Termine corsa, di Albina Olivati

 
no ad

Embed or link this publication

Description

Anteprima

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

EDU Edizioni DrawUp www.edizionidrawup.it Collana Élite

[close]

p. 4

Collana Élite TERMINE CORSA di Albina Olivati Proprietà letteraria riservata ©2017 Edizioni DrawUp Latina (LT) - Viale Le Corbusier, 421 Email: redazione@edizionidrawup.it Sito: www.edizionidrawup.it Progetto editoriale: Edizioni DrawUp Direttore editoriale: Alessandro Vizzino Grafica di copertina: AGV per Edizioni DrawUp I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte di questo libro può essere utilizzata, riprodotta o diffusa, con qualsiasi mezzo, senza alcuna autorizzazione scritta. I nomi delle persone e le vicende narrate non hanno alcun riferimento con la realtà. ISBN 978-88-9369-052-2

[close]

p. 5

Albina Olivati Termine corsa

[close]

p. 6



[close]

p. 7

CAPITOLO 1 Sondrio, termine corsa. La frase gli girava nel cervello mentre, seduto su una panca di legno, aspettava di essere chiamato dal magistrato. Il professor Ersilio Salvi era nervoso. Non aveva mai avuto a che fare con la giustizia e, per darsi coraggio, continuava a ripetersi il detto: Tutti i galantuomini almeno una volta nella vita entrano in tribunale. Consolazione inutile, si sentiva davvero al termine della corsa. L’altoparlante della stazione era stato profetico quando, una ventina di anni prima, una sera di novembre, era arrivato nella città circondata dalle montagne. Lui, che non voleva grane di alcun tipo, si era trovato a scoprire il cadavere di una sua conoscente. Le avevano sfondato il cranio col busto in bronzo di Toscanini, che lei teneva su una mensola vicino alla finestra del salotto. Terrorizzato, aveva chiamato la polizia, balbettando al telefono che la signorina Rosetta Bierzi era stata ammazzata. Abbassata la cornetta, al terrore dell’evento si era sostituito quello per le conseguenze. La prima fu la convocazione come persona informata dei fatti, ma si sentiva totalmente disinformato. L’ha fatto apposta, pur di mettermi nelle grane, si è fatta ammazzare. Salvi lo pensava sul serio, tendeva a riversare sugli altri la responsabilità delle sue piccole e grandi disgrazie. Rosetta Bierzi era il tipo di ricettacolo di colpe ideale. Aveva settantacinque anni, prima di andare in pensione, aveva lavorato alla biblioteca. Nessuno se la ricordava giovane, originaria di Parma, raccontava di aver incontrato il Maestro Toscanini, e ancora non aveva perdonato lo schiaffo. Salvi era convinto che raccontasse delle balle, le date coincidevano poco, ma per il quieto vivere taceva. La signorina era anche poetessa e aveva pubblicato, a sue spese, diversi volumetti. Non era mai stata sposata, cercava la mente eccelsa degna di lei, diceva. In realtà le cose stavano diversamente. Bassa, testone di capelli crespi, gambe storte, sedere a terra, spesso intrattabile, era il prototipo della 5

[close]

p. 8

TERMINE CORSA __________________________________________________________________ zitella di cui oggi si sono perse le tracce. Quando sorrideva però, sembrava addolcirsi, si muoveva anche con leggerezza, anzi, con grazia, rivelando un velo di fascino. Anni prima si era innamorata di un prete, che mai ricambiò, ma lei riviveva quell’avventura unilaterale, come se fosse stata vera. Capitava che in preda a una sorta di raptus passionale, si precipitasse al pianoforte, strimpellando e cantando: Ah quell’amor, quell’amor, che palpito. Salvi era stato testimone degli scatti, ma dopo la prima volta, si era imposto di non reagire. Sapeva già tutto e non aveva voglia di sentirsi ripetere la storia. La frequentava, perché era la segretaria del circolo culturale Il Poggio, al quale si era iscritto per disperazione. La panca fuori dall’ufficio del dottor Angelo Carboni era di legno come il sedile del treno che l’aveva portato a Sondrio. Le carrozze di seconda classe erano così. All’epoca aveva trent’anni e stava per entrare in una nuova fase della vita. Aveva lasciato il Piemonte, stanco e con tanta voglia di cambiare. Al paese del Monferrato, aveva una sorella sposata, un paio d’amici e la madre al cimitero. Poi solo i ricordi di anni tristi, la guerra, il dopo, il padre che se ne era andato senza spiegazioni. Almeno a lui. Lavorando e studiando, si era laureato in economia e commercio. Amava l’arte e la letteratura, eppure aveva scelto studi lontani dalle sue inclinazioni, ma la madre, che sperava per lui la sicurezza economica, l’abitudine a stare tra le difficoltà e una sottile tendenza al vittimismo, gli avevano fatto accettare la strada più scomoda. Aveva lavorato in banca, lasciando l’impiego, dopo aver sepolto la mamma, per darsi all’insegnamento. Vinto il concorso si era ritrovato da un giorno all’altro in Valtellina, insegnante di matematica in un istituto tecnico. Sceso dal treno, si sentì le montagne addosso e l’annuncio termine corsa lo visse come un epitaffio. Un vecchietto gli si avvicinò, era Celso il facchino. Salvi, più per compassione che per necessità, lo lasciò trafficare. L’ometto faceva 6

[close]

p. 9

Albina Olivati __________________________________________________________________ fatica, il peso delle valigie lo piegava. «Non ha un carrello?» «Sì». «E non lo usa?» «Pazienza, signore, è là in fondo». La conversazione finì lì. L’unico taxi era partito, così il professo- re e Celso, che intanto aveva caricato i bagagli su una carriola, si avviarono lungo il viale. La casa in cui aveva trovato un piccolo appartamento non era lontana, ma a Sondrio, tutto era vicino. Era nel quartiere vecchio della città. Grazie all’aiuto di un amico prete, che conosceva uno dei canonici della collegiata, era stato messo in contatto con la signora Bianchetti, Alda Bianchetti. Sposata con un ingegnere, che aveva passato la vita a costruire dighe anche in Africa, affittava i suoi appartamenti - ne aveva cinque - solo a persone referenziatissime e se le referenze arrivavano da santa madre chiesa, meglio. Lei lo stava aspettando. Pagato il facchino, che aveva portato le valigie al secondo piano, facendosi le scale - l’ascensore non esisteva - Salvi suonò il campanello. «È il professore? Oh, ben arrivato, venga che le faccio vedere». Salvi si lanciò in un baciamano con inchino che lasciò la Bianchetti estasiata. «Venga, venga. Ecco questa è la cucina, piccola vede, ma tanto lei è solo. Qui c’è la stanza da letto, lo studio-salottino e poi il bagno con acqua calda e fredda». Lui ascoltava e non vedeva l’ora di restare solo. Gli era presa una sottile angoscia. Si sentiva perso, in quel momento odiava la donna, la vedeva ingiustamente come un’approfittatrice. Avrebbe voluto urlarglielo e pur capendo l’assurdità dell’atteggiamento, non riusciva a calmarsi. «Non sta bene, professore?» Si capiva che le piaceva pronunciare la parola professore, aver un inquilino con quel titolo quasi la eccitava. «No, no, sto bene. Sono stanco. Sa, il viaggio, il cambiamento». «Allora la lascio, firmi pure il contratto con comodo, domani pas- 7

[close]

p. 10

TERMINE CORSA __________________________________________________________________ so a ritirarlo. Ha visto vero? Pagamento con bonifico al 26 di ogni mese, più tre anticipati». «Firmo subito, così risolviamo, signora». Pur di togliersela dai piedi, avrebbe messo il suo nome ovunque. E quell’otto novembre cominciò la nuova vita. Il giorno dopo, scoprì che l’unica edicola, nel pomeriggio, apriva alle quattro e mezzoquasi cinque, perché il titolare doveva fare il pisolino, che il preside della scuola era uomo rigoroso con una debolezza: l’opera lirica, che le colleghe erano in numero maggiore dei colleghi e che gli studenti erano diffidenti verso chi veniva da fuori. Ma l’atteggiamento era applicabile a tutti. Era il modo sondrasco di accogliere il resto del mondo. Salvi si accorse di aver del tempo libero, così cominciò a frequentare assiduamente la parrocchia, la biblioteca, il cineclub, aggiungendo, per un certo periodo, all’insegnamento diurno quello serale, in una scuola privata. Monsignor Ernesto Cortoni era uomo di cultura e il professore conversava con lui volentieri. Quando gli propose di fare il lettore durante le funzioni, accettò. Aveva una bella voce, senza cantilena. Il professore poi era alto, robusto, capelli rossi e ricci. Passava per un bell’uomo. Le beghine avevano una ragione in più per andare in chiesa. Salvi era scapolo e lo sarebbe rimasto, perché la donna che voleva, servizievole, devota, intelligente, silenziosa, disposta a seguirlo e ad ascoltarlo e soprattutto poco incline al sesso, non sarebbe mai nata. Eppure, quelle sante donne sembravano risvegliate. Sicure che sarebbe stato meglio essere mal accompagnate che sole, ognuna si lanciava a modo suo. Il povero Salvi veniva invitato a pranzo alla domenica. Si era instaurato una sorta di turno. Era accaduto tacitamente. Lui arrivava coi fiori o le paste. Da uomo educato gli sembrava il minimo. In particolare, tre mature signorine si erano messe in testa di accaparrarselo. La parola conquista non esisteva nel loro vocabolario. La Nina, la Pinta e la Santamaria avevano trovato un interesse nuovo. I soprannomi erano conio del Ceno, abbreviazione di Nepo- 8

[close]

p. 11

Albina Olivati __________________________________________________________________ muceno, proprietario del Barello, il bar di fronte alla chiesa. L’aveva chiamato così per mantenere un legame tra il lavoro e la sua vocazione. Era volontario in un’associazione che accompagnava i malati a Lourdes. Bestemmiatore e capace di sgranare volgarità fantasiose, aveva l’immagine dell’arcangelo Raffaele nel portafoglio e un paio di volte all’anno partiva per i pellegrinaggi. Con riservatezza, diceva ai clienti che andava a farsi un clisterone all’anima. Non avrebbe mai ammesso la necessità mistica. Al ritorno, risciacquato nello spirito, riprendeva. I suoi gli avevano dato quel nome in onore di san Giovanni Nepomuceno. Protettore dei ponti dalla furia delle acque, ha effigi disseminate per l’intera valle. Molte famiglie, per ingraziarselo, battezzavano con l’appellativo i figli. Giovanni avrebbe potuto creare equivoci con l’evangelista e Dio sa quanto i montanari siano pragmatici e precisi. Tutti i Nepomuceno poi si trasformavano in Ceno. Quello del Barello, quando vedeva le tre transitare in ordine sparso e scomparire dietro il portale, mormorava, stecchino in bocca: «Vanno a spolverare l’organo». Ammanniva la frusta battuta ai nuovi clienti, mentre i vecchi gliela sollecitavano. Le signorine ignoravano di essere al centro delle considerazioni più basse. Sfarfallavano attorno agli altari, raccoglievano l’elemosina durante le funzioni, sistemavano i fiori. Classificate di mezza età, stavano in quel limbo da sempre. La Nina era Lucia, tracagnotta e con una certa vivacità, aveva una merceria, la Pinta, Franca, maestra di canto, non sarebbe stata una brutta donna, però era sciatta. Abbastanza alta e magra, camminava leggermente incurvata, muovendo ritmicamente le spalle. La Santamaria, Mariuccia, viveva con la madre, che la comandava a bacchetta. Maniaca della pulizia, riversava gran parte di questa fissazione sull’altare di Sant’Antonio, indubbiamente il più in ordine di tutta la diocesi. Piccola e ossuta, si metteva in prima fila alle messe solenni. L’arrivo di Salvi fu come un colpo d’aria nel pollaio. 9

[close]

p. 12

TERMINE CORSA __________________________________________________________________ Monsignor Ernesto gli aprì gli occhi. «Caro Salvi, non alimenti speranze». «Quali speranze?» «Le nostre signorine». «Io monsignore, lo sa, me ne guarderei bene». «Se ne guardi di più». Fine dei pranzi. La donna che gli faceva i mestieri in casa, fu la prima ad accorgersi della variazione dei programmi, perché dovette cominciare a preparare qualcosa per la domenica, ma non fece domande e il professore imparò, prima che diventasse una moda obbligata dai ritmi di vita, cosa fosse il piatto freddo. Salvi, per un po’, si preoccupò, aveva orrore delle chiacchiere, che ci furono, più in veste di battuta che altro. Fortunatamente durarono poco, per un semplice motivo, tra valtellinesi e pettegolezzo non è mai esistita parentela. Dopo un periodo di ritiro, si era lanciato nelle attività del circolo culturale, stando ben attento a non andare oltre le sue mansioni: rassegna stampa, lettura delle poesie e dei brani di prosa scritti dai soci, organizzazione incontri. Frequentava, anche se saltuariamente, la casa della Bierzi, perché coram populo la signorina era ormai considerata al di là di ogni tentazione. Con gli anni, la sua robustezza si era trasformata in grassezza, il rosso dei capelli virava al giallo sbiadito, ma la bella voce non era cambiata. Anche quando spiegava a scuola, i ragazzi lo ascoltavano volentieri, poi li sapeva interessare. Dalla matematica passava alla musica, al cinema, alla letteratura. Gli scolari gli volevano bene e gli scusavano gli scatti isterici e le impennate di quando si arrabbiava, per una frase sbagliata di un collega. Salvi era permaloso. 10

[close]

p. 13

Albina Olivati __________________________________________________________________ CAPITOLO 2 Aspettava da più di mezz’ora. Perché il magistrato non lo faceva entrare? Voleva prenderlo per i nervi? Farlo crollare? Ma crollare cosa? Mica era un assassino. La giornata era cominciata malissimo. Il giornale locale aveva titolato in prima pagina: Donna uccisa in casa, mentre il catenaccio urlava: Un amico scopre il cadavere. Già essere considerato amico della Bierzi, per Ersilio Salvi era un’offesa. Il pezzo cominciava così: Il cranio sfondato, il sangue anche sulle pareti. Il busto in bronzo raffigurante il noto direttore d’orchestra Arturo Toscanini sporco di materiale ematico e cerebrale per terra, probabile arma del delitto. Questa la scena apparsa davanti agli occhi del professor Ersilio Salvi, 55 anni residente in città in via Quadrio, ma originario del Piemonte, che ieri pomeriggio alle ore 15,31 circa, ha rinvenuto il cadavere di Rosetta Bierzi... Italiano a parte, era uno sputtanamento. Ma non era finita. Il Salvi, dopo i primi attimi di disorientamento, ha chiamato la polizia, dando l’allarme. Sul posto sono prontamente arrivati gli agenti della Questura con il commissario Riccardo Dominielli... Il Salvi. «Ho già l’articolo determinativo davanti al cognome come i criminali». Più avanti: Il docente di matematica all’istituto professionale è stato convocato dal pm, il dr. Angelo Carboni, come persona informata dei fatti. «Sputtanamento numero due. Domani vado al giornale e mi sentono». Si aprì una porta e uscì un giovane poliziotto, Carmelo Sesti. Il professore lo riconobbe, era stato suo scolaro alle serali. Si era diplomato ragioniere e si era iscritto all’università. Voleva laurearsi e magari fare carriera. «Sesti, che piacere vederti». L’agente sorrise un po’ imbarazzato. «Buongiorno signor professore. Il dottore l’aspetta». 11

[close]

p. 14

TERMINE CORSA __________________________________________________________________ Ci rimase male, avrebbe voluto scambiare due chiacchiere, saggiare il terreno, sapere qualcosa di Carboni. Mettersi a suo agio, perché era agitato. Lì per lì decise di andare all’attacco, per mettere così i puntini sulle i. La sua concezione di attacco era molto personale «Buongiorno dottore. Io non so niente». «Come non sa niente? L’ha trovato lei o no il cadavere?» «Sì, ma finisce qui. Sono andato dalla povera Bierzi, ho suonato il campanello e siccome non mi rispondeva ho toccato la porta. Se si ritirava nel giardinetto sul retro, non sentiva. Io entravo lo stesso e davo la voce». «Lasciava la porta aperta?» «A volte dimenticava di chiuderla». «Vada avanti». «Sono entrato chiamando signorina Rosetta, ho fatto pochi passi e l’ho vista. Sono rimasto di sale, poi mi sono come scosso e ho telefonato al 113. L’ho detto anche al commissario». «Che amicizia era la vostra?» «Non era amicizia». «Inimicizia, professore?» «Neanche». «Si spieghi. Perché era andato da lei? A che ora è uscito di casa?» E Salvi cominciò a raccontare, cercando di essere preciso il più possibile. Era uscito alle tre, doveva incontrarsi con la Bierzi una mezz’ora dopo. Doveva portarle delle bozze che aveva corretto. Il circolo avrebbe pubblicato un volume per Natale, in cui era raccolta una scelta di scritti dei soci. Il professore si era limitato a sistemare gli errori di battitura, nessun ritocco allo stile. «C’è chi si sente il Manzoni». E così tra brezze serotine e garrule grida, si srotolavano racconti di vita mai vissuti. Ma non importava, il passatempo era innocuo e aveva anche dei lati positivi. Il gruppo, con la scrittura, riusciva a 12

[close]

p. 15

Albina Olivati __________________________________________________________________ saltare il cerchio della solitudine. Le piccole invidie, le rivalse e pure le soddisfazioni erano come un ricostituente per quelle anime che avevano bisogno di autoaffermarsi. Una era stata assassinata e l’assassino era fra loro? Salvi se lo chiese mentre raccontava. La Bierzi abitava in una casa costruita contro la roccia, al limite di una strada acciottolata che portava verso la montagna. Guardava dall’alto la città. Di colore rosso, era battuta dal sole. Volendo, la si poteva raggiungere in auto, la strada era una scorciatoia che collegava una piccola frazione, c’era anche la provinciale, che si avvitava alle spalle della costruzione e portava in Valmalenco. Salvi usava pochissimo la macchina e poi gli piaceva quell’itinerario. La casa della Rosetta era in una posizione invidiabile, ma scomoda per lei che soffriva di mal di gambe. Su due piani, aveva anche il solaio, ormai pieno di vecchi giornali, e la cantina. L’ingresso si apriva direttamente sul salotto di mobili antichi, diceva lei, vecchi pensava Salvi. Centrini e oggetti d’argento riempivano i ripiani. Su un tavolino c’erano fogli di carta tenuti fermi da una penna stilografica. Era lì che componeva, scrivendo a mano. «Poesie modeste dottore, ma con uno stile riconoscibile. Ricordava alla lontana, alla lontana però, Arpalice Cuman Pertile, una brava poetessa per bambini». E cominciò a recitare. O Sole, o Sole, quanto risplendi la terra il cielo più belli rendi: ridono le acque, le fronde, i fiori, gli uccelli cantano festosi cori. «Se la ricorda dottore? Lei è di quella generazione che alle elementari ha studiato le sue poesie». Carboni strinse gli occhi. «Vada avanti e venga al dunque» 13

[close]

Comments

no comments yet