Solo un incidente, di Michele Ruotolo

 
no ad

Embed or link this publication

Description

Anteprima

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

EDU Edizioni DrawUp www.edizionidrawup.it Collana Sentieri

[close]

p. 4

Collana Sentieri SOLO UN INCIDENTE di Michele Ruotolo Proprietà letteraria riservata ©2017 Edizioni DrawUp Latina (LT) - Viale Le Corbusier, 421 Email: redazione@edizionidrawup.it Sito: www.edizionidrawup.it Progetto editoriale: Edizioni DrawUp Direttore editoriale: Alessandro Vizzino Immagine di copertina: Michele Ruotolo Elaborazione grafica: AGV per Edizioni DrawUp I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte di questo libro può essere utilizzata, riprodotta o diffusa, con qualsiasi mezzo, senza alcuna autorizzazione scritta. I nomi delle persone e le vicende narrate non hanno alcun riferimento con la realtà. ISBN 978-88-9369-058-4

[close]

p. 5

Michele Ruotolo Solo un incidente

[close]

p. 6



[close]

p. 7

I Simone prese il badge, le chiavi dell’auto e quelle di casa dal cassetto della scrivania, allineando il tutto accanto al portatile. Staccò il cavo del mouse e lo ripose insieme al mouse pad al posto degli oggetti appena prelevati. Staccò la spina, attendendo lo spegnimento del computer con entrambe le mani appoggiate alla scrivania. Ripose il portatile nella valigetta, tenendolo esattamente al centro di ognuno dei lati, e lo assicurò con l’apposita fascetta facendone aderire la chiusura-velcro; la strappò e la fece aderire di nuovo perché la prima volta non era perfettamente dritta. Richiuse la valigetta, concentrato, le gambe dritte davanti a sé e le ginocchia unite; se la infilò a tracolla, si alzò, e ficcò nella tasca destra le chiavi di casa, quelle dell’auto e il badge. Spinse la sedia a ridosso della scrivania, controllandone l’allineamento, e si diresse all’attaccapanni comune. Intorno a lui, l’open space era quasi completamente deserto: solo De Casares si tratteneva ancora al lavoro, probabilmente l’ennesimo recupero per l’ennesimo ritardo. Simone appoggiò con cura la valigetta a terra accanto a sé, e prese il cappotto dall’attaccapanni, indossandolo. Cambiò spalla alla valigetta e frugò nella tasca destra dei pantaloni fino a trovare le chiavi di casa, trasferendole nella tasca corrispondente del cappotto. Mentre verificava che la tracolla fosse per intero nello stesso verso, fece passare il badge sul rilevatore e uscì. Il pianerottolo era deserto, mentre schiacciava il tasto di chiamata al piano dell’ascensore. Era piuttosto tardi, e questo comportava il vantaggio che la maggior parte delle persone era andata via: e ciò gli avrebbe consentito di non dover attendere molto prima che l’ascensore si fermasse al suo piano. Attese infatti solo pochi minuti: la bocca dell’ascensore si spalancò, e Simone si fece avanti entrando. Schiacciò il pulsante del piano terra, quasi chinandosi sulla pulsantiera per essere sicuro che fosse quello giusto, e si piazzò dritto di fronte alle porte, la mano sinistra 5

[close]

p. 8

SOLO UN INCIDENTE __________________________________________________________________ sulla tracolla e la destra stretta sulla valigetta, mentre l’ascensore percorreva i sedici piani che lo separavano da terra. Qualcuno gli aveva raccontato, non ricordava neanche più quando, che tutti i grattacieli dell’area erano costruiti su quella che una volta era un’area paludosa. O era un fiume? Non riusciva a rammentarlo: sapeva solo che lui aveva paura dell’acqua, e da allora non era più riuscito a salire in un ascensore senza immaginarsi che questo continuasse la sua corsa fino a sprofondare nell’acqua che lo attendeva nel sottosuolo. Comunque sia, arrivò al piano terra. Le porte si aprirono, e si ritrovò nell’atrio deserto, anche la guardiola del portiere era ormai abbandonata. Fuori, il piazzale e i viali vuoti lo attendevano in penombra. Stringendo più forte la valigetta, o forse aggrappandosi ad essa, Simone avanzò a passo svelto. Per dirla tutta, il suo incedere sembrava quello di una mosca intrappolata all’interno dell’abitacolo di un’auto: procedeva a scatti, spezzati bruscamente ad ogni ombra incontrata. I palazzi in mezzo ai quali passava incombevano su di lui come giganti pronti ad afferrarlo. Simone trovava particolarmente sinistro soprattutto un grattacielo tra questi, sede di una nota compagnia telefonica: forse per la facciata dal buio interrotto da alcune finestre ancora illuminate, come occhi intenti a scrutarlo. Anche i rari passanti che incrociava lo mettevano in apprensione, a prescindere se fossero impiegati ben vestiti o personaggi dall’aspetto meno raccomandabile: insomma, bisogna riconoscere che Simone non aveva pregiudizi legati al modo di vestire, per lui erano tutti potenziali ladri o assassini. Si ritrovò di fronte il chiosco che ospitava l’edicola, le vetrine illuminate contenenti migliaia di riviste completamente sconosciute. Si era verso la fine del mese, cioè il periodo in cui sarebbe dovuta uscire Gli scacchi, rivista che Simone comprava da innumerevoli anni. La passione per gli scacchi l’aveva da quando era ancora ragazzino, gli piaceva anche collezionare scacchiere provenienti dai più disparati e remoti Paesi. Eppure, mai avrebbe nemmeno considerato 6

[close]

p. 9

Michele Ruotolo __________________________________________________________________ l’ipotesi di visitarne uno, di quei posti di cui si accontentava di leggere i nomi; non era mai uscito dalla sua regione, e nemmeno desiderava farlo. Si avvicinò al banco dell’edicola, cercando con lo sguardo laddove sapeva di trovare la rivista, ma non riuscì a vederla. Dopo un attimo di esitazione, decise di chiedere comunque. – Gli scacchi – esordì. L’altro, sulla trentina, leggeva un giornale sportivo, e alzò appena il capo alla richiesta. – Che cosa? Simone sospirò: erano almeno due anni che andava lì a prendere il giornale, ogni fine mese, e ogni volta l’altro non capiva e lo costringeva a ripetere; era perché il viso di Simone era anonimo, o per semplice indolenza? Ma prima che Simone potesse ripetere la richiesta, un giovane lo scostò e mostrando una rivista – pornografica a giudicare dall’abbigliamento (o meglio, dalla mancanza di questo) della donna che campeggiava sulla copertina – chiese: – Quant’è? L’edicolante, ignorando completamente Simone, rispose una cifra e accolse un biglietto azzurro dalle mani del giovane, impiegando molto tempo a contare le monete per il resto. Intanto, Simone, in preda all’irritazione, avrebbe voluto far notare ai due che c’era prima lui, ma naturalmente non diede seguito a quel primo istinto, e rimase a macerarsi nell’attesa. – Gli scacchi – ripeté giusto appena il giovane ebbe ricevuto il suo resto, allontanandosi: parlò immediatamente, come se temesse che altrimenti l’edicolante l’avrebbe ignorato ancora, rimettendosi a leggere il proprio giornale sportivo. L’altro lo fissò senza parlare per qualche istante, forse per riflettere sulla risposta da dare: ma a Simone parve che lo facesse apposta per irritarlo ancor più. – Non è arrivata – enunciò infine. Simone abbassò il capo con uno scatto, come per annuire. Pronunciò un saluto tra i denti e uscì dal chiosco. Si riavviò. Era quasi arrivato ai margini della zona degli uffici, e 7

[close]

p. 10

SOLO UN INCIDENTE __________________________________________________________________ attraversò con attenzione una stretta strada che proveniva dai parcheggi sotterranei, diretto al viale lungo cui aveva parcheggiato l’auto. Per quanto piena di angoli bui, la zona degli uffici costituiva comunque una sorta di baia protetta: adesso Simone era costretto ad avventurarsi in mare aperto, percorrere il viale che gli appariva deserto e quasi del tutto non illuminato. Nonostante, infatti, vi fossero lampioni piazzati a intervalli regolari, molti di essi erano spenti, uccisi dai guasti o dal vandalismo. – Come ogni sera, come ogni sera! – gridò Simone senza aprir bocca, tra sé e sé. Esattamente in corrispondenza delle strisce pedonali, un lampione, rotto probabilmente da una sassata, emanava un cono d’ombra. L’irritazione, che già in Simone si era mischiata alla paura, era ormai divenuta quanto di più vicino alla rabbia fosse capace di provare: perché le persone dovevano comportarsi in maniera così disordinata, e irrispettosa degli altri? Simone era assolutamente incapace persino di concepire che si potesse distruggere un bene comune senza alcuna motivazione: se qualcuno gli avesse suggerito che i vandali l’avessero fracassato solo per divertimento, lui sarebbe rimasto perplesso, sospettando che il suo interlocutore stesse mettendo in atto quello strano comportamento che gli altri definivano ironia, e che gli era tanto incomprensibile quanto il vandalismo. Le nocche gli erano divenute quasi livide, a forza di stringere la cinghia della valigetta. Si fermò sul ciglio della strada, guardando più volte da un lato e dall’altro prima di iniziare l’attraversamento rigorosamente al centro esatto delle zebre. Continuava a voltarsi sui due lati, prolungando l’operazione fino a farla durare diversi secondi. Era giunto oltre il centro della strada quando un rumore lo fece quasi sobbalzare: un vespino sopraggiungeva a tutta velocità proprio verso di lui, annunciato solo dal forte rumore di motore smarmittato; dato che, quasi per simpatia col lampione sovrastante e cieco, anche il suo faro non emanava alcuna luce. Il colore scuro completava poi la mimesi, e Simone si era quindi accorto del suo avvento soltanto quando era ormai a pochi metri da lui. 8

[close]

p. 11

Michele Ruotolo __________________________________________________________________ Gli sarebbe bastato accelerare un poco il passo per portarsi fuori dalla traiettoria del motociclista che non accennava ad alcuna manovra per evitare l’urto: senza casco, come ormai Simone poteva scorgere, guidava come se non avesse sentore della presenza del pedone, o ciò non fosse abbastanza importante da indurlo allo sforzo di modificare la rotta. Simone sentì la rabbia montargli ancora: perché doveva rischiare la pelle soltanto per attraversare una strada? Si immaginò attendere a piè pari l’altro, come un cavaliere disarcionato che in quei film in bianco e nero aspetta l’altro partecipante al torneo che si avventa su di lui lancia in resta per finirlo: ma, come quell’attore di cui non ricordava il nome, avrebbe evitato la carica di misura, e sarebbe stato lui a colpire l’altro per vincere la singolar tenzone. Fu soltanto il pensiero di un istante: la natura di Simone e il suo istinto di sopravvivenza concorsero a spingerlo fuori pericolo; e stringendo ancor più forte la cinghia della valigetta, scattò quasi fin sopra il marciapiede opposto. Quasi fin sopra: Simone sentì d’un tratto un colpo al braccio, all’altezza del gomito, il punto del suo corpo più lontano dalla salvezza, dato che aveva portato in avanti l’altro braccio, quello con la valigetta, per proteggerla. Sentì un dolore sordo, e fece per gridare. Si rese conto che l’oggetto tra le sue mani colpiva qualcosa di solido, e un attimo dopo si trovò disteso per terra, senza capire come ci fosse finito, senza capire se sentiva ancora dolore, con un rumore assordante che gli colpiva i timpani. Impiegò un tempo che gli parve eterno prima di riconoscerne l’origine, mentre una luce gli balenava negli occhi ma senza illuminare la scena. Ancora un istante ed era svenuto, con l’ultimo pensiero a quel rumore: erano lamiere che strisciavano sull’asfalto, e che sembravano non volersi fermare più. 9

[close]

p. 12

SOLO UN INCIDENTE __________________________________________________________________ II Aveva gli occhi aperti: qualcuno gli premeva un bicchier d’acqua sulle labbra, e tenendogli una mano dietro al capo cercava di farlo bere. Non sentiva dolore, ma la testa gli pulsava in un punto imprecisato; aveva difficoltà a mettere a fuoco le immagini intorno a lui, e ancor più a trattenere i pensieri, dar loro una sequenza logica. Cosa era successo? Si sforzava di ricordare, senza riuscirci. Cosa ci faceva lui, seduto a terra sull’asfalto? Lo riconosceva per tale perché ne sentiva la consistenza sotto le dita, più che riuscire a identificarlo con la vista. Quanto tempo era passato? Era stato svenuto a lungo? Non riusciva a pensare: percepiva solo qualcosa che, ai margini della coscienza, tentava di dissuaderlo dal ricordare. Adesso c’erano dei rumori, intorno a lui, l’uomo che lo teneva lo incitava a bere, altre persone parlottavano poco distante, c’era un’auto col motore acceso qualche metro più in là. E già Simone non sarebbe stato in grado di dire se da sordo avesse riacquistato l’udito, oppure sentisse già prima ma senza riuscire a distinguere, dare un senso a quel che ascoltava. Un primo pensiero coerente gli si affacciò alla coscienza: se lui era lì a terra, perché le persone presenti, di cui sentiva le voci, non erano a fare capannello intorno a lui? Poteva sentirle, a poca distanza, alle sue spalle, e tentò di girarsi verso di loro, per dare un’occhiata; ma il movimento fu troppo brusco, sentì la testa girargli, se non cadde fu solo perché era già seduto. – Piano, piano – cercava di calmarlo quello che lo teneva. Adesso riusciva a metterlo a fuoco, un uomo sulla trentina, robusto, le mani sporche di grasso; forse un meccanico che aveva interrotto il lavoro in officina. Simone annuì, un gesto del capo appena accennato, temendo di provocare un altro capogiro. Poi, con cautela, cer- 10

[close]

p. 13

Michele Ruotolo __________________________________________________________________ cando di far leva sul terreno, provò a cambiare appena posizione, voltandosi verso le voci. L’uomo, che ancora lo sorreggeva, dapprima oppose resistenza come non volesse agevolarlo nella manovra, ma infine, facendo leva sulla spalla di Simone, lo fece ruotare fino a che egli si ritrovò quasi nella direzione da cui provenivano le voci. C’erano una dozzina di persone raccolte a guardare qualcosa che Simone non riusciva ad identificare: a giudicare dalla direzione degli sguardi, capiva soltanto che doveva trovarsi a terra. Ai lati della strada, un’auto illuminava la scena con un faro che mandava una luce accecante: per questo Simone impiegò un po’, stringendo gli occhi, a capire che l’auto fosse della polizia. Prima che potesse porsi altre domande, un suono lacerante lo distrasse, inducendolo a voltarsi indietro: stavolta si rese conto immediatamente, riconoscendo il suono e il lampeggiare blu, che si trattava di un’ambulanza accorrente a tutta velocità. Simone ebbe paura che l’ambulanza non si accorgesse di lui a terra e lo travolgesse. Ma non ci fu nemmeno il tempo di farsi prendere dal panico, né di tentare qualcosa, un segnale, una fuga: già il veicolo aveva frenato a un passo da lui e i portantini, richiamati da un uomo in divisa, erano schizzati, barella in pugno, verso il capannello di gente che si apriva per permetterne il passaggio. E fu allora che Simone riuscì finalmente a vedere: il vespino abbandonato a terra, e accanto, anch’essa abbandonata, una figura umana, scomposta sull’asfalto; un medico esaminava il corpo esanime, faceva segno ai due barellieri di sollevarlo, si rialzava. Intanto, a Simone venne in mente la sua valigetta, e si voltò intorno a cercarla: ricerca breve, ché era appoggiata al suo fianco, presumibilmente raccolta e sistemata lì da qualcuno. Un tempo, incalcolabile, più tardi, l’ambulanza era ripartita, il lampeggiante di nuovo accesso, la sirena che urlava il suo largo! a squarciagola. Il capannello si era intanto sgretolato: le persone, sparito l’oggetto della loro attenzione, sembravano non saper più cosa fare lì. Da esse spuntò un agente, avvicinandosi a Simone. – Sta bene? – chiese, chinandosi verso di lui, le mani sulle ginoc- 11

[close]

p. 14

SOLO UN INCIDENTE __________________________________________________________________ chia – ha bisogno anche lei di un’ambulanza? Forse sarebbe più prudente... Simone non rispose, esitante: senza sapere perché, la presenza dell’agente lo intimoriva, lo metteva a disagio. – Sta bene, sta bene – rispose al suo posto il primo soccorritore. Il poliziotto lo guardò infastidito, come trattenendosi dal chiedergli di zittirsi, che Simone rispondesse da solo alle domande rivoltegli. – Aspetti – riuscì a dire Simone. La voce gli uscì roca e rotta, erano le prime parole che pronunciava da quando era rinvenuto. – Vorrei provare ad alzarmi – aggiunse. Si sentiva a disagio ad essere osservato dall’alto in basso: pareva che l’altro incombesse su di lui, e non riusciva a fare a meno di leggere una minaccia in questo. Il poliziotto assentì, e gli porse la mano: Simone, dopo aver esitato per qualche istante, l’afferrò e si tirò in piedi, mentre l’uomo alle sue spalle lo sospingeva per aiutarlo. L’agente fece segno a Simone di seguirlo, e si spostò verso l’auto della polizia, ferma con il faro ancora acceso a illuminare la scena. Si fermò accanto alla parte posteriore dell’auto, e sembrò scrutare per qualche istante Simone, e volgere un’occhiata spazientita all’altro uomo che l’aveva seguito. Simone non ricambiò l’occhiata, rimanendo, un po’ barcollante, dinanzi all’agente, gli occhi bassi che strizzava per abituarsi alle nuove condizioni di luce. Aveva, senza nemmeno accorgersene, raccolto la valigetta, e ora vi si stringeva contro, dopo averla rimessa a tracolla, afferrandola a due mani. – Allora – cominciò il poliziotto, dopo aver dato un’aggiustatina al berretto, come volesse darsi un tono o riordinare i pensieri – raccontatemi quello che è successo. Simone si strinse ancor più alla valigetta, ma ne ebbe una sensazione sgradevole, come se gli riportasse alla mente qualcosa cui non avrebbe voluto pensare. – Io... non ricordo granché – rispose quando si rese conto che la sua esitazione non poteva prolungarsi ulteriormente senza sembrare strana. – Beh, è ancora in stato di shock – intervenne l’uomo che l’aveva 12

[close]

p. 15

Michele Ruotolo __________________________________________________________________ soccorso, guadagnandosi un’altra brutta occhiata da parte dell’agente, che subito incalzò: – Bene, mi racconti quello che si ricorda. Simone si guardò intorno, come cercasse spunto per sapere cosa dire, o magari qualcuno che glielo suggerisse. – Stavo attraversando la strada... ero sulle strisce... mi avete trovato sulle strisce, non è così? Aveva un tono e uno sguardo quasi imploranti, come temesse che qualcuno potesse contraddirlo. – Sì, certo – lo rassicurò l’agente – continui. Simone assentì due volte, prima di continuare: – C’era uno, su una vespa, mi ha investito, non ricordo altro. Sono caduto, ecco. – E l’altro? – chiese il poliziotto – quello sulla vespa? Ha visto come è caduto? – No! Simone si accorse di aver, se non urlato, di sicuro alzato di molto il tono della voce, di solito alle soglie dell’inaudibile, e ancor più in questa specie di interrogatorio, per lo shock dell’incidente e la soggezione che gli metteva la situazione. – Ero... sono svenuto – aggiunse, a mo’ di spiegazione. – Ma prima di svenire, non ha visto proprio quello che è successo al motociclista? Cosa era successo? Simone non riusciva a ricordare: per quanto si sforzasse, non ci riusciva. Non avrebbe nemmeno saputo dire se ciò che non gli riusciva era ricordare o sforzarsi. – Mi ha investito. Credo sia caduto. L’agente fece un passo avanti, e istintivamente Simone ne fece mezzo indietro. – Crede o l’ha visto cadere? E come è caduto? – Non lo so... non ho visto niente. Sono caduto, e poi sono svenuto. Forse ho battuto la testa. Non ho visto niente. Niente. Perché non mi crede? L’agente sospirò. – Nessuno dice che voi non state dicendo la verità. Voglio solo che vi sforzate di dirmi tutto quello che vi ricordate. Può servire a capire. 13

[close]

Comments

no comments yet