Catalogo Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell'Inverno. Settima Edizione

 

Embed or link this publication

Description

una grande edizione quella dell'inverno 2016/17: il catalogo ne racconta una parte.

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE Sette, la ricerca della perfezione. Dicono che il numero sette abbia a che fare con la perfezione. Noi dell’Associazione Gente di Montagna, che da alcuni anni organizziamo questo non-festival, sappiamo come sia difficile avvicinarsi alla perfezione anche se le belle cime innevate, che fanno da sfondo ai magnifici film del nuovo programma del Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno, un poco ce la ricordano. Ma fare le cose bene, alla perfezione, distinguersi nella bulimia degli appuntamenti di scarsa qualità, oggi è ancora più impegnativo e doveroso. Per questo che la squadra del Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno si è irrobustita: nuove realtà associative, formate da persone che stanno vicino alla montagna ed al suo mondo complesso e in evoluzione, sono ora la nostro fianco e vicine a chi già ci dava una mano. La nostra rassegna (di bei film, di storie emozionanti e di gente in gamba) si mette al centro di una idea di montagna che viene presentata e conosciuta in modo trasparente e senza retorica. Il Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno resta sempre nel suo formato small, non dilaga ma conferma che piccolo non significa fragile. Anzi, costruendo questa edizione, ci siamo sorpresi positivamente dal fatto che la nostra piccola finestra sia diventata, tra i migliori e più preparati registi di film sulla montagna e sulla natura, un appuntamento dove convergere con i propri lavori migliori, un banco di confronto senza giurie dove tutto è lì: da vedere. Cinema Conca Verde a Bergamo, Teatro Parrocchiale a Lodrino, Cinema Nuovo Eden, Museo Diocesano e Piccolo Cinema Paradiso a Brescia: sono questi i luoghi che hanno ospitato gli oltre tre mesi di incontri con montagne, paesi, personaggi, emozioni che attraversano il cuore dell’inverno. Nove appuntamenti del nostro non-festival dedicati al cinema, ai racconti di ospiti generosi e empatici, alla musica e al gusto che, ancora una volta, ci hanno presentato una bella idea di mondo: la nostra. Davide Torri Direttore del Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno

[close]

p. 3

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE È sempre difficile rigraziare chi, al di là degli obblighi istituzionali, ci ha dato un prezioso aiuto senza dimenticare qualcuno. Spero di riuscirci: Vittorio Forato e Teddy Soppelsa per il sostegno di Aku, Laura Castelletti e la sua squadra tutta al femminile per l’aiuto del Comune di Brescia, Paolo Linetti per l’accoglienza perfetta al Museo Diocesano di Brescia, il puntuale staff del Cinema Nuovo Eden, Elena Metelli del Piccolo Cinema Paradiso e gli amici del Cinema Conca Verde a Bergamo, Bruno e Marzia per il catering alpino di Zona Alpi/la Malga in città, i saggiamente spericolati di Mystic Freeride, Carlo Contrini con il gruppo valtrumpino dell’Associazione il Capannone, i bravi illustratori della nostra mostra More More More Mountains che fanno squadra con il Festival Itinerante del Fumetto e dell’Illustrazione, Carlo Fasser per il Cai di Brescia e Piermario Marcolin per il Cai di Bergamo, Andrea Benesso che ha curato lo comunicazione, i bravi artigiani di Elleerre e di BCA, Giulio Pedretti per il suo forziere pieno di super8 dal passato e i ragazzi di King of Dolomites. E poi i tanti ospiti come Thibaud Douchosal, Emilio Previtali, Giulio Guadalupi, Gianandrea Lecco, Massimo Mazzoleni, Federico Ravassard, Agnes Boutruche, Alessandro Gallo, Jacopo Porreca, Thomas Horat, Øyvind Svedensen, Gabriele Rubino, Marco Lorenzi, Alberto Zanini, Roberto Frassini Moneta. Grazie a Stefano Cariboo Serena, Irene Viola, Fausto Bona, Roberto Serafin, Fabrizio Rota Nodari e, in modo speciale, a Veronica Torri. Infine, un ringraziamento a tutti gli autori, registi e fotografi che hanno prestato i loro film al nostro Cuore dell’Inverno. BRESCIA WINTER FILM2016/NEL CUORE DELL’INVERNO È ORGANIZZATO DA: ASSOCIAZIONE GENTE DI MONTAGNA È SOSTENUTO DA: AKU, TREKKING&OUTDOOR FOOTWEAR CON LA COLLABORAZIONE E IL PATROCINIO DI: COMUNE DI BRESCIA, MUSEO DIOCESANO DI BRESCIA, CINEMA NUOVO EDEN BRESCIA, ZONA ALPI MALGA IN CITTA’BRESCIA, ASSOCIAZIONE IL CAPANNONE GARDONE VALTROMPIA, ALTURE FESTIVAL, MYSTIC FREERIDE, TRA LE NUVOLE FESTIVAL ITINERANTE DEL FUMETTO E DELL’ILLUSTRAZIONE, 3 PARENTESI, ADVENTURE AWARDS, CINEMA CONCA VERDE BERGAMO, CAI SEZIONE DI BERGAMO, BCA BACKCOUNTRYACCESS, ELLEERRE . WWW.GENTEDIMONTAGNA.IT WWW.BRESCIAWINTERFILM.IT HTTPS://WWW.FACEBOOK.COM/BRESCIAWINTERFILM/ HTTPS://VIMEO.COM/GENTEDIMONTAGNA GENTEDIMONTAGNA2012@GMAIL.COM

[close]

p. 4

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE FILM PARTECIPANTI A BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO Una grande raccolta di lavori eccellenti: questo è, senza dubbio, il segno distintivo del lungo elenco dei Film presenti nel Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno. Cinque anteprime europee, tredici italiane. Immagini e storie che arrivano da tante parti del mondo e che vengono presentate con eleganza e convinzione da parte di autori che hanno già raccolto, in giro per i Festival, premi e riconoscimenti (ma spazio anche a nuovi registi e nuovi modi di vedere la montagna). Anche in questa edizione possiamo identificare, da una parte, film dedicati al loisir, all’avventura e alla sfida (soprattutto con sé stessi) e, dall’altra, film che raccontano la vita quotidiana sulle terre alte, che spesso è più di una avventura e, certamente, è una sfida. Sul grande schermo volti, luoghi e montagne che ci portano lontano ma che, guardando bene, possiamo riconoscere come simili ai nostri. AT WHAT PRICE ANTEPRIMA EUROPEA di Tommy Day/ Reel 23 USA, 2016, 11’: Il successo nel mondo outdoor di oggi è strettamente legato alla promozione nei nuovi mezzi di comunicazione sociale. Spesso i “Like” equivalgono al successo commerciale attraverso sponsorship ed esposizione. In questo breve documentario, il fotografo professionista John Price esamina quello che serve per avere consenso e affermazione in questa era di social media senza vendere la propria anima di artista. CHINA: A SKIER’S JOURNEY di Jordan Manley / Arc’teryx Goretex CANADA, 2016, 16’: Lo sci come sport è nella sua infanzia in Cina, un fenomeno della classe media che sta per esplodere del paese. Come un mezzo di sopravvivenza, tuttavia, è presente da migliaia di anni, una tecnica usata di cacciatoriraccoglitori dell’età della pietra che nasce nelle montagne Altai dove Cina, Mongolia, Kazakhstan e Siberia si fondono. Su una vasta traiettoria che abbraccia 11 mila chilometri del nord della Cina, Chad Sayers e Forrest Coots attraversano il ricco passato e il futuro vertiginoso di queste due aspetti dello sci in Cina. Come si espande rapidamente uno l’altro è a rischio di scomparsa. COSA HAI FATTO DI BELLO OGGI? di Giancarlo Moos/ Giancarlo Moos Photography & Film SVIZZERA, 2015, 58’: Per quattro anni il regista ha seguito la vita delle due prozie Livia e Marina Balemi che gestiscono il Grotto Scalinata a Tenero in seconda generazione. Il Grotto venne aperto nel 1922 dai loro genitori. Dopo altri due anni di montaggio è venuto fuori un documentario molto personale che permette agli spettatori di scoprire un mondo del tutto particolare e di seguire una vita di sacrifici dedicata al Grotto e alla famiglia.

[close]

p. 5

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE CROSSING HOME: A SKIER’S JOURNEY di Jordan Manley / Arc’teryx Goretex CANADA, 2016, 28’: Cosa vuol dire “tornare a casa?”. Dodicesimo, e ultimo capitolo di una lunga ricerca vagabondando per il globo. Chad Sayers incarna lo spirito della neve, il cercatore della curva perfetta. Dopo cinque anni di viaggi per trovare la neve più bella si torna a casa. Ma cosa vuole dire“casa”? DOING IT SCARED ANTEPRIMA EUROPEA di Catherine Pettman e Matthew Newton/ RUMMIN production AUSTRALIA, 2016, 12’: 18 anni dopo il suo catastrofico incidente, che lo ha lasciato emiplegico, lo scalatore Paul Pritchard ritorna al Totem Pole per finire la scalata. Questo è un film su un uomo straordinario e sulla sua vita, in continua sfida con un infortunio e con il desiderio mai finito di avventura. Un film sulla determinazione e l’accettazione, la pazienza e l’umiltà, la grazia, e in ultima analisi, la libertà. DON’T FORGET TO SMILE di Gianmaria Spavento ITALIA, 2016, 19’: Lui si chiama Alessandro Gallo e chiamarlo cicloviaggiatore rischia di essere riduttivo. Lui in bici letteralmente ci vive, tanto da essere considerato un novello Marco Polo. Come nel viaggio raccontato ne Il Milione, infatti, anche Alessandro è stato da Shanghai a Venezia in bicicletta lungo l’antico percorso della Via della Seta. EAGLE BLU ANTEPRIMA ITALIANA di Willy Rose CANADA 2016, 4’: Torna l’autore della Peppa Pig in un corto animato di grande impatto visivo: per alcuni minuti ci tuffiamo in un universo di colore e simpatia come solo Willy Rose sa proporre. Dopo aver vinto numerosi premi in giro per il mondo arriva al BWF2016 l’aquila blu. ELK RIVER ANTEPRIMA ITALIANA di Jenny Nichols USA 2016, 25’: il ricercatore Arthur Middleton mappa le migrazioni dei cervi wapiti nello Yellowstone’s per la prima volta, con lui il fotografo Joe Riis e l’artista James Prosek rivelano una storia con non conoscevamo in un modo personalissimo e pieno di poesia. ELBRUS ANTEPRIMA EUROPEA di Laurent Jamet e Thibaud Duchosal/Eye Of The Storm Production FRANCIA 2017, 65’: Thibaud Duchosal e Lucas Swieykowski sono spesso in viaggio per la Russia e hanno deciso questa volta di visitare il leggendario Elbrus situato nel nord del Caucaso. Questo antico vulcano, dove nascono un sacco di leggenda, è la vetta più alta d’Europa. In arrampicata non è tecnicamente difficile, ma i due amici scoprono presto che questa montagna ha qualcosa di speciale. Il nuovo lavoro avventuroso ed emozionante di Thibaud, un caro amico del Winter Film.

[close]

p. 6

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE GLI EREMITI/DIE EINSIEDLER ANTEPRIMA ITALIANA di Ronny Trocker/ Zischlermann Filmproduktion GmbH, Golden Girls Filmproduktion & Filmservices GmbH ITALIA 2016, 110’: Il primo film di finzione ospitato alWinter Film. Non parlano, fanno, i montanari sono di poche parole, duri nei modi e concentrati sull’azione; vivono la loro vita osservando la precarietà della montagna, consci che anche loro, come i massicci montuosi, come gli animali, come le piante, oggi ci sono e domani no. Nessuna certezza eterna da “cittadini” per i montanari. Il regista Ronny Trocker, nativo di Bolzano, ritrae in questa sua opera prima una montagna non idilliaca e i suoi abitanti non arcadici; lo stile di Die Einsiedler (Gli eremiti) è asciutto e conciso, adatto a raccontare per immagini quella montagna dove, pur essendo Italia, si parla solo tedesco e i caratteri degli abitanti sono lontani da quelli del resto della penisola. (THE) HIGHWAY ANTEPRIMA EUROPEA di Mike Douglas/Switchback Entertainment USA 2016, 15’: 20 anni fa lo sciatore professionista Stan Rey ha guidato sull’autostrada tra Vancouver e Whistler: vide per la prima volta la Catena Montuosa del Tantalo, accessibile solo in elicottero, e da allora quello fu il suo sogno. La Range Tantalo schernisce gli sciatori con le sue vette ghiacciate ogni volta che passano. Ogni anno Stan prevedeva di sciare quelle montagne, ma giorno per giorno la vita sembrava sempre di mettersi in cammino da un’altra parte. Quando sua sorella, Olivia, è gravemente ferita in un incidente stradale nel mese di novembre 2015, Stan è costretto a riconsiderare le sue priorità e il sogno è finalmente realizzato. Torna Mike Douglas al Winter Film dopo il bellissimo Snowman dello scorso anno. LES FAISEURS DE REVES ANTEPRIMA ITALIANA di Roméo Dos Santos, Stéphane Schaffter / Framevox SVIZZERA, 2016, 56’: Questo film è già da sé un’avventura. Si segue il percorso di tre giovani, che con la la sezione di Ginevra del Club Alpino Svizzero, realizzeranno un viaggio iniziatico nelle Alpi e nel Giura Svizzero. Vivranno poi una spedizione di 30 giorni in Zanskar, nel nord dell’India, con la salita di cime vergini e la scoperta di valli remote. L’opportunità di diventare, con i propri passi, un esploratore del passato, del presente e certamente del futuro: un sogno condiviso da e per tutti gli appassionati della montagna. FRAGMENT DU PARADIS di Stefane Goel/ Doc & Film Paris SVIZZERA 2015, 85’: Qual è la rappresentazione visiva del paradiso per gli abitanti di un paese, la Svizzera, che per molti versi può già essere considerato come il giardino dell’Eden? Stéphane Goël affronta con sensibilità e un’irresistibile dose di humor quest’argomento dai toni mistici e ci fa viaggiare tra i paradisiaci paesaggi elvetici, sospesi, come se la forza di gravità non esistesse.

[close]

p. 7

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE FREI VON ALLEM ANTEPRIMA ITALIANA di Christian Taro Müller, Valentin Brotbek SVIZZERA 2015,19’ Andar via per tre anni. Tre anni e un giorno per essere precisi. Lontano da amici, famiglia e della casa. Un’antica tradizione che solo una manciata di artigiani seguono ancora oggi; il viaggio dell’apprendista. Siamo testimoni di una vita che in questi tempi, quasi nessuno si sente il coraggio di condurre. GLI ZATTIERI AL LAGO DI AGERI ANTEPRIMA ITALIANA di Thomas Horat, Mythenfilm SVIZZERA, 2017, 25’: Una avventura da Far West messa in mezzo alle Alpi. Neve, ghiaccio, sudore e rumore di motosega. Al lago di Ägeri, nel Canton Zugo, ogni quattro anni, per più di tre mesi, viene tagliata della legna da un ripido terreno montuoso e, basandosi su una vecchia tradizione, la stessa viene resa adatta alla navigazione, trasformandosi in una immensa zattera. Né la tecnica né il progresso sono riusciti finora a spegnere questo tramandato mestiere. GUILT TRIP ANTEPRIMA EUROPEA di Anthony Bonello e Mike Douglas/Switchback Entertainment CANADA 2016, 37’: Alcuni sciatori professionisti sembrano dimenticare che la loro impronta ecologica lasciata (uso di aerei, elicotteri e quant’altro) è ben più ingombrante di qualsiasi gigantesca montagna vogliano scendere con i loro legni. Ma, per compensare il loro senso di colpa, stavolta si portano anche uno scienziato. E le cose saranno sorprendenti. HABITAT ANTEPRIMA ITALIANA di Marcel Barelli/ Nadasdyfilm SVIZZERA, 2016, 2’: Cosa è l’Habitat: 1) un modo in cui l’uomo organizza il luogo in cui vive 2) un alloggio 3) un luogo d’abitazione di una specie animale o vegetale 4) un cartone animato di Marcel. HEIDI ATTHE FOLEY ARTIST ANTEPRIMA ITALIANA di Christian Frei /Milos-Films SA, RTS RadioTélévision Suisse, La Lanterne Magique, Christian Frei Filmproduktion SVIZZERA 2016, 14’: Anuk Steffen, nove anni, interpreta il ruolo principale del nuovo film su Heidi. Piena di curiosità, guarda la troupe al lavoro, ed è particolarmente incuriosita dal tecnico del suono. Insieme con l’artista Foley, impara ad aggiungere effetti sonori a una scena da uno dei primi adattamenti cinematografici del famoso romanzo di Johanna Spyri. Una lezione illuminante su un personaggio leggendario film e l’importanza della colonna sonora in un film.

[close]

p. 8

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE HOW WE CHOOSE ANTEPRIMA EUROPEA di Alexandria Bombach / RED REEL VIDEO USA/AFGHANISTAN, 16’: L’opera sfida le percezioni di culture e di idee che di solito non hanno copertura nel mainstream del sensazionalismo nei media. HWC, girato in Afganistan, ci dice perché si sceglie di restare, di non permette al buio della guerra e della violenza di soffocare la speranza e l’amicizia. Come tutti i lavori di Alexandria c’è il giusto tempo per riflettere e per scoprire cose che stanno lì, davanti a noi, ma che non siamo più in grado di vedere. LINE REVOLUTION di Ale d’Emilia/ Giordano Garosio ITALIA, 2016, 16’: Ale oltre ad essere uno degli organizzatori e fondatori dell’Highline Meeting di Monte Piana, il più importante raduno europeo di Highliner e Slackliner, è stato uno dei primi slackliner, assieme ad Armin Holzer, a promuovere e diffondere questa disciplina in Italia. Questo cortometraggio racconta il suo mondo e la sua passione e sarà un’occasione unica e un omaggio all’atleta e amico Armin, scomparso troppo giovane in un tragico incidente lo scorso Dicembre. LA RICOMPENSA DEL GATTO IN COLLABORAZIONE CON PICCOLO EDEN di Hiroyuki Morita/ Studio Ghibli GIAPPONE, 2002, 75’: Un giorno Haru salva un gatto che sta per essere investito e scopre che questo può parlare. In seguito altri gatti parlanti gli comunicheranno che quello che ha salvato è il principe del regno dei gatti e che suo padre, il re, vuole ricompensarla. Il premio è di essere ammessa nel suo regno e sposare proprio il principe che ha salvato. Haru non vuole e così si rivolge al Barone...Sebbene non rientri tra le opere imputabili ai due fondatori del Ghibli (Hayao Miyazaki e Isaho Takahata), il film trasuda lo stile dello studio. N171 di Claudio Rossoni/ 341 production ITALIA, 2016, 31’: 12 giorni, 3700 chilometri e oltre 40.000 metri di dislivello. Dalle Fiandre alla Turchia. La Transcontinental Race è la corsa più lunga d’Europa, un mix tra gara d’altri tempi e avventura, che ogni estate attraversa l’intero continente. Si corre da soli o in coppia, senza supporto ma con un bagaglio di speranza e voglia di esplorare. Il documentario racconta la corsa del numero 171, Jacopo, alla sua prima TCR in solitaria. IRAN: A SKIER’S JOURNEY di Jordan Manley / Arc’teryx Goretex CANADA, 2016, 12’:“Dovremmo andare?” Chad Sayers e Forrest Coots decidono di si. Al loro arrivo in Iran, sono accolti con profondo calore, storditi dalla immensa bellezza del paesaggio e della cultura: bazar affollati di Teheran e abbaglianti moschee

[close]

p. 9

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE a Isfahan. I due sciatori concordano con quanto scrive la giornalista Elaine Sciolino, “l’Iran può essere abbagliante, e pieno di luce, un riflesso della sua complessità; ma può anche essere freddo, confusione, e impenetrabile“. Negli chalet privati in cima alle pendici dei monti Alborz e Zagros, le norme e i costumi sembrano cedere. RAIN DANCE ANTEPRIMA ITALIANA di Tyler J. Kupferer/ Base14 USA, 2014, 6’: Torna con una nuova fiaba del giovane animatore americano Tyler, questa volta lascia la neve della Russia per portarci in un deserto assetato di acqua, forse troppo assetato. SICILY ADVENTURE di Giordano Garosio ITALIA, 2016, 7’: “La nostra idea per questo viaggio era quella di attraversare i parchi regionali della Sicilia. Se guardi la Sicilia su Google Maps vedi 3 macchie verdi enormi: uno è il parco delle Madonie, l’altro quello dei Nebrodi e poi c’è l’Etna una vera montagna con la M maiuscola il cui cratere non è che solo la punta di un iceberg. Sì, noi siamo riusciti a passarci proprio in mezzo, andando incontro anche a un clima che non ci ha aiutati. Pensavo che in Sicilia non avessero mai visto la neve. Mi sbagliavo. Di grosso”. THE SONG COLLECTOR ANTEPRIMA ITALIANA di Erik Koto USA/ LADAKH 2013, 55’: Situato sull’altopiano dell’Himalaya indiano, il Ladakh è sede di una ricca cultura buddista e di una antica tradizione di canto popolare. Nel 1960 durante la spinta dello sviluppo economico in Ladakh, Morup Namgyal, artista folk tra i più grandi del paese, ha iniziato i suoi sforzi, che durano da tutta la vita, per preservare le sue canzoni popolari più amate. Utilizzando la canzone come tramite Morup e suoi pari hanno scatenato un movimento sociale che avrebbe portato un cambiamento profondo e duraturo in Ladakh. E‘stato un movimento costruito sulla formazione, la tradizione, e la conservazione. STORIE DI UOMINI E LUPI di Alessandro Abba Legnazzi, Andrea Deaglio ITALIA/FRANCIA 2015 / 76’: Il lupo esercita un profondo influsso sull’immaginazione e sulle vite di coloro che vivono in montagna. Se negli anni settanta il lupo era sull’orlo dell’estinzione oggi non ha certo un basso profilo tra le valli delle Alpi. La sua presenza viene qui raccontata da voci provenienti da diversi ambiti che contribuiscono a tratteggiare un ritratto di un animale affascinante e misterioso che rappresenta le tante contraddizioni del nostro rapporto con la natura.

[close]

p. 10

BRESCIA WINTER FILM 2016/NEL CUORE DELL’INVERNO - SETTIMA EDIZIONE (THE) TRAIL TO KAZBEGI ANTEPRIMA ITALIANA di Joey Schusler USA 2015 / 16’: Cosa succede quando quattro avventurieri pensano di attraversare una delle zone montuose più selvagge con nient’altro che le loro mountain bike e cibo sufficiente per sopravvivere per 10 giorni? Lungo la strada il nostro equipaggio ha superato innumerevoli ostacoli e conosciuto alcuni dei paesaggi più spettacolari mai visti. Nel viaggio hanno cementato amicizie durature e hanno dimostrato, ancora una volta, che la vita è semplicemente migliore in montagna. WHEN THE MOUNTAIN WERE WILD ANTEPRIMA ITALIANA di Johannes Hoffman/ Whiteroom Production AUSTRIA 2015 / 26’: Nella ricerca di Montagne Wilderness in Europa un equipaggio di cinque snowboarder / sciatori / registi, decide di saltare dentro un furgone e guidare lungo la penisola balcanica. Il viaggio li conduce dentro paesaggi selvaggi attraversando teatri delle guerre jugoslave prima di raggiungere la loro destinazione finale. Le cosiddette Montagne Maledette in Albania. I film sono in lingua originale con, dove servono, sottotitoli in italiano. Traduzione a cura di Viola Irene e Veronica Torri,sottotitoli a cura di Veronica Torri

[close]

p. 11

IMS Photo Contest

[close]

p. 12

MORE MORE MORE MOUNTAINS Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno in collaborazione con Tra le Nuvole, festival di fumetto e illustrazione, ha proposto, quest’anno, una mostra di (falsi)manifesti cinematografici vicini ai temi dei film sulla montagna: More More More Mountains. Una sfida che coinvolge quindici artisti, italiani e stranieri, che hanno disegnato per noi una locandina in grande formato (70x100cm), creando così una collettiva stilisticamente eterogenea ma perfettamente aderente alle tematiche affrontate dal Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno. La mostra curata da Luigi Filippelli e Nadia Bordonali, fondatori della casa editrice MalEdizioni e direttori artistici del festival Tra le Nuvole, in collaborazione con la scultrice e illustratrice Silvia Trappa è stata ospitato nel foyer del Cinema Nuovo Eden e poi al Museo Diocesano di Brescia e seguirà il BWF nelle sue uscite esterne. Ogni manifesto è veramente un’opera d’arte, leggera e moderna, e siamo felici di aver avuto la possibilità di ospitare questi giovani artisti regalando ai tanti che seguono il Brescia Winter Film 2016/nel Cuore dell’Inverno di scoprire (altre) cose belle. illustratori LAURA MICIELI nasce nel 1990 presso la ridente cittadina di Brescia. Si diploma al Liceo Artistico Maffeo Olivieri di Brescia e dopo aver fatto un rapido ed astuto quadro della situazione sulle modalità per divenire disoccupata al più presto, sceglie di proseguire gli studi nell’ambito dell’illustrazione, frequentando la Scuola del Fumetto di Milano. Perfezionandosi nella tecnica senza privarsi del sentimento, le sue illustrazioni rispecchiano probabilmente una spiccata attitudine alla malinconia ed alla goffaggine (eufemismo), doti coltivate con dedizione fin dalla tenera età. IRENE COLETTO nasce a Pordenone nel 1993. Durante il corso triennale di Fumetto e illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna fonda insieme a Noemi Vola, Eliana Albertini e Martina Tonello il collettivo Blanca, con la quale realizza riviste e albi dedicati ai lettori più piccoli. Insieme a Blanca si occupa anche di laboratori e attività per bambini. Attualmente continua gli studi all’ISIA di Firenze, al biennio di Design per la Comunicazione. Appena può, disegna sul foglio degli appunti. La sua cosa preferita è vedere la gente ridere per le sue vignette.

[close]

p. 13

MORE MORE MORE MOUNTAINS FEDERICO FABBRI nato a Lucca nel 1991. Un ragazzo nato per disegnare: un ballino di locandine per concerti in locali e centri sociali, disegni e vignette su queste fanze italiane: Borda!Zine, La Morte ti fa belva, Sbim!, Quel piccolissimo Giganteschio, C.A.C.C.A., Deserto, RatatàZine, AFA. Ha partecipato pure a qualche mostra collettiva, collabora con il brand TRSND. Tutto quello che ha fatto lo trovate sul suo tumblr: federicofabbriartworks. Dal 2014, insieme a un manipolo di stolte/i, organizza il BORDA!Fest - Produzioni Sotterranee. LIUBA GABRIELE è pittrice e illustratrice. Si dedica al fumetto e scrive poesie e racconti. Si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera e ha seguito corsi di specializzazione nell’ambito del fumetto e dell’illustrazione. È stata selezionata per numerose mostre ed eventi artistici a livello nazionale e internazionale (Parigi, Los Angeles, Istanbul, Montréal, Shangai, Pechino, Madrid, Edimburgo, Tallin, Camaguey, Stoccarda). Info su di lei: www.liubagabriele.com. ETTORE MAZZA è nato a Gavardo (BS) nel 1994. Cresce e coltiva la sua passione per il disegno sulle rive del Lago di Garda. Diplomato presso il Liceo Scientifico Leonardo di Brescia, indirizzo artistico, nel 2013. Vive e lavora a Bologna dove frequenta il corso di fumetto e illustrazione all’Accademia di Belle Arti. Fonda nel 2015, insieme ad altri quattro autori, BRACE, collettivo che si occupa di autoproduzione di volumi di fumetto e illustrazione, partecipando a numerosi festival e concorsi. La sua altra grande passione oltre i fumetti è la preistoria e la vita dei nostri antenati. Quando riesce cerca di coniugare le due cose. LORENA CANOTTIERE inizia a lavorare come autrice di fumetto su il Corrierino, Schizzo presenta e Mondo naif, attualmente pubblica su Focus Junior, Slowfood, Corriere della Sera, Internazionale, con Coconino Press e Diabolo Edizioni. Partecipa a numerose mostre di fumetto. È tra gli ospiti ufficiali del Ficomic, festival internazionale del fumetto di Barcelona, della Semana Comiquera di Madrid, del Bilbolbul a Bologna, del Napoli Comicon e del Treviso Comic Book. I suoi ultimi libri di fumetto sono Oche. Il sangue scorre nelle vene Coconino Press, Marmocchi edito in Spagna, Francia, Germania, Cile e in Italia per Diabolo Edizioni, Verdad, sempre per Coconino Press/Fandango Edizioni.

[close]

p. 14

MORE MORE MORE MOUNTAINS IKU HARADA crea ambienti virtuali, con case e parchi. Poi raffigura spazi tratti da quei mondi attraverso la pittura. Nel 1982 nasce in Giappone e nel 2005 Si laurea alla Tokyo University of Art and Design conseguendo un master nel 2007 alla Tokyo University of Art and Design Graduate school. Tra le sue ultime mostre personali: 2013 “One Window and Awaking Garden“, Art Front Gallery ,Tokyo; 2012 “Landscape of the Children on unknown countries and their people” ,Lamp harajuku B1Gallery , Tokyo e 2011 “Iku Harada Solo Exhibition 2011”, Harmas Gallery ,Tokyo. FANCOMI nasce in Giappone nel 1980. Studia alla Tokyo Zokei University dove si laurea in Design nel 2004, nello stesso anno entra a far parte di A&A Masuteru Aoba Design Office. Attualmente lavora come illustratore e designer. Vince il terzo premio al“1_WALL”Graphic Art Competition Exhibition, Guardian Garden gallery (Tokyo) nel 2013. Ha appena pubblicato per ELVIS PRESS l’art book“BOKU no HON”. FUMI ISHIDA nasce a Tokyo, Giappone nel 1985 e nel 2008 si laurea alla Tokyo Zokei University. Ha partecipato a diverse mostre collettive e personali: 2012 escaped landscape : MUSEE F (Tokyo), 2013 Selected show with Yoshiko Hamashima : Galerie OMOTESANDO (Tokyo) e 2014 Hai Momo Midori with Ai Yoshida : Galerie OMOTESANDO (Tokyo) STEFANIA D’AMATO nata a Brescia una mattina verso la fine del Novecento. Bologna l’ha ospitata mentre voleva diventare un’antropologa e Urbino mentre voleva diventare un’illustratrice. Ora fa un po’ di questo, un po’ di quello e anche qualcos’altro. ELENA GUIDOLIN è nata aVicenza nel 1985 e ha studiato Fumetto all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha pubblicato, tra gli altri, con G.I.U.D.A. Edizioni, IFIX Studio, Lo Straniero, BeccoGiallo Editore e partecipato a numerose collettive in Italia e all’estero. Collabora attualmente con il sito di informazione a fumetti Graphic News. Vive e lavora a Bologna. cucinacrudele.tumblr.com elenaguidolin. wordpress.com.

[close]

p. 15

MORE MORE MORE MOUNTAINS MARTOZ È nato ad Assisi nel 1990. Fumettista, illustratore e street artist, è attivo nell’ambito dell’autoproduzione con progetti personali (Parade, Crisma) e collaborazioni (B Comics, Squame, Lucha Libre, Canicola, Inuit). Nel 2015 realizza per MalEdizioni il suo primo libro a fumetti, Remi Tot in STUNT, che gli vale il Premio Boscarato 2016 come autore rivelazione. Come illustratore collabora con Illustratore Italiano e Associazione Illustri. Ha realizzato murales per diversi festival e associazioni. Ha esposto i suoi lavori a Los Angeles, Buenos Aires, New York, Parigi, Mosca e al Comicon di Napoli. Instagram/alemartoz. ELISABET ERICSON (1986) è un illustratrice e animatrice che vive a Stoccolma in Svezia. Le piace narrare attraverso media differenti e creare seguendo l’intuito. SILVIA TRAPPA, nasce a Orzinuovi nel 1986. Frequenta l’Accademia di Belle arti di Carrara dove si diploma in Scultura nel 2009 e nel 2011. Selezionata per uno scambio universitario nel 2010 frequenta la Tokyo Zokei University. La sua ricerca si articola tra scultura e disegno indagando il concetto di tempo. Ha partecipato a numerose esposizioni in Italia e all’estero tra le quali: VI Biennale di Soncino, ZooArt Cuneo, 777 aspettos Yumikobo , Time Lapse Solo show Porto, Daily Dreams Solo Show Mura Gallery Tokyo, OrNot 10 Milano, Affordable Art Fair Milano GALP Gallery. È stata artist in residency presso Ichiuroko Tamashima e AIRY Kofu Japan. Da alcuni anni cura ed organizza laboratori di ArteTerapia e workshop didattici per l’infanzia. www.silviatrappa.com LUIGI FILIPPELLI nasce a Brescia nel 1982, è scrittore e fumettista. Nel 2011 fonda con Nadia Bordonali l’officina editoriale MalEdizioni. Sempre dallo stesso anno organizza Tra le Nuvole, festival itinerante di fumetto e illustrazione. È autore del romanzo Duplex e della raccolta di racconti 13 sardine circa. Ha pubblicato racconti, disegni e fumetti su riviste e antologie tra cui Abitare il deserto, 99 Komikazen, Nuova Tèchne, Illustrati e SW/ON (Lituania). I suoi lavori sono stati esposti al MAXXI: Museo delle Arti del XXI Secolo di Roma, al festival internazionale di fumetto BilBOlbul e al Museo d’Arte della città di Ravenna in occasione di Komikazen, festival internazionale del fumetto di realtà. Dal 2016 entra a far parte del laboratorio condiviso L’Ozio con cui organizza workshop, mostre ed eventi culturali nello storico quartiere bresciano del Carmine.

[close]

Comments

no comments yet