMneniaqpuiAaeSlbclpelCeorMetlarrrceiaohbsebceASnhnetfcnueaetaocot…CitVhsnloamnioetraaaosremtrsuagteticlilliriccasiocoopfchiqnligoteeAuolÈmlginonAayACisanSnulroinymosohyndnnasneoroipitegloesàobvpiiqturseeircrtnudtolianolameoingcnctbliatluoatqioeeasispurlnoccsslaoaotghohesnasnnenessdntsooiiaonpocebneoeiueidrlanonreiliptasems.ilmetp,aedaordoimodnsnconmteoioevdmrlsatnrlaetaetienszripbnesrszdabctiieesetrieluotr’adcuoaerllhiearrsztgiaeciesegovecle.feenenaonfprezcnoeteacitnlariieao!rqmclou’iaoern.lilscoihaciahdmeeiadnsicsoiesatmariporpa!ecncaonptoi.ssibile… la m a n o!ASltbaperCnetVlqtaroorouaraerdenidideitosrcosoavesbarebereiaaapdmspicsoaoprbloetiannstotiobegmialninteoàcn.hateeinisnceuoptnialtirr.alorci QSeuodsdecepseilaetlopllr'UieWeprnnocoizvsoreektreserdsrori"ièrt,dàecstiCtotseamattadotpgtiopoerlaisrcodptaogipLeddoatiarttuaMoArtoaiclnaondMnnaaoa,l)il,aAgsicrnneuryripcdv, opiaAzloilla(bas"beosKorscetriiesaaetpzleiCionpCltnaeeaerrlasmlc,aoogcatnueinatndielleitlCa,oCrsoaditmurcerdyhiumeenOneihnnteadoWsnirsinR,iatonhomezvYzlilaso'aasgunmuirostbtor(iaMtoleI). POSTER IN OMAGGIO 10 MESSAGGI DEI GENITORI AGLI ASSISTENTI SOCIALI e tecniche per le professioni sociali Direttore scientifico Fabio Folgheraiter Vol. 16, n. 4 - Agosto 2016 RIVISTA BIMESTRALE ESSERE UNA PERSONA Dignità e rispetto nell’assistenza agli anziani SPECIALE DI 27 PAGINE NON ACCOMPAGNATI Numeri e riflessioni sui minori stranieri che arrivano nel nostro Paese COMUNITÀ E PARTECIPAZIONE Come coinvolgere al meglio le persone © Volodina lavoro socialeLarivistadel Metodologie e tecniche per le professioni sociali Direttore scientifico Fabio Folgheraiter Vol. 16, n. 5 - Ottobre 2016 RIVISTA BIMESTRALE GIUSTIZIA SOCIALE TRA ETICA E PRATICA Come concretizzare i valori nell’agire quotidiano ACROBATIACCOMPAGNARE ALL’AUTONOMIA DELL’EDUCAZIONEGiovani neomaggiorenni che lasciano la comunità PET THERAPY Corso di sopravvivenza per nel tempo dell’incertezza operatori Attività assistite con gli animali domestici per stare meglio con Andrea Canevaro Aprile – Settembre 2017 Via del Pioppeto 24 - 38121 Trento Tel. 0461 950690 - Numero verde 800 844052 info@erickson.it www.erickson.it lavoro socialeLarivistadel Metodologie e tecniche per le professioni sociali Direttore scientifico Fabio Folgheraiter Vol. 16, n. 6 - Dicembre 2016 RIVISTA BIMESTRALE ILLUSTRAZIONE DI LE FREQUENZE DELL’INCLUSIONE Il fenomeno delle Radio della Salute Mentale SIAMO (QUASI) FRATELLI Esperienze di figli biologici e affidatari RELATIONAL SOCIAL WORKDirezione scienti ca Fare assieme fa la differenza Dario Ianes Libera Università di Bolzano, Centro Studi Erickson CONVEGNO INTERNAZIONALE #SUPEREROI .2017 ADOLESCENTI OGGI TRA DISAGI E OPPORTUNITÀ 5 e 6 MAGGIO Palacongressi di Rimini www.supereroifragili.it #SUPEREROIFRAGILI Via del Pioppeto 24 - 38121 Trento Tel. 0461 950690 - Numero verde 800 844052 info@erickson.it www.erickson.it lavoro socialeLarivistadel Metodologie e tecniche per le professioni sociali Direttore scientifico Fabio Folgheraiter Vol. 17, n. 1 - Febbraio 2017 RIVISTA BIMESTRALE COSA È IMPORTANTE PER TE? Cambiare prospettiva nella cura alla persona LA VIOLENZA NELLE GIOVANI COPPIE Se i sogni d’amore si trasfCoOrmNaVnEoGiNnOincINubTiERNAZIONALE AFFRONTARE L A VIOLENZ AUNA NUOVA RUBRICA «INTERCULTURALITÀ» A CURA DI ANDREA CANEVARO SULLE DONNE Prevenzione, riconoscimento e percorsi di uscita Rimini, 13 e 14 ottobre 2017 www.donneviolenza.it Via del Pioppeto 24 - 38121 Trento Tel. 0461 950690 - Numero verde 800 844052 info@erickson.it www.erickson.it lavoro socialeLarivistadel Metodologie e tecniche per le professioni sociali Direttore scientifico Fabio Folgheraiter Vol. 17, n. 2 - Aprile 2017 RIVISTA BIMESTRALE LE RISORSE DEGLI ADOLESCENTI Dai giovani migranti alla maternità precoce: come accompagnarli nelle difficoltà CONVEGNO INTERNAZIONALE PERCHÉ SONO AFFRONTAREASSISTENTE SOCIALE L A VIOLENZ ALe radici di una scelta umana e professionale SULLE DONNEUN RICORDO DI BAUMAN Il contributo del al lavoro sociale grande soPcrioelovgeonzione, riconoscimento e percorsi di uscita Rimini, 13 e 14 ottobre 2017 www.donneviolenza.it Via del Pioppeto 24 - 38121 Trento Tel. 0461 950690 - Numero verde 800 844052 info@erickson.it www.erickson.it lavoro socialeLarivistadel Metodologie e tecniche per le professioni sociali Direttore scientifico Fabio Folgheraiter Vol. 17, n. 3 - giugno 2017 RIVISTA BIMESTRALE RIPARTIRE DOPO LA VIOLENZA Dalla tutela legale delle donne all’ascolto dei minori: come creare una rete efficace per proteggere realmente GUIDE RELAZIONALI Nuove professionalità sociali CITTÀ DEMENTIA FRIENDLY Esperienze positive nell’assistenza agli anziani Siamo anche sul web In una società sempre connessa, Internet è un compagno di viaggio quotidiano. www.lavorosociale.com è un punto di riferimento costantemente aggiornato con news, appuntamenti, un vasto archivio scienti co e iniziative legate al mondo delle professioni d’aiuto. • news • ricerca per temi d’interesse • sezione scienti ca • approfondimenti e ri essioni • calendario appuntamenti Lavoro Sociale aiuta la tua formazione Lavoro Sociale – in collaborazione con gli esperti del Centro Studi Erickson - propone due corsi online per studiare la rivista, aggiornarsi e ottenere crediti formativi riconosciuti dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali. FaDAS Formazione a distanza per Assistenti Sociali – 2017 20 crediti formativi Praticare l’etica professionale nei servizi sociali Dai principi alle decisioni operative 10 crediti formativi di cui 5 deontologici Per maggiori informazioni vai su www.formazione.erickson.it Per saperne di più bit.ly/16CS_lavorosociale

[close]

p. 6

4 Prepararsi e accedere alla professione Maria Luisa Raineri (a cura di) Assistente sociale domani Materiali per la preparazione all’esame di stato Vol. 1 – Letture scelte per l’esame di Stato – sez. B Vol. 2 – Temi e casi svolti per l’esame di Stato – sez. B I due volumi sono uno strumento agile, ma insieme rigoroso e approfondito, finalizzato alla preparazione degli esami di Stato per l’iscrizione alla sezione B dell’Ordine professionale degli assistenti sociali. La nuova edizione dei due volumi è notevolmente arricchita nei contenuti (temi svolti anche per le prove teoriche; risposte alle domande di ripasso; aggiornamento e integrazione delle indicazioni sulle norme di legge). Inoltre, l’antologia delle letture scelte è stata rivista per meglio calibrarla sulle esigenze dei neolaureati impegnati in uno studio «di ripasso». Approfondisci e guarda il video bit.ly/16CS_assistente-sociale VOL. 1 pp. 576 – € 24,00 ISBN 978-88-590-1063-0 VOL. 2 pp. 366 – € 24,00 ISBN 978-88-590-1064-7 PREZZO DI COLLANA PER I 2 VOLUMI € 45,00* pp. 533 – € 35,00 ISBN 978-88-590-0687-9 Maria Luisa Raineri Linee guida e procedure di servizio sociale Manuale ragionato per lo studio e la consultazione Questo libro sistematizza le indicazioni operative che gli assistenti sociali seguono in ottemperanza alle leggi di settore, agli orientamenti dell’ente per cui lavorano, ai regolamenti di servizio. I contenuti sono organizzati attorno ai tipi di utenza di cui si occupa il servizio sociale professionale. LIBRO pp. 375 – € 23,00 ISBN 978-88-590-0756-2 E-BOOK € 14,99** ISBN 978-88-590-0906-1 Maria Luisa Raineri Tirocini e stage di servizio sociale Manuale per studenti e supervisori Il testo presenta un’innovativa modalità per la formazione sul campo: lo stage sperimentale, in cui lo studente è impegnato nel realizzare nuovi progetti o nell’introdurre in un’organizzazione funzioni di servizio sociale che prima non venivano esercitate. Il libro è quindi utile a studenti e neolaureati, professionisti del sociale interessati a fare da supervisori e coordinatori o dirigenti di servizi sociali alla persona. pp. 282 – € 24,00 ISBN 978-88-590-0656-5 Sarah Banks e Kirsten Nøhr (a cura di) Etica in pratica nel servizio sociale Casi commentati in prospettiva internazionale Il volume esamina casi reali legati all’etica, fornendo un contributo utile per situazioni complesse. Ogni caso si apre con una breve introduzione, seguita da due commenti e da domande utili alla riflessione. Una risorsa accessibile e unica, indispensabile per stimolare una riflessione etica, espandere i propri orizzonti e sviluppare una sensibilità interculturale. pp. 233 – € 19,00 ISBN 978-88-590-0419-6 Malcolm Carey La mia tesi in servizio sociale Come preparare un elaborato finale basato su piccole ricerche qualitative Mantenendo uno stile chiaro e accessibile, il volume offre numerosi spunti teorici e indicazioni pratiche su come impostare, realizzare e documentare unapiccolaricerca. Laguidasirivolgeaglistudentidi servizio sociale che preparano l’elaborato finale per la Laurea triennale e agli studenti che si avviano alla stesura della tesi per la Laurea magistrale. Lena Dominelli Sseorcviiazlieo La professione del cambiamento Lena Dominelli Servizio sociale La professione del cambiamento Il servizio sociale sta andando incontro a grandi cambiamenti; neoliberalismo, globalizzazione, nuove economie di welfare stanno letteralmente sconvolgendo la professione. Questo libro traccia una descrizione delle conoscenze e delle abilità che permettono all’operatore di rispondere alle nuove esigenze che emergono. L’idea che percorre il volume è che l’utente ha dei diritti sociali e umani che devono essere rispettati; questa convinzione costituisce la base per una pratica fondata sulle idee di cittadinanza, solidarietà e reciprocità. In questo volume gli operatori, gli studenti, i dirigenti dei servizi potranno trovare un’importante occasione di riflessione sui dilemmi e le tensioni che i professionisti del sociale incontrano nella pratica quotidiana. LENA DOMINELLI Professore all’Università di Southampton e Presidente della International Association of Schools of Social Work, è una delle figure più autorevoli del social work britannico e internazionale. Ha una lunga esperienza come assistente sociale e ricercatrice e ha lavorato nei servizi territoriali, come operatrice di comunità e in ambito penitenziario pp. 329 – € 25,00 – ISBN 978-88-590-0980-1 Dominelli Servizio sociale

[close]

p. 7

Lavoro sociale in tasca 5 COLLANA LAVORO SOCIALE IN TASCA Libri tascabili per un aggiornamento agile e completo rivolto a tutti i professionisti che cercano indicazioni operative utili nella quotidianità. Facilmente consultabili, ricchi di box e suggerimenti, questi volumi approfondiscono i vari ambiti del lavoro sociale. pp. 96 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0970-2 Giammatteo Secchi Lavorare con le famiglie nelle comunità per minori I professionisti che lavorano coi minori sono chiamati a svolgere al meglio il loro ruolo, lavorando con le famiglie per sostenerle nei compiti genitoriali, anche e soprattutto in situazioni di allontanamento. Il testo propone una riflessione sulle comunità di accoglienza e fornisce indicazioni concrete su come gli operatori impegnati nell’accudimento del minore possano riconoscere le competenze dei familiari e coinvolgerli nella definizione del progetto educativo. pp. 103 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0800–2 Bill Matulich Il colloquio motivazionale passo dopo passo Il Colloquio Motivazionale è diventato materia di apprendimento diffusa e popolare in quanto rappresenta una modalità di counseling efficace e applicabile a un’ampia gamma di problemi psicologici, comportamentali e di salute fisica. Il proposito di questo libro è incoraggiare passo dopo passo in modo pratico e concreto, psicologi, counselor, assistenti sociali, educatori, a imparare a mettere in pratica questo metodo. pp. 128 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0512-4 Elena Cabiati La visita domiciliare in tutela minorile Nel lavoro di tutti i giorni di un assistente sociale, può sembrare che manchi il tempo per prepararsi adeguatamente a una visita domiciliare. La guida offre indicazioni e molti suggerimenti pratici per affrontare e concludere la visita domiciliare nella maniera più produttiva possibile e con maggiore serenità. Il volume si rivolge agli operatori ai primi impieghi, ma si rivela uno strumento prezioso anche per gli assistenti sociali con più esperienza che devono occuparsi per le prime volte della tutela minorile. pp. 128 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0554-4 Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto pp. 104 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0342-7 Incontrarsi, confrontarsi e sostenersi a vicenda sono esperienze spontanee dell’essere umano nei momenti di difficoltà. Quella di aiutarsi è quindi una competenza naturale, che va però ricordata e sollecitata. Come agevolare questo processo? Come renderlo ancora più efficace? Come integrarlo nella rete del welfare? Il testo, rivolto sia ai professionisti che ai volontari, presenta in maniera ragionata la realtà dei gruppi di auto/mutuo aiuto. pp. 133 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0700-5 Uso, detenzione per uso personale e ai fini di spaccio La gestione della visita domiciliare nella tutela minorile N.B.IsntuItpaelifaaclaenletig, gneonpuilnloisrcoeulsaod. etenzione di sostanze N.B. UN ESEMPIO DI LETTERA Gent.le Famiglia Bianchi LEGGI E DOCUMENTI UFFICIALIDa(eam(aslctasrolLeomrtaon.tnnas.iov7tdzn7dae5iaip3enonsntuDztdnDenrnainaPeetPitaztsRipdRiievooeiqao33nnsua0s0leaoelie9l9lvdssia/f/ett9iiv9rlacns0ala0eonoatraessleiziasptezrsasineioz..nfsomnmaneztateraue..aliiie.tp.ssaa)a).tedl.euelcLaLf’paoalueuaelncspntfsrdpoearearairncenneoepstdazcdniceetiiutloropliusznitcospoiiiooipnevnaamoneatmeatmpeailemvoeedqorlniesuatnatelpaelicarlusfospetiniqrlnseataeuiaristlvsnaliliioavetnztezncetiziitianaototelàotenleaolldeelai LsTmaosaTTiTsablinaenatbetbagabeelneg,lesalzlleilPlalaeIacs:7.IhIIiCI9IIl:VeIon/:oC:2csBscBa0iibiaaann1eiirntnn4nnbeoaaazisht,ob,ruia:idiEMcrsciirocaoo(anmiz.rimndefaianpubr,aciiinjaLu,ibetSaoA.ilnDinlaeaf,e,lMttha∆aaDb-ms9eMhilnlTiAesaH,hr,CeP)P.l.aCrtoPivd, eoKtaetlitlaed-i 29 LOVSdvecsdoigPeoe1cghcvNevftgcrps7soPoneofauaIveleeeonite.tnalseodtSirs0lrdrltzmtroatonerlaettsae0ciariiofoiosteraurarusia.Satae:vsmvc,rnbetlsIMlaoaestiveenl2izsiieoeienbarcintsr.isaiaaarfeoq1tnroiisffiqiitreen,zontea0oduoaeeavuliddrtmceo.erzeucotiea1niiaidhifulnlnuoipillo2iucregaleocnnae’eignonamuolamforiioFeeposeillelicbsc’stencasiaerrgv.caepctamoruicimsrriibaotnimeoovnlaoshpiaas.ieiraorlasigreaiaiizpsn,nironsislniroteoipvveoictonaleuntarniiuoneennsapofSrecdnoinietpstpiaheatelrtlanv’aoadmrriilolgiùeooarmrsedrCinestdanD,.Looaldiopbulet’ovoMreccroAoimemnibniimehiotugdsaisptoetlgeieona.seliuficopsetfehir2.i’pfnainmsosrorslire0igcottoetsmaaureirp.eoolpacs0ò1ramdoLneels.ro10atcirutrlimoàev1sa.òetopc1Lnancet-sarrofi2S4epntonodaeuceeg5trotnisnonaseeaeeRn9tcdslotzlslsalaropa8ioieiisndaasotssns9octeoelotnalaedsod8toairlr-eelreio9lienumar-9-tii. – lmdc’oaeoismiglslslaieiesbanrtovoeerinzaactizleol(iagoaslgnoviegecisr)irieaetplaseles;eridvpveiratsiàlmiu,dnteeaerrrageea,aczazoidionontenaesite,tiamanrpepemirodteu,irrrisetaeot,tradaemilcsla’peirnonstntieeidbrlvaialeisntfoàatlo-eo 17 Come svolgere la visita domiciliare e raggiungere gli obiettivi prefissati Un minore apre la porta di casa. Sono presenti in casa la madre o il padre? Sì «Puoi chiamare il papà?» la mamma/ L’azione va a buon fine? No Sono presenti altri adulti? Sì No No sdtgIolteearmnncdaiihnoteosormorrieelloepn/vmaIdladamoraeiopncoooshrtcleaiaaormmmisdaapaorlodeepn.reo-il Sì L’adulto poco dopo compare sulla porta. L’operatore inizia la visita domiciliare. Posso parlare con loro? Sì No Il minore è sufficientemente grande per stare in casa da solo? Sì ismLne’oecnpagteesliaroaa?trloiasrceshiditoeuvaneezlilvo’eannleutr.taaSrreei No aIebstvclLlruuze’oocgoaslrhvnlepsrsaaisanoaeciminripetalaldoaoautgiornnorteets,edtrnaeetloaèiaartlandeoon,gninrzendpieutraleeir.lnrgaa?riciSgrnniaiisaenodtcfnnmaeocuddrneaiomozd.ssssaaaiiii Sì iblsssncfaLtuiiath’ntreouobpaiiareaptriovlmeriezeleigii,zdarnoeiairaiatnaneotlerofdliiol’lucoraaeprehrcmbgriadaoeeisatdlepdneianocretzdpieitoorditooe.oaerlsineronieilseczd,psalioooueporra/nlnellooaa-a-r L’operatore parla con il minore, verifica che in casa non ci siano pericoli e lascia un messaggio per il genitore. Sì qeIlupgaeannrltaiotroesretcaoèanincl’cgoarpdaedernoadtdooir.ealcziarcrsai No iInl tgeernaigtoirreeluncoindaèminengtreadcoondil’aolpzearrasitoered.i picdziinLmroiav’toooemmipnpgrpoveuireleireinon/trdncaitatriontaàteopotr/asea)prr.pobeurrAoeitinsnpesnvcipzpsasehioaaeloriuoirbnnuet:eaiaennlceaopthp.uepoifae/natscmraamsoiiallpibslgolmeii’lltacieruaimanuaidnmonzbifrioaeupeornlrnasmo(tnaeoonazfltfuiadoini-l-,i Nonostante l’interazione l’operatore valuta una situazione di insufficiente protezione per il minore e ragiona in termini di soluzioni immediate. L’operatore valuta che il minore non si trova in situazione di rischio e il genitore è in grado di occuparsi di lui. Approfondirà in seguito quanto accaduto. 47 e3dpc8giporsp9rnDoelvpugeo-arpira3punsrlooluo9pcadaannept2ileoilogsp)nnodit.opalztrseeunaeeasimaiomrsizCgiaolgniplliAovraibspruniTieerimeppeonrmppaa,(bieazririenleùtsiedetoismoiadpcgdoaieragadppuuogtliearntbilloagczaiClt/aleiltmdaooil,muunirnAntupbonateeteolitucldnfiacoaoSdidnlhmllaeaeAoieeltisnsiltultlaatpdzciitrnaaeoiooAlfrtrolfesaesoPneriC.omgoroaso(neQievRnsaaeen’èsiiunasltmeuTucipatin.eneoplseicn,erignprhrrericaiuieiernphtn,pnsotrepoia2rzrooosnia0iibaonnddn1llcibueoeI2Ioatrmc)t,auin,ado.tlpiclooincDiapr/dhapomea.ieotsliua,lita,uo aiuto Esempi dai gruppi•••l•gu•f•ga•teg•gt•efmn•oefa•edan•din•dmtin•idmil•oidsiti•idsitaidoaptiaroiaIpiltoiaprilifreepubianerefgiansreirpnreiriznolrerbsndaiidrnaiiutdnapiedifdiàaceddpfentdsaiierhnadoepfensiarpenienznaatsiizgletozaeoitzteisccdaraviatnasitdohdziirdeadopizademiaacfnarifauecseepleaatonh/rsgoloceoccdishir/conoodttoompaaotclninpisnmolupstoipdzcitiaetiueihcnisunnnoiugasaictcorbtzhcacaouiioeoaliopiudtmlnmeàitimiofuapafdiennscurinaizideltcstiàdniaaaifvuftnrieioeecni//oaoolntàpion.sApiacedfhfriiesdcosoaenme pcihoe: • perdita del lavoro. 13 Paola Bastianoni e Mauro Baiamonte Il progetto educativo nelle comunità per minori Cos’è e come si costruisce Nella vita quotidiana delle comunità per minori vanno contrastate le logiche istituzionalizzanti e si deve promuovere un approccio centrato sulle relazioni interpersonali. Il volume offre molte indicazioni e consigli pratici e introduce le schede informatizzate per il monitoraggio del progetto educativo nelle comunità per minori e ad alta autonomia per neomaggiorenni, strumento semplice e innovativo per costruire e portare avanti il progetto educativo. Valerio Quercia Il lavoro sociale nelle dipendenze da alcol e droga Questa guida pratica vuole essere d’aiuto ai professionisti del servizio sociale impegnati nel campo delle dipendenze, tenendo presenti tutti i fattori che entrano in gioco: dal versante legale a quello del lavoro di rete; dalla conoscenza della natura e degli effetti delle sostanze stupefacenti all’assessment dei fattori di rischio individuali; dal lavoro con i gruppi alla progettazione di interventi di prevenzione e di promozione della salute. Per saperne di più bit.ly/16CS_in-tasca

[close]

p. 8

Folgheraiter SCRITTI SCELTI 6 Teoria RELATIONAL SOCIAL WORK Il Metodo Relational Social Work, teorizzato da Fabio Folgheraiter, invita i professionisti del sociale a non trascurare formidabili logiche di cura, a partire appunto dalla relazione. Nel Metodo Relational Social Work il centro dell'azione non è più il professionista esperto e neppure il destinatario. L'aiuto si colloca «nel mezzo», nella relazione finalizzata al bene tra operatori e utenti, familiari, cittadini. Fabio Folgheraiter SCRITTI SCELTI Teoria e metodologia di Social work a cura di A. Pasini e M.L. Raineri pp. 688 – € 23,00 ISBN 978-88-590-1015-9 Fabio Folgheraiter Scritti scelti Teoria e metodologia di Social work Una raccolta di saggi (a cura di Annalisa Pasini e Maria Luisa Raineri) dai forti connotati innovativi, scritti tra il 1990 e il 2015 da Fabio Folgheraiter, che ha teorizzato il concetto di «lavoro sociale relazionale». In questi testi l’autore invita chi opera nelle professioni d’aiuto a pensare diversamente il mondo dei servizi alla persona. Un settore colpito dalla crisi, ma che può rinnovarsi grazie alla forza delle idee e delle azioni quotidiane. Nella metodologia relazionale – filo rosso che lega i saggi – il centro dell’azione infatti non è più il professionista esperto e neppure il destinatario. L’aiuto si colloca nel mezzo, proprio nella relazione finalizzata al bene tra operatori e utenti, familiari, cittadini. FABIO FOLGHERAITER Co-fondatore delle Edizioni Centro Studi Erickson, docente di Metodologia del Lavoro sociale all’Università Cattolica di Milano, ha teorizzato l’approccio relazionale al lavoro sociale attraverso saggi e articoli scientifici. Coordina il corso di laurea in Servizio sociale e il corso di laurea magistrale in Politiche e servizi sociali. pp. 643 – € 38,00 ISBN 978-88-6137-896-4 Fabio Folgheraiter Fondamenti di metodologia relazionale La logica sociale dell’aiuto Il volume approfondisce il paradigma sociale (relazionale) nelle pratiche di welfare e delinea le insospettabili potenzialità del «prendersi reciprocamente cura» (caring) accanto alle consuete modalità cliniche del «guarire» (curing). Attraverso una potente analisi concettuale consente di penetrare l’essenza dei problemi sociali e di predisporre sensate condizioni per la loro «soluzione». In generale, il libro dimostra come la metodologia relazionale di rete innalzi la creatività del ragionamento professionale. Tale metodo incentiva la fiducia e la condivisione dei saperi, atteggiamenti alla base dell’empowerment e del tanto invocato principio di sussidiarietà. pp. 160 – € 18,00 ISBN 978-88-6137-387-7 Fabio Folgheraiter Saggi di welfare Qualità delle relazioni e servizi sociali In questo libro, gli scritti di Fabio Folgheraiter danno risalto alla «saggezza» delle molteplici componenti del sistema di welfare: quelle dei teorici, dei decisori politici, dei manager dei servizi, dei professionisti sul campo, degli utenti e dei familiari, dei cittadini motivati. Il benessere (welfare) non si produce freddamente nelle catene di montaggio del welfare formale (nel cosiddetto «sistema integrato di servizi sociali») ma emerge dalla premura, dalla razionalità e dalle buone motivazioni delle diverse «personalità», professionali e non, emotivamente coinvolte nella «magica» impresa della sua costruzione. Il welfare è qualità delle relazioni umane che si sforzano di ricercarlo e farlo crescere. GUIDA RELAZIONALECorso di Alta formazione per diventare formazione.erickson.it Trento, ottobre-dicembre 2017

[close]

p. 9

Teoria 7 COLLANA SAGGI SOCIALI DIRETTA DA FABIO FOLGHERAITER Idee e riflessioni di grandi pensatori su temi quanto mai attuali, che ci riguardano da vicino: la giustizia sociale, lo sviluppo sostenibile, i processi migratori e l’accoglienza, i diritti individuali e il benessere collettivo. Tutto questo in volumi agili che permettono di cogliere punti di vista su argomenti di grande interesse. LIBRO pp. 72 – € 10,00 ISBN 978-88-590-0253-6 E-BOOK € 6,99** ISBN 978-88-590-0733-3 Zygmunt Bauman Le sorgenti del male Zygmunt Bauman, uno dei più grandi pensatori viventi, già nel 1989, con Modernità e olocausto, aveva riletto le atrocità del Terzo Reich sovvertendo l’opinione comune che si fosse trattato un «incidente» della Storia e dimostrando che invece la «società dei giardinieri» della modernità aveva raggiunto con l’olocausto il suo risultato più esemplare. In questo libro Bauman compie un ulteriore decisivo passo avanti nell’identificazione del «male» ai giorni nostri. E lo fa con una ricognizione delle tesi fallaci che si erano affermate nel Novecento (dalla «personalità autoritaria» di Adorno alla «banalità del male» di Hannah Arendt) per mostrare poi, in un corpo a corpo con le opere di Jonathan Littell e di Günther Anders, che la presa di distanza dagli esiti dei nostri atti distruttivi contribuisce a erodere la nostra sensibilità già gravemente indebolita e oggi prossima alla cancellazione. pp. 107 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0178-2 pp. 168 – € 12,00 ISBN 978-88-590-0502-5 LIBRO pp. 116 – € 9,00 ISBN 978-88-590-0072-3 E-BOOK € 4,99** ISBN 978-88-590-0364-9 Fabio Folgheraiter Sorella crisi La ricchezza di un welfare povero Questo piccolo libro aiuta a riflettere sulle inaspettate opportunità che si dischiudono a fronte dell’acclarata insostenibilità del prestazionismo. Un welfare teso a valorizzare le energie umane di tutti i protagonisti coinvolti, anziché a «risolvere» unilateralmente con le sue costose e a tratti velleitarie tecnicalità ci porterà in dono un’insperata ricchezza di senso e di risultati. Un punto di vista illuminante e innovativo che apre prospettive diverse inunambitoche hal’esigenzadirinnovarsi. Fabio Folgheraiter Non fare agli altri Il benessere in una società meno ingiusta Il rispetto della regola aurea (non fare agli altri quello che non vorresti che gli altri facessero a te) ci appare oggi più che mai come il faro che dovrebbe illuminare le politiche e le volontà civiche in vista di un benessere sobrio e sostenibile. I saggi raccolti nel volume segnalano, in particolare, un possibile ruolo degli operatori delle politiche sociali, a vari livelli, quali possibili facilitatori di relazioni sociali costruttive e rigeneranti. Fabio Folgheraiter The Mystery of Social Work Analisi critica della Definizione Internazionale e ipotesi alternative secondo la Teoria relazionale Alla ricerca del senso del lavoro di operatori sociali: è questo l’intento del presente saggio, edito in formato bilingue (inglese e italiano). Il testo va alla radice del «mistero» che da sempre caratterizza il Lavoro sociale, vale a dire la difficoltà a concettualizzarne l’essenza in poche e semplici parole. Inglese con versione italiana a fronte Bruno Bortoli I giganti del lavoro sociale Grandi donne (e grandi uomini) nella storia del Welfare 1526-1939 «Siamo come nani sulle spalle dei giganti, sì che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non per l’acutezza della nostra vista, ma perché sostenuti e portati in alto dalla statura dei giganti» diceva il filosofo Bernardo di Chartres nel lontano 1150. È da questa famosa citazione, ripresa poi da Newton, che trae spunto l’idea guida di questo libro di Bruno Bortoli, uno dei massimi esperti italiani nella storia del lavoro sociale. E proprio ai «giganti» del social work, alle figure cardine del lavoro sociale professionale, dalle origini anglosassoni al primo Novecento italiano, è dedicata l’accurata e rigorosa ricostruzione storica che permea le pagine di questo volume.  pp. 539 – € 21,00 ISBN 978-88-590-0165-2

[close]

p. 10

8 Politiche sociali e management 2014-2020PArgoggiroarmnamtoazaiollnae (GUUE del 20.12.2013) pp. 245 – € 23,00 ISBN 978-88-590-0489-9 Marcello D’Amico Progettare in Europa Tecniche e strumenti per l’accesso e la gestione dei finanziamenti dell’Unione europea All’inizio della nuova programmazione finanziaria 2014-2020 dell’Unione europea, il volume intende offrire un aggiornato supporto teorico e pratico per orientarsi tra le diverse opportunità di finanziamento per la realizzazione di interventi cofinanziati dall’Unione europea. Il lettore viene guidato nel nuovo Quadro Finanziario Pluriennale 2014-2020 attraverso una mappatura delle opportunità di finanziamento operative dal 1° gennaio 2014. La guida operativa spiega nel dettaglio come preparare e gestire i progetti europei, illustra gli strumenti finanziari della programmazione europea e fornisce indicazioni operative e pratiche utili sia alla fase di pianificazione della proposta progettuale, sia alla gestione amministrativa e finanziaria dell’intervento da attuare in caso di approvazione. Il ricorso a figure, tabelle, box informativi, ha l’obiettivo di fornire gli strumenti necessari per rispondere ai bandi europei e gestire con successo i progetti. Il volume si presta a essere utilizzato anche da manager e operatori sociali di enti pubblici e organizzazioni del Terzo settore e da studenti di Scienze politiche, Servizi sociali e Politiche pubbliche. Formazione ALTA FORMAZIONE IN EUROPROGETTAZIONE Capire e gestire i bandi europei Trento, 30 novembre, 1-2 dicembre 2017 Docente: Marcello D’Amico Durante l’anno, Erickson organizza più edizioni di questo corso Per maggiori informazioni www.formazione.erickson.it Alberto Camuri Il manager di buona vita Il «manager di buona vita» descritto nel volume è capace di alternare con la necessaria umiltà la sua attenzione e le sue risorse, sapendo ascoltare e facilitare i rapporti, mantenendo un comportamento orientato a un approccio genuinamente relazionale, esercitando il potere come responsabilità; guardando, ascoltando (e aiutando a guardare e ascoltare) per contestualizzare e per dare risposte alle domande di senso per sé e per gli altri. Il libro, forte di una solida base teorica e arricchito dalle significative testimonianze di altri «manager di buona vita», dimostra la possibilità non solo di pensare, ma anche di poter praticare a tanti livelli, sotto la guida di dirigenti e funzionari intelligenti, un’economia «umanistica», in cui la moderazione e il senso morale restino i valori portanti. pp. 174 – € 24,50 ISBN 978-88-590-0856-9 Metodi e tecniche del lavoro sociale pp. 260 – € 24,00 ISBN 978-88-590-1119-4 Marco Brunod, Mario Moschetti, Emanuela Pizzardi (a cura di) La co-progettazione sociale Esperienze, metodologie e riferimenti normativi Questo fornisce indicazioni metodologiche e organizzative e strumenti normativi regolativi utili per impostare la coprogettazione sociale nel proprio contesto, coniugando le diverse risorse culturali, professionali ed economiche e instaurando una collaborazione sussidiaria tra ente pubblico e privato sociale. Completa il volume una «Proposta di regolamento locale della coprogettazione» che si rivelerà strumento utile per la disciplina e la gestione in partenariato pubblico/privato sociale di servizi e interventi sociali d’ambito. NOVITÀ LIBRO pp. 488 – € 19,00 ISBN 978-88-590-1228-3 E-BOOK € 9,99** ISBN 978-88-590-1256-6 Neil Thompson Lavorare con le persone NUOVA EDIZIONE Far emergere il meglio dalle relazioni Nel volume viene spiegato come potenziare la propria efficacia personale, gestendo al meglio il tempo lavorativo, valorizzando doti personali e creatività e contrastando lo stress. Vengono poi presentate le varie modalità di interazione con gli altri, che devono essere conosciute e potenziate per generare rapporti di lavoro efficaci. Infine ci si occupa dei processi di lavoro, e quindi delle abilità e dei metodi necessari — soprattutto agli operatori sociali — per affrontare i problemi individuati. Scritta in maniera accessibile e ricca di esempi, consigli ed esercizi pratici, questanuovaedizione è una risorsa indispensabile per operatori sociali e sanitari, studenti, coordinatori, manager e in generale per chiunque lavori con le persone.

[close]

p. 11

Metodi e tecniche del lavoro sociale 9 pp. 278 – € 19,50 ISBN 978-88-7946-620-2 Maria Luisa Raineri Il metodo di rete in pratica Studi di caso nel servizio sociale Questo libro spiega in maniera originale e molto concreta come realizzare il lavoro di rete nella pratica professionale quotidiana. Dieci approfondite analisi di casi, tratti dalla realtà operativa dei servizi, esemplificano con chiarezza gli snodi critici da affrontare e i ragionamenti che possono orientare l’azione degli assistenti sociali e degli educatori professionali nella funzione di «guida relazionale». Un testo agile e preciso, che declina nell’operatività la ben nota metodologia elaborata da Folgheraiter. Il taglio metodologico/pratico del volume lo rende particolarmente utile anche per la didattica, nell’ambito della formazione alle professioni sociali di aiuto. pp. 214 – € 19,00 ISBN 978-88-590-0238-3 Tom Erik Arnkil e Jakko Seikkula Metodi dialogici nel lavoro di rete Per la psicoterapia di gruppo, il servizio sociale e la didattica Tutti nascono e si muovono all’interno di relazioni, e sono queste relazioni che organizzano la vita e la psiche di ogni uomo: partendo da questo semplice presupposto, gli autori del volume si focalizzano su ciò che i professionisti della relazione di aiuto condividono con le relazioni quotidiane. Assumendo la dialogicità non come un metodo in senso stretto ma come un atteggiamento, una disposizione verso l’Altro fondata sulla reciprocità, vengono descritte e promosse le pratiche relazionali dei Dialoghi Aperti e dei Dialoghi sul Futuro. Il volume fornisce una dettagliata serie di esempi pratici e suggerimenti metodologici perché chiunque operi nel campo delle professioni relazionali. pp. 184 – € 19,90 ISBN 978-88-7946-500-7 Dominique M. Steinberg L’auto/mutuo aiuto Guida per i facilitatori di gruppo L’auto/mutuo aiuto — ovvero il processo di aiutare le persone ad aiutarsi, facilitando il confronto e la condivisione delle esperienze problematiche che ciascuno vive — è sempre stato una delle componenti essenziali del lavoro sociale con i gruppi. Questo volume descrive in modo dettagliato e approfondito i concetti teorici che stanno alla base dei processi di mutuo aiuto e le strategie operative per metterli in atto, enunciando, per ogni fase del lavoro di gruppo, le specifiche abilità e competenze che si richiedono al facilitatore. Il ruolo che spetta a questa figura viene esaminato per esteso in relazione a tutte le “tappe” in cui si articola la “vita del gruppo”. pp. 200 – € 19,50 ISBN 978-88-6137-772-1 Sara Ashencaen Crabtree, Fatima Husain e Basia Spalek Lavorare con gli utenti musulmani Manuale per gli operatori dei servizi sociali e sanitari Questo libro — scritto a sei mani da operatrici sociali con appartenenze culturali diverse — aiuta gli operatori sociali a comprendere i principi della cultura islamica e a capire come essi influenzino la vita delle comunità e la pratica del lavoro sociale. Ogni tematica viene approfondita in modo chiaro e completo, anche attraverso efficaci esempi provenienti dall’esperienza delle autrici. Rivolto soprattutto agli operatori sociali e sanitari, Lavorare con gli utenti musulmani si dimostra prezioso anche per tutti coloro (insegnanti, volontari, ecc.) che si trovano a lavorare con persone musulmane. pp. 142 – € 17,50 ISBN 978-88-6137-537-6 Daniela Polo Cosa sapere sull’amministrazione di sostegno Realtà e prospettive per famiglie e operatori Chi è e cosa fa un amministratore di sostegno? In che modo può rappresentare o sostituire la persona che non è completamente in grado di badare ai propri interessi? Il volume analizza il testo della Legge 6/2004 e individua percorsi di aiuto innovativi, utili a favorire l’adeguamento dell’offerta dei servizi e delle norme ai bisogni reali delle persone e dei loro familiari. Il testo è pensato come guida pratica rivolta ai familiari e agli operatori e presenta risposte dettagliate alle 50 domande più frequenti che l’autrice si è sentita rivolgere nel contesto della sua attività professionale. pp. 240 – € 21,00 ISBN 978-88-7946-917-3 Alan Twelvetrees Il lavoro sociale di comunità Come costruire progetti partecipati Questo manuale, di taglio spiccatamente operativo, spiega come costruire progetti di comunità autenticamente partecipati. L’autore illustra in maniera chiara e completa gli errori più comuni e le strategie per affrontare le situazioni difficili, suggerisce metodi e accorgimenti che possono essere utili per far fronte alle pressioni e alle reazioni emotive più frequenti nel lavoro con la comunità. Il ruolo degli operatori sociali di comunità consiste nell’aiutare persone che vivono nella stessa zona o che condividono lo stesso problema a collegarsi tra loro e intraprendere azioni comuni per il loro benessere. Un testo che, a livello internazionale, è ormai un classico del «community work».

[close]

p. 12

Iwi e Newman PARENT TRAINING IN SITUAZIONI DI VIOLENZA 10 Minori e famiglie NOVITÀ Kate Iwi e Chris Newman Parent training in situazione # Kate Iwi e Chris Newman di violenza domestica Guida pratica per un intervento efficace PARENT TRAINING IN SITUAZIONI DI VIOLENZA DOMESTICA Guida pratica per un intervento ef cace La violenza domestica può avere un effetto distruttivo sulle donne e sui bambini che ne sono vittime, e sul rapporto tra loro. Questo libro fornisce agli operatori una guida efficace per sostenere le madri e, laddove sia possibile, i padri, nel prendersi cura dei figli in modo positivo, una volta che le violenze sono cessate. Si tratta di una guida pratica, con indicazioni, tecniche ed esercizi da utilizzare con le madri nel contesto di un lavoro strutturato e mirato. Fornisce un modello di riferimento per la valutazione dei rischi e dei bisogni di donne e bambini, nonché per il potenziamento dei punti di forza, la scelta degli obiettivi e la pianificazione di un percorso di intervento individualizzato. Consigli, attività, schede di lavoro consentono di facilitare le madri nella comprensione delle conseguenze della violenza domestica e nella valorizzazione del rapporto con i figli. pp. 128 – € 23,50 ISBN 978-88-590-1387-7 NOVITÀ pp. 330 – € 16,50 ISBN 978-88-590-1229-0 Maria Luisa Bonura Che genere di violenza Il volume presenta in modo sintetico ma esaustivo il fenomeno della violenza maschile contro le donne, nelle sue implicazioni sia individuali sia sociali, e fornire alle operatrici e agli operatori indicazioni per un’azione professionale efficace, approfondendo le opportunità e le competenze relazionali necessarie per accompagnare in percorsi di uscita dalla violenza e promuovere una cultura della parità di genere e del rispetto delle differenze. Che genere di violenza è dedicato a chiunque voglia comprendere ciò che ognuno/a (in quanto familiare, amico/a o, semplicemente, cittadino/a) può fare e come i/le diversi/e professionisti/e e le persone impegnate nel volontariato possono intervenire per contrastare l’abuso e promuovere percorsi di libertà. Arricchiscono il volume numerosi box di approfondimento e testimonianze di donne, sia vittime, sia operatrici impegnate in prima linea nel contrasto alla violenza di genere. NOVITÀ pp. 378 – € 24,00 ISBN 978-88-590-1252-8 Roberta Luberti e Caterina Grappolini (a cura di) Violenza assistita, separazioni traumatiche, maltrattamenti multipli Percorsi di protezione e di cura con bambini e adulti Separazioni conflittuali, violenza domestica e assistita, perdite familiari sono eventi complessi e difficilmente elaborabili senza il supporto di un intervento psicoterapeutico mirato. Il libro affronta questo genere di fenomeni partendo dalla loro definizione concettuale, per poi disegnare una «mappa» della diffusione della cultura sulla cura del trauma in Italia, con un’attenzione specifica alla presa in carico delle vittime. Vengono inoltre presentati percorsi riparativi, focalizzati prevalentemente sulla sintomatologia e gli effetti post-traumatici e alla prevenzione del ciclo intergenerazionale della violenza. pp. 300 – € 24,50 ISBN 978-88-6137-773-8 Francesca Maci Lavorare con le famiglie nella tutela minorile Il modello delle Family group conference Nell’ambito della tutela minorile, tutti sono d’accordo sull’importanza del lavoro con i genitori, i parenti e le persone significative per il minore, ma per realizzarlo ci sono pochi strumenti di sperimentata efficacia. Questo libro mette a disposizione degli addetti ai lavori una proposta innovativa concreta, ampiamente diffusa a livello internazionale, ma pressoché sconosciuta in Italia: il modello delle Family group conference. L’autrice ha studiato le Family group conference sul campo, in Gran Bretagna; ciò le consente di presentarci il modello «dal vivo», secondo un’ottica applicativa agganciata al contesto italiano. pp. 290 – € 19,50 ISBN 978-88-590-0418-9 Lisa Parkinson La mediazione familiare Modelli e strategie operative Lisa Parkinson, che in Europa ha introdotto per prima la pratica della mediazione familiare, è una figura di rilevanza internazionale nella progettazione e messa in atto di interventi ispirati a questo prezioso strumento di risoluzione dei conflitti. Il volume rappresenta un manuale di mediazione familiare organico ed esaustivo, orientato al cosiddetto modello di «mediazione globale», nel quale la coppia prende in esame tutte le questioni relative sia ai figli, sia al patrimonio familiare. Il testo presenta anche un percorso di aiuto per le coppie e le famiglie divise, ricco sia di una dimensione pragmatica, sia di risvolti emotivi e di ordine etico. Dalla lettura del volume la mediazione emerge come uno strumento di forte impatto culturale, educativo e pragmatico.

[close]

p. 13

Minori e famiglie pp. 218 – € 23,00 ISBN 978-88-590-0832-3 Annalisa Vicari e Lucia Monicchi Tutelandia Schede e percorsi per l’intervento psicologico con minori vittime di abuso e di maltrattamento Incontrare, ascoltare con rispetto, cercare di comprendere, proteggere e curare bambine e bambini vittime di maltrattamento o abuso sono compiti di una complessità talora scoraggiante, anche per gli operatori più esperti. Tutelare i più piccoli significa rispettare la loro individualità, renderli consapevoli di ciò che stanno vivendo, ascoltare il loro punto di vista e tenerne conto quando si elabora un progetto in loro aiuto. Questo libro consente di accompagnare il bambino nella comprensione di ciò che ha vissuto e sta vivendo, con l’obiettivo di aiutarlo a trovare il modo migliore per superare il trauma. Ogni scheda richiede — con l’aiuto del simpatico canguro Brownie — la partecipazione attiva del bambino e permette di costruire un «diario di bordo» personalizzato. CIAO, SONO IL CANGURO BROWNIE E ACCOMPAGNO PROFESSIONISTI E BAMBINI NEL MONDO DI TUTELANDIA, DOVE I PIÙ PICCOLI SONO PSRIOATFEFTRTOINETAI NPROOABNLECMHEI CON UN PO‛ DI LEGGEREZZA. AREA 4 – Schede operative 4.9 Cosa sono i sintomi? Ti ricordi che abbiamo detto che quando Giorgione e Simone non si parlano possono venirci dei sintomi? Ma tu sai cosa sono i sintomi? Spesso sono il tentativo di risolvere un problema che poi diventa, a sua volta, un problema. La febbre, ad esempio, è un sintomo: è il tentativo del nostro corpo di sconfiggere virus e batteri. Quando ci ammaliamo, il corpo fa alzare la nostra temperatura, perché sa che i virus e i batteri muoiono con il caldo. A volte, però, succede che ci siano dei virus così aggressivi che per sconfiggerli avremmo bisogno di una temperatura altissima; il nostro corpo prova ad aumentarla sempre di più, ma superati i 42 gradi stiamo così male che è la febbre ora il vero problema e rischiamo di lasciarci la pelle! Quindi, adesso che ti ho fatto quest’esempio, mi sapresti dire cos’è un sintomo? È una cosa che ci fa star male, ma al tempo stesso è anche il tentativo di sconfiggere un male più grande. Ma c’è di più: i sintomi possono coinvolgere tanti aspetti della nostra vita! Possono coinvolgere le nostre sensazioni fisiche e farci sentire dolore, le nostre emozioni e farci sentire tristi, agitati, arrabbiati, o i nostri comportamenti e farci venire voglia di isolarci dagli altri, o litigare per cose di poca importanza, ecc. © 2015, A. Vicari e L. Monicchi, Tutelandia, Trento, Erickson 181 11 Valentina Calcaterra L’affido partecipato Come coinvolgere la famiglia d’origine A trent’anni dalla legge 184/83, si potrebbe ritenere che non vi sia più molto da dire sull’affidamento familiare, a parte doverose considerazioni connesse al monitoraggio dell’effettivo utilizzo di questo strumento. Eppure, questo libro adotta un approccio spiccatamente originale nel panorama della cospicua letteratura in materia, tanto da poter costituire un segnale di una nuova cultura dell’affido e, più in generale, di una nuova cultura dei processi di aiuto nell’ambito della tutela minorile. Il volume mostra i vantaggi di una metodologia relazionale che coinvolga tutti gli attori in gioco: famiglia d’origine, famiglia affidataria, minori, operatori del pubblico e del Privato sociale. Supportato da una solida base teorica e metodologica, e dall’esperienza pluridecennale maturata dalla Cooperativa Sociale «La Casa davanti al sole» (Varese), il volume descrive nel dettaglio e con esempi concreti i modi e gli strumenti per avviare un percorso di affido autenticamente partecipato. pp. 176 – € 16,00 ISBN 978-88-590-0490-5 Alberto Pellai Le parole non dette Come genitori e insegnanti possono aiutare i bambini a prevenire l’abuso sessuale Nato da un progetto decennale condotto dall’autore insieme a educatori, ricercatori, pedagogisti e insegnanti di tutta Italia, Le parole non dette è la risposta reale alla costante richiesta di risorse per aiutare i bambini a prevenire l’abuso sessuale. L’opera si compone di tre parti: – la prima descrive le basi teoriche e gli obiettivi del progetto, la defini- zione, l’epidemiologia, le conseguenze dell’abuso sessuale all’infanzia, le caratteristiche del pedofilo; – la seconda si occupa della prevenzione in famiglia, fornendo una valida guida ai genitori con suggerimenti pratici per l’utilizzo delle schede a colori rivolte direttamente ai bambini dai 5 agli 8 anni; – la terza presenta un percorso educativo in 5 incontri da effettuare a scuola con bambini del secondo ciclo della primaria. pp. 166 – € 18,50 ISBN 978-88-590-0225-3

[close]

p. 14

12 Minori e famiglie Cleopatra D’Ambrosio L’abuso infantile Tutela del minore in ambito terapeutico, giuridico e sociale Il volume è il risultato dello studio, dell’esperienza e delle riflessioni dell’autrice che, attraverso il lavoro terapeutico, peritale e di formazione degli operatori, entra quotidianamente in contatto con i bambini vittime di abuso e con le problematiche emotive, relazionali e istituzionali connesse a questo tipo di intervento. I diversi professionisti coinvolti a vario titolo in questo ambito (psicologi, psicoterapeuti, periti, avvocati, giudici) troveranno in queste pagine un’ampia rassegna delle questioni da affrontare per comprendere l’indicibile sofferenza del bambino abusato e per accogliere con il massimo tatto e rigore metodologico la sua rivelazione. Un lavoro estremamente delicato per il quale servono sensibilità e preparazione. LIBRO E-BOOK pp. 224 – € 19,50 ISBN 978-88-6137-628-1 € 9,99** ISBN 978-88-590-0353-3 pp. 166 – € 19,00 ISBN 978-88-590-0701-2 Valentina Calcaterra Il portavoce del minore Manuale operativo per l’advocacy professionale Arriva il primo manuale scritto per il contesto italiano. Si basa sull’esperienza internazionale dell’autrice e sulle sperimentazioni operative condotte in Italia. Fornisce il quadro per avviare la pratica dell’advocacy nei servizi socio-assistenziali, nelle comunità di accoglienza, nell’ambito dell’affidamento e dell’adozione, nella scuola. Si rivolge a tutti i professionisti che lavorano nei servizi di tutela minorile. pp. 190 – € 22,50 ISBN 978-88-6137-774-5 Jane Boylan e Jane Dalrymple Cos’è l’advocacy nella tutela minorile Guida per educatori e assistenti sociali L’advocacy consiste nel rappresentare il punto di vista e i diritti dell’utente, sostenendolo nel partecipare alle decisioni che lo riguardano. Quando gli utenti in questione sono minorenni, in molti casi non vengono coinvolti. In questo libro, due delle massime esperte internazionali in materia approfondiscono gli elementi fondamentali di quella che potrebbe divenire una funzione fortemente innovativa per gli operatori e i servizi sociali del nostro Paese. Formazione UNA SELEZIONE DEI NOSTRI CORSI ONLINE SUL TEMA WELFARE • Le comunità per minori: metodologie di intervento, di formazione e di valutazione • Il Colloquio motivazionale con gli adolescenti • Affrontare separazioni e divorzi conflittuali. Strumenti per i professionisti della scuola e dei servizi • Procedure di servizio sociale nella tutela minorile • L’intervento psicologico con i minori vittime di traumi • L’affido partecipato. Come coinvolgere la famiglia d’origine www.formazione.erickson.it pp. 474 – € 24,00 ISBN 978-88-6137-943-5 Pierpaolo Donati, Fabio Folgheraiter, Maria Luisa Raineri (a cura di) La tutela dei minori Nuovi scenari relazionali La tutela dei minori è l’ambito dei servizi sociali maggiormente controverso, in cui più spesso le decisioni dei professionisti (assistenti sociali, psicologi, educatori, magistrati, insegnanti e operatori sanitari) sono oggetto di polemiche. . Questo libro apre la speranza a uno scenario diverso: lavorare in un altro modo è possibile, e ci sono varie sperimentazioni che indicano una strada promettente. Il volume ha come filo conduttore la metodologia relazionale. Propone contributi dei maggiori esperti italiani e internazionali del settore, accanto a riflessioni operative elaborate da chi lavora sul campo. Vengono illustrate alcune esperienze di punta del tutto nuove per il panorama italiano: la strutturazione di processi decisionali centrati sulle famiglie, le esperienze di auto/mutuo aiuto tra genitori con provvedimenti tutelari, la funzione di advocacy (di portavoce) a favore del bambino.

[close]

p. 15

Minori e famiglie 13 pp. 64 a colori + guida - € 12,50 ISBN 978-88-590-1176-7 Anne Braff Brodzinsky Edizione italiana a cura di Rosa Rosnati, Barbara Bevilacqua, Ondina Greco Mi chiamo Sonia e sono stata adottata Posso raccontarti la mia storia? «Sono stata adottata 10 anni fa. L’adozione è una faccenda piuttosto complicata e i bambini e gli adulti pensano di capirla, ma in realtà, per la gran parte delle volte, non è così.» Un libro scritto in modo semplice e diretto, ricco di illustrazioni, che racconta ai bambini dai 7 ai 10 anni che cosa significa essere adottati. Una storia che può aiutare i bambini che sono stati adottati – ma anche ai loro fratelli, cuginetti, amici – a capire meglio la loro storia. In allegato, una guida metodologica che spiega agli adulti come utilizzare il racconto e accompagnare il bambino. La guida è divisa in tre sezioni, specificamente rivolte ai genitori, agli insegnanti e agli operatori che seguono i bambini. Suzanne Lavigueur, Sylvain Coutu, Diane Dubeau Sostenere la genitorialità Strumenti per rinforzare le competenze educative - Ed. italiana a cura di Paola Milani, Sara Serbati e Marco Ius Puntando sulle abilità dei genitori, i loro bisogni e le loro motivazioni e a partire dall’ascolto della loro voce, il kit propone più di 200 carte illustrate che educatori, operatori psicosociali, insegnanti, formatori potranno utilizzare per arricchire e facilitare attività di sostegno alle competenze genitoriali. Flessibile e facile da utilizzare, il kit può essere adattato al lavoro svolto in diversi servizi (servizi sociali, educativi, socio-sanitari, consultori familiari, nidi e scuole) e contesti di intervento. I materiali sono utilizzabili con tutti i genitori con figli da 0 a 11 anni. Oltre alle carte a colori, il kit comprende un DVD con la presentazione degli strumenti e le testimonianze di alcuni operatori e una guida metodologica completa di griglie di domande e risposte e fogli di sintesi . - più di 200 carte illustrate. - DVD con la presentazione degli strumenti e le testimonianze di alcuni operatori - una guida metodologica completa di materiali di sostegno all’intervento e alla valutazione. pp. 90 + DVD + oltre 200 schede a colori € 55,00 ISBN 978-88-6137-938-1 pp. 203 – € 19,50 ISBN 978-88-7946-074-3 Paola Milani Progetto genitori Itinerari educativi in piccolo e grande gruppo Una raccolta di materiali utili per la conduzione di incontri formativi con i genitori, in piccolo e grande gruppo. Una proposta di forte carattere operativo, ricca di spunti e indicazioni concrete per impostare la formazione dei genitori in modo finalmente adeguato alla complessità del compito. LIBRO pp. 262 – € 25,00 ISBN 978-88-590-0797-5 E-BOOK € 17,99** ISBN 978-88-590-0595-7 Abbie E. Goldberg Omogenitorialità Famiglie con genitori gay o lesbiche: studi e ricerche Negli ultimi anni si è discusso molto sulla possibilità per le coppie dello stesso sesso di diventare genitori. Ma quali sono le esperienze di transizione alla genitorialità di queste coppie? Quali sono le conseguenze, positive e negative, sullo sviluppo dei figli? Omogenitorialitàpropone una panoramica delle ricerche su famiglie con genitori dello stesso sesso, esplorando le differenti modalità con cui gay e lesbiche rivisitano e trasformano i concetti di genere e famiglia.

[close]

Comments

no comments yet