BIZZARRIE

 

Embed or link this publication

Description

Guerrilla Spam x Gorgo

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

Guerrilla Spam Bizzarrie follie, vizi, inganni e molto altro

[close]

p. 4



[close]

p. 5

Doppia introduzione (altrui) Mi sia concessa una domanda: se qualcuno critica il comportamento degli uomini senza rivolgere il suo biasimo a questo o a quest’altro, si può affermare che la sua opera è mordace? Non è invece ricolma di ammonimenti e consigli? Se così non fosse quale e quanto sarcasmo avrei rivolto proprio contro me stesso! Ma chi non tralascia nella sua critica alcun ceto sociale dimostra di non avercela con qualcuno in particolare, ma con il vizio in senso lato. Se qualcuno dovesse sentirsi offeso dalle mie parole allora, significa che egli ha la coscienza sporca o, quanto meno, la coda di paglia. Erasmo da Rotterdam All’amico Tommaso Moro 10 giugno 1508 L’autore, essendo persuaso del fatto che la censura degli errori e dei vizi umani (benché propria dell’Eloquenza e della Poesia) possa anche essere oggetto della Pittura, ha scelto come argomenti adatti alla sua opera, tra la moltitudine di stravaganze e falli comuni di ogni società civile, e tra i pregiudizi e menzogne popolari, autorizzati dalla consuetudine, dall’ignoranza o dall’interesse, quelli che ha ritenuto più idonei a fornir materia per il ridicolo e a esercitare allo stesso tempo la fantasia dell’artefice. Francisco José de Goya y Lucientes Diario de Madrid 6 febbraio 1799

[close]

p. 6

1. “Pluto, non orbo ma impetuoso”

[close]

p. 7

2. “Il campo ha occhi, la foresta ha orecchie”

[close]

p. 8

3. La sventura ti accompagna

[close]

p. 9

4. Un peso sullo stomaco

[close]

p. 10

5. “Trifè, dal corpo ben pasciuto”

[close]

p. 11

6. E tu stai a guardare

[close]

p. 12

7. Hanno perso la bussola

[close]

p. 13

8. Metterci una croce sopra

[close]

p. 14

9. La fossa comune

[close]

p. 15



[close]

Comments

no comments yet