Aut 03 - Contenitore di libere espressioni

 

Embed or link this publication

Description

In questo numero le fotografie di Justus sulla Sicilia e le opere di Piero Casari.

Popular Pages


p. 1

contenitore di libere espressioni numero 3 - giugno 2017 distribuzione gratuita In questo numero:

[close]

p. 2

Crich Corner, non solo un bar ma una creatura dall'anima in continuo movimento. Nel cuore del centro storico, in vicolo Barberia, Crich Corner, bar e concept store, oltre ad un'ottima caffetteria, pasticceria e cicchetteria, propone diversi momenti di incontro con l'arte, la musica e la scrittura in un'atmosfera assolutamente unica che cerca di seguire la città a seconda delle stagioni, delle feste e delle tendenze del momento. Per la appena passata ricorrenza degli alpini Crich Corner ha saputo trasformarsi dando il massimo dell'ospitalità. Per questo evento Agnese Vicino, anima artistica del locale, ha realizzato un quadro che mostra anche il biscotto ufficiale degli alpini creato in esclusiva dal marchio Crich. Sono in corso d'opera altri quadri in ricordo dell'adunata che verranno esposti in negozio appena pronti. Dopo l'uragano alpini, Crich Corner torna ad essere nuovamente una creatura rilassata sfoggiando una veste più estiva e un plateatico dal design un po' vintage ma estramamente comodo e contornato da rose color porpora. Qui, anche all'aperto , ora si possono degustare estratti di frutta all'avanguardia, gelati, smoothies ma anche aperitivi e cicchetti. EVENTI DA NON PERDERE I venerdì sera di musica live, in particolare la cantautrice Erika Boschiero il 16 giugno dalle 21,30. Presentazione del libro di Alice Danesin dal titolo “E tu, hai scelto?” il 17 giugno dalle 17,30 cui farà da scenario una festa spagnola con tapas e sangria che riprenderà i temi del viaggio trattati nel libro. Crich Corner Via Barberia 23, Treviso Tel: 0422 582044

[close]

p. 3

contenitore di libere espressioni In copertina N. 1 - acrilico su legno 1200x1200 , è una pubblicazione gratuita e senza fini di lucro, dedita alla divulgazione dell’arte in senso generale. si sostiene grazie agli inserzionisti e agli appassionati. Potete contattare la redazione via mail a: aut.treviso@gmail.com oppure via telefono al 340 4717908. Il materiale pervenuto verrà pubblicato senza alcun tipo di selezione o giudizio. Unico criterio di esclusione sarà il non rispetto dell’altrui pensiero. Numero 3_2017 giugno 2017 Stampato in 500 copie da PressUp, via Catone 6 - Roma per informazione e contatti: In questo numero tre di Aut si contrappongono un pittore ed un fotografo. Il fotografo si presenta con lo pseudonimo di Justus. Perché uno pseudonimo? Perchè l’autore è fermamente convinto che chiunque guardi una sua immagine non debba essere “distratto” da nessun tipo di informazione aggiuntiva. Non è importante sapere chi ha scattato la foto, l’importante è che la foto parli e comunichi, emozioni ed impressioni, in modo autonomo e libero. In un’epoca di protagonismi eccessivi, e a volte ingiustificati, abbiamo subito amato questa volontà dell’autore di sacrificare se stesso a favore della propria opera. Un gesto significante che si sposa appieno con la filosofia di Aut, che vede nell’espressione artistica il vero protagonista. A seguire Piero Casarin, artista innamorato della natura e del mondo, che sa riconoscere la bellezza quando la vede, e la cattura dipingendola. Piero parla attraverso i suoi quadri, spingendo l’osservatore non solo ad ascoltare, ma anche e soprattutto a dire la sua. E l’occasione sarà la sua prossima mostra, dal 10 giugno a Spazio Paraggi a Treviso, dove già dal titolo si intuisce la presenza di un dialogo. ‘Ma tu, che artista sei?’. La mostra parte dal presupposto che in ognuno di noi ci sia un artista, più o meno sopito, e ci invita a cercarlo anche attraverso il catalogo, dove colori, pagine bianche e parti dedicate alla scrittura spingeranno il lettore a interagire con i fogli e con le opere, e a trovare una nuova fonte di ispirazione. Quindi Piero ci dice che siamo tutti artisti e ci invita, con il suo lavoro, a liberare la nostra energia creativa. Anche lui, quindi, si fa portatore dello spirito di Aut, cioè che la passione che mettiamo in quel che facciamo è lei stessa una forma d’arte. Aut 340 4717908 aut.treviso@gmail.com 3

[close]

p. 4

Justus Sicilia 25 maggio - 8 giugno Giardino Bistrot Viale Cesare Battisti, 35 Treviso SiciJulsitaus Ha importanza sapere chi scatta una foto? Secondo me no. Ecco perché ho deciso di lasciar parlare le immagini. Ho visitato l’isola più volte e questa raccolta sintetizza l’amore che ho per questa terra, per la sua luce, i suoi colori ed il calore delle pietre che si impongono come protagoniste, tanto nei ricchi palazzi barocchi, quanto nei muri a secco che tracciano i confini delle campagne. Una terra di forti contrasti e di grande generosità. 4

[close]

p. 5

5

[close]

p. 6

6

[close]

p. 7

7

[close]

p. 8

8

[close]

p. 9

9

[close]

p. 10

10

[close]

p. 11

11

[close]

p. 12

12

[close]

p. 13

13

[close]

p. 14

Ma TU, che artista sei? 10 giugno - 25 giugno Spazio Paraggi Via Pescatori, 23 Treviso Bosco in primavera Acrilico su legno 900x1200 TMUa,acsehrtie?ista Il risultato poi, sarà la mia realtà “Quando osservo qualcosa che mi colpisce e attrae, il risultato che ottengo attraverso la mia pittura, non è la realtà di quel paesaggio o di quel soggetto; bensì la mia realtà, ciò che vedo attraverso i miei occhi.” Così si introduce Piero Casarin che riesce attraverso i suoi quadri a trasmettere anche la sua idea di artista, che va oltre essere “bravi” disegnatori. Così cerca di invitarci ad osservare le sue opere ed infine a tirare fuori un po’ d’arte da ogni uno di noi, perchè ogni uno di noi ha un artista dentro di se, basta solo decidere di liberarlo, senza nessun pregiudizio. Presentazione a cura di Chiara Tavella, Caffè Letterario di Villa Varda, in occasione dell’evento Assaggi ad Arte, Brugnera (Pn). Autunnale con brio Dopo i “tempi lenti” delle mostre autunnali e invernali, centrate sui colori incolore del bianco e del bruno, dopo l’accelerando di rosarosso-arancio e l’esplosione di verde delle mostre di primavera estate, il Caffè Letterario di Villa Varda ospita un’esposizione che può richiamare in qualche modo l’autunno, ma in una versione certamente lontana dall’aura malinconica di solito associata a 14

[close]

p. 15

15

[close]

Comments

no comments yet