Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

Quadrimestrale - anno 2 - n° 1 - 15/07/2017 January-April 2017 NUMBER 2 SEEING LAMPEDUSA WITH DIFFERENT EYES BRUCE LEE IN ROME

[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

THINK GLOBAL, LIVE ITALIAN 3

[close]

p. 4

24 (IN)VISIBLE RAGE The social and artistic results of a journey through ten towns In the Sardinian backcountry 32 THE “SISTINE CHAPEL OF THE 8TH CENTURY A.D.” Santa Maria Antiqua and its Byzantine palimpsest 4

[close]

p. 5

80 “HOW DO I MAKE THE SAGA OF THE MEDICI INTERESTING TO ME?” The script notes of a great fiction writer 117 THE SCENERY OF TRIBUNE POLITICHE (POLITICAL FORUM) In those years TV began to light the domestic fireplace 94 OUR ORLANDO FURIOSO What Ariosto saw when he closed his eyes 55 BETWEEN LATHE AND GIMLET The start-up Italian Stories offers holiday experiences in ateliers 5

[close]

p. 6

CO N T E N TS / SOMMARIO 6 Letter from the Editor 7 Lettera dell’Editore VITA ITALIANA 10 The confessional, the merciful womb that restores the world 11 Il confessionale, grembo di misericordia che rigenera il mondo 14 Seeing lampedusa with different eyes Before and after Fuocoammare 15 Una Lampedusa nuova ai nostri occhi C’è un prima e un dopo Fuocoammare 21 A Language Like “bread made with barley” 21 Una lingua come “pane orzato” 24 (In)visible rage The social and artistic results of a journey through ten towns in the Sardinian backcountry 25 La rabbia (in)visibile Il risultato artistico e sociale di un viaggio in dieci paesi dell’entroterra sardo BELLEZZA ITALIANA 32 The “Sistine Chapel of the 8th Century A.D.” Santa Maria Antiqua and its Byzantine palimpsest 33 La “Cappella Sistina dell’VIII secolo” Santa Maria Antiqua e il suo palinsesto bizantino 38 Respect, appreciation and awareness 39 Rispetto, amore e conoscenza 44 Quality content 45 Contenuti di qualità 46 A Peter Pan flying low over the “Bel Paese” 47 Un Peter Pan a volo radente sul Bel Paese CREATIVITÀ ITALIANA 55 Between lathe and gimlet The start-up Italian Stories offers holiday experiences in ateliers 55 Tra il tornio e il succhiello La vacanza in bottega della startup Italian Stories 61 From L’Arte della felicità to Gatta Cenerentola 61 Da L’Arte della Felicità a Gatta Cenerentola 67 The Hybrid Journalist 67 Il giornalista ibrido 6

[close]

p. 7

PASSIONE ITALIANA 72 Ninety Years of AS Roma A passionate football team for a passionate people 73 I novant’anni dell’AS Roma Una formazione di calcio specchio fedele di un popolo passionale e appassionato 102 Bruce Lee in Rome The battle with Chuck Norris set in the Colosseum defies perfection 103 Bruce Lee a Roma Il combattimento con Chuck Norris ambientato nel Colosseo sfiora la perfezione occhi 106 An unusual and secret Italy 107 Un’Italia insolita e segreta 80 “How do I make the saga of the Medici interesting to me?” The script notes of a great fiction writer 111 Pan-fried chicory starter and spaghetti bottarga 111 Antipasto di cicoria e spaghetti alla bottarga ANIMA ITALIANA 80 “Come posso rendere la saga dei Medici interessante per me?” Le note di sceneggiatura di un grande autore di fiction 117 The scenery of Tribune politiche (Political Forum) In those years TV began to light the domestic fireplace 89 Bocce: a universal sport 89 Bocce: uno sport universale FANTASIA ITALIANA 117 Il paesaggio delle Tribune politiche In quegli anni la Tv cominciava ad accendere l’atmosfera del focolare domestico 94 Our Orlando Furioso What Ariosto saw when he closed his eyes 95 Il nostro Orlando Furioso Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi 126 City of stone, city of the future 127 Città della pietra, città del futuro 130 A day in Matera 130 Un giorno a Matera 132 Suggestions 7

[close]

p. 8

LETTER FROM THE EDITOR You can see a great deal of Rome on the cover of this issue of Italiana. Because of something that may be defined as a “stroke of luck”, in this issue, there are what our illustrator Riccardo Guasco has defined as three “uncommon gladiators”, all of whom he has intentionally placed around the Coliseum. The first is Francesco Totti, the Capitan, whose moving departure from the football scene shed light on the large amount of attention paid by athletes from all over the world to Italian football. The second is Bruce Lee, the Little Dragon, who in 1972 set his film Way of the Dragon in Rome. The famous final fighting scene with Chuck Norris is set right inside the Coliseum. Moving on from one reference to the next brings us to the third gladiator, Jeeg, who hails from the outskirts of Rome as portrayed by director Gabriele Mainetti and who battles at the largest sports stadium in the city, the Stadio Olimpico, but who, in the final scene, looks out at the city right from the Coliseum. Discovered at the Rome Film Festival by Antonio Monda, who discussed the film for us in the last issue of Italiana, Lo chiamavano Jeeg Robot (They Call Me Jeeg) is being distributed throughout the world by Rai Com. Rome’s other side is also represented in this issue, its spiritual side, whose symbol is St. Peter’s. The exquisite opening article, written by Pope Francis, is a passage from the book’s preface dedicated to his confessor, Father Luis Dri, and published by Rai Eri. Another common thread running through this issue is the hidden beauty of the “lesser known” Italian places. An important institution, the FAI (the National Trust of Italy), has made it possible for us to freely enjoy these sites by restoring and enabling many of their architectural gems and stunning landscapes to be visited, while the Jonglez guidebook series facilitates our discovery of Italy’s best-kept secrets, albeit nearby and extremely easy to reach. There is also an online initiative that assists enthusiasts in experiencing one or more days with Italian artisans, so that they can discover the hidden beauty of Made in Italy products. Excellent examples of how Italian media productions have been envisioned for worldwide enjoyment may be found in the beautiful film Fuocoammare (Fire at Sea), which came very close to winning an Academy Award; the magnificent TV series I Medici (Medici: Masters of Florence), which screenwriter Frank Spotnitz discusses; and the animated film Gatta Cenerentola (Cinderella Cat), created, produced and set in Naples. Finally, I am especially pleased with the outstanding article by Filippo Ceccarelli, taken from the photographic book published by Rai Eri entitled Cari elettori, care elettrici (Dear Electors), edited by Edoardo Novelli and Stefano Nespolesi. The archives of Rai Teche have proven to be a never-ending wellspring of material, and thanks to digitalisation efforts, more and more people may now enjoy it. Think global, live Italian! Gian Paolo Tagliavia 8

[close]

p. 9

LETTERA DELL’EDITORE C’è molta Roma nella copertina di questo numero di Italiana. Per quella che può essere definita una fortunata coincidenza, convivono nella rivista tre “gladiatori anomali”, come li ha definiti il nostro illustratore Riccardo Guasco, che li ha collocati, non a caso, attorno al Colosseo. Il primo è Francesco Totti, il Capitano, la cui commossa uscita di scena ha messo in evidenza la grande attenzione degli sportivi di tutto il mondo nei confronti del calcio italiano. Il secondo è Bruce Lee, il Piccolo Drago, che nel 1972 ambientò a Roma il suo film L’urlo di Chen terrorizza anche l’occidente: il celebre combattimento finale con Chuck Norris è ambientato proprio nel Colosseo. E, di citazione in citazione, arriviamo al terzo gladiatore, il Jeeg di periferia di Gabriele Mainetti, che combatte allo Stadio Olimpico, ma che nel finale proprio dal Colosseo guarda la città. Scoperto alla Festa del Cinema di Roma da Antonio Monda, che ce ne ha parlato nel numero passato di Italiana, il film Lo chiamavano Jeeg Robot è distribuito nel mondo da Rai Com. In questo numero è rappresentata anche l’altra Roma, quella spirituale che ha San Pietro come simbolo. Il prezioso articolo di apertura, a firma di Papa Francesco, è un estratto della prefazione al libro dedicato al suo confessore, padre Luis Dri, edito da Rai Eri. Un altro filo conduttore di questo numero è la bellezza nascosta dei luoghi “minori” d’Italia: un’importante istituzione, il FAI, ci permette di goderne liberamente, restaurando e rendendo visitabili molti gioielli dell’architettura e del paesaggio, mentre la serie di guide Jonglez ci aiuta a scoprire i tesori più nascosti, benché vicini e raggiungibilissimi. Ma anche un’iniziativa online che porta gli appassionati a vivere una o più giornate con gli artigiani italiani, alla scoperta della bellezza nascosta del Made in Italy. L’audiovisivo italiano pensato per il mondo è ben rappresentato dal bellissimo Fuocoammare, che ha sfiorato gli Academy Award, dalla magnificente serie I Medici, di cui ci parla lo sceneggiatore Frank Spotnitz, dal film di animazione Gatta Cenerentola, creato, prodotto e ambientato a Napoli. Sono, infine, particolarmente contento del bell’articolo di Filippo Ceccarelli tratto dal volume fotografico di Rai Eri Cari elettori, care elettrici a cura di Edoardo Novelli e Stefano Nespolesi: le Teche Rai si confermano una miniera inesauribile di materiali, che il lavoro di digitalizzazione rende progressivamente fruibile a tutti. Think global, live italian! Gian Paolo Tagliavia 9

[close]

p. 10

V I TA “E la vita, la vita e la vita l’è bela, l’è bela, basta avere l’ombrela, l’ombrela che ti para la testa, sembra un giorno di festa.” E la vita Renato Pozzetto, Enzo Jannacci 1974 “And life, life life is grand, it’s grand; as long as you’ve got an umbrella, an umbrella to shelter your head, it feels like a holiday.” And Life Is... Renato Pozzetto, Enzo Jannacci 1974

[close]

p. 11



[close]

p. 12

VITA ITALIANA THE CONFESSIONAL, THE MERCIFUL WOMB THAT RESTORES THE WORLD Pope Francis from the preface to Don’t Be Afraid to Forgive, published by Rai Eri Several times over I have spoken about a response that Father Luis Dri gave me when I was archbishop in the other diocese, in Buenos Aires. I had asked him what he did when, after spending the entire day in the confessional, he felt that he had perhaps forgiven too much. He told me that he would go to the tabernacle, stand in front of the Blessed Sacrament, asking for forgiveness for having forgiven so much, and concluded by proclaiming to Jesus: “But it was You that gave me such a bad example!” Saint Leopold Mandic´, the great Capuchin saint, said something similar; perhaps it was for this that Father Dri was so devoted to him. His words touched me and ever since, I haven’t stopped telling this story, because it is the story of a behavior that is evermore necessary today. The penitent that knocks on the door of our confessionals can have come to the merciful embrace of God by following countless paths. He could be a believer that regularly asks the Lord for forgiveness, or he could be pushed by a different, exceptional circumstance. […] It is beautiful that Father Luis Dri keeps a reproduction of Rembrandt’s rendition of the embrace between the Father and the Prodigal Son in his confessional. He cut it out and put it on the wall, as he explains, “so that those who came to confess could see it.” Father Luis reminds us that the painting’s most important detail are the non-identical hands of the merciful Father: the one on the left being that of a man, while the other is more feminine. Mercy, just like compassion, the innate emotion that Jesus experiences on several pages of the Gospel, has both paternal and maternal characteristics. Mercy is innate motherly love, provoked by 12

[close]

p. 13

VITA ITALIANA IL CONFESSIONALE, GREMBO DI MISERICORDIA CHE RIGENERA IL MONDO Papa Francesco dalla prefazione del volume di Rai Eri Non aver paura di perdonare Ho raccontato ormai tante volte e in diverse occasioni la risposta che mi diede padre Luis Dri quando ero arcivescovo nell’altra diocesi, a Buenos Aires. Gli avevo domandato che cosa facesse quando, uscendo dal confessionale dove aveva trascorso molte ore della giornata, avvertiva lo scrupolo di aver perdonato troppo. Mi disse che era solito andare di fronte al Tabernacolo, di fronte al Santissimo Sacramento, chiedendo lui stesso perdono per aver troppo perdonato, e che con- cludeva rivolgendosi così a Gesù: “Ma sei stato Tu che mi hai dato il cattivo esempio!”. Qualcosa di simile diceva anche san Leopoldo Mandic´, il grande santo cappuccino, al quale non a caso padre Dri è sempre stato molto devoto. Mi avevano colpito queste sue parole e perciò non ho mai smesso di raccontarle, perché ci parlano di un atteggiamento quanto mai necessario oggi. Il penitente che bussa alla porta dei nostri confessionali può essere arrivato di fronte all’abbrac- cio misericordioso di Dio per innumerevoli cammini. Può essere un fedele che si accosta abitualmente al sacramento della riconciliazione, oppure qualcuno che vi giunge spinto da qualche circostanza eccezionale. […] È bello che padre Luis Dri tenga in confessionale una riproduzione del quadro di Rembrandt che descrive la scena dell’abbraccio tra il Padre e il Figliol Prodigo. L’ha ritagliata e messa sulla parete, ci spiega, “a portata di sguardo di chi viene a confessarsi». Padre Luis ci ricorda che il particolare forse più importante di questo dipinto sono le mani del Padre misericordioso, che non sono identiche tra di loro: una mano, quella di sinistra, è maschile, l’altra è più femminile. La misericordia, come pure la compassione, quella commozione viscerale che prova Gesù in diverse pagine del Vangelo, ha caratteristiche sia paterne che materne. La misericordia è il visce- 13

[close]

p. 14

VITA ITALIANA the fragility of its creation and of his mercy. Being embraced, its embrace, while its mascu- standing before the presence line side is the strong devotion of the Merciful God who ap- of the Father, who always sup- proaches him through a priest, ports, forgives and walks again transforms the confessional alongside his son. into a maternal womb. A home In the painting, the merciful fa- for us poor sinners who feel like ther is blind, “as if his vision disowned orphans. was consumed while awaiting The Father’s forgiving embrace, his son’s return. For the father, the sweet expression of Ma- there is nothing beyond his son. ria, our Mother, the ability of All that surrounds him, that a priest, the first to have ex- emerges from the darkness, is perienced the mercy of God to a part of the af- soothe his pain, fectionate ten- like an ointment sion between to his wounds, him and his son. His beard is unkempt, as if waiting for his son took prece- A river flowing with hate and violence is nothing against the ocean of mercy that floods makes the confessional less like a court room or a clinic, but a mother’s womb. dence over the our world […] tasks of daily We must also life.” […] remember the Looking at Mary, words of God’s our Mother, may we always re- servant and my predecessor member: the only force that John Paul I, who during an au- can conquer people’s hearts is dience on September 6, 1978 God’s tenderness. That which said: “The Lord so loves hu- seduces and attracts us, that mility, that sometimes, he al- which bends and wins, that lows grave sins. Why? So that which releases us from our those who commit these sins, chains, is not the power of ob- that are then forgiven, become jects or the harshness of the humble. law, but the omnipotent weak- Nobody believes they are half ness of divine love, the irresist- saints, or half angels, when ible strength of his sweetness they know that they have deep and the irrevocable promise shortcomings. The Lord has al- ways told us to be humble. Even if you have done great things, tell yourselves that you are useless servants. And yet, in all of us the tendency is exactly the opposite, to show off. Stay low, stay low: this is the Christian virtue that regards us all.” […] It is that of our families, our neighborhoods, our cities, our countries, of relationships between nations. A river flowing with hate and violence, please let us never forget, is nothing against the ocean of mercy that floods our world. Let us bathe in this ocean, let us be restored. Let us allow God to act within us, let us ask him to win over our indifference, and help us to become , in time, capable of compassion, of sharing, of solidarity, and even of tears, to place our cheeks up against the cheeks of those who are suffering both physically or spiritually. To be small and humble in the hands of the Lord and help him construct a more just and brotherly world according to his design. I deeply hope that these pages, the story of a simple life and the experience of Father Luis, can spiritually help those who read them, and maybe even move someone’s heart towards the merciful embrace of God. 14

[close]

p. 15

VITA ITALIANA rale amore materno, che si commuove di fronte alla fragilità della sua creatura e la abbraccia, e nel suo aspetto propriamente maschile è la fedeltà forte del Padre che sempre sostiene, perdona e torna a rimettere in cammino i suoi figli. Ancora, in quel quadro, il padre misericordioso è cieco, “come se il suo sguardo fosse stato consumato dall’attesa del ritorno del figlio. Per il padre non c’è altro che il figlio, quello che ha attorno, che emerge dall’oscurità, partecipa della sua tensione amorosa verso il figlio. La barba del padre non è curata, come se l’attesa del ritorno del figlio mettesse in secondo piano anche le incombenze personali” della quotidianità. […] Guardando Maria, nostra Madre, facciamo sempre memoria di questo: l’unica forza capace di conquistare il cuore delle persone è la tenerezza di Dio. Ciò che incanta e attrae, ciò che piega e vince, ciò che apre e scioglie dalle catene, ciò che libera, non è la forza degli strumenti o la durezza della legge, ma la debolezza onnipotente dell’amore divino, è la forza irresistibile della sua dolcezza e la promessa irreversibile della sua misericordia. L’essere abbracciati, l’essere di fronte alla presenza di Dio Misericordioso che si fa vicino a te at- traverso il sacerdote, trasforma il al contrario: mettersi in mostra. confessionale in un grembo ma- Bassi, bassi: è la virtù cristiana terno. Una casa per noi, poveri che riguarda noi stessi”. […] peccatori, che ci sentiamo orfani Sia esso quello delle nostre fa- e diseredati. miglie, dei nostri quartieri, delle L’abbraccio misericordioso del nostre città, delle nostre nazioni, Padre, lo sguardo dolce di Maria, dei rapporti tra gli Stati. Il fiume nostra Madre, la disponibilità di in piena dell’odio e della violenza, un sacerdote che lui per primo ha non dimentichiamolo mai per fa- sperimentato e sperimenta la mi- vore, nulla può contro l’oceano di sericordia di Dio come balsamo misericordia che inonda il nostro per le sue miserie, come unguen- mondo. Immergiamoci in que- to per le sue ferite, rende il con- sto oceano, lasciamoci rigenera- fessionale non un tribunale o un re. Permettiamo a Dio di agire in consultorio, ma noi, chiediamogli un grembo ma- di vincere la no- terno. […] Come non ricordare qui le parole del servo di Dio e mio predecessore Giovanni Paolo I, il quale all’udienza ge- Il fiume in piena dell’odio e della violenza nulla può contro l’oceano di misericordia che inonda il nostro mondo stra indifferenza e di diventare capaci, a nostra volta, di compassione, condivisione, solidarietà e anche lacrime, per appoggiare la no- nerale del 6 set- stra guancia sul- tembre 1978 dis- la guancia di chi se: “Il Signore tanto ama l’umiltà soffre nel corpo e nello spirito. che, a volte, permette dei pecca- Per essere piccoli e umili stru- ti gravi. Perché? Perché quelli che menti nelle mani del Signore e li hanno commessi, questi pecca- aiutarlo a costruire secondo il ti, dopo, pentiti, restino umili. Non suo disegno un mondo più giusto vien voglia di credersi dei mezzi e più fraterno. santi, dei mezzi angeli, quando si Auguro di cuore che queste pagi- sa di aver commesso delle man- ne, il racconto della vita sempli- canze gravi. Il Signore ha tanto ce e dell’esperienza di padre Luis, raccomandato: siate umili. Anche possano aiutare spiritualmente se avete fatto delle grandi cose, chi le leggerà e magari muovere il dite: siamo servi inutili. Invece la cuore di qualcuno verso l’abbrac- tendenza, in noi tutti, è piuttosto cio con la misericordia di Dio. 15

[close]

Comments

no comments yet