MEMORIE URBANE CATALOG 2016

 

Embed or link this publication

Description

FIFTH EDITION CATALOG OF THE ITALIAN STREET ART FESTIVAL

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

PREFAZIONE FOTO DI FLAVIA FIENGO FOTO DI ARIANNA BARONE IT Il 2016 ha visto il festival spegnere la quinta candelina. Un gran bel traguardo, che forse non ci aspettavamo neanche noi, in particolare se guardiamo al numero di cittadine coinvolte nel progetto. La quinta edizione ha segnato un cambio di passo, trasformando Memorie Urbane da street art festival a urban festival. Una rivoluzione non solo lessicale ma del concept della rassegna stessa, che si evolve in linea con le mutazioni dei linguaggi urbani che va ad affrontare. Questa edizione infatti ha visto artisti come David Oliveira e Isaac Cordal lavorare con le loro famose installazioni e sculture per le strade, ma soprattutto ha portato alla nascita di uno nuovo quartier generale, uno spazio che per tanto tempo abbiamo desiderato, dove poter far esprimere artisti di profilo internazionale e poter incontrare e dibattere con le persone che ci seguono e che si appassionano all’arte contemporanea ed urbana. Street Art Place, nata nel 2014 come galleria online per sostenere il festival, ha visto la sua rinascita in un luogo fisico nel marzo 2016 a Gaeta Medievale, al civico 14 di Piazza Traniello. In 10 mesi siamo riusciti a realizzare 7 mostre - 4 personali e 3 collettive - con artisti internazionali che ci hanno portato la loro visione e offerto il loro contributo, che va esattamente nella nostra direzione. Il nostro obiettivo, infatti, è quello di mettere in mostra e discutere delle diverse prospettive e correnti artistiche, mettendo in relazione individui ed esperienze provenienti da culture differenti, latitudini differenti, religioni e società differenti. Credo che questo aspetto racchiuda l’idea di partecipazione a una mostra: contemplare le opere, osservare, immergersi nella mente di un artista, decifrare, ricodificare, esprimersi e infine sperimentare. Davide Rossillo Curatore, Fondatore di Memorie Urbane e Street Art Place EN 2016 saw the festival blowing out the fifth candle. A great goal that maybe we weren’t expecting, especially if we look at the number of towns involved in the project. The fifth edition marked a change of pace, transforming Memorie Urbane from a street art festival to an urban festival. UNot only a lexical revolution but of the concept of the show itself, evolving consistent with the mutations of urban languages that it faces. This edition saw artists such as David Oliveira and Isaac Cordal working with their famous installations and sculptures in the streets, but above all led to the emergence of a new headquarters, a space that we have wished for so long, where internationally renowned artists can express and where to meet and discuss with the people who follow us, and who are passionate about contemporary and urban art. Street Art Place, launched in 2014 as an online gallery to support the festival, experienced a physical evolution in March 2016 Gaeta Medievale, at number 14 of Piazza Traniello. In only 10 months we hosted 7 exhibitions – 4 personnel and 3 collective – with international artists bringing their point of view, which goes exactly in our direction. Our purpose is to show and discuss about the diverse perspectives and art movements, putting together individuals and experiences coming from different cultures, different latitudes, different religions and societies. I believe that this aspect encloses the idea of taking part to a show: to contemplate the pieces, to observe, to immerse himself in the mind of an artist, to decipher, recode, express himself and finally to experiment. Davide Rossillo Curator, founder of Memorie Urbane and Street Art Place

[close]

p. 4

CREDITS PROGETTO E COORDINAMENTO PATROCINIO Comune Comune di Gaeta di Caserta Comune di Terracina Comune Comune Comune Comune di Cassino di Fondi di Valmontone di Formia Comune di Arce Comune di San Cosma e Damiano Comune di Itri Web Site: www.memorieurbane.it Social: Facebook: MemorieUrbane - Twitter: MemorieUrbane - Instagram: MemorieUrbane Organization: Turismo Creativo – via Marina di Serapo 18, Gaeta Italy -+39.0771.460978 - info@memorieurbane.it Curator: Davide Rossillo // Turismo Creativo Press: Mint List Roma Text: Davide Rossillo, Andrea Polidoro, Maurizia Di Nata // Turismo Creativo English Text: Andrea Polidoro Graphic and Web: Max Ambrox // Turismo Creativo Photo: Flavia Fiengo // Arianna Barone // Ilaria Tortoriello // Za bot // Persichino // Giovanni Federici // Francesca Colonnelli Cover and back cover: Lonac at work in Casino photo Flavia Fiengo Internal cover 1: Sepe & Chazme at work in Fondi photo Arianna Barone Internal cover 2: Joys in SS. Cosma e Damiano photo Giovanni Federici Copies: 1.500 TECHNICAL PARTNER Comune di Latina WWW.GRAFFITSHOP.IT

[close]

p. 5

PROGETTO IT Memorie Urbane nasce nel 2011 da un’idea di Davide Rossillo, presidente di Turismo Creativo, da sempre sostenitore dell’arte contemporanea come elemento di dinamismo culturale e strategia di crescita socio-economica, culturale e turistica. L’obiettivo del progetto è portare “allo scoperto” la pratica artistica contemporanea, in particolare l’arte urbana, come arte di frontiera, ponendola a stretto contatto con il territorio al fine di stimolare un processo di interazione e contaminazione reciproca. Una formula ormai collaudata, che ha portato il festival ad evolversi e a diventare, in sole 5 edizioni, il più grande d’Italia, con oltre 30 artisti invitati ogni anno da tutto il mondo e la partecipazione di un territorio molto vasto e che ha interessato nel 2016: Gaeta, Terracina, Fondi, Formia, Valmontone, San Cosma e Damiano e Cassino. Memorie Urbane, nel corso della sua giovane storia, ha creato un laboratorio artistico a cielo aperto degno delle principali capitali europee, con più di 170 interventi realizzati. Un mondo di opere, una rete di artisti e un universo di colori che le persone vivono direttamente sui muri della propria città e contribuiscono a realizzare, prendendosi cura con entusiasmo degli artisti e del lavoro che questi regalano al territorio, in luoghi molto spesso abbandonati. La nostra determinazione ha portato le città coinvolte nel cuore della produzione culturale di qualità internazionale per farle diventare sempre più meta di appassionati alla più divertente, esplosiva e democratica forma di arte contemporanea, amata dalle persone di tutte le età, la Street Art. Tutto questo è stato reso possibile dalle amministrazioni che hanno aderito al progetto e da tutte le associazioni che si sono prodigate per migliorare le cittadine in cui vivono e credono, continuando a farlo. EN Memorie Urbane was born in 2011 from an idea by Davide Rossillo, president of Turismo Creativo, who has always been a supporter of contemporary art as an element of cultural dynamism and socio-economical, cultural and touristic growth. The goal of the project is to expose the contemporary artistic practice, in particular the urban art, as an art of border, putting it in close contact with the territory in order to stimulate a process of interaction and mutual contamination. A tried and tested formula that led the festival to evolve and become, in just five editions, the largest in Italy, with more than 30 artists invited every year from around the world and the participation of a vast territory involving different provinces: Gaeta, Terracina, Fondi, Formia, Valmontone, Santi Cosma e Damiano and Cassino. Memorie Urbane, during its brief history, created an open air artistic laboratory worthy of the main European capitals, with more than 170 interventions realized. A world of works of art, a network of artists and a universe of colors that people live directly on the walls of their city and help to achieve, taking care with enthusiasm of the artists and of the contribution that they give to the territory, often in abandoned places.Our determination led the cities involved in the very heart of the cultural production of international quality to make them more and more a destination for fans to the most funny, explosive and democratic form of contemporary art, loved by people of all ages, the Street Art. All of this was made possible by the administrations that joined the project and by the associations who devoted themselves to improve the towns in which they live and believe, continuing to do so. Coltivare l’arte, per rendere fertile il nostro territorio. To cultivate the art, to make our land fertile

[close]

p. 6

ASSOCIAZIONI IT ENNata nel 1999 AICE Turismo Creativo, negli anni ha toccato Established in 1999, over the years AICE Turismo Creativo molte sfere dei linguaggi artistici contemporanei, lo scopo (Creative Tourism) has touched many spheres of contem- è sempre stato quello di esplorare nuove frontiere creative porary artistic languages. The aim of the organization has “umane” nello splendore del territorio. always been to explore new creative frontiers. Giovane associazione capitanata da Marco Fauciello che si muove su Terracina nell’ambito dell’entertainment e dello sviluppo artisto, molto vicina alle tematiche di Turismo Creativo, crede in un città dinamica e colorata. Led by Marco Fauciello, this relatively young organization operates out of the city of Terracina. It promotes entertainment and artistic development, believing that a city should be colorful and dynamic. Basement Project Room è uno spazio espositivo che diventa punto di raccolta delle ultime e più interessanti tendenze in ambito artistico e culturali, dai linguaggi più tradizionali a quelli più innovativi. www.basementprojectroom.blogspot.it The gallery brings together the latest and most interesting artistic and cultural trends, hosting exhibitions/projects related to contemporary art, from the most traditional to the most innovative artistic disciplines. www.basementprojectroom.blogspot.it Il Quadrato è un’ Associazione Culturale nata a Latina e poi sviluppatasi in Provincia, tra cui Fondi, si dedica al ricordo ed alla memoria storica attraverso varie arti. È promotrice del recupero della Chiesa di San Martino in Fondi. Originally established in the city of Latina, eventually developed in other cities including Fondi. The organization is able to promote the historical memory of the territory. Il Quadrato is also responsible for the promotion and recovery of selected monuments Giovanissima associazione che nasce con l’intento di riqualificare e valorizzare Valmontone e i suoi siti artistici e archeologici, purtroppo sconosciuti o in degrado. Volendo portare a Valmontone un turismo nuovo e creativo. Very young association that is born with the aim to retrain and to improve Valmontone and its artistic and archaelogical places, unfortunately unknown or degraded. Aiming to bring in Valmontone a new and creative tourism. L’Associazione “UrbOfficinA” nasce in ambito universitario, dall’intuizione di un gruppo di studenti di Architettura. Il suo operato mira all’elaborazione di modelli di rivitalizzazione, riuso e sviluppo dei centri storici urbani, che le città storiche possiedono. L’associazione Emmequadro nasce a Minturno da un gruppo di giovani decisi a promuovere la riqualificazione del territorio attraverso eventi che siano da stimolo alla partecipazione attiva della comunità, promuovendo il benessere culturale collettivo. The “UrbOfficinA” Association was founded at the university, by the intuition of a group of architecture students. His work aims to develop models of revitalization, reuse and evolution of historic urban centers, that historic towns own. Emmequadro was founded in Minturno by a group of young people willing to promote the requalification of the area through events encouraging social aggregationand the active participation of the community, promoting the common cultural wellness.

[close]

p. 7

ARTISTI

[close]

p. 8

ADD FUEL PORTOGALLO PRIMA ITALIANA PER MEMORIE URBANE 2016 HA REALIZZATO UN INTERVENTO A FORMIA ED UNO GAETA ARTISTI

[close]

p. 9

lasse 1980, Diego Machado alias Add Fuel è un disegnatore, grafico e IT Cstreet artist portoghese. Fortemente legato alle tradizioni del paese natio, Add Fuel si è affermato nel mondo dell’urban art grazie ad un’originalissima rielaborazione delle azulejo, piastrelle in ceramica tipiche della tradizione decorativa portoghese. Le sue produzioni richiamano i classici motivi geometrici basati sulla simmetria, che l’artista rielabora con grande ironia grazie all’inserimento decorativo di elementi pop, di teschi, di cuori ed oggetti antropomorfi. Add Fuel crea le sue opere attraverso l’uso dello stencil, che gli consente di duplicare velocemente le sue piastrelle sulle pareti, componendo motivi molto estesi. Ama inoltre riprodurre effetti di profondità grazie alla tecnica del trompe-l’œil, dando luogo a illusioni ottiche che simulano pareti sovrapposte. Per la sua prima partecipazione al festival, Add Fuel ha realizzato due opere: una presso il muro perimetrale del cimitero di Maranola a Formia, l’altra su uno dei cancelli del campo da calcio di Serapo a Gaeta. EN Born in 1980, Diego Machado aka Add Fuel is a Portuguese illustrator, graphic designer and street artist. Strongly connected to the traditions of his native country, Add Fuel has established himself in the world of urban art thanks to an original reworking of azulejos, typical ceramic tiles of the Portuguese decorative tradition. His creations recall the classic geometric patterns based on symmetry, that the artist re-elaborates with great irony by inserting decorative elements of pop culture, skulls, hearts and anthropomorphic objects. Add Fuel creates his works through the use of the stencil, which allows him to quickly duplicate his tiles on the walls, composing very extensive motifs. He also like to reproduce depth effects thanks to the trompe-l’œil technique, resulting in optical illusions that simulate overlapping surfaces. For his first participation to the festival, Add Fuel realized two works: one near the perimeter wall of the cemetery of Maranola in Formia, the other on one of the gates of the Serapo football pitch in Gaeta. TUTTE LE FOTO DI FLAVIA FIENGO

[close]

p. 10

ALIAS GERMANIA PER MEMORIE URBANE 2016 HA REALIZZATO INTERVENTI A FONDI E GAETA ARTISTI FOTO DI FLAVIA FIENGO

[close]

p. 11

’artista di origine tedesca si avvicina al mondo dei graffiti negli anni ’90, IT Lnel 2000 realizza i primi stencils e nel 2003 si trasferisce a Berlino, dove adotta il suo moniker. Alias realizza stencils molto semplici, su pochi livelli e con un numero limitato di colori, principalmente il nero, il grigio, il rosso e il verde militare. Quello che colpisce delle sue opere è la scelta dei soggetti rappresentati, un esercito di bambini e adolescenti, con il chiaro intento di catturare l’attenzione dello spettatore e farlo riflettere su temi come vulnerabilità, solitudine e crisi personali. Le sue figure sono quasi sempre a grandezza naturale e si integrano perfettamente nello scenario urbano che le ospita. Già noto al pubblico per la sua partecipazione al festival nel 2015 ad Arce e Gaeta, è tornato nel 2016 per eseguire numerosi stencils tra Gaeta e Fondi. EN The German-born artist got close to the world of graffiti in the 90s, in 2000 he produced his first stencils and in 2003 moved to Berlin, where he takes up his moniker. Alias realizes very simple stencils, on a few levels and with a limited number of colors, mainly black, gray, red and army green. What strikes is the choice of the subjects represented in his works, an army of children and adolescents, with the clear intent of capturing the viewer’s attention and make him think about topics such vulnerability, loneliness and personal crises. His figures are almost always life-size and fit perfectly in the urban landscape that hosts them. Already known to the public for his participation to the festival in 2015 in Arce and Gaeta, he came back in 2016 to compose numerous stencils between Gaeta and Fondi. TUTTE LE FOTO DI ARIANNA BARONE

[close]

p. 12

APOLO TORRES BRASILE PER 25NOVEMBRE.ORG 2016 HA REALIZZATO INTERVENTI A FONDI, MINTURNO E TERRACINA ARTISTI FOTO DI ARIANNA BARONE

[close]

p. 13

FOTO DI ARIANNA BARONE polo Torres nasce nel 1986 a San Paolo, Brasile, dove attualmente vive IT Ae lavora. Si forma tra la Mackenzie University di San Paolo e la School of Visual Arts di New York. Artista tradizionale di matrice illustrativa, Apolo Torres sembra solo prestato alla street art, alla quale si dedica non per istinto ma dopo lunghe riflessioni in studio, lavorando alle sue tele. Ironico e caricaturista, nelle sue opere realizza ritratti di persone che fanno parte della sua vita o che ha incontrato nei suoi viaggi in giro per il mondo. Impiega grande cura anche nella realizzazione degli sfondi delle sue opere, costituiti da numerosi strati di vernice che richiamano fortemente la sua produzione su tela. Già noto al pubblico di Memorie Urbane per la sua partecipazione al festival nel 2015, quando ha realizzato tre opere, a Gaeta, Arce e Formia, e per “Emergere”, la sua prima mostra personale europea ad Arce, Apolo torna nel 2016 per prendere parte al progetto 25novembre.org, dedicato alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. EN Apolo Torres was born in 1986 in Sao Paulo, Brazil, where he currently lives and works. He attended the Mackenzie University in Sao Paulo and the School of Visual Arts in New York. Traditional illustrative artist, Apolo Torres looks like he has been loaned to street art, to which he devoted himself not by instinct but after long studio reflections, working on his canvases. Ironic and caricaturist, in his works he creates portraits of people who are part of his life or he met travelling around the world. He also take great care of the backgrounds of his works, made up of many layers of paint that strongly recall his production on canvas. Already known to the public of Memorie Urbane for his participation to the festival in 2015, when he produced three works, in Gaeta, Arce and Formia, and “Emergere”, his first European solo exhibition in Arce, Apolo returned in 2016 to take part to 25novembre.org, dedicated to the International Day for the Elimination of Violence against Women. FOTO DI ILARIA TORTORIELLO FOTO DI ILARIA TORTORIELLO

[close]

p. 14

CHAZME POLONIA PRIMA ITALIANA PER MEMORIE URBANE 2016 HA REALIZZATO UN INTERVENTO A FONDI CON SEPE ARTISTI

[close]

p. 15

aniel Chazme nasce nel 1980 in Svizzera ma si trasferisce a Varsavia, IT Ddove studia architettura. Proprio la formazione da architetto influenza la sua produzione: Chazme guarda alla città, all’ambiente urbano che riproduce nei suoi lavori con solidi e geometrie astratte. Sepe e Chazme hanno lavorato insieme per Memorie Urbane nel 2016, realizzando un grande muro a Fondi. L’opera, dal titolo The Trial of Joseph K., è un chiaro riferimento al famoso romanzo incompiuto di Franz Kafka, nel quale un impiegato di nome Josef K. viene accusato, arrestato e processato per motivi misteriosi. Partendo da questa vicenda hanno raffigurato una serie di costruzioni architettoniche utopistiche con al centro una figura tetra e malinconica, che rappresenta appunto il protagonista. Sepe ha realizzato il corpo e l’aspetto dell’uomo, mentre Chazme ha delineato gli edifici che sovrastano il soggetto. EN Daniel Chazme was born in 1980 in Switzerland but moved to Warsaw, where he studied architecture. This background influences his production: Chazme looks to the city, to the urban environment that he reproduces in his work with solids and abstract geometries. Sepe and Chazme worked together for Memorie Urbane in 2016, painting a large wall in Fondi. The work, entitled The Trial of Joseph K., is a clear reference to the famous unfinished novel by Franz Kafka, in which a clerk named Joseph K. is accused, arrested and tried for mysterious reasons. Starting from this event they made a number of utopian architectural constructions with a dark and melancholy figure, which is precisely the protagonist, standing in the center. Sepe drew the man’s body and shape, while Chazme outlined the buildings that surround the hero. TUTTE LE FOTO DI ARIANNA BARONE

[close]

Comments

no comments yet