GIORNALE SCOLASTICO

 

Embed or link this publication

Description

School News Maggio 2017

Popular Pages


p. 1

Maggio 2017 I.C. Federico II di Svevia – Mascalucia Progetto Giornalismo e scrittura creativa A.S.16/17 Prof.ssa Lucia A.Barbarossa Il progetto Giornalismo Le 5 W di Lucia A. Barbarossa Attività, sia umanamente che professionalmente, di grande spessore, coinvolge gli alunni al punto da far perdere la dimensione del tempo… Con poche nozioni iniziali e una guida attenta, i ragazzi realizzano dei piccoli capolavori, familiarizzando, inoltre, con la tastiera del PC e la creazione di documenti. Ai genitori e agli alunni che, nonostante i diversi impegni, hanno fruito di tale occasione formativa, un grazie di cuore per l’arricchimento motivazionale che sempre questa esperienza riesce a suscitare… La nostra redazione pag.3 E’ arrivato il giornalismo! L’esperienza e le emozioni… pag.4 38 Pagine. Numero unico-Impaginazione Maggio 2017 da pag.14

[close]

p. 2

o Vita della Scuola o Pagina Erasmus o Sport pag.5 pag.14 pag.19 o Cronaca pag.24 o Approfondimenti pag.28 2

[close]

p. 3

Direttore responsabile Prof.ssa Lucia A. Barbarossa Capi redattori  Federica Di Paola  Alessandra Giardina Redattori ordinari Agueci Francesco, Aiello Samuele, Battaglia Erika, Di Franca Giulia, Fabiano Giulia, Fiorito Nora, Iacona Monica, La Giglia Gulia, Lentini Morgana, Occhipinti Giada, Platania Aurora, Riolo Maria, Sanfilippo Sarah, Sardo Sofia, Spampinato Piero, Torrisi Denise, Ventura Aurora, Volpe Federica, Zappalà Marika. Assistenti tecnici Riolo Maria, Battaglia Erika. 3

[close]

p. 4

Quasi tutti i lunedì, a partire dal mese di febbraio, diversi alunni del plesso di Via D’Azeglio hanno scelto di ritornare a scuola il pomeriggio … Una cosa apparentemente assurda,…ma questa volta non per studiare, bensì per partecipare ad un corso di giornalismo! Tutti allora si chiederanno che cosa abbiamo fatto in queste 2 ore e 30 minuti di nonstudio?? … Ci siamo impegnati per trasformarci in veri reporter!!! Ma, prima di cominciare a scrivere i nostri articoli, abbiamo analizzato le 5W e ci siamo esercitati a riconoscerle in alcuni articoli di giornale, dopodiché siamo passati all’azione! Ci siamo, quindi, divisi in gruppi in base all’argomento trattato da ognuno e poi abbiamo cominciato la scrittura degli articoli : da soli o in coppia. Ad ogni incontro abbiamo lavorato di fronte ai computer (nella maggior parte dei casi in aula informatica) trattando l’articolo concordato con l’insegnante,che successivamente ci faceva notare ciò che non andava per correggerlo. E’ stato un corso davvero particolare… gli alunni di quattro classi differenti (prima,seconda e terza media,quinta elementare) si sono trovati a collaborare insieme! A differenza degli altri corsi, inoltre, sebbene seguiti con attenzione dall’insegnante, abbiamo potuto scegliere cosa fare con molta libertà, senza troppi limiti o regole precise . Ci siamo divertiti tutti senza stancarci, ma soprattutto facendo pratica di scrittura e videoscrittura! Nora Fiorito Le emozioni.. 4

[close]

p. 5

My school Life in school is fun because there are teachers who can evaluate many things. You can also discuss, write etc... The school will serve to express your imagination. The school One of the most important thing not to eat, however, the school is very beautiful, like a funfair. The aim of the school is to offer a good job for all.. Federica Di Paola- Giulia Fabiano La mia scuola La vita a scuola è divertente perché ci sono le maestre, i compagni e puoi fare tantissime cose: studiare, discutere , scrivere ecc. La scuola ti serve anche ad esprimere la fantasia. La scuola è una delle cosa più importanti (non più del mangiare, però..) La scuola è molto bella se te la godi come se fosse un luna park. Lo scopo della scuola è: che per avere un lavoro devi studiare ed impegnarti per imparare tante cose. 5 Morgana Lentini

[close]

p. 6

VUOI ASCOLTARE IL BRANO RAP: “MI ILLUMINO DI MENO”? M’ILLUMINO DI MENO INTERVISTA AD AURORA VENTURA ALUNNA DELLA 1F A ) Ho saputo che in classe avete svolto diverse attività in occasione della giornata “M’illumino di meno “ me ne parli? B)Con la professoressa Barbarossa abbiamo creato un video in cui cantavamo una canzone ritmata composta da lei. A)Di cosa parla la canzone? B) Delle varie azioni che si possono compiere ogni giorno per contribuire al risparmio energetico e di conseguenza alla salvaguardia del pianeta. A)Mi citi alcuni di questi gesti? B)Sono diverse:non sprecare l’acqua ,spegnere la luce non utilizzata e anche le “lucine” degli stand-by … A)Avete svolto anche attività scritte? B)Si abbiamo trascritto sul nostro quaderno tutte le azioni compiute nel corso della settimana per contribuire al risparmio energetico. Nora Fiorito http://www.fsveviamascalucia.gov.it/wordpress/ed-ambientale/ M’illumino è un progetto nazionale per il risparmio energetico. Il 24 febbraio dalle ore 11:00 fino alle 13:50 abbiamo spento le luci di ogni aula. Nella mia classe, la professoressa Barbarossa ha fatto un video facendoci cantare una canzone, da lei stessa ideata e scritta, che spiegava tutte le azioni che potremmo fare per risparmiare energia, come non lasciare accese le luci e i lead che non servono, fare la raccolta differenziata, usare la bicicletta al posto dell’au6to per non inquinare l’ambiente… Aurora Ventura

[close]

p. 7

Oggi sono stato in gita con i miei compagni al Museo Tattile di Catania. Appena arrivati hanno fatto posare zaini in una stanza. ci gli Poi siamo entrati in una sala conferenze dove abbiamo visto un filmato su come leggevano e scrivevano le persone cieche. Dopo il filmato ci hanno portato in un grande giardino dove abbiamo fatto merenda. Finito di mangiare ci hanno fatto fare un percorso con gli occhi chiusi :è stato molto divertente!!. Poi siamo entrati in un bar al buio dove ci hanno offerto un succo alla pera. Questa esperienza mi è piaciuta molto perchè ho imparato come vivono i ciechi. La mia esperienza al museo tattile La mia esperienza al museo tattile mi ha fatto capire cosa provano i ciechi. Al museo abbiamo fatto delle prove di come essi” vedono” usando il tatto.. Abbiamo messo delle maschere per vedere come fanno a capire dove andare. Poi ci hanno portato al bar al buio ( io non volevo andarci ma mi sono fatta coraggio e ci sono andata con la mia classe). Questo museo mi è sembrato davvero strano perché dei ciechi non avevo mai sentito parlare.. Morgana Lentini Piero Spampinato 7

[close]

p. 8

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A SCUOLA In molte scuole si usa fare la raccolta differenziata così come a casa. Ti sei mai chiesto il perché ? Sicuramente sarà per l’ambiente, per respirare meglio,per non inquinare l’acqua, … che ne pensi ? Uno dei materiali che è fondamentale riciclare è la carta. Sai come si fa la carta? La carta si fa con gli alberi: più carta, meno alberi e meno ossigeno!!!! Sai cosa succede quanto non metti la carta nel contenitore giusto, così come la plastica, il vetro, ecc.? Quel materiale non si può riciclare. La raccolta differenziata di carta e cartone è in crescita nel nostro Paese, con conseguenti benefici economici, sociali ed ambientali generalizzati. Il consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosica, ne confermano la tendenza, dichiarando che, a fronte di oltre 4,6 milioni di tonnellate di imballaggi immessi al consumo, la percentuale di materiale avviato al riciclo è pari al 70 %, superando così l’obiettivo del 60% di riciclo di materiale fissato dall’Unione Europea. Carta e cartone fanno la differenza: con il loro riciclo si è evitata la costruzione di 22 discariche!! Sei una di quelle persone che si stanca fare la raccolta differenziata solo perché pensi che ci vuole tempo per mettere il materiale nel contenitore giusto? Sappi che è molto importante differenziare i rifiuti per il benessere sia tuo che dell’ambiente. Oggi il 65% delle persone fa la raccolta differenziata. Se non sei una di quelle persone che fa la raccolta differenziata, che aspetti a farla???? GIADA OCCHIPINTI 8

[close]

p. 9

FLIPPED CLASSROOM: La professoressa Barbarossa ci ha proposto un'attività di ricerca e approfondimento sul Giappone. Non la solita ricerca,… ma una ricerca di geografia turistica!! Alcuni argomenti su cui svolgere la ricerca sono stati dati dall'insegnante, altri sono stati scelti a piacere. IL GIAPPONE Tutte le presentazioni sono state brevi ma interessanti. Ognuno di noi ragazzi ha imparato qualcosa in più sul Giappone. Questa attività è stata creativa e, allo stesso tempo, molto interessante, istruttiva e coinvolgente!!! 20 argomenti!! Per la realizzazione dell'attività abbiamo usufruito i: Informazioni e linee guida a cura dell’insegnante  Ricerche svolte  Immagini  Alcuni vestiti tipici  Musica orientale Fondamentale è stata la presentazione degli alunni: alcuni hanno letto le proprie ricerche, altri hanno presentato con PowerPoint, alti hanno portato delle musiche tipiche giapponesi, altri dei cartelloni, altri invece hanno portato dei costumi tipici. Erika Battaglia 9

[close]

p. 10

di Giulia Fabiano e Federica Di Paola Ogni anno la solita storia, i ragazzini delle nuove classi entrano dal portone della scuola preoccupati per quello che potrebbero trovarvi all’ interno: ….ragazzi piu’ grandi e….. professori severi con cui condividere sei ore della giornata. Ma, per fortuna, le fantasie terrificanti che ritornano continuamente in testa, si possono lasciare nei banchi della scuola primaria come la farfalla lascia indietro la sua vita da bruco per continuare a volare... Purtroppo capita, pero’, che ragazzi piu’ grandi trovino gusto nel prendere in giro quelli più piccoli…. Secondo alcune ricerche ed interviste, i ragazzi di terza tendono ad avere questi comportamenti perché, a modo loro, riflettono quello che, in passato, hanno ricevuto da altri ragazzi quando loro erano in prima. Sara’….ma a noi sembra complicato e un po' insensato. Istruzioni da un “eroe” Ecco l'intervista ad Andrew Garfield, protagonista di un bel film oggi nelle sale, che grazie alla boxe, ha imparato a domare l'aggressività, trasformandosi nell’uomo che è oggi. Ecco cosa risponde durante un'intervista per il film "La battaglia di Hacksaw Ridge": -Per una volta la parola "eroe" non è usata a sproposito. -La vicenda di Desmond è stata per me illuminante: prima di questo film non la conoscevo. Ho scoperto un uomo che trascende il dogma religioso per dedicarsi a un percorso di spiritualità profonda. {...} -La battaglia di Hacksaw Ridge è anche una riflessione sulla violenza? 10

[close]

p. 11

-Si, da bambino ho vissuto un esperienza simile. -Ti va di raccontarmela? -Desmond rifiuta la violenza dopo essere arrivato ad uccidere il fratello minore. Anche io da bambino ero molto aggressivo e, una volta, litigando con mio fratello, l'ho ferito gravemente. Da quel momento ho capito che potevo fare molto male agli altri ed ho smesso, lasciando dentro di me il lato più oscuro e spaventosamente facile da tirare fuori. -Come ne sei uscito? -La boxe mi ha permesso di sfogare la rabbia. ogni volta che davo un pugno a qualcuno chiedevo sempre scusa e lui mi rispondeva <>. La violenza vive in ognuno di noi, il gesto d'amore è il primo punto di partenza per cercare di arginarla. Il film Edmodo "Hacksaw Ridge" di cosa parla? Desmond Doss, cresciuto secondo la fede della chiesa cristiana avventista del settimo giorno, si arruolò all'età di 23 anni opponendosi all'uso di qualsiasi tipo di arma. Lavorò come assistente di sanità e riuscì a conquistare le fiducia dei compagni, grazie alla sua pazza idea di voler salvare qualunque sopravvissuto nel campo di battaglia, ricevendo la medaglia d'onore per aver salvato 75 soldati durante la battaglia di Okinawa, nella seconda guerra mondiale, senza mai utilizzare un'arma. 11

[close]

p. 12

Corso di giornalismo Mi chiamo Francesco Agueci e vi illustrerò questo corso. Si tratta di un percorso che ci coinvolge tanto da diventare dei veri e propri giornalisti. Ciascuno di noi redattori, guidato dall’insegnante, che è anche il Caporedattore, scrive articoli su argomenti vari che, a fine corso, saranno pubblicati sul giornale scolastico. Il corso si svolge in aula computer, dove, davanti al proprio monitor, ogni alunno realizza i suoi articoli. Francesco Agueci Il Corso di danza si svolge nel plesso di via del sole. Io mi sono iscritta assieme alla mia migliore amica. Questo corso è molto bello,mi piace e mi diverte, insomma lo trovo fantastico!! Finalmente giocheremo a calcio ! Noi alunni della scuola Federico II di Svevia, quest’ anno parteciperemo al “Campionato di calcio” voluto dall’organizzazione del Progetto Erasmus plus “ Magic Word Fair Play”. Questo progetto ha l’obiettivo di sensibilizzarci al rispetto delle regole e all’essere amichevoli verso gli avversari nella partita della nostra vita. A noi ragazzi di scuola sia primaria che secondaria, darà, quindi, la possibilità di giocare, dopo le varie selezioni, contro i ragazzi turchi. In tutto a danza siamo una ventina di ragazze, la professoressa si chiama Claudia Pappalardo, lei è molto simpatica, divertente, brava, ma, quando serve, ci riprende… Giulia La Giglia Purtroppo non tutti potranno giocare perché ci sarà una selezione che dovrà tenere conto dell’educazione, del comportamento oltre che ovviamente, della resistenza e della velocità in campo!. Scelti i giocatori, con il consenso dei professori/maestri e dei genitori, i giovani atleti dovranno allenarsi per poi disputare la partita finale contro i ragazzi turchi nel mese di maggio nella sede di via del Sole –Massannunziata del nostro isti1t2uto. Francesco Agueci

[close]

p. 13

LABORATORIO DI SCRITTURA COLLETTIVA La professoressa Caruso ,nelle classi 2D E 1D,ha fatto portare ai suoi alunni un quaderno in cui svolgere diverse attività di approfondimento e di potenziamento. Così in classe dopo aver completato le attività scolastiche si passa a quelle extrascolastiche analizzando diversi aspet ti del mondo che ci circonda:compilare un conto corrente, osservare le caratteristiche di una brochure...Vengono anche svolti riassunti sia da soli che in coppia tramite la lettura di alcuni racconti. Personalmente apprezzo molto quest' attività perché è un lavoro in più,che non viene svolto in tutte le classi,e che permette di ampliare le proprie conoscenze offre un'opportunità per esercitarsi. Nora Fiorito Cos’è Edmodo? Si tratta di un nuovo social network che mette in comunicazione alunni e insegnanti!! E’ stato creato nel 2008 da due tecnici di Chicago e permette agli insegnanti di creare delle vere e proprie classi virtuali. I professori possono condividere con gli alunni file,link,video,PDF e mappe concettuali ed assegnare loro verifiche e compiti da svolgere . Può essere utilizzato tramite il sito web oppure con un applicazione per smartphone e tablet totalmente gratuita. Gli alunni hanno uno “zainetto”personale in cui possono salvare i file che gli sono stati inviati, possono contattare i professori in una chat privata o inviare il messaggio nel gruppo della classe. Utilizzare Edmodo è facile: i professori registrano gli alunni nella classe virtuale permettendo loro l’accesso tramite il nome utente e la password. I genitori possono accedere ad Edmodo e visionare il profilo ed i gruppi dei figli tramite un codice. Anche per inserirsi in nuovi gruppi si fa utilizzo di codici ,in caso questi vengano divulgato a studenti che non sono necessariamente membri della stessa classe. Anche qu1i 3nella nostra scuola si fa utilizzo di questo strumento di comunicazione facilissimo da utilizzare. Nora Fiorito Il Cambridge è un corso scolastico pomeridiano i cui avviene il potenziamento della lingua inglese e dove si imparano argomenti aggiuntivi della materia. A fine maggio ci sarà l’esame che tutti gli alunni, frequentanti il corso, effettueranno con prontezza e serenità grazie al metodo dell’ insegnante. In questo corso ogni alunno ha il suo libro sul quale la professoressa fa completare gli esercizi che possono essere presenti agli esami e leggere delle letture. Abbiamo ricevuto, inoltre, delle fotocopie con parole nuove da conoscere. Spesso facciamo dei giochi usando le parole che abbiamo imparato fino a quel momento. Impariamo, inoltre, molte cose anche attraverso la musica, rendendo così più facile quello che studiamo. Oltre agli incontri che si effettuano con il docente del corso ci sono anche degli incontri con una lettrice madre lingua. Un corso molto utile e coinvolgente. Quest’anno ha proposto il corso la professoressa Scariano. La lettrice madre lingua è Mrs Sidari. Aurora Ventura

[close]

p. 14

I Partner del Progetto “Magic Word Fair Play”/ KA2 e gli sport che si svolgeranno nelle scuole: Denise Torrisi 14

[close]

p. 15

Il termine è molto usato in ambito sportivo. Consiste nell'attitudine a comportamenti leali, rispettosi dell'avversario, disinteressati al guadagno economico, che sono ritenuti e sono auspicati come l'essenza del comportamento sportivo. Samuele Aiello 15

[close]

Comments

no comments yet