KALIMERA NEWS

 

Embed or link this publication

Description

giornalino scolastico

Popular Pages


p. 1

KALIMERA NEWS ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL’INFANZIA PRIMARIA e SECONDARIA di 1°grado Via Ugo Foscolo, 1 -CALIMERA (LE) Numero 4 A.S. 2016/2017 Sommario: Come è ormai tradizione, ripercorriamo l’anno Interni scolastico trascorso at2 traverso le pagine di questo giornale. Il cam- Esteri 20 mino che abbiamo trac- ciato insieme, grazie Sport 27 all’impegno di tutti e tutte, ha contribuito Spettacoli 32 non solo alla crescita dei nostri bambini e ra- Concorsi e Premiazioni gazzi, ma anche l'arric38 chimento della nostra duatorie finali del ban- dell’infanzia, primaria comunità. Molti cam- do “La Scuola al cen- e secondaria di primo biamenti hanno caratte- tro” (fondi PON, per la grado di Caprarica, che rizzato la scuola, sia dal prima volta a carattere siamo onorati di accopunto di vista didattico nazionale), per favori- gliere e con cui sapre- Calimera che legislativo: abbiamo cercato di affrontarli al meglio, ottenendo risultati positivi nel contesto locale e nazionale. Proprio mentre il giornale è in stampa, vengono pubblicate le gra- re il potenziamento dell’offerta formativa e delle Biblioteche scola- stiche innovative (Piano Nazionale Scuo- la Digitale), per la rea- lizzazione di moderni centri di documentazio- ne. In entrambe le gra- duatorie i nostri pro- getti sono in buona po- sizione e ammessi a finanziamento. La comunità scolastica cresce anche numericamente con la scuola mo lavorare con entusiasmo. Tante sfide ci attendono per l'anno scolastico che verrà: affrontiamole con un sorriso, nella consapevolezza di poter sempre fare meglio e prendendo ispirazione da chi, come Enza, ha sempre vissuto la scuola con passione. Benvenuti e bentornati. Piera Ligori

[close]

p. 2

Pagina 2 Pagina degli interni Kalimera news TORNEO DI GEOMETRIKO: un’esperienza emozionante... 17 MARZO 2017: una data difficile da dimenticare. Impossibile cancellare il ricordo di una bellissima esperienza che, grazie alla nostra scuola, abbiamo vissuto: la partecipazione degli alunni delle classi quarte dell’Istituto Comprensivi di Calimera, al famoso torneo di GEOMETRIKO. Un gioco divertente ed educativo che ci ha portati tanto lontano, alle gare regionali prima e alle nazionali poi. Immaginate la gioia quando, dopo aver superato la selezione di classe e di Istituto, ci siamo trovati a giocare nelle finali regionali! Ma la gioia più grande è stata quando, con il ripescaggio, abbiamo disputato la partita al tavolo delle finali nazionali al Castello di Casamassella. Era il 21 APRILE 2017 e noi eravamo al settimo cielo perché avevamo la possibilità di confrontarci con bambini provenienti da scuole di tutta Italia e, un anno più grandi di noi! Il cuore ci batteva forte e la paura di non farcela incombeva su di noi. Ma il tifo dei genitori, gli striscioni che ci incitavano, le maestre che ci rassicuravano ci caricavano per affrontare al meglio la gara. Dovevamo dare il meglio di noi e metterci in gioco per rappresentare non solo la nostra scuola, ma tutta la nostra regione. Iniziò così la finale: la gara era durissima, tutte le squadre sfer- ravano attacchi e si difendevano, nessuno voleva mollare. Alla fine eravamo solo noi e la squadra del Piemonte. La tensione era alle stelle, sia noi che loro volevamo accedere alla finalissima. Ma ad un tratto….. ecco il colpo da maestro: scartavamo il quadrato prendendo il gioco in mano e con un doppio attacco li costringemmo alla resa. Nello stupore generale…. ...eravamo in finalissima!!! 22 APRILE 2017: Castello di Otranto. Davanti al maestoso castello, l’emozione era troppo forte, il sangue pulsava veloce nelle vene, la testa piena di pensieri e d’incertezze: ci aspettavano lacrime amare! Entrati nella sala triangolare del castello, tutto e tutti per un attimo scomparvero: solo noi e i quadrilateri! sorteggio della Ma, ahimè la gara volse subito al peggio e dopo un attacco e una difesa invocammo il speranza che segnò la fine della partita con un quesito estratto dalle prove INVALSI della scuola secondaria di primo grado. Quel sorteggio ci costò la sconfitta e il quarto posto. La sera della premiazione, a Casamassella, c’erano bambini di tutta Italia che sventolavanocon orgoglio le bandiere della propria regione. Siamo stati premiati direttamente dal professor Tortorelli che, proprio a noi due, ha voluto dedicare degli auguri speciali. Ha spiegato al pubblico che era particolarmente orgoglioso di noi, perché nonostante fossimo i più piccoli, avevamo raggiunto un traguardo così importante. Ci ha lodato e consigliato di continuare a studiare perché secondo lui eravamo dei veri talenti. Noi lo abbiamo promesso e ce la metteremo tutta per non deluderlo. Emanuele Castrignanò Cristian Pecoraro

[close]

p. 3

Numero 4 Pagina degli interni Kalimera news ...che ci ha reso competenti Il 21 Aprile ho partecipato al Torneo nazionale di "GEOMETRIKO" tenutosi pres- so il Castello di Casamassella e organizzato dal prof. Leonardo Tortorelli in collaborazione con il centro PRISTEM dell'Univer- sità Bocconi di Milano. Ho rap- presentato l'Istituto Comprensi- vo di Calimera e Martignano per la categoria G2, in quanto vincitore delle fasi finali d'Isti- tuto. Come vincitore del torneo di Istituto ho anche avuto acces- so alle fasi regionali che si sono svolte il 17 Marzo presso il Lice- o "Da Vinci" di Maglie, dove mi sono classificato terzo. piana sui quadrilateri, che ho potuto approfondire, alle tante prove invalsi che ho svolto e che certo mi aiuteranno ad essere pronto l'anno prossimo quando dovrò affrontarle. E poi l'adrenalina della sfida, ma anche la capacità di controllare le emozioni, che sicuramente mi serviranno per affrontare al meglio le numerose difficoltà che incontrerò nel corso della mia vita che di certo non sarà costellata solo da vittorie, ma anche da sconfitte. Non era la prima volta che gareggiavo, ma trovarmi alle nazionali insieme a ragazzi provenienti da tutte le regioni d'Italia mi emozionava molto e, al contempo, mi riempiva d'ansia, anche se ero consapevole che, comunque fosse andata, era un gioco e come tale dovevo pensare a divertirmi. Certo non posso negare che mi sarebbe piaciuto portare a casa una bella vittoria perché mi sono impegnato molto nel corso di questi mesi, anche insieme alla professoressa Giannuzzi che, pazientemente, ha dedicato del tempo a seguire la preparazione e ad esercitarmi nel gioco. E' stata una bellissima esperienza di cui avrò sempre un bel ricordo e mi ha lasciato un bagaglio che porterò sempre con me, dalle nozioni di geometria Simone Turco 2^A Giovedì 8 giugno, infine, le insegnanti referenti hanno organizzato una bellissima manifestazione conclusiva legata al progetto Geometriko. Genitori e alunni hanno assistito alla premiazione dei ragazzi coinvolti e poi si sono sfidati “all’ultimo quadrilatero” in una breve partita dimostrativa e...indovinate...noi ragazzi abbiamo stracciato i genitori!!!I nostri genitori si sono così resi conto della validità del progetto che, giocando, ci ha fatto diventare davvero davvero competenti nella geometria piana! Al prossimo anno, all’insegna di GE0METRIKO! La partita La premiazione Gustoso Finale!

[close]

p. 4

Numero 4 Pagina degli interni Kalimera news PI GRECO DAY Il 14 marzo, in tutto il mondo, viene festeggiata la celebre costante matematica “ “ ( 3,14). Infatti, secondo la consuetudine anglosassone di scrivere nelle date prima il mese e poi il giorno, si ottiene 3 (il mese di marzo) e 14 (il giorno). Quest’anno anche il nostro Istituto Comprensivo ha partecipato al Pi Greco Day con gare a colpi di numeri, formule e . Il team della scuola primaria di Calimera era formato da quattro alunni provenienti dalle classi terze, quarte e quinte, e scelti tra i più bravi in matematica. Anche la squadra della secondaria di Calimera era composta da quattro alunni, selezionati tra le tre classi. Insieme abbiamo assistito, in diretta streaming con il MIUR, alle gare svolte in presenza dai diversi ordini di scuola. Subito dopo è toccato a noi: ci siamo collegati sulla piattaforma web Redooc, messa a disposizio- ne per poter permettere di svolgere la gara a migliaia di scuole in tutta Italia. La piattaforma era divisa in tre sezioni: scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado. Ogni sezione era divisa in tre livelli di difficoltà crescente. I giochi erano basati sulle misure, le frazioni, problemi, dati e previsioni, giochi di logica e pi greco. Somigliavano molto alle prove Invalsi, ma bisognava fare attenzione perché poteva capitare di dover dare più risposte ad un unico quesito. Davanti ad ogni domanda ci siamo sempre consultati all’interno del team prima di rispondere, cercando di essere anche rapidi. La squadra della scuola primaria, composta da Andrea, Giorgio, Angelica e Cristiano, con molta sorpresa, è risultata tra i vincitori della gara nazionale e ha avuto il grande onore di partecipare alla premiazione, tenutasi il 26 aprile, presso la sede del MIUR a Roma. Siamo stati accompagnati dalla nostra DS Piera Ligori e dalle insegnanti di matematica. Avere l’onore di essere premiati direttamente dal Sottosegretario all’Istruzione nella bellissima Sala della Comunicazione ed essere visti in tutta Italia, grazie alla diretta streaming, è stato emozionante. Aver saputo di essere arrivati terzi in tutta Italia non ha spento l’entusiasmo, anzi, ha reso orgoglioso tutto il team nel rappresentare non so- lo la scuola di Calimera ma anche la Puglia. E’ stata una splendida opportunità per mostrare a tanti, spettatori e presenti, la bellezza della matematica, anche con gli interventi di importanti matematici che hanno illustrato vari aspetti della disciplina. Grazie a Miur social, Spettacoli di Matematica, Tokalon Matematica, De Agostini Scuola e Creativa Mente sono stati dati dei bellissimi premi. Ma non è finita qui! Dopo aver pranzato alla mensa del Ministero, il gruppo è andato in giro per Roma e ha visitato alcuni monumenti come: La Bocca della Verità, l’Altare della Patria e il Colosseo. Team Scuola Primaria

[close]

p. 5

Pagina 5 Kalimera news Pagina degli interni STEM: petali per ROSA DIGITALE Anche quest’anno la nostra scuola ha partecipato al “mese delle STEM”, promosso dal Dipartimento per le pari opportunità in collaborazione con il MIUR per promuovere le pari opportunità e contrastare gli stereotipi di genere nei percorsi scolastici. Stereotipo comune è quello di una presunta scarsa attitudine delle studentesse verso le discipline STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) che conduce a un divario di genere in questi ambiti. La nostra scuola ha aderito alla “Settimana del Rosa Digitale” con gli eventi “PETALI PER ROSA DIGITALE”. Per il primo evento gli alunni delle classi terze della scuola prima- ria di Calimera hanno coinvolto le mamme e le nonne della comunità, a scoprire il coding in uno “Scambio tra generazioni”: dal punto croce alla pixel art, lavorando insieme in modo rigoroso ma creativo e divertente. Da alcuni disegni su carta quadrettata, si è paassati al programma poi realizzato sia con il punto a croce, che con le perline termiche! Hanno inoltre realizzato, utilizzando la piattaforma “programma il futuro” di code.org, delle bellissime cartoline digitali con il supporto dell’ing. Emanuele Silio e altre cartoline digitali con il programma Scratch jr su tablet, con il tutoraggio delle ragazze delle classi quinte. In un altro cor- ner alcu- ne bambi- ne mo- stravano alle ospi- ti come program- mare un robottino per farlo muovere a comando su un percorso e altre sfidavano le loro mamme sulla scacchiera da pavimento di Co- dyRoby secondo il linguaggio procedurale. Il tutto in un clima di grande diverti- mento! Nella giornata del 9 marzo sono state protagoniste le classi quarte della scuola primaria, partecipando all’evento proposto da Alessandro Bogliolo in una diretta streaming interattiva sulle sfide di Cody Roby. Dopo, in corridoio, a classi aperte, i ragazzi si sono cimentati sulla scacchiera da pavimento, sfidandosi a trovare il percorso procedurale per realizzare determinati disegni. Nella giornata del 10 marzo, la nostra dirigente ha tenuto un incontro nelle classi prime della scuola secondaria sul ruolo importantissimo che hanno avuto le donne per l’informatica. Una delle figure prese ad esempio è quella della matematica inglese Ada King, prima programmatrice della storia. Infine, per continuare a tenere vivo l’amore per le discipline STEM, abbiamo approfittato dell’esperienza di una mamma, sig.ra Enza Palumbo, esperta di laboratorio presso l’I.T.C. De Pace, che per alcuni sabati del mese di marzo, è venuta a proporre “lezioni al microscopio” con grande coinvolgimento di tutti i ragazzi e le ragazze. Animatore Digitale

[close]

p. 6

Pagina 6 Pagina degli interni Kalimera news Generazioni Connesse - INTERNET E SICUREZZA Internet, la rete delle reti, è ormai entrata nelle case di tutte le famiglie ed è diventata un punto di riferimento per bambini e adolescenti, uno “spazio virtuale” in cui confrontarsi, creare connessioni e interagire con gli altri. Tuttavia, se da un lato il Web apre nuove opportunità e prospettive di aggregazione ed è uno straordinario strumento di comunicazione, dall’altro costituisce un terreno ricco di insidie e pericoli, dai quali troppo spesso i giovani non sono in grado di difendersi. E così la nostra scuola ha deciso di “lavorare” insieme a noi alunni, per imparare ad utilizzare Internet al meglio. Abbiamo cominciato ad affrontare questo tema già lo scorso anno, grazie al progetto “Generazioni Connesse”, scoprendo i Super Errori del web ed elaborando un Regolamento apposito: l’E-safety policy. L’ e-safety policy è un documento autoprodotto dalla nostra scuola sulla base dell’indice ragionato messo a disposizione nella piattaforma online “Generazioni Connesse” volto a descrivere la visione del fenomeno, le norme comportamen- tali e le procedure per l’utilizzo delle TIC in ambiente scolastico, con impegni e responsabilità da parte di alunni, genitori e personale della scuola. Il giorno 26/10/2016, alcuni di noi alunni hanno presentato il Regolamento e-safety policy ai rappresentanti di classe dei genitori della scuola Primaria e Secondaria di 1° grado di Martignano con lo scopo di aiutare anche gli adulti ad utilizzare correttamente internet e i social network. Il Regolamento e-safety è stato anche socializzato agli alunni di tutte le classi della scuola Secondaria di 1° grado il 6 febbraio 2017, nella giornata del ‘Safer Internet Day’ (SID) dedicata alla navigazione sicura su internet. In quell’occasione ab- biamo discusso tra noi ragazzi sulle cause negative di Internet e dei Social Network e sui fenomeni gravi, come ad esempio il cyberbullismo, che ultimamente si è diffuso tantissimo nel mondo sempre a causa di Internet. Con questo progetto abbiamo imparato tante cose nuove: a tenere discreta la nostra privacy, a far attenzione quando si naviga sui social e sui siti, a non pubblicare foto o post che possono danneggiare noi stessi o gli altri. Per concludere possiamo dire che questo progetto è stato molto interessante ed istruttivo. Marta Greco e Alice Linciano 3° Secondaria Martignano Marta, Chiara e Alice presentano l’e-safety ai genitori

[close]

p. 7

Numero 4 Pagina degli interni Kalimera news CODING L’ azione n.17 del PNSD vuole portare il pensiero computazionale a tutta la scuola primaria. Anche quest’anno i ragazzi del nostro IC hanno fatto l’esperienza del coding, grazie alla formazione diffusa dalle attività già svolte lo scorso anno, grazie all’autoformazione e alla formazione del team e dei docenti per l’innovazione. Si è riusciti a proporre l’ora del coding in molte classi, soprattutto in occasione dei vari eventi legati al Coding (settimana del codice, code week eu, settimana del piano nazionale scuola digitale, petali per rosa digitale, concorso codiAmo “Programma le regole”), ottenendo il grosso riconoscimento dalla Commissione europea di “Scuola di eccellenza in Coding Literacy” in quanto ha saputo coinvolgere più del 50% degli studenti negli eventi di coding programmati per Code Week eu. Quest’anno il percorso di coding ha cercato di dare ai ragazzi maggiore consapevolezza del linguaggio di programmazione, partendo dalle attività unplugged e inserendo attività di coding e di pixel art in diverse unità di apprendimento, considerando sempre più il coding uno strumento utile per attivare il pensiero computazionale e il pensiero divergente, sviluppando la capacità di risolvere problemi. Anche gli strumenti utilizzati d’onore per la qualità dell’elaborato proposto. https://studio.code.org/c/372151833 (link all’elaborato) Nelle classi quarte, si sono rea- sono stati vari, dalla piattaforma programma il futuro, al programma Scratch jr usato dai ragazzi delle quinte e poi, in modalità di cooperative learning e di peer education, attivato nelle classi terze e quarte e negli eventi di Coding con grande soddisfazione dei ragazzi. lizzate cartoline d’auguri digitali e una storia digitale sulle regole per stare sicuri in rete, dal titolo “In rete, non nella rete!”, frutto del lavoro in sinergia del Progetto Generazioni Connesse e del progetto lettura che ha proposto il libro “L’angelo della ch@t” di G.Bordi. Inoltre, le classi terze di Calimera hanno eseguito anche le attività del laboratorio proposto dalla piattaforma code.org e hanno realizzato una piccola storia sul tema delle regole, in particolare nel settore sport, visto che la storia era basata sul gioco della peteca, antica palla di origine sudamericana, realizzata e utilizzata dai ragazzi durante le attività del progetto “sport di classe”. I ragazzi a classi aperte, si sono cimentati con il programma laboratorio di code.org e hanno partecipato al concorso Codi-Amo PROGRAMMA LE REGOLE, conseguendo la menzione Nella scuola secondaria poi, con il supporto delle prof.sse Tafuro e Coppola, i ragazzi hanno fatto tantissime esperienze di coding unplugged e tecnologico con grande coinvolgimento di tutti. Animatore Digitale

[close]

p. 8

PPaaggiinnaa 88 KKaalliimmeerraa nneewwss Pagina degli interni Progetto DIRITTI A SCUOLA “A scuola di emozioni e competenze” Anche quest’anno il nostro Istituto ha avviato il progetto “Diritti a Scuola” che ha visto coinvolti i tre ordini di scuola, Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. Le discipline interessate sono state italiano, matematica e, per la prima volta, anche lingua inglese. Gli obiettivi principali sono stati quelli di migliorare i livelli di apprendimento, garantire il possesso delle competenze chiave e, attraverso interventi mirati, contrastare la dispersione e l’insuccesso scolastico. I progetti A e B “Giochiamo con l’italiano” e “ Giochiamo con la matematica” hanno coinvolto gli alunni/e delle classi II e V, in orario curricolare. Si sono organizzate attività fi- nalizzate prevalentemente al potenziamento di conoscenze, abilità e competenze nell’ambito linguistico e logico- matematico, anche in previsio- ne della prova ufficiale INVAL- SI. Il progetto di lingua inglese ”Learn English” è stato strutturato in orario curricolare ed extra-curricolare, e ha coinvolto tutti gli alunni delle classi IV e V. L’obiettivo è stato quello di sviluppare competenze linguistiche spendibili in ambito scolastico e quotidiano, attraverso laboratori ludici. Alla fine del corso gli alunni delle classi V hanno sostenuto l’esame per la certificazione, livello “Starters”: L’esperienza ha avuto una ricaduta positiva sui bambini ed è stata accolta con entusiasmo anche dai genitori. Nell’ambito del Progetto “Diritti a Scuola” (tipo D) e coerentemente al PNSD ha organizzato un percorso di formazione sugli Ambienti digitali e collaborativi, per docenti e ATA, condotto dal professore Giuseppe Pappaianni della durata complessiva di 50 ore. Scuole belle Scuole Sicure Quest’anno grazie al progetto completamente rinnovata tanto “SCUOLE BELLE” e ai Fondi che hanno voluto scrivere un per l’efficientamento energe- articolo nella loro rubrica “Qui tico delle scuole, il nostro Isti- scrivi@mo noi” per ringraziare tuto Comprensivo è ancora più il geometra Pantaleo Rosato e le accogliente , pulito e rinnovato. I ditte “CARROZZA DI GALLIlavori nel plesso di Martignano POLI” e “RIZZO DI MARTIhanno lasciato i ragazzi davvero GNANO”. I lavori sono ancora di stucco nel trovare una scuola in corso invece nel plesso della scuola Primaria e Secondaria di Calimera ma confidiamo che sortiscano lo stesso effetto di piacevole incredulità nei ragazzi, all’inizio del prossimo anno scolastico.

[close]

p. 9

Pagina 9 Pagina degli interni FRUTTA NELLE SCUOLE La scuola primaria ha partecipato al programma europeo “Frutta nelle scuole”, introdotto dal Regolamento (CE) n.1234 del Consiglio del 22 ottobre 2007 e dal Regolamento (CE) n. 288 della Commissione del 7 aprile 2009 finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari. Il sito www.fruttanellescuole.gov.it proponeva diversi percorsi didattici differenziati, tra cui le Olimpiadi della Frutta e verdura alle quali ha partecipato la classe seconda di Martignano con la specialità GIMASTICA ARTISTICA. La classe si è trasformata nel ristorante "Trattoria di Verdurino e Vitamina" e ogni giorno della settimana i bambini hanno inventato insieme un piatto speciale. Kalimera news INSIEME PER LA SCUOLA Già da qualche anno la scuola di Calimera aderisce all’iniziativa promossa da Conad “Insieme per la scuola”, una raccolta che ha permesso al nostro istituto di ricevere gratuitamente materiali didattici, attrezzature elettroniche e sportive e altri articoli per l’attività scolastica. Anche quest’anno, grazie alla collaborazione dei ragazzi e delle loro famiglie, la scuola ha potuto raccogliere i buoni necessari per richiedere dei premi da utilizzare per attività scolastiche e manifestazioni, quali un kit di co- struzioni solari e un diffusore amplificato, comprensivo di due microfoni. Grazie a tutti per la partecipazione e la collaborazione dimostrata.

[close]

p. 10

Pagina 10 Pagina degli interni M’ILLUMINO DI MENO Kalimera news Anche quest’anno il nostro Istituto Comprensivo, il 24 febbraio 2017, ha partecipato alla Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili. Con l’intento di accendere l’energia della Condivisione tra gli alunni sono state organizzate attività diverse. Nella scuola dell’Infanzia. di Calimera e Martignano i bambini hanno realizzato un supereroe del risparmio energetico “Ijoman” (l’uomo del Sole) ed “Energino”; inoltre hanno consegnato ai genitori le Regole hanno realizzato dei talloncini personalizzati per i loro giocattoli che hanno barattato. Le classi terze hanno condiviso storie inventate, partendo dal titolo di alcuni libri scelti dalla biblioteca scolastica.,invece le classi quarte I ragazzi della scuola seconda- ria di primo grado si sono recati a scuola a piedi o in bicicletta, hanno consumato dei dolci in una sorta di merenda collettiva ed hanno riflettuto sulla necessità di un oculato utilizzo delle risorse e della tutela ambientale ,per la salvaguardia del mostro Pianeta. del Decalogo..I bambini di prima della scuola Primaria hanno condiviso i giochi all’aperto; le classi seconde hanno organizzato uno scambio di libri in aula lettura .I ragazzi di quinta hanno raggiunto insieme la scuola a piedi, hanno illustrato alle diverse classi il Decalogo del Risparmio energetico e donato loro dei disegni.

[close]

p. 11

Numero 4 Pagina degli interni Kalimera news Progetto “RecuperiAMO la nostra scuola” Corso accelerato per rendere il nostro ambiente scolastico nuovo di zecca Una celebre canzone del cantante Fedez, il Magnifico, recita così “Gli anni passano ma non ci cambiano …”, sfortunatamente per la nostra scuola non è stato lo stesso. Infatti gli anni e gli alunni che ci sono stati in precedenza hanno contribuito a degradare l’arredo scolastico, incidendo scritte su tavoli e sedie, incollando chewing-gum sotto i banchi e ponendo impronte di vario tipo sui muri. Quasi un film dell’ orrore. Di conseguenza il nostro Sindaco, Luciano Aprile, insieme alla giunta comunale, ha deciso di acquistare nuovi arredamenti ma, nell’attesa, quelli già presenti andavano aggiustati. Così nelle giornate del 28, 29 e 30 ottobre 2016 su iniziativa della nostra scuola e dell’Amministrazione Comunale, che ha finanziato l’ acquisto dei materiali, i bambini della scuola Primaria e i ragazzi Secondaria di primo grado, aiutati da professori e genitori hanno risistemato le aule. Nello specifico, nella scuola Secondaria di primo grado, le ragazze di classe prima hanno risistemato tutti gli armadi gettando via vecchie carte, pulendo i tavoli e, aiutate delle ragazze delle altre classi, insieme alla docente di arte, prof.ssa Comi, hanno costruito cestini per la raccolta differenziata usando vecchi cartoni rivestiti con fogli colorati e abbelliti con scritte. Altre ragazze si sono occupate della rimozione delle gomme da masticare “stagionate dal tempo” che avevano trovato alloggio sotto i banchi. I ragazzi invece erano addetti alle piccole riparazioni, quali lo smontaggio e il montaggio delle spalliere delle sedie o delle gambe dei tavoli che, una volta rimosse, sono state ri- tinteggiate. I genitori si sono oc- cupati dell’affissione di assi alle pareti per appendere cartelloni, evitando di sporcare o rovinare le pareti. Ovviamente prima di tutto vi è stata una fase di ricognizione che ci ha consentito di sapere co- sa, e soprattutto quanti fossero i banchi, le sedie e le cattedre da risistemare. Questo ci ha permes- so di calcolare la quantità e il tipo di materiale necessario, quali viti, cacciaviti, martelli, vernice, carta vetrata, pellicole autoadesi- ve per oscurare i vetri e tanto al- tro. Inoltre alcune compagne di classe terza hanno registrato tutti partecipanti alla giornata, tra i quali spiccavano i nomi di due illustri Deputati. L’ iniziativa si è conclusa con il “pranzo della do- menica”, fatto di tantissime pie- tanze ed un grandissimo buffet di dolci, preparati dalle mamme degli alunni. Da questa esperien- za è stato elaborato un video pub- blicato su Facebook e sul sito del- la scuola. Noi ragazzi siamo stati felicissimi di partecipare a questo progetto, perché abbiamo potuto imparare tantissime cose nuove, ricevere le conoscenze di base per poter aggiustare tavoli e sedie ed infine socializzare con i compagni/e delle altre classi. Quindi possiamo dire che è stata un’esperienza fantastica conclusa nel migliore dei modi. Sara Sergio 3° Secondaria Martignano Alunni impegnati alla costruzione di contenitori per la raccolta differenziata Alunni addetti alla riparazione dei banchi Genitori al lavoro

[close]

p. 12

Pagina 12 Pagina degli interni Kalimera news CHIMICA…CHE PASSIONE!!! Quest’anno, noi ragazzi della classe II della Scuola Secondaria di Primo Grado di Martignano, abbiamo affrontato in maniera più approfondita lo studio della chimica, argomento che ci ha molto affascinati ed interessati. Abbiamo introdotto il lavoro, osservando dei video alla LIM con la nostra professoressa Cavaleri sulla struttura dell’atomo, elemento base della materia, e sui legami chimici, che possono essere covalenti, ionici o metallici. Abbiamo inoltre capito l’importanza della chimica anche nella vita quotidiana, approfondendo lo studio della chimica organica, che studia i composti del carbonio. Infatti siamo circondati da oggetti che fanno parte di questa branca della scienza, come le materie plastiche. Anche il saccarosio, cioè il comune zucchero, è un composto organico, facente parte del gruppo dei disaccaridi, compreso in quello dei carboidrati. Invece, NaCl è la formula chimica che indica il sale da cucina, composto da 1 atomo di sodio e 1 atomo di cloro, legati insieme attraverso un legame ionico. Oltre allo studio teorico, abbiamo anche svolto delle particolari lezioni all’interno del nostro laboratorio di scienze. Uno dei tanti esperimenti effettuati è stato quello della cartina al tornasole, utilizzata per calcolare il ph delle sostanze, che può essere acido (ph compreso tra 0 e 7), basico (ph compreso tra 7 e 14) e neutro (ph uguale a 7). Delle sostanze prese in considerazione sono state, per esempio, il limone (acido), l’aceto (acido), il bicarbonato (basico), l’idrossido di sodio (basico) e infine l’acqua distillata (neutra). Recipienti contenenti i composti chimici Abbiamo, inoltre, studiato il bilanciamento delle reazioni chimiche, attraverso l’uso di coefficienti stechiometrici, dei piccoli numeri posti davanti ai vari simboli degli elementi che compongono reagenti e prodotti della reazione. E, per finire, un bellissimo cartellone sulla tavola periodica degli elementi, inventata dal chimico russo Mendeleev, ha completato questo interessante percorso. Classe II Scuola Secondaria Martignano Provette per gli esperimenti ATELIER CREATIVI...per menti attive Il nostro Istituto è stato selezionato tra le scuole che hanno partecipato alla presentazione delle proposte progettuali per la realizzazione di atelier creativi e per le competenze chiave nell'ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) . Il progetto, finanziato per 15.000 euro, prevede la realizzazione di un laboratorio ad alta flessibilità,un luogo dove arte, scienza e tecnologia siano a stretto contatto per stimolare la creatività al servizio dell'apprendimento. Esso prevede set- tore di grafica, una postazione multimediale e un settore terracotta, con l’utilizzo del forno per la cottura dell’argilla, concessoci in comodato d’uso dal Comune di Calimera, che ha cofinanziato il progetto con 2000 euro.

[close]

p. 13

Numero 4 Pagina degli interni Kalimera news Il progetto Crocus Il progetto è un’iniziativa irlandese rivolta ai ragazzi dagli 11 anni in su che include diversi Paesi europei, tra cui l’Italia.La fondazione irlandese per l’insegnamento sull’Olocausto ha fornito, alle scuole di tutta Europa aderenti al progetto, i bulbi di Crocus, da piantare in memoria dei milioni di bambini ebrei che morirono durante l’ Olocausto. Perché proprio i crocus? Perché questi fiori sono gialli e quindi il loro colore ricorda il giallo delle stelle di David, che gli ebrei erano obbligati a cucire sui loro vestiti durante il dominio nazista. Anche perché questi fiori, piantati in autunno, in genere fioriscono verso la fine di gennaio e l'inizio di febbraio. Proprio intorno alla data del giorno della memoria. E così anche noi ragazzi della scuola secondaria di primo gra- do di Martignano, insieme alle classi seconde della Secondaria di Calimera, abbiamo deciso di partecipare a questo progetto. A settembre, dopo aver ricevuto una dozzina di bulbi, li abbiamo piantati nei vasi del cortile della nostra scuola. Nei mesi successivi li abbiamo innaffiati, aspettando la loro fioritura, avvenuta intorno alla metà di gennaio. Ma il lavoro sull’Olocausto non è finito qui. Il giorno 31 dello stesso mese noi ragazzi ci siamo confrontati con Nicola Santoro, un ex internato ai tempi della guerra. Per l’occasione, ci siamo divertiti a realizzare dei cartelloni e preparare un PowerPoint sulla Shoah. Particolarmente bello è stato il significato che si è voluto dare a questa ricorrenza: abbiamo costruito delle impronte che partivano dalla porta d’ingresso del- la scuola, fino a uno striscione su cui vi era scritto “CAMMINANDO NEL PASSATO PER CAPIRE IL PRESENTE”. Da questo progetto abbiamo imparato l’importanza di mantenere viva la memoria di una tragedia tanto crudele che ha segnato i destini di milioni di ebrei, e con loro, anche i destini di tanti italiani che hanno cercato di difendere la loro patria, rischiando la propria vita. In conclusione, è importante continuare a ricordare tutto questo per far si che in futuro non possa più ripetersi. Marta Rosato Pierpaolo Tommasi Un’alunna mentre semina i bulbi PON per la realizzazione, l’ampliamento o l’adeguamento delle infrastrutture di rete LAN /WLAN Codice progetto 10.8.1.-A1 FESRPON-PU-2015-164 “TUTTI in RETE” Il nostro Istituto ha realizzato il progetto "Tutti in Rete" per l’ampliamento e l’adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN, utilizzando il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Asse II Infrastrutture per l’Istruzione – Obiettivo specifico – 10.8 – “Diffusione della società della conoscenza nel mondo della scuola e della formazione e adozione di approcci didattici innovativi” – Azione 10.8.1. Interventi infra- strutturali per l’innovazione tecnologica, laboratori professionalizzanti e per l’apprendimento delle competenze chiave”. Nei plessi delle Scuole Primaria e Secondaria di Calimera e Martignano e della Scuola dell'Infanzia di Calimera sono stati installati sistemi di hot spot WILLO SCHOOL, con captive portale per l'identificazione degli utenti naviganti.

[close]

p. 14

Pagina 14 Pagina degli interni Kalimera news IO POSSO ...FAR FESTA … ACCENDI UNA STELLA L’Istituto Comprensivo di Calimera , in occasione della 3° edizione di “ IO POSSO ...FAR FESTA …ACCENDI UNA STELLA” indetta dall’associazione 2HE, ha partecipato alla manifestazione con una serie di iniziative,realizzate durante l’attività didattica, a supporto della raccolta fondi per la terrazza “Tutti al mare”. Le classi III della Scuola Primaria di Calimera e la classe quinta di Martignano, hanno partecipato al Concorso “Viral Stardust”, con la realizzazione di un video. La classe terza con un video dal titolo “Tagliamo i fili dell’indifferenza”, la classe quinta con il video “Noi sogniamo un mondo diverso”. Il concorso prevedeva un premio intitolato alla memoria della maestra Enza Greco: un’insegnante scomparsa qualche mese fa e ricordata da tutti noi con infinito affetto per le sue doti umane e professionali. Partecipare alla realizzazione del video è stata un’esperienza coinvolgente, emozionante e formativa che ci ha permesso di riflettere sul tema dell’indifferenza e della diversità ed acquisire maggiore consapevolezza sui nostri comportamenti, a volte, discriminanti e poco coesi. Abbiamo scelto i titoli ispirandoci al tema stellare proposto dall’Associazione per affermare l’importanza del “puntare in alto” e scrollarci di dosso tutti quegli atteggiamenti, comportamenti e modi di fare che ostacolano, in alcune situazioni, la realizzazione dei nostri sogni e ci impediscono di rendere migliore la vita di tutti i giorni. Tutti, a qualsiasi età, siamo chiamati a renderci utili, a collaborare, a dare voce ai nostri sogni, a rendere possibile ciò che appare impossibile, ad aiutare chi non ha la possibilità di vivere una vita come la nostra perché affetto da disabilità ma non per questo “diverso” da noi. Un’iniziativa di alto valore sociale e culturale che ci ha fatto riflettere e capire che la vita è bella se vissuta appieno insieme agli altri all’insegna della solidarietà e della corresponsabilità. Per dare voce ai sogni, l’Associazione ha anche proposto a tutti gli alunni della scuola primaria di illustrare, a piacere, su una grande stella bianca, un sogno. La stella è stata portata in piazza e appesa a dei palloncini lanciati in aria il giorno della festa. All’iniziativa hanno anche partecipato gli alunni della Scuola dell’Infanzia con l’esecuzione di un canto dal titolo “Lo stalliere” e l’orchestra degli alunni della Scuola Secondaria di I grado con l’ouverture “Accendi una stella”. Lavoro di gruppo delle classi 3°A, 3B, 3C e 5 S.U. della scuola primaria di Calimera /Mar- tignano.

[close]

p. 15

Numero 4 Pagina degli interni Kalimera news Percorsi di legalità…”Palermo chiama Italia, Puglia risponde” Il 23 Maggio 2017, in occasione del 25° anniversario della strage di Capaci, presso l’Istituto Comprensivo “A. Gabelli” di Bari, una delegazione di studenti del nostro Istituto ha partecipato alla giornata commemorativa “Palermo chiama Italia, Puglia risponde”, organizzata da USR per la Puglia e Associazione Culturale “Giovanni Falcone”. In tale occasione i ragazzi del CCR hanno letto un discorso in onore e ricordo del loro concittadino Antonio Montinaro, caposcorta del giudice Falcone. “...In questo giorno così importante, in cui si celebra il ricordo di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro, vittime di mafia, noi non possiamo nascondere il sentimento di profonda commozione che proviamo. Antonio Montinaro era un nostro concittadino, un calimerese che aveva deciso di combattere la mafia. Antonio non era semplicemente un servitore dello Stato, ma era lui stesso parte dello Stato, credeva in ciò che faceva perché aveva fiducia nell’uomo che proteggeva e che tanto amava, il giudice Falcone. Così è diventato caposcorta della squadra Quarto Savona 15 e ha sacrificato la sua vita in nome della lotta alla mafia ed ora è diventato per Calimera, e non solo, un esempio da imitare, un esempio di coraggio e dedizione ai propri principi. Significative sono le sue parole, pronunciate nel corso di un’intervista rilasciata qualche settimana prima della strage. “Chiunque fa questa attività ha la capacità di scegliere tra la paura e la vigliaccheria. La paura è qualcosa che tutti abbiamo: chi ha paura sogna, chi ha paura piange. È la vigliaccheria che non si capisce e non deve rientrare nell’ottica umana”. La mafia, infatti, punta sulla nostra paura, ma gli atti mafiosi vanno denunciati, perché il silenzio aiuta il mostro, il silenzio è complice della mafia, la protesta e la denuncia, invece, la combattono. Diceva ancora Antonio, nel corso della sua intervista: “La faccia della mafia è la faccia della gente che vede uccidere un uomo e non testimonia (…). Si sconfigge la mafia in un modo solo (…) e cioè facendo capire ai cittadini che esiste uno Stato”. Questo vuol dire che anche noi dobbiamo combattere la mafia, che anche noi abbiamo il dovere di essere degli eroi del quotidiano, facendo ogni giorno la cosa giusta. Importante è il nostro ricordare, la nostra partecipazione, la memoria del sacrificio di tutte le vittime di mafia, come punto di partenza per il risveglio delle coscienze. Proprio questo è scritto nel libro Nome in codice: Quarto Savona 15, i cui autori abbiamo incontrato: “La memoria è sì ricordo ma è anche speranza, la speranza di chi da quel giorno ha incarnato quel contachilometri permettendogli di continuare a girare attraverso sé stesso e la speranza che passa da un percorso di cultura e legalità realizzato da anni all’interno delle scuole e nei confronti di ragazzi che quel giorno non erano ancora nati, ma che hanno la possibilità, attraverso la nostra testimonianza, di aggiungere carburante a quell’auto, permettendo al contachilometri di quella Croma di continuare a girare”. Ricordare vuol dire ridare voce a quanti hanno combattuto in nome della legalità, fino al sacrificio delle loro vite, ma vuol dire anche conoscere questi valori. “La mafia attecchisce dove la cultura è assente ed è per questo che i giovani devono recepire e fare cultura della legalità, devono avere valori e modelli di riferimento, devono provare a livello pratico cosa significa legalità”. A. Silio 1C, Sindaco dei Ragazzi. A. Maggiore 1C, M. Panico 1A, G. Pedicillo 1C, M P. Saracino 1B Consiglieri del CCR

[close]

Comments

no comments yet