Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

Santuario Madonna dei Fiori LETTURE DELLA NOVENA 2017

[close]

p. 2

Indice 1° giorno della novena pag. 3 30 AGOSTO MERCOLEDÌ Gesù, il Cristo (don Mauro Grosso) 2° giorno della novena pag. 5 31 AGOSTO GIOVEDÌ Celebrando il memoriale... (p. Andrej Brozovic s.j.) 3° giorno della novena pag. 7 1° SETTEMBRE VENERDÌ Vivere il giorno del Signore (don Marco Gallo) 4° giorno della novena pag. 9 2 SETTEMBRE SABATO È Lui che parla (don Germano Galvagno) 5° giorno della novena pag. 11 3 SETTEMBRE DOMENICA Domenica XXII del Tempo Ordinario 6° giorno della novena pag. 13 4 SETTEMBRE LUNEDÌ Un solo corpo (don Alessandro Giraudo) 7° giorno della novena pag. 15 5 SETTEMBRE MARTEDÌ Eucarestia e vita: farsi carico (Antolla Di Fabio e Ivan Andreis) 8° giorno della novena pag. 17 6 SETTEMBRE MERCOLEDÌ Eucarestia e missione (Salvatore Martinez) 9° giorno della novena pag. 19 7 SETTEMBRE GIOVEDÌ Eucarestia e Maria (Sorelle della Trasfigurazione) festa pag. 21 8 SETTEMBRE VENERDÌ Solennità della Beata Vergine dei Fiori (Mons. Marco Brunetti)

[close]

p. 3

MERCOLEDÌ 30 AGOSTO Gesù, il Cristo 1° giorno della novena Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai Filippesi Fil 2, 5-11 Abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo Gesù: egli, pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l’essere come Dio, ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uo- mini. Dall’aspetto riconosciuto come uomo, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce. Per questo Dio lo esaltò e gli donò il nome che è al di sopra di ogni nome, perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra, e ogni lingua proclami: “Gesù Cristo è Signore!”, a gloria di Dio Padre. Parola di Dio SALMO RESPONSORIALE Dal Salmo 110 Rit.: Gloria a te, o Signore Oracolo del Signore al mio signore: “Siedi alla mia destra finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi”. Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: domina in mezzo ai tuoi nemici! -3-

[close]

p. 4

A te il principato nel giorno della tua potenza tra santi splendori; dal seno dell’aurora, come rugiada, io ti ho generato. Il Signore ha giurato e non si pente: “Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchìsedek”. Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 12, 1-8 Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Laz- zaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. Maria allora prese tre- cento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del- l’aroma di quel profumo. Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse: «Perché non si è venduto questo profumo per trecento denari e non si sono dati ai poveri?». Disse questo non per- ché gli importasse dei poveri, ma perché era un ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: «La- sciala fare, perché essa lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I po- veri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me». Parola del Signore -4-

[close]

p. 5

GIOVEDÌ 31 AGOSTO Celebrando il memoriale... 2° giorno della novena Dalla Lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi 1 Cor 10, 16-17 Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse co- munione con il sangue di Cristo? E il pane che noi spezziamo, non è forse comunione con il corpo di Cristo? Poiché vi è un solo pane, noi siamo, benché molti, un solo corpo: tutti infatti partecipiamo all’unico pane. Parola di Dio SALMO RESPONSORIALE Dal Salmo 104 Rit.: Canterò per sempre l’amore del Signore Benedici il Signore, anima mia! Sei tanto grande, Signore, mio Dio! Sei rivestito di maestà e di splendore, avvolto di luce come di un manto, tu che distendi i cieli come una tenda, costruisci sulle acque le tue alte dimore, fai delle nubi il tuo carro, cammini sulle ali del vento, fai dei venti i tuoi messaggeri e dei fulmini i tuoi ministri. -5-

[close]

p. 6

Egli fondò la terra sulle sue basi: non potrà mai vacillare. Tu l’hai coperta con l’oceano come una veste; al di sopra dei monti stavano le acque. Al tuo rimprovero esse fuggirono, al fragore del tuo tuono si ritrassero atterrite. Salirono sui monti, discesero nelle valli, verso il luogo che avevi loro assegnato; hai fissato loro un confine da non oltrepassare, perché non tornino a coprire la terra. Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 6, 52-58 In quel tempo i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi man- gia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno». Parola del Signore -6-

[close]

p. 7

VENERDÌ 1° SETTEMBRE Vivere il giorno del Signore 3° giorno della novena Dalla lettera dell’Esodo Es 20, 2.3 8-11 In quel tempo Dio pronunciò tutte queste parole: «Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dalla terra d’Egitto, dalla condizione ser- vile: Non avrai altri dèi di fronte a me». Ricòrdati del giorno del sabato per santificarlo. Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: non farai alcun lavoro, né tu né tuo figlio né tua figlia, né il tuo schiavo né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te. Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il settimo giorno. Perciò il Si- gnore ha benedetto il giorno del sabato e lo ha consacrato. Parola di Dio SALMO RESPONSORIALE Dal Salmo 147 Rit.: Noi ti lodiamo e ti benediciamo Celebra il Signore, Gerusalemme, loda il tuo Dio, Sion, perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte, in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli. Egli mette pace nei tuoi confini e ti sazia con fiore di frumento. Manda sulla terra il suo messaggio: la sua parola corre veloce. -7-

[close]

p. 8

Fa scendere la neve come lana, come polvere sparge la brina, getta come briciole la grandine: di fronte al suo gelo chi resiste? Annuncia a Giacobbe la sua parola, i suoi decreti e i suoi giudizi a Israele. Così non ha fatto con nessun’altra nazione, non ha fatto conoscere loro i suoi giudizi. Dal Vangelo secondo Luca Lc 23, 50-56 Vi era un uomo di nome Giuseppe, membro del sinedrio, buono e giu- sto. Egli non aveva aderito alla decisione e all’operato degli altri. Era di Arimatea, una città della Giudea, e aspettava il regno di Dio. Egli si pre- sentò a Pilato e chiese il corpo di Gesù. Lo depose dalla croce, lo avvolse con un lenzuolo e lo mise in un sepolcro scavato nella roccia, nel quale nessuno era stato ancora sepolto. Era il giorno della Parasceve e già splen- devano le luci del sabato. Le donne che erano venute con Gesù dalla Ga- lilea seguivano Giuseppe; esse osservarono il sepolcro e come era stato posto il corpo di Gesù, poi tornarono indietro e prepararono aromi e oli profumati. Il giorno di sabato osservarono il riposo come era prescritto. Parola del Signore -8-

[close]

p. 9

SABATO 2 SETTEMBRE È Lui che parla! 4° giorno della novena Dal libro del profeta Geremia Ger 1, 4-19 Mi fu rivolta questa parola del Signore: «Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto, prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato; ti ho stabilito profeta delle nazioni». Risposi: «Ahimè, Signore Dio! Ecco, io non so parlare, perché sono gio- vane». Ma il Signore mi disse: «Non dire: Sono giovane. Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò e dirai tutto quello che io ti ordinerò. Non aver paura di fronte a loro, perché io sono con te per proteggerti». Oracolo del Signore. Il Signore stese la mano e mi toccò la bocca, e il Si- gnore mi disse: «Ecco, io metto le mie parole sulla tua bocca. Vedi, oggi ti do autorità sopra le nazioni e sopra i regni per sradicare e demolire, per distruggere e abbattere, per edificare e piantare». Mi fu rivolta questa parola del Signore: «Che cosa vedi, Geremia?». Ri- sposi: «Vedo un ramo di mandorlo». Il Signore soggiunse: «Hai visto bene, poiché io vigilo sulla mia parola per realizzarla». Parola di Dio SALMO RESPONSORIALE Dal Salmo 93 Rit.: Lampada ai miei passala tua parola Il Signore regna, si riveste di maestà: si riveste il Signore, si cinge di forza. È stabile il mondo, non potrà vacillare. Stabile è il tuo trono da sempre, dall’eternità tu sei. Alzarono i fiumi, Signore, alzarono i fiumi la loro voce, alzarono i fiumi il loro fragore. -9-

[close]

p. 10

Più del fragore di acque impetuose, più potente dei flutti del mare, potente nell'alto è il Signore. Davvero degni di fede i tuoi insegnamenti! La santità si addice alla tua casa per la durata dei giorni, Signore. Dal Vangelo secondo Matteo Mt 7, 24-29 In quel tempo Gesù disse: chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si ab- batterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande. Quando Gesù ebbe terminato questi discorsi, le folle erano stupite del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come i loro scribi. Parola del Signore - 10 -

[close]

p. 11

DOMENICA 3 SETTEMBRE 5° giorno della novena Domenica XXII del Tempo Ordinario Dal libro del profeta Geremia Ger 20, 7-9 Mi hai sedotto, Signore, e io mi sono lasciato sedurre; mi hai fatto vio- lenza e hai prevalso. Sono diventato oggetto di derisione ogni giorno; ognuno si beffa di me. Quando parlo, devo gridare, devo urlare: «Vio- lenza! Oppressione!». Così la parola del Signore è diventata per me causa di vergogna e di scherno tutto il giorno. Mi dicevo: «Non penserò più a lui, non parlerò più nel suo nome!». Ma nel mio cuore c’era come un fuoco ardente, trattenuto nelle mie ossa; mi sforzavo di contenerlo, ma non potevo. Parola di Dio SALMO RESPONSORIALE Dal Salmo 62 Rit.: L’anima mia ha sete del Dio vivente O Dio, tu sei il mio Dio, dall’aurora io ti cerco, ha sete di te l’anima mia, desidera te la mia carne in terra arida, assetata, senz’acqua. Così nel santuario ti ho contemplato, guardando la tua potenza e la tua gloria. Poiché il tuo amore vale più della vita, le mie labbra canteranno la tua lode. - 11 -

[close]

p. 12

Così ti benedirò per tutta la vita: nel tuo nome alzerò le mie mani. Come saziato dai cibi migliori, con labbra gioiose ti loderà la mia bocca. Quando penso a te che sei stato il mio aiuto, esulto di gioia all’ombra delle tue ali. A te si stringe l’anima mia: la tua destra mi sostiene. Dalla lettera di San Paolo apostolo ai Romani Rm 12, 1-2 Fratelli, vi esorto, per la misericordia di Dio, a offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio; è questo il vostro culto spirituale. Non conformatevi a questo mondo, ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto. Parola di Dio Dal Vangelo secondo Matteo Mt 16, 21-27 In quel tempo, Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!». Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita? Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni». Parola del Signore - 12 -

[close]

p. 13

LUNEDÌ 4 SETTEMBRE Un solo corpo 6° giorno della novena Dalla lettera di San Paolo apostolo ai Romani Rm 12, 1-2 Fratelli, vi esorto, per la misericordia di Dio, a offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio; è questo il vostro culto spiri- tuale. Non conformatevi a questo mondo, ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto. Parola di Dio SALMO RESPONSORIALE Dal Salmo 99 Rit.: Venite al Signore con canti di gioia Acclamate il Signore, voi tutti della terra, servite il Signore nella gioia, presentatevi a lui con esultanza. Riconoscete che solo il Signore è Dio: egli ci ha fatti e noi siamo suoi, suo popolo e gregge del suo pascolo. - 13 -

[close]

p. 14

Varcate le sue porte con inni di grazie, i suoi atri con canti di lode, lodatelo, benedite il suo nome; perché buono è il Signore, il suo amore è per sempre, la sua fedeltà di generazione in generazione. Dal Vangelo secondo Luca Lc 22,14-20 Quando venne l’ora Gesù prese posto a tavola e gli apostoli con lui, e disse loro: «Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, perché io vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio». E, ricevuto un calice, rese grazie e disse: «Prendetelo e fatelo passare tra voi, perché io vi dico: da questo mo- mento non berrò più del frutto della vite, finché non verrà il regno di Dio». Poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo, che è dato per voi; fate questo in memoria di me». E, dopo aver cenato, fece lo stesso con il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che è versato per voi». Parola del Signore - 14 -

[close]

p. 15

MARTEDÌ 5 SETTEMBRE Eucarestia e vita: farsi carico 7° giorno della novena Dalla prima Lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi 1 Cor 13,4-13 La carità è magnanima, benevola è la carità; non è invidiosa, non si vanta, non si gonfia d’orgoglio, non manca di rispetto, non cerca il proprio in- teresse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode del- l'ingiustizia ma si rallegra della verità. Tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. La carità non avrà mai fine. Le profezie scompariranno, il dono delle lin- gue cesserà e la conoscenza svanirà. Infatti, in modo imperfetto noi co- nosciamo e in modo imperfetto profetizziamo. Ma quando verrà ciò che è perfetto, quello che è imperfetto scomparirà. Quand'ero bambino, par- lavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Divenuto uomo, ho eliminato ciò che è da bambino. Adesso noi vediamo in modo confuso, come in uno specchio; allora in- vece vedremo faccia a faccia. Adesso conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto. Ora dun- que rimangono queste tre cose: la fede, la speranza e la carità. Ma la più grande di tutte è la carità! Parola di Dio - 15 -

[close]

Comments

no comments yet