Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IL GRILLO SPARLANTE ANNO SCOLASTICO 2016/2017 CLASSE 2B 1

[close]

p. 2

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 I “GRILLI” DI COCQUIO A.S. 2016/2017 LA NOSTRA REDAZIONE DIRETTORI: Soumaya Azzeddine e Matteo Pirri GIORNALISTI: Giosuè Accardo Nicholas Alaimo Giorgia Arcani Dennys Azzolina Francesca Ciglia Chiara Costanzo Albi Duli Andrea Guerrini Kevin Guerrini Jasser Hrabi Martina Imperatore Riccardo Mesiti Lorenzo Pappacoda Dennis Sabani Daniele Scivoli Christian Yaka Elya Zarantonello Giulia Zeppetella RESPONSABILI RICERCHE: Leonardo Perrini, Mattia Pinton, Yuri Zarantonello DOCENTE RESPONSABILE: prof.ssa Sara Capezzuto Un ringraziamento particolare a tutti coloro che hanno sopportato e supportato la nostra vivace redazione il mercoledì pomeriggio... 2

[close]

p. 3

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 SOMMARIO Il nostro sguardo sul mondo (Azzeddine, Pirri) IN PRIMO PIANO Attentato di Manchester (Pirri, Sabani) La follia della Balena Blu (Alaimo, Pirri) Cyberbullismo: se lo conosci lo eviti (Ciglia, Yaka, Zarantonello E.) I traumi rendono le persone “diverse”? (Alaimo, Imperatore) pag. 4 pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8-10 NOTIZIE DI CASA NOSTRA E NON SOLO… Emergenza: evacuare la scuola! (Costanzo, Zeppetella) Di torre in torre (Pirri, Duli, Imperatore) La vita tra gli anni ‘50 e ‘60 (Ciglia, Yaka, Zarantonello E.) Iniziative culturali per i giovani sul territorio (Azzeddine) Lo straordinario recupero di Venaria Reale (Hrabi) Interviste possibili e… (Arcani, Azzeddine, Zeppetella) ...interviste impossibili! (Accardo, Azzolina, Duli, Guerrini A., Hrabi, Scivoli) pag. 11 pag. 12-13 pag. 14 pag. 15-16 pag. 17 pag. 18-19 pag. 20-24 NOTIZIE DAL MONDO L’acqua: un bene da preservare (Pappacoda, Mesiti) Un mondo di pace? (Arcani) Chi opera nei paesi di guerra? (Mesiti) In aumento il traffico d’armi nel mondo (Duli, Guerrini K.) La guerra nei versi dei poeti (Azzedine) pag. 25-26 pag. 27-28 pag. 28 pag. 29 pag. 30-32 INTRATTENIMENTO E SPETTACOLI Giochi del momento (Duli, Pirri) Vecchi e nuovi tra i vincitori di San Remo (Duli, Guerrini A.) Un giorno a teatro: “Oltre l’orizzonte” (Alaimo, Duli) pag. 33-34 pag. 35 pag. 36 SPORT Zhang e i suoi progetti sul Meazza (Duli, Geurrini K.) pag. 37 3

[close]

p. 4

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IL NOSTRO SGUARDO SUL MONDO In questo numero unico de "Il Grillo Sparlante" noi alunni della classe 2B abbiamo raggruppato notizie che – durante l'anno scolastico 2016-2017 – ci hanno colpito o di cui abbiamo discusso in classe. Nella prima sezione abbiamo riportato notizie di attualità che riguardano da vicino il nostro "essere alunni" e ragazzi del XXI secolo. Una parte degli articoli riguarda il nostro territorio perchè lo riteniamo importantissimo dato che vi trascorriamo la maggior parte della giornata e perchè spesso non facciamo caso alle ricchezze che esso riserva; guardandoci intorno abbiamo provato a chiederci com'era la vita prima dell'avvento di internet e abbiamo trovato risposte in quello che ci hanno raccontato nonni e zii. Per quanto riguarda il mondo, ci colpiscono molto le tragiche notizie che arrivano dai paesi in guerra e che ci fanno riflettere sulla nostra fortuna. Infine, non abbiamo dimenticato di essere giovani, interessati alla musica, ai giochi e allo sport! Buona lettura a tutti! Soumaya Azzeddine e Matteo Pirri 4

[close]

p. 5

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IN PRIMO PIANO ATTENTATO A MANCHESTER Il 22 maggio scorso, al termine del concerto della cantante americana Ariana Grande presso la Manchester Arena, si è verificato un attentato che ha causato la morte di ventidue persone tra cui molti ragazzini, che si erano recati al concerto della loro beniamina. I feriti sono circa 120. Alle ore 22.30 circa si è sentita una violenta esplosione a cui ne è seguita un’altra; l’attentatore, anch’egli rimasto ucciso, Salman Ramadan Abedi, è un ragazzo inglese di origini libiche che viveva in un quartiere dove si contava un alto tasso di ragazzi affiliati di recente al jihadismo. La cantante, molto colpita, ha deciso di sospendere il suo tour fino al 5 giugno. Dennis Sabani e Matteo Pirri Ariana Grande (Florida, 26/6/1993) è una giovanissima cantante che conta migliaia di fans in tutto il mondo fra i teenagers 5

[close]

p. 6

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IN PRIMO PIANO LA FOLLIA DELLA BALENA BLU Grazie ad un servizio del programma televisivo “Le Iene”, in Italia si è diffusa la notizia dell’esistenza del “gioco” Blue Whale, balena blu. Lo scopo non è certo quello di divertirsi, ma quello di arrivare a compiere il suicidio. Si tratta di un gioco che fa leva su ragazzi depressi o emarginati che decidono di intraprendere 50 steps, uno al giorno e tutti riguardanti violenze fisiche o mentali. Alcuni step sono: 2 - Alzatevi alle 4.20 del mattino e guardate video psichedelici e dell'orrore che il curatore vi invia direttamente 3 - Tagliatevi il braccio con un rasoio lungo le vene, ma non tagli troppo profondi. Solo tre tagli, poi inviate la foto al curatore 10 - Dovete svegliarvi alle 4.20 del mattino e andare sul tetto di un palazzo altissimo 50 - Saltate da un edificio alto. Prendetevi la vostra vita Fortunatamente l’inventore del gioco, il ventiduenne Philip Budeikin, è stato arrestato e ora si trova nel carcere di San Pietroburgo. C'È DEL FAKE DIETRO AL GIOCO DEL SUICIDIO? Il cosiddetto gioco suicida chiamato “Blue Whale” potrebbe essere una bufala. Pare infatti che i giornalisti avrebbero manipolato le notizie dei numerosi suicidi in Russia collegandoli tutti al fenomeno della balena blu. Vero o falso che sia, resta un gioco pericoloso e distruttivo. Nicholas Alaimo e Matteo Pirri 6

[close]

p. 7

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IN PRIMO PIANO CYBERBULLISMO: SE LO CONOSCI, LO EVITI Con il termine “cyberbullismo” ossia “bullismo online” si indica un tipo di violenza che si esercita tramite e-mail, chat e in generale nella rete. Questo fenomeno è diffuso specialmente tra gli adolescenti e inizia con un uso improprio della rete. Ad oggi questo fenomeno riguarda quasi la metà del bullismo ed è molto diffuso perché il bullo, nascondendosi dietro ad uno schermo, si sente onnipotente e crede che la sua identità rimanga segreta. Rispetto al bullismo è più grave perché in poco tempo possono essere diffuse immagini o conversazioni, private o offensive, che rimarranno nella rete per sempre. Questo fenomeno invade la mente, distrugge l'autostima e aumenta notevolmente la probabilità di incorrere in un tentativo di suicidio rispetto alle forme di bullismo più fisiche e verbali. Secondo alcune ricerche una vittima su 10 tenta il suicidio. In Italia due ragazzi su tre ne sono vittima. Tra le vittime l’1% tenta il suicidio, il 77% soffre di depressione, il 62% è anche vittima di bullismo, il 50% pratica autolesionismo. Il dato per noi sconcertante è che le vittime sono per la maggior parte femmine, circa il 62%. Francesca Ciglia, Christian Yaka, Elya Zarantonello È in via di approvazione definitiva la legge a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo 7

[close]

p. 8

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IN PRIMO PIANO I TRAUMI RENDONO LE PERSONE “DIVERSE”? Durante quest'anno scolastico ci siamo interrogati sull'esistenza della diversità e sui talenti di ognuno di noi. Che cos'è la diversità? Esiste davvero? Ma allora esiste qualcuno “normale”? È un vantaggio subire dei traumi? Abbiamo discusso in classe di tre personaggi in particolare: Nick Vujicic, Alex Zanardi, Bebe Vio. Nick Vujicic, primogenito di una famiglia serba cristiana, è nato a Melbourne, in Australia con una rara malattia genetica: la tetramelia, che lo ha fatto nascere privo di arti superiori e inferiori, eccetto i suoi piccoli piedi, uno dei quali ha due dita. Inizialmente, i suoi genitori rimasero sconvolti per le sue condizioni. Lo rifiutarono e si misero a piangere, però dopo un po' di tempo, essendo molto credenti, pensarono che la malattia di Nick fosse un “dono divino” e un motivo in più per volergli bene. 8

[close]

p. 9

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IN PRIMO PIANO Alex Zanardi è stao un pilota automobilistico, ora paraciclista e conduttore televisivo. È nato a Bologna nel 1996 da Anna e Dino Zanardi. Da bambino si trasferì a Castel Maggiore, a pochi chilometri dal capoluogo emiliano e qui sviluppò la passione per i motori, appassionandosi alla formula 1. Aveva anche una sorella maggiore, Cristina, morta a seguito di un incidente stradale nel 1979. Diplomatosi come geometra, Alex si è sposato e ha avuto un figlio. Il giorno che gli ha cambiato la vita è stato il 15 settembre 2001, quando ha perso il controllo della sua auto sul circuito di EuroSpeedway Lausitz in Germania; ferma in mezzo alla pista, la sua automobile è stata centrata in pieno da un’altra vettura che sopraggiungeva a forte velocità; l’impatto violentissimo gli ha provocato l’amputazione netta dei due arti inferiori. Dopo molti interventi rischiosi, è riuscito a sopravvivere. Nel paraciclismo ha vinto quattro medaglie d'oro ai Giochi paraolimpici di Londra 2012 e Rio 2016, e otto titoli ai campionati mondiali su strada. 9

[close]

p. 10

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 IN PRIMO PIANO Beatrice Maria Vio, detta Bebe, è nata a Venezia, il 4 Marzo 1997. All'età di 11 anni fu colpita da una meningite fulminante di tipo B che le causò un'estesa infezione, con annessa necrosi ad avambracci e gambe di cui si rese necessaria l'amputazione. Oggi è la campionessa paraolimpica mondiale di scherma in carica (fioretto individuale).. Dalle storie di questi tre personaggi siamo arrivati alla conclusione che il trauma che hanno subito è stato molto complicato da affrontare ma hanno trovato il coraggio dentro di loro per affrontare questa enorme sfida, riuscendo a dare un senso alla loro “nuova” vita. Quindi perchè noi non dovremmo riuscire a superare le difficoltà quotidiane? Nicholas Alaimo & Martina Imperatore ORA VACCINI OBBLIGATORI PER TUTTI Il giorno 22 maggio il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto sull'obbligatorietà dei vaccini. Con il presente vengono rese obbligatorie le vaccinazioni di seguito indicate: antipoliomelitica; anti-difterica; anti-tetanica; anti-epatite B; anti-pertosse; anti Haemophilusinfluenzae tipo B; anti-meningococcica B; anti-meningococcica C; antimorbillo; anti-rosolia; anti-parotite; anti-varicella. Per la scuola dell'obbligo la mancata vaccinazione verrà perseguita con una pena pecuniaria, mentre per i bambini di età compresa tra gli 0 e i sei anni la mancata vaccinazione precluderà l'iscrizione negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia. 10

[close]

p. 11

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 NOTIZIE DI CASA NOSTRA E NON SOLO… EMERGENZA: EVACUATE LA SCUOLA! Il giorno 18 aprile a scuola c'è stata una prova di evacuazione e sono intervenuti la Polizia Locale, la Croce Rossa, la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, che hanno gettato nel giardino principale dei fumogeni per simulare un vero incendio. Le collaboratrici scolastiche hanno suonato la campanella di allarme e tutti gli alunni sono usciti dalle proprie classi in fila indiana per raggiungere il parcheggio della scuola. Nella nostra classe c'era un compagno con le stampelle che non poteva scendere le scale e quindi è intervenuto un ragazzo della Croce Rossa che lo ha preso in braccio e lo ha portato dove eravamo riuniti tutti noi. Quando siamo arrivati nel parcheggio i nostri professori hanno fatto l'appello per vedere se tutti gli alunni erano presenti, dopo siamo ritornati a scuola, dove i volontari della Croce Rossa ci hanno fatto i complimenti, ma ci hanno anche detto che durante queste situazioni bisogna stare zitti perchè potrebbe capitare che qualche alunno si trovi in difficoltà e chieda aiuto e non si riesca a sentirlo. È stata un’esperienza importante perché abbiamo avuto la possibilità di sperimentare quello che succede durante una grande emergenza. Chiara Costanzo e Giulia Zeppetella 11

[close]

p. 12

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 NOTIZIE DI CASA NOSTRA E NON SOLO… DI TORRE IN TORRE… LE RICCHEZZE MEDIEVALI DEL VARESOTTO Il nostro territorio è ricco di fortificazioni e torri di avvistamento che un tempo servivano a controllare il passaggio tre il Lago Maggiore e la vicina Svizzera. Tra i vari edifici ricordiamo la Rocca di Orino risalente al XII secolo, la vicina Torre di Cocquio Trevisago, costruita intorno all' XI secolo, e infine la Torre Civica di Canonica a Cuveglio, appartenente al XII secolo. Tutte e tre le torri furono costruite con lo scopo di controllare un territorio attraversato dai barbari. La Rocca di Orino sorge a 540 metri di altitudine nel comune omonimo che fa parte del Parco del Campo dei Fiori. Essa servì a scopi militari e ciò lo si capisce anche dall’ampio recinto fortificato utilizzato come ricovero di truppe o come piazza d’ armi. La rocca fu abbandonata per circa tre secoli, ma fu restaurata agli inizi del ‘900 e oggi è una delle torri conservate meglio. La torre civica di Canonica è collocata accanto alla chiesa di San Lorenzo nel comune di Cuveglio; in origine venne costruita come torre di difesa, presumibilmente prima del XII secolo, in seguito divenne una torre campanaria. Un caso a parte è la Torre di Cocquio, perché sorge su un suolo privato, motivo per cui attualmente è in uno stato di abbandono. Martina Imperatore A sinistra: la Rocca di Orino A destra: la torre di Canonica 12

[close]

p. 13

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 NOTIZIE DI CASA NOSTRA E NON SOLO… LA TORRE DI COCQUIO Nei pressi dell'omonima frazione Torre (la torre impose il nome alla frazione dell'attuale Comune di Cocquio Trevisago) sono ancora visibili i resti dell’edificio medievale, originariamente alto più di quindici metri, utilizzato dalle milizie locali come avamposto militare per il controllo delle persone e delle merci che transitando dal Seprio giungevano nelle località sub-alpine. Con il sistema dei fuochi, visibili da lontano, le truppe comunicavano stati di pericolo ad altri insediamenti militari situati sul nostro territorio. I resti della torre risalgono probabilmente al XI secolo; pare che l’edificio sia stato più volte distrutto e ricostruito e sempre utilizzato per scopi militari; venne ulteriormente distrutto tra il 1494 e il 1559. Un tempo, non distante dalla torre sorgeva la chiesa di San Giorgio, in adiacenza a un piccolo campo santo. Le ultime testimonianze scritte della presenza della chiesa risalgono 1758, redatte dal curato di S. Andrea il prelato Panico. Oggi la torre è fatiscente ed essendo un patrimonio del nostro territorio, ci auguriamo che possa essere messa in sicurezza e che si possa conservare in modo da farla conoscere ed apprezzare anche alle generazioni future. Anche se crediamo che questa operazione sia molto complessa dato che, per mille motivi, non si è mai mosso un dito per salvaguardarla e sta letteralmente cadendo a pezzi, continueremo a sostenere che questo è uno dei pochi monumenti del comune di Cocquio Trevisago con un valore storico particolare. Albi Duli e Matteo Pirri 13

[close]

p. 14

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 NOTIZIE DI CASA NOSTRA E NON SOLO… LA VITA TRA GLI ANNI ‘50 E ‘60 Parlando in classe del nostro territorio, ci siamo chiesti come poteva essere la vita ai tempi dei nostri nonni. Insieme abbiamo individuato quali domande porre ai nonni in un’intervista. Dopo ci siamo confrontati in classe sulle risposte date e abbiamo ricostruito insieme un quadro della vita quotidiana di allora. La vita tra gli anni '50- '60 era molto diversa da quella attuale: i cittadini non avevano l’acqua in casa (la prendevano dai pozzi o alle fontane), non avevano neanche i servizi igienici. Dal punto di vista scolastico si frequentavano le elementari, dopo di ché i più fortunati continuavano gli studi gli altri invece frequentavano corsi professionali per poi andare a lavorare. Durante gli studi i ragazzi aiutavano le famiglie con i lavori di casa e nei campi. Gli anziani ancora oggi hanno ricordi belli e brutti della loro gioventù: dal punto di vista dell’emancipazione personale i giovani non erano liberi come oggi, le donne erano discriminate nel lavoro e in generale nella società; in particolare le ragazze erano sottoposte a regole severe. Francesca Ciglia, Christian Yaka, Elya Zarantonello Fotografie di vita quotidiana appartenenti alla famiglia Ciglia 14

[close]

p. 15

Il Grillo Sparlante n°6 – giugno 2017 NOTIZIE DI CASA NOSTRA E NON SOLO… INIZIATIVE CULTURALI PER I GIOVANI SUL TERRITORIO IL CONCORSO “UN POSTER PER LA PACE” Sabato 22 aprile 2017 si è tenuta la premiazione per la partecipazione al concorso 2016-2017 del Lions Club di Laveno-Mombello. Il Lions Club ogni anno organizza un concorso dal titolo "Un poster per la pace" per il quale i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado realizzano dei disegni, riflettendo sul tema della pace in modo profondo e originale, usando la propria immaginazione, senza usare nessuna scritta. Il tema proposto quest'anno invita i ragazzi a riflettere sulla pace e a cercare di condividerla con gli altri per costruire un futuro migliore. Diversi ragazzi del nostro Istituto hanno partecipato al concorso, ottenendo alcune menzioni particolari, tra cui Nicolò Scarafoni, Vanessa Pezzutto, Francesca Ciglia. Soumaya Azzeddine CHI SONO I LIONS? Gli oltre 46.000 club con oltre 1,4 milioni di soci rendono i Lions l'organizzazione di club di servizio più grande del mondo. Si tratta di un’organizzazione pronta ad aiutare le proprie comunità con gesti quotidiani e concreti. Sul nostro territorio vi sono diversi Lions Club, tra cui quelli di Varese, Germignaga e Laveno Mombello. 15

[close]

Comments

no comments yet