Made in Padova 08 Fashion & Design

 

Embed or link this publication

Description

Made in Padova 08 Fashion & Design

Popular Pages


p. 1

FPM&AADASDEHDSOIIEVOGANiNn

[close]

p. 2



[close]

p. 3



[close]

p. 4

indice / index BELMONTE - p. 14 PRODOTTO: CAMICIE / PRODUCT: SHIRTS INTERVISTA: SARA BELLINI / INTERVIEW: SARA BELLINI DOVE: CERVARESE SANTA CROCE / WHERE: CERVARESE SANTA CROCE BERTHA - p. 20 PRODOTTO: ABBIGLIAMENTO SU MISURA / PRODUCT: TAILORED CLOTHING INTERVISTA: FABIO TANZI / INTERVIEW: FABIO TANZI DOVE: MONTEGROTTO TERME / WHERE: MONTEGROTTO TERME BERTO - p. 26 PRODOTTO: TESSUTI DENIM / PRODUCT: DENIM FABRIC INTERVISTA: FLAVIO BERTO / INTERVIEW: FLAVIO BERTO DOVE: BOVOLENTA / WHERE: BOVOLENTA CIAK RONCATO - p. 32 PRODOTTO: BORSE E VALIGIE / PRODUCT: BAGS AND LUGGAGE INTERVISTA: FEDERICA RONCATO / INTERVIEW: FEDERICA RONCATO DOVE: CAMPODARSEGO / WHERE: CAMPODARSEGO EUROMARK - p. 38 PRODOTTO: MARCHI ED ETICHETTE PER LA MODA / PRODUCT: FASHION BRANDING AND LABELS INTERVISTA: OTTORINO STECCA / INTERVIEW: OTTORINO STECCA DOVE: VIGONZA / WHERE: VIGONZA FASHIONART - p. 44 PRODOTTO: ALTA MODA / PRODUCT: HAUTE COUTURE INTERVISTA: ANDREA RAMBALDI / INTERVIEW: ANDREA RAMBALDI DOVE: LIMENA / WHERE: LIMENA FULL SPOT - p. 50 PRODOTTO: BORSE E ACCESSORI / PRODUCT: BAGS AND ACCESSORIES INTERVISTA: MICHELE ZANELLA / INTERVIEW: MICHELE ZANELLA DOVE: PADOVA / WHERE: PADOVA GREGGIO - p. 56 PRODOTTO: ARGENTERIA / PRODUCT: SILVERWARE INTERVISTA: BARBARA GREGGIO / INTERVIEW: BARBARA GREGGIO DOVE: SARMEOLA DI RUBANO / WHERE: SARMEOLA DI RUBANO fashioanrt

[close]

p. 5

JEANS WASHING - p. 62 PRODOTTO: TRATTAMENTI PRODOTTI TESSILI / PRODUCT: TREATMENTS OF TEXTILE PRODUCTS INTERVISTA: MARIO TREVISAN / INTERVIEW: MARIO TREVISAN DOVE: ARZERGRANDE / WHERE: ARZERGRANDE OFFICINA DELLA BORSA - p. 68 PRODOTTO: BORSE IN PELLE DI LUSSO / PRODUCT: LUXURY LEATHER BAGS INTERVISTA: MARA GIROTTO / INTERVIEW: MARA GIROTTO DOVE: VIGONZA / WHERE: VIGONZA PANTHER - p. 74 PRODOTTO: CALZATURE PER LA SICUREZZA / PRODUCT: SAFETY SHOES INTERVISTA: MARCO DAL MEDICO / INTERVIEW: MARCO DAL MEDICO DOVE: BOVOLENTA / WHERE: BOVOLENTA PETTENON COSMETICS - p. 80 PRODOTTO: PRODOTTI TRICOLOGICI / PRODUCT: HAIRCARE PRODUCTS INTERVISTA: GIANNI PEGORIN / INTERVIEW: GIANNI PEGORIN DOVE: SAN MARTINO DI LUPARI / WHERE: SAN MARTINO DI LUPARI RIRI - p. 86 PRODOTTO: BOTTONI E CERNIERE A LAMPO / PRODUCT: BUTTONS AND ZIPS INTERVISTA: OTELLO LUCIETTO / INTERVIEW: OTELLO LUCIETTO DOVE: PADOVA / WHERE: PADOVA SETTE GIOIELLI- p. 92 PRODOTTO: GIOIELLI ARTIGIANALI / PRODUCT: HANDMADE JEWELRY INTERVISTA: MAURO SETTE / INTERVIEW: MAURO SETTE DOVE: CADONEGHE / WHERE: CADONEGHE SPRING ’85 - p. 98 PRODOTTO: BOTTONI / PRODUCT: BUTTONS INTERVISTA: CARLO FAVARATO / INTERVIEW: CARLO FAVARATO DOVE: MASERà DI PADOVA / WHERE: MASERà DI PADOVA LISA GRASSIVARO - p. 104 MENZIONE SPECIALE 2016 / SPECIAL MENTION 2016 OFFICINA della BORSA

[close]

p. 6

Questa edizione è il terzo numero della trilogia del Design Made in Padova. ‘Food’, ‘Furniture’ e ‘Fashion’. Le ‘3F’ del design italiano ammirate nel mondo. Seguici sul sito www.madeinpadova.it e sul social facebook made in padova

[close]

p. 7

MADE IN PADOVA - FASHION Fashion, la “terza” F del Design italiano Fernando Zilio Presidente della Camera di Commercio di Padova Cibo, manifatturiero, moda: tre pilastri del Made in Italy ammirati in tutto il mondo. Tre valori indiscutibili su cui poggia l’economia padovana. Dopo i volumi dedicati al “Food” e alla “Furniture”, ecco che questa terza pubblicazione della trilogia mirata a valorizzare il design Made in Padova orienta la lente sulle aziende del settore “Fashion”. Vera eccellenza padovana ma soprattutto fattore strategico per garantire competitività alle imprese e al territorio, la moda è sicuramente una delle immagini dell’Italia più conosciute nel mondo. Nelle 15 aziende presentate in questo volume è evidente come il connubio fra bellezza e funzionalità faccia sbocciare il valore del design creativo, tipico del Made in Padova. Un valore che va assolutamente tutelato e valorizzato attraverso una promozione globale che metta in risalto quegli elementi fondanti della produzione “fashion”: passione, ricerca di idee, stili e forme di design per realizzare prodotti di moda d’eccellenza pronti per essere esportati. Non dimentichiamo infatti che più della metà dei capi prodotti nella nostra provincia, così come in tutta Italia, sono destinati all’estero. Partendo dal principio che per far crescere un territorio è necessario passare per la valorizzazione e la promozione di ciò che si crea al suo interno, da diversi anni la Camera di Commercio di Padova crede nel valore culturale e promozionale della produzione Made in Padova, e per questo sostiene questa pubblicazione. È un percorso che punta a valorizzare le eccellenze produttive nell’industria e nell’artigianato del territorio padovano, sviluppando una promozione unitaria, coerente, completa ed efficace dell’identità e delle particolarità produttive di Padova e della sua provincia. Anche così si creano nuove opportunità di visibilità e si promuove il Sistema Padova all’estero in un’ottica di rete tra le imprese. Dopo i primi due volumi “Food & Design Made in Padova” e “Furniture & Design Made in Padova”, ora questa nuova pubblicazione si pone come un continuum tematico che guarda alla Moda, considerata una delle punte di diamante della creatività produttiva manifatturiera padovana e italiana. In vetrina, ben 15 aziende padovane top nella realizzazione di capi d’abbigliamento, gioielli, borse, valigie e tutto ciò che esprime quello stile fashion che ci invidiano tutti. Ogni azienda viene valorizzata anche sotto l’aspetto della sua capacità di identificare l’immagine aziendale con la promozione dell’identità socio-economica padovana. Purtroppo, sempre più questo settore - così come molti altri - sta subendo i duri colpi della contraffazione e dello sfruttamento di manodopera. Il rispetto della legalità costituisce non solo un pilastro imprescindibile di ogni civile convivenza ma anche fattore fondamentale e condizione per il vero sviluppo economico, sociale e umano, a protezione della libertà degli operatori economici e di un regolare svolgimento delle dinamiche imprenditoriali. La cultura della legalità è pertanto un fattore fondamentale per garantire crescita e sviluppo sostenibili, per questo da qualche anno la Camera di Commercio di Padova interagisce con le forze dell’ordine nelle azioni di contrasto avviate, e che peraltro vedono le Associazioni di categoria in prima fila. 7

[close]

p. 8



[close]

p. 9

MADE IN PADOVA - FASHION Produzione e bellezza insieme Leonardo Toson Presidente Banca di Credito Cooperativo di Piove di Sacco Il mondo della moda, quello che oggi si chiama in maniera più evoluta fashion, ha vissuto stagioni diverse, caratterizzate da alterne vicissitudini e fortune. C’è stato il tempo della sartoria, degli abiti fatti su misura, il più delle volte privilegi di pochi; poi sono arrivati gli anni del vestire “di massa”, cui ha corrisposto la diffusione di una miriade di laboratori che per decenni hanno popolato il tessuto produttivo anche di casa nostra. Ora si sta cercando una nuova sintesi tra diverse tendenze, che metta insieme la capacità di confezionare, con il gusto, la bellezza, l’originalità del design. Per questo è importante dare visibilità a quelle aziende che nell’ambito del vestire bene stanno cercando strade nuove, originali, ricche di suggestioni ma anche di prospettive. Dopo avere dedicato la propria attenzione al cibo e al manifatturiero, queste pagine, dunque, sono tutte riservate a chi ha fatto della moda il proprio modo di essere Made in Italy e ancor più in Padova. Si tratta di quindici aziende che hanno scelto una strada per molti aspetti non battuta, tutta da esplorare e scoprire, anche negli esiti finali nella meta. La domanda è quasi d’obbligo: esiste un Made in Padova nel fashion? La risposta non è scontata, ma sicuramente esige un primo gesto di partenza e di fiducia: conoscere, esplorare, cercare di cogliere cosa sta realmente accadendo. Da questo punto di vista, come Credito Cooperativo, siamo perfettamente a nostro agio. Da sempre infatti, la nostra Banca, come soggetto locale, è attenta a quanto accade nel territorio in cui è presente e opera. Anzi, l’attenzione all’evolversi del sistema produttivo è una delle peculiarità che da sempre ci contraddistingue. La convinzione che ci sorregge in questo impegno sta tutta negli uomini, negli imprenditori e nelle abilità di tante aziende di casa. Siamo certi, infatti, che nel nostro sistema, nonostante alcune debolezze, vi siano tutte le caratterizzazioni tipiche di una realtà vincente. Le imprese ospitate in queste pagine ne sono una testimonianza: soggetti che hanno saputo fare dell’innovazione e del rapporto con i mercati, motivi per una presenza e un’attività all’insegna della qualità. Oltre tutto c’è un aspetto che va sottolineato come un elemento di straordinaria forza competitiva: mettere insieme il produrre con la bellezza; da questo punto di vista il rapporto tra moda e design appare quanto mai stimolante e positivo. Anche nella convinzione che questa sia una modalità operativa e un ambito che possono rivelarsi particolarmente attrattivi per il mondo giovanile. La moda padovana ha bisogno di energie fresche, di spiriti vivaci, di argomentazioni originali, che possono trovare una bacino in cui pescare soprattutto nelle nuove generazioni. Per questo la BCC di Piove di Sacco, istituto di credito presente sia in città che in provincia, non poteva fare a meno di appoggiare questa iniziativa; nella consapevolezza che per la moda si sia aperta una nuova stagione, ricca di frutti, ma che esige coraggio e fiducia. 9

[close]

p. 10



[close]

p. 11

MADE IN PADOVA - FASHION Sistema moda: eccellenza padovana Andrea Rambaldi Presidente Sistema Moda Confindustria Padova La Moda è sempre stata la più importante e bella vetrina del Made in Italy nel mondo, e dobbiamo ricordarci e sottolineare che Padova è, e a ragione, leader in questo Sistema Produttivo Nazionale. Questa pubblicazione ha il merito di evidenziare le eccellenze del nostro territorio e di conferirle l’importanza che meritano. Ritengo che il mercato non esiga più soltanto un prodotto ben realizzato, ma richieda anche un sistema produttivo gestito ed organizzato secondo standard internazionali e di compliance aziendale volti a rendere l’attività d’Impresa organizzata, trasparente e sostenibile. In particolare l’attuale contesto economico richiede un’attenzione alla sostenibilità ambientale, sociale ed etica. La vera sfida per le nostre imprese sarà quella di mantenere degli alti standard qualitativi uniti ad un’attenzione per l’ambiente, per i propri collaboratori e per tutta la collettività. Dobbiamo guardare al futuro e le aziende qui presentate sono parte integrata di una complessa rete che è valore aggiunto per il mercato del lusso internazionale. Un’altra sfida per le imprese padovane è quella di aumentare la propria competitività a livello internazionale attraverso la creazione di reti d’Impresa, in grado di soddisfare capacità produttive maggiori rispetto a quelle della singola realtà imprenditoriale. A tal proposito nel settore tessile stiamo assistendo al fenomeno del cosiddetto reshoring, ovvero il rientro di produzione di marchi italiani nel nostro territorio, che scelgono di produrre nuovamente in Italia invece che in paesi lontani con un mercato del lavoro più vantaggioso dal punto di vista economico, ma che hanno dimostrato una qualità dei beni prodotti non in linea con le aspettative del mercato e degli stessi brand. Il mio auspicio è che le imprese padovane, forti degli eccellenti risultati raggiunti a livello nazionale ed internazionale, decidano di continuare a creare sinergie produttive indispensabili per un mercato come quello del lusso in continua espansione. 11

[close]

p. 12

ENGLISH Fashion, the “Third” F of Italian Design Fernando Zilio* Production and beauty together Leonardo Toson* Food, furniture, fashion: three pillars of Made in Italy admired around the world. These three unquestionable values are the foundation of Paduan economy. After the volumes dedicated to “Food” and “Furniture”, this last publication of the trilogy aimed at bringing out Made in Padua design turns it lens to companies in the Fashion sector. True Paduan excellence, but above all a strategic factor that guarantees making companies and the territory competitive, fashion is surely one of the first things that comes to mind when the world thinks about Italy. In the 15 companies presented in this volume, it is clear how the union between beauty and functionality makes the value of creative design blossom, which is typical of Made in Padua. A value that must absolutely be protected and enhanced through global promotion, which highlights those elements at the basis of fashion production: passion, the search for ideas, styles and forms of design to create excellent fashion products ready for export. We must not forget, in fact, that over half the clothing produced in our province, as in the rest of Italy, is destined for foreign markets. Starting from the principle that in order to make a territory grow, its products must be enhanced and promoted, the Padua Chamber of Commerce has believed in the cultural and promotional value of Made in Padua production for years and therefore supports this publication. It is a path directed at making the most of the productive excellence in industry and artisanship in Padua and its province, developing a thorough, consistent and efficient promotion of the identity and productive features of the territory. This will also create new opportunities for visibility and promoting the Paduan System abroad from the viewpoint of a network among companies. After the first two volumes ‘Food & Design Made in Padova’ and ‘Furniture & Design Made in Padova’, this new publication continues the theme by looking at Fashion, considered one of the jewels in the crown of Paduan and Italian manufacturing creativity. This volume showcases 15 top Paduan companies for the production of clothing, jewelry, handbags, luggage, and everything that expresses our inimitable sense of style, which is envied worldwide. Each company is also enhanced by its ability to identify company image with the promotion of the Paduan socio-economic identity. Unfortunately, this sector is increasingly – as in many others – being subjected to the tough blows of counterfeiting and the exploitation of labor. Respect for the law is not only an essential pillar of any civil cohabitation, but also a fundamental factor and condition for true economic, social and human development, to protect the liberty of economic operators and the regular performance of entrepreneurial dynamics. A culture that promotes legality is therefore absolutely necessary to guarantee sustainable growth and development, consequently the Padua Chamber of Commerce has been working with law enforcement for some years on actions that oppose counterfeiting and exploitation, along with the trade associations in the front line of this fight. * Chairman of the Chamber of Commerce of Padua The fashion world has gone through different seasons, characterized by alternate difficulties and successes. There was the period of tailoring, of clothes made to measure, more often than not a privilege for the few. Then the years of mass production arrived, with the spread of a myriad of factories that dotted the productive fabric for decades, even in our territory. Now, a new synthesis of different trends is being sought, which is able to combine manufacturing ability with taste, beauty and design originality. Therefore, it is important to give visibility to those companies that are looking for new and original paths, full of suggestions but also prospects, in the area of dressing well. After having focused on food and design, this issue is entirely dedicated to those who have made fashion their own way of being Made in Italy and even more in Padua. Fifteen companies that have chosen an unbeaten path for many aspects, to be explored and discovered, even in the final results of the destination. The question must be asked: does a Made in Padua exist in fashion? The answer is not predictable, rather surely requires first starting and having faith: getting to know, exploring and trying to catch what is really happening. From this point of view, like Credito Cooperativo, we are perfectly at ease. In fact, our Bank, as a local subject, has always been attentive to what is taking place in the territory it is located and operates in. Paying attention to the evolution of the productive system is one of the characteristics that has always made us stand out. The conviction that sustains us in this commitment is entirely in the people, the entrepreneurs and the abilities of many local companies. In fact, we are certain that our system, despite some weaknesses, holds all the typical characterizations of a winning system. The companies in the following 12

[close]

p. 13

MADE IN PADOVA - FASHION Fashion system: paduan excellence Andrea Rambaldi* pages are proof: people who have succeeded in innovation and relations with the market, leading to a presence and business marked by quality. Above all, there is an aspect that must be highlighted as an extraordinary competitive advantage: joining production with beauty. From this viewpoint, the relationship between fashion and design appears even more stimulating and positive. There is also the conviction that this is a business mode and an area that can prove to be particularly attractive for young people. Paduan fashion needs fresh energy, lively spirits, original arguments, which can find a basin to tap into, above all for new generations. Therefore the BCC of Piove di Sacco, a credit institution present in both cities and provinces, fully supports this initiative; with the awareness that fashion has a new season ahead, full of fruit, yet in need of courage and faith. * President of Banca di Credito Cooperativo in Piove di Sacco Fashion has always been the most important and beautiful display of “Made in Italy” in the world and we must remember and stress how Padua is justly the leader in this national production system. This publication has the quality of highlighting the excellent products in our territory and giving them the importance they deserve. I feel the market no lon.ger demands just a wellmade product. It also requires a production system that is managed and organized in line with international standards and “Company Compliance” aimed at making business organized, transparent and sustainable. In particular, the current economic context requires environmental, social and ethical sustainability. The true challenge for our companies will be maintaining high quality standards joined with attention for the environment, one’s collaborators and the entire community. We need to look towards the future and the companies presented in this issue are an integral part of a complex network that adds value to the international market for luxury goods. Another challenge for Paduan companies is to increase their competitiveness internationally by creating business networks that can meet greater productive capacities with regard to those of individual businesses. In this respect, we are witnessing the so-called “reshoring” phenomenon in the textile sector, which is the return of production to our territory. Italian brands are choosing to produce in Italy again, instead of in faraway countries, which have a more advantageous labor market in economic terms, but have shown their quality is not in line with the expectations of the market or of the brands themselves. I hope that the Paduan companies, confident of the excellent results reached both nationally and in- ternationally, decide to continue forming productive synergies, which are essential for a market such as the continuously expanding luxury one. * President of Fashion System, Confindustria Padua 13

[close]

p. 14

MADE IN PADOVA - FASHION BELMONTE WWW.BELMONTE1938.IT La ricchezza della provicia di Padova è che le aziende fioriscono un po’ ovunque. Questa storia ci porta ai peidi del Parco dei Colli Euganei, nei pressi dell’antico borgo di Cervarese Santa Croce. Da qui e da un’antica tradizione sartoriale nasce una vicenda aziendale di straordinaria eccellenza, che prosegue da oltre 70 anni. Ne parliamo con Sara Bellini, che si occupa dell’amministrazione e che appartiene alla terza generazione. Iniziamo parlando della storia della famiglia e del marchio Belmonte che da più generazioni significa camicie ma anche maglieria di pregio, cravatte e accessori maschili. «La tradizione di Belmonte nasce da lontano, nel 1938 dall’esperienza sartoriale dei nostri nonni; un’abilità proseguita dai 3 figli (i nostri padri) che l’hanno declinata su scala industriale e commerciale fino ai giorni nostri. Siamo un team di cugini e fratelli (rigorosamente in ordine alfabetico: Alessandro, Francesca, Marco, Piergiorgio, Sara) che rappresenta la terza generazione. Ognuno di noi opera all’interno del gruppo con competenze diverse ma con il comune intento di proseguire questa importante tradizione all’insegna dell’eleganza, della ricerca e della creatività. Oggi nel mercato italiano il nostro marchio è riconosciuto per qualità e prezzo ottenuti ponendo attenzione alle caratteristiche dei tessuti e dei dettagli come i colli sartoriali, maniche con cuciture all’inglese e tagli studiati.» Tradizione quindi che nel tempo si fa industriale pur mantenendo forti alcuni dettagli di sartorialità, che diventano un segno di riconoscimento di Belmonte... «La forza dell’azienda sta proprio nella storia della famiglia, in questa tradizione che vogliamo resti un valore aggiunto del nostro prodotto. Poniamo attenzione alla clientela, agli stimoli del mercato e siamo sempre alla ricerca per proporre qualcosa di diverso e di nuovo al nostro pubblico. Curiamo per questo molto i dettagli, i particolari ed in ogni collezione cerchiamo di inserire qualcosa di distintivo: un occhiello colorato, colli e polsi in contrasto, insomma qualcosa che ci renda ben distinguibile nel panorama del mercato italiano». Parliamo del prodotto segnalato per il Premio Made In Padova. «La camicia sartoriale della Serie Oro, intramontabile per eccel- lenza: tessuto Oxford Panama doppio ritorto, realizzato con un puro cotone egiziano, qualità Giza, con titolazione 140/2 – 140/2. Il doppio ritorto è una particolare tecnica di lavorazione con la quale i fili di cotone vengono ritorti insieme tra loro, donando al tessuto un aspetto più resistente e pregiato, tipicamente sartoriale. Collo classico con taglio francese, indossabile con cravatta. Pochette in tinta o in fantasia, accessorio che coinvolge lo stile e la personalità. Abbottonatura liscia e pulita, rendono il capo ancora più elegante e sofisticato. La Serie Oro Belmonte non dovrebbe mai mancare nel guardaroba maschile, fedele all’eleganza della camicia bianca per eccellenza.» Oggi come sappiamo per competere nel mercato occorre organizzare la produzione su scala internazionale, decentrare alcune funzioni, gestire la logistica pur mantenendo la testa salda sulle spalle. Come ci siete riusciti? «Essere qui oggi è frutto di un lungo cammino, che per alcuni ambiti è stato affrontato proprio da pionieri; questo grazie alle intuizioni, dedizione e fatica di chi ci ha preceduto. La costante rivisitazione dell’orientamento strategico di fondo per adattarsi alle mutate condizioni di mercato ha consentito la permanenza e la crescita dell’azienda nel contesto competitivo che si realizza presidiando la filiera dalla fase di produzione a quella di commercializzazione. La produzione di camicie uomo e donna è localizzata nello stabilimento di Montemerlo e negli stabilimenti collegati in Ucraina; una rete vendita presente sul territorio nazionale che conta 70 punti vendita diretti e franchising oltre a distributori esclusivi. Indubbiamente anche i costanti investimenti permessi dalla tecnologia informatica aiutano a essere reattivi ai cambiamenti del mercato.» Cosa ci dobbiamo aspettare in futuro da Belmonte? E cosa vi sentite di consigliare ad un giovane che vuole avvicinarsi al vostro mestiere? «Da “Belmonte” ci si dovrà aspettare sempre un’offerta alla moda e attenta al consumatore. Per chi ha voglia di rischiare in questo mestiere molto affollato si può solo consigliare di avere le idee chiare sul prodotto ed esserne convinto, di non sottovalutare nessun competitor… e di trovare chi crede finanziariamente al suo business plan.» 14

[close]

p. 15



[close]

Comments

no comments yet