il Giramondo 5/2017 Settembre/Ottobre

 

Embed or link this publication

Description

Notiziario del Camping Club Pesaro

Popular Pages


p. 1

il GIRAMONDO 1 set/ott 2017

[close]

p. 2

set/ott 2017 2 il GIRAMONDO

[close]

p. 3

il GIRAMONDO Autorizzazione Tribunale di Pesaro n°370 dell’8.7.1982 Direttore Responsabile: Carlo Moscelli Periodico del CAMPING CLUB PESARO Anno di fondazione: 1982 * Casella Postale 90 - 61121 PESARO 8 http://www.campingclubpesaro.it e-mail: info@campingclubpesaro.it Aderente alla UNIONE CLUB AMICI 5 Settembre Ottobre 2017 Per iscriversi al CAMPING CLUB PESARO: contattare il responsabile del tesseramento Lucio Grottaroli 335.7820166 I Soci si riuniscono, salvo concomitanti festività o altre comunicazioni, ogni primo giovedì del mese a Pesaro nella sede del Club sita a Pesaro in Largo Terenzio Mamiani 13 (4° piano) GPS N 43°54’36.60” E 12°54’49.57”. Il Consiglio Direttivo, allargato al Collegio dei Revisori, si riunisce ogni penultimo giovedì del mese DATE PROSSIMI INCONTRI: 7 - 21 settembre; 5 - 19 ottobre; 9- 23 novembre Presidente: Sauro Sorbini 3483020780 sorbinisauro@tin.it Consiglieri: Giuseppe Balzano 3396751491 geometrabalzano@libero.it - Maurizio Bertozzi Bonetti 3357667738 mauriziobertozzi@ alice.it - Massimo Ciaroni 3357308621 massimo.ciaroni@gmail.com - Raffaele Gialanella 3387106993 raffaele.gialanella@alice.it - Lucio Grottaroli 3357820166 groluc@alice. it - Luca Morrichini 3388303084 morrichiniluca@libero.it - Gilberto Paci 3493922135 Adriano Pierantoni 3407654783 adriano.pierantoni@alice.it - Ardeo Santin 3337090052 ardeosantin@libero.it 05 Raduno a Villagrande - Eremo Montecopiolo - Monte Carpegna 08 Il Castello di Montecopiolo 10 Vedute Rinascimentali 12 Da non mancare: Pievebovigliana 13 La Festa dell’Aquilone di Urbino 14 Oroscopo del viaggiatore 15 A Lunano a cercar castagne 16 Viaggio nella Repubblica Ceca 22 In ricordo di Anna 23 Ricettario di viaggio 24 Curisosità dal mondo 25 Raduno a Jesi 26 Raduni a Cannara e Montedinove 28 Merano WineFestival, un percorso sensoriale A questo numero hanno collaborato: Samanta Capponi, Sauro Capponi, Stefano Ferretti, Orlando Nigosanti, Gilberto Paci, Maurizio Bertozzi, Gabriele Gattafoni, Maria Pepi, Nicola Casali, Sauro Sorbini. In copertina: La Funivia del Monte Carpegna che utilizzeremo nel raduno del 16/17 settembre (vedi pag. 5) il GIRAMONDO 3 set/ott 2017

[close]

p. 4

set/ott 2017 4 il GIRAMONDO

[close]

p. 5

A chiusura dell’estate ci ritroveremo a respirare aria buona in un raduno organizzato con molta passione e competenza dal socio Orlando Nigosanti. Utilizzeremo l’area di sosta del piazzale della Funivia dell’Eremo di Montecopiolo (Coordinate GPS N 43°48’22.21” E 12°20’3.39”). Orlando è riuscito a coinvolgere enti, aziende, amministratori, e ha confezionato un programma ricco ed invitante. PROGRAMMA E’ possibile arrivare all’area di sosta già da venerdì 15 Sabato 16: - arrivo equipaggi, registrazione, sistemazione e consegna busta di benvenuto con omaggi. - Visita del Santuario della Madonna del Faggio e passeggiate sui prati. - Visita facoltativa all’azienda agricola AIA VECCHIA, con possibilità di acquisto prodotti suini. - Pranzo libero. - Escursione sul Monte Carpegna a piedi o in funivia, con vista sui rilievi dell’Appennino, su San Marino e sulla costa romagnola. - Trasferimento con navetta al paese di Monteboaggine dove si svolgerà la Cena conviviale durante la quale verrà effettuata la Lotteria a Premi; MENU’ della cena: antipasti a km. 0; penne all’amatriciana; grigliata mista (salsicce, costine, braciole di suino); vino e acqua; dolce. Rientro ai camper con navetta. Domenica 17: - Trasferimento con i propri camper al paese di Villagrande. - Durante il trasferimento faremo una sosta intermedia al Bar La Fontana di Calvil- il GIRAMONDO 5 set/ott 2017

[close]

p. 6

lano per colazione (caffè o cappuccino + dolce). - Parcheggio dei camper nel piazzale prima dell’ingresso in paese, dopo il distributore di benzina (Coordinate GPS N 43°50’20.76” E 12°21’25.89”). - Trasferimento con bus navetta al Castello di Montecopiolo e visita guidata. - Festa della PATATA TIPICA DI MONTECOPIOLO, con possibilità di pranzo a prezzo convenzionato per i partecipanti al raduno. Costo di partecipazione per 1 camper con 2 persone: € 50,00 (comprende tutto quanto indicato nel programma, tranne il pranzo alla Festa della Patata Tipica di Montecopiolo) Per informazioni e prenotazioni potete telefonare a Orlando Nigosanti 340 8461852 oppure inviare una mail a info@campingclubpesaro.it ciovie eremo s a M onte Carpegn Comune di Montecopiolo set/ott 2017 6 il GIRAMONDO

[close]

p. 7

il GIRAMONDO 7 set/ott 2017

[close]

p. 8

Il castello di Monte Copiolo sorse nel X secolo sull’omonimo rilievo montuoso per volere dei vescovi di Montefeltro o di loro enfiteuti (i Conti di Carpegna). È situato a monte dell’odierna frazione di Villagrande di Montecopiolo. I resti del castello si trovano ad un’altitudine di 1.030 m s.l.m. a spartiacque tra le vallate dei fiumi Conca e Marecchia. L’area occupata dal castello raggiungeva i 9.000 m² Storia Le cavità naturali di natura carsica, presenti presso la rupe, fornirono riparo all’uomo di Neanderthal. È stata rinvenuta, come oggetto residuale in stratigrafie bassomedievali, una selce in tecnica Levallois ascrivibile al Musteriano. Ancora in giaciture secondarie sono affiorati utensili e frammenti di industria litica, tra cui uno in ossidiana. In età romana il rilievo fece probabilmente parte del municipium di Pitinum Pisaurense (valle dell’Apsa, bacino del fiume Foglia, foce a Pesaro). Alle pendici del Copiolo, verso est, correva una via (nel XVI sec. chiamata Via Vetere) che collegava le valli dei fiumi Foglia e Conca a quella del Marecchia La fondazione del castello nel X secolo Il Castrum Montis Cupioli fu fondato nel X secolo probabilmente per volontà vescovile. Da questo centro, nel XII secolo, prese avvio la dinastia dei conti di Montefeltro (poi duchi di Urbino), signori dell’omonimo territorio. La residenza dei conti fece di Monte Copiolo il principale centro di potere del Montefeltro medievale, nucleo fondante della loro signoria territoriale e, nel corso dei secoli, una delle principali piazzeforti del ducato di Urbino. La curva cronologica dell’insediamento si arresta con l’estinzione dei duchi, nel 1631, quando il centro prese lentamente a spopolarsi per la discesa a valle della popolazione che, in pieno XVII secolo, contava ancora 700 “anime”. Nel X secolo il castello era composto da un torrione sommitale (perimetro esterno 12x12 m) difeso, alla base, da un recinto in pietra. All’esterno del recinto in pietra trovavano posto alcuni annessi abitativi e funzionali (magazzini etc). Il castello si è poi notevolmente svilup- pato tra il XII ed il XIII secolo, quando tutto il comparto della rocca venne rimaneggiato ed una cinta in pietra andò a proteggere l’abitato che intanto era sorto set/ott 2017 8 il GIRAMONDO

[close]

p. 9

sul terrazzamento basso del monte. In questo periodo, all’interno del circuito difensivo della rocca, scomparve il torrione sommitale per un cedimento strutturale, al suo posto venne edificata una chiesa con un annesso palatium, residenza dei conti di Montefeltro. Nel XIV secolo tre cinte di mura ed almeno otto torrioni difendevano il castello che era composto da un abitato cinto da proprie mura, disposto sul terrazzamento inferiore del rilievo e vegliato dalla “fortissima rocca”, posta sulla cima della rupe. Nel corso del XV secolo la rocca venne del tutto rimaneggiata ed adeguata alle nuove tecniche belliche, ormai contaminate dalle armi da fuoco, le torri da quadrangolari divennero circolari, le mura di cinta furono cimate e vennero abbattuti alcuni edifici nell’area sommitale, per creare ampi piazzali per la manovra delle artiglierie. Il Castello di Monte Copiolo non fu mai conquistato, guadagnandosi il titolo di unica fortezza feretrana rimasta sempre nelle mani dei duchi di Urbino. Un violento assedio subìto nel 1522 da parte delle truppe di Giovanni dei Medici (detto “dalle bande nere”) lesionò il castello, ma questo continuò ad essere abitato per tutto il XVI secolo. A partire dal XVII secolo la rupe venne abbandonata dalla sua popolazione, che decise di stanziarsi definitivamente a valle implementando una serie di villaggi già presenti dal medioevo tra cui: Villagrande, Cavalcanese, Monte Rotto, Ca’ Moneta, Ca’ Bellino. Scavi archeologici e archeo-geo-sito Dal 2002, a cura della cattedra di archeologia cristiana e medievale dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, ha preso avvio un notevole cantiere archeologico volto ad indagare gli aspetti relativi alla lunga durata dell’insediamento e i mutamenti subiti nel corso della storia. Sono state eseguite 14 campagne di scavo, lo scavo è ancora in corso ed è parallelamente visitabile grazie a percorsi in sicurezza. il GIRAMONDO 9 set/ott 2017

[close]

p. 10

set/ott 2017 10 il GIRAMONDO

[close]

p. 11

il GIRAMONDO 11 set/ott 2017

[close]

p. 12

DA NON MANCARE Nel numero precedente abbiamo segnalato l’iniziativa “RisorgiMarche”, ideata da Neri Marcorè: 13 concerti in altrettanti centri marchigiani colpiti dal terremoto. Si è trattato di un grande successo, che ha mostrato la forza di una popolazione che vuole tornare a vivere “normalmente”, come prima del terremoto. La federazione nazionale alla quale siamo affiliati, l’Unione Club Amici, si è impegnata a sostegno dell’iniziativa e con grande piacere abbiamo visto tantissimi equipaggi in camper partecipare ai concerti. Sul solco di questo successo, l’Unione Club Amici intende continuare a realizzare iniziative che riportino i turisti nei territori colpiti dal sisma. Abbiamo scelto una località simbolo: Pievebovigliana, perché è sempre stata accogliente con i camperisti, perché fa parte del circuito dei Comuni Amici del Turismo Itinerante, perché i cittadini e gli amministratori ci hanno sempre accolto con simpatia e generosità. Abbiamo concordato con l’Amministrazione Comunale di partecipare a una delle feste più tradizionali e sentite dalla cittadinanza, la SAGRA DELLA CASTAGNA, che si terrà il 7/8 ottobre. Avremo spazi per sostare per circa 50 camper (consigliamo quindi di prenotare per tempo, altrimenti si rischia di non trovare posto); il programma di massima è già delineato, eventuali modifiche verranno comunicate tempestivamente. Sabato 7 ottobre: ricevimento e sistemazione degli equipaggi; nel pomeriggio passeggiate in libertà; partecipazione a Convegno su risorse ambientali con particolare riferimento a produzione di miele e castagneti. Serata danzante nel palazzo dello sport. Domenica 8 ottobre: in mattinata visita/ degustazione alla famosa Distilleria Varnelli. Partecipazione alla Sagra della Castagna (stand gastronomici, prodotti tipici, artigianato) Costo di partecipazione: € 10,00 a equipaggio. Per informazioni e prenotazioni: 348 3020780 (Sauro Sorbini); info@campingclubpesaro.it set/ott 2017 12 il GIRAMONDO

[close]

p. 13

LA FESTA DELL’AQUILONE DI URBINO La Festa dell’ Aquilone è un evento a cui partecipare almeno una volta nella vita. Lo spettacolo del cielo che si colora di migliaia di aquiloni mentre si alzano in volo contemporaneamente è unico ed emozionante a tutte le età. Fare volare un aquilone è una cosa di un liberatorio inimmaginabile. Se poi si tratta di un aquilone costruito interamente con le proprie mani, vi assicuro che la soddisfazione raddoppia. Quella che ogni prima domenica di settembre si svolge a Urbino è una gara tra le 10 contrade cittadine che si sfidano facendo volare gli aquiloni. La manifestazione si svolge su una collina alle Cesane, appena fuori Urbino che, insieme alla colline che la circondano, fa da sfondo. Ogni contrada può avere un numero infinito di contradaioli che possono lanciare l’aquilone con i colori della propria squadra nello spazio delimitato assegnato alla contrada. La gara ha una durata di 30 minuti e vince la contrada che riesce a lanciare l’aquilone più lontano; si preparano matasse con centinai di metri di filo. I giudici di gara si spostano in macchina per andare a verificare quale sia effettivamente la cometa più lontana. La particolarità degli aquiloni da gara della festa di Urbino è che devono essere costruiti soltanto con carta, canne, filo e colla. Non sono ammessi altri materiali. Si fa eccezione per l’uso dello scotch durante la gara per i rattoppi volanti. Nelle contrade si lavora adulti e bambini alla costruzione degli aquiloni già da mesi prima della festa. Finita la gara si passa alla presentazione degli aquiloni di bellezza. Ogni contrada costruisce il suo aquilone di bellezza che deve essere una struttura tridimensionale. I materiali consentiti sono gli stessi degli aquiloni da gara, ma di solito, le dimensioni sono esagerate. Si lavora a queste strutture per molte settimane, è un lavoro di gruppo dove i contradaioli mettono impegno e passione. Essendo costruzioni ingombranti, ma soprattutto molto delicate è quasi impossibile provare a farle volare prima della gara. Così Una volta presentato l’aquilone di bellezza alla giuria e al pubblico si prova ad alzarli in cielo. Ogni contrada ha un massimo di tre tentativi di lancio. Ogni volta che l’aquilone tocca terra rischia di rompersi compromettendo la stabilità o addirittura la possibilità di riuscire a sollevarsi. Nell’attesa che questi giganti si alzino in volo la gente rimane con il naso all’insù e il fiato sospeso. Se non avete mai partecipato vi consiglio di non mancare la prima domenica di settembre…mi troverete li…maglia gialla! il GIRAMONDO Samanta Capponi 13 set/ott 2017

[close]

p. 14

Oroscopo del viaggiatore (per sorridere un po’) ARIETE: cercate un altro punto di vista: provate a prendere le cose di petto… TORO: … evitate i viaggi in Spagna…. GEMELLI: la vostra vigorosa spinta verso il dialogo vi rende dei camperisti perfetti. CANCRO: si consiglia di evitare la zona di Marotta d’estate: potreste finire in un sughetto. LEONE: ...guardate di più intorno a voi: non esiste solo l’Africa. VERGINE: gli incontri estivi potrebbero mettere a rischio la vostra posizione…attenzione! BILANCIA: attenzione a quando preparate le valige…i conti potrebbero non tornare pari… SCORPIONE: cercate di non essere troppo…pungenti… SAGGITARIO: siete lungimiranti e proiettati verso l’avvenire: programmate il prossimo viaggio. CAPRICORNO: introversi come siete vi consigliamo di non mancare al prossimo raduno così potrete sciogliervi un po’… ACQUARIO: …per ritrovare voi stessi fate un viaggio alle Maldive. PESCI: …finalmente con l’arrivo della bella stagione potrete sgranchirvi le branchie. set/ott 2017 14 il GIRAMONDO

[close]

p. 15

il GIRAMONDO 15 set/ott 2017

[close]

Comments

no comments yet