mondorealenumero 105

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero 105

Popular Pages


p. 1

n.105 anno iv numero 28 23 settembre 2011 sezze lidano lucidi traccia un bilancio negativo della situazione politica vitelli sull operato della commissione trasparenza sui profughi priverno alberi a san martino tagliati il pd manda gli atti in procura multiservizi persiste il problema legato agli stipendi editoriale di simone di giulio riprendiamo la nostra consueta periodicità dopo una lunga sosta che abbiamo deciso di prenderci in estate lo so che vi siamo mancati tanto ma abbiamo fatto quello che facciamo di solito uscita la prima settimana di agosto e pausa fino all ultima di settembre solo che quando eravamo un quindicinale la pausa sembrava meno lunga da settimanale fa un effetto un po diverso tornando a noi comunque posso dire che la pausa estiva ci ha fatto bene torniamo più carichi e motivati di prima consapevoli di quanto abbiamo finora ottenuto con il nostro giornale e con il lavoro che contestualmente facciamo con onirika edizioni e sempre più disponibili a critiche costruttive e a sinceri elogi ripartiamo con le solite convinzioni non quelle di cambiare il mondo ma di presentare e analizzare problemi che molti sentono e nella maggior parte dei casi proporre soluzioni realizzabili senza la necessità di sentirsi migliori o peggiori di altri ma con la consapevolezza di svolgere un lavoro delicato cercando sempre di mantenere le nostre idee e quella onestà intellettuale che finora tantissimi lettori ci hanno riconosciuto come nella nostra migliore tradizione non so se sia un pregio o un difetto credetemi non facciamo passare un periodo di pausa senza qualche novità alla ripresa del nostro lavoro per questo numero però abbiamo optato per la versione classica di mondore@le ma vi posso assicurare che dalle prossime uscite potrete beneficiarne per il resto ci siamo ritrovati a scrivere di cose ben note nonostante le nostre speranze che con la calma delle lunghe giornate estive i problemi si sarebbero risolti speranze vane come potrete vedere all interno delle nostre pagine problemi irrisolti e addirittura aggravati su cui speriamo si trovino soluzioni attualitÀ sermoneta chi si sarà dopo l ama bassiano il consiglio di stato da ragione al comune sull acqua maenza gli interrogativi di pucci sui lavori allo stadio cacciotti cultura norma musica festival 2011 un edizione da record cantagirando trionfa ranellucci tonfi e tanfi sezze priverno maenza roccagorga e sermoneta alle prese con problemi che la pausa estiva ha addirittura aggravato hai uno smartphone scansiona il codice qr ed entra nel nostro sito www.onirikaedizioni.it

[close]

p. 2

speciale di domiziana tosatti mondore@le numero 105 23 settembre 2011 a sermoneta le scuole della discordia a doganella prima l inaugurazione dell edificio che ospita le medie poi la chiusura delle elementari un passo avanti e due indietro per gli edifici scolastici sul territorio di sermoneta prima l inaugurazione in pompa magna del plesso che originariamente doveva ospitare gli studenti delle elementari che invece è stato destinato alle medie poi la chiusura del fatiscente istituto che ospita i più piccoli ma andiamo con ordine 1750 metri quadri per una volumetria di 6.125 mc dotata di isolamento termico a cappotto con infissi a taglio termico per ridurre a zero la dispersione di calore impianto termico costituito dal pavimento radiante nessun termosifone perché il riscaldamento arriverà direttamente dalla pavimentazione edificio energicamente autosufficiente grazie all installazione di pannelli fotovoltaici ed è dotato di impianto di recupero delle acque reflue le aule sono dotate di lavagne multimediali il costo complessivo dell intervento ammonta a 1,5 milioni di euro frutto di un finanziamento regionale con quota parte del comune così anche sermoneta dopo decenni è tornata ad avere la sua scuola media l edificio che ospiterà due classi della prima e due della seconda media è stato inaugurato all apertura dell anno scolastico 2011-2012 ed erano presenti il sindaco giuseppina giovannoli il primo cittadino di norma sergio mancini l assessore provinciale alla pubblica istruzione giuseppe schiboni ed il consigliere comunale di cisterna claudio chinatti investire sulla scuola significa investire sul futuro non solo del singolo alunno ma della comunità intera il compito di un amministrazione comunale ha spiegato la giovannoli è quello di creare le condizioni affinché le nuove generazioni possano essere messe nelle possibilità di studiare e di formarsi a breve partiranno anche i lavori per la realizzazione della palestra che sarà messa a disposizione dell intera comunità di doganella di ninfa il terzo giorno di scuola però i ragazzi delle elementari di doganella di ninfa hanno sentito i primi ma in realtà vecchi e noti disagi sono rimasti fuori a causa di problemi di sicurezza dell edificio di fondazione non una novità data la vecchiaia della struttura ed il bisogno acclarato di sostanziali interventi di manutenzione purtroppo ha commentato antonio scarsella capogruppo consiliare che più volte ha sollecitato gli interventi da parte dell amministrazione non sarà l ultima volta perché l edificio scolastico è vetusto ed abbisognava di interventi di manutenzione straordinaria per garantire la piena agibilità dei bambini in realtà si è preferito dedicarsi ai grandi proclami per l inaugurazione della scuola media che media non doveva essere ma elementare realizzata con i finanziamenti della giunta regionale marrazzo le medie dovevano essere ospitate nel tanto annunciato edificio da tre milioni di euro che doveva sorgere a pontenuovo-carrara e di cui non v è traccia due anni fa invece i bambini delle elementari inaugurarono il cantiere della loro nuova scuola ed oggi rimangono fuori proprio per evitare la distorsione e l evidente differenza di trattamento che si è verificata in estate ha sottolineato in contemporanea a quelli per la realizzazione della nuova scuola andavano fatti i lavori di manutenzione interna ed esterna del vecchio edificio oggi sono ancora una volta i ragazzi a pagare le conseguenze di scelte non programmate l ultima parola sull agibilità spetta ai vigili del fuoco che hanno programmato un sopralluogo sulle strutture sarà questo a stabilire se la scuola è agibile oppure no a seguito dell esposto da parte del genitore di un alunno dopo che dal soffitto si staccarono delle plafoniere che la struttura abbia bisogno di importanti interventi di manutenzione lo avevano ribadito più volte i genitori riuniti nel comitato di quartiere i genitori si aspettavano che nel corso dell estate i non pochi problemi dell edificio fossero affrontati come le problematiche al tetto o agli infissi ed altro così sembra non sia stato almeno a detta di chi ha presentato l esposto ossia federico marfoli e da irresponsabili anche se forse politicamente più produttivo inaugurare una scuola media supertecnologica e lasciare che i ragazzi delle elementari continuino a frequentare un plesso che ha ormai più di 75 anni e che ha decisamente bisogno di importanti interventi di manutenzione e messa in sicurezza sarebbe stato semplice gestire la situazione magari ospitando le sei classi delle elementari nelle altrettanti classi libere di cui dispone la scuola media sezze i nodi di campoli per il futuro a sette mesi dalle elezioni ancora tante le problematiche che la maggioranza deve risolvere di simone di giulio oltre alla nota questione legata alla situazione immigrati in cui sezze si è ritrovata direttamente o indirettamente coinvolta sono ancora tanti gli interrogativi che l attuale maggioranza è chiamata a risolvere in questi sette mesi in cui si dovranno di nuovo convincere gli elettori a rinnovare la fiducia dalla situazione legata al nuovo depuratore passando per la sicurezza fino ad arrivare alla presentazione del nuovo piano regolatore generale e ai delicati equilibri politici resi ancora più instabili dopo l addio forzato all udc che doveva essere un arma in più per rilanciare le ambizioni di vittoria al primo turno nella tornata elettorale del 2012 e che invece si è rivelato una sorta di boomerang per la maggioranza consiliare campoli dovrà lavorare moltissimo anche in considerazione dei segnali poco incoraggianti che arrivano dalle altre forze del centrosinistra setino tenute fuori dagli incarichi che contano in questi anni e sulla carta decise a restituire pan per focaccia all attuale maggioranza ma il nodo amministrativo più difficile da sciogliere sarà quello legato alla ipotizzata rescissione del contratto con la concessionaria del servizio idrico dondi le parole di campoli fosse anche l ultima cosa che faccio rescindere il contratto ndr in qualità di sindaco pronunciate nel corso dell ultimo consiglio comunale sembrano una sorta di monito per quello che resta della sua maggioranza nella prossima assise cittadina convocata per lunedì 26 settembre il punto è all ordine del giorno chissà se stavolta sarà quella buona in caso contrario le dimissioni sarebbero inevitabili 2

[close]

p. 3

speciale maenza entra nell affare rifugiati mondore@le numero 105 23 settembre 2011 il 10 agosto i profughi allontati da villa rosa sono arrivati all ostello dando il via alle polemiche di luca morazzano tra il 10 e l 11 agosto scorso nel piccolo paese lepino per contro della cooperativa karibu ospiti nei locali dell ostello san tommaso d aquino arrivano a maenza circa quaranta profughi provenienti in gran parte dalla libia anche se originari di vari stati dell africa nigeria guinea mali costa d avorio senegal sono gli stessi comparsi sui giornali nei giorni immediatamente precedenti a questo spostamento che li porta a maenza da villa rosa a sezze a seguito dello sgombero operato dalla forze dell ordine a causa delle condizioni igienico-sanitarie in cui versavano l impatto con la tranquilla quotidianità della comunità maentina non è dei più facili sebbene il paese da esperienze precedenti sia abituato a processi di integrazione soggiorni per figli di immigrati emmaus school e consistenti comunità di genti di ogni parte del mondo non sono novità per maenza che però risente per l immissione fragorosa di un gruppo così consistente dal punto di vista numerico in più nei primi giorni del loro soggiorno la nuova comunità scottata e scossa dalla precedente esperienza setina ha un comportamento non del tutto impeccabile che sfocia nel 16 in un episodio che richiede l intervento delle forze dell ordine le prese di posizione delle varie forze politiche del paese non aiutano certo il clima a rasserenarsi in primis il comunicato dell amministrazione che si dichiara estranea alla questione e mettendo al centro la questione della sicurezza cui nei fatti non darà seguito il presidente della pro loco incentra invece il suo intervento su un presunto cambio di destinazione dell ostello che negli stessi giorni ospita i musicisti del collegium musicum e trascura completamente una possibile pars construens fatta ad esempio di iniziative tese all integrazione allo stesso modo le forze di opposizione su tutte il pd locale muovono anche loro dei dubbi sulla questione sicurezza e ordine pubblico ma di aspetti concreti nemmeno l ombra ciò non favorisce l accoglienza da parte delle persone che solo con il passare dei giorni incominciano a digerire la nuova situazione non prima di un atto vandalico gravissimo come lo sfregio con dedica dell autovettura di uno dipendente dell ostello che sul parabrezza trova un cartello con censurabile invito ai setini a riportarsi via gli ospiti di colore detto parafrasando il contenuto con tanta poesia priverno ancora risuonava la questione della ztl rimasta in vigore seppur mitigata nonostante le proteste dei commercianti gli incontri e i documenti redatti per far fronte ad un provvedimento che non accontenta di certo le esigenze dei residenti privernati durante l estate però non trovano soluzione nemmeno altre questioni spinose che si protraggono sa mesi ovvero quelle relative agli stipendi dei dipendenti della multiservizi e della sat line a più riprese durante i mesi precedenti i lavoratori delle due realtà hanno lamentato la mancata o quanto meno tardiva corresponsione degli stipendi per quanto riguarda la multiservizi è una questione che riguarda direttamente il comune mentre gli impiegati della sat line che reclamano le loro mensilità reclamano le proprie spettanze alla dirigenza della stessa che a sua volta imputa i ritardi a conseguenza dei mancati pagamenti da parte dello stesso ente anche il fronte sanitario tra qualche assenza del servizio medico nelle ore notturne e i lavori a rilento nella sede di via madonna delle grazie non trovano soluzione di continuità e risultano piaghe aperte e pronte a deflagrare in questi mesi intanto tra feste e sagre di ogni genere la polemica dell estate si sposta a san martino a catalizzare le discussioni arriva la summer school dell udc con la concessione gratuita del castello e del parco ad una forza politica che in molti vedono assai vicina al sindaco che dal canto suo non risponde alle provocazioni ancora non si spengono tale echi che nel parco intorno al castello compaiono le transenne a delimitare il bosco che diventa teatro dei lavori di messa in sicurezza della discordia l.m roccagorga il rinvio a giudizio del sindaco di roccagorga carla amici per una questione legata alla professione del primo cittadino del piccolo paese lepino nei rapporti con il comune di aprilia ha aperto una serie di dibattiti e discussioni di piazza che hanno minato il solito incedere tranquillo della vita politica paesana esponenti di opposizione e di maggioranza oppositori alleati ed ex tali hanno voluto dire la loro riguardo la posizione del sindaco soprattutto alla luce della scelta di importare nella roccagorga un modello di azienda speciale a partecipazione pubblica per gestire funzioni e mansioni che fino ad ora era state demandate alle cooperative mediante gare di appalto periodiche polemiche cui la stessa carla amici ha provato a difendersi ma che restano tutt ora in piedi compreso lo status dei lavoratori stessi delle cooperative che con la situazione variata rischiano di restare a spasso probabilmente l evoluzione della situazione e soprattutto delle polemiche sarà legata all evoluzione della vicenda giudiziaria che vede coinvolta carla amici che intanto incassa botta e va avanti l.m 3 questioni roventi sindaco sotto tiro

[close]

p. 4

sezze durissimo attacco di lidano lucidi esponente del partito socialista setino nei confronti della gestione del delicato momento che sta attraversando il nostro paese in una nota lucidi spiega crisi del sistema politico crisi del sistema economico crisi dei consumi crisi di stato insomma crisi dovunque ci giriamo non sentiamo parlare di altro l ennesimo cambio di rotta dove la politica ragiona più per slogan che per cose concrete i titoli di stato vanno a picco e il distacco tra il palazzo e la gente è ormai enorme di tutte le chiacchiere da scienziati però alla gente frega poco di questo avviso lidano lucidi che specifica quando viene a fatica arrivare a fine mese quando non si hanno prospettive per il futuro quando l estremismo prende il sopravvento sul ragionamento allora a rischiare è il paese nella sua interezza ernesto galli della loggia in un bel editoriale conservatori e immobilisti parlava di un problema strutturale italiano un blocco eterogeneo diversificato e stratificato di conservatori che fanno dell immobilismo la propria arma di guerra a mio avviso ha pienamente ragione non solo perché mi guardo intorno e la prospettiva a livello locale non cambia nemmeno sezze si sottrae alla regola che per conservare occorre essere immobili il ragionamento dell esponente del ps si sviluppa così le riforme o le opere che erano state promesse sono rimaste lettera morta buone per il prossimo program mondore@le numero 105 23 settembre 2011 lucidi figli dell immobilismo l esponente del partito socialista traccia un bilancio decisamente negativo della situazione attuale ma elettorale in quanto ancora irrealizzate ero piccolo e sentivo parlare della piscina comunale sono grande il sindaco attuale annunciava la realizzazione della piscina sono passati anni l anno prossimo si vota di nuovo e la piscina non c è ero piccolo e sentivo dire che sezze ha grandi potenzialità turistiche È a un ora da roma e tre da napoli il mare a mezz ora e la montagna dietro le spalle mi dicevano sono grande e non è stato costruito un albergo un campeggio ma sentivo e sento tutt oggi ripetere la stessa storiella buona ogni volta che il voto si avvicina sono nato nel mito del carciofo setino sono grande e spesso mangio carciofi coltivati da altre parti altri si fregiano dei marchi di qualità ma non noi noi ci facciamo la sagra e conserviamo un mito inossidabile che nel pratico non serve a nessuno la conclusione è drastica ma realistica sezze è un paese che non cresce più che ha perso la sua identità che deve reinventarsi non possiamo permetterci l immobilismo perché saremmo cannibalizzati da altri comuni il federalismo fiscale e le manovre economiche appena approvate non danno scampo o ci si muove o saremo noi che dovremo riprendere le famose valige e andare da qualche altra parte sezze non può e non deve essere più un paese dormitorio se la politica non lo capisce se continua a guardarsi l ombelico le conseguenze anche a breve saranno devastanti ben più di quello che si pensa vitelli commissione sempre al lavoro il consigliere assicura che sulla questione profughi verrà fatta la massima chiarezza di simone di giulio il consigliere comunale vitelli fa un punto della situazione dei lavori effettuati fino ad oggi in commissione trasparenza sullo scandalo dei profughi che ha investito il territorio lepino coinvolgendo anche rappresentanti delle istituzioni abbiamo sentito il dirigente dei servizi sociali petrianni e il presidente della cooperativa karibù mentre il dott caldarozzi ha rifiutato l invito poiché i due sgomberi fatti dalle forze dell ordine sono oggetto di indagine per cui sono coperti dal segreto istruttorio allo stato attuale spiega vitelli risulta che il numero totale di profughi concordato dal sindaco e dal dirigente con le autorità superiori sia stato di 49 in due trance di 33+16 nelle cui fattispecie tutte le procedure sono state rispettate gli altri profughi che allo stato attuale pare siano oltre 100 in più della quota stabilita sono arrivati sotto l egida della protezione civile regionale e per una parte sono state concordati con karibù quelli mandati alla struttura delle olivelle pontine di bassiano mentre per l altra quelli afferenti alla situazione più scandalosa di colle intella 63 persone stipate in 60 metri quadri in condizioni logistiche ed igieniche vergognose sono stati gestiti direttamente dalla cooperativa fantasie karibù ha confermato il mancato rispetto di tutte le procedure di merito nei confronti del comune di bassiano come pure si è detta perplessa delle condizioni igienico-sanitarie con cui i profughi venivano gestiti motivazione alla base del loro trasferimento in altra struttura errori ci sono stati anche in capo alla stessa cooperativa che si è trovata a gestire un numero maggiore di profughi rispetto alla disponibilità di abitazioni della stessa con conseguente sovraffollamento delle strutture meglio sarebbe stato 4 mandare gli esuberi in hotel e/o agriturismi in attesa della disponibilità di altri immobili ma così non è stato fatto molto dubbie risultano essere alcune coincidenze che hanno determinato l arrivo dei profughi proprio quando la presidente di karibù era a bruxelles per propri impegni lavorativi o non hanno fatto scattare controlli di merito da parte dell assessorato ai servizi sociali di carattere amministrativo logistico igienico e sanitario come pure tutte le comunicazioni non ufficiali intercorse tra la presidente di karibù e l ex assessore ai servizi sociali coadiuvato da consulenti esterni di settore che inspiegabilmente hanno utilizzato mezzi di comunicazione dell assessorato dopo karibù conclude vitelli continueremo con la coop fantasie e con l associazione che gestiva olivelle pontine oltre all audizione di un gruppo di profughi che potranno essere ascoltati grazie al sottoscritto per chi parla l inglese e al consigliere reginaldi per chi parla francese alla fine tireremo le conclusioni di tutte le audizioni ed il lavoro svolto in modo da avere chiare esclusivamente le responsabilità amministrative e politiche

[close]

p. 5

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 105 23 settembre 2011 cosa ci sarÀ dopo la gestione ama il 31 ottobre scade il contratto minniti invita la maggioranza a portare la questione in consiglio sermoneta ragiona sul dopo ama la società municipalizzata che gestisce da anni il servizio di raccolta dei rifiuti nella cittadina caetana ha avviato la procedura fallimentare e non potrà dunque rinnovare il contratto con il comune in scadenza il prossimo 31 ottobre l ente comunale ha avviato già le pratiche per una gara pubblica ad evidenza pubblica che ad oggi appare alla maggioranza la strada più probabile da percorrere l alternativa sarebbe confluire nella neonata lazio ambiente che appare tuttavia poco strutturata per espletare già da ottobre il servizio di raccolta rifiuti la strada dell affidamento attraverso gara ad evidenza europea appare oggi quella più percorribile il comune ha spiegato la maggioranza consiliare in una nota rimarrebbe in pieno possesso dell organizzazione del servizio e della modalità di raccolta l individuazione delle filiere di separazione del multimateriale e le deleghe per il conferimento dei materiali selezionati ai vari consorzi di recupero pertanto appare evidente che anche in questo caso non vi sia alcuna privatizzazione del servizio chi oggi propone l allungamento dei tempi attraverso artificiose discussioni lo fa hanno osservato in evidente risposta alle proposte del capogruppo antonio scarsella e del circolo comunale del partito democratico che avevano richiesto la sospensione delle procedure di gara per affidamento a privato solo con il bieco spirito di creare un disservizio sul quale poi poter speculare politicamente ciò comporterebbe un evidente danno per i cittadini e oneri economici per l amministrazione stessa sul tema dei rifiuti così come in passato ci stiamo muovendo con senso di responsabilità affinché il servizio garantisca le attuali condizioni di lavoro e retribuzione del personale impiegato che vengano utilizzati mezzi a basso impatto ambientale che venga avviata una fase di riutilizzazione nel territorio del rifiuto umido attraverso la fornitura di compostiere domestiche che venga messa in atto una specifica attività di raccolta per ridurre la quantità dei rifiuti da destinare a separazione successiva tutto questo per mantenere basso il costo del servizio per l utenza e ricavando risorse economiche dalla vendita dei materiali separati sulla questione si è espresso il consigliere comunale di uniti per sermoneta nicola minniti la vicenda del dopo ama richiede un attenzione ed un confronto costruttivo per questo va portata in consiglio l amministrazione ci ha informati che la volontà quella di espletare una gara pubblica ad evidenza europea l idea non mi sembra affatto peregrina ed il mio gruppo consiliare è pronto a discuterne sia in commissione che in consiglio e necessario ha sollecitato il giovane consigliere del partito democratico mettere in campo politiche di cultura ambientale tese a far sì che i cittadini producano meno rifiuti indifferenziati carrara dimenticata un nuovo carabiniere di domiziana tosatti di domiziana tosatti inaugurato alla vigilia delle elezioni amministrative due anni fa il cantiere dello snodo logistico di borgata carrara con il quale si aprirà la stazione ferroviaria di latina scalo anche sul versante dei lepini è fermo ormai da oltre un anno e mezzo nonostante le rassicurazioni giunte dall amministrazione i lavori non sono più ripresi ed intanto le opere già realizzate sono sottoposte ad evidente usura all origine del fermo l approvazione di una variante progettuale ed una controversia contrattuale con la ditta appaltatrice che ha chiesto degli importi maggiori rispetto a quelli previsti nella gara a chiedere i tempi di ripresa dei lavori e a sollecitare un azione di messa in sicurezza di quanto realizzato è antonio scarsella capogruppo consiliare del gruppo misto le rassicurazioni date dall amministrazione ha commentato non sono evidentemente servite e bastevoli per far riprendere i lavori bloccati da oltre un anno e mezzo nel frattempo come è sotto gli occhi di tutti l intero cantiere la sede stradale realizzata quelli che dovevano essere i marciapiedi e le aiuole sono invasi dalle sterpaglie le opere realizzate si stanno usurando e quando il cantiere riprenderà sarà necessario ripristinare e rendere nuovamente funzionale i lavori realizzati in precedenza il cantiere ha fatto notare scarsella è aperto con evidenti pericoli per le frequentazioni la discarica dei rifiuti la possibilità di atti vandalici tutto questo è evidente a tutti non visto forse unicamente da chi continua a fare proclami scarsella ha chiesto al delegato ai lavori pubblici e al responsabile dell ufficio tecnico che siano date notizie chiare sui tempi reali della ripresa dei lavori l elevazione della compagnia carabinieri di aprilia a reparto territoriale ha portato al potenziamento del personale in diverse stazione tra queste c è quella di sermoneta che ora può contare su un carabiniere donna fabiana astarita a darle il benvenuto è stato il sindaco giuseppina giovannoli ora sermoneta ha un carabiniere in più a difendere il territorio la nostra ha detto è una comunità in crescita e come tale ha bisogno di un sempre maggiore senso di sicurezza i carabinieri sono gli attori di questo processo di garanzia per questo il comune e l arma hanno avviato il percorso per la realizzazione di una nuova caserma dei carabinieri in pianura per dare risposte certe al territorio e ai cittadini ulteriore motivo d orgoglioè avere un rappresentante donna nell arma in un comune guidato a sua volta da una donna sermoneta ha detto ancora il primo cittadino vuole affermare con determinazione l importanza che le donne rivestono nella vita politica sociale ed economica della nostra società con la speranza che siano sempre di più quelle che scelgono la nobile missione dell arruolamento nelle forze dell ordine 5

[close]

p. 6

bassiano di domiziana tosatti mondore@le numero 105 23 settembre 2011 vittoria contro acqualatina il consiglio di stato da ragione al comune che non aveva approvato la convenzione con il gestore e valida la deliberazione con cui il comune di bassiano non ha approvato la convenzione di gestione con acqualatina come modificata dalle conferenze dei sindaci e dei presidenti delle province dell ato 4 latina a stabilirlo è la sentenza 04901/2011 depositata il primo settembre dalla quinta sezione del consiglio di stato il documento vittoria per l ente soprattutto a seguito delle scelte abrogative dell ultimo referendum non lascia dubbi ed afferma che era nella facoltà del comune non approvare le notevoli differenziazioni introdotte nella convenzione rispetto allo schema elaborato dalla regione ed alle quali si richiama la deliberazione del comune stesso e stato quindi accolto il ricorso presentato dal comune di bassiano contro acqualatina spa tra i comuni in prima fila per la lotta alla privatizzazione dell acqua ed alla gestione integrata del servizio idrico nelle modalità messe in atto dalla partecipata acqualatina bassiano ha più volte negli anni ribadito l esistenza di motivazione per la non approvazione della convenzione di gestione ritenendo che tutti gli aggiustamenti fossero fatti a vantaggio del gestore anzi ha commentato il vicesindaco bruno palombo insieme a domenico guidi tra i maggiori sostenitori della lotta ad acqualatina la sensazione è che il gestore con la complicità della segreteria tecnica operativa abbia lui stilato le modifiche per esimersi dal sostenere i costi e far ricadere sulle amministrazioni comunali e di conseguenza sui cittadini utenti il mal funzionamento della gestione ed ora con la medesima celerità con cui le reti furono tolte al comune e consegnate alla società attraverso addirittura la nomina di un commissario ad acta che acqualatina riconsegni a bassiano la gestione del servizio idrico anche alla luce del grandissimo risultato referendario del 12 e 13 giugno scorsi una presa di posizione quella dell ente lepino che si conferma fondata su motivazioni di diritto e non su ideali politici come qualcuno ha ricordato palombo ha tentato di etichettarla un invito palombo lo ha rivolto a tutti i sindaci dell ato 4 sollecitandoli a mettere al centro della propria azione amministrativa la difesa dei beni comuni e degli interessi della comunità non piegandosi agli interessi privati delle multinazionali che vogliono arricchirsi con la gestione dell acqua del ciclo dei rifiuti e con tanti altri servizi primari guidi interviene sull acqua pubblica il consigliere provinciale scrive al sindaco per sollecitare il rispetto del quesito referendario di domiziana tosatti questa la lettera scritta dal consigliere provinciale domenico guidi in merito all esito dei referendum la vittoria al referendum del 12 e 13 giugno ha segnato per il nostro paese uno spartiacque relativamente alle modalità di gestione del servizio idrico integrato gli italiani bassianesi e pontini hanno detto chiaramente che vogliono una gestione pubblica del bene comune acqua fuori della logica del profitto il dato referendario assume ancora maggiore rilevanza se verificato nei comuni che sono all interno dell ambito ato4 lazio-latina dove i processi di privatizzazione con la costituzione della acqualatina sono iniziati nel 2001 in tutti i comuni dell ambito i cittadini hanno detto no alla privatizzazione del servizio e due sì per il ritorno alla gestione pubblica con numeri che hanno superato di molto la media nazionale di questi dati bisogna tenere conto e i sindaci che si riuniscono all interno dell assemblea dell ato4 al di là del loro orientamento politico non possono fare finta di niente per questi motivi soprattutto da parte dei comitato acqua pubblica che sul territorio pontino lavora da anni sul tema dell acqua bene comune in vista dell assemblea dell ato4 che si terrà il prossimo autunno metà settembre-metà ottobre a latina riteniamo doveroso da parte dei sindaci partecipare a detta assemblea ed assumere una posizione chiara per un cambio di indirizzo della gestione del servizio idrico integrato che ci porti ad una pubblicizzazione dello stesso l assemblea dell ato4 è il luogo naturale ed istituzionale dove poter declinare in atti concreti l indirizzo dato 6 dai risultati del referendum previo passaggio nei relativi consigli comunali la pubblicizzazione del servizio idrico in ato4 lazio-latina non può diventare solo ed esclusivamente una disquisizione tecnico-giuridica ma è soprattutto una questione politica che discende direttamente dall esito dei referendum del 12 e 13 giugno grave mancanza sarebbe da parte dei rappresentanti degli enti locali presenti in assemblea deviare dalla libera scelta degli elettori che porterebbe gli stessi ad assumersi una responsabilità politica di non poco conto relativamente alle proprie comunità di riferimento saremmo presenti insieme ai comitati all assemblea e verificheranno il comportamento dei sindaci e/o dei loro delegati riferendo il tutto all interno dei propri territori di appartenenza continuando a costruire un percorso che porti il bene comune acqua fuori dalla logica del profitto e diventi un diritto inalienabile ed imprescindibile per ogni uomo e donna di questo pianeta

[close]

p. 7

norma di domiziana tosatti mondore@le numero 105 23 settembre 2011 lepini da valorizzare con le ippovie bonifica le zone verdi dell entroterra la fascia costiera capofila del progetto pilota ideato dalla comunità montana è il comune di norma la volontà ha detto ancora solli è di consolidare quello che già esiste percorrendo l intera area provinciale senza confini comunali garantendo in sicurezza per cavalli e cavalieri una mappa allargata di opportunità nel progetto finalizzato allo sviluppo di un ulteriore tipologia di sviluppo turistico integrato saranno coinvolti i gestori di maneggi e di centri ippici ristoratori e albergatori capitolo a sé merita l ippoterapia come intervento terapeutico e riabilitativo siamo sicuri ha concluso il presidente che il progetto abbia potenzialmente buone opportunità di riuscita partendo da quello che già il territorio offre ed investendo su di esso i lepini sono lo scenario ideale per realizzare itinerari e percorsi in sicurezza di ippovie che esaltino in primo luogo ambiente e natura con l intento di offrire nuove opportunità di sviluppo al turismo equestre sarà questo il principio ed il punto di partenza del convegno organizzato per il prossimo 24 settembre a partire dalle ore 10.30 presso il centro ippico tornado dalla xiii comunità montana dei monti lepini e dal comune di norma dal convegno ha spiegato franco solli presidente della comunità montana dovrà scaturire la proposta per la realizzazione di itinerari equestri integrati attraverso un reticolo di percorsi naturalistici che le ippovie sono in grado di esaltare garantendo la conoscenza e la fruizione di punti di grande suggestione come i lunghi argini dei canali naturali e di chocoday un appuntamento a tutto tondo e giunta alla quarta edizione l iniziativa chocoday organizzato e promosso dal museo del cioccolato antica norba l appuntamento è per domenica 9 ottobre nella sede del museo in via capo dell acqua numero 20 alle ore 9 è prevista l apertura degli stands fairtrade italia bio icea biosì ed avis e si proseguirà per l intera giornata con intrattenimenti musicali animazioni per bambini degustazioni di cioccolato e di vini e stands gastronomici l occasione sarà perfetta per visitare gratuitamente il rinnovato museo che quest estate è stato sottoposto a profonde ristrutturazioni che hanno maggiorato gli spazi espositivi ricavando anche una sala dedicata a dimostrazioni e lezioni all interno della struttura è possibile ammirare gli strumenti maya di produzione e trasformazione del cioccolato confezioni e pubblicità del primo novecento un antica fabbrica di cioccolato ricostruita con macchinari originari ad arricchire la curiosità dei visitatori soddisfacendo i loro palati ci sarà la tanto apprezzata fonte del cioccolato da dove il cibo degli dei sgorga caldo e profumato irrinunciabile nell essere degustato 7

[close]

p. 8

priverno di mario giorgi mondore@le numero 105 23 settembre 2011 attenti caduta alberi a san martino esposto in procura per il massiccio taglio nonostante le rassicurazioni tecniche del dottor nicotra come se non bastassero tutti i problemi che le famiglie si trovano a vivere ogni giorno e le questioni irrisolte che gravano sulla città anche il taglio di alcuni alberi all interno di un parco cittadino può essere oggetto di polemiche tra i vari schieramenti politici locali e soprattutto ed è questo quel che andrebbe chiarito ai cittadini sono polemiche foriere di due verità ma si sa delle due l una perché in ogni argomentazione su una vicenda un fatto un evento ecc non ci può essere più di una verità eppure a priverno accade anche questo anche se sulla necessità dell intervento c è un pensare univoco vediamo le due posizioni sono in corso i lavori di messa in sicurezza e di riqualificazione del parco di san martino che per continuare a svolgere al meglio le sue funzioni vitali necessita di un piccolo restyling l amministrazione comunale di priverno infatti avendo rilevato alcune problematicità legate alla vegetazione del bosco è intervenuta su due fronti da una parte i rami troppo aggettanti degli alberi creavano non poche difficoltà per la percorribilità delle strade limitrofe al parco per cui si è ritenuto opportuno reciderli dall altra per dare respiro agli stessi arbusti si è ritenuto necessario procedere al taglio di alcune piante di sughero i lavori stanno procedendo in questi giorni con il taglio la pulizia del bosco e naturalmente la manutenzione delle piante più giovani che non rappresentano pericolo alcuno per i frequentatori e contribuiranno a produrre il nostro ossigeno di domani gli interventi serviranno a migliorare la fruibilità del parco e a preservare l ambiente in condizioni di sicurezza e questo il contenuto quasi integrale di un comunicato stampa del comune di priverno una notizia ancorché senza numeri e dati precisi come tante relativa in ogni caso ad un intervento che dovrebbe apportare benefici al bosco e a chi lo frequenta eppure anche in questa vicenda c è qualcosa che le opposizioni ritengono non quadrare a detta del pd infatti l intervento potrebbe essere stato realizzato in violazione della normativa vigente e tale convinzione nonostante le precisazioni del tecnico incaricato dal comune il dottor nicotra è tanto forte che ha motivato un esposto alla procura della repubblica come annunciato da annamaria bilancia parliamo si legge in una nota di un operazione il cui impatto sia ambientale che emotivo si sta rivelando disastroso per le ripercussioni sul particolare ecosistema naturale riguardante la flora la fauna e le persone che del sistema quotidianamente fruiscono inevitabile chiedersi perché che non sia tutto finalizzato a fare cassa secondo il pd privernate che l intervento fosse necessario non ci sono dubbi ma la modalità con la quale si sta procedendo sta provocando grande allarme e preoccupazione tra i cittadini visto il numero di alberi abbattuti la quantità di legname già accantonato e la vasta area interessata tutti elementi insomma che farebbero pensare ad un taglio massiccio e sistematico di alberi finalizzato alla vendita del legname più che alla 8 messa in sicurezza dell area pubblica secondo gli esponenti del pd infatti da questa operazione entrerebbero nelle casse del comune per la vendita del legname querce e pini qualcosa come 23.975 euro che non sono tanti ma dati i tempi è pur sempre qualcosa perciò alla luce dei fatti il pd intende procedere nel controllo delle procedure adottate dall amministrazione al fine di verificare la legittimità del procedimento e le ipotesi avanzate che se venissero confermate metterebbero l amministrazione macci nella condizione di dover fornire molte spiegazioni e risposte soprattutto ai cittadini di priverno che di risposte in verità ne aspettano diverse dai presunti vantaggi della cosiddetta politica estera della giunta all istituzione dell isola pedonale in via consolare dal mancato decollo turistico della città alla conservazione dei beni archeologici e monumentali e così via direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori domiziana tosatti marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 21 settembre 2011

[close]

p. 9

priverno di mario giorgi mondore@le numero 105 23 settembre 2011 multiservizi problema ancora aperto dopo il silenzio estivo a riproporre la questione in commissione bilancio ci pensa elvira picozza in verità era un po che a priverno non se ne parlava soprattutto da parte della maggioranza solo in un consiglio comunale di alcuni mesi fa proprio dai banchi della maggioranza si fece intendere che allo stato delle cose sarebbe stato praticamente impossibile continuare a tenere in vita la multiservizi qualche protesta delle opposizioni poi il silenzio protetto dal periodo estivo ora a riproporre la questione è ancora l opposizione nello specifico il consigliere comunale del pd elvira picozza a seguito della convocazione della commissione bilancio in una nota diffusa nei giorni scorsi l esponente del partito democratico sottolinea come ancora una volta riemerga in tutta la sua drammaticità il problema dei lavoratori della multiservizi che dal mese di giugno non percepiscono lo stipendio la già difficile condizione di quei lavoratori risulta oggi sottolinea picozza ulteriormente aggravata dallo stato di incertezza e precarietà circa il mantenimento del posto di lavoro condizionato dalle decisioni che la giunta macci dovrà assumere a breve proprio mentre questo numero va in stampa si riunisce la commissione bilancio con un solo punto all ordine del giorno naturalmente relativo al destino della multiservizi e di conseguenza dei suoi dipendenti il pd in proposito ha la sua pars costruens sulla questione ritenendo che esista una concreta possibilità di superamento delle criticità attraverso un preciso piano aziendale quel piano dovrebbe prevedere tre soli punti innanzitutto una valutazione trasparente basata su dati reali e attendibili e non organizzati in modo tale da giustificare solo tagli ed esternalizzazioni dei servizi poi l ottimizzazione dei servizi stessi attraverso una ridefinizione e ridistribuzione del numero degli addetti e delle ore lavorative infine l eventuale ricollocazione della forza lavoro in esubero nei servizi attualmente esternalizzati dall ente acquisto delle derrate alimentari per la mensa scolastica e sociale la pulizia degli edifici comunali e degli spazi urbani la gestione dei parchimetri o in quelli da attivare nuovo asilo nido comunale vedremo nel prossimo numero cosa sarà accaduto in commissione bilancio e eventualmente in consiglio comunale intanto picozza infervora il suo intervento ribadendo che non si può accettare la logica dei tagli e delle dismissioni indiscriminate perpetrata nascondendosi dietro lo scudo della crisi occorre invece individuare percorsi finalizzati alla tutela del lavoro e dei lavoratori alla salvaguardia della qualità dei servizi erogati mettendo in campo idee innovative come ad esempio la mensa a km zero non poteva mancare la polemica stoccata finale appare alquanto incoerente e poco credibile a questo proposito conclude infatti picozza il comportamento del sindaco macci ripartito spensierato per l ennesimo viaggio nei paesi dell europa minore mentre tutti i sindaci d italia impegnati a garantire i servizi ai propri cittadini andavano a protestare sotto palazzo chigi contro le politiche scellerate del governo maenza tribune al cacciotti lavoro sbagliato pucci parla di delusione diffusa e gli sportivi si lamentano ma chi doveva controllare i lavori di luca morazzano ricordate i lavori al campo cacciotti di cui parlammo a giugno quelli che stando alle tabelle dovevano partire il 21 marzo 2011 e durare sessanta giorni a giugno quando scrivemmo il primo articolo in merito non erano ancora cominciati in compenso non ci vogliamo assumere meriti hanno preso il via poco dopo e in questi giorni sono in via di ultimazione hanno visto infatti la luce nelle scorse settimane le tribune in ferro a bordo campo con tanto di via di accesso ad esse per i disabili tutto bene allora nemmeno per sogno perché nel giro di pochi giorni dal posizionamento delle stesse in paese parte il vociare riguardo alcuni errori andiamo allora a verificare e che cosa ci si para innanzi innanzitutto appena attraversiamo il cancello che porta nell area antistante agli spogliatoi e quindi al campo ci accorgiamo che la via di accesso alla tribuna appena costruita è interna ad essa e quindi per dividere pubblico e atleti condizione necessaria per l omologazione occorrerà costruire una transenna ulteriore oltre a quella esistente secondo non vediamo la presenza di servizi igienici ulteriori oltre a quelli degli stessi spogliatoi soprattutto ci accorgiamo che la tribuna è montata senza un basamento oltre il livello del terreno bensì attraverso fondamenta che ne abbassano l altezza vanificando di fatto il primo gradone e rendendo la visuale problematica fino almeno al secondo insomma errori facilmente individuabili tanto che come detto prima la polemica è subito montata possibile che nessuno dell enturage del sindaco ne assessore competente ne ufficio tecnico si siano accorti di nulla tra lo sgomento soprattutto di coloro che il campo hanno iniziato ad utilizzarlo con l appropinquarsi della nuova stagione calcistica registriamo infine l intervento del segretario di rifondazione comunista alessandro pucci la promessa di questo intervento è stata una nota costante nel corso dell ultima campagna elettorale si parlava di oltre 100.00 euro e poi pare che il finanziamento si è molto ridotto ma non è questo il punto pare che la loro collocazione è incerta e addirittura pare non corrisponda ai programmi e alle scelte dell attuale assessore allo sport mario iagnocco anzi pare che allo stesso assessore la scelte di quel tipo di tribune non pare proprio azzeccata montano le polemiche si azzardano e ipotizzano lavori di aggiustamento ecco il senso di questo intervento come al solito,vogliamo solo chiarezza se vanno bene le tribune è tutto a posto in caso contrario chi si assume la responsabilità della scelta 9

[close]

p. 10

maenza di luca morazzano mondore@le numero 105 23 settembre 2011 un estate ad effetto anestetizzante le polemiche si sono sopite ma i problemi restano insoluti gli appunti di antonella fiore dell idv e passata sul calendario la stagione estiva e con l entrata del mese di settembre le attività di tutti i giorni hanno ripreso il normale scorrere compresa l attività politica che però a maenza pare soffrire una ripresa dopo un estate in cui la coltre vacanziera pare aver attutito le varie discussioni in atto comprese quelle su internet a guardare bene però e neppure serve uno sguardo troppo approfondito le varie tematiche che avevano generato le discussioni sono rimaste invariate con i problemi che sono sempre lì e alcuni addirittura acuiti dal passare del tempo per questa serie di motivi come rivista abbiamo deciso di mettere a disposizione lo spazio di questa pagina nel tentativo di creare una sorta di forum per la discussione delle varie tematiche da parte delle varie forze politiche del paese nella speranza che tra tante parole a venire fuori sia la parte propositiva e costruttiva dei vari interpreti il giro che garantisce spazio indistintamente a forze di maggioranza ed opposizione l email del nostro giornale è a disposizione di tutti così come il sottoscritto comincia dalla referente locale dell italia dei valori antonella fiore la discussione parte dalla sensazione di una maggioranza che forte dei suoi numeri a volte pare refrattaria agli stimoli dall esterno così come alle comunicazioni verso l esterno per lo più demandate ad affissioni estemporanee che però non garantiscono una diffusione capillare la fiore su questo ha una teoria precisa penso che sia colpa di quella che definisco insostenibile leggerezza del secondo mandato una sorta di sicurezza nei propri mezzi dovuta ai propri numeri che porta però ad un distacco dalla situazione reale una delle poche tematiche che hanno caratterizzato un estate priva di spunti è stata quella legata all immigrazione il fenomeno si è acuito nel mese di agosto con l arrivo presso l ostello di ospiti per conto della cooperativa karibu che risultano essere degli immigrati in attesa di permesso di soggiorno sicuramente l arrivo di questi ragazzi ha avuto un grande impatto nell opinione pubblica perché quaranta profughi immessi in blocco nella comunità stagliano nella tranquillità di un paesino piccolo come maenza quello che però più stona è che tra i tanti interventi che si sono susseguiti tutti si sono preoccupati dell ordine pubblico qualcuno della sicurezza ma poco di integrazione ho visto una sorta di scrollarsi le responsabilità di dosso a cominciare dalle autorità che hanno giocato sul fatto del mancato preavviso fatto sta che ad oltre un mese di distanza di iniziative tese all integrazione non ne ho viste neppure pro loco e forze di sinistra da sempre vicine a queste tematiche hanno fatto nulla come esponente dell idv posso dire di stare lavorando ad un progetto per proporre una gita o una serie di escursioni almeno per far conoscere a questi ragazzi almeno il territorio in cui sono arrivati ad inizio estate invece la discussione si era spostata sulla chiusura del traffico nel centro storico la realizzazione di una ztl rappresenta senza dubbio un iniziativa lodevole purtroppo però non sono state previste iniziative per attenuare i disguidi cui gioco forza sono andati incontro i residenti del centro storico che già ogni giorno hanno che da 10 fare per far fronte a tante altre problematiche tipo quella dell assenza di negozi di servizi e spesso di igiene tra le viuzze di un paese che ha un potenziale enorme ma che purtroppo viene lasciato troppo a se stesso a maenza non manca niente rispetto a bassiano o sermoneta ma rispetto a loro l attrazione che ha sui turisti è pari a zero a proposito di centro storico è rimasto aperta una sola attività commerciale al suo interno alla faccia del progetto di centro commerciale naturale e anche dalle altri parti le attività chiudono non fa piacere assistere a tanti cali della serranda purtroppo i commercianti che hanno optato per la chiusura non avevano più risorse per proseguire la loro attività e anche le istituzioni sono rimaste immobili il ccn è rimasto uno slogan sulla carta e su internet ma nella realtà la situazione è sempre peggiore ciò però non mi meraviglia visto che parlando di ciò con un assessore mi sono sentita rispondere che a chi non piace può cambiare paese altro capitolo e altra problematica ovvero quella legata ai rifiuti sia quotidiani con la raccolta porta a porta sia i rifiuti solidi ingombranti la mancanza di uno spazio per gli rsu è una carenza che si sente e che le raccolte periodiche non riescono a sopperire ancora più grave è però la situazione della raccolta quotidiana a volte rimane bloccata in periferia avviene più spesso e i punti di posizionamento dei cassonetti sono assurdi accanto ai giardinetti non penso che costituiscano un tocca sana per la salute delle persone o quanto meno il tanfo che ne deriva non è piacevole a questo punto il discorso si sposta sulla cultura e antonella fiore a tal proposito muove il dito su una questione particolare tra le varie carenze penso che sia gravissimo il fatto che da anni manchi un servizio di biblioteca come si deve di certo non manca il personale qualificato ma ciò nonostante gli studenti maentini non possono contare su uno spazio di interscambio culturale e di confronto fondamentale e davvero un peccato oltre che una situazione cui mettere riparo al più presto

[close]

p. 11

roccagorga di luca morazzano mondore@le numero 105 23 settembre 2011 ancora polemiche per colpa di vola l ex sindaco loreto bevilacqua ed eros ciotti criticano i criteri adottati dal sindaco carla amici passano i giorni ma invece di placarsi le polemiche intorno all azienda speciale voluta dal sindaco continuano ad a montare tanto che l ex sindaco loreto bevilacqua e l esponente di opposizione eros ciotti hanno annunciato nei giorni scorsi di aver inviato un esposto al prefetto di latina e alla direzione provinciale del lavoro in merito a quanto sta avvenendo dopo la costituzione dell azienda speciale vola i due esponenti politici rocchigiani spiegano riteniamo che l azienda speciale vola voluta a dispetto dal sindaco carla amici sta riproponendo anche nel nostro piccolo centro le stesse dinamiche che hanno caratterizzato le vicende terracinesi smantellamento delle cooperative trasformazione dei lavoratori dipendenti in precari riduzione delle ore di lavoro riduzione dei diritti dei lavoratori con l inserimento delle prestazione tramite voucher riduzione dei servizi tutto questo a nostro giudizio sta avvenendo esclusivamente per l ambizione politica di chi crede che la precarizzazione dei lavoratori generi un sistema di clientele diffuse in cui è possibile accrescere il proprio potere personale la vicenda più grave in ordine di tempo riguarda l asilo nido rocchigiano in cui operano al momento persone che sono state selezionate provvisoriamente e che quindi potrebbe essere sostituite a danno del servizio e soprattutto dei bambini parliamo di un asilo nido che veniva gestito da una cooperativa di solo donne che il sindaco ha voluto far chiudere alla faccia della politica di genere al momento non ci sono spiegazioni accettabili se non qualche tentativo di rimandare il confronto da chiedersi invece c è ma esiste una commissione che valuta in maniera oggettiva le domande presentate questa commissione da chi è formata i requisiti che danno titolo sono stati resi pubblici le selezioni sono fatte per titoli o per conoscenze su oltre cento trenta domande presentante possibile che più di novanta persone abbiano compilato erroneamente il modulo i criteri per la selezioni come e da chi sono stati fissati inoltre da segnalare registriamo anche l anomalie dell affidamento ai lavoratori con voucher di funzioni che per loro stessa natura non possono essere delegate a costoro secondo noi i lavoratori con voucher possono essere utilizzati solo per lavoro occasionale e non per lavori stagionali o a lungo termine come invece avviene a roccagorga in ultimo segnaliamo che a roccagorga in barba a quanto stabilisce la legge l ente comunale affida compiti ed incarichi per chiamata diretta senza aver criteri pubblici ed oggettivi di scelta riceviamo e pubblichiamo non me ne voglia la signora carla amici se accosto la sua vicenda politica a quella dell attuale presidente del consiglio la rassegna stampa di cui si dispone all unisono concretizza una decisione della nominata a dimettersi dalla carica di sindaco del comune di roccagorga per motivi di opportunità politica stante l inchiesta della procura della repubblica di latina e l inevitabile gossip che ne è derivato nei precedenti interventi io non ho mai se non attraverso le mie chimere letterarie chiesto le dimissioni ho cercato di ragionare sul punto critico delle decisioni di un soggetto politico eletto regolarmente dalla maggioranza degli elettori su scelte conseguenti di natura economica e finanziaria importanti nell economia del bilancio comunale che inevitabilmente scaricano i costi di tali operazione sulla comunità a beneficio di piccoli boiardi di paese e di altri soggetti a cascata per la mia storia personale quale soggetto politico di primo piano nel quadro dello scacchiere partitico di roccagorga negli anni 1970-1976 posso affermare che la signora carla amici non mi interessa quale sindaco di roccagorga e quale amministratrice o sindaco di non so quali e quante società miste o partecipate punto alla coscienza alla consapevolezza del suo giuramento di difesa e tutela dell interesse pubblico alla sua percezione del libero arbitrio voglio credere che il dubbio alberghi in questa persona che io conosco da sempre e nell intimo per concorrere a capire come disfarsi del lerciume che avanza e che per mondanità attuale rischia di travolgere la nostra in una dinamica obbligata di elementi forse estranei alla iniziale convinzione intellettuale chi governa di che cosa ha più bisogno confido che la nostra non domandi alla politica un lunga vita né ricchezze né l eliminazione dei nemici re salomone disse concedi al tuo servo un cuore docile perché sappia rendere giustizia al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male rifletti cara carla che il tuo cuore non indica una parte del corpo ma il centro della tua persona la sede delle tue intenzioni e dei tuoi giudizi potrei dire che il cuore docile significa una coscienza che sa ascoltare che è sensibile alla voce della verità e per questo è capace di discernere il bene dal male ricordati che l esempio di re salomone vale anche per te perché ognuno di noi ha una coscienza per essere in un certo senso re cioè per esercitare la grande dignità umana di agire secondo la retta coscienza operando il bene ed evitando il male le persone chiamate a compiti di governo hanno naturalmente una responsabilità ulteriore e quindi come insegna re salomone hanno ancora più bisogno dell aiuto di una autorità morale che indica la retta coscienza di riconoscere il bene leo orsini 11

[close]

p. 12

pontinia di roberto tartaglia mondore@le numero 105 23 settembre 2011 la mannaia dei tagli si abbatte sul comune alcuni che sino a oggi sono stati gratuiti intanto le spese aumentano nell ultimo consiglio sono emersi ben 29mila euro in più rispetto al previsto dovuti a un aumento delle bollette per l energia elettrica sul tema il consigliere di opposizione pdl torelli ha attaccato duramente tombolillo sul team scuola per lui è facile sparare a zero sul governo guidato da un partito avversario proprio lui che mantiene gli edifici scolastici nel degrado con scarsa attenzione alla sicurezza architettonica e sanitaria che non adegua gli edifici alle leggi antisismiche che gestisce la mensa scolastica in modo non certo professionale che consente l uso di diserbanti nel prato scolastico mentre gli alunni sono a pranzo all interno dell edificio ma dov è la coerenza un punto di incontro tra il nuovo novelli e tombolillo però è stato trovato quando si è tirato in ballo il finanziamento di 270mila euro elargito dal governo centrale che ha permesso di rivedere il piano triennale delle opere pubbliche pontinia è rientrata nelle vie del mare e dei laghi e i soldi verranno utilizzati per avviare lavori di pulizia e manutenzione dei luoghi naturalistici inclusi nel progetto dal gal ma perché la variazione è stata votata anche da torelli facile la maggior parte dei soldi per le opere pubbliche viene dal centrodestra anche pontinia soffre per i tagli imposti dal governo anche tombolillo come moltissimi altri sindaci qualche giorno fa ha aderito allo sciopero indetto per protestare contro la mancanza di fondi non è andato a roma ma ha disdetto ogni impegno ed è sceso in piazza tra i cittadini 400mila euro in meno sono un enormità per pontinia dopo la conferma della sua elezione il sindaco aveva detto di accettare con entusiasmo quest ultimo mandato perché intenzionato a lavorare con più serenità dopo gli ultimi lunghi anni di dissesto e invece non sembra andare tutto così liscio se il comune viene messo alle strette è ovvio che le soluzioni sono due ridurre i servizi o aumentare le tasse non vogliamo mettere le mani in tasca i cittadini ha affermato tombolillo ma è ovvio che dovrà esserci una riorganizzazione dei servizi come l assistenza domiciliare e scolastica e proprio sul tema scuola non è stata ancora tolta la spina nel piede che da giorni ferisce il servizio il taglio di 7 bidelli per ora il servizio non ne risente afferma tombolillo ma dal mese di ottobre ricominceranno i rientri e il servizio mensa e se non verrà riconfermato il personale ata la situazione diverrà insostenibile il sindaco non esclude che sia possibile anche la trasformazione in servizi a pagamento di presunti affari personali nel palazzo martedì 13 si è svolto un consiglio comunale di fuoco a pontinia gli argomenti all ordine del giorno erano tanti e tutti molto importanti però il punto sull attuazione delle previsioni contenute nell art 10 edilizia tipo a1.1 delle nta del ppe zona b sottozona b1 ha scatenato il putiferio il punto prevedeva il voto sulla rinuncia al 15 del lotto ex enel la rinuncia approvata all unanimità già dalla maggioranza consisteva nel rifiutare l immobile per 170mila euro stando alle stime degli ingegneri comunali tutto ciò ha fatto alzare la voce all ex sindaco giuseppe mochi sappiamo che il terreno è di proprietà di un parente stretto di un consigliere di maggioranza afferma mochi e l amministrazione deve essere cauta nel fare affari con persone così vicine a consiglieri che aspirano ad acquisire una delega all urbanistica anche se i nomi non sono stati fatti è noto che il consigliere in questione è giovanni bottoni una volta sollevato il punto bottoni ha lasciato l aula come da legge lasciando la parola a sindaco mochi e torelli noi crediamo che in tempi di tagli siano più utili 170mila ero ha risposto tombolillo che la speranza di un immobile in centro tra forse 3 anni non ci serve un immobile né per i giovani che presto avranno il sito ex hilme né per gli uffici che potranno usufruire del museo non appena verrà spostato il discorso tuttavia non ha convinto torelli prima di tutto perché a sua detta l immobile vale circa 220mila euro e non 170mila secondo perché le associazioni locali lamentano una carenza di spazi di aggregazione e quell immobile farebbe comodo a inasprire gli animi dell opposizione di sicuro c ha messo lo zampino la tanto attesa nomina a capogruppo del pdl che è andata a ernesto bilotta assente mandano su tutte le furie mochi chi l ha deciso non ne sapevo nulla perché si chiede l ex sindaco a rispondergli è lo stesso torelli parli tu di democrazia che sei di futuro e libertà si conferma dunque la frattura all interno dell opposizione già nota nel corso delle elezioni r.t di roberto tartaglia il caso sep continua a sollevare polemiche il caso sep continua a far parlare di sé da un lato l assessore battisti fa di tutto per risolvere la questione interrogando la asl territorialmente competente dall altro c è chi come paolo torelli si scaglia contro l amministrazione comunale l assessore patrizia sperlonga attraverso la stampa locale si esprime in qualità di cittadina della zona e rappresentante del comitato per la salvaguardia dell ambiente contro la realtà della contrada campo ioso inquinata dalla ditta ambientale questo intervento potrebbe senza dubbio ritenersi valido e opportuno se davvero fossero questi i titoli della cittadina patrizia sperlonga ma la signora è consigliere comunale e assessore dal 1990 tranne i 3 anni della giunta mochi ininterrottamente sempre al fianco del sindaco tombolillo le sue parole potrebbero colpire una persona che arriva dalla luna e atterra oggi su pontinia ma per chi vive il territorio da sempre le dichiarazioni della cittadina sono ridicole e politicamente scorrette in tutti questi anni la s.e.p ha continuato indisturbata a lavorare e a infestare la zona con i suoi miasmi in tutti questi anni il consigliere comunale e assessore patrizia sperlonga non ha mai presentato una mozione né un interrogazione consiliare né un interpellanza rivolta ad altri 12 enti pubblici per contrastare ufficialmente la società in tutti questi anni solo un organo ha interdetto seppur momentaneamente l attività della s.e.p si tratta di un autorità giudiziaria la procura della repubblica di latina non certo lei né il sindaco tombolillo e per di più non solo non ha mai fatto nulla di ufficiale ma ha anche avvalorato benedetto e autenticato la presenza della s.e.p conferendo la frazione umida dei rifiuti di pontinia raccolta dalla trasco alla sep e soprattutto quando l anno scorso sotto elezioni comunali ha votato l eliminazione della tarsu per le famiglie residenti nell area limitrofe la società ambientale non hanno chiuso la s.r.l anzi hanno dato un contentino economico alle persone hanno quindi legittimato l esistenza della sep alle forti accuse risponde il segretario magnarelli il richiamo fatto al nostro sindaco tombolillo sulla passività di iniziative e doveri che gli competono nella salvaguardia del diritto alla salute e del territorio appaiono fuori luogo perché vengono ignorate le riunioni gli incontri le assemblee e i controlli esterni che hanno interessato questa amministrazione terminati i lavori di manutenzione straordinaria potremmo finalmente porre fine a questo balletto di accuse

[close]

p. 13

cultura chiusura in bellezza e bilancio assolutamente positivo per l edizione 2011 del norma musica festival manifestazione che per il terzo anno consecutivo si è tenuta all interno delle strutture dell hotel villa del cardinale a norma a parlare della kermesse iniziata alla fine di giugno e conclusa la prima settimana di settembre è il presidente dell accademia musicale il seminario marino cappelletti direttore artistico della manifestazione che ogni anno porta centinaia di studenti da tutto il mondo per perfezionare le proprie capacità sugli strumenti classici ovvia la soddisfazione del maestro per la riuscita di un evento che nel corso degli anni è cresciuto in maniera esponenziale facendo tesoro delle esperienze maturate e cercando di migliorare la qualità del servizio offerto ai musicisti non posso che ritenermi assolutamente soddisfatto esordisce marino cappelletti per come è andata questa edizione del norma musica festival come al solito sono state tantissime le richieste sia da parte degli studenti che da parte degli insegnanti che si sono calati alla perfezione in questa realtà ed hanno messo a disposizione tutte le loro competenze e la loro professionalità per permettere a noi organizzatori di godere dei risultati raggiunti 25 docenti dal mese di giugno alla prima settimana di settembre hanno tenuto i loro corsi all interno di queste splendide strutture permettendo a oltre 200 studenti di partecipare a questo campus estivo di studio e di lavoro molti musicisti infatti sono venuti qui a trascorrere giorni di studio per accedere a selezioni per importanti concorsi musicali e questo ci rende ancora più orgogliosi di quanto siamo riusciti a raggiungere non posso esimermi ha proseguito cappelletti dal ringraziare tutti dai docenti agli studenti passando per i responsabili dell hotel villa del cardinale e tutto lo staff dell albergo che si è dimostrato particolarmente attento e disponibile alle esigenze degli ospiti un particolare ringraziamento lo voglio fare all amministrazione comunale di norma che compatibilmente alle esigenze si è messa a disposizione permettendoci anche alcune uscite all interno del paese oltre naturalmente a tutti quelli che nel corso di questi due mesi hanno deciso di assistere ai concerti che man mano venivano eseguiti dagli studenti delle classi dei loro strumenti ci tengo a ringraziare ha concluso cappelletti anche la ditta napolitani che ci ha dato la possibilità di disporre di pianoforti all interno delle camere dell hotel elemento fondamentale e arma in più per i nostri successi insomma un bilancio decisamente positivo che porta gli organizzatori a guardare con ottimismo alla prossima stagione già per ottobre sono previste alcune masterclass poi nel periodo natalizio regaleremo ancora momenti di grande musica classica per la prossima stagione conclude cappelletti non voglio svelare segreti ma posso già dire che a giugno ci sarà un ritiro di pianisti sotto i 16 anni soddisfazione per l edizione 2011 del festival è stata espressa anche dai responsabili dell hotel il direttore francesco michini e maderu pincione responsabile del centro benessere dice michini l annata è stata sicuramente positiva con studenti e docenti che si sono trovati benissimo e non vedono l ora di ripetere questa esperienza nelle prossime edizioni il lavoro dell accademia musicale è ormai diventato un valore aggiunto alla nostra struttura e a beneficiarne è anche il turismo in questi luoghi che altrimenti molti non riuscirebbero a conoscere gli fa eco maderu pincione che cura il centro somatico e che annuncia novità per le prossime edizioni stiamo lavorando per permettere ai ragazzi e ai docenti di poter sfruttare nel migliore dei modi il centro benessere all interno della struttura e posso affermare che stiamo studiando dei pacchetti da proporre nelle prossime edizioni per associare lo studio e lo sviluppo dello strumento con il rispetto del proprio corpo a cominciare dai problemi di postura mondore@le numero 105 23 settembre 2011 chiusura in grande al norma musica festival numeri importanti nel bilancio del presidente dell accademia musicale il seminario marino cappelletti e dei responsabili di villa del cardinale francesco michini e maderu pincione

[close]

p. 14

cultura mondore@le numero 105 23 settembre 2011 cantagirando 2011 nel segno di ranellucci il giovane maentino trionfa nonostante l agguerrita concorrenza matteo fa suoi tutti e tre i premi una borsa di studio della melody music school il premio della critica e quello dell a.pm matteo ranellucci è il vincitore dell edizione 2011 del cantagirando c ero anch io manifestazione canora ideata e organizzata dall associazione clan syrio di sezze un edizione iniziata il 6 luglio e conclusasi sabato 17 settembre 2011 all auditorium mario costa di sezze sette le edizioni per questa kermesse divenuta ormai appuntamento fisso delle estati della provincia di latina importante il premio che ranellucci classe 1993 ha portato a casa il giovane maentino potrà seguire i corsi di canto presso l accademia melody music school di michelangelo tagliente grazie alla borsa di studio offera dall associazione clan siryo ma andiamo con ordine e ripercorriamo le tappe della gara che già promette per l edizione 2012 tante novità anche in fase di selezione dei partecipanti il battesimo si è tenuto in località colli di suso in occasione della iv sagra della panzanella organizzata dall associazione la compagnia un esordio che ha riscosso grande successo di pubblico ed ha mostrato il format che si sarebbe ripetuto ogni volta sempre arricchito ad accompagnare i diciotto cantanti in gara i balli della scuola di danza della palestra gym up di cinzia frasca con le coreografie della ballerina professionista daniela persichino le allieve e gli allievi del gruppo intermedio e principianti hanno di volta in volta regalato balletti sulle note di canzoni che hanno spaziato dagli anni sessanta fino ai giorni nostri altro appuntamento fisso sono state le esibizioni del presidente dell associazione clan syrio antonello pellegrini nei panni di adriano celentanto piccoli momenti di break che hanno permesso ai cantanti di staccare la spina e allegerire la tensione della sfida alla comicità ci ha pensato invece luigi tasciotti con i suoi sketch da nonno paparino al tg chiotto a seguire l intero percorso del cantagirando c è stata la giornalista paola bernasconi in qualità di presentatrice la giuria che invece ha valutato i ragazzi e le ragazze è stata di volta in volta diversa formata da tre esperti del settore che hanno assegnato punteggi in base a tecnica presenza scenica e interpretazione dopo sezze è stata la volta di aprila il 30 luglio una piazza roma gremita ha accolto la manifestazione ospiti della serata la cantautrice dhesia tatiana caponera ed il cantante lirico valerio pagano entrambi in giuria durante la finalissima del 17 settembre il 6 agosto il cantagirando si è spostato a priverno in occasione della festa del tricolore nella centralissima piazza del comune la gara ha continuato il suo percorso arricchen14 dosi della collaborazione della locale scuola di danza dancetteria la settimana successiva è stata la volta della tappa di pontinia mentre il 20 ci si è spostati tutti a roccagorga in piazza vi gennaio fondamentale la tappa di norma il 4 settembre serata della semifinale la serata è stata inserita all interno dei festeggiamenti per la madonna del rifugio ed ha visto l eliminazione di due dei partecipanti che si sono andati a sommare alla rinuncia di altri quattro dodici i cantanti che si sono quindi aggiudicati la finale al costa una finale che ha visto una giuria composta da otto elementi michelangelo tagliente della melody music school rita speranza da amici dhesia tatiana caponera valerio pagano la speaker susanna scalzi di radio studio 93 il chitarrista fabio morosillo e i giornalisti simone di giulio e luca morazzano di fronte ad un auditorium colmo la gara si è combattuta fino all ultimo minuto questi i sei finalisti in ordine crescente angela terella veronica mancini nicoletta scarpinella debora chinellato emilio savo e matteo ranellucci a fare incetta di premi proprio il vincitore che ha portato a casa anche il premio della critica il premio radio studio 93 consegnato da susanna scalzi e il premio offerto dalla a.p.m production lo studio di registrazione dove è stata registrata la compilation cantagirando 2011 consegnato da marco napoli siamo molto soddisfatti del successo riscosso in ogni tappa di questa edizione dichiara pellegrini e vorrei approfittare per ringraziare ancora un volta lo staff composto dal vicepresidente federico bernola giorgio bernabei vanessa bellocchi bruno spinosa alessandro petrianni noemi lombardi e pamela tumiatti appuntamento all anno prossimo per un edizione ancora più ricca di sorprese

[close]

p. 15

cultura di paola bernasconi mondore@le numero 105 23 settembre 2011 autunno e inverno sezze va a teatro torna la rassegna in.con.tra che porta al costa ben nove spettacoli da ottobre a dicembre anche quest anno sezze incontra il teatro grazie alla manifestazione organizzata dal comune di sezze in collaborazione con l amministrazione provinciale e la regione lazio terza edizione per la rassegna teatrale che si terrà all auditorium mario costa di sezze in località anfiteatro otto appuntamenti più uno fuori programma che accompagneranno il pubblico da venerdì 30 settembre a domenica 11 dicembre per gli abbonamenti contattare il numero 0773887184 ad inaugurare la compagna fools di roma con impossibili per la regia di rosa mascipinto un testo contemporanea sull italia moderna con i suoi difetti e le sue recessioni l appuntamento per chi fosse interessato è per il 30 settembre alle 21 a seguire domenica 9 ottobre alle 18 la locale compagnia le colonne con provaci ancora sam con la regia di giancarlo loffarelli un adattamento teatrale tratto dal film diretto da herbert ross a sua volta ispirato alla commedia di woody allen il critico cinematografico sam felix e il suo alter ego humphrey bogart in una storia estremamente divertente due ali una farfalla è invece il titolo del terzo spettacolo della rassegna che si terrà venerdì 28 ottobre alle 21 sul palco la compagna arte in corso per la regia di jonsi bascir il 4 novembre sempre alle 21 la compagna spazio t di alghero presenta il sentiero dei passi pericolosi una tragedia stradale regia di chiara murru una scenografia essenziale un tempo indefinito e tre attori a metà tra l essere morti ed il sentirsi tali per venerdì 25 novembre attesa invece la compagnia latitudine teatro di latina alle 21 lo spettacolo dna diretto di stefano furlan un brutto affare uno scherzo finito male e una ragazza che rimane sola con se stessa e le sue inquietudini la settimana successiva il 2 dicembre torna in scena una compagna setina stavolta alle 21 la matutateatro presenta matres per la regia di titta ceccano e julia borretti due giorni dopo è la volta della compagnia romana valdrada che mette in scena tu uomo la regia è di chiara becchimanzi per uno spettacolo dove si ride dei paradossi del lavoro in un susseguirsi di gag dove satira commedia farsa e clowenerie si intrecciano per domenica 11 dicembre attesa la compagnia sulle ali del vento di latina con pascà è perdute à capa regia di anna vollaro lo spettacolo fuori programma si terrà infine domenica 27 novembre alle 18 sul palco del costa la compagnia teatro della luce e dell ombra di roma con caligola per la regia di gennaro duccilli iniziato giovedì 15 settembre si concluderà domenica 2 ottobre si tratta dell oktoberfest città di latina giunto ormai alla sua terza edizione l arena del circolo cittadino di latina in piazza del popolo ospiterà ancora una volta questa manifestazione all insegna della tradizionale festa bavarese dove la birra e la gastronomia teutonica sono le protagoniste assolute abbiamo curato tutto nei minimi particolari per ricreare la giusta atmosfera sulla scia della festa della birra più popolare del mondo che ogni anno a monaco di baviera coinvolge milioni di visitatori così nelle parole dell organizzatore marcello la rocca a rispondergli il presidente del circolo cittadino sergio iucci siamo felici di ospitare questo evento vogliamo rilanciare questo luogo aprire le sue porte agli eventi culturali della città un occasione per i cittadini di latina e provincia per assaporare il clima festoso reso ancora più ricco dall orchestra bavarese die munchener freunde che ogni sera si esibirà dalle 18 fino a mezzanotte per questa sera previsto il secondo appuntamento con il latina jazz festival novità dell anno per l oktoberfest città di a tutta birra a latina c È l oktoberfest latina una due giorni interamente dedicata al jazz con concerti di artisti di fama internazionale curata dall organizzatore del maggio sermonetano massimo gentile alle 21 appuntamento con il francesco bruno quartet il chitarrista sarà affiancato da pierpaolo principato al pianoforte nicola angelucci alla batteria e francesco angiuli al contrabbasso a seguire trilogy paolo recchia che vede erasmo bencivenga al pianoforte tommaso tozzi alla batteria nicola borrelli al contrabbasso e paolo recchia al sax tenore e contralto ospiti della serata piotr wojtasik con la sua tromba e sylvester ostrwski al sax martedì 27 settembre sarà la volta della minima orchestra componibile alle 21.30 roberto d erme alla voce massimo gentile alla fisarmonica piergiorgio ensoli al pianoforte e marco libanori alle percussioni proporranno un repertorio ispirato alla tradizione popolare dove brani e strumenti moderni ed antichi si incontrano tutti gli eventi ed i concerti della manifestazione sono ad ingresso gratuito su internet la pagina facebook è oktoberfest latina p.b se il tempo regge c È un escursione di paola bernasconi l estate tarda ad abbandonarci e i fine settimana sono ancora momenti ideali per gite fuori porta per non allontanarsi troppo ma fuggire dalla noia cittadina quotidiana un escursione in canoa sul lago di paola è perfetta e lo diventa ancora di più aggiungendo una capatina alla villa di domiziano sulla sponda orientale del lago ad offrire questa interessante opportunità tell cultura ambiente e territorio in collaborazione conwaterlife lake club la prima è un agenzia di servizi per i beni e le attività culturali nata proprio per offrire servizi che contribuiscano a valorizzare l offerta culturale del territorio il secondo è invece il nuovo circolo sul lago di paola nato nel luglio del 2010 l iniziativa proposta si svolgerà domenica 25 settembre e rientra nel programma passeggiando che ha già all attivo escursioni ad esempio all antica norba o presso il lago di fogliano storia archeologia natura ed enogastronomia sono gli aspetti che caratterizzano questi eventi quello di domenica prevede una quota di partecipazione di venti euro a persona che comprende il noleggio delle imbarcazioni una guida lacustre per assistenza sulle imbarcazioni e la visita guidata alla villa di domiziano appuntamento alle 9 presso il circolo waterlife in via dei casali di paola a sabaudia da qui partirà l escursione con un introduzione al parco nazionale ed al lago di paola a questo punto si partirà in canoa verso la villa di domiziano dove si attraccherà per la visita questo è il comprensorio archeologico maggiore del circeo risalente al i secolo d.c che si estende per oltre quaranta ettari molto interessanti le opere idrauliche ed il sistema delle cisterne di alimentazione che si resero necessarie all epoca per la mancanza di sorgenti vicine per info e prenotazioni potete l indirizzo è info@tell-cat.it il sito www.tell-cat.it il numero di telefono 3281112646 15

[close]

Comments

no comments yet