LE NOSTRE FIABE. PERCORSO CREATIVO A PIU' LINGUAGGI SULLE ALI DELLA FANTASIA

 

Embed or link this publication

Description

Percorso attività sulla fiaba

Popular Pages


p. 1

LE NOSTRE FIABE Percorso creativo a più linguaggi sulle ali della fantasia CLASSI 3^A e 3^B Scuola Primaria di Casina Anno Scolastico 2016/2017

[close]

p. 2

‘’Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi : essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà attraverso strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo’’. (GIANNI RODARI)

[close]

p. 3

Intenti La fiaba, genere letterario universale con struttura narrativa costante che trasmette stabilità e sicurezza (due elementi fondamentali nell’età evolutiva dei bambini ), ha una valenza formativa ed educativa, non è solo un genere letterario di intrattenimento che stimola la fantasia. Abbiamo creduto quindi come insegnanti che affrontare a più livelli questo argomento potesse contribuire in qualche modo anche alla crescita psicologica di ogni bambino, poiché i racconti hanno la funzione di suggerire comportamenti che possono servire in varie occasioni della vita.

[close]

p. 4

Motivazioni della scelta Stimolare nei bambini il piacere di ascoltare e comprendere, la gioia di scrivere, e favorire esperienze di tipo collaborativo per lo sviluppo di abilità sociali. Nella comprensione di testi letti, in alcuni alunni, si notava la scarsa capacità di cercare significati, l'estraneità alle esperienze pregresse, la carenza di termini nel lessico e, a volte, scarso interesse ad impegnarsi nelle attività di scrittura. Come insegnanti abbiamo pensato quindi che concentrarci molto sulla fiaba potesse aiutare i nostri alunni a migliorarsi sotto diversi aspetti, non solo propriamente linguistici.

[close]

p. 5

La fiaba quindi come occasione per variare la produzione testuale, costruendo testi con struttura tradizionale e “stravolta”. Laboratorio di scrittura creativa affrontato con diverse metodologie e attività a grande e piccolo gruppo per rendere i testi costruiti più personali e ricchi . Arricchimento del lessico dei bambini con l’introduzione di nuovi aggettivi.

[close]

p. 6

FINALITÀ FORMATIVE  Stimolare e potenziare utilizzando tecniche diverse e molteplici linguaggi la curiosità e il desiderio di conoscere ;  educare all’ascolto di narrazioni e sviluppare competenze linguistiche attraverso l’osservazione, la riflessione e il confronto;  favorire atteggiamenti e comportamenti attenti e rispettosi verso l'altro;  utilizzare fantasia ed immaginazione come risorse importanti per l'apprendimento e valorizzare le potenzialità individuali ;  favorire la maturazione dell'identità personale anche in relazione ai contesti di apprendimento riconoscendo le caratteristiche peculiari del proprio sé in rapporto agli altri e alle diverse situazioni;

[close]

p. 7

Obiettivi motivazionali: Motivare gli alunni a comunicare facilitando esperienze di tipo collaborativo. Obiettivi di socializzazione: - Interagire : - inserirsi bene in gruppi di lavoro e vivere favorevolmente lo scambio interpersonale; - manifestare le proprie idee e sentimenti e rispettare quelli degli altri. - ascoltare gli altri, lasciarli parlare, mettersi nei loro panni e cercare di capire le idee espresse ; - chiedere chiarimenti su ciò che non si capisce e rispettare posizioni che non si condividono. • Ascoltare • Cooperare con gli altri per il successo comune - dare informazioni, fare proposte, esprimere le proprie opinioni, accettare e sostenere il ruolo affidato e raccordarsi con • Comunicare

[close]

p. 8

Rilettura di alcune fiabe e laboratorio di scrittura creativa  Lettura e analisi di fiabe tradizionali per riconoscere gli elementi strutturali di questo genere testuale.  Invenzione di fiabe tradizionali seguendo la struttura classica ( situazione iniziale, il protagonista entra in azione, azione dell'antagonista, azione dell'eroe e salvataggio del protagonista anche grazie ad un aiutante/oggetto magico, sconfitta dell'antagonista e vittoria finale) , per verificare se i bambini sono in grado di produrre una fiaba tradizionale secondo le regole.

[close]

p. 9

• Discussione sulle fiabe stravolte , per venire a contatto con le idee di ciascuno e organizzare il lavoro di scrittura in modo coerente.

[close]

p. 10

 Scrittura al pc di un albo illustrato in rima su Roald Dahl con Open Office per consentire ai bambini di sperimentare il genere con differenti supporti testuali.

[close]

p. 11

Lettura e analisi di fiabe  Lettura di fiabe tradizionali.  Riconoscimento degli elementi della struttura della fiaba.  Disegno delle carte fiaba a gruppi.  Utilizzo delle carte per la costruzione di fiabe.  Racconto orale a grande gruppo delle fiabe lette.

[close]

p. 12

Invenzione di fiabe Invenzione di fiabe fatta singolarmente. Divisione in coppie o piccoli gruppi di tre/quattro bambini e costruzione di fiabe, mescolamento degli elementi con aggiunta di descrizioni e particolari. Uso della tecnica del capovolgimento o “dell'insalata” di fiabe.

[close]

p. 13

Su cartoncini precedentemente predisposti, illustrazione della parte iniziale, centrale e finale delle fiabe realizzate Lettura a grande gruppo delle fiabe inventate Espressione orale e scritta di valutazione e autovalutazione degli elaborati realizzati

[close]

p. 14

Discussione sulle fiabe realizzate  Creazione di una mappa riassuntiva delle caratteristiche della fiaba.  Discussione sulle fiabe stravolte (che cosa significa “stravolte”, che cosa comporta nei personaggi e nella trama ecc…).  Laboratorio di scrittura creativa: realizzazione di una fiaba “ a catena” a classi aperte (3^A e 3^B).

[close]

p. 15

Invenzione della “fiaba a catena” a classi aperte  Scrittura a gruppo in modalità classi aperte, sia con carta e matita, sia con Open Office.

[close]

Comments

no comments yet